Mobile App Development - Strategie di web marketing e comunicazione - Parte 1

  • 528 views
Uploaded on

Il modulo facente parte del corso sulle "Tecniche di progettazione e sviluppo di applicazioni mobile" organizzato da AREA Science Park, intende fornire una serie di spunti su come promuovere una …

Il modulo facente parte del corso sulle "Tecniche di progettazione e sviluppo di applicazioni mobile" organizzato da AREA Science Park, intende fornire una serie di spunti su come promuovere una Mobile App partendo dall'analisi della domanda, per arrivare alla promozione online vera e propria. Parte 1 - Analisi e strategia

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
528
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
15
Comments
0
Likes
4

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Tecniche di progettazione esviluppo di applicazioni mobilePotenzialità del mercato, posizionamento,strategie di presenza online1– analisi e strategiaPaolo Bolpet – web strategist @ eFlux – Corso FP1235479002
  • 2. BuongiornoMi chiamo Paolo Bolpet, sonoweb strategist in eFlux e Moove.Da più di 17 anni aiuto aziende edorganizzazioni a trovare il modopiù efficace di comunicare online.linkedin.com/in/bolpettwitter: @bolpetslideshare.net/bolpetwww.eflux.it / www.moove.it
  • 3. Organizzazione del corso➔Obiettivo è fornirvi una serie di spunti su comepromuovere la vostra App partendo da una analisidella domanda, per arrivare alla promozioneonline vera e propria della vostra app➔Il primo giorno parleremo di analisi e di strategia; ilsecondo faremo una ricognizione degli strumentia disposizione; il terzo faremo assieme unprogetto di promozione di una App
  • 4. Take away... e no➔Troverete le basi su cui elaborare una strategia, imeccanismi su cui si basano i vari strumenti,buone prassi, suggerimenti, esempi pratici➔NON troverete istruzioni dettagliate, how-toperché per quelli ci sono libri, manuali ed helponline che vi studierete quando vi serviranno➔Ma soprattutto NON troverete ricette magiche,template, ma il faticoso e costante lavoroquotidiano ed un incitamento alla scoperta
  • 5. “If you fail to plan, you plan to fail”[anonimo]
  • 6. Una storia...A Udine, cè Antonio, un salernitano che ha deciso diaprire un negozio di alimentari pieno di cose sfiziose.Dalla vecchietta claudicante al rampante funzionario dibanca, per tutti Antonio ha una parola, una storia daraccontare e con tutti inizia una conversazione chespesso va a finire sul cibo in mostra.Tu non vai da Antonio per acquistare alimentari, ci vaisoprattutto per il racconto che senti entrando nelnegozio, raccontato anche dal cibo che vende.
  • 7. Strategia e pianificazione➔La strategia è lo strumento necessario aconseguire gli obiettivi di lungo termine diunimpresa➔La strategia permette di anticipare e considerareprima quali conseguenze potranno avere le azioniche intraprendiamo➔Senza strategia siamo ciechi in mezzo ad unacittà, privi di guida, ubriacati da segnali che nonriusciamo a comprendere
  • 8. Obiettivi di business,target e valore scambiatoIn tutto quello di cui parleremo ci saranno dellecostanti che non dovrete mai dimenticare:Obiettivi di businessInterlocutoreValore scambiato
  • 9. “Youre not the only story in town”[brian solis, 2008]
  • 10. Che fare?➔Avere lidea, creare il valore da scambiare➔Valutare la risposta del mercato, le suepotenzialità➔Definire come vogliamo differenziarci➔Definire il modello di business➔Creare lattesa e promuovere la app➔Postvendita: la sfida del nuovo millennio
  • 11. Avere una buona idea➔Risolvere un problema: non esiste funzione chenon possa essere oggetto di una app;➔Focalizzarsi su una cosa e farla bene; fornire unagrande esperienza duso agli utenti➔Trovare il modo di differenziarsi: farlo meglio, inmodo differente o a minor costo
  • 12. Esplorare le potenzialità del mercato➔Canali e statistiche di settore:➔Flurry http://blog.flurry.com/➔Apptopia http://blog.apptopia.com/➔Su Scoop.it http://goo.gl/d2EYV➔Dati presenti sugli app store➔Monitoraggio motori di ricerca e social mediagoogle.com/trends - twazzup.com
  • 13. Qualche dato interessanteTempo speso su iPhone 5 Le prime 10 categorie di appSource: Velti, set 2012
  • 14. Dati degli app store➔Effettuare ricerche per tipologia di app➔Mappare la quantità di download, il numero direcensioni e la media➔Controllo dei competitor, benchmark delle app,effettuare dei test; trovare i punti di debolezza
  • 15. Dati dagli app store
  • 16. Google trends: parola “office app”Google trendsTrend di “office app”
  • 17. Twitter real time monitoring
  • 18. The wisdom of the crowd➔Il modo migliori per realizzare lapp giusta è quella dichiedere agli utilizzatori cosa vogliono➔I blog o altri sistemi come ideascale.com sono dasempre fonte di idee maggiormente affidabili e contempi di risposta minori➔Co-creation significa progettare quello che gliutilizzatori realmente vogliono e come lo vogliono➔Co-creation significa creare una comunità da cuipartire per promuovere la app
  • 19. Forum di Kingsoft Office
  • 20. Differenziare lofferta➔Fare meglio, a minor costo, in modo diverso➔Oppure fare qualcosa che gli altri non fanno;usare la strategia delloceano blu:➔non competere, cercare nuovi mercati➔aumentare la base di utenti➔creare un solido business model➔aumentare la profittabilità
  • 21. L’innovazione di valore:la colonna portante della strategia oceano blu(c) Kim – Mauborgne, Blue Ocean Strategy
  • 22. Strategia oceano blu:Il quadro strategico(c) Kim – Mauborgne, Blue Ocean Strategy
  • 23. Strategia oceano blu:Le quattro domande fondamentali(c) Kim – Mauborgne, Blue Ocean Strategy
  • 24. Strategia oceano blu:Il risultato Yellow Wine(c) Kim – Mauborgne, Blue Ocean Strategy
  • 25. Principi della strategia oceano blu(1) Ridefinire i confini del mercato andando oltre isettori di mercato esistenti(2) Focalizzare sul quadro complessivo non suinumeri. Visualizzare il profilo strategico.(3) Estendere la domanda, cercare i non-clienti: futuri,che rifiutano, inesplorati(4) Seguire la giusta sequenza strategica: dallutilità, algiusto prezzo, stabilire il costo, superare gliostacoli, verificare lutilità dellofferta
  • 26. Scegliere il business model➔Pay to download; si paga prima di scaricare la app➔In-App purchase; si paga per avere contenuti, maggiori funzionalità, eliminare ads, etc➔Sponsorizzazione; il pagamento viene effettuato da uno sponsor che vuole essere associatoalla app➔Affiliation; il pagamento viene effettuato in base a lead o vendite (ad esempio una app diprenotazione alberghiera)➔Additional services; il guadagno deriva da servizi paralleli (ad esempio una app di uno studiolegale)➔Part of service; la app è parte di un sistema di servizi che una azienda offre➔Information; il guadagno è nella vendita dei dati raccolti dalla app➔Reputation or Branding; scopo è avere molti utenti trovando poi il modello di business➔Senza modello di business; la app viene realizzata senza voler generare business
  • 27. Free business models(c) Chris Anderson, Free, 2009
  • 28. Bibliografia➔Strategia oceano blu http://goo.gl/mL4m➔Business Model Canvas http://goo.gl/o4J4c➔Free, Chris Anderson (Gratis, RCS Libri)➔Flurry industry insights http://blog.flurry.com➔eConsultancy http://goo.gl/DHVik
  • 29. “Markets are conversations”[Cluetrain Manifesto, 1999]
  • 30. Da dove partire?➔Una start-up in genere:➔è sconosciuta (brand awareness)➔ha scarso budget e mezzi➔ha poco tempo➔Sia che vogliate attrarre investitori sia che vogliateandare avanti con le vostre gambe avete bisognodi risultati immediati a basso prezzo.
  • 31. Investimenti / RisultatiNon è vero che internet o i social medianon costano nulla+ + =È unequazione che non potete evitare in alcunmodo
  • 32. Ho un sito... e adesso?➔Aprire un sito web, una pagina sui social media ècome aprire un negozio nel giardino dietro casa➔è necessario promuoverlo e mantenere vivalattenzione➔è necessario che diventi un punto di riferimento,che trasmetta fiducia➔è necessario che sia coerente con la strategia, inciascun punto del piano
  • 33. Markets are conversations"I mercati sono conversazioni. Il mercato era un luogo incui le persone si riunivano e parlavano fra di loro. Internet ciha fornito un mezzo per raggiungere nuovamente un talelivello di comunicazione." [1^ tesi del Cluetrain Manifesto,1999]."Il "social object" è il motivo per cui due persone parlanofra di loro, anziché con altri." [Hugh Macleod].➔Trovate il social object che può essere condiviso nelvostro ecosistema ed iniziate la conversazione ed avretetrovato il Sacro Graal della vostra comunicazione.
  • 34. Da dove iniziare?Learn! Learn! Learn!➔se non sappiamo dove siamo, non possiamodecidere dove vogliamo andare né come lovogliamo fare;➔Il nostro ecosistema è linsieme del contesto in cui cimuoviamo e dei contatti (stakeholder) con cui cidobbiamo confrontare;➔studiare il nostro ecosistema è il primo step delnostro viaggio.
  • 35. P.O.S.T.➔People. Individua i tuoi interlocutori, analizzanelattività in rete, scopri quali luoghi frequentano onlinee come.➔Objectives. Decidi cosa vuoi ottenere dalla tuaattività online.➔Strategy. Decidi come dovrà cambiare il rapportoentro il tuo ecosistema.➔Technology. Individua le tecnologie più efficaci perraggiungere i tuoi obiettivi.
  • 36. Start small, start now➔La comunicazione deve essere coerente, consistente, focalizzatasullutente;➔gli investimenti devono essere mirati, avere un ritorno immediato eduno di medio-lungo periodo;➔partire sempre avendo ben presenti gli obiettivi di businessdellimpresa ed il valore da scambiare con la propria audience;➔creare una architettura di comunicazione coerente, incentrata sullapropria web property (che posso controllare) , focalizzata atrasmettere fiducia e competenza, capace di crescere e di modificarsimolto velocemente.
  • 37. Fornire valore. Concentrarsi sulproprio interlocutore
  • 38. Conoscere gli obiettivi➔Nel momento in cui ho una idea e degli obiettivi dibusiness posso anche declinarli in obiettivi dicomunicazione:➔vendere, promuovere, aggregare, discutere, attrarre, etc;➔scopo della mia attività online sarà quindi quello diportare acqua al mio mulino, ovvero ai miei obiettivi dibusiness;➔individuati gli obiettivi saprò anche cosa devo misurareper valutare lefficacia delle mie azioni.
  • 39. Elaborare la strategia➔Scegliete i canali più efficaci e non quelli più dimoda; vi sembrerà strano ma Facebook quasi maiè la scelta più migliore;➔centellinate la vostra presenza effettiva (profili,pagine) in base alla vostra reale capacità e tempodi coinvolgere la vostra platea;➔cercate e coltivate i canali (gruppi, discussioni,forum) in cui poter dimostrare le vostre capacità)
  • 40. Misurare e migliorare➔Tutto si può misurare; ciò che non si puòmisurare non esiste;➔la misura deve essere coerente agli obiettivi dibusiness;➔la misura deve servire a migliorare non adimostrare quanto siete bravi.
  • 41. Crowdfunding non significa raccogliere soldidalla folla, ma creare attorno a un progettouna comunità a cui chiedere sostegno[Wired.it]
  • 42. Legislazione➔Il decreto crescita (ottobre 2012) prevede:➔lesistenza di portali di raccolta fondi per start-upinnovative;➔la definizione di start-up innovativa (alcune infohttp://bit.ly/XEodh5);➔la prossima uscita di un regolamento dellaCONSOB che dovrebbe dare chiarezza e mettereordine nel settore.
  • 43. La dimensione in Italia➔30.000 progetti presentati alle piattaforme perlapprovazione➔9.000 approvati e pubblicati, sottoposti alpubblico➔2.500 andati a buon fine, cioè hanno ricevutofinanziamenti➔13.000.000 di Euro raccolti
  • 44. La preparazione è fondamentale
  • 45. Takeaway“Sento spesso parlare di progetti e poche volte dicomunità. Il crowdfunding non è una raccolta fondi,ma storytelling” [Chiara Spinelli, Eppela]➔come prima cosa cercate la vostra personalità,trovate quello che distingue il vostro progettodagli altri➔poi costruite il vostro ecosistema: raccontate lavostra storia.
  • 46. Alcuni indirizzi➔Alcuni portali di crowdfunding già attivi:➔www.kickstarter.com, www.ulule.com, www.indiegogo.com: alcune tra lepiattaforme➔www.kapipal.com, eppela.com sono invece esperienze italiane (Vedi ilManifesto Kapipalista http://bit.ly/TQVNaZ)➔www.youcapital.com, www.spot.us dedicati al giornalismo;www.slicethepie.com dedicato alla musica;➔www.growvc.com, www.siamosoci.com per trovare finanziamenti e consigliutili per la vostra startup.➔Altre informazioni:➔Piattaforme italiane: http://goo.gl/R4REJ➔Come lanciare la tua startup: http://goo.gl/Kr2xi
  • 47. GraziePotrete trovare la presentazione suhttp://slideshare.net/bolpet