Your SlideShare is downloading. ×
0
Knowcamp Modena: Commenti why!?
Knowcamp Modena: Commenti why!?
Knowcamp Modena: Commenti why!?
Knowcamp Modena: Commenti why!?
Knowcamp Modena: Commenti why!?
Knowcamp Modena: Commenti why!?
Knowcamp Modena: Commenti why!?
Knowcamp Modena: Commenti why!?
Knowcamp Modena: Commenti why!?
Knowcamp Modena: Commenti why!?
Knowcamp Modena: Commenti why!?
Knowcamp Modena: Commenti why!?
Knowcamp Modena: Commenti why!?
Knowcamp Modena: Commenti why!?
Knowcamp Modena: Commenti why!?
Knowcamp Modena: Commenti why!?
Knowcamp Modena: Commenti why!?
Knowcamp Modena: Commenti why!?
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Knowcamp Modena: Commenti why!?

841

Published on

Cosa si impara dalla gestione di una community con migliaia di commenti al giorno?

Cosa si impara dalla gestione di una community con migliaia di commenti al giorno?

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
841
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
7
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Commenti: why!?In altre parole: come ridurre una community in miseria, con l’aiuto dei propri lettori Modena, 19 Marzo 2011
  • 2. Commenti: why!? Farsi del male insieme ai propri lettori Commenti sui blog: hot topic del mese La qualità della discussione crolla con l’aumento della massa di lettoriIn tanti se ne sono accorti negli ultimi mesi: sia a livello micro che a livello macro. Nel micro in Italia abbiamo letto Sofri spiegare, appena nelfebbraio scorso: Le ragioni per cui ero diffidente prima si sono confermate: per un’occasione in cui i pareri arricchiscono una discussione, in cui mi aiutano a capire delle cose, in cui mi pare che quello spazio valesse la pena di essere riempito, ce ne sono trenta che vanno dal generoso e da me apprezzato consenso alla insistente necessità di affermazione di sé attraverso scemenze di vario genere (…) non starò qui a fare la storia dei progressivi sviluppi del dibattito mondiale sulla qualità generale dei commenti in rete, esaltati agli inizi, poi ripensati assai nella loro qualità media. La soluzione, dettata anche dal poco tempo, finisce per essere quella di non leggerli, i commenti: ma è indubbiamente un po’ irrispettoso per quelli che lì si sono rivolti a te più serenamente immaginando di essere letti.E come lui anche altri, per esempio Francesco Costa e Massimo Mantellini. Un’attenzione al commento e alla qualità della conversazione in reteinsolita che Enrico Marchetto acutamente bollava in questa maniera (in un altro commento, ovviamente)… passiamo alla prossima diapo. • http://www.wittgenstein.it/2011/02/13/quasi-un-anno-di-commenti • http://www.mantellini.it/p?=11581 Modena, 19 Marzo 2011
  • 3. Commenti: why!? Farsi del male insieme ai propri lettori Commenti: hot topic degli ultimi mesi La qualità della discussione crolla con l’aumento della massa critica l dramma purtroppo è che nella rete italiana i commentatori, la gente che rompe la minchia nei forum, sono quelli di PI, gente triste che si nutre di briciole, e quando critica, critica la verginità o meno. Se cominciassero un giorno a entrare nei contenuti (...) allora sarebbero cazzi per tutti. I commentatori che avete (...) li dovete adorare, benedire e coccolare perché sono incredibilmente stupidi e ingenui e solo mantenendoli così stupidi e ingenui potrete continuare a spargere e a spartirvi le vostre banalità quotidianeMolto vero? Troppo cinico? Parliamone. Non solo in Italia ci siamo svegliati su questo tema. Anzi: oltreoceano giganti come TechCrunch hannotentato un approccio radicale - l’esperimento dei commenti solo via login da Facebook – con risultati ancora da definire. Meno commenti, menoflame, conversazione più leggibile: ma anche più noiosa. Paradossalmente quello che prima era mancanza di rispetto e generico malanimo, èdiventato sussiego e perbenismo: miracoli dell’identità digitale.Vediamo come vanno le cose dalle nostre parti, all’interno del principale network di blog professionali in italiano: qui le dimensioni dellaconversazione non aiutano certamente una comunicazione ragionata e svolta sui binari della convivenza civile. • http://friendfeed.com/lucah/2a2af2d7/i-commentatori-che-avete-mantellini-li-dovete • http://techcrunch.com/2011/03/06/techcrunch-facebook-comments/ Modena, 19 Marzo 2011
  • 4. Commenti: why? Farsi del male insieme ai propri lettoriOltre 4000 commenti al giorno Modena, 19 Marzo 2011
  • 5. Commenti: why? Farsi del male insieme ai propri lettoriDiscussione attiva 24 ore al giorno Modena, 19 Marzo 2011
  • 6. Commenti: why!? Farsi del male insieme ai propri lettoriL’informazione che crea il coralloIn fondo, basta un granello di sabbia per generare una perla...Blogo.it pubblica oltre 500 notizie al giorno, una buona parte sono flash veloci, informazione usa e getta da pausa caffè. Altre volte invece, unintervento più lungo mostra insospettabili doti di resistenza. Dopo più di tre anni, un post di Marta sulla Candida funziona ancora da centro diraccolta per consigli e richieste di aiuto - questi commentatori non sono nostri lettori abituali: arrivano da Google e piano piano formano undeposito di conoscenza e comunicazione totalmente autonomo dal resto del blog, e quasi privo di botta e risposta.Anche un post scritto bene può dare il via a questo fenomeno di incrostazione corallina.A volte invece, un post ha semplicemente tanta fortuna: a fine 2005, Bricke scrisse il mitico post sui Pellet - un mostriciattolo da 35 mila commenti. • http://www.pinkblog.it/post/1384/candida-che-cose-come-prevenire-e-come-curare • http://www.pinkblog.it/post/1481/come-si-fa-a-baciare-bene-prima-lezione-con-video-tutorial • http://www.ecoblog.it/post/621/stufe-a-pellets Modena, 19 Marzo 2011
  • 7. Commenti: why!? Farsi del male insieme ai propri lettoriSiamo (molto) giovani, ma cresciamo veloceLa dimostrazione di come passa il tempo su Internet: cinque mesi nel Mondo di Patty con ToysblogTrecento commenti in 18 mesi non sono nemmeno così tanti: quando un post diventa un piccolo forum a sé stante, abbiamo visto succedere coseben peggiori. Harry Potter per un paio di anni è stato un fenomeno incontrollabile su Booksblog, capace di risvegliare forze primigenie in grado dispaventare tutti gli autori tranne uno: Dario, che condusse l’inchiesta a puntate sui detrattori del maghetto riuscendo a placare definitivamente ordedi ragazzini paranormali. Da luglio 2005, per due anni, Booksblog è stata la loro chat, fertile terreno di coltura per amori, violenze e puro trolling.In confronto, nel Mondo di Patty son bastati cinque mesi per crescere, e disamorarsi della novela argentina di Disney Channel. • http://www.toysblog.it/post/4538/il-mondo-di-patty-magazine-figure-e-la-linea-scuola Modena, 19 Marzo 2011
  • 8. Commenti: why!? Farsi del male insieme ai propri lettoriAnimali rari: lo psico-troll da affezioneGridano, rovinano tutto, fanno macello: ma alla fine gli vuoi anche beneSe nell’ecologia della conversazione sul web il troll rappresenta il male, ciò non significa che a volte si ci si possa quasi affezionare. O quantomeno,restare incuriositi dalla vita che c’è dietro un nickname, dalla vita dietro lo schermo.Un esempio ormai leggendario è Simona Premoli – questo è uno dei suoi alias – che circa un annetto fa mandava a ripetizione commentidiffamatori su più o meno tutti blog del network, Splinder compreso. Tema? Diffamazione totale, in un linguaggio delirante, ma con una suacontorta logica. Nemici giurati: tutta la finanza milanese, i massoni e tutta la galassia Berlusconi.In sei anni di attività, non abbiamo mai visto così tanti avvocati d’alto bordo interessati ad una sola identità online. Così si racconta su un suo blog:Simona Premoli la scrofa nazzista!! chè non divento mai Velina,ha lesbicato con le donne dei midia ,si e fatta spaccare il culo dai comunisti!! lhanno trombato davanti e dietro dai cavalli di cicciolina!! puttanaaa nazzista tornatene dentro a cuccia nel tuo stivale maleodorante bucato!! • http://www.letterealdirettore.it/conto-corrente-bancario-addebito-spese-postali-estratto-conto/ • http://www.agenziaradicale.com/index.php?option=com_content&task=view&id=5990&Itemid=56 Modena, 19 Marzo 2011
  • 9. Commenti: why!? Farsi del male insieme ai propri lettori Quando il social media marketing degenera Piccole pagine che fanno gola alle aziende: Infiltration, questo sconosciutoPer un anno intero, Toysblog.it è stato nel mirino di un certo commentatore Skifi: dal primo suo commento fino all’ultimo, il suo obiettivo erano iprodotti concorrenti. Una guerra tra le squadre di social media marketing dei produttori di giocattoli in serie da edicola - la fine prevedibile, legaliminacciosi e Polizia Postale con querela alla mano.Per il moderatore è stata una situazione da incubo, una giostra di fantasmi che ti ridono in faccia. Mammine buone che commentavano sempreestasiate da una collezione e sdegnate dall’altra. Bambini che non parlavano come bambini. Questo Skifi sempre in mezzo a creare problemi: vistocon gli occhi di un esperto, la situazione era chiara - ma per il pubblico medio di Toysblog.it? Cosa ci capiva un ragazzino sui 10 anni?Quali sono le responsabilità di chi fa informazione, davanti a questo tipo di reati così difficili da fermare? Chi ci perde quando si arriva all’embargosu tutte le notizie potenzialmente appetibili per queste marionette del marketing? Tutti quanti ci perdono, purtroppo. Va di moda parlare dimarketing e social media ma poi, per aver successo, bisogna anche saperlo fare... • http://www.cineblog.it/post/20318/piccoli-bloggers-strada-facendo-diventano-adulti-anche-fuori-dal-blog Modena, 19 Marzo 2011
  • 10. Commenti: why!? Farsi del male insieme ai propri lettoriCiao Zio, House & StyleAutoblog.it: il palcoscenico perfetto per “un tipo pregio” come SmartistaCome presentarvi un’autentica leggenda? Smartista, Autoblog.it, quattro anni di insana passione, un fenomeno di costume. Ecco come chiudeva lasua prima giornata di lavoro su Autoblog, nell’aprile 2006. Da quel giorno sono passati quasi tremila commenti, senza calcolare cesti di morphing, nick alternativi, sock puppet e via dicendo. Smartista, espressione più pura del rapporto di amore odio nell’epoca del web distribuito: Catullo non avrebbe retto la parte nemmeno due settimane. Anni dopo, in tutt’altra situazione, salta fuori che il nostro nuovo autore Gabriele Ferraresi, toh... Smartista! Ma lo sapete che era un mio compagno di Università in Bicocca!? Smartista era un suo esperimento personale con l’ingegneria sociale... se ne parla ancora, da Facebook a Kataweb e Forumfree! • http://www.autoblog.it/post/3434/conferma-arriva-la-8c-competizione • http://www.autoblog.it/post/5958/permalink-il-pdf-magazine-pregio-di-blogo Modena, 19 Marzo 2011
  • 11. Commenti: why!? Farsi del male insieme ai propri lettoriVia d’uscita numero uno: conversare con loroSi mette male? puoi ancora salvare la situazione. Sbrigati però!Un blog di medie dimensioni del network Blogo.it attira decine di migliaia di lettori ogni giorno. Se i loro commenti a volte sono decisamente pocoproduttivi, può capitare che l’errore sia del blogger, e in quel caso i lettori giustamente se la prendano. E arrivano palate di guano addosso allosventurato autore: che fare in questo caso?Mai lasciare che la situazione degeneri, mai cancellare commenti “prove del reato”, mai evitare le proprie responsabilità. Internet ha purtroppo unabuonissima memoria. Mai disperare. Un buon blogger sa quando è il momento di tacere e quando invece bisogna farsi sotto. Intervenire neicommenti però può salvare una discussione partita malissimo, e ribaltare la partita a nostro vantaggio.Albert1 aveva una sua legittima richiesta. Infatti, due settimane dopo quello scambio di battute, pubblicò il suo primo post Christian - un autorecentrista che stavamo cercando per uscire dalle secche di un blog politico monocoltura. • http://www.polisblog.it/post/5491/silvio-berlusconi-credo-di-essere-di-gran-lunga-il-miglior-presidente-del-consiglio-dei-150-anni-della-storia-italiana/1#117239 • http://www.polisblog.it/post/5491/silvio-berlusconi-credo-di-essere-di-gran-lunga-il-miglior-presidente-del-consiglio-dei-150-anni-della-storia-italiana/1#117248 • http://www.polisblog.it/post/5964/addio-a-franceschini-il-vicedisastro-e-teorico-del-sorpasso Modena, 19 Marzo 2011
  • 12. Commenti: why!? Farsi del male insieme ai propri lettoriLa community reclama? Cercare il win-win!Come girare la frittata senza spargimenti di sangueOgni tanto capita che i lettori vogliano qualcosa da noi autori: spingono il limite un po’ oltre a quello che ci si aspetterebbe da loro, e reclamanol’informazione on demand. Vogliono che si affronti un argomento di cui magari a noi non importa nulla. Che si fa?Si accetta il consiglio senza pensarci? E se dal consiglio si passa alla ritorsione? E se non scrivere di qualcosa li fa cambiare sito? Può essere unproblema: non tanto di numeri, quanto di immagine. Basta poco perché una richiesta alla redazione diventi un flame imbarazzante.Come salvare capra e cavoli? Incanalando il dissenso, come fatto con la rubrica Scelti dai Lettori su Polisblog.it. Come funziona? I lettori chiedono unargomento rimasto in ombra, e gli autori del blog si incaricano di farne un appuntamento settimanale, analizzandolo nei dettagli. Il bello è chespesso sono post con un successo notevole anche su Facebook. Come al solito, mille occhi sono meglio di uno. • http://www.polisblog.it/post/7929/polisblog-scelti-dai-lettori Modena, 19 Marzo 2011
  • 13. Commenti: why!? Farsi del male insieme ai propri lettori Il vecchio argomento dell’editing ex post Prendere un granchio, e non rendersene contoIl celebre Boingboing trova un link ad un vecchio post di Designerblog.it dal Salone del Mobile, del 2007. Lo rilancia nel 2011 e tutti sono contenti:bel post, tanto traffico. Se non fosse che, già dal 2007, il post originale portava in calce il commento di una designer olandese che lamentava unplagio. Nessuno aveva letto il commento, né noi né Boingboing. Le due solite lezioni: i commenti possono dare trasparenza e creare una forma dicontrollo distribuito, ma è stupido averli aperti se non li si leggono. Secondo: un community manager costa, ma è essenziale. • http://www.designerblog.it/post/1004/salone-satellite-valentina-audrito Modena, 19 Marzo 2011
  • 14. Commenti: why!? Farsi del male insieme ai propri lettoriSteve Jobs: questioni di personalità!Fra i lettori ce ne è sicuramente uno che ne sa più di te, e a volte interviene ancheRuthven ci racconta la storia di un thread molto particolare: Steve Jobs, amministratore delegato e visionario fondatore di Apple, è una figura diculto nel mondo dell’informatica, specialmente per le legioni di fanboy puntigliosi e affamati di affermazione nel gruppo. Da tempo Jobs ha graviproblemi di salute: questa volta è stato un lettore a mettere i puntini sulle I, in maniera così autorevole da zittire un flame abbastanza indelicato. Questo commento molto specifico apparve durante la discussione sulla salute di Steve Jobs. In pratica si erano scagliati contro il post perché era poco preciso dal punto di vista medico (!) ed ognuno sparava la sua opinione sul tema (probabilmente imparata da Wikipedia). A un certo momento intervenne questo hank84 con il commento tanto preciso quanto chiaro ed equilibrato. Zittì tutti. • http://www.melablog.it/post/13452/steve-jobs-continua-a-lavorare-da-casa/1#452932 • http://getwellsteve.com/ Modena, 19 Marzo 2011
  • 15. Commenti: why!? Farsi del male insieme ai propri lettori Il muro dei ricordi nella tragedia, parte uno Tra il guestbook e la deposizione in tribunale: Cristina BalzanoDedicato alla cronaca nera e alla criminalità, Crimeblog.it in alcuni casi si è trasformato in una via di mezzo tra un guestbook e un’aula di tribunale.Capita quando ai protagonisti di una vicenda non torna qualcosa nella rappresentazione della loro storia “ufficiale”, quella girata sui quotidiani o suiprincipali mezzi di informazione. C’è uno spazio enorme che il giornalismo non riesce più a coprire: quello della partecipazione sincera, dellasemplice verità che va oltre all’esigenza di far notizia a tutti i costi - in questo senso, un blogger può dare la voce ad una grande platea silenziosa,se solo fa il suo mestiere e “parla come mangia”.È accaduto per esempio nel dicembre 2008: Cristina Balzano, diciannovenne cantante di un gruppo heavy metal accoltella il chitarrista, appenasedicenne. I media mainstream dipingono la vicenda a tinte fosche, offrendo ampio spazio al sensazionalismo – la musica del diavolo, il satanismo,e via di banalità assortite – smentito da una serie di commenti di amici della ragazza. • http://www.crimeblog.it/post/1763/cristina-balzano-cantante-dei-soul-cry-accoltella-chitarrista«ti-preparo-un-funerale-con-i-fiocchi» • http://www.crimeblog.it/post/1766/cristina-balzano-le-testimonianze-di-chi-la-conosceva-su-crimeblog Modena, 19 Marzo 2011
  • 16. Commenti: why!? Farsi del male insieme ai propri lettoriIl muro dei ricordi nella tragedia, parte dueTra il guestbook e la deposizione in tribunale: San Martino di TaurianovaUna storia triste: in un piccolo paesino calabrese, San Martino di Taurianova, una ragazza subisce anni di violenze. Iniziate quando è ancoraminorenne, una volta cresciuta, denuncia gli abusi: tempo dopo i Carabinieri arrestano gli aguzzini. Crimeblog.it riporta la notizia: i commenti sitrasformano nel bar sport del paesino. Intervengono abitanti del posto, cittadini, malelingue assortite, pettegole di locali: si dà fondo a un repertoriosenza fine di “si dice” a dir poco infamante per la vittima – per alcuni commentatori “se l’era cercata”. Alla fine della fiera tutto passa nelle mani dellaPolizia Postale, che ci chiede di identificare diversi commenti, mentre nel thread si alzano veli su misteri che non verranno svelati. Una storiainquietante dove le voci dei testimoni squarciano la tela di un quadro che ormai non appartiene più al blogger che ha scritto il post. se leggerai tutti i nostri commenti,quelli scritti da noi abitanti forse capirai,capirai che dietro le mezzo parole c’è il nostro grido di aiuto,questa è lunica possibilità che abbiamo per poterci ribbellare,non è una storia simile a quella del tuo amico ma sotto c’è molto di più,TROPPO di più • http://www.crimeblog.it/post/4284/san-martino-di-taurianova-ragazza-violentata-per-anni-fa-arrestare-i-suoi-aguzzini-lintero-paese-si-scaglia-contro-di-lei • http://www.crimeblog.it/post/4371/san-martino-di-taurianova-annamaria-scarfo-la-ragazza-violentata-per-anni-rifiuta-la-protezione-del-ministero-degli-interni Modena, 19 Marzo 2011
  • 17. Commenti: why!? Farsi del male insieme ai propri lettoriGiochiamo al piccolo detective: il caso ClapsDanilo Restivo e il forum di Popolo della Rete, ombre inquietanti di cronaca neraVerità mainstream e verità vera, ma anche depistaggio: l’ambiente digitale è perfetto per seminare indizi e mestare nel torbido.Renato, coordinatore di Crimeblog.it, ci racconta di un commento particolare ad un post sul caso Ciaps. La Gazzetta del Mezzogiorno racconta dicome gli investigatori abbiamo chiesto alla Procura di Salerno che un forum sia analizzato da psicologi esperti: la sensazione è che l’omicida non sialontano dalle pagine del thread, e che siano più di una le personalità fittizie che parlano per seminare la confusione sul caso. E, a proposito di commenti, volevo scrivere, ultimamente mi ha colpito questo che, attendibilità a parte, mi ha fatto pensare per la precisione con cui è annotato tutto. La primissima cosa che mi sono chiesto dopo averlo letto è stata: ma chi potrebbe essere Jhonn e chi Erice? Insomma lho trovato un commento davvero stimolante, fonte di spunti e riflessioni. Mi ha incuriosito. Quanto prima devo andare su Popolo della rete alla ricerca di quel topic, vedere se è ancora aperto, se ci stanno scrivendo ancora.Un lettore interviene nei commenti con una raffinata quanto inquetante disquisizione sul thread incriminato, leggete la pagina di Crimeblog.it. • http://www.crimeblog.it/post/6103/elisa-claps-danilo-restivo-depistava-su-un-forum-on-line • http://www.popolodellarete.it/showthread.php?t=5713 Modena, 19 Marzo 2011
  • 18. Thanks! That’s all for today www.blogo.it{gabriele.ferraresi, francesco.magnocavallo} @blogo.it Modena, 19 Marzo 2011

×