Scambio tra giocatori, sponda, cross, tiro al volo
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Scambio tra giocatori, sponda, cross, tiro al volo

on

  • 1,951 views

Calcio. Tecnica individuale e programmazione dell'allenamento da 12 a 16 anni. QUADERNO 3 ...

Calcio. Tecnica individuale e programmazione dell'allenamento da 12 a 16 anni. QUADERNO 3
L'ultimo passaggio, la finalizzazione, il cross e il tiro al volo. 40 sedute
http://www.calzetti-mariucci.it/shop/prodotti/tecnica-individuale-e-programmazione-dellallenamento-da-12-a-16-anni-quaderno-3

Statistics

Views

Total Views
1,951
Views on SlideShare
1,950
Embed Views
1

Actions

Likes
1
Downloads
91
Comments
0

1 Embed 1

https://twitter.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Scambio tra giocatori, sponda, cross, tiro al volo Document Transcript

  • 1. Foot 2 2 1 3 3 4 4 A B D C 1 ZA ZB ZEZE ZC Foot formation initiale:Mise en page 1 10/10/08 9:41 Page 172 2 3 4 1 A BC D E 15 m 10m B A 1 3 Foot formation initiale:Mise en page 1 10/10/08 9:54 Page 264 SEDUTA N° 10 Scambio tra tre giocatori, sponda e cross 8 giocatori per gruppi – 2 gruppi Fare 3 gruppi Consigli per una corretta esecuzione: Coordinare le chiamate del pallone e il pas- saggio. Ridurre l'ampiezza degli appoggi prima di crossare. Smorzare i passaggi di ri- torno e effettuare cross e passaggi tesi. Non restare in linea e mirare bene il compa- gno eseguendo le sponde. Andare incontro al pallone. B. TECNICA CON OPPOSIZIONE SITUAZIONE N°3 ORGANIZZAZIONE: Schierare i giocatori in due porte, poste una di fronte all'altra a 30 metri di di- stanza e difese dai portieri. 1 pallone per 3 giocatori. Formare dei gruppi di 3 giocatori, che eseguono l'esercizio a turno da una porta all'altra. Partenza: 1 giocatore per paletto e 1 all'esterno a trasmettere il pallone. ESECUZIONE: Effettuare un dai e vai seguito da un lancio lungolinea sulla corsa a incrociare del compa- gno, che crosserà. Gli altri due finalizzeranno di prima. Effettuare un passaggio verso tutti e due i compa- gni e alternare il cross di sinistro a quello di destro. Crossare di prima, dopo il controllo o dopo lo stop a seguire. 82 1CICLO 2CICLO 3CICLO 4CICLO 5CICLO 6CICLO 7CICLO 8CICLO CONTROLLO DI PALLA E PASSAGGIO GIOCO AL VOLO GUIDA PALLA E DRIBBLING ULTIMO PASSAGGIO E FINALIZZAZIONE IL CROSS E IL TIRO AL VOLO TECNICHE DIFENSIVE IL COLPO DI TESTA E IL DUELLO AEREO TIRO DI COLLO  E LANCIO A. RISCALDAMENTO SITUAZIONE N°1 ORGANIZZAZIONE: 2 palloni per 8 giocatori. ESECUZIONE: A e B hanno un pallone ciascuno e ini- ziano l'esercizio insieme: dai e vai tra A e B, poi pas- saggio verso C che chiama palla smarcandosi in avanti. C riceve palla e appoggia di prima a D. POSSIBILI VARIANTI: Cambiare il senso di esecu- zione dell'esercizio. SITUAZIONE N°2 ORGANIZZAZIONE: Schierare i giocatori in 10 metri per 15: 2 contro 2 + 2 pivot esterni al rettangolo di gioco. Cambiare i pivot ogni 4 minuti. ESECUZIONE: Effettuare più passaggi consecutivi possibile da un pivot all'altro, senza perdere palla. I pivot hanno a disposizione due tocchi al massimo. OBIETTIVO: Migliorare gli scambi fra tre gio- catori sotto pressione. Faucher_195x260_CICLI 5-6 09/10/12 12.18 Pagina 82
  • 2. : 2 1 3 ZC Foot formation initiale:Mise en page 1 10/10/08 9:54 Page 265 Durata totale: 2h 00’ Numero di giocatori: da 18 a 20 Attrezzatura: 1 pallone per giocatore Consigli per una corretta esecuzione: Coordinare gli scambi fra tre giocatori. Scegliere il tipo di cross giusto (forte, a pallonetto o arretrato). Coordinare le chia- mate del pallone davanti alla porta e an- dare incontro alla palla. Consigli per una corretta esecuzione: L'attaccante deve fare la scelta giusta dopo essersi smarcato. La chiamata di palla dell'ala deve essere fatta al momento giusto. Gli attaccanti devono creare lo spa- zio per la corsa dell'ala e portare via gli av- versari (il primo movimento deve essere fatto dalla parte opposta rispetto al- l'azione, per poi tornare verso il pallone e finalizzare). C. APPLICAZIONE DEL PRINCIPIO A UNA SITUAZIONE DI GIOCO SITUAZIONE N°4 ORGANIZZAZIONE: Formare 3 squadre da 6 gioca- tori (con pettorine di tre colori diversi): due si affron- tano e la terza fa stretching fuori dal campo. Schierare le squadre in due aree di rigore + una zona destinata alle sponde (ZC): 2 contro 2 davanti alle due porte e 2 giocatori di sponda nei corridoi la- terali per le due squadre. ESECUZIONE: Sul rilancio in zona difensiva, trovare un attaccante che si smarcherà in ZC (dove è possi- bile effettuare soltanto un tocco), effettuerà il pas- saggio di ritorno verso le fasce, per un compagno che crosserà. 3 contro 2 davanti alla porta (il gioca- tore di sponda avversario rientra in difesa). Le rimesse in gioco vengono effettuate dai portieri. Gli attaccanti lasciano che i difensori rilancino sulle rimesse in gioco. Finalizzare l'azione di prima e cros- sare con due tocchi al massimo. POSSIBILI VARIANTI: Cambiare le squadre. Cambiare i giocatori sulle fasce. D. APPLICAZIONE DEL PRINCIPIO ALLA PARTITELLA SITUAZIONE N°5 ORGANIZZAZIONE: Schierare i giocatori in una metà campo larga come l'area di rigore, con una zona per le sponde di 10 metri (ZC): 3 contro 3 davanti alle due porte + 4 ali esterne schierate nei corridoi late- rali, due per squadra. ESECUZIONE: Segnare su un cross o dopo aver ap- poggiato palla a un attaccante smarcato in ZC (non può essere contrastato), che avrà controllato palla e lanciato un'ala in profondità. Le rimesse in gioco vengono effettuate dai portieri. Nella ZC può smarcarsi un solo attaccante per volta, che avrà solo due tocchi a disposizione (può appog- giare al volo, effettuare il passaggio di ritorno o un tocco normale). Sul controllo di palla dell'ala, l'ala avversaria può difendere. 83 F. DEFATICAMENTO E STRETCHING E. GIOCO LIBERO 9 CONTRO 9 ILCROSSEILTIROALVOLO-dominante:RESISTENZA Faucher_195x260_CICLI 5-6 09/10/12 12.18 Pagina 83
  • 3. Foot 2 3 1 A B D C C' B' A A' Foot formation initiale:Mise en page 1 10/10/08 9:54 Page 266 A. RISCALDAMENTO SITUAZIONE N°1 ORGANIZZAZIONE: In 10 metri di terreno, 1 pallone per 4 giocatori, schierati in due file una di fronte al- l'altra. ESECUZIONE: Scambiarsi palloni alti in due tocchi e andare a rischierarsi dietro la fila di fronte. POSSIBILI VARIANTI: Controllare di coscia e passare d'interno. Controllare di petto e passare d'interno. Controllare di testa e passare d'interno.N SITUAZIONE N°2 ORGANIZZAZIONE: 2 palloni per 8 giocatori. Dai e vai in 2 gruppi. ESECUZIONE: A e D hanno un pallone a testa e ini- ziano l'esercizio insieme. Effettuano il passaggio con le mani e il tocco di ritorno con l'interno del piede fra loro (1). Poi un passaggio con le mani di A a C (2), che arretra dopo aver effettuato il passaggio di ri- torno per ricevere al volo il pallone indirizzatogli da A (3) oltre la porta mobile. POSSIBILI VARIANTI: Cambiare il senso di esecu- zione dell'esercizio. SEDUTA N° 11 Tiro al volo in arretramento 8 giocatori per gruppi – 2 gruppi Consigli per una corretta esecuzione: Guardare sempre il pallone. Arretrare di tre quarti, cercando di andare più veloce del pallone. Restare in movimento fino al- l'ultimo momento e colpire il pallone dal- l'alto in basso, portando il busto in avanti al momento dell'impatto. Cercare il tiro a incrociare. B. TECNICA CON OPPOSIZIONE SITUAZIONE N°3 ORGANIZZAZIONE: Schierare i giocatori in due porte, poste una di fronte all'altra a 30 metri di di- stanza e difese dai portieri. Formare 2 gruppi di 8 giocatori che lavorano in ciascuna porta. ESECUZIONE: A effettua un passaggio di ritorno da- vanti al paletto, poi arretra e calcia al volo di sinistro un pallone passatogli con le mani. POSSIBILI VARIANTI: I due gruppi cambiano porta, in modo da calciare al volo con l'altro piede. 84 1CICLO 2CICLO 3CICLO 4CICLO 5CICLO 6CICLO 7CICLO 8CICLO CONTROLLO DI PALLA E PASSAGGIO GIOCO AL VOLO GUIDA PALLA E DRIBBLING ULTIMO PASSAGGIO E FINALIZZAZIONE IL CROSS E IL TIRO AL VOLO TECNICHE DIFENSIVE IL COLPO DI TESTA E IL DUELLO AEREO TIRO DI COLLO  E LANCIO Faucher_195x260_CICLI 5-6 09/10/12 12.18 Pagina 84
  • 4. 2 1 ZA S1S1 2S2S ZB ZC Foot formation initiale:Mise en page 1 10/10/08 9:54 Page 267 Durata totale: 2h 00’ Numero di giocatori: da 18 a 20 Attrezzatura: 1 pallone per giocatore Consigli per una corretta esecuzione: Il giocatore esterno (S1) cerca di lanciare nello spazio davanti agli attaccanti. Guar- dare sempre il pallone. Capire la traietto- ria del lancio e tenere il corpo nella posizione giusta andando incontro al pal- lone. Il giocatore esterno S2 deve aspet- tare che gli attaccanti si rischierino prima di rimettere in gioco il secondo pallone. Consigli per una corretta esecuzione: L'ala colpisce il pallone dal basso per effet- tuare un cross alto preciso. L'attaccante si smarca al momento giusto per non restare statico nella ZC. Lascia arrivare il pallone prima di colpire e ruota il bacino dopo il contatto con la sfera. C. APPLICAZIONE DEL PRINCIPIO A UNA SITUAZIONE DI GIOCO SITUAZIONE N°4 ORGANIZZAZIONE: Schierare i giocatori in 30 metri, della larghezza dell'area di rigore, divisi in 2 zone (ZA e ZB): 6 coppie di attaccanti e difensori ese- guono l'esercizio a turno in 2 porte difese dai por- tieri, giocando il 2 contro 1. ESECUZIONE: Un giocatore esterno (S1) rilancia lungo verso destra o verso sinistra, in direzione di due attaccanti contro un difensore, che avanzano verso la porta. Gli attaccanti dovranno calciare al volo e poi recuperare un secondo pallone lanciato dall'altro giocatore esterno (S2), verso i tre gioca- tori, che eseguiranno lo stesso esercizio ma in arre- tramento. I giocatori che eseguono l'esercizio partono dalla ZA. Se il difensore rilancia verso uno dei suoi com- pagni in attesa nei corridoi laterali, riceve un cross verso la porta opposta. Rotazione: I due giocatori S1 entrano in gioco. I due attaccanti escono e diventano S2. I due giocatori S2 diventano S1 e il difensore viene sostituito dopo ogni azione. D. APPLICAZIONE DEL PRINCIPIO ALLA PARTITELLA SITUAZIONE N°5 ORGANIZZAZIONE: Schierare i giocatori in due aree di rigore separate da una zona centrale (ZC): 3 con- tro 3 davanti alle due porte + 1 ala per squadra nei due corridoi esterni. ESECUZIONE: Segnare su un cross o dopo aver ap- poggiato palla a un attaccante smarcato in ZC (non può essere contrastato), che avrà calciato al volo in arretramento. Oppure intercettare palla, crossare e finalizzare l'azione dopo un 4 contro 3 (un difensore sale in attacco per finalizzare). Nella ZC è permesso un solo tocco. Non vi si può entrare in due per volta né essere contrastati dagli avversari. Le ali hanno a disposizione due tocchi al massimo. L'attaccante che si è smarcato nella ZC si riposiziona subito in area di rigore dopo il cross. 85 ILCROSSEILTIROALVOLO-dominante:RESISTENZA F. DEFATICAMENTO E STRETCHING E. GIOCO LIBERO 9 CONTRO 9 Faucher_195x260_CICLI 5-6 09/10/12 12.18 Pagina 85