Enrico Biele - FIRE
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Enrico Biele - FIRE

on

  • 904 views

 

Statistics

Views

Total Views
904
Views on SlideShare
862
Embed Views
42

Actions

Likes
0
Downloads
10
Comments
0

1 Embed 42

http://www.canaleenergia.com 42

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Enrico Biele - FIRE Enrico Biele - FIRE Presentation Transcript

    • Cos’è la FIRE La Federazione Italiana per l ’ uso Razionale dell ’ Energia è un’associazione tecnico-scientifica che promuove per statuto l’efficienza energetica in tutte le sue forme, supportando chi opera nel settore. Oltre alle attività rivolte ai circa 500 soci, la FIRE opera su incarico del Ministero dello Sviluppo Economico per gestire le nomine e promuovere il ruolo degli energy manager nominati ai sensi della Legge 10/91. La Federazione collabora con le Istituzioni, la Pubblica Amministrazione e varie Associazioni per diffondere l’uso efficiente dell’energia ed opera a rete con gli operatori di settore e gli utenti finali per individuare e rimuovere le barriere di mercato e per promuovere buone pratiche.www.fire-italia.org www.fire-italia.org www.secem.eu Rivista Gestione Energia
    • Cos’è la FIRE www.enforce-een.eu www.hreii.eu www.soltec-project.eu Fra i progetti conclusi: - www.e-quem.enea.it - www.eu-greenlight.org - www.enerbuilding.eu - Eurocontract - ST-Esco www.ener-supply.eu www.esd-ca.eu Oltre a partecipare a progetti europei, la FIRE realizza studi e analisiwww.fire-italia.org di mercato e di settore su temi di interesse energetico, campagne di sensibilizzazione e informazione, attività formative a richiesta. Fra i soggetti con cui sono state svolte delle collaborazioni si segnalano l’ENEA, il GSE, l’RSE, grandi aziende, università, associazioni, agenzie e enti fieristici.
    • Finanziare: comePremessa Le opzioni disponibiliMeccanismo TEE Nel corso degli anni si è fatto ricorso a:TEE: novità incentivi in conto capitale (e.g. finanziamenti MATTM);ICT & TEE incentivi in conto energia (e.g. CIP6, conto energia fotovoltaico);Prossime novità fondi di garanzia e prestiti a tassi agevolati (conto interesse); agevolazioni fiscali (e.g. 55% Irpef, accisa del gas per cogenerazione); meccanismi di cap and trade (e.g. certificati bianchi e verdi, emission trading); contributi a fondo perduto (e.g. CERSE); carbon tax.www.fire-italia.org Tali strumenti sono stati messi a disposizione sia a livello nazionale, sia a livello regionale e locale, talvolta in sovrapposizione.
    • I meccanismi di baseline and trade Un meccanismo di tipo baseline and trade si articola su:PremessaMeccanismo TEE - un obbligo a raggiungere un obiettivo, ad una data scadenza e sotto definite regole imposto dal legislatore ad un soggetto obbligato;TEE: novità Presenta i risultatiICT & TEE Autorità Soggetto obbligato prepostaProssime novità Sanziona le inadempienze - una possibilità offerta a soggetti volontari di soddisfare tale obbligo al posto del soggetto obbligato. Effettua gli interventi Presenta i risultati Autorità  Vende i risultatiwww.fire-italia.org Soggetto obbligato preposta Sanziona le inadempienze Acquista i Soggetto risultati volontario
    • Il meccanismo dei TEEPremessa Il meccanismo dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE) o Certificati Bianchi (CB) ha lo scopo di promuovere una sensibile riduzione del consumoMeccanismo TEE di fonti primarie di energia mediante l’incremento dell’efficienza dei dispositivi di conversione energetica presso gli utenti finali.TEE: novità Un titolo di efficienza energetica, o certificato bianco, attesta un risparmio diICT & TEE energia primaria di una tonnellata equivalente di petrolio “addizionale”.Prossime novità Valore energetico del TEE 1 certificato bianco o TEE = 1 tep “addizionale” Valore economico del TEE Determinato dal mercato (circa 70-100 €/tep) Esempi di interventi: • Pubblica illuminazione e lampade semaforiche a led; • Dispositivi anti standby; • Regolazione del flusso luminoso;www.fire-italia.org • Telegestione; • Caldaie efficienti e sistemi centralizzati; • Cogenerazione; ICT
    • Baseline and trade: TEE Nel meccanismo dei certificati bianchi:PremessaMeccanismo TEE - Soggetti obbligati: distributori di energia elettrica e gas naturale con più di 50.000 utenze.TEE: novitàICT & TEE Autorità per l’energia Distributore di energia elettrica o gas naturale con elettrica e il gasProssime novità più di 50.000 utenti - Soggetti volontari: società di servizi energetici, soggetti con obbligo di nomina dell’energy manager, distributori più piccoli, società controllate dai distributori. Distributore di energia Autorità per l’energia elettrica o gas naturale con elettrica e il gas più di 50.000 utentiwww.fire-italia.org Distributore > 50.000 utenze; Soggetto con EM; Società di servizi energetici; Società controllata dal distributore.
    • Schema soggetto obbligato come attore trasferimento TEE Il distributore presenta direttamente gli interventi.Premessa flussi di cassa rapporti fra le partiMeccanismo TEE Fase I: InterventiTEE: novità accordo per realizzareICT & TEE richiede TEE Distributore intervento AEEG obbligatoProssime novità Utente Autorizza il GME Trasferisce i TEE rilascio Ricavi da minori consumi Fase II: Presentazione TEE per annullamento e verifica obbligowww.fire-italia.org presenta TEE AEEG Distributore obbligato
    • Schema soggetto volontario come attore trasferimento TEE I soggetti volontari (società collegate ai distributori,Premessa flussi di cassa SSE, società con energy manager) presentano i progetti. rapporti fra le partiMeccanismo TEE Fase I: InterventiTEE: novità accordo per realizzare intervento richiede TEEICT & TEE Soggetto AEEG volontarioProssime novità Utente Trasferisce i TEE Autorizza il rilascio GME Ricavi da minori consumi Fase II: Compravendita TEE Contrattazione bilateralewww.fire-italia.org presenta TEE acquisto TEE AEEG Distributore Soggetto volontario Borsa GME
    • Caratteristiche dei TEE: metodologie di valutazionePremessa StandardizzataMeccanismo TEE Metodologie di valutazione AnaliticaTEE: novità dei risparmi ConsuntivoICT & TEEProssime novità • Standardizzata: i metodi di valutazione standardizzata consentono di quantificare il risparmio specifico lordo annuo dell’intervento attraverso la determinazione dei risparmi relativi ad una singola unità fisica di riferimento (UFR), senza procedere a misurazioni dirette. • Analitica: i metodi di valutazione analitica consentono di quantificare il risparmio lordo conseguibile attraverso una tipologia di intervento sulla base di un algoritmo di valutazione predefinito e della misura diretta di alcuni parametri di funzionamento del sistema dopowww.fire-italia.org che è stato realizzato l’intervento. • Consuntivo: i metodi di valutazione a consuntivo consentono di quantificare il risparmio netto conseguibile attraverso uno o più interventi in conformità ad un programma di misura proposto dal soggetto titolare del progetto assieme ad una descrizione del progetto medesimo, debitamente approvato.
    • Caratteristiche dei TEE: durata e valorePremessaMeccanismo TEE ~ 100 €/TEE Mercato per il 2011TEE: novità Valore dell’incentivoICT & TEE Distrib. Contrattazione tra le partiProssime novità Soggetto volontario • 5 anni, Decreti 20/07/04 • 8 anni per interventi sull’involucro edilizio, Decreti 20/07/04www.fire-italia.org Durata dell’incentivo • Nuove regole si applicano alla cogenerazione
    • Novità 2011Premessa L’anno 2011 è stato caratterizzato da interessanti novità, alcune delle quali ancora in via di applicazione, apportate al meccanismo; i cambiamenti hanno riguardato sia ilMeccanismo TEE punto di vista regolatorio (Autorità per l’energia elettrica e il gas) che normativo (Ministeri competenti).TEE: novitàICT & TEE Novità dal regolatore (AEEG)Prossime novità  Dicembre 2010: presentazione DCO 43/10.  Settembre 2011: convocazione tavolo tecnico e proposta di nuova delibera e aggiornamento linee guida.  Ottobre 2011: secondo tavolo tecnico e osservazioni degli operatori e approvazione nuove linee guida  1 Novembre 2011: entrata in vigore nuove linee guida Novità dal legislatorewww.fire-italia.org  Marzo 2011: Decreto legislativo 28/2011, pubblicato in G.U. il 28/03/11. x Novembre 2011: in attesa dei decreti attuativi
    • Novità 2011 Alcune novità introdotte dal regolatore (AEEG)Premessa • È stato aumentato il grado di strutturalità degli interventi incentivati con i TEEMeccanismo TEE riconoscendo un numero maggiore di titoli per interventi di lunga durata.TEE: novitàICT & TEEProssime novità • Sono state ridotte le soglie minime di risparmio per accedere al meccanismo; Distributori obbligati e Tipologia di progetto soggetti con nomina EM Altri Tipologia di progetto Risparmio integrale Standardizzato 25 tep Standardizzato 20 tep Analitico 100 tep 50 tep Analitico 40 tepwww.fire-italia.org Consuntivo 200 tep 100 tep Consuntivo 60 tep • È stata data visibilità alle società certificate UNI CEI 11352 e alle società più attive nel meccanismo, introdotto il termine dei 180 giorni per presentare le RVC e Introdotti i titoli di tipo V.
    • TEE & ICT: settore civile e industriale Opportunità per il settore ICT:PremessaMeccanismo TEETEE: novitàICT & TEEProssime novitàwww.fire-italia.org Ad oggi non sono disponibili schede semplificate per interventi di telegestione e telecontrollo, sistemi di domotica, UPS etc. Per la valutazione dei risparmi è applicabile la metodologia a consuntivo.
    • TEE & ICT: settore illuminazione Opportunità per il settore ICT:PremessaMeccanismo TEETEE: novitàICT & TEEProssime novità Metodo a consuntivo Punti di forza: Flessibilità; 23% Applicabile a tecnologie estremamente 2% valide attualmente non coperte da schede (e.g. cogenerazione industriale, recuperi termici); Possibilità di cumulare interventi pressowww.fire-italia.org un’unica utenza; In genere applicato in campo industriale: 75% in gioco consistenti risparmi energetici (e titoli riconosciuti). Standard Analitica Consuntivo Punti di debolezza: Complessità
    • Proposte di schede semplificate & ICT Art. 30 D.Lgs 28/2011: “…entro sei mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto, redige ePremessa trasmette al Ministero dello sviluppo economico almeno 15 schede standardizzate per la quantificazione dei risparmi nell’ambito del meccanismo dei certificati bianchi…”Meccanismo TEETEE: novitàICT & TEEProssime novità Fonte: N. Di Franco, atti convegno “Le nuove regole per i certificati bianchi, Rimini 10 novembre 2011 Proposta di scheda ENEA-FIRE sui sistemi di automazione e controllo del riscaldamento nel settore residenziale La norma UNI EN 15232 stima i risparmi conseguibiliwww.fire-italia.org con lapplicazione di sistemi di automazione negli edifici nuovi o esistenti in campo residenziale e non, separandoli in classi di efficienza e in ambiti di applicazione di riscaldamento, raffrescamento, illuminazione, ventilazione e condizionamento.
    • Proposte di schede semplificate & ICTPremessa Condizioni di applicabilità della procedura:Meccanismo TEE abitazioni singole, appartamenti e villette che abbiano un attestato di certificazione energetica valido secondo la legislazione regionale e nazionale al momento dellaTEE: novità richiesta del riconoscimento dei risparmi (minimo classe F).ICT & TEE Motivazioni alla base di una scheda semplificata sulla domotica:Prossime novità I principali fattori che hanno limitato la diffusione della domotica in Italia sono: • la scarsa conoscenza da parte del largo pubblico dei possibili vantaggi conseguibili con sistemi di automazione; • la mancanza, colmata solo dalla succitata norma, di una metodologia standardizzata per la valutazione dei risparmi conseguibili con lapplicazione di tali sistemi; • l’inadeguata formazione delle figure addette alla progettazione di impianti; questi sistemi infatti possono richiedere una preparazione tecnica superiore a quella di base;www.fire-italia.org • i costi di installazione. Il settore risulta comunque in crescita: è alto linteresse rivolto a tale tecnologia nel terziario (uffici, ospedali, hotel, scuole, centri commerciali, etc), ma si sta sviluppando anche nel residenziale, i cui consumi energetici in Italia coprono circa il 30% del totale.
    • Opzioni in discussione per il futuro prossimoPremessa Sono allo studio una serie di misure per supportare l’efficienzaMeccanismo TEE energetica, alcune delle quali attuative di precedenti disposizioni legislative:TEE: novità Potenziamento/modifiche nel meccanismo dei certificati bianchi;ICT & TEE Decreto sulle rinnovabili termiche e piccoli interventi di efficienzaProssime novità energetica. Agevolazioni fiscali per l’efficienza energetica nell’edilizia (soggette ad approvazioni legislative, e.g. legge finanziaria). Fondi di rotazione e garanzia. Eventuali incentivi locali.www.fire-italia.org Oltre che tempi brevi, chiarezza sulle tempistiche, cumulabilità, e coordinamento tra istituzioni, sarebbero auspicabili misure di accompagnamento (formazione, informazione, indagini conoscitive, indagini di mercato). Proposta FIRE: componente tariffaria per finanziare le attività citate, di entità decisamente inferiore a quella dedicata alla ricerca di sistema: a parità di dotazione, potrebbe portare a risultati migliori.
    • www.fire-italia.org