Your SlideShare is downloading. ×
  • Like
"Le attività di comunicazione digitale a sostegno del nuovo Marketing: alcuni casi di successo"
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Now you can save presentations on your phone or tablet

Available for both IPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

"Le attività di comunicazione digitale a sostegno del nuovo Marketing: alcuni casi di successo"

  • 684 views
Published

Seminario Knowità - 22 marzo 2011 - Milano

Seminario Knowità - 22 marzo 2011 - Milano

Published in Business
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
684
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
12
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Milano, 22 marzo 2011 Knowità – Hotel Michelangelo Roberto Bonin La comunicazione interna ed esterna all’azienda: il web come strumento per rafforzare il brand
  • 2. Il nuovo mondo digitale Dati 2010 in Milioni Fonte: NetConsulting su fonti varie Utenti Internet Mondo Utenti Internet Cina Utenti Banda Larga Utenti di cellulari Utenti Facebook Mondo Italia Utenti Twitter Mondo Italia 152 Mln di blog 2 MLD Video visti su YouTube Crescita annua eCommerce: Cina: 48.6% 25 MLD di tweet postati 20 Mln di Tablet Pc 54 MLD$ di fatturato di Global Internet Advertising 3 MLD di link, post, foto condivisi su Facebook ogni mese 107.000 MLD di mail spedite 255 Mln di siti web 10 MLD di applicazioni scaricate da Apple Store
  • 3. Nella classifica dei social network preferiti Facebook è al primo posto in tutti i Paesi, fatta eccezione dei Paesi Bassi, dove il più popolare è il network locale Hyves (80%). In Germania, il panorama dei social network è più frammentato che in tutti gli altri Paesi europei con una serie di network locali come MeinVZ che si posizionano subito dopo Facebook . Per quanto riguarda il nostro Paese, troviamo al primo posto Facebook (96%), seguito da MySpace (21%) e poi da Twitter (17%). Un dato molto interessante riguarda la ‘reach’ dei social network: nel nostro Paese gli utilizzatori dei social network hanno, con una media di 87, molti più amici per profilo rispetto agli utenti degli altri Paesi europei, mentre Germania e Francia sono quelli con il minor numero di amici per profilo (rispettivamente 57 e 53 amici). Altro primato tutto italiano è l’intensità di utilizzo: vengono consultati almeno una volta al giorno dal 76% dei rispondenti. Seguono Spagna e UK con 69%. In ogni caso, in tutti i Paesi la quasi totalità dei rispondenti consulta il proprio profilo almeno una volta alla settimana. “ European Social Media and Email Monitor” – eCircle e Mediacom 2010
  • 4. In Italia per il 2011 si stima una crescita che si attesterà attorno al +2%, sempre nel 2011 Internet supererà sia i quotidiani sia i periodici in termini di raccolta di pubblicità commerciale nazionale. Tv e Internet guideranno il mercato nel 2011, ma anche la radio e il direct mail daranno un buon contributo. Nel 2011 il mercato pubblicitario continuerà a crescere ma con un ritmo leggermente inferiore rispetto al 2010. In assenza di un aumento della diffusione delle connessione ad alta velocità nel nostro Paese, i business legati al web, incluso l'advertising, potrebbero non riuscire a garantire nei prossimi anni gli attuali tassi di crescita. Nel periodo gennaio – luglio 2010: - In Tv sono stati spesi 2,8 miliardi di euro; - In Internet sono stati spesi 200 milioni di euro. Rapporto semestrale Nielsen Economic and Media Outlook
  • 5. Deloitte prevede che nel 2011 i social network supereranno il traguardo del miliardo di sottoscrittori unici, con oltre 2mila miliardi di messaggi pubblicitari trasmessi. I ricavi da pubblicità sui social network raggiungeranno i 5 miliardi di dollari, con un incremento superiore al 30% rispetto al 2010. I costi per fare pubblicità sui social network rimarranno bassi, specie se confrontati con altre modalità di pubblicità online o altri media: questa situazione potrebbe portare le agenzie pubblicitarie a preferire altre forme di pubblicità da proporre ai propri clienti o a spostarsi verso l’offerta di servizi di pubbliche relazioni e reputation management per potenziare la presenza dei propri clienti sui social network.
  • 6. L'osservatorio di ricerca newyorchese eMarketer ha rilevato che più della metà degli utenti di Internet statunitensi si collegano regolarmente a Facebook . Si tratta di circa 132,5 milioni di persone. La crescita va però rallentando. Nel 2011 la comunità online del social network di Palo Alto crescerà negli Usa del 13,4%. Una decisa decelerazione rispetto al 2010 (+38,6%) e al 2009 (+90,3%). Circa il 57% degli utilizzatori del web americani navigherà su Facebook ogni mese dell'anno in corso. Nel 2013 Facebook attirerà solo il 6,1% di nuovi utenti; il numero degli user americani arriverà a 152,1 milioni. Più della metà della popolazione sarà presente sul social netwok. Ad oggi Facebook conta più di mezzo miliardo di iscritti nel mondo. Twitter è destinato a crescere, anche se meno rispetto al boom degli anni passati. Se due anni fa il servizio online registrava una crescita del 293% con 13,2 milioni di utenti americani adulti, nel 2010 erano saliti a poco meno di 14,4 milioni, solo il +24%. Nel 2013 quasi 28 milioni di utenti americani, ovvero l'11,4% di tutta la popolazione adulta, si affiderà a Twitter per dialogare in rete.
  • 7. Uno studio effettuato da Text100 in collaborazione con e.Life ha preso in esame circa 200 brand italiani e internazionali e 15 categorie merceologiche, analizzando oltre 1 milione tra post, commenti e link in italiano pubblicati in wall aperti, fan page e gruppi di Facebook . E’ stato preso in considerazione il periodo tra il 1/11/2010 e il 31/12/2010. Nella top ten dominano multinazionali come Google , Coca-Cola , Disney (rispettivamente prima, seconda e sesta) e attori del web come YouTube (quarta) e Yahoo (settima). Al quinto posto MySpace e nella top ten sono presenti anche brand italiani: Ferrari , FIAT e Mediaset , rispettivamente terza, ottava e decima. TIM è tra i primi nella classifica di gradimento, ha ottenuto oltre 5.000 like a novembre e dicembre. Segue Pupa con 4.455 like. Solo il 25% delle aziende oggetto della ricerca possiede una fan page in italiano e tra queste spiccano Vodafone , con oltre 638mila fan e più di 7mila commenti, IKEA con 96.436 fan e con 4.833 like, TIM con 165.867 fan e oltre 5mila like e 3.400 commenti. Nella classifica delle fanpage più apprezzate dagli utenti, che incrocia le variabili gradimento (like/fan) e coinvolgimento (post del brand/commenti dei fan), è Pupa a primeggiare, seguita da IKEA , TIM e Vodafone .
  • 8. Pupa
  • 9. Chupa Chups - Perfetti
  • 10. Danone Activia / 1
  • 11. Danone Activia / 2
  • 12. Film “Expendables”
  • 13. Acciona
  • 14. Samsung
  • 15. Tipp Ex
  • 16. E-(motional) Piattaforma nata dalla collaborazione tra Moda e Tecnologia e Armosia e presentata all’ultima edizione della Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia con il trailer del film “ Maschi contro femmine ”.
  • 17. La Realtà Aumentata è la sovrapposizione di livelli informativi all'esperienza reale di tutti i giorni. Gli elementi che aumentano la realtà possono essere aggiunti attraverso un device mobile dotato di GPS e bussola, con l'uso di un PC dotato di webcam o con dispositivi di visione, di ascolto e di manipolazione. Su desktop computer è basata su l'uso di markers, o ARtags , dei disegni stilizzati in bianco e nero che vengono mostrati alla webcam.
  • 18. Ikea
  • 19. Karlton Kids
  • 20. Esquire!
  • 21. Zugara
  • 22. Augmented GeoTravel
  • 23. Total Immersion AR
  • 24. Cresce in Italia la diffusione degli smartphone, che raggiungono il 35% della popolazione, superiore del 10% rispetto alla media europea e in crescita del 12% rispetto allo stesso mese del 2009, in cui erano a quota 31%. Il 53% dei mobile surfer ha utilizzato il cellulare per accedere ai social network, il 49% per accedere a mappe e itinerari e il 38% per informazioni di servizio, come orari o prenotazioni. Il mercato del mobile advertising italiano cresce del 15% rispetto al 2009, raggiungendo quota 38 milioni di euro .  Tra i primi 100 top spender italiani in advertising, 41 hanno sviluppato almeno una Applicazione mobile brandizzata, per un totale di 58 app nei diversi store e con una crescita del 176% rispetto al 2009.  Osservatorio Mobile Marketing & Service della School of Management del Politecnico di Milano .
  • 25. Secondo la società di analisi americana Ihs Screen digest mobile media intelligence , sull’ App Store sono state acquistate apps per quasi 1,8 miliardi di dollari di ricavi (+132% rispetto al 2009), pari a una quota di mercato dell’83%. Sommando le vendite di tutti gli altri Store ( Android , Nokia e BlackBerry ) il giro di affari nel 2010 ha raggiunto i 2,2 miliardi di dollari contro gli 828 milioni del 2009. Tra i concorrenti dei telefonini Apple c’è la piattaforma Android , protagonista di un balzo dell’860% nelle vendite delle apps che le ha fatto conquistare una market share del 4,7%. A brevissima distanza c’è Nokia il cui Ovi Store detiene il 4,9% del business e al secondo posto la canadese RIM dal cui App World sono state acquistate quasi 8 applicazioni su 100, pari a un giro d’affari di 165 milioni di dollari. Nokia e Google hanno invece rispettivamente incassato da questo settore poco più di 100 milioni di dollari.
  • 26. Barilla
  • 27. Simmenthal
  • 28. Internet TV
  • 29. Secondo le previsioni di IMS Research , nel 2011 verranno consegnati in tutto il mondo più di 2,1 miliardi di dispositivi in grado di supportare i servizi OTT. In questo numero rientrano circa 592 milioni di apparecchi fissi per l'intrattenimento (come, ad esempio, set TV e console), quasi 2 miliardi di dispositivi portatili (smartphone e tablet PC) e 268 milioni di strumenti per la connessione domestica (come gateway residenziali). Gli analisti prevedono che i servizi OTT saranno sempre più spesso integrati in una moltitudine di dispositivi fissi, inclusi set TV, lettori di dischi Blu-ray, set-top box e console per videogiochi. A causa della competizione tra i fornitori di dispositivi, IMS Research ha però previsto un conseguente stagnamento del mercato globale delle OTT box nel biennio 2011-2012, cui seguirà una diminuzione delle consegne a 5 milioni di unità verso il 2015.
  • 30. L’analisi Informa Telecoms & Media ha rilevato che 1,2 milioni di persone (0,18% del totale) hanno disdetto gli abbonamenti Tv preferendo le offerte degli Over-The-Top.   Secondo Informa , nel 2015 saranno 16,1 milioni le persone che avranno abbandonato la Pay Tv, il 2% del pacchetto totale degli abbonati. Nel 2010 negli Stati Uniti s’è registrato il 36% del cosiddetto “cord-cutting” (426mila abbonati). In Cina già un significativo numero di persone ha rescisso il proprio abbonamento, preferendo servizi OTT via cavo o IPTV come Tudou o Youku .
  • 31.
    • Grazie per l’attenzione
    • Ing. Roberto Bonin [email_address]
    • Skype: broby68