Pagine da giornale italiano psicologia dello sport
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Pagine da giornale italiano psicologia dello sport

on

  • 773 views

http://www.calzetti-mariucci.it/shop/prodotti/gips-il-giornale-italiano-di-psicologia-dello-sport-n-16

http://www.calzetti-mariucci.it/shop/prodotti/gips-il-giornale-italiano-di-psicologia-dello-sport-n-16

Statistics

Views

Total Views
773
Views on SlideShare
772
Embed Views
1

Actions

Likes
0
Downloads
4
Comments
0

1 Embed 1

https://twitter.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Pagine da giornale italiano psicologia dello sport Pagine da giornale italiano psicologia dello sport Document Transcript

  • GIORNALE ITALIANODI PSICOLOGIA DELLO SPORTGiornale Italiano di PSICOLOGIA DELLO SPORT - Numero 16 - 2013 3RICERCHECaratteristiche di personalità e praticasportiva: un confronto tra adolescentiRiassuntoQuesto studio confronta i profili di personalità di ado-lescenti praticanti sport con quelli di adolescenti nonpraticanti sport e confronta adolescenti praticanti sportindividuali con quelli di adolescenti praticanti sport disquadra. Ad oggi la maggioranza delle ricerche si èfocalizzata su atleti adulti e professionisti, mentre pochistudi sono stati condotti sugli adolescenti. I risultaticonfermano parzialmente le ipotesi: gli adolescentiche praticano sport mostrano maggiore coscienziosità,stabilità emotiva ed energia rispetto a coloro che nonpraticano sport; gli adolescenti che praticano sport disquadra mostrano maggiore energia e stabilità emotivae minore amicalità rispetto a coloro che praticano sportindividuali. I risultati di questo studio aggiungono nuoveinformazioni sulle caratteristiche di personalità degliadolescenti che praticano e non praticano sport, fornen-do suggerimenti per ulteriori ricerche.Parole chiaveAdolescenti; sport; tratti di personalità.SummaryThis study compares the personality profiles of adole-scents practicing sport with those of adolescents notpracticing sports and compares youngsters practicingindividual sports with youngsters practicing team sports.To date the majority of researches has focused on adultsand professionals athletes, while few studies have beenconducted on adolescents. Results partially confirm thehypotheses: adolescents who play sports show greaterconscientiousness, emotional stability, and energy thanthose who not playing sports; adolescents who play teamsports show more energy and emotional stability and lo-wer agreeableness than those who play individual sports.The results of this study add new information aboutcharacteristics personality of adolescents who practicesports, providing suggestions for further research.KeywordsAdolescents; sports; personality traits.Andrea Greco, Dario Monzani e Patrizia StecaDipartimento di Psicologia, Università degli Studi di Milano “Bicocca”
  • GIORNALE ITALIANODI PSICOLOGIA DELLO SPORTGiornale Italiano di PSICOLOGIA DELLO SPORT - Numero 16 - 2013 11RICERCHEMotivazione all’esercizio,percezione corporea e comportamentia rischio nella pratica del bodybuildingRiassuntoI bodybuilder rischiano lo sviluppo di disturbidel comportamento alimentare come gli atletipraticanti altri sport che enfatizzano peso eforme corporee e sono esposti alla dipendenzada esercizio fisico. Questo studio indaga ledifferenze tra atleti praticanti bodybuilding e at-tività di fitness rispetto a percezione corporea,motivazione all’esercizio fisico, predisposizionea disturbi del comportamento alimentare e di-pendenza dall’esercizio. I risultati evidenzianodifferenze significative: i bodybuilder mostranocondotte alimentari più disfunzionali ed unmaggior rischio di dipendenza da esercizio fisi-co rispetto agli atleti praticanti attività di fitness.Parole chiaveAuto-percezione fisica; motivazione all’eserciziofisico; disturbi alimentari; dipendenza da eserciziofisico; bodybuilding.SummaryBodybuilders are likely to develop eating disor-ders such as athletes practicing other sportsthat emphasize weight and body shapes andare exposed to addiction to exercise. This studyinvestigates the differences between athletespracticing bodybuilding and fitness activitieswith respect to physical self-perception, exerci-se motivation, predisposition to eating disordersand exercise addiction. Results show significantdifferences: bodybuilders show more dysfun-ctional eating behaviors and a greater risk ofaddiction to exercise compared to athletespracticing fitness activities.KeywordsPhysical self-perception; exercise motivation;eating disorders; exercise addiction; bodybuilding.Patrizia Oliva, Sebastiano Costa e Francesca CuzzocreaUniversità degli Studi di Messina
  • GIORNALE ITALIANODI PSICOLOGIA DELLO SPORTGiornale Italiano di PSICOLOGIA DELLO SPORT - Numero 16 - 2013 17RASSEGNEMonitoraggio psicofisiologiconello sportSelenia di Fronso*, Laura Bortoli**, Katerina Mazzoni***, Claudio Robazza** e Maurizio Bertollo*** Behavioral Imaging and Neural Dynamics Center, Dipartimento di Scienze Biomediche, Università “G. d’Annunzio”di Chieti-Pescara** Behavioral Imaging and Neural Dynamics Center, Dipartimento di Medicina e Scienze dell’Invecchiamento,Università “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara*** Dipartimento di Scienze Biomediche, Università “G. d’Annunzio” di Chieti-PescaraRiassuntoNegli ultimi 20 anni lo studio dei processi psicofisiologici sottostanti la prestazione sportiva è cresciuto in manieraesponenziale, anche sulla spinta dell’interesse per l’allenamento mentale da parte di atleti ed allenatori. Il monitorag-gio psicofisiologico, che permette di analizzare questi processi, consiste nella rilevazione del grado di attivazione efunzionamento dell’organismo e può essere considerato come un approccio interdisciplinare che tenta di dare risposteai problemi riguardanti il rapporto corpo-mente. Nel mondo dello sport, può essere utilizzato per migliorare la com-prensione dei processi sottostanti la prestazione sportiva, per poterla successivamente incrementare od ottimizzare.Le tecniche che si stanno utilizzando per questo tipo di monitoraggio comprendono l’elettromiografia (EMG), l’elettro-cardiografia (ECG), l’elettroencefalografia (EEG), la risonanza magnetica funzionale (fMRI), ma anche altre tecnichepiù semplici che misurano l’attività elettrodermica (EDA) o il ritmo respiratorio. Scopo di questo articolo è quello dioffrire una panoramica generale del funzionamento di queste tecniche, degli sport che ne hanno tratto utilità e delleinformazioni che se ne possono ricavare per comprendere, migliorare ed ottimizzare la prestazione in tutta la suacomplessità.Parole chiavePsicofisiologia; prestazione sportiva; elettromiografia; elettrocardiografia; elettroencefalografia; risonanza magnetica funzionale.SummaryIn the last 20 years, there was a growing interest in the study of the theoretical and applied issues surrounding psycho-physiological processes underlying performance. The psychophysiological monitoring, which enables the study of theseprocesses, consists in the assessment of the activation and functioning level of the organism. It can be considered asa multidisciplinary approach in the study of the mind-body relationship. In the sporting domain, it can be used to attaina better understanding of the processes underlying performance and to improve athletic achievements. The most usedtechniques include electromyography(EMG), electrocardiography (ECG), electroencephalography (EEG), functionalmagnetic resonance imaging (fMRI), and the assessment of electrodermal activity and breathing rhythm. The purpose ofthis paper is to offer an overview of these techniques and their applications in sport.KeywordsPsychophysiology; sport performance; electromyography; electrocardiography; electroencephalography; functional magneticresonance imaging.
  • GIORNALE ITALIANODI PSICOLOGIA DELLO SPORTGiornale Italiano di PSICOLOGIA DELLO SPORT - Numero 16 - 2013 27RASSEGNEGoal setting e performance sportiva:una rassegna della letteraturaRiassuntoQuesta rassegna si focalizza su goal setting e performance sportiva. La Goal Setting Theory nasce in campo orga-nizzativo e lavorativo (Locke e Latham, 2002) e le sue applicazioni nello sport hanno dimostrato l’efficacia di questometodo nel miglioramento della performance sportiva (Gould, 2006; Weinberg e Gould, 2011). In ambito sportivo è im-portante distinguere fra obiettivi di risultato, di performance e di processo. La rassegna presenta la letteratura sull’im-plementazione di programmi di goal setting, come il protocollo a tre stadi, e prende in considerazione alcune ricercheche hanno valutato l’efficacia di interventi individuali e di gruppo in vari sport come rugby, pugilato e pallacanestro.Parole chiavePianificazione di obiettivi; obiettivi di risultato; obiettivi di prestazione; obiettivi di processo; protocollo a tre stadi.SummaryThis review is focused on goal setting and sport performance. Goal Setting Theory originates in organizational and workfield (Locke and Latham, 2002) and its applications in sport have shown the effectiveness of this method in enhancingsport performance (Gould, 2006; Weinberg and Gould, 2011). In sportive context it is important to differentiate betweenoutcome, performance, and process goals. The review presents literature on implementation of goal setting programs,such as three stages protocol, and takes into consideration some researches focused on effectiveness evaluation inindividual and team sports, such as rugby, boxing, and basketball.KeywordsGoal setting; outcome goals; performance goals; process goals; three stages protocol.Giampaolo Santi e Luca PietrantoniFacoltà di Psicologia, Alma Mater Studiorum - Università di BolognaRingraziamo la Dott.ssa Elisa Saccinto e il Dott. Francesco Atanasio per le revisioni al manoscritto.
  • GIORNALE ITALIANODI PSICOLOGIA DELLO SPORTGiornale Italiano di PSICOLOGIA DELLO SPORT - Numero 16 - 2013 35RASSEGNELa resilienza psicologica:una rassegna su studie applicazioni nello sportRiassuntoQuesta rassegna si pone due obiettivi: definire la resilienza psicologica e i suoi principali filoni di studio, e successiva-mente presentare ricerche e applicazioni nello sport. In letteratura non è presente una definizione operativa unitaria diresilienza psicologica, poiché vi sono due principali approcci: il primo definisce la resilienza in termini di tratto perso-nale, il secondo la considera invece come processo di adattamento positivo nonostante esperienze di rischio o av-versità. La rassegna esamina i filoni di studio che caratterizzano la più recente letteratura psicologica sulla resilienza.Nonostante le potenzialità del costrutto siano elevate, le ricerche nello sport sono ancora relativamente poche, anchese i risultati sono promettenti. La rassegna presenta le più attuali prospettive di ricerca e alcuni punti di attenzione chei ricercatori dovrebbero considerare per sviluppare lo studio della resilienza psicologica e delle implicazioni pratichenello sport.Parole chiaveResilienza psicologica; sport; filoni di studio; ricerche; applicazioni.SummaryThis review has two aims: to define psychological resilience and its main waves of study, and subsequently to presentresearches and applications in sports. No consensus on an unitary operational definition of psychological resilienceexists in literature, since two are main approaches: the first approach defines resilience as personal trait, the second ap-proach considers resilience as positive adaptation process despite experiences of risk or adversity. The review examinesthe waves of resilience recent psychological literature. Although high construct potential, researches in sports are stillrelatively few, even if results are promising. The review presents more current research perspectives and some hot spotsthat scholars should consider to develop psychological resilience study and practical implications in sports.KeywordsPsychological resilience; sport; waves of study; researches; applications.Francesca Vitali* e Laura Bortoli*** Collegio Didattico di Scienze Motorie, Università degli Studi di Verona** Behavioral Imaging and Neural Dynamics Center, Dipartimento di Medicina e Scienze dell’Invecchiamento,Università “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara
  • GIORNALE ITALIANODI PSICOLOGIA DELLO SPORTGiornale Italiano di PSICOLOGIA DELLO SPORT - Numero 16 - 2013 47ESPERIENZESport motoristici e psicologia dello sport:il contributo della consensus conferencealla definizione di unaproposta di consulenzaEugenio De Gregorio*/***, Sabrina Benvenuto*/***, Annarosa Proface*, Francesca Vitali*/*** e Claudio Scotton*/*** Scuola Regionale dello Sport del C.O.N.I. Liguria** Scuola Universitaria Interfacoltà in Scienze Motorie, Università degli Studi di Torino*** Università degli Studi di GenovaRiassuntoL’articolo riassume gli esiti di un incontro svolto attraverso la metodologiadella consensus conference e rappresenta, al contempo, una propostaoperativa per l’applicazione della psicologia agli sport motoristici sia confinalità di ricerca, sia di intervento in questo ambito. La proposta operativaprende forma a partire dagli argomenti discussi dai partecipanti grazie allametodologia partecipativa utilizzata, finalizzata a favorire condivisione ediscussione sulle tematiche elicitate dai partecipanti. Dalla consensus con-ference sono emersi i seguenti argomenti: l’importanza della gestione delleemozioni negli sport motoristici, con particolare attenzione alla percezionedi rischio e paura; gli atteggiamenti dei genitori di giovani atleti; la centralitàdel divertimento e della percezione di competenza nello sport giovanile;il rapporto fra aspetti tecnici e aspetti psicologici negli sport motoristici. Ilpotenziale della psicologia applicata agli sport motoristici riguarda prima-riamente lo sviluppo di competenze, l’instaurarsi di un clima motivazionalefunzionale (clima orientato sul compito), un buon equilibrio fra gli aspetticompetitivi, il divertimento e le opportunità di sviluppare percezione dicompetenza.Parole chiaveSport motoristici; psicologia dello sport; consensus conference; giovani atleti.SummaryThe article summarizes the outcomes of a meeting held by the methodologyof consensus conference and it represents, at the same time, an operationalproposal for the application of psychology to motorsports both for research,both for intervention in this area. The operational proposal takes shape sincethe topics discussed by participants, thanks to the participatory methodo-logy used, aimed to encourage sharing and discussion on issues elicited byparticipants. From consensus conference the following topics emerged: theimportance of managing emotions in motorsports, with particular attentionon risk and fear perception; the attitudes of parents of young athletes; thecentrality of enjoyment and perception of competence in youth sport; therelationship between technical and psychological aspects in motorsports.The potential of motorsports’ applied psychology mainly concerns skillsdevelopment, the establishment of a functional motivational climate (mastery-oriented climate), a good balance between competitive aspects, enjoyment,and opportunities to develop competence perception.KeywordsMotorsports; sport psychology; consensus conference; young athletes.