• Save
Fitopatologia in ambito bonsai
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Fitopatologia in ambito bonsai

on

  • 3,207 views

 

Statistics

Views

Total Views
3,207
Views on SlideShare
2,418
Embed Views
789

Actions

Likes
1
Downloads
0
Comments
1

2 Embeds 789

http://www.bonsai-italia.org 782
http://www.slideshare.net 7

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Apple Keynote

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel

11 of 1

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
  • I like it
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Fitopatologia in ambito bonsai Fitopatologia in ambito bonsai Presentation Transcript

  • Patologia vegetale in ambito bonsai A cura dell’agronomo dr. Marco Beconcini per www.bonsai-italia.org
  • Patologia vegetale Organismi responsabili delle alterazioni Funghi Insetti, acari, nematodi Fanerogame parassite Batteri Virus Fitoplasmi Fattori legati alle condizioni dell’ambiente Inquinamento Fisiopatie Clima
  • Funghi Hanno una struttura molto varia da specie a specie e sono composti da cellule filamentose chiamate IFE, che insieme formano il MICELIO La riproduzione può essere: Sessuata: un incontro di spore che avviene grazie al vento, agli insetti, all'acqua, ecc. Asessuata: con un distaccamento o divisione di parti del fungo in grado di formare un nuovo individuo. La membrana cellulare dei funghi è composta da chitina a differenza di quella delle piante che è composta da cellulosa.
  • Classificazione funghi A seconda delle loro esigenze nutritive i funghi si dividono in: SAPROFITI: tutti quei funghi che degradano sostanze non viventi di origine animale o vegetale in composti meno complessi per potersene nutrire. PARASSITI: Si definiscono parassiti quei funghi che si nutrono di organismi viventi,e sono sicuramente i più pericolosi per le piante. SIMBIONTI: si tratta di funghi che instaurano un rapporto mutualistico di scambio con la pianta. Sottrazione di una sostanza e rilascio di altre utili (es: micorriza)
  • Insetti Questo tipo di animali svolge la propria vita, nella maggior parte dei casi in strettissima relazione con le piante. Gli insetti svolgono numerose delle loro attività con gli organismi vegetali, alcuni hanno funzioni fondamentali per la vita delle piante come ad esempio il trasporto del polline, altri invece nutrendosi dei tessuti vegetali comportano un progressivo indebolimento dell'ospite che in molti casi può portare al deperimento irreversibile.
  • Acari Sono gli unici fitofagi dell'ordine degli Aracnidi. Si distinguono dagli insetti in quanto possiedono otto zampe rispetto agli insetti che ne hanno sei. Le famiglie più importanti degli acari fitofagi sono quelle dei Tetranichidi, Tarsonemidi, Tenuipalpidi, Eriofidi ed Ascaridi. L’apparato boccale degli acari, è molto particolare ed è costituito da organi chiamati pedipalpi e cheliceri grazie ai quali possono: perforare lacerare trasportare Grazie a questa caratteristica, l'acaro sottrae linfa e inietta enzimi nei tessuti.
  • Nematodi Questa classe contiene sia specie conducenti vita libera che parassiti. I soggetti più pericolosi sono dotati di un apparato boccale provvisto di stiletti, che permette la perforazione delle pareti cellulari delle radici delle piante succhiando in seguito i succhi vegetali. sulle piante possono provocare deperimenti, ingiallimenti e appassimenti delle foglie, formazione di galle sulle radici. Nelle colture agrarie risulta molto importante contenere questi animali in quantohanno un un grosso impatto sulle colture in particolare attacchi da nematodi Tilenchidi, Heteroderidi, Pratilenchidi, Afelenchoididi e Longidoridi.
  • Fanerogame parassite Piante parassite obbligate in cui manca la funzione clorifilliana. Questi vegetali utilizzano un organo detto Austorio per perforare i tessuti dell'ospite da cui successivamente preleva acqua e sali minerali Cuscuta sp. Vischio - Viscus album
  • Batteri Sono microrganismi procarioti (senza membrana nucleare) unicellulari con dimensioni di pochi micrometri. Le colonizzazioni di questi organismi vengono chiamate batteriosi. Come per quanto riguarda l'uomo, anche per le piante gli effetti delle batteriosi possono produrre gravi squilibri con la differenza che in agricoltura l’impiego di antibiotici per curare le infezioni batteriche è severamente vietato.
  • Virus Non sono organismi, perché non hanno né struttura cellulare né co-presenza di DNA e RNA quindi sono chiamate entità biologiche con caratteristiche di parassita obbligato. Modificano l'assetto della cellula iniettando il proprio genoma sono incapaci di penetrare in maniera autonoma nella pianta (necessitano di vettori per gli spostamenti e per l’inoculazione). Tra i vettori più importanti ci sono insetti, nematodi e soprattutto il traffico di piante infette è un fondamentale elemento di diffusione. Virus della vite Glfv. Questo tipo di malattie non potendo essere curate direttamente necessitano di un controllo dei vettori.
  • Fitoplasmi Organismi procariotici privi di parete nucleare (pleomorfi), appartenenti alla classe dei Mollicutes. Caratteristiche: parassiti completamente obbligati intracellulari ed infeudati al floema riproduzione per scissione e gemmazione Possono provocare epidemie molto pericolose anche per le piante arboree. Non esiste una cura attuabile per tali microrganismi, si sono rivelati efficaci in laboratorio trattamenti con tetracicline ma in quanto antibiotici non posso essere usati. Giallume dell’olmo
  • Altri fattori Inquinamento Le sostanze inquinanti dell'aria e quelle concentrate del suolo possono provocare effetti piuttosto gravi come danni alle strutture superficiali (cuticola), maggiore predisposizione agli attacchi parassitari e soprattutto un notevole disturbo del metabolismo e dei processi di crescita. Fisiopatie Ovvero carenze o eccessi di sostanze necessarie alla pianta quali acqua, macroelementi, microelementi, sostanza organica, ecc... Clima Gli estremi termici, il vento, l’esposizione prolungata ai raggi solari e la grandine sono tutti fenomeni legati al clima che possono indebolire o far perire le piante.
  • ‘Triangolo della malattia’ Si tratta di un equilibrio di tre fattori fondamentali Ambiente favorevole Virulenza del patogeno Ospite suscettibile (pianta più o meno resistente al patogeno) I tre fattori vengono rappresentati in questa figura che è detta: Triangolo della malattia le pa vo tog re o en av o ef vir nt ule bie nt am o ospite suscettibile
  • ‘Triangolo della malattia’ Pianta meno suscettibile Patogeno meno virulento Ambiente meno favorevole ole ole ole pa pa pa to to to ev ev ev ge ge ge or or or n n n av av av ov ov ov ef ef ef tia iru iru iru nt nt nt malat len len len bie bie bie to to am to am am malattia malattia ospite suscettibile ospite suscettibile ospite suscettibile Se viene a mancare uno di questi presupposti la pianta non si ammala.
  • Le strategie di difesa Difesa antiparassitaria Induzione di resistenza Profilassi Terapia genetica chimica biologica fisica chimica biologica fisica Protezione Eradicazione Legislazione chimica chimica quarantena fisica mezzi agronomici certificazione biologica fisica manipolazione ambientale
  • La difesa antiparassitaria Si attua per evitare o contenere un danno alle nostre piante. I danni che possono subentrare su una pianta malata possono essere riassunti in: colturali, danni ai prodotti (frutta, verdura, floricoltura, ecc...) riguardanti la salute della pianta estetici Mentre in agricoltura il danno estetico è poco importante, nel bonsaismo è di primaria importanza. Inoltre, a differenza degli altri ambiti di difesa vegetale, dove il danno comporta ‘solamente’ una perdita economica, nel caso dei Bonsai c’è anche un danno affettivo.
  • Metodologie di contrasto Metodi preventivi utilizzo di sostanze chimiche o naturali in grado di proteggere la pianta da un attacco. Metodi biologici Lotta con organismi viventi in grado di controllare il patogeno. Metodi chimici Impiego di formulati chimici in grado di contenere o eliminare un patogeno.
  • Metodi preventivi - il rame Un classico esempio di intervento preventivo è l’impiego del Rame per favorire la resistenza all'attacco di eventuali patogeni fungini. Il rame interferisce con la respirazione cellulare dei funghi impedendo la formazione di un enzima vitale per essi. E’ consigliata l’applicazione nei mesi invernali fino all'inizio di primavera, solitamente con due o tre trattamenti. E’ anche indicato dopo eventi atmosferici come la grandine per prevenire l’ingresso di funghi e batteri. Si può trovare in diverse formulazioni tra cui: Ossicloruro di Rame Solfato di rame (con idrossido di Calcio) Poltiglia bordolese Idrossido di rame
  • Metodi preventivi - fosetil alluminio Questa sostanza conosciuta soprattutto nell'ambito del bonsai come rimedio “definitivo” contro i marciumi radicali, può essere un ottimo preventivo contro gli attacchi fungini in genere. Il fosetil alluminio è caratterizzato dalla notevole mobilità sia in senso ascendente che discendente. Penetra molto rapidamente nei tessuti vegetali ed il suo meccanismo d'azione risulta diverso da quello di altri principi attivi, diventa infatti efficace dopo essere stato metabolizzato dalle piante stimolando successivamente la formazione delle naturali sostanze di difesa (fenoli e fitoalessine). Questa sostanza va impiegata quando la pianta è biologicamente attiva (indicativamente da marzo a ottobre)
  • Metodi biologici - insetti antagonisti Vengono dispersi in un determinato ambiente numerosi individui al fine di controllare e contenere altri insetti fitofagi o aracnidi dannosi per la pianta. Alcuni esempi: Chrysopa: è un insetto dell'ordine dei neurotteri le cui larve posso cibarsi fino a seicento afidi al giorno Orius laevigatus: Tutti gli stadi di questo predatore si nutrono attivamente di tripidi, anche se possono utilizzare come fonte di cibo alternativo polline ed altri fitofagi, tra cui acari, afidi ed altri piccoli insetti. Triflodroni: sono degli acari che vivono a spese di altri acari fitofagi. Sono in grado di abbassare e di controllare lo sviluppo di una popolazione di Ragnetto rosso
  • Metodi biologici - batteri antagonisti Nella lotta biologica oltre agli insetti si possono usare anche microrganismi in grado, tramite particolari processi di entrare a contatto col patogeno ed eliminarlo. L'esempio più significativo è il batterio Bacillus thuringiensis. Questo bacillo sporigeno dopo essere stato ingerito rilascia delle tossine che danneggiano l'apparato digerente di moltissimi ditteri (zanzare) e di quasi tutte le larve di lepidotteri. Queste tossine, contenute in cristalli, si liberano in presenza di ambiente alcalino. L’apparato digerente di questi patogeni è infatti alcalino.
  • Metodi chimici La lotta chimica viene effettuata mediante l’uso di fitofarmaci che si dividono in: anticrittogamici: contrastano le malattie e/o alterazioni da funghi e batteri nematocidi, insetticidi e acaricidi: combattono insetti e altri animali dannosi diserbanti ed erbicidi: eliminano le erbe infestanti fitoregolatori: ormoni vegetali, inibitori ormonali ed assimilabili radicanti e brachizzanti: contenitori della taglia Composizione di un fitofarmaco principio attivo (PA): la sostanza che produce l’effetto tossico sul patogeno. coadiuvanti: sostanze non dichiarate nell'etichetta che servono a migliorare l’efficacia del principio attivo. coformulanti: sostanze inerti come solventi o diluenti.
  • Fitofarmaci - classificazione Un fitofarmaco può suddividersi anche in base alla modalità di entrata nella pianta: di copertura agisce per contatto diretto con la pianta senza varcare la cuticola fogliare citotropico penetra nelle parti della pianta adiacenti al contatto translaminare entra nella cuticola fogliare e raggiunge la pagina inferiore della foglia sistemico viene assorbito dalla pianta e traslocato dalle radici verso la parte epigea (sistemia acropeta) e/o viceversa (sistemia basipeta)
  • Insetticidi Attualmente in commercio esistono cinque classi di insetticidi i cui meccanismi di azione sono rivolti contro il sistema nervoso o agendo sulla struttura degli insetti: Fosforganici Agiscono sulla trasmissione degli impulsi nervosi, inibendo l'attività dell'enzima acetilcolinesterasi. Carbammati L’enzima acetilcolinesterasi viene sostituito con un una molecola strutturalmente simile che impedisce lo scambio neuronale, con susseguente morte del patogeno Piretroidi Esercitano azione prevalentemente per contatto, sono liposolubili e entrano nelle cere degli insetti Benzoiluree I composti di questa classe interferiscono sulla formazione della chitina, bloccando lo sviluppo delle larve nella fase di muta. Hanno poca efficacia sugli adulti e sono chiamati regolatori di crescita Neonicotinoidi Sono i più recenti di introduzione, anch'essi danneggiano lo scambio neuronale e sono molto persistenti nell'ambiente. Alcuni di questi prodotti si sono rivelati poco selettivi nei confronti degli ‘insetti utili’ (es: moria delle api)
  • Fungicidi - anticrittogamici Indicano quelle sostanze organiche ed inorganiche in grado di prevenire, curare o eradicare le aggressioni da parte di agenti fungini. Fungicidi organici Rame: fungicida di copertura e batteriostatico Zolfo: fungicida di copertura utile nel caso degli oidi (fam. erisifaceae) Fungicidi inorganici (chimici) Agiscono sulla membrana cellulare del fungo, sugli enzimi e sulla biosintesi degli aminoacidi. Azoto-solforganici: inibizione enzimatica Azotorganici: inibizione della biosintesi degli amminoacidi e respirazione Aloidrocarburi: fumiganti e geodisinfestanti per serre Fosforganici: stimolo della produzione di fitoalessine Analoghi delle strobilurine: inibizione della respirazione
  • Sitografia www.fitogest.com Banca dati principi attivi, formulati commerciali e revisioni tossicologiche www.bioplanet.it Portale specializzato in lotta biologica www.cespevi.it Portale del centro sperimentale per il vivaismo di Pistoia www.ispave.it Centro di ricerca per la patologia vegetale www.forestpests.org Ottima banca dati per il riconoscimento visivo delle patologie Consigliata la consultazione dei siti dei servizi fitosanitari regionali. Utili per allerte, rapporti di monitoraggio forestale e decreti di lotta obbligatoria.
  • Conclusioni Vi aspettiamo sul forum Bonsai Italia per discuterne assieme! www.bonsai-italia.org/forum Testi e immagini Marco Beconcini Impaginazione Marco Antonini Licenza d’uso Creative Commons