Co Branding

6,969 views
6,733 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
6,969
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
57
Actions
Shares
0
Downloads
120
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Co Branding

  1. 1. CO-BRANDING … è una strategia di gestione della marca. Consiste nell’inglobare le caratteristiche proprie di ciascuna marca in un nuovo prodotto in modo tale che il consumatore ne percepisca il valore aggiunto .
  2. 2. Tra gli Obiettivi: <ul><li>allargare il raggio d’azione delle proprie marche, </li></ul><ul><li>incrementare il livello di soddisfazione dei clienti tradizionali accrescendone la fedeltà, </li></ul><ul><li>entrare in nuovi mercati/ segmenti di clientela, </li></ul><ul><li>comprendere/ presidiare nuove frontiere tecnologiche, </li></ul><ul><li>ridurre i costi (es. di pubblicità, promozioni, affitto,ecc..) attraverso le economie di scala e/o di condivisione </li></ul><ul><li>rinnovare/migliorare l’immagine di marca </li></ul>
  3. 3. Variabili da considerare nella valutazione delle attività di co-branding: <ul><li>- Coerenza nel posizionamento e nell’immagine delle marche, </li></ul><ul><li>- tipo di attività svolta in alleanza; </li></ul><ul><li>- durata ; </li></ul><ul><li>- rapporto dell’attività rispetto a quelle normalmente realizzate dall’impresa; </li></ul><ul><li>- modalità di utilizzo della marca e di esplicitazione dell’alleanza nei confronti del consumatore; </li></ul><ul><li>- predisposizione di soluzioni organizzative specifiche; </li></ul><ul><li>- sistema di valutazione adottato; </li></ul><ul><li>- livello di soddisfazione dell’alleanza. </li></ul>
  4. 4. Fattori critici (Successo/Insuccesso) <ul><li>La letteratura relativa al co-branding sembra far emergere che il rischio di fallimento di un’iniziativa di questo tipo non è elevato . </li></ul><ul><ul><li>A parità di ogni altra condizione potremmo così affermare che il co-branding aumenta le probabilità di successo, ma non lo garantisce. </li></ul></ul><ul><li>Benefici : </li></ul><ul><li>segnalare superiore qualità del prodotto coinvolto </li></ul><ul><li>trasferire sulla marca ospitante gli attributi simbolici evocati dalla marca secondaria </li></ul><ul><li>Rafforzamento risorse immateriali legate alla marca </li></ul><ul><li>Consolidamento della posizione concorrenziale della marca </li></ul><ul><li>Rischi : </li></ul><ul><li>Che il consumatore leghi in modo indissolubile l’immagine delle due marche </li></ul><ul><li>Precludere future collaborazioni con marchi concorrenti alla marca secondaria </li></ul><ul><li>Cambiamento dello scenario e/o dei gusti dei consumatori </li></ul><ul><li>Difficoltà di riposizionamento del brand o del prodotto </li></ul>
  5. 5. 3 & CAVALLI D&G con Motorola <ul><li>I pionieri di una strategia di co-branding che si sarebbe affermata con successo negli anni a venire. </li></ul><ul><li>3 riveste i suoi telefoni delle famose stampe maculate targate Cavalli. </li></ul><ul><li>La partnership strategica tra D&G e Motorola segue sulla scia… </li></ul><ul><li>I Razr edizione D&G hanno un design raffinato e sono connotati dal colore oro. </li></ul><ul><li>Corpo in alluminio anodizzato e funzionalità trendy: suonerie Mp3, video, screen saver e giochi </li></ul>
  6. 6. LG e PRADA <ul><li>Prada e LG hanno esplorato e sviluppato insieme tutti gli aspetti del nuovo prodotto, sia per ciò che concerne i contenuti, ad esempio il software, e sia per la presentazione, dal design al packaging. </li></ul><ul><li>Il Prada phone, un cellulare innovativo e iconico, si propone sul mercato come l’anti-iPhone </li></ul>
  7. 7. Hitting the luxury shelves next is… <ul><li>La scelta di Samsung non è nuova visto che già in passato era stato prodotto un modello dedicato a un’altra griffe made in Italy, Versace. </li></ul><ul><li>Le caratteristiche tecnologiche, quali lo schermo touch screen e la fotocamera da 3 megapixel, lo pongono come diretto concorrente di Prada Phone e iPhone </li></ul><ul><li>Il prezzo del Giorgio Armani Samsung Phone sarà adeguato: 650 Euro </li></ul>… Giorgio Armani Samsung Phone
  8. 8. <ul><li>Co-branding strategici fra prestigiose firme del Sistema Moda Italia e grandi case di tecnologia internazionale </li></ul><ul><li>La tecnologia ospitante, in questo caso il cellulare, è un prodotto che viene a tutti gli effetti considerato un accessorio </li></ul><ul><li>tecnologia è “cool” </li></ul><ul><li>Non sempre gli aspetti funzionali vengono lasciati alla marca di telefonini, come nel caso di Prada. </li></ul>RIASSUMENDO…
  9. 9. <ul><li>Lanciato in occasione dei 60 anni della Ferrari, l’Ascent Ferrari 60 è un telefono con motore Nokia e griffe Ferrari </li></ul><ul><li>La scocca in titanio, la pelle nera e rossa Ferrari, e il design ispirato alle dinamiche e stilose auto del cavallino rampante ne giustificherebbero il prezzo di circa 18.000 Euro. </li></ul><ul><li>La tiratura è limitata a 60 esemplari. La distribuzione è di conseguenza molto esclusiva: negozi a Parigi, Londra, Hong Kong e Singapore. </li></ul><ul><li>Coerenza tra i due marchi in termini di target e posizionamento </li></ul><ul><li>Il caso Nokia/Ferrari esce dalla casistica configurandosi come un prototipo che sta alla telefonia di consumo come le Ferrari stanno al mondo delle autovetture. </li></ul>OFF THE ROAD…

×