Buratti giulia versace
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
226
On Slideshare
226
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
4
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Buratti Giulia
  • 2. STORIA Gianni Versace S.p.A. è un'azienda italiana di moda e abbigliamento, con sede a Milano, fondata nel 1978 dallo stilista Gianni Versace, e lasciata in eredità alla famiglia: Santo Versace ne è il presidente, Donatella Versace il Vicepresidente e Direttore Creativo. Sotto il marchio Versace vengono distributie diverse linee di abbigliamento e marchi, Atelier Versace, Versace Jeans, Versace Home Collection, Versus e Versace Collection. La linea d'abbigliamento Versace, a cura di Donatella Versace viene presentata durante la settimana della moda di Milano.
  • 3. SOCIAL Versace è un brand molto attivo nell’ambito dei social. Credo che siano 3 le strategie adotatte dal brand: -l’uso dei SN per una comunicazione finalizzata ad informare i propri utenti; -l’uso dei SN come strumento di conversazione e contatto con i clienti; -l’uso dei SN come strumento di conversazione finalizzate a moltiplicare il valore del bran tra gli utenti. Come possiamo notare dalla home del sito ufficiale, in basso a destra sono presenti i vari collegamenti alle pagine dei principali social network. Prendiamo in analisi Facebook, Twitter e Pinterest.
  • 4. FACEBOOK La copertina della pagina ufficiale di fb è l’immagine dell’ultima campagna pubblicitaria dell’azienda che vede Lady Gaga come testimonial. Sotto il logo troviamo il collegamento allo shop online.
  • 5. FACEBOOK I post presenti sono principalmente foto (anche autoscatti) di testimonial, o di persone famose che indossano il brand. Questo secondo me avvicina molto il marchio ai clienti, e toglie quella barriera che una casa di alta moda può avere verso il suo pubblico. Molti anche i post in cui il marchio è taggato, generalmente postati da testimonial o modelli. Il linguaggio utilizzato non è formale, e contribuisce a stabilire un contatto diretto con i clienti. Forte la partecipazione dei “fan”, che non tardano a commentare ogni cosa.
  • 6. FACEBOOK
  • 7. TWITTER E’ Versace il marchio italiano di fashion più gettonato nelle convesazioni di Twitter, capace di attrarre il 19,1% dei cinguettii che avvengono sul social network a livello globale. Questo dimostra la forte voglia del pubblico di relazionarsi con la marca, e viceversa la voglia della marca di ricevere forti risposte dal pubblico. Anche in Twitter l’immagine di copertina è tratta dall’ultima collezione presentata.
  • 8. TWITTER La modalità di relazione e comunicazione col pubblico è molto simile a quella di fb: parecchie immagini, accompagnate da poche righe di testo. Parecchi anche i post ritwettati di testimonial. Nonostante twitter sia un social che lavora prevalentemente con le parole, Versace nei suoi tweet punta molto sulle immagini.
  • 9. PINTEREST Pinterest è un social di immagini, quindi Versace può liberamente condividere diversi album che riguardano sfliate e collezioni anche di anni precedenti. Esse sono divise in album, e in ognuno troviamo sia immagini “ufficiali” delle sfilate, sia foto del backstage, dove vediamo per esempio le modelle intente a prepararsi per l’evento.
  • 10. PINTEREST A differenza di altri social, come facebook o twitter, Versace su Pinterest comunica solo attraverso le foto dei fotografi, e non attraverso autoscatti postati dai modelli stessi.