Pagine da Nardi giochi per bambini 3/5 anni

4,809
-1

Published on

Giochi del cuore: 80 attività ludiche in movimento per bambini da 3 a 5 anni
Luca e Mariluce Nardi
http://www.calzetti-mariucci.it/shop/prodotti/giochi-del-cuore-80-attivita-ludiche-in-movimento-per-bambini-da-3-a-5-anni

Una proposta compiuta e collaudata (con i bambini delle scuole per l'infanzia nelle quali ha operato l'Autore) con oltre 80 attività ludiche in movimento: l'intento è quello di invitare gli operatori dell'infanzia affinché stimolino il proprio ingegno nell'inventarne di nuove, anche utilizzando gli oggetti più bizzarri.

Published in: Sports
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
4,809
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
34
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Pagine da Nardi giochi per bambini 3/5 anni

  1. 1. I Giochi del cuore Luca e Mariluce Nardi IL LANCIO DEL TAPPO Le Bottiglie MATERIALE OCCORRENTE: un tappo di plastica di bottiglia per ogni bambino. DESCRIZIONE: l’esperto chiede a tutti i bambini di allinearsi lungo uno dei lati dello spazio impiegato e consegna loro un tappo per uno e spiega loro che quando sentono la parola “lancio”, devono lanciare il tappo più lontano possibile, davanti loro. Prima di andare a recuperare i tappi, l’esperto può chiedere ai bambini qual è il tappo più lontano, oppure quello più vicino o individuare un tappo che si trova in mezzo. Per concludere il gioco l’esperto pronuncia “recupero”, a questo punto tutti i bambini si muovono per andare a recuperare il proprio tappo e tornare in fila al proprio posto prima di ricominciare il gioco. ETÁ: 3, 4, 5 anni oppure gruppi composti da fasce d’età miste. AMBIENTE: palestra, salone pluriuso, prato, cortile. NUMERO DI PARTECIPANTI: 1 o più. OBIETTIVO DEL CU ORE: imparare a relazio narsi con la distanza. 60 Lancio del tappo – lancio il tappo e colpisco la bottiglia
  2. 2. I Giochi del cuore Luca e Mariluce Nardi LA SCALA Le Corde MATERIALE OCCORRENTE: 15 corde della lunghezza massima di 1 metro. DESCRIZIONE: prima dell’inizio del gioco l’esperto invita i bambini a formare una fila indiana stando in piedi e posiziona davanti ad essa le 15 corde aperte a terra a circa mezzo metro l’una dall’altra, come se formassero una lunga scala orizzontale che può essere utilizzata, un bambino alla volta, per compiere diversi tipi di andature. A seguire sono riportate diverse tipologie di andature che si possono proporre impiegando la scala orizzontale. Ogni andatura si compie solamente una volta, all’andata; al termine della scala i bambini si fermano realizzando una nuova fila indiana. Alcune andature: - corsa a slalom in mezzo alle corde; - salti da una corda all’altra stando attenti a non finire negli spazi vuoti; - camminata da una corda all’altra senza finire negli spazi vuoti; - salti in mezzo alle corde stando attenti a non toccarle; - camminata all’indietro tra una corda e l’altra. Nel caso si abbia a disposizione il doppio delle corde può essere realizzata una scala parallela, dove svolgere le stesse andature, in modo da ridurre il tempo di attesa di ogni bambino. ETÁ: 4, 5 anni oppure gruppi composti da fasce d’età miste. AMBIENTE: palestra, salone pluriuso, prato, cortile. NUMERO DI PARTECIPANTI: 1 o più. CUORE: OBIETTIVO DEL enti apprendere differ andature. 78
  3. 3. I Giochi del cuore Luca e Mariluce Nardi Le Corde La scala – correre in mezzo alle corde La scala – correre in mezzo alle corde 79
  4. 4. I Giochi del cuore Luca e Mariluce Nardi LA PADELLA Le Mollette MATERIALE OCCORRENTE: due mollette ed un piatto di carta per ogni bambino. DESCRIZIONE: dopo aver consegnato due mollette ed un piatto di carta ad ogni bambino, l’esperto chiede di lasciare il proprio piatto a terra, di bloccarlo con le due mollette e di cominciare il gioco sollevando lo stesso. Sollevato il piatto, i bambini possono muoversi liberamente per lo spazio a disposizione; ogni volta che l’esperto pronuncia “padella a terra”, i bambini devono aprire le mollette e lasciare cadere il piatto a terra, successivamente utilizzando le sole mollette ogni bambino deve recuperare il proprio piatto e continuare a camminare liberamente. La sequenza può essere ripetuta più volte. VARIANTE: lo stesso gioco può essere ripetuto variando l’impugnatura del piatto e chiamando diversi tipi di pentole. Prima di cominciare, l’esperto descrive i diversi tipi di pentola che nominerà. Quando pronuncerà “padella”, le mollette saranno posizionate una vicino all’altra bloccando il piatto, “tegame” le mollette saranno posizionate opposte tra loro e attaccate al piatto, “teiera” il piatto sarà bloccato con due mollette una vicina all’altra ruotandolo in posizione verticale. ETÁ: 4, 5 anni oppure gruppi composti da fasce d’età miste. AMBIENTE: palestra, salone pluriuso, prato, cortile. NUMERO DI PARTECIPANTI: 1 o più. OBIETTIVO DEL CUORE: allenare il controllo dei movimenti fini degli arti superiori ed imparare il nome dei diversi tipi di pentole. 118
  5. 5. I Giochi del cuore Luca e Mariluce Nardi Le Mollette La padella – camminare con la padella in mano Il tegame – camminare con la padella in mano 119
  6. 6. I Giochi del cuore Luca e Mariluce Nardi MANGIO PIANO I Tovaglioli MATERIALE OCCORRENTE: un tovagliolo per ogni bambino. DESCRIZIONE: attraverso questo gioco semplice, i bambini apprenderanno l’importanza di mangiare lentamente. L’esperto dopo avere invitato tutti i bambini a sedersi in cerchio consegna loro un tovagliolo chiedendo di metterlo davanti a sè inserendo un angolo dentro il collo della propria maglietta, come se fossero a pranzo. L’esperto guida quindi i bambini, attraverso la mimica, in un pranzo speciale in cui ogni alimento che mangeranno dovranno masticarlo molto lentamente con la bocca (per esempio potrà invitare i bambini a mangiare gli spaghetti, in questo caso dovranno fare finta di arrotolare gli spaghetti con la forchetta ed introdurli in bocca prima di masticarli), lo stesso vale quando imiteranno il movimento di bere l’acqua con un bicchiere invisibile (anche in questo caso l’acqua dovrà essere ingerita lentamente). Al termine del gioco l’esperto spiegherà ai bambini, in modo semplice, che quando mangiamo e beviamo lentamente la nostra pancia è felice, mentre quando lo facciamo velocemente la nostra pancia diventa triste; contemporaneamente l’esperto invita i bambini ad esprimere un’espressione del volto felice oppure triste in modo da memorizzare il messaggio che si vuole trasmettere attraverso questo gioco. ETÁ: 3, 4, 5 anni oppure gruppi composti da fasce d’età miste. AMBIENTE: palestra, salone pluriuso, prato, cortile, aula. OBIETTIVO DEL CU NUMERO DI PARTECIPANTI: 1 o più. ORE: insegnare ai bambi ni a mangiare e bere le ntamente e correttamente. 132 Mangio piano – un momento del gioco

×