Uploaded on

Lezione a cura di Tiziano Ziglioli dal sito www.campustralenuvole.altervista.org

Lezione a cura di Tiziano Ziglioli dal sito www.campustralenuvole.altervista.org

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
4,475
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
46
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Sulla scena delMediterraneo: Minoici eMicenei .
  • 2. Le principali rotte commercialimarittime nel III-II millennioa.C. Egitto, terra di Canaan, Cipro e Creta Mar Rosso-Mediterraneo, tramite il Nilo Golfo Persico-Mediterraneo, tramite l’Eufrate e il Tigri Mezzi di trasporto: navi d’altura, barche fluviali, carovane.
  • 3. Le Cicladi, Cipro e Creta nel IImillennio a.C. Protagoniste dei traffici commerciali nel Mediterraneo orientale: CIPRO: importante per i giacimenti di rame CRETA: importante per la posizione geografica, e per la produzione di legname, lana, cereali, olio e vino. Assunse il dominio dei traffici mediterranei.
  • 4. La civiltà minoica (2000-1400 a.C.) I presupposti della supremazia marittima di Creta: esperienza nella navigazione d’altura; abilità artigianale ed eccellenza tecnica; fitti contatti con tutte le coste del Mediterraneo orientale; esercizio della pirateria alternata ai commerci veri e propri.
  • 5. La civiltà minoica al suo apogeo
  • 6. La civiltà minoica:organizzazione Una civiltà urbana imperniata sul palazzo (come nel Vicino oriente); Centri principali: Cnosso, Festo e Mallia (capitali di regni indipendenti?) Palazzi dalle molte funzioni: centri del potere politico del re; centri dell’attività economica (commercio e artigianato) Palazzi maestosi, privi di fortificazioni difensive (per mancanza di minacce esterne?) .
  • 7. La civiltà minoica:caratteristiche Elaborò una autonoma forma di scrittura (la “lineare A”) Creò un’arte naturalistica, non celebrativa del potere, vivace e attenta al quotidiano Dimostrò un carattere pacifico (mancano testimonianze figurative o architettoniche collegate alla guerra) Concedeva un ruolo importante alla donna (anche in campo religioso: sacerdotesse e dee) Praticava un politeismo naturalistico, in cui avevano particolare importanza le divinità femminili
  • 8. Affreschi minoici 1
  • 9. Affreschi minoici 2
  • 10. Affreschi minoici 3
  • 11. Affreschi minoici 4
  • 12. La dea dei serpenti
  • 13. Sacerdotesse minoiche
  • 14. La civiltà minoica: la fine Verso il 1400 a.C. circa: distruzione dei palazzi (terremoto? invasione? rivolte interne?) Occupazione dell’isola da parte degli Achei (conquistatori o colonizzatori?). Installazione sull’isola di una classe dominante achea, che governava l’isola da Cnosso (l’unico palazzo che venne in parte ricostruito).
  • 15. I Micenei (o Achei) Verso il 1900 a.C.: loro stanziamento in Grecia Aree occupate: Peloponneso (Argolide, Laconia e Messenia), Attica, Beozia, Tessaglia Centri principali: Micene, Argo, Tirinto, Pilo, Tebe. Il culmine della potenza raggiunto tra il 1400 e il 1200 a.C.
  • 16. La civiltà micenea al suo apogeo
  • 17. La civiltà micenea Organizzazione in piccoli regni autonomi imperniati sul palazzo-fortezza del re Società piramidale: re (wànax), aristocrazia guerriera proprietaria di terre, burocrazia di palazzo, ceti produttivi (contadini e artigiani), schiavi. Testimonianze scritte di carattere amministrativo (in “lineare B”), contenenti una lingua di tipo greco. Architettura di tipo monumentale (tombe a thòlos, porte e mura ciclopiche).
  • 18. Architettura micenea 1
  • 19. Architettura micenea 2
  • 20. Architettura micenea 3
  • 21. La civiltà micenea: sviluppo Subì a lungo l’influenza della superiore civiltà dei Cretesi (nell’arte, nelle tecniche, nella pratica dei commerci) Dopo il 1400 gli Achei dominarono Creta e si sostituirono ai Cretesi nel dominio dell’Egeo Insediamenti micenei sulle coste dell’Asia Minore e della Siria, a Rodi e a Cipro. Tracce di traffici commerciali micenei anche sulle coste del Mediterraneo occidentale
  • 22. Artigianato miceneo 1
  • 23. Artigianato miceneo 2
  • 24. Lineare B e scrittura pittografica minoica (disco di Festo)
  • 25. La civiltà micenea: fine Tra il 1200 e il 1100 a.C.: distruzione dei principali palazzi micenei (invasione dei Dori provenienti dalla penisola balcanica? lotte interne fra i regni? una combinazione di entrambe le cause?) Crollo dell’organizzazione palaziale micenea Scomparsa della scrittura “lineare B”. Scomparsa dei manufatti artistici pregiati A partire dal 1100 a.C. : inizio del “Medioevo ellenico”