Your SlideShare is downloading. ×
La sicurezza del bambino
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

La sicurezza del bambino

475

Published on

Sette manifesti per le scuole della Campania …

Sette manifesti per le scuole della Campania
Scaricando il file e stampandolo (con un plotter o in uno dei tanti server) si otterrà, ad un costo contenuto, un manifesto, in formato 100 x 70 cm, che può essere affisso, ad esempio, nei corridoi della scuola, per illustrare agli alunni alcuni comportamenti da tenere in caso di emergenza.

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
475
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
40
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. PROTEZIONE CIVILE IN CASO DI EMERGENZA Campagna educativa realizzata dal Settore Protezione Civile - Regione Campania I bambini sono costantemente alla scoperta del mondo! Per impedire che la loro curiosità si trasformi in una fonte di pericolo, occorre organizzare l'ambiente ad essi destinato nel modo più sicuro possibile. Molti incidenti dovuti a distrazione o negligenza possono, infatti, essere evitati impiegando opportuni dispositivi di sicurezza nelle zone a rischio della casa (nell'ordine: cucina, salone, camera da letto, giardino). Ma, come ogni mamma sa, è inevitabile che il bambino, nell'ansia di esplorare l'ambiente, ogni tanto si faccia male. Prepariamo, quindi, già da ora cerotti e pomata per le contusioni. E, soprattutto, preveniamo gli incidenti più gravi. Folgorazioni: L'impianto elettrico (ai sensi della legge 46/90) deve essere realizzato o revisionato da un tecnico qualificato. L'apparecchiatura antifolgorazione (il cosiddetto quot;salvavitaquot;) è certamente utile, ma non elimina tutti i pericoli. Le prese di corrente vanno protette con dispositivi di sicurezza per impedire che il bambino possa infilarci dentro ferri, chiodi da calza o altri oggetti appuntiti. Non usare mai raccordi multipli per collegare più apparecchi alla stessa presa, soprattutto se questi sono di potenza rilevante come stufe, condizionatori d'aria, lucidatrice, battitappeto... Mai coricare il bambino con la termocoperta accesa. Controllare che il bambino non usi l'asciugacapelli, altri elettrodomestici o apparecchi radio vicino all'acqua o in posti umidi. Ustioni Tenere le pentole sui fornelli più interni. Fare attenzione che il manico della padella sul fuoco non sporga dal margine della cucina. Usare forni con vetri atermici e posizionati in alto. Regolare lo scaldabagno ad una temperatura massima di 50º che non ustioni i bambini. Tenere fiammiferi ed accendini al di fuori della portata del bambino. Avvelenamenti Tenete le sostanze caustiche, i medicinali, i diserbanti, i medicinali, i prodotti per la pulizia della casa, gli insetticidi... in luoghi non facilmente raggiungibili dal bambino o chiusi a chiave. Scegliete le confezioni provviste di chiusure di sicurezza quot;a prova di bambinoquot;. Non dite mai al bambino che una medicina è una caramella; tenete ben separate le medicine dei bambini da quelle degli adulti; state attenti ai farmaci assunti quotidianamente dagli adulti e lasciati in posti accessibili ai bambini (borsa, comodino, ecc.). Alcune piante da appartamento sono velenose: azalea, ciclamino, mughetto, ortensia, digitalis purpurea, ficus, filodendro, stella di Natale... Cadute I vetri che il bambino potrebbe colpire dovrebbero essere infrangibili o ricoperti di pellicola antischegge. Fissate al muro i mobili sui quali il bambino potrebbe arrampicarsi. Se in casa ci sono scale, predisponete cancelletti in cima ed in fondo. Non sistemate vasi, sedie o mobili sotto i davanzali su cui i bambini potrebbero salire. Nella vasca da bagno e nella doccia usate tappeti antisdrucciolo. Proteggere gli spigoli dei mobili che sono all'altezza della testa del bambino. Soffocamenti In caso di avvelenamento In caso di folgorazione Tenere lontano dai In caso di avvelenamento o se sospet- La prima cosa da fare è interrompere il bambini oggetti di piccole flusso di corrente che sta attraversando tate che il bambino abbia ingerito so- dimensioni che essi l'infortunato, ad esempio, staccando stanze velenose, trasportate subito il potrebbero mettere in l'interruttore generale della luce o la spina bambino al Pronto Soccorso portando bocca e, sopratutto: dell'elettrodomestico. con voi la confezione della sostanza che Palloncini: sono molto più Se ciò non è possibile o richiede troppo ha ingerito. pericolosi di quanto si tempo, allontana l'infortunato dalla fonte Se ciò non è possibile, consultate te- pensi. di corrente, mai afferrandolo con le mani lefonicamente il pediatra o il Centro Buste di plastica: foratele ma utilizzando un legno asciutto (come una Antiveleni per avere le istruzioni neces- per evitare che il bambino, scopa, o una sedia) oppure tirandolo con sarie. Nella telefonata specificate il mettendovi dentro la testa una corda o con i tuoi vestiti arrotolati o tipo e la quantità di sostanza ingerita. rischi il soffocamento. con qualsiasi cosa a condizione che sia Non somministrate all'avvelenato alcun Talco: anche una piccola quantità asciutta e isolante. quot;rimedioquot; né provocate il vomito, a meno inalata può provocare soffocamento. Una volta allontanata dalla fonte di che questo non vi sia stato prescritto Giocattoli privi del Marchio di Sicurezza: elettricità, se la persona non respira, da un medico. potrebbero contenere vernici tossiche o scomporsi bisogna praticargli la respirazione quot;bocca Centro Antiveleni in Campania in pezzi piccoli e taglienti. a boccaquot; o la rianimazione cardiopolmonare. tel. 081/5453333 Stampa: maggio 2009 Testi e grafica: F.S. © Regione Campania - Settore Protezione Civile

×