• Save
Old wheat germplasms: culitivation, use and nutritional properties
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Old wheat germplasms: culitivation, use and nutritional properties

on

  • 902 views

Stefano Benedettelli PhD. - Professor at the Faculty of Agriculture, University of Florence, Italy - explains the value of old italian wheat varieties, their adaptation to sustainable agricultural ...

Stefano Benedettelli PhD. - Professor at the Faculty of Agriculture, University of Florence, Italy - explains the value of old italian wheat varieties, their adaptation to sustainable agricultural systems and their outstanding nutritional properties.

Statistics

Views

Total Views
902
Views on SlideShare
814
Embed Views
88

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 88

http://www.biocentropertusati.it 88

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Old wheat germplasms: culitivation, use and nutritional properties Presentation Transcript

  • 1. Progetto Territoriale “COLTIVIAMO IL PARCO” PROVINCIA LIVORNOCaratteristiche nutrizionali-funzionali dei grani di antica costituzione Stefano Benedettelli Villa Pertusati - Rosignano Marittimo 11 giugno 2012
  • 2. ORIGINE DEL FRUMENTOIncroci interspecifici tra genere Triticum e Aegilopscon duplicazione del corredo cromosomico Coevoluzione con i cereali: 7000 a.C. in Siria e Palestina si coltivavano orzo e frumento.
  • 3. COLTIVAZIONE E SELEZIONE DEL FRUMENTO Ecotipi locali: Agricoltore proprietario del seme1925-1930 Battaglia del grano (Nazzareno Strampelli)1950-1964 Rivoluzione verde (Norman Ernest Borlaug)
  • 4. MASSIMIZZARE LE PRODUZIONI
  • 5. CARATTERISTICHE DELLE NUOVE VARIETÀ•altamente produttive•aumento quantitativo delle proteine di riserva: glutine•massima efficienza nell’utilizzo degli input energetici: sistemi agricoli specializzati•massima uniformità: varietà omozigoti•adatte solo a specifiche pratiche agronomiche•genealogia comune: riduzione della biodiversità
  • 6. QUALITÀ TECNOLOGICAResa in farina: •Peso ettolitricoQualità della farina: •Qualità e quantità del glutine gliadine e glutenine: W; P; L; P/L •Amido attività amilasica rapporto amilosio amilopectina integrità dei granuli di amido
  • 7. PERCHÉ LE VECCHIE VARIETÀ?• Equilibrato contenuto di proteine: Albumine, Globuline e Glutine (Gliadine e Glutenine)• Ricche in metaboliti secondari• Ricche in sali minerali• Rusticità e adattabilità
  • 8. FRUMENTO RICCO DI SOSTANZE FITOCHIMICHE• Fibra• Flavonoidi• Polifenoli• Tocoferoli e tocotrienoli• Folati• Acidi fenolici: acido ferulico• Carotenoidi
  • 9. Cellulosa, emicellulosa,Polisaccaridi β glucani, inulina, arabinoxilani, arabinogalattaniOligosaccaridi Fruttoligosaccaridi, ligninaGlucomannani e Galattomannani Gomma arabica, cutina, suberinaAmido resistente
  • 10. Healthy Eating PyramidHarvard School of Public Health
  • 11. Abburattamento Sostanze 50 % 72 % 80 % 85 % IntegraleAcqua % 14,5 14,5 14,0 14,0 14,0Protiti % 6 - 7,5 8 - 11 8 - 13 9 - 14 10 - 15Amido % 72 - 74 65 - 70 64 - 69 64 - 69 60 - 65Zuccheri % 1-2 1-2 1-2 2 – 2,5 1,6 – 2,2Lipidi % 0,4 - 0,6 0,8 – 1,0 1,0 – 1,5 1,2 – 2,0 1,6 – 2,2Cellulosa % 0,1 0,15 – 0,2 0,2 – 0,4 0,6 – 1,0 2,0 – 5,0Ceneri % 0,2 - 0,5 0,3 - 0,6 0,6 - 0,8 0,7 - 0,9 1,5 – 2,5Ca mg/100g 15 16 20 30 40P mg/100g - 95 160 200 400Fe mg/100g 1-2 1-2 2 3 3,5VB1 0,06 0,11 0,25 0,30 0,40VB2 0,03 0,04 0,05 0,07 0,12Ac. Nicotinico (niacina VPP o 0,7 0,72 1-2 2-3 5-6VB3)Piridossina (VB6) 0,1 0,2 0,25 0,30 0,5
  • 12. PROCESSI DI TRASFORMAZIONE•Tipi di farina: Integrale, 2, 1, 0 e 00 •Macine a pietra•Molitura •Mulini a cilindri•Lievitazione naturale con lievito “madre”
  • 13. Use of Selected Sourdough Strains of Lactobacillus for Removing Gluten and Enhancing the Nutritional Properties of Gluten-Free BreadR. DI CAGNO, C. G. RIZZELLO, M. DE ANGELIS, A. CASSONE, G. GIULIANI, A. BENEDUSI, A. LIMITONE, R. F. SURICO, M. GOBBETTIJournal of Food Protection, Vol. 71, No. 7, 2008, Pages 1491–1495
  • 14. RECUPERO GERMOPLASMA TOSCANO1922-1950 Principali incroci effettuati da Michahelles Gentil Rosso Frassineto Inallettabile S. Giovanni Villa Glori Santa Maria Mentana Virgilio TorrenuovaImpero I e II Chiana Firenze Etruria Fontarronco Damiano Autarchia Autonomia A e B Aquila I e II Georgico Abbondanza Freccia Mara Grifo Chianti Campodoro Acciaio Rondine Stirpe
  • 15. LE VECCHIE VARIETÀ DELLA TOSCANAGentil Rosso Inallettabile AcciaioFrassineto 405 Autonomia A e B Abbondanza
  • 16. VECCHIE VARIETÀ CARATTERISTICHE DELLA TOSCANA SieveVerna Andriolo
  • 17. CAMPI DI RIPRODUZIONE
  • 18. VECCHIE VARIETÀ CARATTERISTICHE DELLA TOSCANAGentil Rosso Inallettabile
  • 19. Agricoltore Semente di Grano distribuita (g) Canove Inallettabile Sieve Solina G. rosso S. cappelliAss. Viaggio Antico 100 100 100 100 100 100Dott. Francesco PrestiOrto didattico di Villa FabbricottiAz. Agr. Ernesto Cucchi 200 200 200 200 100 100ChianniAz. Agr. Giorgio Montagnani 100 100 100 100 100 100Castagneto CarducciAz. Agr. La Terraccia 100 100 100 100 100 100VadaRaffaella Nencioni 100 100 100 100 100 100Orto familiare LivornoAz. Agr. San Marco 100 100 100 100 100 100Rosignano MarittimoComunità Pian della Rena 100 100 100 100Loc. Castellaccio
  • 20. Agricoltore Semente di Specie Orticole distribuita (g) Peperone Cicoria Bietola friggitello marzocco livorneseRaffaella Nencioni 5 10 20Orto familiare LivornoFrancesco Presti 5 10 20agronomo consulente dell’AziendaAgricola dell’Isola di GorgonaMassimo Solimano 5 10 20operatore per conto della Coop socialeIl Ponte presso la comunità di Piandella Rena (loc. Castellaccio)
  • 21. q/ha 0.0 10.0 20.0 30.0 40.0 Abbondanza 50.0 Andriolo Andriolo b. AutonomiaA AutonomiaB BencoBianco Nostr. Bilancia Bolero Canove Carosello Eureka Frassineto Gentil Bia. Gentil Ros. Produzioni medieGentil Ros. a.Gentil Ros. m. InallettabileMarz. dAqui3 Marz. Val P. Mieti Risultati di alcune prove sperimentali Nobel Palesio Sieve Terricchio V6erna
  • 22. mg eq. acido gallico/100 g 100 150 200 250 300 50 0 ANDRIOLO AUTONOMIA A AUTONOMIA B Frumento duro Frumento tenero BENCO BIANCO NOS BILANCIA BOLERO Cv. moderne Cv. moderne Cv. antiche Cv. antiche 0 CANOVE CAROSELLO EUREKA FRASSINETO GENTIL Frumento tenero 50 GENTIL GENTILROSSO INALLETTABILE MARZUOLODA MARZUOLO 100 MIETI NOBEL PALESIO SIEVE VERNA 150 POLIFENOLImg eq. acido gallico/100g ANCO MARZIO 200 CLAUDIO IRIDE KAMUT LEVANTE OROBEL 250 Frumento duro SENATORE SOLEX SVEVO URRIA 12 300 Totali Liberi Legati
  • 23. µ mol catechina eq./g 0.0 0.5 1.0 1,5 2.0 2.5 3.0 Frumento duro ANDRIOLO Frumento tenero AUTONOMIA A 0 AUTONOMIA B BENCO BIANCO NOS Cv.antiche Cv.antiche Cv.moderne Cv.moderne BILANCIA 0.2 BOLERO CANOVE CAROSELLO EUREKA 0.4 FRASSINETO Frumento tenero GENTIL GENTIL 0.6 GENTILROSSO INALLETTABILE MARZUOLODA 0.8 MARZUOLO MIETIµ NOBEL 1 PALESIO SIEVE VERNA 1.2 FLAVONOIDI mol catechina eq/g ANCO MARZIO 1.4 CLAUDIO IRIDE KAMUT LEVANTE 1.6 OROBEL SENATORE CAP. Frumento duro SOLEX 1.8 SVEVO URRIA 12 2 Totali Liberi Legati
  • 24. FIBREFrumento tenero TDF SDF Cv.antiche IDF Cv.moderneFrumento duro Cv.antiche Cv.moderne 0 0.5 1 1.5 2 2.5 3 3.5 4 Fibre (%) AMIDO RESISTENTEFrumento tenero Cv.antiche Cv.moderneFrumento duro Cv.antiche Cv.moderne 0 1 Amido resistente 3(% di amido4totale) 2 5 6
  • 25. PROVA SPERIMENTALE IN VIVO In collaborazione con il Dipartimento di Area Critica Medica Chirurgica. Università degli Studi di Firenze 20 soggetti sani [9 M; 11 F; età media: 39,5 anni (range: 21-61)]150 g/die di pane Verna per 10 settimane (Periodo test)10 settimane di wash-out (Periodo wash-out)150 g/die di pane disponibile in commercio per 10 settimane(Periodo di controllo) Tempi di analisi attraverso prelievo di sangue: Inizio del periodo test (T0) Fine del periodo test (T1) Inizio del periodo di controllo (T2) Fine del periodo di controllo (T3)
  • 26. Risultati: profilo lipidico Colesterolo totale (mg/dL) p<0.05 p = n.s.Periodo di prova (150 g/die di Periodo di controllo (150 g/die dipane Verna per 10 settimane) pane commerciale per 10 settimane) Colesterolo “cattivo” LDL (mg/dL) p<0.05 p = n.s. Periodo di prova (150 g/die di Periodo di controllo (150 g/die di pane pane Verna per 10 settimane) commerciale per 10 settimane) Sofi et al.2009
  • 27. Risultati: profilo emoreologicoViscosità del sangue intero ad alta shear rate 94.500 s-1 (mPA*s) p<0.05 p = n.s. Periodo di prova (150 g/die di Periodo di controllo (150 g/die di pane pane Verna per 10 settimane) commerciale per 10 settimane)Viscosità del sangue intero a bassa shear rate 0.512 s-1 (mPA*s) p<0.05 p = n.s. Periodo di prova (150 g/die di Periodo di controllo (150 g/die di pane pane Verna per 10 settimane) commerciale per 10 settimane) Sofi et al.2009
  • 28. CONCLUSIONI• Valutare le produzioni e i processi di trasformazione considerando anche gli aspetti salutistici funzionali e organolettici• Recuperare, rivalutare il germoplasma considerando, con la dovuta importanza, i metaboliti secondari, per avviare nuovi programmi di breeding• Promuovere la filiera “corta” controllata (tracciabilità) per la produzione del pane “della salute”.
  • 29. GARANTIRE UN PRODOTTO DI QUALITÀ Grazie per l’attenzione