Your SlideShare is downloading. ×
0
Open space arezzo
Open space arezzo
Open space arezzo
Open space arezzo
Open space arezzo
Open space arezzo
Open space arezzo
Open space arezzo
Open space arezzo
Open space arezzo
Open space arezzo
Open space arezzo
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Open space arezzo

249

Published on

Published in: News & Politics
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
249
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. 29 Gennaio 2011<br />Ore 15:00<br />PALAZZO COMUNALE<br />
  • 2. L’ Open SpaceTechnology ( Ost ) nasce nella prima metà degli anni ’80 dalla constatazione di un organizzatore di convegni, Harrison Owen, che i momenti più fruttuosi per i convegnisti sono quelli del coffee break. <br /> <br /> <br />Indagando sui motivi di questo gradimento, Owen, concluse che il coffee break è uno speciale spazio-tempo che lascia liberi i partecipanti di conversare con chi vogliono, per il tempo che ritengono utile e su problemi di loro interesse<br />
  • 3. I convegni Ost non hanno relatori invitati a parlare, né programmi predefiniti. Sono organizzati a partire da un tema concreto e contingente proposto sotto forma di domanda rivolta a tutti coloro che sono interessati a prendervi parte.<br /> <br /> <br /> <br /> <br /> <br /> <br /> <br /> <br /> <br /> <br /> <br /> <br /> <br /> <br />La nostra domanda è:<br />Quale sarà il programma elettorale di SEL?<br />
  • 4. 4 principi dell’Open SpaceTecnology<br /> <br /> <br />Chiunque venga è la persona giusta; le decisioni che vengono prese durante il lavoro sono opera di coloro che sono presenti. Non serve quindi pensare a chi sarebbe potuto intervenire o chi avremmo dovuto invitare, è molto più utile concentrarsi su quelli che ci sono. La partecipazione all’Open SpaceTechnology dovrebbe essere sempre volontaria, infatti solo chi ha davvero a cuore il tema in discussione si impegnerà a fondo. <br /> <br />Qualsiasi cosa accada è l’unica che possiamo avere; in una particolare situazione, con determinate persone e discutendo di un certo tema, il risultato che si otterrà è l’unico risultato possibile. Le sinergie e gli effetti che possono nascere dall’incontro di quelle persone sono imprevedibili ed irripetibili, per questo chi conduce un Open SpaceTechnology deve rinunciare ad avere il controllo della situazione: tentare di imporre un risultato o un programma di lavoro è controproducente.<br /> <br />Quando comincia è il momento giusto;l’aspetto creativo del metodo. È chiaro che dovranno esserci un inizio ed una fine, ma i processi di apprendimento creativo che avvengono all’interno del gruppo non possono seguire uno schema temporale predefinito. Decidere ad esempio di fare una pausa ad un certo orario può impedire ad un dialogo di avere termine, perdendo così informazioni o idee fondamentali alla realizzazione del progetto. <br /> <br />Quando è finita è finita;se certe volte serve più tempo di quello previsto, altre accade il contrario. <br />Se ad esempio si hanno a disposizione due ore per trattare un certo argomento, ma la discussione si esaurisce più velocemente del previsto, è inutile continuare a ripetersi, molto meglio dedicare il nostro tempo ad altro. <br />
  • 5. La legge dei due piedi dell’Open SpaceTecnology<br />“ Se ti accorgi che non stai imparando né contribuendo alle attività, alzati e spostati in un luogo che ritieni essere più produttivo”.<br />
  • 6. Il cartellone vuotonella stanza centrale rappresenta il programma di lavoro che sarà costruito sul momento e dai partecipanti stessi.<br /> <br /> <br /> <br /> <br />Ogni persona che pensa di avere un argomento di discussione sul tema deve scriverlo su di un cartoncino, poi alzarsi e attaccarlo sotto il tema che ritiene attinente, tenendo ben presente che chi ha proposto l’argomento sia certo di averlo particolarmente a cuore e si assume la responsabilità di organizzare la discussione e al termine scriverne un breve resoconto.<br /> <br /> <br /> <br />
  • 7.  <br /> <br />Dopo che i facilitatori hanno unito le tematiche simili o chiesto spiegazioni su quelle poco chiare, tutti potranno osservare i vari argomenti emersi e decidere a quale gruppo intendono unirsi.<br /> <br /> <br /> <br />I gruppi formati saranno autogestiti e produrranno, una volta esauriti gli argomenti di discussione, un report che unito a quelli degli altri gruppi andrà a formare l’instant reportdi fine lavori e una sintesi di punti strategici che formeranno l’instant book di SEL<br /> <br />

×