Your SlideShare is downloading. ×
Inceneritori: è tempo di uscire dall’età del fuoco?
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Inceneritori: è tempo di uscire dall’età del fuoco?

845
views

Published on

Convegno: Nuovo inceneritore di Desio. Rischi per la salute da incenerimento dei rifiuti, buone pratiche e tecnologie sostenibili per andare oltre. WWF. 20 Aprile 2009.

Convegno: Nuovo inceneritore di Desio. Rischi per la salute da incenerimento dei rifiuti, buone pratiche e tecnologie sostenibili per andare oltre. WWF. 20 Aprile 2009.

Published in: Health & Medicine, Business

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
845
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
17
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide
  • Transcript

    • 1. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet
    • 2. Bovisio (MI) - 20.04.2009 NEL TEMPO DELL’INGANNO UNIVERSALE, DIRE LA VERITA’, E’ UN ATTO RIVOLUZIONARIO. George Orwell for a living planet
    • 3. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet TEORIA di OLDUVAI Civiltà del ciottolo scheggiato. www.aspoitalia.it 1979 – minimo disponibilità pro-capite!
    • 4. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet LIVING PLANET REPORT 2008 Biodiversità globale e Impronta ecologica
    • 5. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet Il vero sapere è quello che si basa sulla nozione di causa. Aristotele Il vero sapere è quello che si basa sulla nozione di causa. Aristotele
    • 6. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet SETTORI PRODUTTIVI ITALIANI: Contributo al PIL – Terziarizzazione(%) Dal S24O 6 ottobre 2008 1950 1977 1981 1991 2007 50 16 13 8 4 20 38 37 32 26 30 46 50 60 70
    • 7. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet Sulla SPINTA DI OBAMA (e su sollecitazione della Corte Suprema del 2007) DIRETTIVA EPA (S24O 18.4.2009 p.8) “ L’inquinamento prodotto dai sei gas nocivi danneggia l’ambiente . Le auto, i nostri impianti energetici che bruciano carbone o altri fossili provocano ondate di calore, uragani, alti livelli di smog e altre minacce dirette e indirette per la salute e pongono delle implicazioni per la sicurezza nazionale aggravando il problema della scarsità delle risorse nazionali ”.
    • 8. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet
      • IL PARADOSSO DELLE MULTIUTILITY
      • (S24O Plus24 18.4.2009 p.7)
      • - Profitti privati e bollette pubbliche
      • - Non appetiti dal mercato (crolli azionari)
      • Perdite azionarie per i Comuni in un anno (30% Acea, 50% Hera e A2A)
      • Rigidità nei servizi (economia di scala)
      • Autoreferenzialità (emolumenti) e CIP6
    • 9. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet VENETO: Produzione RSU e consumi famiglie Fonte ARPAV: Osservatorio Regionale Rifiuti – 11.2008
    • 10. Bovisio (MI) - 20.04.2009 E’ necessario un cambio di paradigma ogni volta che le divergenze tra teoria e realtà diventano troppo grandi. Thomas Kuhn NON AVERE NUOVI INCENERITORI E’ UN’OPPORTUNITA’ for a living planet
    • 11. for a living planet Niente è tanto potente quanto un’idea il cui tempo è venuto. Victor Hugo Bovisio (MI) - 20.04.2009
    • 12. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet STRATEGIA RIFIUTI ZERO La Municipalità di New York ha deliberato il 3 giugno 2004 che: “ Ogni tonnellata di spazzatura portata in discarica o all’incenerimento è un indice di fallimento o di inefficacia del “sistema” , così come un difetto nella produzione di un prodotto è indice di fallimento o di inefficienza del processo produttivo”
    • 13. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet STRATEGIA RIFIUTI ZERO ( http://my.barackobama.com/page/group/ReduceReuseRecycle ) BARACK OBAMA ha deliberato nel suo blog: “ Ridurre quantità e tossicità dei rifiuti che produciamo. Riusare contenitori e prodotti; Riparare ciò che si è rotto o donarlo a qualcuno che sia in grado di ripararlo. Riciclare il più possibile, includendo l'acquisto di beni prodotti con materiali riciclati. Io penso che, come nazione , dobbiamo approvare norme federali , con scadenze reali , che impongano a tutti gli stati di riciclare plastica, alluminio, carta, ecc. lavorando ad un processo incrementale che ci porti al traguardo rifiuti zero . Avanti! Tutti gli animali eccetto l'uomo lo fanno ogni giorno. Non pensiamo noi di essere la specie più evoluta? ”
    • 14. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet THINK LATERAL “ I problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati”
    • 15. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet Un salto paradigmatico culturale ed industriale, per l’attuazione della strategia Rifiuti Zero (RZ), ovvero il RICICLO TOTALE dei Rifiuti Solidi Urbani (RSU) e Rifiuti Solidi Assimilati agli Urbani (RSAU) Per un modello italiano della gestione dei RSU e RSAU
    • 16. Bovisio (MI) - 20.04.2009 MISSIONE WWF: Fermare e far regredire il degrado dell’ambiente naturale del nostro pianeta e contribuire a costruire un futuro in cui l’umanità possa vivere in armonia con la natura OBIETTIVO STRATEGICO WWF : Rifiuti Zero (Zero Waste) for a living planet
    • 17. LA DECRESCITA FELICE, può diventare il fulcro di un nuovo paradigma culturale e un obiettivo politico se si realizza come una diminuzione della produzione delle merci che non sono beni e un incremento della produzione di beni che non sono merci Bovisio (MI) - 20.04.2009
    • 18. Bovisio (MI) - 20.04.2009   PROCESSO DI TRASFORMAZIONE ( E USO) RISORSE CONTROLLI ENERGIA DEGRAD. ed INQUINAMENTO PRODOTTI (rifiuti) INFORMAZ. DEGRADATA FEEDBACK (+, -) ENERGIA MATERIA (prodotti) INFORMAZIONE   CODICI dei RSU:   -UNA TRENTINA DI MATERIALI   -UNA QUARANTINA DI PRODOTTI   CODICI PRODOTTI SUPERMERCATO :   -CENTINAIA DI MATERIALI   -MIGLIAIA DI PRODOTTI BASSA ENTROPIA   ALTA ENTROPIA RIDUZIONE, RIUSO, RICICLO   PROCESSO ENTROPICO RSU for a living planet
    • 19. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet
    • 20. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet
    • 21. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet
    • 22. Bovisio (MI) - 20.04.2009 CONSORZIO PRIULA (TV)
    • 23. Bovisio (MI) - 20.04.2009 RACCOLTA DIFFERENZIATA Verso il 50/65% TMB – trattamento meccanico biologico DISCARICHE E/O CDR A IMPIANTI INDUSTRIALI PREVENZIONE RIDUZIONE DUE APPROCCI AL PRINCIPIO DI REALTA’ : La combustione è estranea ai cicli naturali RACCOLTA DIFFERENZIATA Verso il 100% RICICLO TOTALE Analisi delle 4 frazioni da smaltire PREVENZIONE RIDUZIONE DISCARICHE Feedback per l’input Feedback per l’ input Feedback per il processo 1 – Ciclo semi-chiuso: Saturazione nel tempo dei fattori ambientali (RZ?) 2 – Ciclo chiuso: Da subito risparmio dei fattori ambientali (RZ = riciclo totale)
    • 24. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet
    • 25. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet Consorzio Priula – Produzione rifiuti pro-capite (Kg/ab/a) e per tipologia dei residui da smaltire 2000 2001 2003 2005 2006 (223.548 ab) 2007 (227.715 ab) % RD  27.18 % 33.64 % 70.01 % 75.26 % 77.00 % 77.63 % Totale rifiuti prodotti  441.00 438.00 363.00 366.00 368.00 100 % 364.00 Kg/a 100 % Secco residuo 271.29 228.16 93.70 72.77 69.87 18.99% 66.11 18.15% Ingombranti 44.14 54.30 4.45 8.77 7.52 2.04 % 8.02 2.20 % Spazzatura stradale 5.06 5.70 10.38 8.01 7.22 1.96 % 6.36 1.75 % Sovvalli 2.06 2.54 4.72 4.70 6.13 1.67 % 6.18 1.70 %
    • 26. Centro Riciclo Vedelago Valorizzazione dello scarto (produzione del granulato “sabbia sintetica”): Bovisio (MI) - 20.04.2009 Provenienza del rifiuto scarti da selezione interna (plastiche sporche, elementi di arredo, ecc) rifiuto indifferenziato (da RD alta) scarto da impianti di selezione di terzi Processo di lavorazione Controllo, asporto imballaggi presenti e triturazione miscela Separazione dei materiali ferrosi e non ferrosi Estrusione Granulazione e vagliatura (per granulometria) potenzialità 10.000 – 12.000 t/anno
    • 27. Centro Riciclo Vedelago
      • GRANULATO PLASTICO RP-MIX-CEM
      • Conforme alle Norme UNI EN 10667-14/2003
      • Classificato “materia prima seconda”art. 181 D.lg. 152/2006
      • Campo di applicazione:
      • settore industria edile - aggregante malte cementizie
      • (manufatti in cemento, massetti, pali, pavimenti all., ecc.)
      • - settore industria plastica - produzione di manufatti
      • (pallet, casseri, tegole, dissuasori, ecc, e arredo urbano).
      Manufatti in plastica Il materiale è utilizzato al posto della sabbia Bovisio (MI) - 20.04.2009
    • 28. Bovisio (MI) - 20.04.2009 SISTEMA QUALITA’ E SISTEMA TERRITORIALE -Obiettivi -cod. CER -Processi -Indicatori SISTEMA QUALITA’ RIFIUTI DATI RIFIUTI (dal data collection) SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE RAPPORTI -ECO SPORTELLO Controllo systema: -CONTRATTI -MAPPE LOCALI -CODICI CER Definizione di: --PROCESSI –OBIETTIVI –INDICATORI --DATI -Comuni –Consorzi –Provincia --Regione CONTROLLOOBIETTIVI vs OBIETTIVI PIANIFICATI -RACCOLTA DATI RIFIUTI – DATI SMALTIMENTO -Istituzioni: Comuni, Consorzi, Provincia, Regione, ORR, ONR, –Cittadini -Stakeholders VENETO WASTE AND ENERGY
    • 29. Bovisio (MI) - 20.04.2009
      • 1 – PREREQUISITO : RD IN MIGLIORAMENTO CONTINUO
      • - Raccolta domiciliare spinta
      • Tariffa puntuale
      • Sistema informativo territoriale (SIT)
      • Sistema qualità rifiuti (SQR)
      • Estensione sistema omogeneo all’ATO (ambito territoriale ottimale)
      SCHEMA DI TRANSIZIONE VERSO RIFIUTI ZERO Guidati sempre dagli obiettivi strategici misurabili delle 5 “R” (Riduzione, Riuso, Riparazione, Riciclo, Ricerca) 2 - FASE DI TRANSIZIONE : SMALTIMENTO – Smaltimento residuo in discarica attraverso trattamenti meccanico biologici (TMB) 2 - FASE DI TRANSIZIONE : RIDUZIONE – Azioni di analisi merceologica frazioni residue - Analisi merceologica imballaggi - Incentivazione ed azioni per le azioni di riduzione delle frazioni residue e degli imballaggi 3 – FASE DI MANTENIMENTO “ZERO RIFIUTI” - Utilizzo del sistema di qualità rifiuti (SQR) per controllare e migliorare e controllare i processi e gli obiettivi quali-quantitativi. - Utilizzo del sistema informativo territoriale (SIT) per affinare la qualità dei dati di raccolta ed ecosportello.
    • 30. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet Da 364 kg/ab/a di rifiuti prodotti, nella simulazione da dati reali andrebbero A SMALTIMENTO 28.48 kg/ab/a cioè il 7.8%, cioè meno di 1/3 dell’attuale smaltimento del Priula (86.67 kg/ab/a)
    • 31. Bovisio (MI) - 20.04.2009 REGIONAL MOSAIC CONCEPT Pianificare le attività umane in funzione delle risorse rinnovabili utilizzabili localmente, scegliendo le tecnologie più appropriate in tal senso. ONU -Millennium Ecosystem Assessment (2000/2005) for a living planet
    • 32. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet
      • ATO rifiuti: Gestione integrata
      • Art. 201, comma 4 (D.lgs 152/2006);
      • “ Per la erogazione e gestione del servizio di gestione integrata , e per il conseguimento degli obiettivi determinati dall ’ Autorit à d ’ ambito, sono affidate, ai sensi dell ’ art. 202 e nel rispetto della normativa comunitaria e nazionale sull ’ evidenza pubblica , le seguenti attività:
      • la realizzazione, gestione ed erogazione dell ’ intero servizio [1] ,
      • comprensivo delle attivit à di gestione e realizzazione degli impianti ;
      • b) la raccolta, raccolta differenziata, commercializzazione e smaltimento completo di tutti i rifiuti urbani e assimilati prodotti all ’ interno dell ’ ATO”;
      [ 1] Dlgs 152/06 art.183 comma 1.v; – Gestore del servizio di gestione rifiuti : l ’ impresa che effettua il servizio di gestione dei rifiuti, prodotti anche da terzi, ricorrendo , coordinandole, anche altre imprese , in possesso dei requisiti di legge, per lo svolgimento di singole parti del servizio medesimo. L ’ impresa che intende svolgere l ’ attivit à di gestione dei rifiuti deve essere iscritta nelle categorie di intermediazione dei rifiuti dei siti dell ’ Albo di cui all ’ art. 212 .
    • 33. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet I TRE LIVELLI DI ORGANIZZAZIONE A RETE Da: Il Castello e la Rete – F.Butera
    • 34. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet
    • 35. Bovisio (MI) - 20.04.2009 I BENEFICI ECONOMICI I dati del grafico fanno riferimento ad un campione di comuni italiani analizzato dall’APAT. Tutti i comuni del campione utilizzano la tariffa.
    • 36. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet Costo per abitante (euro/anno) sistema stradale e PaP per classe dimensionale dei Comuni Ecoistituto Faenza – su 1816 comuni italiani - 2005
    • 37. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet Provincia di Modena Consorzio Priula
    • 38. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet D.lgs 152/2006, T.U. Norme in materia ambientale Parte Quarta: Norme in materia di gestione dei rifiuti Art. 200, comma 7 (aggiornato a maggio 2008) “ L e regioni possono   adottare modelli alternativi o in deroga al modello degli ATO   laddove predispongano un piano regionale dei rifiuti che dimostri la propria adeguatezza rispetto agli obiettivi strategici previsti dalla normativa vigente, con particolare riferimento ai criteri generali e alle linee guida riservati, in materia, allo Stato ai sensi dell'art. 195 ” .
    • 39. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet ACCORDO ANCI –CONAI 2008 Il CONAI non si pone come monopolista : I Comuni possono sganciarsi dal sistema CONAI, mentre le imprese e le istituzioni possono allestire un sistema alternativo di raccolta e riciclo. Sentenza Corte di Giustizia CE, sez VIII, 22.12.2008 “ Il CDR-Q è stato sottratto “ a priori” all’applicazione della legislazione nazionale sui rifiuti , al rispetto di definizione di rifiuto, (…) e che questo non garantisce un livello di tutela della salute e dell’ambiente equivalente a quello derivante dalla normativa comunitaria sui rifiuti”. Nuova Direttiva EU sui Rifiuti: 2008/98/CE – 19.11.2008 Dopo aver ribadito la priorità gerarchica degli obiettivi per la minimizzazione dei rifiuti, all’Art.4 comma 2, precisa che le priorità degli obiettivi sopramenzionati si possono ridefinire anche con “ opzioni che danno il miglior risultato ambientale complessivo”.
    • 40. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet I TRE LIVELLI DI ORGANIZZAZIONE A RETE Da: Il Castello e la Rete – F.Butera
    • 41. Bovisio (MI) - 20.04.2009 Chiunque creda che la crescita esponenziale possa continuare per sempre in un mondo finito o è un pazzo o un economista. Kenneth Boulding 1980 for a living planet
    • 42. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet
    • 43. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet
    • 44. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet
    • 45. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet
    • 46. TASSI STANDARDIZZATI DI INCIDENZA E MORTALITA’ PER CANCRO IN ITALIA (aa 1988-2002) (Epidemiologia e Prevenzione I tumori in Italia-Rapporto 2006) Bovisio (MI) - 20.04.2009
    • 47. INCIDENZA DI NEOPLASIE NELL’INFANZIA E NELL’ADOLESCENZA IN EUROPA (anni 1970-1999) (Lancet, Dic. 2004) Bovisio (MI) - 20.04.2009
    • 48. Bovisio (MI) - 20.04.2009
    • 49. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet DEFINIZIONI QUALITA’ ( UNI EN ISO 8402) L'insieme delle caratteristiche di un'entità che ne determinano la capacità di soddisfare esigenze espresse ed implicite. QUALITA' DELLA VITA 1-La realizzazione ed il mantenimento dei valori e dei principi condivisi fondamentali. 2-E' il livello di soddisfazione raggiunto nel soddisfacimento delle proprie esigenze materiali o immateriali, da parte di un individuo, gruppo, comunità. BENE (Zingarelli) - Ciò che è utile, piacevole, conveniente. - Tutto quello che serve a soddisfare i bisogni dell’uomo (di consumo, di rifugio, immateriali, etc). - Ricchezza, averi.
    • 50. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet PROPOSTA MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE RSU NELL’ ATO PROVINCIALE TREVIGIANO (95 comuni – 830.000 abit.) (Relazione assessore all’ambiente Ubaldo Fanton 15.12.2006) 1 – Gestione unitaria del ciclo dei rifiuti con R.D. P.a P. in tutti i 95 comuni. 2 – Unico regolamento di gestione copiando le esperienze più significative ATO. 3 – Obiettivo: minimizzazione frazione secca residua e incentivi per la RD. 4 – Portare tutti i contratti alla stessa scadenza per applicare la tariffa puntuale . 5 – Unico regolamento tariffario e unico piano finanziario . 6 – Passaggio al PaP secco-umido per tutti i comuni entro il 2007 e sperim. a TV. 7 – Introduzione di azioni meccaniche (spremitura umido) e recupero biogas . 8 – Smaltire sempre meno in discarica e recuperare sempre più materia .
    • 51. Bovisio (MI) - 20.04.2009
      • 1 – PREREQUISITO : RD IN MIGLIORAMENTO CONTINUO
      • - Raccolta domiciliare spinta
      • Tariffa puntuale
      • Sistema informativo territoriale (SIT)
      • Sistema qualità rifiuti (SQR)
      • Estensione sistema omogeneo all’ATO (ambito territoriale ottimale)
      SCHEMA DI TRANSIZIONE VERSO RIFIUTI ZERO Guidati sempre dagli obiettivi strategici misurabili delle 5 “R” (Riduzione, Riuso, Riparazione, Riciclo, Ricerca) 2 - FASE DI TRANSIZIONE : SMALTIMENTO – Smaltimento residuo in discarica attraverso trattamenti meccanico biologici (TMB) 2 - FASE DI TRANSIZIONE : RIDUZIONE – Azioni di analisi merceologica frazioni residue - Analisi merceologica imballaggi - Incentivazione ed azioni per le azioni di riduzione delle frazioni residue e degli imballaggi 3 – FASE DI MANTENIMENTO “ZERO RIFIUTI” - Utilizzo del sistema di qualità rifiuti (SQR) per controllare e migliorare e controllare i processi e gli obiettivi quali-quantitativi. - Utilizzo del sistema informativo territoriale (SIT) per affinare la qualità dei dati di raccolta ed ecosportello.
    • 52. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet
    • 53. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet Evoluzione nel tempo dei risultati raggiunti nel Consorzio Priula
    • 54. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet
    • 55. Costo finale di gestione per abitante (€/ab.anno) al variare della % di RD e videnziando le modalità di raccolta di RU residuo ed umido Bovisio (MI) - 20.04.2009 NB: sono stati esclusi i dati relativi a sistemi misti for a living planet
    • 56. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet
    • 57. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet Rapporto Rifiuti Italia APAT 2007
    • 58. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet
    • 59. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet DIMENSIONAMENTO INCENERITORI (Frazione secca residua) Percentuale residui da smaltire in funzione della % RD con o senza post Trattamento Meccanico Biologico (TMB) R I C I C L A G G I O SMALTIMENTO
    • 60. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet
    • 61. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet Prevenzione, Riduzione, Riuso, Riparazione, Riciclo, Ricerca
    • 62. Rappresentazione schematica di un organismo
      • Materiali Materiali di scarto
      • Energia Energia degradata
      • (entropia)
      • Informazionee Informazioni diverse da
      • quelle in entrata
      METABOLISMO + PROGRAMMA (inform. genetica) Bovisio (MI) - 20.04.2009
    • 63. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet
    • 64.
      • VERONESI DICHIARA CHE
      • &quot;I MODERNI TERMOVALORIZZATORI NON INQUINANO&quot;. BENISSIMO, ANDIAMO A VEDERE CHI SONO GLI SPONSOR DELLA SUA FONDAZIONE: http://www.fondazioneveronesi.it/partners.html ACEA - multiutility con inceneritori PIRELLI - (petrolio, centrali ad olio combustibile) ENEL (Centrali a Carbone ed oli pesanti e pure nucleare) VEOLIA Envoirment (ditta che costruisce inceneritori!!!) http://www.e-gazette.it/index.asp?npu=74&pagina=1 UMBERTO VERONESI A CHE TEMPO CHE FA: RISCHIO INCENERITORI ZERO!!!!!!!! (20-01-2008) ---------------------------------------------------- <<L’ELETTROSMOG NON ESISTE>> VERONESI, TIRELLI E GLI ESPERTI DI GALILEO 2000: IL PROBLEMA NON ESISTE, LE EMERGENZE SONO ALTRE (Gazzett. 14.6.03), MA LA TELECOM E’ TRA I SOCI DELL’IST. EUROPEO DI ONCOLOGIA DIRETTO DA VERONESI La Telecom tra i soci dell’Ist. Europeo di oncologia diretto dal Prof. Umberto Veronesi http://www.ieo.it/italiano/il%20nostro%20istituto/soci.shtml http://www.ieo.it/italiano/index.asp
      • OGM, E’ IL BIOTECH IL SETTORE DEL FUTURO PER VERONESI CHE E’ AZIONISTA DELLA GENEXTRA AL 4,13% http://www.tempi.it/archivio_dett.aspx?idarchivio=10274 Tempi num.25 del 15/06/2006 Politica Genextra, quando la libertà di ricerca è un affare per gente per bene
      Bovisio (MI) - 20.04.2009
    • 65. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet
    • 66. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet Umberto Veronesi: Cancro, un male curabile, Ed Mondadori, 1986 Gianni Tamino: Cancro, un male evitabile, Ed Cosmopolis, 2006
    • 67. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet Andrea Zanzotto In questo progresso scorsoio non so se vengo ingoiato o se ingoio Ed. Garzanti, 2.2009  
    • 68. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet IL SACCO DELLA FSR ORIZZONTALE Società SAVNO 2009
    • 69. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet SACCHI DELLA FSR A CONFRONTO Sacco orizzontale SAVNO (TV) , sacco trasparente CEM Milano
    • 70. Centro Riciclo Vedelago Fase 1 : Arrivo del rifiuto
      • raccolte differenziate multimateriale o monomateriale
      • rifiuti industriali, commerciali, artigianali, agricoli e di servizio conferiti da aziende private e/o da Comuni
      • Frazione secca RSU (rifiuto indifferenziato)
      Le balle di plastica in uscita dalla pressa vengono trasferite e stoccate nella zona esterna, pronte per la consegna alle fabbriche. I rifiuti conferiti da RD vengono caricati sul nastro trasportatore e sottoposti a selezione mista manuale-meccanica per togliere le frazioni non compatibili. I materiali selezionati, escluso il vetro, vengono pressati in balle per ridurre il volume in fase di trasporto. Lo scarto di selezione viene avviato all’impianto di trattamento. Le altre frazioni selezionate (vetro, materiali ferrosi, legno, carta,) vengono stoccate in appositi box esterni pronte per la consegna alle fabbriche. Fase 2 e 3 : L'impianto di selezione e pressatura Fase 4 : Gestione delle singole frazioni Bovisio (MI) - 20.04.2009
    • 71. Bovisio (MI) - 20.04.2009
    • 72. Bovisio (MI) - 20.04.2009
    • 73. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet
      • ULSS7 Treviso : Morti e incidenza cancro
      • Abitanti : 220.000; Comuni: 28; 710 kmq; 301 ab/kmq
      • Morti per cancro 2008: 600 (0.27%)
      • Esenzioni ticket ULSS7 con codice 048 ( Soggetti affetti da patologie neoplasiche maligne):
      • 2007: 8.760 persone (3.98 %)
      • 2008: 9.146 persone (4.16 %)
      • Aumento ammalati patologie neopl. maligne 2008/2007: + 4.4%
      • Le incidenze per cancro 2008 sono 15.4 volte le morti per cancro.
    • 74. Bovisio (MI) - 20.04.2009     IL COLLASSO DELLE SOCIETA’ COMPLESSE   “ Gli uomini prima sentono il necessario ,   di poi badano al l’utile ,   appresso avvertiscono il comodo ,   più inanzi si dilettano del piacere ,   quindi si dissolvono nel lusso e   finalmente impazzano in istrapazzar le sostanze ” GiovanBattistaVico 1744 - Principi di scienza nuova   for a living planet
    • 75. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet “ The collapse of complex societies” – Joseph A. Tainter
    • 76. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet RESPONSABILITA’ La foresta brucia, tutti gli animali scappano. Un colibrì vola verso il fuoco con una goccia d'acqua nel becco. &quot;Dove vai?&quot; gli chiede un leone. &quot;Vado a spegnere l'incendio&quot; risponde il colibrì. &quot;Con una goccia d'acqua?&quot;. &quot;Io faccio la mia parte!&quot;
    • 77. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet   7 AREE CRITICHE NELLE SOCIETA’ COMPLESSE (invarianti)   1 – Agricoltura 2 – Minerali e produzione energetica 3 – Ricerca e sviluppo 4 – Investimenti nella salute 5 – Scuola 6 – Gestione del governo, esercito e industria   7 – Produttività e creazione della ricchezza   (da: “The collapse of complex societies” – J. A.Tainter )
    • 78. Bovisio (MI) - 20.04.2009 1979 1930 1945 barili/ab/anno PICCO DEL PETROLIO “ La festa è finita” – Richard Heinberg – Ed.Fazi ZERO WASTE for a living planet
    • 79. Bovisio (MI) - 20.04.2009 CONSUMARE LAVORARE VENDERE PRODURRE IL FEEDBACK POSITIVO DELLA CRESCITA STERMINATA Per poter Per poter Per poter Per poter
      • SMALTIMENTO:
      • - DISCARICA
      • CANCROVALORIZZATORE
      • IMPIANTI INDUSTR. (CDR)
    • 80. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet CAPOLUOGHI ITALIANI 2007: Produzione rifiuti e RD
    • 81. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet FRAZIONE SECCA RESIDUA Prov. Modena (PPGR 25.05.2006) - Abitanti Provincia di Modena: 643.000 - Rif.urbani kg/ab/a: 680 2005 , 730 2012 (da 437.240 a 469.390 t/a) circa 299.200 t/a di residuo. % RD: 35,2 2004 ; 35,6 2005 ; 32 2007 ; 55,0 2012 (annunciato esperim. PaP) INCENERIT: 3 linee(120 k t/a)+1 l.nuova(120/170 k t/a)= 240/270k t/a SECCO RESIDUO PRIULA 86.67 kg/ab/a: 55.729 t/a (fraz.secca domiciliare, ingombranti, spazzat.stradale, sovvalli) (1/5 dei residui) TOT.RIFIUTI (t/a) A % RIFIUTI DIFFERENZIATI B % CDR SU TOT. RIFIUTI C TOTALE CDR DA TOTALE RIFIUTI D=AxC (t/a) 437.240 35% 33 144.289 437.240 50% 23 100.565 437.240 60% 18 78.703 437.240 70% 14 61.213
    • 82. Bovisio (MI) - 20.04.2009 VENETO
      • PRODUZ. SECCO RESIDUO 2006 ITALIA (Rapp. APAT 2008)
      • Abitanti 59.131.287 (8.100 comuni)
      • RD: 25.8% -> 40% nel 2007, 50% 2009; 60% 2010 (L.296/2006)
      • Rifiuti tot.: 32.322.000 t (550 Kg/ab/a); Residui tot: 23.982.924 t/a (405.58 Kg/ab/a);
      • Incenerimanto: 50 inceneritori ; incenerim. 13.9% (4.5mln/t/a RSU+CDR+RS osp.)
      • Discariche: 47.9% ; - Compostaggio 5.8%
      TOTALE RIFIUTI t/a A % RIFIUTO INDIFFERENZ. B % RIF.SECCO SU TOT.RIF. C RIFIUTO SECCO DAL TOTALE RIFIUTI (t/a) D = A x C 32.322.000 35% 33 10.666.260 32.322.000 50% 23 7.434.060 32.322.000 60% 18 5.817.960 32.322.000 70% 14 4.525.080 Se secco residuo complessivo 2007 Priula (TV2) 86.67 kg/ab/a ( frazione secca residua + ingombranti + spazz.str. + sovvalli ) 5.124.884 t/a residui se RD come il Priula (4.7 x)
    • 83. Bovisio (MI) - 20.04.2009 for a living planet
    • 84. Bovisio (MI) - 20.04.2009 CONSUMARE ENERGIA PER RISPARMIARE ENERGIA for a living planet

    ×