Your SlideShare is downloading. ×
Assicurazione Responsabilità civile verso Terzi per perdite patrimoniali
delle PubblicheAmministrazioni Centrali, Locali e...
INTRODUZIONE


Anche quest’anno la AEC SpA, ha rinnovato gli accordi di piazzamento – con alcuni
Sottoscrittori dei Lloyd’...
POLIZZA RCT PER PERDITE PATRIMONIALI DELLE PUBBLICHE
                     AMMINISTRAZIONI

Assicuratore: Alcuni sottoscrit...
Garanzie         Perdite per interruzione o sospensione di         Direzione e sorveglianza della
sempre           attivit...
Certificati   La Polizza prevede la possibilità, su richiesta dell’assicurato, di poter essere
Merloni:      estesa alle r...
POLIZZA DI ASSICURAZIONE PER LA RESPONSABILITA' CIVILE PATRIMONIALE
 DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE (C.d. COLPA LIEVE - EN...
Responsabilità Civile:la responsabilità che possa gravare sull’Assicurato in funzione
dell’esercizio da parte di taluno de...
CONDIZIONI GENERALI DI ASSICURAZIONE


Art. 1 - Dichiarazioni relative alle circostanze del rischio
Le dichiarazioni inesa...
stabilite in questo articolo, sarà considerata dagli Assicuratori come se fosse fatta
dall’Assicurato stesso;
7.3 l’Assicu...
NORME CHE REGOLANO L'ASSICURAZIONE DELLA
           RESPONSABILITA' CIVILE PATRIMONIALE DELLA PUBBLICA
                   ...
L’Assicurazione è prestata con l’applicazione di una franchigia fissa per singolo Sinistro come da
importo indicato nella ...
(cinque) anni a partire dalla data di cessazione dal servizio, a copertura dei Sinistri che abbiano
luogo dopo la cessazio...
Art. 26 - Gestione delle vertenze di Sinistro - Spese legali
Ove ricorrano tutte le condizioni e delimitazioni previste da...
Contratto, purché derivanti da comportamenti colposi posti in essere da uno o più dei Dipendenti
durante la Durata del Con...
corporali, ancorché conseguenti ad inadempimento ed inesatto adempimento delle obbligazioni
assunte dall’impresa cottimist...
Considerazioni sulla polizza di assicurazione con la quale un ente Pubblico
 assicura i propri Amministratori per i rischi...
Differentemente l’attività dannosa posta dai medesimi soggetti con “colpa grave” e/o “dolo”
è irriconducibile alla soggett...
Qualora, però, il contratto, contenente la copertura assicurativa definita nulla, contenga
anche ulteriori pattuizioni (ad...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

La Responsabilità Civile verso Terzi per perdite patrimoniali delle Pubbliche Amministrazioni Centrali e Locali (Garanzia c.d. Ente Assicurato o Colpa Lieve)

1,672

Published on

La Responsabilità Civile verso Terzi per perdite patrimoniali delle Pubbliche Amministrazioni Centrali e Locali (Garanzia c.d. Ente Assicurato o Colpa Lieve)

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,672
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "La Responsabilità Civile verso Terzi per perdite patrimoniali delle Pubbliche Amministrazioni Centrali e Locali (Garanzia c.d. Ente Assicurato o Colpa Lieve)"

  1. 1. Assicurazione Responsabilità civile verso Terzi per perdite patrimoniali delle PubblicheAmministrazioni Centrali, Locali e Sue Agenzie Garanzia Ente Assicurato o c.d. Colpa Lieve - Schema Lloyd’s 2009 Arranged by AEC SpA Lloyd’s Correspondent Underwritten 100% by certain syndicates at Lloyd’s
  2. 2. INTRODUZIONE Anche quest’anno la AEC SpA, ha rinnovato gli accordi di piazzamento – con alcuni Sottoscrittori dei Lloyd’s – che permettono a tutti gli Enti Pubblici, di stipulare a condizioni di favore, una copertura assicurativa per garantire la Responsabilità Civile derivante all' Ente Pubblico assicurato, per Perdite Patrimoniali cagionate a terzi in conseguenza di atti od omissioni commessi nell’esercizio dell’attività istituzionale da parte delle persone che hanno un rapporto di dipendenza o mandato con l’Ente Assicurato (c.d. <colpa lieve>) e con copertura separata per la Responsabilità Professionale, Civile ed Amministrativa di ogni Amministratore e/o Dipendente interessato (c.d <colpa grave>). Nel presente documento troverete un riepilogo delle principali garanzie prestate dalla polizza di Responsabilità Civile derivante all' Ente Pubblico assicurato, per Perdite Patrimoniali cagionate a terzi in conseguenza di atti od omissioni commessi nell’esercizio dell’attività istituzionale da parte delle persone che hanno un rapporto di dipendenza o mandato con l’ente (c.d. <colpa lieve>); per ulteriori informazioni potete contattare AEC S.p.A. al numero unico 199.232.772 oppure inviare una E-mail all’indirizzo info@aecunderwriting.it o visitare i nostri siti http://www.aecunderwriting.it www.aecpiccolicomuni.it. AEC AGENZIA DI ASSICURAZIONE E RIASSICURAZIONE SPA CORRISPONDENTE DEI LLOYD’S SEDE LEGALE E DIREZIONE GENERALE: P.ZZA DELLE MUSE, 7 - 00197 ROMA FILIALE DI MILANO: CORSO DI PORTA VITTORIA 29 - 20122 MILANO P. IVA : 02170331207 - REA N. 1003434 - ISCRIZIONE AL RUI A000072848 NUMERO UNICO 199 199 626 Sito Internet : WWW.AECUNDERWRITING.IT - Email : INFO@AECUNDERWRITING.IT
  3. 3. POLIZZA RCT PER PERDITE PATRIMONIALI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Assicuratore: Alcuni sottoscrittori dei Lloyd’s; (I Lloyd’s sono il mercato assicurativo leader nel mondo. Sono il secondo assicuratore al mondo di rischi commerciali ed il sesto più importante gruppo riassicurativo. Dal 1986 i Lloyd’s sono autorizzati ad operare in Italia, dove svolgevano attività prevalentemente riassicurative già da molti anni. L’Ufficio di Rappresentanza dei Lloyd’s in Italia ha sede a Milano. L’Italia rappresenta uno dei maggiori mercati per i Lloyd’s in Europa. Nel 2007 il fatturato generato dall’Italia ammontava a oltre 400 milioni di euro, ripartito fra assicurazioni dirette e riassicurazioni). Per ogni ulteriore informazione potrete visitare il sito www.lloyds.com Assicurato: Qualsiasi organismo della Pubblica Amministrazione che contrae questa assicurazione, compresi tutti gli uffici, i servizi e i distaccamenti di cui si compone. Oggetto della L’assicurazione terrà indenne l’Assicurato, quale organo della Pubblica garanzia: Amministrazione, in tutti quei casi in cui: sia tenuto a risarcire al terzo danneggiato le Perdite Patrimoniali derivanti da atti od omissioni colposi commessi nell’esercizio dell’attività istituzionale da parte di uno o più dei Dipendenti assicurati; sia tenuto a risarcire al terzo danneggiato le Perdite Patrimoniali derivanti da atti od omissioni colposi commessi nell’esercizio dell’attività istituzionale da parte di uno o più dei Dipendenti assicurati e si sia prodotta una differenza tra l’ammontare pagato dall’Assicurato e l’ammontare che la Corte dei Conti abbia posto a personale carico del o dei Dipendenti responsabili per colpa grave; abbia sofferto un pregiudizio economico in conseguenza dell’azione diretta della Corte dei Conti per danni erariali nei confronti di uno o più dei Dipendenti assicurati e, per effetto dell’esercizio del potere riduttivo da parte della stessa Corte dei Conti, sia rimasta a carico dell’Assicurato la differenza tra l’ammontare del danno erariale pagabile e l’ammontare che la Corte dei Conti abbia posto a personale carico del o dei Dipendenti responsabili. Massimali da € 100.000,00 fino a € 10.000.000,00, per sinistro e per anno, con il limite Assicurabili: massimo di € 20.000.000,00 in caso di corresponsabilità in uno stesso sinistro di più soggetti per cui l’Ente contraente è Assicurato; Periodo di L'Assicurazione vale per le richieste di risarcimento presentate per la prima volta validità all'Assicurato nel corso del periodo di efficacia dell'Assicurazione, a condizione temporale: che tali richieste siano conseguenti a comportamenti colposi posti in essere entro la data di stipula della Polizza (periodo di garanzia retroattiva che può essere ampliato da un anno fino ad un numero di anni illimitato). l'Assicurazione è inoltre operante per i Sinistri denunciati agli Assicuratori nei due anni successivi alla scadenza della Polizza (periodo di garanzia postuma che può essere ampliato fino a cinque anni nei casi di cessazione di attività da parte dell’Assicurato). Testo Lloyd’s 2008/2009 2 AEC S.p.A.
  4. 4. Garanzie Perdite per interruzione o sospensione di Direzione e sorveglianza della sempre attività di Terzi; esecuzione dei lavori, e/o operanti: Perdite Patrimoniali per l’attività esecuzione di collaudo statico connessa all’assunzione del Personale; dell’opera, nonché attività di smarrimento, distruzione o deterioramento Responsabile del Procedimento, di atti, documenti o titoli non al portatore; o di soggetto che svolge attività Attività di rappresentanza; di supporto al Responsabile del responsabilità derivante dal D.Lgs 81/08; Procedimento; Responsabilità patrimoniale derivante dal Copertura delle circostanze D.lgs 196/2003 sulla protezione dei dati denunciate durante il periodo di personali; assicurazione anche nei casi in cui non vi è una specifica richiesta di risarcimento; Principali La colpa grave e la Responsabilità Danni relativi a lesioni fisiche o esclusioni: amministrativa e amministrativa contabile materiali e comunque danni dei singoli Dipendenti o Amministratori; conseguenti all’esercizio medico Danni Materiali (con esplicita deroga per i sanitario da parte Dipendenti Tecnici); dell’Assicurato; Stipulazione, e/o la mancata stipulazione, Guerra (dichiarata e non), e/o la modifica, di assicurazioni; invasione, atti di nemici esterni Mancato o tardivo pagamento di Premi; e eventi sociopolitici; Dolo accertato; Multe, ammende, sanzioni Inquinamento; inflitte all’Assicurato; Calunnia, ingiuria, diffamazione; Possesso, custodia o uso, di autoveicoli, rimorchi, natanti o velivoli; Franchigie : € 5.000,00 per i Comuni con meno di 20.000 abitanti, i Consorzi, le Comunità montane le Università e le CCIAA; € 10.000,00 per i Comuni fino a 30.000 abitanti; € 15.000,00 per i Comuni fino a 40.000 abitanti; € 20.000,00 per i Comuni fino a 50.000 abitanti; € 25.000,00 per i Comuni oltre a 50.000 abitanti; Testo Lloyd’s 2008/2009 3 AEC S.p.A.
  5. 5. Certificati La Polizza prevede la possibilità, su richiesta dell’assicurato, di poter essere Merloni: estesa alle richieste previste dalla ex legge Merloni e oggi secondo quanto previsto dall’art. 90, comma 5, Decreto Legislativo 163/06 come da modello previsto dal DM 123/04 (Schema Tipo Ministeriale 2.1). Tale estensione è concessa con emissione di appositi certificati di assicurazione avente durata pari a quella dei lavori e con massimale pari al 10% del valore delle opere progettate a copertura dei maggiori costi derivanti dalla errata progettazione. Saranno emessi tanti certificati quante progettazioni saranno state redatte dai progettisti assicurati con massimali separati e durata svincolata dalla polizza base. Testo Lloyd’s 2008/2009 4 AEC S.p.A.
  6. 6. POLIZZA DI ASSICURAZIONE PER LA RESPONSABILITA' CIVILE PATRIMONIALE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE (C.d. COLPA LIEVE - ENTE ASSICURATO) Questa assicurazione è prestata nella forma “CLAIMS MADE” ossia a coprire i Sinistri che producano gli effetti previsti in polizza e che abbiano luogo per la prima volta durante il Periodo di Assicurazione e siano notificati agli Assicuratori durante lo stesso periodo. Si vedano le definizioni che seguono. DEFINIZIONI Ai seguenti termini, le parti attribuiscono il significato qui precisato: Contraente: l’organismo della Pubblica Amministrazione che contrae questa assicurazione. Assicurato:il Contraente, compresi tutti gli uffici, i servizi e i distaccamenti di cui si compone. Pubblica Amministrazione: Regioni, Province, Comuni, Comunità Montane, Aziende Speciali, Consorzi Pubblici, Ipab, Case di Riposo, ATER, USSL, ASL, Ospedali, Case di Riposo Pubbliche, lo Stato ed Enti Pubblici in genere, e comunque ogni ente la cui attività sia soggetta alla giurisdizione della Corte dei Conti. Dipendente:ognuna delle persone indicate nella Scheda di Copertura e ivi identificate nominativamente oppure genericamente per gruppi o categorie, la quale partecipi alle attività istituzionali del Contraente, anche se non alle sue dirette dipendenze, e abbia pertanto un rapporto di servizio o un mandato con la Pubblica Amministrazione. Dipendente Tecnico: qualsiasi persona, regolarmente abilitata o comunque in regola con le disposizioni di legge per l’affidamento dell’incarico professionale, che si trova alle dipendenze del Contraente che dirige e/o segue e sorveglia l’esecuzione dei lavori, e/o esegue il collaudo statico dell’opera, non che il Responsabile del Procedimento, il soggetto che svolge attività di supporto al Responsabile del Procedimento e a qualsiasi altra persona fisica in rapporto di dipendenza con il Contraente che svolga attività tecniche previste dalla normativa in vigore per conto e nell’interesse della Pubblica Amministrazione. Gli Assicuratori: alcuni sottoscrittori dei LLOYD'S OF LONDON. Sinistro:si configura un Sinistro quando l’Assicurato, per la prima volta nel corso del Periodo di Assicurazione, riceve una comunicazione con la quale viene ritenuto responsabile per Danni in sede civile o amministrativa, o con la quale gli viene fatta formale richiesta di risarcimento di tali danni, oppure quando taluno dei Dipendenti sopra definiti riceve un’informazione di garanzia o la notifica dell’avvio di un procedimento per Responsabilità Amministrativa. Danno:qualsiasi pregiudizio subito da terzi suscettibile di valutazione economica. Danni Materiali:il pregiudizio economico subito da terzi conseguente a danneggiamento di cose od animali, lesioni personali, morte. Perdite Patrimoniali:il pregiudizio economico subito da terzi che non sia conseguenza di Danni Materiali. Testo Lloyd’s 2008/2009 5 AEC S.p.A.
  7. 7. Responsabilità Civile:la responsabilità che possa gravare sull’Assicurato in funzione dell’esercizio da parte di taluno dei Dipendenti sopra definiti delle funzioni e attività ai sensi dell’art. 2043 e successivi articoli del C.C. e dell’art. 28 della Costituzione, per Perdite Patrimoniali arrecati a terzi, ivi inclusa la lesione di interessi legittimi. Responsabilità Amministrativa: la responsabilità gravante su taluno dei Dipendenti sopra definiti, avendo disatteso obblighi o doveri derivanti dal proprio mandato o dal proprio rapporto di servizio con la Pubblica Amministrazione, abbia cagionato una Perdita Patrimoniale all’Assicurato, ad un altro Ente Pubblico o, più in generale, alla Pubblica Amministrazione o allo Stato. Responsabilità Amministrativa -Contabile: la Responsabilità Amministrativa sopra definita, gravante su taluno dei Dipendenti sopra definiti quando agisca quale “agente contabile” nella gestione di beni, valori o denaro pubblico. Indennizzo: la somma dovuta dagli Assicuratori in caso di Sinistro che produca gli effetti previsti in polizza. Massimale:la massima esposizione degli Assicuratori per ogni Sinistro. Durata del Contratto: il periodo che ha inizio e termine alle date fissate nella Scheda di Copertura. Periodo di Assicurazione: se la Durata del Contratto è inferiore o uguale a 18 (diciotto) mesi, il Periodo di Assicurazione coincide con tale durata. In caso contrario, il Periodo di Assicurazione corrisponde separatamente a ciascuna annualità della Durata del Contratto, distinta dalla precedente e dalla successiva annualità. Il primo Periodo di Assicurazione ha effetto alla data e all’ora d’inizio della Durata del Contratto. Periodo di Efficacia: il periodo intercorrente tra la data di retroattività convenuta, quale indicata nella Scheda di Copertura, e la data di scadenza della Durata del Contratto. Scheda di Copertura: il documento, annesso a questa polizza per farne parte integrante, nel quale figurano i dettagli richiamati nel testo. Testo Lloyd’s 2008/2009 6 AEC S.p.A.
  8. 8. CONDIZIONI GENERALI DI ASSICURAZIONE Art. 1 - Dichiarazioni relative alle circostanze del rischio Le dichiarazioni inesatte o le reticenze dell'Assicurato relative a circostanze che influiscono sulla valutazione del rischio, possono comportare la perdita totale o parziale del diritto all'Indennizzo, nonché la stessa cessazione dell'assicurazione, ai sensi degli Art. 1892, 1893 e 1894 del Codice Civile Italiano, unicamente in caso di dolo. Art. 2 - Altre assicurazioni L'Assicurato deve comunicare per iscritto agli Assicuratori l'esistenza e la successive stipulazione di altre assicurazioni per lo stesso rischio. In caso di Sinistro, l'Assicurato deve darne avviso a tutti gli Assicuratori, indicando a ciascuno il nome degli altri (art. 1910 C.C.). Art. 3 - Pagamento del Premio L'Assicurazione ha effetto dalle ore 24 del giorno indicato in polizza se il premio o la prima rata di premio sono stati pagati; altrimenti ha effetto dalle ore 24 del giorno del pagamento. A parziale deroga dell’art. 1901 del C.C. le garanzie saranno valide anche se il premio sarà corrisposto entro 30 (trenta) giorni successivi alla data di decorrenza dell’assicurazione. Se l'Assicurato non paga i premi o le rate di premio successive, l'assicurazione resta sospesa dalle ore 24 del 30' giorno dopo quello della scadenza e riprende vigore dalle ore 24 del giorno del pagamento, ferme le successive scadenze (art. 1901 C.C.). Art. 4 - Modifiche dell'Assicurazione Le eventuali modifiche dell'assicurazione devono essere provate per iscritto. Art. 5 - Aggravamento del rischio L'Assicurato deve dare comunicazione scritta agli Assicuratori di ogni aggravamento del rischio. Gli aggravamenti di rischio non noti e non accettati dagli Assicuratori possono comportare la perdita totale o parziale del diritto all'Indennizzo, nonché la stessa cessazione dell'assicurazione (art. 1898 C.C.). Art. 6 - Diminuzione del rischio Nel caso di diminuzione del rischio, gli Assicuratori sono tenuti a ridurre il premio o le rate di premio successive alla comunicazione dell'Assicurato (art. 1897 C.C.) e rinunciano al relativo diritto di recesso. Articolo 7 - Obblighi dell'Assicurato in caso di Sinistro (Copertura delle circostanze denunciate durante il periodo di assicurazione nei casi in cui non vi è una specifica richiesta di risarcimento) Nonostante i provvedimenti di qualunque clausola o condizione contenuta nella presente polizza, in caso di Sinistro si applicano le seguenti condizioni: 7.1 l'Assicurato, entro 30 giorni da quando si è verificata una delle seguenti circostanze, deve darne avviso scritto anche a mezzo telex o telefax agli Assicuratori, fornendo le precisazioni necessarie e opportune con i dettagli relativi a date e persone coinvolte: 7.1.1 qualsiasi richiesta di risarcimento presentata all’Assicurato; 7.1.2 qualsiasi diffida scritta o verbale ricevuta dall’Assicurato, in cui un terzo esprima l’intenzione di richiedere dall’Assicurato il risarcimento dei Danni subiti; 7.1.3 qualsiasi circostanza di cui l’Assicurato venga a conoscenza che si presuma possa ragionevolmente dare origine ad una richiesta di risarcimento nei confronti dell’Assicurato. L’eventuale richiesta di risarcimento pervenuta in seguito alle comunicazioni specificate ai punti 7.1.2 e 7.1.3 sarà considerata come se fosse stata fatta durante il Periodo di Assicurazione. 7.2 la denuncia di cui sopra, così come ogni comunicazione volta a interrompere il decorrere della prescrizione, se fatta dal Contraente per conto dell’Assicurato nei termini e con le modalità Testo Lloyd’s 2008/2009 7 AEC S.p.A.
  9. 9. stabilite in questo articolo, sarà considerata dagli Assicuratori come se fosse fatta dall’Assicurato stesso; 7.3 l’Assicurato dovrà dare agli Assicuratori tutte le informazioni e dovrà collaborare con essi nei limiti del possibile, e non rivelerà ad alcuno l’esistenza della presente Polizza senza la loro autorizzazione. 7.4 considerato che questa è un’assicurazione nella forma «claims made», quale temporalmente delimitata in questa polizza, l’omessa denuncia del Sinistro durante il Periodo di Assicurazione - fermo restando quanto precisato ai comma 7.1. e 7.2 sopra - comporta la perdita del diritto dell’Assicurato all’Indennizzo. 7.5 senza il previo consenso scritto degli Assicuratori, l’Assicurato non deve ammettere sue responsabilità, definire o liquidare danni, procedere a transazioni o compromessi, o sostenere spese al riguardo. Art. 8 – Cessazione del contratto La presente assicurazione cessa alla sua naturale scadenza senza obbligo di disdetta da nessuna delle parti. Se la presente assicurazione sarà stipulata per un periodo di più annualità sarà comunque in facoltà delle parti di rescinderla al termine di ogni periodo assicurativo annuo mediante lettera raccomandata da spedirsi almeno 60 giorni prima della scadenza annuale. Art. 9 - Oneri fiscali Gli oneri fiscali relativi all'assicurazione sono a carico dell’Assicurato. Art. 10 - Foro competente Foro competente è esclusivamente quello del luogo in cui ha sede l’Assicurato. Art. 11 - Rinvio alle norme di legge Per tutto quanto non è qui diversamente regolato, valgono le norme di legge. Testo Lloyd’s 2008/2009 8 AEC S.p.A.
  10. 10. NORME CHE REGOLANO L'ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITA' CIVILE PATRIMONIALE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Art. 12 – Oggetto dell'assicurazione Ferme restando tutte le condizioni ed i termini stabiliti dalle norme contrattuali disciplinati dalla presente polizza, l’assicurazione terrà indenne l’Assicurato, quale organo della Pubblica Amministrazione, nei casi in cui: a) l’Assicurato sia tenuto a risarcire al terzo danneggiato le Perdite Patrimoniali derivanti da atti od omissioni colposi commessi nell’esercizio dell’attività istituzionale da parte di uno o più dei Dipendenti indicati sulla Scheda di Copertura; b) l’Assicurato sia tenuto a risarcire al terzo danneggiato le Perdite Patrimoniali derivanti da atti od omissioni colposi commessi nell’esercizio dell’attività istituzionale da parte di uno o più dei Dipendenti indicati sulla Scheda di Copertura e si sia prodotta una differenza tra l’ammontare pagato dall’Assicurato e l’ammontare che la Corte dei Conti abbia posto a personale carico del o dei Dipendenti responsabili per colpa grave; c) l’Assicurato abbia sofferto un pregiudizio economico in conseguenza dell’azione diretta della Corte dei Conti per danni erariali nei confronti di uno o più dei Dipendenti indicati sulla Scheda di Copertura e, per effetto dell’esercizio del potere riduttivo da parte della stessa Corte dei Conti, sia rimasta a carico dell’Assicurato la differenza tra l’ammontare del danno erariale pagabile e l’ammontare che la Corte dei Conti abbia posto a personale carico del o dei Dipendenti responsabili restando inteso e convenuto tra le parti che gli Assicuratori saranno obbligati solo ed in quanto sia stata accertata con sentenza definitiva del tribunale competente la sussistenza della Responsabilità Civile dell’Assicurato per fatto commesso da taluno dei suddetti Dipendenti, oppure della Responsabilità Amministrativa o Responsabilità Amministrativa-Contabile di uno o più sogetti indicati nella Scheda di Copertura con sentenza definitiva della Corte dei Conti. La garanzia di cui sopra comprende le Perdite Patrimoniali conseguenti a smarrimento, distruzione o deterioramento di atti, documenti o titoli non al portatore purché non derivanti da incendio, furto o rapina. Art. 13 - Perdite per interruzione o sospensione di attività di Terzi L’Assicurazione di cui all’Art 12 comprende le Perdite Patrimoniali sofferte da terzi a seguito di interruzioni o sospensioni totali o parziali di attività industriali, commerciali, artigianali, agricole o di servizi. Art. 14 – Perdite Patrimoniali per l’attività connessa all’assunzione del Personale L’Assicurazione di cui all’Art 12 comprende le Perdite Patrimoniali derivanti dall’attività connessa all’assunzione e gestione del personale.. Art. 15 - Limiti di Indennizzo - Franchigia Relativamente all’attivita’ di ciascuna delle persone indicate nella Scheda di Copertura, l’Assicurazione è prestata fino alla concorrenza del Massimale stabilito nella Scheda di Copertura per ciascun Sinistro e cumulativamente per l’insieme di tutti i Sinistri verificatisi in uno stesso Periodo di Assicurazione, indipendentemente dal numero dei Sinistri notificati dall’Assicurato durante lo stesso periodo. In caso di corresponsabilità tra più Dipendenti nello stesso Sinistro, gli Assicuratori risponderanno fino e non oltre il limite di indennizzo cumulativo di EUR20.000.000,00 indipendentemente dal numero dei Dipendenti coinvolti. Restano fermi i limiti di indennizzo stabiliti all’articolo 18che segue. Testo Lloyd’s 2008/2009 9 AEC S.p.A.
  11. 11. L’Assicurazione è prestata con l’applicazione di una franchigia fissa per singolo Sinistro come da importo indicato nella scheda di copertura. Art. 16 - Rischi esclusi dall'assicurazione L'Assicurazione non vale per i Sinistri relativi a: a) Danni Materiali di qualsiasi tipo salvo quanto precisato all’ultimo comma dell’art. 12 che precede e/o conseguenti ad errori professionali dei Dipendenti Tecnici riportati nella Scheda di Copertura; b) attività svolta da taluno dei Dipendenti definiti in polizza quali componenti di consigli di amministrazione o collegi sindacali, di altri Enti della Pubblica Amministrazione e/o enti privati salvo quanto precisato dall’Art. 23; c) la stipulazione, e/o la mancata stipulazione, e/o la modifica, di assicurazioni, nonché il pagamento e/o mancato o tardivo pagamento di premi; d) azioni od omissioni imputabili all’Assicurato a titolo di dolo di uno o più Dipendenti, accertato con provvedimento definitivo dell’autorità competente; e) inquinamento di qualsiasi genere di aria, acqua e suolo; danno ambientale in generale; la presenza e gli effetti, diretti e indiretti, di amianto o di muffa tossica di qualsiasi tipo; f) il possesso, la custodia o l’uso, da parte di qualsiasi persona, di autoveicoli, rimorchi, natanti o velivoli, esclusa comunque ed in ogni caso la Responsabilità Civile di cui alla legge 990 del 1969 D. Lgs 209/2005 – titolo X; g) le responsabilità, accertate con provvedimento definito dell’autorità competente, che gravino personalmente su qualsiasi Dipendente per colpa grave e per Responsabilità Amministrativa o Amministrativa Contabile; h) fatti o circostanze pregresse già note all’Assicurato e/o denunciate prima della data d’inizio della Durata del Contratto; nonché per i Danni: i) derivanti da sviluppo comunque insorto, controllato o meno di energia nucleare o di radioattività; l) derivanti direttamente o indirettamente da guerra (dichiarata e non), invasione, atti di nemici esterni, ostilità (con o senza dichiarazione di guerra), guerra civile, ribellione, rivoluzione, insurrezione, usurpazione di potere, occupazione militare, tumulti popolari, scioperi, sommosse. atti di terrorismo o di sabotaggio organizzato; Art. 17 – Assicurazione “Claims made” - Retroattività L’Assicurazione è prestata nella forma “claims made” e vale per i Sinistri che abbiano luogo per la prima volta nel corso del Periodo di Assicurazione e che siano regolarmente denunciati agli Assicuratori durante lo stesso periodo, a condizione che siano conseguenti a comportamenti colposi posti in essere da uno o più dei Dipendenti durante il Periodo di Efficacia quale definito in questa polizza e a condizione che non siano già noti all’Assicurato o già sottoposti all’esame della Corte dei Conti. Agli effetti di quanto disposto dagli articoli 1892 e 1893 del Codice Civile l’Assicurato, dopo appropriati accertamenti, dichiara che al momento della stipulazione di questo contratto non ha ricevuto comunicazioni, richieste o notifiche che possano configurare un Sinistro quale definito in questa polizza. L’assicurazione cessa automaticamente relativamente al Dipendente licenziato per giusta causa. Art. 18 - Garanzia Postuma L’Assicurazione è operante per i Sinistri che abbiano luogo durante un periodo di garanzia postuma di 2 (due) anni successivi alla data di scadenza della Durata del Contratto, purché derivanti da comportamenti colposi posti in essere da uno o più dei Dipendenti durante la Durata del Contratto quale definito in questa polizza Altresì, relativamente al Dipendente che nel corso della Durata del Contratto cessi dal servizio o dalle sue funzioni per pensionamento, morte o qualsiasi altro motivo diverso dal licenziamento per giusta causa, l’assicurazione sarà operante durante un periodo di garanzia postuma di 5 Testo Lloyd’s 2008/2009 10 AEC S.p.A.
  12. 12. (cinque) anni a partire dalla data di cessazione dal servizio, a copertura dei Sinistri che abbiano luogo dopo la cessazione dal servizio e derivanti da comportamenti colposi posti in essere da uno o più dei Dipendenti durante la Durata del Contratto quale definito in questa polizza. Il Massimale stabilito nella Scheda di Copertura è l’obbligazione massima alla quale gli Assicuratori saranno tenuti, cumulativamente per tutti i Sinistri pertinenti all’intera durata della garanzia postuma. Si applica il disposto dell’articolo 7 e resta inteso che ogni annualità di garanzia postuma costituirà un Periodo di Assicurazione distinto e separato, quale definito in questa polizza. L’assicurazione cessa automaticamente relativamente al Dipendente licenziato per giusta causa. Qualora risulti che i Danni relativi a un Sinistro rientrante nella garanzia postuma sono risarcibili da altra assicurazione stipulata direttamente dall’Assicurato o da altri per suo conto, la garanzia postuma non sarà applicabile a tale Sinistro Art. 19 - Estensione territoriale L’assicurazione vale per i Sinistri derivanti da comportamenti colposi posti in essere nel territorio dell’Unione Europea, della Confederazione Svizzera, dello Stato Città del Vaticano o della Repubblica di San Marino. Nonostante quanto sopra, viene concordato che l’assicurazione è valida anche nei confronti di Dipendenti consolari e ambasciatoriali, purché debitamente indicati nella Scheda di Copertura, mentre prestano servizio anche in paesi diversi da quelli sopra citati, ma limitatamente alle Perdite Patrimoniali determinate ai termini della legge italiana ed esclusivamente in relazione ad attività previste e consentite dal loro contratto di lavoro o mandato specifico consolare o ambasciatoriale. Art. 20 Persone non considerate terzi Non sono considerate terzi il coniuge, i genitori, i figli di qualsiasi amministratore dell'Assicurato nonché qualsiasi altro parente o affine convivente con tale amministratore nonché le società di cui tale amministratore e taluna delle predette figure sia amministratore o componente del collegio sindacale, ad eccezione di quanto precisato all’Art 23 che segue. Art. 21 - Cessazione dell’assicurazione Oltre agli altri casi previsti dalla legge, e salva la garanzia postuma di cui all’Art. 18 della presente polizza, l’assicurazione decade relativamente al Dipendente dell'Assicurato che cessa dall'incarico istituzionale per pensionamento, per dimissioni o per altri motivi. Art. 22 - Vincolo di solidarietà L'Assicurazione vale esclusivamente per la personale responsabilità dell'Assicurato. In caso di responsabilità solidale dell'Assicurato con altri soggetti, gli Assicuratori risponderanno soltanto per la quota di pertinenza dell'Assicurato stesso. Art. 23 – Attività di rappresentanza Fermo restando quanto stabilito dall’Art. 16 b) si precisa che l’Assicurazione vale per gli incarichi anche di carattere collegiale e/o commissariale svolti dai singoli Dipendenti dell’Assicurato in rappresentanza e su mandato dell’Assicurato in uno o più organi collegiali. Art. 24 – Sinistri in serie In caso di Sinistri in serie, ossia risalenti tutti a una stessa causa provocatrice di Danni a più persone, la data in cui ha luogo il primo Sinistro regolarmente denunciato agli Assicuratori sarà considerata come data di tutti i successivi Sinistri, seppur notificati all’Assicurato in epoche diverse e successive e anche dopo la data di cessazione di questa assicurazione. Restano fermi i disposti dell’Art. 7 in quanto applicabili. Art. 25 - Copertura sostituti Nel caso di sostituzione temporanea o permanente di un o più Dipendenti dell’Assicurato, l’assicurazione s’intende automaticamente operante nei confronti dei relativi sostituti dal momento del loro incarico e l’ammontare del Premio relativo alla figura del sostituto sarà compensato con quello già corrisposto. Testo Lloyd’s 2008/2009 11 AEC S.p.A.
  13. 13. Art. 26 - Gestione delle vertenze di Sinistro - Spese legali Ove ricorrano tutte le condizioni e delimitazioni previste dall’Art. 12, gli Assicuratori assumono fino a quando ne hanno interesse la gestione delle vertenze sia in sede stragiudiziale che giudiziale, a nome dell'Assicurato, designando, ove occorra, legali o tecnici ed avvalendosi di tutti i diritti ed azioni spettanti all'Assicurato stesso con l’assenso dell’Assicurato. Sono a carico degli Assicuratori le spese sostenute per resistere all'azione promossa contro l'Assicurato, entro il limite di un importo pari al quarto del Massimale stabilito in polizza per il Danno cui si riferisce la domanda. Qualora la somma dovuta al danneggiato superi detto Massimale, le spese vengono ripartite fra Assicuratori e Assicurato in proporzione del rispettivo interesse, fermo restando il limite di un quarto del Massimale di cui sopra. La garanzia di cui alla presente condizione di polizza è prestata nei limiti previsti dall’art. 1917 c.c.; rimangono pertanto escluse dalla copertura assicurativa le spese legali sostenute per i procedimenti dinanzi al Tribunale Amministrativo Regionale, salvo che per la parte relativa alle pretese di risarcimento del danno che comportino un procedimento di accertamento di danno erariale dinanzi alla Corte dei Conti, escluso comunque i procedimenti che si concludono con una sentenza di proscioglimento. Gli Assicuratori non riconoscono spese incontrate dall'Assicurato per i legali che non siano da essi designati e non rispondono di multe o ammende né delle spese di giustizia penale. Art. 27 – Copertura a “Secondo Rischio” Qualora esistano o vengano stipulate altre assicurazioni, da chiunque contratte, a coprire le stesse responsabilità e a risarcire gli stessi Danni, si applica il disposto dell’Art. 2 che precede e l’assicurazione prestata con questo contratto opererà a “secondo rischio”, cioè a coprire quella parte dei Danni e delle spese che eccederà il Massimale o i Massimali previsti da tali altre assicurazioni, e ciò fino a concorrenza del Massimale stabilito in questa polizza e ferme le franchigie convenute. Resta fermo quanto disposto all’Art. 18, ultimo comma. Art. 28 – Clausola Broker Con la sottoscrizione della presente polizza, il Contraente, conferisce al Broker indicato nella Scheda di Copertura l’incarico di rappresentarlo ai fini di questo contratto di assicurazione; gli Assicuratori conferiscono al Corrispondente dei Lloyd’s AEC S.p.A. l’incarico di ricevere e trasmettere la corrispondenza relativa a questo contratto di assicurazione. E’ convenuto pertanto che : a ) ogni comunicazione fatta al Broker dal Corrispondente si considererà come fatta all’Assicurato; b ) ogni comunicazione fatta dal Broker al Corrispondente si considererà come fatta dall’Assicurato stesso; c ) ogni comunicazione fatta al Corrispondente si considererà come fatta agli Assicuratori; d ) ogni comunicazione fatta dal Corrispondente si considererà come fatta dagli Assicuratori stessi. CONDIZIONI SPECIALI (operanti solo se espressamente richiamate) 1. Garanzia Postuma 5 anni L’Assicurazione delimitata in polizza è operante per i Sinistri che abbiano luogo durante un periodo di garanzia postuma di 5 (cinque) anni successivi alla data di scadenza della Durata del Testo Lloyd’s 2008/2009 12 AEC S.p.A.
  14. 14. Contratto, purché derivanti da comportamenti colposi posti in essere da uno o più dei Dipendenti durante la Durata del Contratto quale definito in questa polizza Il Massimale stabilito nella Scheda di Copertura è l’obbligazione massima alla quale gli Assicuratori saranno tenuti, cumulativamente per tutti i Sinistri pertinenti all’intera durata della garanzia postuma. Si applica il disposto dell’articolo 7 e resta inteso che ogni annualità di garanzia postuma costituirà un Periodo di Assicurazione distinto e separato, quale definito in questa polizza. L’assicurazione cessa automaticamente relativamente al Dipendente licenziato per giusta causa. La garanzia postuma cessa automaticamente nel caso in cui venisse stipulata, direttamente dall’Assicurato o da altri per suo conto, un’altra assicurazione a coprire le stesse responsabilità e gli stessi danni. Ferme restando tutte le altre condizioni di assicurazione. 2. Differenza in Massimali Si prende atto che in considerazione del fatto che l’Assicurato abbia dichiarato l’esistenza di un’altra assicurazione in corso, emessa da ………… a copertura dei medesimi rischi coperti dalla presente assicurazione, per un Massimale non inferiore a EUR 500.000 per singolo Sinistro e in aggregato annuo, nell’eventualità di un Sinistro coperto da entrambe le assicurazioni, questa copertura risponderà per i soli limiti in eccesso ai massimali previsti dall’altra assicurazione, sempre e comunque entro i limiti massimali previsti dalla presente polizza e sempre che l’Assicurato mantenga in vigore tale altra assicurazione fino alla scadenza del presente contratto. Ferme restando tutte le altre condizioni di assicurazione. 3. Estensione D.Lgs. 81/2008 Sempre che il relativo addetto, Dipendente dell’Assicurato, sia in possesso delle qualifiche legalmente richieste e che si sia sottoposto all’addestramento previsto dalla legge, e ferme restando tutte le altre condizioni ed esclusioni di polizza, l’Assicurazione delimitata in polizza è operante per le responsabilità poste a carico dell'Assicurato dalla normativa in materia di igiene (rumori, microclima, polveri e fumi, acque e vapore), sicurezza e salute dei lavoratori sui luoghi di lavoro; sono pertanto comprese in garanzia anche le attività svolte dal Dipendenti dell’Assicurato in funzione di: 1) "Datore di lavoro" e/o "Responsabile del servizio di prevenzione e protezione" ai sensi del Decreto Legislativo n. 81 del 2008 e successive modifiche e/o integrazioni. Si precisa che la copertura é pienamente operante anche in caso di Dipendenti che non abbiano seguito un idoneo corso, in quanto tale corso non viene per loro richiesto nell'ambito del medesimo decreto legislativo. 2) "Committente", "Responsabile dei lavori", Coordinatore per la Progettazione e/o Coordinatore per l’esecuzione dei lavori ai sensi del Decreto Legislativo n. 81 del 2008 e successive modifiche ed integrazioni. 4. “Levata Protesti” L’Assicurazione è estesa alle Perdite Patrimoniali cagionate a terzi nell’esercizio delle funzioni inerenti l’attività di levata protesti, ciò fino alla concorrenza del Massimale di Euro 150,000 per singolo Sinistro e per anno assicurativo. La garanzia è prestata con applicazione di uno scoperto del 10% per ogni Sinistro, con il massimo non indennizzabile di Euro 2,500. Ferme restando tutte le altre condizioni di Assicurazione. 5. Acquisizioni in economia Premesso che taluno dei Dipendenti dell’Assicurato sia stato legittimato a procedere ai sensi dell’art. 125 del D.Lgs 163/2006 all’acquisizione di lavori, servizi e forniture in economia mediante: a) amministrazione diretta b) procedura di cottimo fiduciario, l’assicurazione s’intende estesa entro il limite di Euro 211.000,00 per sinistro e per anno assicurativo alle responsabilità derivanti all’Assicurato in conseguenza di perdite patrimoniali, esclusi i danni materiali e Testo Lloyd’s 2008/2009 13 AEC S.p.A.
  15. 15. corporali, ancorché conseguenti ad inadempimento ed inesatto adempimento delle obbligazioni assunte dall’impresa cottimista. 6. Perdite Patrimoniali derivanti dall’attività di cui al D.Lgs. 196/2003 La garanzia di cui alla presente polizza comprende le Perdite Patrimoniali involontariamente cagionate da taluno dei Dipendenti dell’Assicurato a terzi in conseguenza di una non intenzionale violazione degli obblighi di legge, in relazione al trattamento dei dati personali, sia comuni che sensibili, dello stesso. La garanzia è valida a condizione che il trattamento dei dati personali predetti sia strettamente strumentale allo svolgimento delle attività istituzionali di tale Dipendente. La garanzia copre i danni cagionati in violazione dell’art. 11 del D.Lgs 196/2003 e comportanti un danno patrimoniale, anche ai sensi dell’art. 2050 c.c, e un danno non patrimoniale ai sensi dell’art. 2059 c.c. Testo Lloyd’s 2008/2009 14 AEC S.p.A.
  16. 16. Considerazioni sulla polizza di assicurazione con la quale un ente Pubblico assicura i propri Amministratori per i rischi derivanti dall’espletamento dei compiti istituzionali connessi con la carica e riguardanti la responsabilità per danni cagionati allo Stato o ad Enti Pubblici e la responsabilità contabile Desideriamo inoltre fornire alcune considerazioni, elaborate dal nostro Ufficio Legale, aggiornate al parere espresso recentemente dalla Corte dei Conti Sezione Regionale Emilia Romagna con la deliberazione n. 03/2009, riguardanti le disposizioni che il Legislatore, nella legge finanziaria per il 2008 (Legge 244 del 24.12.2007), ha introdotto con l’art. 3 comma 59, che riportiamo testualmente: “è nullo il contratto di assicurazione con il quale un ente pubblico assicura propri amministratori per i rischi derivanti dall'espletamento dei compiti istituzionali connessi con la carica e riguardanti la responsabilità per danni cagionati allo Stato o ad enti pubblici e la responsabilità contabile. I contratti di assicurazione in corso alla data di entrata in vigore della presente legge cessano di avere efficacia alla data del 30 giugno 2008. In caso di violazione della presente disposizione, l'amministratore che pone in essere o che proroga il contratto di assicurazione e il beneficiario della copertura assicurativa sono tenuti al rimborso, a titolo di danno erariale, di una somma pari a dieci volte l'ammontare dei premi complessivamente stabiliti nel contratto medesimo.” La novella, accogliendo l’unanime orientamento giurisprudenziale della magistratura contabile espressa sul punto negli anni (Sez. Giur. per la Lombardia n. 942 del 10.05.2002; Sez. Giur. per l’Umbria n. 553 del 1012.2002; Sez. Giur. per la Puglia n. 95 del 7.02.2004; Sez. Giur. per il Friuli Venezia Giulia n. 489/EL/00 del 19/10.2000; Sez. Giur. per la Sicilia nn. 3471/2005 del 4.1.2005, 3054/2006 del 25.10.2006, 734/2008 del 4.03.2008), di fatto, non rappresenta una vera e propria novità rispetto al “diritto reale” applicato nelle aule dei tribunali ed anzi, proprio l’esistenza di una copiosa giurisprudenza espressa in materia, permette all’interprete di riconoscere taluni elementi certi per analizzarne la ratio. In tal senso è bene altresì prendere in considerazione il parere espresso dalla Corte dei Conti Sezione Regionale Lombardia, con la deliberazione n. 57/2008 del 22 luglio 2008 (che potrete visionare nel nostro sito) ove il collegio si trovava a rispondere al quesito, nell’occasione avanzato dal Sindaco del Comune di Erba, in merito alla legittimità della stipulazione di un contratto assicurativo da parte dell’Ente Locale con il quale veniva assicurata, con premio a carico dell’Amministrazione, la responsabilità derivante agli amministratori per i danni cagionati a seguito di fatti commessi con “colpa lieve” con facoltà per gli Assicurati di estendere la copertura sui fatti commessi con “colpa grave”, previo pagamento di un ulteriore premio a carico delle persone fisiche interessate. Nell’occasione la Corte ha avuto modo di procedere a un excursus giuridico di particolare pregio individuando i limiti, gli ambiti applicativi e le motivazioni sottese all’emanazione della normativa in esame. Alla luce di tali interventi oggi è possibile chiarire il quadro del diritto applicabile alla fattispecie. Un Ente Pubblico può procedere ad assicurare, sopportando il premio della polizza, i rischi per circostanze, fatti ed eventi che rientrano nella propria sfera di responsabilità. Si è ritenuto che in tale categoria sia riconducibile la condotta del dipendente e dell’amministratore foriera di danno ma posta in essere dall’individuo con l’elemento soggettivo della “colpa lieve”. Testo Lloyd’s 2008/2009 15 AEC S.p.A.
  17. 17. Differentemente l’attività dannosa posta dai medesimi soggetti con “colpa grave” e/o “dolo” è irriconducibile alla soggettività dell’Amministrazione dovendo essere riferita alla sola sfera giuridica dell’agente. In tal caso, Il rapporto con l’Amministrazione, è solo occasionale, non potendosi riferire al pubblico datore di lavoro il danno conseguente, poiché l’elemento soggettivo preponderante nell’agente esclude il nesso di causalità con la persona giuridica stipulante la polizza. Quanto sopra esposto, ci fa ritenere che non si potrà più prevedere una estensione alla “colpa grave” in una copertura assicurativa avente come rischio “principale” la “colpa lieve” posto a carico dell’ente pubblico quale parte contraente, ma, per tale tipologia di rischio, occorrerà stipulare contratti separati con premi interamente a carico degli amministratori e dipendenti interessati. L’irriferibilità dell’azione dannosa del dipendente escluderebbe, come di fatto esclude, la possibilità dell’Amministrazione di sopportare il peso sia del risarcimento sia dell’assicurazione necessaria a sollevarlo. Del resto il danno cagionato dal dipendente in caso di condotta compiuta con colpa grave sarebbe posto in pregiudizio della stessa Amministrazione la quale non può evitare ad altri di poter risarcire in proprio favore le somme disposte in condanna dalla magistratura contabile. Così è apparso opportuno al Legislatore, dopo gli interventi delle Corti, codificare il divieto di stipula per tali polizze ritenendo nulla l’assicurazione sottoscritta dall’Amministrazione per sollevare i propri dipendenti per i danni dai medesimi cagionati in suo danno con condotta sostanzialmente volontaria o comunque gravemente colposa. Stante quanto chiarito, si rileva che una ulteriore motivazione è sottesa nella ratio della norma. La responsabilità per danno erariale, oltre alla funzione strettamente risarcitoria, ha anche scopi sanzionatori e deterrenti diretti nei confronti dei dipendenti pubblici, così come confermato da autorevole giurisprudenza (sent. Corte Costituzionale n. 371/98). Qualora l’Amministrazione, sopportando il costo del premio assicurativo necessario, potesse sollevare i propri Dipendenti dal rischio di incorrere in una condanna risarcitoria a tale titolo sarebbe totalmente vanificata l’ulteriore funzione sanzionatoria, in chiaro contrasto con la natura stessa dell’istituto. In accordo con il quadro normativo applicabile alla materia appare opportuno, altresì, chiarire che la regola, introdotta positivamente nella Legge Finanziaria 2008, è in aderenza al combinato disposto dell’art. 28 della Carta Costituzionale, ove si prevede l’estensione in capo allo Stato e agli Enti Pubblici, della responsabilità civile per gli illeciti commessi dai propri funzionari e dipendenti, e dell’art. 23 del DPR n. 3/1957, che limita la responsabilità alla violazione dei diritti dei terzi che l’impiegato abbia commesso per dolo o per colpa grave. Quindi risulta assai improbabile la possibilità di veder validati i contratti ritenuti nulli tentando di far valere l’applicazione di norme ulteriori che, ad oggi, non contrastano con l’articolo esaminato. Pertanto, così come recita l’articolo in commento, i contratti assicurativi stipulati in tal senso dalle Amministrazioni sono affetti da nullità radicale. Testo Lloyd’s 2008/2009 16 AEC S.p.A.
  18. 18. Qualora, però, il contratto, contenente la copertura assicurativa definita nulla, contenga anche ulteriori pattuizioni (ad. esempio la copertura assicurativa per la responsabilità degli amministratori da danno erariale cagionato per colpa lieve) queste continueranno ad essere considerate valide ed efficaci secondo il principio civilistico generale di conservazione del contratto, derivazione diretta dell’applicazione dell’art. 1419 codice civile. Infine è opportuno sottolineare quanto affermato recentemente dalla Corte dei Conti - Sezione Regionale del Controllo per l’Emilia Romagna con il parere n. 3/2009, reso su proposta del Sindaco del Comune di Mercato Saraceno il quale ha chiesto se la disciplina dettata dall’art. 3 comma 59 debba valere anche per quelle polizze che eventualmente includano nella copertura assicurativa i responsabili di settore e i dipendenti degli enti pubblici. In tale sede la Corte ha quindi chiarito l’interpretazione dell’art. 3 comma 59 sotto il profilo dell’estensione del divieto, ribadendo quanto già sostenuto da altre sezioni in precedenti pareri. In particolare è stato precisato che, sebbene il dato letterale della norma faccia riferimento esclusivamente agli “amministratori”, il divieto in essa sancito deve considerarsi riferito a tutti i pubblici dipendenti. Pertanto la nullità stabilita dall’art. 3 comma 59 deve considerarsi estesa a tutti i casi di polizze stipulate da amministrazioni pubbliche a favore dei propri dipendenti (e non solo degli amministratori) a copertura delle conseguenze derivanti da illeciti amministrativi di cui si rendano responsabili. Ciò in considerazione del fatto che, con tutta evidenza, la norma intende porre il divieto con riferimento alle ipotesi di responsabilità amministrativo-contabile, istituto che trova applicazione nei confronti di chiunque si trovi in un rapporto di servizio con la pubblica amministrazione e non limitato solo agli amministratori in carica in virtù di un mandato elettorale. È bene, da ultimo, segnalare l’elemento sanzionatorio della disciplina per cui “….In caso di violazione della presente disposizione, l'amministratore che pone in essere o che proroga il contratto di assicurazione e il beneficiario della copertura assicurativa sono tenuti al rimborso, a titolo di danno erariale, di una somma pari a dieci volte l'ammontare dei premi complessivamente stabiliti nel contratto medesimo.” Il dispositivo si riferisce direttamente e in via solidale al funzionario che dà corso alla stipula del contratto oltre che al beneficiario. Il Legislatore, sul punto, ha inteso evitare qualsiasi possibilità di aggiramento della sanzione, nel caso resa possibile dallo “spezzettamento” delle funzioni nelle Amministrazioni Pubbliche tra i funzionari e gli uffici. In caso di violazione della norma il risarcimento del danno erariale riconosciuto in favore dello Stato è definito per un ammontare particolarmente rilevante, ciò con il solo scopo deterrente, non rinvenendosi alcuna altra motivazione a determinarlo nell’indicata misura. Le considerazioni sino ad ora espresse, si riferiscono alle sole polizze stipulate dall’Amministrazione, non escludendo la norma, in ogni caso, la possibilità per i dipendenti pubblici di sottoscrivere essi stessi polizze assicurative a copertura del rischio in esame, sostenendo privatamente il pagamento del premio accordato con la Compagnia Assicurativa. Questo nuovo quadro normativo ha portato la nostra Agenzia di Sottoscrizione a concordare, con alcuni Sottoscrittori dei Lloyd’s, le soluzioni assicurative sopra illustrate, che riteniamo possano risolvere le esigenze assicurative degli Amministratori e Dipendenti pubblici, nel pieno rispetto dei dettami dell’articolo della Finanziaria 2008 sopra riportato e dei pareri sin qui raccolti e pubblicati sul nostro sito www.aecunderwriting.it. Per ulteriori approfondimenti sull’argomento potrete anche visitare il sito http://www.rischiprofessionali.it e www.aecpiccolicomuni.it Testo Lloyd’s 2008/2009 17 AEC S.p.A.

×