Your SlideShare is downloading. ×
dolore nel paziente oncologico
dolore nel paziente oncologico
dolore nel paziente oncologico
dolore nel paziente oncologico
dolore nel paziente oncologico
dolore nel paziente oncologico
dolore nel paziente oncologico
dolore nel paziente oncologico
dolore nel paziente oncologico
dolore nel paziente oncologico
dolore nel paziente oncologico
dolore nel paziente oncologico
dolore nel paziente oncologico
dolore nel paziente oncologico
dolore nel paziente oncologico
dolore nel paziente oncologico
dolore nel paziente oncologico
dolore nel paziente oncologico
dolore nel paziente oncologico
dolore nel paziente oncologico
dolore nel paziente oncologico
dolore nel paziente oncologico
dolore nel paziente oncologico
dolore nel paziente oncologico
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

dolore nel paziente oncologico

2,599

Published on

come trattare il dolore continuativo oncologico ( Negrar/VR 18 febbraio 2011)

come trattare il dolore continuativo oncologico ( Negrar/VR 18 febbraio 2011)

Published in: Health & Medicine
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
2,599
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
21
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide
  • Il consumo di oppioidi in Europa evidenzia un comportamento prescrittivo dell ’Italia assolutamente diverso. Nonostante un incremento nel 2009 (apparentemente importante, del 13%, ma su numeri piccoli) il consumo medio pro-capite di oppioidi in Italia rimane limitato
  • Transcript

    • 1. Dalla complessità alla semplificazione Terapia del Dolore nel paziente oncologico Negrar, 18 febbraio 2011 Dr.Roberto Magarotto Responsabile Unita’ di Cure di Supporto e Palliative Dipartimento Oncologia Negrar [email_address]
    • 2. Dalla complessita’ alla semplificazione “ Viviamo in una era di brutali semplificatori ” Jacob Burckhardt
    • 3. Dalla complessita’ alla semplificazione Ospedale e Territorio senza dolore Legge 38/2010
    • 4. DOLORE ONCOLOGICO: LA COMPLESSITA’
    • 5. Dolore oncologico cONTINUO ( la complessita’)
      • I FANS sia pure utili- vedi metastasi ossee- non possono essere i farmaci cardine della terapia continuativa ( tox renale, gastrica..)
      • I farmaci con effetto tetto ( paracetamolo 4 gr al di’, fortradolo 400 mg al di) possono servire ma spesso sono solo un passaggio : di fronte a dolori importanti , in pazienti polimetastatici e con verosimile prognosi infausta a breve, non è un’ eresia saltare a piè pari i gradini dell scala OMS e passare fin da subito all’oppioide ( in cima)
    • 6. Dolore oncologico multicausale ( la complessita’)
      • Contemporanea presenza di .
      • Metastasi ossee ( presidi ortopedici , flash radioterapici , cifoplastiche, difosfonati )
      • Metastasi viscerali ( complicate da subocclusioni, versamenti, sovrinfezioni)
      • Infiltrazioni loco-regionali destruenti ( ORL, ano-retto, utero-vagina, prostata-vescica) : valutare port spinale
      • Componente neuropatica ( araba fenice? ): pregabalin
      • Ansia-panico-depressione concomitanti (non dimenticare ansiolitici e antidepressivi : I nuovi SSRI non hanno l’efffetto antalgico centrale che aveva la vecchia amitriptilina )
    • 7. Dolore oncologico con acuzie ( la complessita’) Breaktrough pain nonostante dose adeguata di oppioide ad orari fissi DEI – non controllato Dolore Persistente
    • 8. Dolore episodico intenso ( la complessita’) Overtreatment, col rischio di effetti tossici e scarsa adesione alla terapia
    • 9. Dolore episodico intenso (BTP) - la complessita’ Terapia efficace ( entro 10-15’) : fentanyl transmucoso orale
    • 10. Dolore incident ( la super-complessita’)
      • Dolore da movimento ( meta vertebrali, ossa lunghe: valutare cifoplastiche e chiodi di Ender)
      • Da tosse stizzosa ( tumori endotoracici: nel caso del Pancoast valutare cordotomia )
      • Da crisi di vomito ( tumori endoaddominali: mantenere la canalizzazione , se inefficace Plasil ricorrere a Levopraid o Largactil )
      • Tenesmo da infiltrazione in sede pelvica ( valutare radioterapia )
    • 11. Dolore cronico in continua escalation / tolleranza degli oppioidi Rotazione dgli oppioidi ( morfina , ossicodone, fentanyl, idromorfone)
    • 12. Entità del dolore: NRS
      • Dolore lieve: 1-3
      • Dolore moderato: 4-6
      • Dolore severo: 7-10
      1 10 5 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 No dolore Massimo dolore che si può immaginare
    • 13. Oppioidi e terapia del dolore oncologico ( la semplificazione ) Nelle fasi avanzate di malattia sono imprescindibili !
    • 14. Giornate di trattamento pro-capite con Oppioidi forti erogate in Europa Anno 2009 0,00 0,50 1,00 1,50 2,00 2,50 Fentanyl TDS Buprenorfina TDS Idromorfone Ossicodone Morfina Giornate di trattamento pro-capite con oppioidi forti erogate in Europa 2008 vs 2009 Germania Inghilterra Francia Spagna Italia 2008 164 102,1 60,7 49,7 19 2009 173,7 118,3 64 52,9 21,4 Scostamento % 2009 vs 2008 5,9% 15,8% 5,5% 6,4% 12,4% Germania 2,11 Inghilterra 1,94 Spagna 1,30 Francia 1,00 ITALIA 0,37
    • 15. Regione veneto consumi territoriali 2007-2009
    • 16. Regione Veneto 2004-2006
    • 17. Consumi ospedalieri in Italia 2005 centro studi SIFO –Mario Negri Sud
    • 18. Oppioidi e metaboliti
    • 19. OPPIOIDI E METABOLITI/2
      • Metaboliti prodotti a livello epatico
      • M3G ( morfina 3 glicuronide)non oppioide, causa ipereccitabilita’ e mioclonie
      • M6G ( morfina 6 glicuronide) oppioide , contribuisce alla nausea/vomito , sedazione , depressione respiratoria
      • L’ossicodone non ha questi metaboliti , preferibile in caso di insufficienza renale
      • L ’idromorfone ha solo il 3G ; non e’ metabolizzato dai citocromi epatici ( non interferenze con altri farmaci associati)
    • 20. Oppioidi e metaboliti /1 ( la semplificazione )
      • In caso di insufficienza epatica o renale meglio l’ossicodone , che non ha metaboliti nè 3G nè 6G
      • In caso di eccessiva sedazione : meglio l’idromorfone che ha solo il 3G
      • attenzione alla disidratazione : tutti gli oppioidi diventano piu’ tossici
      • La rotazione con fentanyl ha un correlato farmacologico( altri metaboliti)
    • 21. Effetti collaterali OPPIOIDI (la semplificazione)
      • Nausea –vomito : regredisce in 3-5 gg
      • Stipsi : lassativi regolari ( metilnaltrexone) ; il fentanyl provoca meno stipsi
      • Sedazione ( attenzione alla disidratazione )
      • Allucinazioni ( piu’ frequenti nei pazienti anziani )
      • Prurito ( l’ossicodone meno della morfina )
      • Ritenzione urinaria ( attenzione nei pazienti border-line con insufficiente svuotamento vescicale )
      • Depressione respiratoria ( mito piu’ che realta’ clinica nella terapia cronica; la morfina e’ un cardine della terapia della dispnea terminale )
    • 22. OPPIOIDI nella pratica clinica
      • morfina ev/os 1:3
      • terapia al bisogno 1/6 della dose totale giornaliera
      • codeina / morfina 1:10
      • ossicodone /morfina 2/3 studi clinici, 1/2 foglietto illustrativo
      • idromorfone/ morfina 5/1
      • tramadolo/morfina 1/5
      • fentanyl / morfina 25->60 mg 50->90 mg
      • 75->120 mg 100->180 mg
    • 23. STRATEGIA DI TRATTAMENTO DEL DOLORE ONCOLOGICO Oncologia Negrar 21 ottobre 2006 APPROCCIO ONCOLOGICO TRATTAMENTO ANTALGICO TERAPIE DI SUPPORTO SUCCESSO TERAPEUTICO
    • 24. Tornando allA persona ( e alla complessità)

    ×