Informatica applicata ai beni culturali

761
-1

Published on

Le nuove tecnologie digitali stanno notevolmente influenzando i Beni Culturali, vediamo sempre più utilizzare software e tecnologie che favoriscono o migliorano la gestione, la conservazione, la catalogazione e la fruizione del bene culturale.

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
761
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
13
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Informatica applicata ai beni culturali

  1. 1. + LABORATORIO DI INFORMATICA Salvatore Paone
  2. 2. + Programma del corso 1. Fondamenti di Informatica 2. Gestione avanzata delle immagini 3. Telematica e Ipermedialità 4. Arte e Beni Culturali nell’Era Digitale 5. La Ricerca dell’Informazione per le Scienze Umane
  3. 3. + Materiale di Studio  AA.VV (2010), Informatica Umanistica, Milano, McGraw-Hill tutti i capitoli tranne il capitolo 4.  Fabio Brivio (2010), l'Umanista Informatico, Milano, Apogeo disponibile gratuitamente sul sito dell'editore in formato .epub e .mobi http://www.apogeonline.com/libri/9788850311002/scheda per la lettura di suddetti formati si consiglia Adobe Digital Editions http://www.adobe.com/products/digitaleditions/  Manuale ECDL CORE relativo al Syllabus 5.0 che abbia come riferimento Office 2007 o 2010: http://www.aicanet.it/aica/ecdl-core/la- certificazione/materiale-didattico  Lawrence Snyder, Alessandro Amoroso (2012), Fluency - Conoscere e usare l’informatica, Pearson. Bibliografia
  4. 4. + Materiale di Studio  http://www.creativecommons.it  http://download.html.it/guide/leggi/12/guida-licenze- software/  http://docs.gimp.org/it/  http://inkscape.org/doc/advanced/tutorial-advanced.it.html  http://www.liberliber.it/home/index.php  http://www.w3schools.com/ Sitografia
  5. 5. + Elaborati finali  Realizzazione dei seguenti elaborati proposti: ① Realizzazione di una Pagina Web di contenuto (sceglierne uno):  Storico Artistico  Archeologico  Archivistico-librario ② Ipotesi ricostruttiva di facciata con texture (pietra o marmo) ③ Vettorializzazione di elementi architettonici partendo da un’immagine raster e ipotesi ricostruttiva con texture marmo ④ Impaginazione in formato A4 in PDF degli step dell’elaborato 3
  6. 6. + Fondamenti di informatica  Con il termine "informatica" possiamo identificare la disciplina che si preoccupa di progettare sistemi per l'elaborazione automatica dell'informazione. Scopo fondamentale dell'informatica, quindi, è di elaborare dati per, partendo da uno stato iniziale, arrivare ad uno stato finale. Il mezzo tramite il quale effettuare questa elaborazione è solitamente il calcolatore (computer, elaboratore, ecc...); diciamo solitamente il calcolatore perché si potrebbe utilizzare anche un elaboratore "teorico" (i.e. formale) per effettuare il calcolo: per esempio una macchina di Turing.  Il termine "informatica" nasce con giustapposizione dei due termini "informazione" e "automatica”. Capitolo 1 del manuale: AA.VV (2010), Informatica Umanistica, Milano, McGraw-Hill
  7. 7. + Informatica ovvero il trattamento informatico dell’Informazione…
  8. 8. + DATO • Il dato è un insieme di simboli INFORMAZIONE • È un dato messo in relazione con qualcosa CONOSCENZA • Quando regole ci permettono di trarre vantaggio dall’informazione
  9. 9. + Gestione avanzata delle immagini  http://it.wikipedia.org/wiki/Grafica_ra ster  http://punto- informatico.it/s_3519333/Download/Ne ws/gimp-28.aspx  http://docs.gimp.org/2.2/it/gimp- dialogs-structure.html  http://docs.gimp.org/it/gimp-layer- menu.html  http://inkscape.org/doc/advanced/tuto rial-advanced.it.html  http://ug.audero.it/2012/06/13/a- lezione-di-adobe-illustrator-curve-di- bezier/ Fare riferimento alla linkografia e alle seguenti slide
  10. 10. + Le immagini raster  Un modello di colore è un modo per descrivere e specificare un colore. Il termine è spesso usato liberamente per riferirsi sia al sistema di codifica colore che allo spazio di colore stesso.  Uno spazio di colore è un insieme di colori che può essere visualizzato o riconosciuto da un dispositivo di ingresso o di uscita (come un digitalizzatore, un monitor, una stampante, ecc.). Proprietà principale di un'immagine è la sua modalità. Ci sono diverse possibili modalità colore, tra i più importanti: RGB, scala di grigi, indicizzata e CMYK
  11. 11. + Le immagini raster  RGB, un acronimo che in inglese sta per Rosso-Verde-Blu (Red- Green-Blue), indica che ogni punto dell'immagine è rappresentato da un livello "rosso", uno "verde" e uno "blu”.  Secondo il modello RGB, ciascuna sfumatura di ciascuno dei 3 colori (rosso, verde e blu) è rappresentata da un numero che va da 0 a 255. Per esempio, il colore nero è rappresentato dal valore RGB '0 0 0' (R=0, G=0 e B=0) mentre il colore bianco è rappresentato dal valore RGB '255 255 255' (R=255 G=255 e B=255).  Questo modello rappresenta il modo secondo il quale il computer 'vede' i colori può rappresentare più di 16 milioni di colori. Modalità colore: RGB
  12. 12. + Le immagini raster  In un'immagine in scala di grigi, ogni punto è rappresentato da un valore di luminosità che varia da 0 (nero) a 255 (bianco),con i valori intermedi che rappresentano diversi livelli di grigio. La scala di grigi è un modo di codificare i colori di un'immagine che contiene solo bianco, nero e sfumature di grigio. Modalità colore: Scala di grigi
  13. 13. + Le immagini raster  Essenzialmente la differenze tra un'immagine in scala di grigi e un'immagine RGB è il numero dei "canali di colore": un'immagine in scala di grigi ne ha solo uno; un'immagine RGB ne possiede tre. Un'immagine RGB può essere pensata come la sovrapposizione di tre immagini in scala di grigi sovrapposte, ognuna con un filtro colorato rispettivamente di rosso, verde e blu. Modalità colore: differenze fra RGB e Scala di grigi
  14. 14. + Giocando con le modalità colore
  15. 15. + Le immagini raster  In un'immagine indicizzata vengono usati solo un numero limitato di colori, 256 o meno. Questi colori formano la "mappa colore" dell'immagine e ad ogni punto nell'immagine viene assegnato un colore della mappa. Le immagini indicizzate hanno il vantaggio che possono essere rappresentate su di un computer in un modo che permette un uso molto limitato della memoria e molto tempo fa, informaticamente parlando, (diciamo dieci anni fa), erano molto usate. Ora vengono usate meno, ma sono ancora tanto importanti da essere supportate da SW come PHOTOSHOP e GIMP. Modalità colore: Immagini indicizzate
  16. 16. + Le immagini raster  CMYK è un modello di colore che ha componenti per il ciano, magenta, giallo e nero. È un modello di colore sottrattivo e perciò è importante per le immagini stampate. È complementare al modello di colore RGB.  I valori dei singoli colori variano tra 0% e 100%, dove 0% corrisponde ad un colore non stampato e 100% corrisponde ad un'area completamente stampata con tale colore. I colori sono formati mescolando questi tre colori fondamentali.  L'ultimo di questi valori, K (N.d.T: per blacK = nero), non contribuisce al colore ma serve a diminuire la luminosità degli altri colori. La lettera K viene usata per evitare confusione, dato che la B normalmente viene usata per il colore blu. Modalità colore: CMYK
  17. 17. + Le immagini raster Modalità PHOTOSHOP GIMP RGB ✔ ✔ Scala di grigi ✔ ✔ Indicizzato ✔ ✔ CMYK ✔ Tabella comparativa delle modalità colore GIMP attualmente non supporta il modello di colore CMYK. Un plugin sperimentale che fornisce un rudimentale supporto CMYK si trova su [PLUGIN-SEPARATE].
  18. 18. + Le immagini vettoriali Un'immagine descritta con la grafica vettoriale è chiamata immagine vettoriale.  La grafica vettoriale è una tecnica utilizzata in computer grafica per descrivere un'immagine.  Nella grafica vettoriale un'immagine è descritta mediante un insieme di primitive geometriche che definiscono punti, linee, curve e poligoni ai quali possono essere attribuiti colori e anche sfumature. È radicalmente diversa dalla grafica raster in quanto nella grafica raster le immagini vengono descritte come una griglia di pixel opportunamente colorati.
  19. 19. + Le immagini vettoriali Confronto tra un'immagine raster e una vettoriale ingrandita. a. immagine originale b. immagine vettoriale ingrandita 8x c. immagine raster ingrandita 8x
  20. 20. + Le immagini vettoriali I principali vantaggi della grafica vettoriale rispetto alla grafica raster sono i seguenti: 1. possibilità di esprimere i dati in una forma direttamente comprensibile ad un essere umano (es. lo standard SVG); 2. possibilità di esprimere i dati in un formato che occupi (molto) meno spazio rispetto all'equivalente raster; 3. possibilità di ingrandire l'immagine arbitrariamente,senza che si verifichi una perdita di risoluzione dell'immagine stessa. Vantaggi
  21. 21. + Telematica e Ipermedialità  La telematica (termine raramente sostituito da teleinformatica) è una disciplina scientifica e tecnologica che nasce dalla necessità di unificare metodologie e tecniche delle telecomunicazioni e dell'informatica per realizzare il trasferimento a distanza delle informazioni e delle elaborazioni.  Ipermedia o ipermedialità è un termine generico, derivato da ipertesto, che designa una raccolta di informazioni eterogenee, quali grafica, audio, video e testo, collegati tra loro in maniera non lineare. Il termine deriva dall'analogia con il termine multimedia.  Un classico esempio è il World Wide Web. Capitolo 3 del manuale: AA.VV (2010), Informatica Umanistica, Milano, McGraw-Hill
  22. 22. + World Wide Web  Gli ipermedia costruiti per Internet utilizzano il linguaggio HTML (Hyper Text Markup Language). Pagine e oggetti delle pagine vengono memorizzati in cartelle. Una cartella con il suo contenuto ipermediale è chiamata sito.  Il sito è locale quando la cartella risiede nel nostro pc, il sito è pubblico quando la cartella risiede in un server di Internet. In un sito pubblico tutti i navigatori di Internet accedono al contenuto ipermediale. La struttura del sito dipende principalmente dalla mappa concettuale e in secondo luogo dalla mappa delle pagine.Tale struttura, attraverso le sue cartelle, deve rispecchiare la struttura logico-concettuale dell’Ipermedia. HTML
  23. 23. + Arte e Beni Culturali nell’Era Digitale  È possibile, e in che modo, che gli straordinari strumenti informatici e telematici costruiti a partire da cinquanta-sessanta anni a questa parte dalla società post-industriale/post- moderna, vengano resi disponibili per l’accrescimento, la conservazione, la tutela, la fruizione e la valorizzazione del patrimonio culturale del nostro paese?  Lettura consigliata:  Conxa Rodà, Poject Manager del Museo Picasso ha realizzato questa bella presentazione Capitolo 5 del manuale: AA.VV (2010), Informatica Umanistica, Milano, McGraw-Hill
  24. 24. + Beni Culturali nell’Era Digitale  Beni culturali e musei nel web 2.0  Digital Libraries  Musei nel web  Catalogazione, standard nazionali e internazionali Le principali tematiche
  25. 25. + La Ricerca dell’Informazione per le Scienze Umane  Un metadato (dal greco meta- "oltre, dopo" e dal latino datum "informazione" - plurale: data), letteralmente "dato su un (altro) dato", è un'informazione che descrive un insieme di dati.  Un esempio tipico di metadati è costituito dalla scheda del catalogo di una biblioteca, la quale contiene informazioni circa il contenuto e la posizione di un libro, cioè dati riguardanti i dati che si riferiscono al libro. Un altro contenuto tipico dei metadati può essere la fonte o l'autore dell'insieme di dati descritto oppure le modalità d'accesso, con le eventuali limitazioni. Capitolo 6 del manuale: AA.VV (2010), Informatica Umanistica, Milano, McGraw-Hill
  26. 26. + La Ricerca dell’Informazione La funzione principale di un sistema di metadati è quella di consentire:  Ricerca, che consiste nell’individuare l’esistenza di un documento;  Localizzazione, ovvero rintracciare una particolare occorrenza del documento;  Selezione, realizzabile analizzando, valutando e filtrando una serie di documenti;  Interoperabilità semantica, che consiste nel permettere la ricerca in ambiti disciplinari diversi grazie a una serie di equivalenze fra descrittori;  Gestione risorse, ossia gestire le raccolte di documenti grazie all’intermediazione di banche dati e cataloghi;  Disponibilità, ovvero ottenere informazioni sull’effettiva disponibilità del documento. Metadati
  27. 27. + La Ricerca dell’Informazione  I campi di una collezione di metadati sono costituiti da informazioni che descrivono le risorse informative a cui si applicano, con lo scopo di migliorarne la visibilità e facilitarne l’accesso.  I metadati infatti permettono il recupero di documenti primari indicizzati attraverso le stringhe descrittive contenute in record: schede in cui vengono rappresentate le caratteristiche più significative o le proprietà peculiari dei dati in questione, così che la loro essenza possa essere catturata da un’unica concisa descrizione, che, in modo sintetico e standardizzato, fornisce a sua volta una via di recupero dei dati stessi.  I sistemi di metadati strutturati in modo gerarchico sono più propriamente noti come schemi od ontologie. Entrambi i termini esprimono degli oggetti per determinare degli scopi o per rendere possibili delle azioni. Metadati
  28. 28. + La Ricerca dell’Informazione  Attualmente, in letteratura il termine “metadato” è utilizzato quasi esclusivamente in riferimento al contesto dell’informazione elettronica in rete: i metadati sono comunemente intesi come un’amplificazione delle tradizionali pratiche di catalogazione bibliografica in un ambiente elettronico.  Nel contesto dei documenti digitali, il termine metadato adotta il significato che gli è stato affidato dall’informatica e dalla filosofia. Dall’informatica deriva la restrizione del concetto di “dato”, limitando il suo dominio semantico ai soli dati digitali e discreti che vengono gestiti da un computer.  Nei progetti di digitalizzazione e nelle attività di gestione degli archivi di oggetti digitali, i metadati rivestono un’importanza crescente, tanto da venire considerati parte costituente della definizione di “oggetto digitale”. Metadati
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×