attraverso l’analisi del caso Campania                                                                                    ...
Istituto Nazionale di Economia AgrariaBiomasse e agroenergia un modello di governance regionaleattraverso l’analisi del ca...
Istituto Nazionale di Economia Agraria BIOMASSE E AGROENERGIA:UN MODELLO DI GOVERNANCE     PER LA CAMPANIA                ...
Il presente lavoro, realizzato nell’ambito del progetto “Promozione dello sviluppo di filiereagroenergetiche in Campania”,...
IndicePremessa	                                                                           VIntroduzione	                  ...
4.3	 La filiera della biomassa lignocellulosica	                                      784.4	 La valorizzazione energetica ...
Premessa      In uno scenario di sviluppo in cui l’approvvigionamento dell’energia che si deve co-niugare con la salvaguar...
prese del settore agricolo, dall’altro favorendo la creazione di vere e proprie filiere agro-energetiche nelle aree rurali...
Introduzione       Le parole “sostenibilità”, “cambiamenti climatici”, “energie rinnovabili”, “agroener-gia” sono sempre p...
zione ed all’esercizio degli impianti, dall’altro il rapido evolversi delle politiche su modalitàe tempi di incentivazione...
trasformatori, ma anche il sistema amministrativo, il sistema creditizio e il terziario e cre-ando la massa critica necess...
le variabili di influenza: oscillazione dei prezzi dei prodotti energetici, variazione dei costidi trasporto, distanze etc...
CAPITOLO I                                           Le agroenergie:                la dimensione comunitaria e nazionale1...
di un processo storico-economico di evoluzione, così come evidenziato nella tabella a se-guire.Tabella n. 1.1 – Fonti ener...
Il Protocollo di Kyoto, oramai datato tredici anni, seppur all’interno di un quadroeconomico e politico assai problematico...
della politica internazionale a tutela del clima, per il potenziamento delle misure previste nelprimo periodo di attività ...
Le politiche UE      All’interno della cornice strategica dei Programmi Comunitari e della programma-zione relativa alla P...
Tabella 1.3 – Principali atti/dichiarazioni UE in materia di energia e agro energie                       Tipologia Atto  ...
Tabella 1.5 – Atti Comunitari e Obiettivi Biomasse/FER – Gli strumenti principali II/III         ATTI INIZIATIVE PROVVEDIM...
Questa riforma, nello specifico, ha offerto la possibilità di coltivare qualsiasi materiaprima agricola su superfici cosid...
legame col territorio dovuto ad esempio, ad una elevata concentrazione di biomassa di-sponibile per la trasformazione12.  ...
Se colte nella loro accezione di complementarità e sostegno aggiuntivo, le agroener-gie costituiscono certamente un rimedi...
previste dai Piani Energetici Regionali, le funzioni riguardanti la redazione e l’adozionedei programmi di intervento per ...
to interno dell’elettricità, stabilisce che ogni cinque anni, gli Stati membri adottano epubblicano una relazione che stab...
produzione eccedentaria di energia da fonti rinnovabili rispetto alla traiettoria indicati-va in modo che si possa prevede...
1.4	 Incentivazione della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili      La promozione delle fonti rinnovabili ...
Tabella 1.7 Accesso alla rete e modalità di cessione dell’energia elettrica immessa              Modalità di              ...
re fisso di 180€/MWh ed il valore medio annuo del prezzo di cessione dell’energia elettricanell’anno precedente. Per il 20...
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA

2,896

Published on

Quantificazione del potenziale di biomasse residuali in Campania e analisi dell'effetto Nimby

Published in: Education
1 Comment
1 Like
Statistics
Notes
  • grazie per aver gradito questa pubblicazione
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
No Downloads
Views
Total Views
2,896
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
1
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Biomasse&agroenergia - a cura di R. Ciaravino - V. Sequino (2011) - INEA"

  1. 1. attraverso l’analisi del caso Campania Biomasse e agroenergia: un modello di governance regionale In questi ultimi anni, il mondo della ricerca è stato chiamato ad affrontare temi fondamentali e di interesse globale sui rapporti tra agricoltura e ambiente. Con tali consapevolezze, l’INEA si è posta come obiettivo la valorizzazione delle attività attraverso la definizione di un’area di ricerca “Politiche per l’ambiente e l’agricoltura”. Da oltre un decennio, infatti, l’INEA svolge studi su applicazione e valutazione delle politiche e sostenibilità dei sistemi agricoli, sviluppo dell’agricoltura biologica, ruolo dell’agricoltura nella difesa della biodiversità e nella lotta alla desertificazione, temi ambientali del settore forestale, fino a filoni più recenti quali la gestione del rischio climatico in agricoltura, i cambiamenti climatici e la produzione di bioenergie. Un ruolo importante è assegnato alla fase di condivisione dei risultati, affidato alla collana “Politiche per l’ambiente e l’agricoltura”, che vuole valorizzare le competenze e la produzione scientifica nel settore e contribuire al dibattito sulle tematiche, di cui il presente rapporto rappresenta uno dei primi prodotti. Biomasse e agroenergiacollana POLITICHE PER L’AMBIENTE E L’AGRICOLTURA un modello di governance regionale attraverso l’analisi del caso Campania a cura di Roberta Ciaravino e Vincenzo SequinoISBN 9788881xxxxxx INEA 2011
  2. 2. Istituto Nazionale di Economia AgrariaBiomasse e agroenergia un modello di governance regionaleattraverso l’analisi del caso Campania a cura di Roberta Ciaravino e Vincenzo Sequino INEA 2011
  3. 3. Istituto Nazionale di Economia Agraria BIOMASSE E AGROENERGIA:UN MODELLO DI GOVERNANCE PER LA CAMPANIA a cura di INEA 2011
  4. 4. Il presente lavoro, realizzato nell’ambito del progetto “Promozione dello sviluppo di filiereagroenergetiche in Campania”, vuole essere un momento di sintesi dell’attività svolta negliultimi tre anni dal gruppo di lavoro INEA, coinvolto nello studio ed analisi delle dinamichedelle agroenergie in Campania, a supporto dell’Area generale di coordinamento SviluppoEconomico ai fini della programmazione strategica nella redazione del Piano Energia edAmbiente Regionale (PEAR). La cooperazione tra istituto di ricerca in agricoltura ed as-sessorato allo sviluppo economico ha rappresentato la vera peculiarità dello studio svolto,in quanto gli scenari energetici, sono stati prefigurati cercando di facilitare l’incontro traistanze provenienti dal settore produttivo e dal settore primario. In questo senso si ringra-zia per la fattiva collaborazione anche l’Area generale di coordinamento Sviluppo AttivitàSettore Primario della Regione Campania.L’ elaborazione di metodologie ed analisi dello studio sono state realizzate dal Gruppo dilavoro INEA composto da: Roberta Ciaravino, Domenica di Matteo, Giovanni Paribello,Vincenzo Sequino, Rossana Spatuzzi.Alla redazione del presente volume hanno contribuito:Coordinamento scientifico: Roberta Ciaravino e Vincenzo SequinoCapitolo I - Vincenzo Inserra (Cap. 1.1., 1.2) Roberta Ciaravino (Cap. 1.3, 1.4) GiovanniParibello (Cap 1.5)Capitolo II – Roberta CiaravinoCapitolo III - Rossana SpatuzziCapitolo IV – Domenica di MatteoCapitolo V - Vincenzo InserraElaborazioni cartografiche - Giovanni ParibelloSi ringrazia: il Professore Antonio Saracino del Dipartimento di Arboricoltura, Botanicae Patologia Vegetale della Facoltà di Agraria di Portici, il Settore Sperimentazione Infor-mazione Ricerca e Consulenza in Agricoltura (Se.S.I.R.C.A.) AGC 11- Regione Campanianella persona di Amedeo D’AntonioCoordinamento editoriale: Benedetto Venuto Realizzazione grafica: Ufficio grafico INEA (Barone, Cesarini, Lapiana, Mannozzi)Segreteria di redazione: Roberta Capretti
  5. 5. IndicePremessa VIntroduzione VII Capitolo 1 Le agroenergie: la dimensione comunitaria, nazionale delle politiche1.1 La rinnovata sensibilità verso le fonti energetiche alternative: gli anni ’90 e la congiuntura energetica europea 11.2 Lo sviluppo dell’agroenergia: da esigenza ambientale a nuova prospettiva per il comparto agricolo ed il territorio 81.3 Evoluzione normativa del sistema energetico 101.4 Incentivazione della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili 141.5 Biomasse e biocombustibili: alcuni aspetti ambientali e fiscali 19 Capitolo 2 Il ruolo regionale nel sistema energetico2.1 Il ruolo regionale nel sistema energetico 232.2 Il procedimento autorizzativo in Regione Campania 272.3 l bilancio energetico in Campania 282.4 Il PASER, il PEAR e gli altri strumenti di programmazione tra efficienza, risparmio ed energia rinnovabile 30 Capitolo 3 Agroenergia e agricoltura in Campania3.1 Biomassa dall’agricoltura 413.2 Colture energetiche dedicate 433.3 Biomassa residuale 453.4 Lo scenario agro-forestale regionale 473.5 Analisi SWOT e governance agro energetica 55 Capitolo 4 Il potenziale agroenergetico in Campania4.1 La metodologia di indagine 654.2 La filiera del biogas 68 III
  6. 6. 4.3 La filiera della biomassa lignocellulosica 784.4 La valorizzazione energetica delle biomasse 864.4.1 Potenziali energetici delle biomasse residuali individuate 904.4.2 Organizzazione delle filiere 92 Capitolo 5 L a realizzazione di un distretto agroenergetico in Campania: costruzione di un modello teorico di riferimento5.1 Territorio, risorse, distretto e filiera come capitale per l’implementazione di un progetto agroenergetico 1075.2 Il piano di comunicazione del bacino agroenergetico 1255.2.1 Il profilo teorico peliminare tra marketing ambientale e brand del territorio 1375.2.2 l profilo pratico del Piano di Comunicazione: output, strumenti, messaggi e I dimensioni comunicative 1425.2.3 Il Piano di Comunicazione e la risoluzione dell’effetto NIMBY tra compensa- zione riparatoria ed oggettività dell’informazione 151Appendice 155Riferimenti bibliografici 159 IV
  7. 7. Premessa In uno scenario di sviluppo in cui l’approvvigionamento dell’energia che si deve co-niugare con la salvaguardia dell’ambiente, diventa uno dei punti più complessi alla basedella evoluzione economica e sociale del mondo, l’azione delle realtà territoriali di piccolascala, si colloca molto bene in un quadro di bilanciamento degli interessi. In Italia dopo la nazionalizzazione del sistema elettrico (1962), la trasformazione diENEL in SpA (1992) e la liberalizzazione del mercato (1999), si è giunti alla sostituzionedi una piccola parte dell’energia prodotta in energia pulita, ma non si è certo risolto il pro-blema della dipendenza energetica dagli altri Paesi (Francia e Slovenia principalmente). Nel passaggio a politiche maggiormente mirate allo sviluppo sostenibile ed a visioniecologiste ed ambientaliste, la produzione energetica nazionale ha contribuito alla gradua-le trasformazione da “produzione accentrata” (mega centrali di centinaia di megawatt acarbone, petrolio, gas naturale) a “produzione decentrata” (piccole centrali di pochi mega-watt di potenza, dislocate in maniera diffusa sul territorio, alimentate da fonti alternativee rinnovabili). Una sorta di “federalismo energetico” che spinge anche verso una maggioreinfrastrutturazione dei territori, alla quale bisogna dedicare la giusta attenzione in fase diprogrammazione degli interventi, per poter preservare la naturalità del paesaggio rurale. Ma qual è il contributo che l’agricoltura ed il mondo rurale possono dare al settoreenergetico e di contro quali sono i vantaggi che da questo nuovo filone economico ne pos-sono trarre? L’energia prodotta a partire da fonti rinnovabili non ha conosciuto crisi. Il settore èincentivato a livello politico, economico, industriale e di ricerca. Le prospettive di svilup-po per il cosiddetto green job sono entusiasmanti. Eppure l’agroenergia stenta a decollaresoprattutto in Campania. I fattori critici già individuati come freno all’avvio di un processodi sviluppo sono l’assenza di una filiera strutturata sul territorio regionale, la complessitàdell’iter burocratico-amministrativo e la molteplicità di norme a cui questo fa riferimento,oltre alla diffidenza che attualmente hanno le comunità, gli enti locali, le utenze ad ac-cettare progetti riguardanti l’utilizzo di biomasse molto spesso identificate con il rifiutoindifferenziato. Il presente lavoro vuole delineare un modello attuabile per lo sviluppo di filiere agro-energetiche attraverso la compartecipazione di imprese, attori locali, territori. L’analisi effettuata parte dal presupposto che in Campania non è percorribile l’ipotesidi sfruttamento di terreni attualmente dedicati alle produzioni agricole food (di qualità enon) e d’altro canto è importante preservare sia il paesaggio rurale, la biodiversità, ma an-che l’informazione e la conoscenza da parte della popolazione locale. Lo studio è stato quindi focalizzato sulle biomasse residuali, sottoprodotti dell’attivi-tà agri-silvicola che normalmente non solo l’impresa agricola non utilizza, ma che smalti-sce attraverso costi aggiuntivi, favorendo l’utilizzo energetico di materiali che attualmentehanno un impatto ambientale negativo (come le deiezioni animali), oltre alla salvaguardiadi aree boscate da fenomeni di dissesto ed abbandono (recupero della biomassa ligno-cellulosica attraverso la corretta gestione forestale). Secondo questo approccio, il comparto agricolo rappresenta il primo passo per unconcreto start-up della filiera basato da un lato sul versante dell’autoconsumo per le im- V
  8. 8. prese del settore agricolo, dall’altro favorendo la creazione di vere e proprie filiere agro-energetiche nelle aree rurali con l’obiettivo di creare un sistema economico integrato conla produzione di energia pulita. Benché gli obiettivi in termini di potenza installabile possano essere consideratinon così rilevanti, le agroenergie originano molteplici attese in termini di sviluppo localenelle aree rurali. L’approccio strategico alla materia quindi deve essere necessariamentedi tipo multidisciplinare ed intersettoriale sia a monte, con una governance basata sull’in-terazione tra enti locali e centrali, sia a valle con la costituzione di partenariati complessiche assicurino il consenso intorno ad un progetto comune e definiscano il comportamentodi tutta la filiera locale delle bioenergie. Questo rapporto fornisce un quadro esaustivo creando le basi di alcune riflessioniimportanti per ideare strumenti di azione. Prof. Ing. Sergio Vetrella Assessore Trasporti, Viabilità e Sviluppo Economico della Regione Campania VI
  9. 9. Introduzione Le parole “sostenibilità”, “cambiamenti climatici”, “energie rinnovabili”, “agroener-gia” sono sempre più presenti nel linguaggio corrente e cominciano a diffondersi anche trai non addetti ai lavori. Ciò deriva dalla maggiore attenzione rispetto alle questioni ambien-tali e dalla crescente consapevolezza che determinati cambiamenti negli stili di vita nonsolo sono necessari, ma vanno messi in atto al più presto, a partire dagli accordi interna-zionali fino alle abitudini comuni del singolo cittadino. In Campania non è stato ancora avviato un vero e proprio processo di sviluppodell’agroenergia. Fatta eccezione per poche ed isolate iniziative, non sono ancora presentisul territorio regionale delle filiere agro energetiche. Il crescente interesse del mondo im-prenditoriale è testimoniato però dalle numerose richieste di autorizzazione presentatepresso gli uffici regionali competenti. Diventa cruciale in questa fase gestirne il processodi sviluppo per indirizzare e monitorare le ripercussioni sul territorio in particolare inrelazione all’agricoltura. Se si pensa ad un contesto socioeconomico consolidato, più o meno ampio che sia, èfacile immaginare la complessità delle azioni da intraprendere perché questo possa riadat-tarsi/ ristrutturarsi e rispondere concretamente alle richieste di sostenibilità. Tale rivolu-zione sostenibile è da intendersi come un riequilibrio tra le fonti energetiche a vantaggiodelle rinnovabili ed allo stesso tempo la loro più efficiente utilizzazione. Il tutto, in unavisione più ampia, associato ad una corretta gestione delle attività produttive e dei relativicarichi inquinanti nell’ambiente, etc. È compito delle Istituzioni gestire questo cambia-mento, informare sulle opportunità e sui rischi, divulgare le possibilità sempre nuove delletecnologie emergenti, offrire un’adeguata gamma di incentivi. Sul tema delle energie la Regione Campania ha emanato, nel marzo 2009, una propo-sta di Piano Energetico Ambientale Regionale (PEAR) incentrando l’attenzione nel valoriz-zare le risorse naturali e ambientali territoriali, promuovere processi di filiere corte terri-toriali, stimolare lo sviluppo di modelli di governance locali, generare un mercato locale eregionale della CO2, potenziare la ricerca e il trasferimento tecnologico, avviare misure dipolitica industriale. L’introduzione di politiche volte a “decarbonizzare” l’economia, cioè aridurre le emissioni di CO2 in atmosfera, potrà offrire importanti opportunità commercialinei settori tecnologici legati all’efficienza energetica ed alle energie rinnovabili, promuo-vendo il contenimento della spesa relativa all’approvvigionamento energetico, una moder-nizzazione in chiave ecologica del sistema economico e la creazione di comunità locali piùsostenibili. Il tema dell’agroenergia riveste, quindi, un importante ruolo nella programmazioneregionale, suscitando grande interesse nel settore agricolo ed agroindustriale. Se da unlato questa è una opportunità per il settore agricolo in un’ottica di multifunzionalità, comeopportunità di integrazione al reddito e primo passo nel contenimento del carico di azotostabilito dalla Direttiva sui nitrati (91/676/CEE), dall’altro il business è talmente cresciutoda attirare i grandi capitali anche estranei all’agricoltura, soprattutto per gli impianti digrandi dimensioni. Il contesto normativo, soprattutto a livello nazionale, è in continuo divenire: se daun lato si lavora per agevolare e semplificare le procedure per l’autorizzazione alla realizza- VII
  10. 10. zione ed all’esercizio degli impianti, dall’altro il rapido evolversi delle politiche su modalitàe tempi di incentivazione, rende il mercato altamente instabile e con esso praticamentenulle le possibilità di accedere alle risorse finanziarie necessarie ad attivare l’investimentoiniziale. L’idea quindi di un modello per lo sviluppo di una nuova filiera agroenergetica devetener conto soprattutto della fluttuazione dell’intervento pubblico ed essere quindi capacedi autonomia economico/finanziaria oltre che sostenibile dal punto di vista territoriale edenergetico. In altre parole è necessario analizzare la possibilità di sviluppo della filiera sulla basedelle sue caratteristiche endogene e non strettamente legate a incentivi esterni. Ma qual è il contributo che l’agricoltura ed il mondo rurale possono dare al settoredelle energie pulite ma anche quali sono i vantaggi che da questo nuovo filone economicone possono trarre? In Campania il settore agricolo ed agroalimentare mostra caratteri distintivi soprat-tutto in termini di qualità delle produzioni nel comparto oleicolo, lattiero-caseario, carnied ortofrutticolo (10 DOP e 8 IGP riconosciute, 12 prodotti in corso di riconoscimento),con un comparto vitivinicolo che presenta più di 20 vini a denominazione di origine. Questo scenario induce a valutare gli interventi di sviluppo delle agroenergie nellearee rurali con estrema cautela a causa dell’impatto che questi potrebbero avere sul terri-torio, soprattutto con riferimento allo sfruttamento economico di terreni fertili per la pro-duzione di biomasse e bioliquidi, dovendo interessare grandi superfici dedicate in coltureestensive e con basso impiego di manodopera per raggiungere livelli economici competiti-vi, cosa difficilmente ipotizzabile, considerate le caratteristiche strutturali dell’agricolturacampana. Le valutazioni da effettuare sono molteplici e rispondono non solo a criteri di fattibi-lità e convenienza economica ma soprattutto a criteri di sostenibilità ed effettiva riduzionedelle emissioni gassose in atmosfera, oltre che al mantenimento di un armonioso sviluppodel territorio in tema di paesaggio, biodiversità e produzioni agricole. È inoltre da consi-derare il livello di accettazione della popolazione residente rispetto alla installazione diimpianti per la produzione di energia seppure di piccola taglia. In questo senso l’ottica di sottrarre aree agricole alle coltivazioni per produzioni de-dicate alle agroenergie non è una strategia perseguibile, per gli effetti che avrebbe nel breveperiodo sul territorio e nel lungo sul valore economico della PLV campana. Benché gli obiettivi in termini di potenza installabile possano essere considerati noncosì rilevanti, le agroenergie originano molteplici attese in termini di sviluppo locale nel-le aree rurali. L’approccio strategico alla materia quindi deve essere necessariamente ditipo multidisciplinare ed intersettoriale sia a monte, con un modello di governance basa-to sull’interazione di diverse aree dell’Amministrazione regionale (ambiente, agricoltura,attività produttive, politiche del territorio), sia a valle con la costituzione di partenariaticomplessi che assicurino il consenso intorno ad un progetto comune e definiscano il com-portamento di tutta la filiera locale delle bioenergie. L’assenza di una filiera agroenergetica, fa sì che diventi indispensabile la presenzadi un sistema locale pronto a cogliere le opportunità di sviluppo partendo dal basso. Ilruolo degli enti locali in questo senso può diventare essenziale nel favorire l’aggregazionevolontaria dei diversi attori, integrando nella filiera non solo i fornitori, i produttori ed i VIII
  11. 11. trasformatori, ma anche il sistema amministrativo, il sistema creditizio e il terziario e cre-ando la massa critica necessaria alla sostenibilità di un progetto di investimento in energiada fonti rinnovabili. Tra i soggetti indispensabili per la formazione del partenariato: entilocali; operatori del settore energetico; aziende agricole, forestali, agroindustriali anchein forma associativa (Organizzazioni di produttori, Cooperative, Consorzi di bonifica;);istituti di credito. Da qui la necessità di individuare e stabilire un modello per favorire ed indirizzarelo sviluppo delle agro energie. Per tale ragione nel libro si propone di sviluppare una gover-nance su scala locale, che alimenti il sistema competitivo mediante la partecipazione dellecomunità territoriale. Quando si parla di agro energia si intende da un lato l’energia strettamente deriva-ta da materia prima prodotta a partire dal comparto agricolo, dall’altro si fa riferimentoall’energia prodotta da altre fonti rinnovabili che insistono su aree agricole. Si tratta nelprimo caso di energia dall’agricoltura e nel secondo di energia “per” l’agricoltura, trattan-dosi il più delle volte di impianti posizionati in territori rurali, in cui almeno una partedell’energia prodotta è destinata alle attività agricole. Ma tenendo conto delle caratteristiche dell’agricoltura campana quali filiere è possi-bile attivare? Con la SAU al 41,4% del territorio regionale, valore di poco inferiore a quello nazio-nale che è pari al 42,3%, e con un’agricoltura partecipa per 3.100 milioni di euro alla ric-chezza regionale, la Campania ospita il 38% delle aziende produttrici di ortofrutta e cerealiDOP ed IGP del Mezzogiorno ed il 4% di quelle nazionali, ed il 18% delle aziende dedicateall’allevamento di vitigni per la produzione di vini DOC e DOCG, ovvero circa 9.700 su untotale di 60.00 aziende. La presenza di un consistente numero di prodotti tipici e tradizio-nali completano il quadro dell’agroalimentare di qualità. Premesso il forte interesse a livello generale per i nuovi prodotti agroenergetici, èopportuno chiedersi quali sono le filiere concretamente realizzabili sul territorio regionale.Vista l’importanza economica rivestita da alcuni comparti del settore e le superfici dedica-te all’agricoltura di qualità non è ipotizzabile uno sviluppo che vada a discapito dell’attualeassetto produttivo. La tipologia di biomassa che garantisce il rispetto dell’alto valore dell’agroalimentareregionale senza alterarne il sistema produttivo è la cosiddetta biomassa di seconda genera-zione, ovvero ottenuta dalle attività di recupero e non da colture dedicate. L’utilizzo di talemateria prima deve necessariamente rispondere a tre requisiti. Deve essere disponibile inquantità significativa, di facile reperibilità e consentire l’economicità del recupero. Questisono gli elementi che condizionano l’approvvigionamento degli impianti di trasformazionedai quali dipende l’efficacia della prima fase della filiera. Nel Capitolo 4 viene condotta un’approfondita analisi sul territorio relativa al com-parto agricolo ed agroalimentare sui quantitativi di biomassa residuale presenti in Cam-pania. La corretta gestione della attività di recupero di tali biomasse, inoltre, può rappre-sentare un importante vantaggio per i produttori che intendano, o debbano, disfarsene.Si tratta infatti di materiali si scarto di attività produttive che data la loro concentrazionein aree limitate e la forte stagionalità che caratterizza le produzione agricole ed agroin-dustriali possono rappresentare un vero e proprio problema per il produttore che ne ha laresponsabilità. Più difficile stabilire a priori i costi di recupero considerati i diversi fattori e IX
  12. 12. le variabili di influenza: oscillazione dei prezzi dei prodotti energetici, variazione dei costidi trasporto, distanze etc.. Esiste il rischio, però, che il comparto agricolo non sia preparato per gestire corret-tamente l’avvio della filiera e quindi che la fase di trasformazione, di gran lunga più remu-nerativa, assorba tutti i vantaggi delle nuove attività escludendo il settore primario dai be-nefici economici correlati. Nella maggioranza dei casi il singolo imprenditore agricolo nonè in grado di sostenere da solo l’investimento necessario per la costruzione dell’impiantoe delle infrastrutture connesse, né riuscirebbe facilmente a gestire impianti che non siano“micro”, né potrebbe assorbire all’interno dell’azienda tutta l’energia prodotta. Di qui l’interesse strategico verso nuove forme di governo del territorio verso, cioè,l’attivazione di strumenti che favoriscano l’aggregazione degli attori coinvolti nella filiera,favorendo la creazione di partenariati tra imprenditori agricoli, investitori privati ed entilocali, e che potrebbero ingenerare comportamenti virtuosi e creare il microclima neces-sario allo sviluppo economico, puntando su impianti di piccole dimensioni, associati amaterie prime reperibili in loco. Vincenzo Sequino Responsabile sede Campania X
  13. 13. CAPITOLO I Le agroenergie: la dimensione comunitaria e nazionale1.1 La rinnovata sensibilità verso le fonti energetiche alternative: gli anni ’90 ela congiuntura energetica europea L’inesorabile esaurirsi delle fonti energetiche primarie di origine fossile, le profondemodificazioni della biosfera in atto, la competizione tra fabbisogno energetico ed alimen-tare hanno accresciuto, nel corso degli ultimi decenni, la sensibilità dell’opinione pubblicae quindi impegnato l’agenda politica dei governi con quella che potremmo definire la ‘que-stione energetica’, o meglio l’approccio integrato alle questioni energetiche1, secondo cuisi afferma il legame imprescindibile tra preservazione dell’ambiente, diversificazione dellefonti energetiche di riferimento (graduale abbandono delle fonti fossili2 e successivamentedel nucleare per la produzione di energia) e razionalizzazione degli usi. È da qui che bisogna partire per meglio comprendere come sia possibile successiva-mente parlare, forse per la prima volta, di Fonti Energetiche Rinnovabili3 (FER) e dunquedare forma e sostanza a filoni di studi, divulgazioni e condivisione delle conoscenze dilivello comunitario tra gli Stati, negli Stati, per gli Stati. Il cambiamento della mentalità collettiva, della sensibilità politica, degli orientamen-ti e delle dichiarazioni di intenti, dunque, si consuma, si profila e si perfeziona prima adun livello meramente teorico-programmatico, per aver soltanto dopo, non con qualcheproblematica battuta di arresto, una ricaduta reale e concretamente impattante sui sistemilegislativi nazionali e quindi sui territori e sui sistemi produttivi. Il collegamento tra il vecchio ed il nuovo, tra il passato ed il futuribile, sembra ormaia portata di mano: termini come eolico, geotermia, fotovoltaico, entrano a pieno titolo a farparte del linguaggio comune e dell’opinione pubblica. Anche le energie, o meglio il mutamento della sensibilità collettiva, sono il risultato1 È bene specificare che con la dicitura approccio integrato alle questioni energetiche non si intende fare riferimento ad un preciso obiettivo politico né ad un provvedimento legislativo ad hoc da parte delle istituzioni europee circa la materia delle politiche dell’ambiente e della produzione dell’energia, ma ci si riferisce a livello più ampio, ad un importante orientamento strategico comunitario relativo alla realizzazione di interventi che possano combi- nare tutela dell’ambiente e sistemi puliti per la produzione delle energie necessarie per rispondere al fabbisogno nazionale. La strategia dell’approccio integrato, infatti, puntava sulla diversificazione, valorizzazione e razio- nalizzazione delle risorse energetiche alternative. Cfr., Quaderni INEA – Rete Leader, Bioenergia rurale. Analisi e valutazione delle biomasse a fini energetici nei territori rurali, 2008.2 A tal proposito si parla anche di defossilizzazione e decarbonizzazione per la produzione di energia alternativa, in contrasto con le risorse energetiche tradizionali altamente inquinanti.3 Con l’acronimo FER (Fonti Energie Rinnovabili) sono da considerarsi energie rinnovabili tutte quelle che sono generate da fonti che si rigenerano o che non sono soggette ad esaurimento, nel senso di futura scarsa rilevabilità e presenza e, per esteso, tutte quelle risorse il cui uso non pregiudica le condizioni ambientali, la sostenibilità e la presenza di risorse naturali per le generazioni a venire. Tradizionalmente sono FER il sole, il vento, il mare, il ca- lore della Terra, ovvero quelle fonti disponibili anche per il futuro al di là del loro utilizzo, in contrasto con le altre fonti, dette appunto non rinnovabili, giacché sono il risultato di lunghissimi processi di origine e sedimentazione storica (in particolare le fonti fossili quali petrolio, carbone, gas naturale). 1
  14. 14. di un processo storico-economico di evoluzione, così come evidenziato nella tabella a se-guire.Tabella n. 1.1 – Fonti energetiche e orientamento storico-economico CONGIUNTURA STORICA ORIENTAMENTO DELL’OPINIONE FONTE ENERGETICA PRINCIPALE ED ECONOMICA PUBBLICA avvio industrializzazione; sensibilità al tema energia ed am- sviluppo reti ferroviarie e commer- biente assente; ciali; pessime condizioni di vita delle CARBONE/ELETTRICITA’ prima rivoluzione industriale in popolazioni; (1770- 1890) Inghilterra; ceti operai delle città-fabbrica sot- topagati; perfezionamento totale dello sensibilità al tema energia ed am- sviluppo dell’occidente; biente assente; il ‘900 come secolo della prosperità; inquinamento industriale indi-scri- minato visto come volano di sviluppo le due guerre mondiali tra lo sviluppo GENERALITA’ FONTI FOSSILI necessario per il rag-giungimento del dell’industria pesante e bellica e (1900-1950) tanto agognato benessere econo- l’impiego dell’acciaio come materiale mico; di riferimento; la guerra sui due fronti: politico-mili- tare ed economico-indu-striale; ricostruzione post bellica (piano rinnovata sensibilità dell’opinione Marshall e nuova industrializ-zazione pubblica verso i temi dell’ambiente e europea); dell’energia, indipendenza ex colonie: eventi chiave: disastro di Chernobyl avvio industrializzazione nei PVS; (1986), disastro di Seveso (1976), re- GENERALITA’ FONTI FOSSILI ferendum abrogativo nucleare Italia costruzione della società di massa: (1987), direttiva 96/82/CE Seveso I; “PETROLIZZAZIONE” E AVVIO DEL altissimi livelli di consumo e derego- NUCLEARE lamentazione mercato; sviluppo dei movimenti politici e sociali ambientalisti: (primo partito (1950-1990) anni 70/80: austerity, shock petroli- verde in Australia UGT – 1976, Green fero, stagflazione, crisi mediorientale; Party GB 1973, Partito dei Verdi Italia caro greggio, dipendenza delle eco- 1985, WWF e Legambiente) nomie occidentali dall’oro nero, vero e proprio fattore di balance of power geopolitica internazionale; industrializzazione matura; il tema ambiente ed energia e’ al cen- ristrutturazione dei sistemi pro-dut- tro del dibattito politico e sociale; tivi: dall’industria pesante alla lean eventi e concetti chiave: scioglimento DECARBONIZZAZIONE, SOSTITUZIO- production; dei ghiacciai, accesso alle risorse ali- NE FONTI FOSSILI E FONTI ENERGE- just in time, terziarizzazione del- mentari, articolazione dello sviluppo TICHE RINNOVABILI. VERSO L’ECONO- l’economia, economia dei servizi e sostenibile, la RSI e la RST, responsa- MIA DELLA SOSTENIBILITA’ delle consulenze; bilità intergenera-zionale; (anni ’90 ad oggi) approccio qualitativo e non solo movimento no global, il cosiddetto quantitativo della domanda; “popolo di Seattle” conferenza di Rio (1992);Fonte: elaborazione INEA. Per la voce eventi e concetti chiave si consulti Roberto Della Seta, La difesa dell’ambiente in Italia.Storia e cultura del movimento ecologista, Edizioni Franco Angeli, Milano, 2000. 2
  15. 15. Il Protocollo di Kyoto, oramai datato tredici anni, seppur all’interno di un quadroeconomico e politico assai problematico, ha avuto il merito di aver realmente accelerato ilcammino verso una lunga stagione di riflessione e di riforma della politica climatica degliStati: benché il conto delle promesse disattese e delle drammatiche contraddizioni sia difatto sotto gli occhi di tutti, l’accordo sui cambiamenti climatici adottato nell’omonimacittà giapponese costituisce un sostanziale passo in avanti rispetto ad analoghe decisionisiglate in precedenza. Per l’Italia l’obiettivo di riduzione delle emissioni di gas serra del 6,5% rispetto aivalori del 1990, entro il periodo 2008-2012 è risultato con il tempo abbastanza ambizioso,sia perché l’Italia è caratterizzata da una bassa intensità energetica sia in funzione del fattoche dal ‘90 ad oggi le emissioni nazionali di gas serra sono già notevolmente aumentate e,senza l’applicazione di politiche e misure adatte, sono destinate a crescere ancora. Nono-stante ciò nell’ultimo periodo la riduzione del consumo di energia dovuta alla crisi econo-mica ha fatto sì che fosse abbattuto anche il livello di emissioni. Per comprendere lo sforzo di riduzione che l’Italia dovrà ulteriormente effettuare perraggiungere tale obiettivo, basti pensare che lo scarto tra scenario di emissione “tenden-ziale” di gas serra al 2010 (579,7 Mt CO2 eq) e quota limite di emissioni assegnata (487,1Mt CO2 eq) è pari a ben 92,6 Mt CO2 equivalenti. Il raggiungimento dell’obiettivo finale di riduzione delle emissioni, dovrebbe seguireun passo differenziato secondo il settore di riferimento così come mostrato dalla tabellache segue.Tabella 1.2 – Riduzione emissioni CO2 in Mt eq. Dettaglio per misura/settore di riferimen-to. Programma di Implementazione Nazionale Periodo 2008/2012 OBIETTIVO SETTORE in Mt eq. Energia 6,8 Industria 28,2 Trasporti 16,8 Civile 10,2 Agricoltura 30,8 Totale 92,8Fonte: elaborazione INEA su dati Ministero dell’Ambiente, CIPE e Comitato Nazionale di Gestione e Attuazione della Direttiva2008/87CE n. 033/2007. Nonostante un miglioramento della tendenza generale – così come confermano le nor-mative e le misure presentate nella legge finanziaria 2010 – l’Italia ha essenzialmente sotto-valutato l’importanza degli impegni sottoscritti a Kyoto. I costi per la mancata applicazionedel Protocollo di Kyoto in Italia rischiano di aumentare fino a 2,56 miliardi di euro all’anno senon verranno adottate delle politiche rigorose e costanti di riduzione delle emissioni di circa98 Mt/anno tra il 2008 e il 2012. Queste riflessioni si collegano direttamente al tortuoso percorso che sia l’Italia sia glialtri paesi hanno compiuto sino al Vertice di Copenhagen, quale ulteriore tappa di sviluppo 3
  16. 16. della politica internazionale a tutela del clima, per il potenziamento delle misure previste nelprimo periodo di attività del Protocollo di Kyoto, nonché per l’implementazione di altre stra-tegie relative sia al brevissimo periodo, che a scenari di medio termine, val a dire a partiredal 2013. Almeno negli intenti, la conferenza di Copenhagen si presentava come un appunta-mento di importanza cruciale, previsto per scongiurare il pericolo di ulteriori slittamentinella definizione di nuovi ambiziosi obiettivi per la riduzione dei gas a effetto serra. In ragione della loro maggiore responsabilità storica sull’effetto serra, i paesi industria-lizzati erano stati chiamati ad agire per primi, siglando un duplice impegno che prevedeva:• l’impegno a ridurre entro il 2020 i gas serra del 40 per cento almeno rispetto ai livelli del 1990, come indicato da tutte le associazioni che fanno parte del Climate Action Network;• lo stanziamento di almeno 110 miliardi di euro all’anno per permettere alle economie in via di sviluppo di fare fronte agli impatti del cambiamento climatico, per adottare tecnologie verdi e sostenibili e per la lotta alla deforestazione. Somme, queste ultime, che dovevano essere pubbliche e aggiuntive rispetto agli aiuti allo sviluppo già previsti dai governi. Al di là dei principali obiettivi relativi alla riduzione delle emissioni, al sostegno perl’implementazione delle tecnologie e delle energie verdi e della responsabilità differenziatanelle emissioni tra paesi sviluppati e Paesi in Via di Sviluppo, il Vertice danese non ha di fattoportato a nessun risultato degno di nota. In particolare numerosi nodi non sono stati sciolti, ovvero:• la mancata individuazione di adeguati strumenti per la lotta alla deforestazione, attual- mente responsabile del 25% delle emissioni globali di gas ad effetto serra;• la mancata realizzazione di una riforma strutturale dei meccanismi flessibili attual- mente previsti dal protocollo di Kyoto, soprattutto al fine di limitare il ricorso ai crediti di carbonio;• la mancata definizione di un quadro di strumenti atti a realizzare la riduzione delle emissioni nelle economie a rapida crescita del 15-30 per cento in meno rispetto ai livelli previsti fino al 2020; In effetti, l’indisponibilità della maggior parte dei paesi a rinunciare a quote importantidi emissioni, specie in relazione ai settori strategici per lo sviluppo economico interno, cosìcome la generica presa d’atto dei contenuti programmatici del Vertice, ha prodotto scarsi ri-sultati, vanificando anche la possibilità di apportare un sostanziale miglioramento agli stru-menti previsti dal Protocollo di Kyoto che costituisce l’inizio di questo cammino. Dopo il sostanziale immobilismo di Copenhagen è già partito il conto alla rovescia perla preparazione della Conferenza UNFCCC Messico 2010 (COP 16) che dovrebbe portare allafirma di un nuovo accordo per combattere il cambiamento climatico. Oltre alla definizione di misure che possano realmente comportare una modificazionedei modelli climatici attualmente stabiliti, la lotta contro il cambiamento climatico necessitadello sviluppo immediato di azioni che limitino le emissioni di gas serra: la sfida principaledi Messico 2010 è quella di far convergere misure, provvedimenti ed iniziative verso unaspecifica strategia politica di respiro globale, giacché solo la trasversalità dei programmi e ladisponibilità piena delle Parti interessate, può determinare il concreto avvio dell’inversionedi tendenza. 4
  17. 17. Le politiche UE All’interno della cornice strategica dei Programmi Comunitari e della programma-zione relativa alla Politica Agricola Comune, il tema della valorizzazione delle fonti ener-getiche rinnovabili e tra queste, delle bioenergie, assume una particolare importanza soloa partire dall’inizio degli anni ’90, in concomitanza con altri importanti cambiamenti delmercato dell’energia in Europa4. Per questo motivo, l’attenzione verso la produzione di energia dal recupero delle bio-masse, hanno seguito la naturale evoluzione della politica comunitaria, verso l’accoglimen-to più generale del concetto di sviluppo sostenibile5. In tale ottica, quindi, le biomasse sonostate poste al centro della politica ambientale ed energetica focalizzando su due condizionidi partenza: da una parte le attività agro-silvo pastorali offrono una grande massa di mate-riale potenziale a disposizione e, dall’altra, il suo recupero determina certamente positivieffetti sul mix energetico, soprattutto in termini di incidenza delle FER sulla quota di ener-gia complessivamente prodotta in Europa. Infatti, le iniziali ricadute positive relative per lo più alle possibilità di utilizzo dienergia da biomassa in termini di autoconsumo e produzione di biocombustibili, più tardihanno mostrato importanti performance di risultato anche relativamente ad altri aspetticome la riduzione dell’inquinamento atmosferico da emissioni di CO2, l’aumento dei tassidi occupazione e la minore dipendenza commerciale da fonti energetiche extracomunita-rie. Concetti come diversificazione delle fonti energetiche, sicurezza degli approvvigio-namenti e riutilizzo degli scarti, hanno poi trovato vero e proprio fondamento giuridico inalcune direttive comunitarie, che per la prima volta hanno disciplinato in maniera cogentela materia6. A tal proposito, nella tabella che segue, si riportano le principali dichiarazioni UE inmateria di energia ed agroenergie. Nell’anno 2005, con il Piano di Azione per la Biomassa, la Commissione Europea hadato impulso all’utilizzo e produzione di energia a partire da biomassa. Tra gli obiettivi individuati: la riduzione delle emissioni di CO2, la copertura di unaquota prestabilita del fabbisogno energetico UE tramite fonti rinnovabili, la rimozione degliostacoli tecnici, maggiore impulso alla ricerca tecnico scientifica4 A livello generale ci si riferisce al rinnovato ruolo delle politiche della tutela ambientale e del risparmio energetico, mentre più nello specifico gli avvenimenti cui si intende fare riferimento sono l’avvio della liberalizzazione del mercato dell’elettricità (prima direttiva 96/62/CE, poi 2003/54/CE) e del mercato del gas (prima direttiva 98/30/ CE, anche in questo caso poi successivamente sostituita con 2003/55/CE).5 Il termine sviluppo sostenibile apparve per la prima volta nel 1987 all’interno del Rapporto Brundtland, così chiamato dal nome della Presidentessa della Commissione Mondiale per l’Ambiente e lo Sviluppo. Nel Rapporto la definizione di sviluppo sostenibile recita: “Lo sviluppo sostenibile è uno sviluppo che soddisfa i bisogni del presen- te senza compromettere la possibilità delle generazioni future di soddisfare i propri bisogni”. In tale contesto non viene menzionata l’accezione ambientalista vera e propria, mentre ci si concentra maggiormente sul benessere e sulla qualità della vita come qualità dell’ambiente circostante. A partire da questo concetto, la dimensione della sostenibilità che riguarderà l’uso razionale delle risorse e la responsabilità per le generazioni future, sarà presso- ché accolta nei maggiori Documenti programmatici e strategici sia UE sia ONU.6 Il fondamento giuridico relativo alle biomasse trae origine da due direttive, la prima dir. 2001/77/CE e la succes- siva dir. 2003/30/CE, agganciate anche alla definizione di biocombustibile. Ai sensi di tali direttive, la biomassa è la parte biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui provenienti dall’agricoltura, comprendente sostanze vegetali e animali, dalla silvicoltura e dalle industrie connesse, nonché la parte biodegradabile dei rifiuti industriali e ur- bani. Per biocarburanti, invece, si intendono carburanti liquidi o gassosi per i trasporti, ricavati dalla biomassa. 5
  18. 18. Tabella 1.3 – Principali atti/dichiarazioni UE in materia di energia e agro energie Tipologia Atto Campo di InteresseLibro Verde 1996 Energia Per Il Futuro – Fonti Energetiche RinnovabiliDirettiva 1996/62 (Sostituita Da 2003/54) Liberalizzazione Del Mercato Dell’energia Elettrica Liberalizzazione Del Mercato Dei Servizi Di ErogazioneDirettiva 1998/30 (Sostituita Da 2003/55) Del GasLibro Verde 2000 Sicurezza Degli ApprovvigionamentiPiano Di Azione 2005 Azioni Integrate Per L’utilizzo Della Biomassa Alimentazione Biocarburante Sistema Pubblico DeiDirettiva 2003/30 TrasportiRisoluzione Del 26/09/07 Politica Estera Comune In Materia Di EnergiaDirettiva 2001/77 BiomassaDirettiva 2009/28 Promozione FerDirettiva 2003/30 BiocombustibiliComunicazione N. 59/2007 Sottoprodotti – Scarti Della Lavorazione Rifiuti – Processo Di Recupero Ed Elenco Materie PrimeDirettiva 2008/98 Secondarie AmmesseTabella n. 1.4 - Atti Comunitari e Obiettivi Biomasse/FER – Gli strumenti principali I/III ATTI INIZIATIVE PROVVEDIMENTI UE OBIETTIVI PREFISSATI Produzione di 135/MTEP di biomassa entro il 2010;LIBRO BIANCO 1997 Incidenza del 12% di FER sul mix energetico complessivo dell’UE entro il 2010. Miglioramento degli approvvigionamenti; Rimozione degli ostacoli tecnici; Promozione di Studi e Ricerche; Correzione obiettivi Libro Bianco: da 135/MTEP a 149/ MTEP annuali, dal 12% al 10% di incidenza complessiva FER sul mix energetico UE;PIANO DI AZIONE DELLA BIOMASSA 2005 50% impianti domestici per il riscaldamento alimentati da biomassa; 37% di produzione elettrica da biomassa; 12,5% di produzione di diesel e bioetanolo vegetali; Riduzione complessiva aliquota IVA per impianti di tele- riscaldamento. 6
  19. 19. Tabella 1.5 – Atti Comunitari e Obiettivi Biomasse/FER – Gli strumenti principali II/III ATTI INIZIATIVE PROVVEDIMENTI UE OBIETTIVI PREFISSATI Realizzazione di una politica energetica europea (PEE); Limitazione del surriscaldamento (massimo 2 gradi Celsius); Sviluppo mercati interni del gas e dell’elettricità; Produzione sostenibile di energia elettrica da combusti- bili fossili; Azzeramento a partire dal 2020 delle emissioni da car- bone,PACCHETTO DI AZIONI IN MATERIA ENERGETICA (2007) Linee di indirizzo per il settore nucleare; Indicazione progressi nell’uso di biocarburanti e altri combustibili provenienti da FER; Realizzazione di un Piano Strategico europeo per le tec- nologie energetiche; Monitoraggio risultati azioni implementate all’indomani del Libro Verde; Indagini a norma dell’articolo 17 del Reg. CE n. 1/03 nei settori europei del gas e dell’elettricità.Tabella n. 1.6 – Atti Comunitari e Obiettivi Biomasse/FER- Gli strumenti principali III/III ATTI INIZIATIVE PROVVEDIMENTI UE OBIETTIVI PREFISSATI PRINCIPIO DEL 20-20-20 (entro il 2020): riduzione delle emissioni di gas serra del 20%; aumento dell’efficienza energetica del 20%;CORNICE STRATEGICA DI PROGRAMMAZIONE INTEGRATA formazione di un mix energetico proveniente per ilDEL CONSIGLIO EUROPEO DI PRIMAVERA (2007) 20% da Fonti Rinnovabili, tra queste l’8% da biomasse e biocarburanti, arrivando al 10% di utilizzo di questi biocarburanti verdi sul totale del consumo di benzina e gasolio per autotrazione. Al momento uno dei principali riferimenti politici a livello europeo nel settore del-la bioenergia e delle politiche energetiche è il pacchetto di azioni in materia energetica,adottato dalla Commissione europea il 23 gennaio 2008: il documento “Due volte 20 per il2020. L’opportunità del cambiamento climatico per l’Europa” ha lo scopo di istituire unanuova politica energetica per l’Europa finalizzata a combattere i cambiamenti climatici, arafforzare la sicurezza energetica e la competitività dell’UE definendo obiettivi ambiziosiriguardo alla riduzione delle emissioni di gas serra e allo sviluppo di energia rinnovabile. Altro aspetto da non sottovalutare, vista la particolare natura della produzione dienergia da biomasse, è quello del rapporto tra biomassa e produzioni agricole, in partico-lare tra biomassa e regimi normativi e di sussidio previsti dalla Politica Agricola Comune(PAC). A partire dal 2003 la PAC ha subito un generale processo di riforma, svincolando ilsostegno agli agricoltori dalle quantità prodotte ed incentivando il ruolo multifunzionaledell’agricoltura. 7
  20. 20. Questa riforma, nello specifico, ha offerto la possibilità di coltivare qualsiasi materiaprima agricola su superfici cosiddette set-aside no food, ovvero terreni a riposo non desti-nati a colture alimentari, e beneficiare ugualmente dei sussidi, determinando la formazio-ne di coltivazioni energetiche, l’aumento della produzione di materia prima per biocombu-stibili con colture dedicate7. In tale contesto si è avviato un processo di metamorfosi dell’attività imprenditorialeagricola nel campo della produzione delle energie rinnovabili, soprattutto per quanto ri-guarda la produzione di biocarburanti e di energia elettrica e termica a partire da biomassa.1.2 Lo sviluppo dell’agroenergia: da esigenza ambientale a nuova prospettivaper il comparto agricolo ed il territorio. Nell’aprile 2009 il Libro bianco “L’adattamento ai cambiamenti climatici: versoun quadro d’azione europeo”8 stabilisce le strategie per migliorare la capacità di adat-tamento ai cambiamenti climatici in Europa, sottolineando la necessità di integrare laquestione in tutte le principali politiche europee e rafforzare la cooperazione tra i varilivelli di governo. Il documento intende favorire la comprensione dei cambiamenti clima-tici e l’impatto che essi potranno avere, sottolineando la necessità di creare entro il 2011un Clearing House Mechanism, una camera di compensazione in cui le informazionisui rischi dei cambiamenti climatici, i possibili impatti e le best practices possano es-sere scambiati tra governi, agenzie ed organizzazioni che operano in quest’ambito. Essoè accompagnato da tre documenti settoriali sull’agricoltura9, sulla salute10 e sul temadelle acque, delle coste e dell’ambiente marino11. Il documento sull’agricoltura sottoli-nea i possibili impatti sulla produzione, distinguendo le possibili conseguenze per i varicomparti produttivi e suggerisce azioni strategiche per contrastare gli effetti negativi delcambiamento, sia a livello di singola azienda agricola che dell’intero settore (azioni diresilienza e mitigazione). Se infatti da un lato resistere ai cambiamenti climatici rappre-senterà un costo in più per l’imprenditore agricolo, dall’altro la produzione di energia apartire da materia prima di origine agro-forestale, consentendo l’abbattimento dei costi erendendo possibile la diversificazione del reddito, potrebbe migliorare la resilienza delleaziende agricole. L’agroenergia rappresenta una possibile risposta del settore a patto di capire inprimis “come” possa contribuire a questo processo di adattamento, per poi porsi l’inter-rogativo “in che misura”. Tale processo è da intendersi come un riequilibrio tra le fontienergetiche a vantaggio delle rinnovabili ed allo stesso tempo una loro più efficiente uti-lizzazione, associando il tutto ad una corretta gestione del territorio e dei relativi carichinell’ambiente circostante. L’avvio di una filiera agroenergetica, quale che sia la biomassa utilizzata, presentasicuramente margini più ampi di successo nei casi in cui si riesca ad instaurare un forte7 Da 0,31 milioni di ettari nel 2004 fino a 2,84 milioni di ettari incentivati del 2007.8 COM(2009) 147/4, 01.04.2009. Il Libro Bianco sull’Adattamento ai Cambiamenti Climatici non costituisce un do- cumento vincolante dal punto di vista dell’ottemperanza agli obblighi legislativi, ma un documento strategico aggiuntivo alle singole politiche nazionali e ad altri interventi obbligatori già decisi in ambito comunitario.9 SEC(2009) 417.10 SEC(2009) 41611 SEC(2009) 386 8
  21. 21. legame col territorio dovuto ad esempio, ad una elevata concentrazione di biomassa di-sponibile per la trasformazione12. Una favorevole combinazione di fattori è data dalla contemporanea domanda di ener-gia elettrica in costante crescita associata ad un elevato fabbisogno di energia termica, si-tuazione che può presumibilmente verificarsi in aree ove siano concentrate trasformazioniagroindustriali o altro tipo di industria manifatturiera che necessita di energia termica peril proprio processo produttivo. Perché vi sia uno sviluppo veramente efficiente le imprese agricole devono poter par-tecipare al valore aggiunto derivante dai meccanismi incentivanti messi a disposizione alivello nazionale e/o regionale per le energie rinnovabili. Ciò non perché potenziali produt-tori di energia pulita ma in quanto potenziali produttori della materia prima energetica: labiomassa. Perché siano rispettati contemporaneamente i principi di sostenibilità ed econo-micità è necessario che si instauri un’interazione positiva tra impresa energetica e aziendaagricola evitando innanzitutto un meccanismo competitivo che vedrebbe crescere una a di-scapito dell’altra e garantendo, al contempo, una migliore gestione degli aspetti ambientali. Ad esempio, per gli impianti di piccole dimensioni che per proprie caratteristicherispondono meglio al principio di sostenibilità, le possibilità di raggiungere un’adeguataefficienza economica sono legate alla capacità di radicarsi nel contesto produttivo localee di creare un circolo virtuoso grazie all’abbattimento dei costi di produzione, recupero etrasporto della biomassa. È da questa prospettiva che bisogna partire per meglio comprendere il generale orien-tamento localista, ormai fortemente radicato, circa la produzione di energia: attualmente inmolti territori, a megacentrali di grande capacità, si preferiscono strutture di piccola tagliadall’impatto ambientale più modesto. Le politiche energetiche ed ambientali, tra cui gli incentivi all’agroenergia, hannosuscitato negli ultimi anni un forte interesse da parte degli operatori del settore agricolo aiquali si presenta la nuova prospettiva di inserire l’energia “pulita e rinnovabile” tra i propriprodotti. Sebbene la capacità produttiva sia nettamente inferiore rispetto agli impianti alimen-tati con fonte fossile generalmente di grandi dimensioni e, talvolta, anche insufficiente adassicurare la copertura del fabbisogno energetico territoriale, le cornici programmaticheeuropee, nazionali e soprattutto regionali, incentivano tale processo, tendente alla realiz-zazione di una vera e propria autosufficienza energetica dei contesti rurali. Se capillarmente prevista ed applicata, questa politica potrebbe dare luogo ad unarivalutazione economica del contesto locale (green economy), per pervenire alla realizza-zione finale di un sistema energetico distrettuale. D’altro canto l’approccio dal punto di vista locale, può essere attuato solo con politi-che di tipo bottom-up al fine di evitare l’ostilità delle comunità residenti (effetto NiMBY)rispetto alla realizzazione di progetti indesiderati e di sfruttamento di risorse scarsamentepresenti sul territorio con potenziale perdita di biodiversità. A tal fine, l’affiancamento diinterventi mirati al monitoraggio e controllo tramite l’ausilio degli indicatori delle per-formances ambientali (carbon footprint) risultano senz’altro utili strumenti di verifica intermini di efficacia ed efficienza degli impianti.12 otrebbe essere il caso delle aree a forte concentrazione di allevamenti gravate dalla questione degli ingenti quan- P titativi dei reflui da smaltire. In questo caso ai benefici derivanti dalla produzione di energia si associano quelli derivanti dalla migliore gestione dei reflui da smaltire, che in molti casi equivale anche ad una migliore gestione economica. 9
  22. 22. Se colte nella loro accezione di complementarità e sostegno aggiuntivo, le agroener-gie costituiscono certamente un rimedio alla impellente esigenza, invocata a vari livelli,di ridurre le emissioni climalteranti: l’uso delle biomasse per scopi energetici può essereconsiderato neutro rispetto al problema dell’aumento della CO2 in atmosfera – giacché laCO2 emessa con la combustione e quella rimossa con la fotosintesi si equivalgono – consen-tendo così di annullare le emissioni rispetto a quelle prodotte dall’impiego di combustibilifossili. Inoltre tra i gas e le sostanze che alterano clima ed ambiente ci sono il metano ed initrati, prodotti in grande quantità dalle deiezioni zootecniche, che fanno dell’agricolturauno dei settori a maggiore impatto, questa volta non a causa dell’energia consumata. Appare quindi, chiaro, quali e quanti possano essere i vantaggi ambientali in terminidi vivibilità e sostenibilità economica e sociale che l’implementazione di una efficace pro-grammazione agroenergetica locale può perseguire, partendo però da due presupposti: ilprimo è relativo alla complementarità delle fonti energetiche rinnovabili, mentre il secondoriguarda la valutazione delle condizioni territoriali e contestuali di ciascun luogo, giacchéa territori diversi corrisponderanno necessariamente fonti energetiche e programmazionienergetiche locali differenti.1.3 Evoluzione della normativa nazionale sul sistema energetico Volendo proporre un quadro sintetico dei grandi cambiamenti occorsi in queglianni nel sistema energetico nazionale, bisogna guardare al complesso di norme, anchecomunitarie, che possono essere ricondotte a tre filoni principali: norme di attuazionedella politica energetica, norme di riforma della Pubblica Amministrazione (federalismofiscale, decentramento amministrativo, etc.), e norme di liberalizzazione del mercatodell’energia. Il processo di decentramento delle attribuzioni nel campo dell’energia rinnovabileinizia con la legge 308/82 che introduce un primo inquadramento normativo per le fontirinnovabili insieme alla definizione di risparmio energetico, conferendo alle Regioni lacompetenza su programmazione ed incentivazione di queste due tematiche. Nel 1991 con le leggi n. 9 e n. 10, vengono rispettivamente introdotti i provvedi-menti per la liberalizzazione della produzione di energia ed i principi generali per l’usorazionale dell’energia. In particolare la Legge n. 10 del 9 gennaio 1991 “Norme per l’attuazione del pianoenergetico nazionale in materia di uso razionale dell’energia, di risparmio energeticoe di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia” pone l’accento su obiettivi di riduzionedei consumi e di miglioramento della compatibilità ambientale. Tra l’altro, all’art. 5,sancisce l’obbligo per le Regioni di individuare bacini energetici predisponendo Pianiregionali, i quali devono contenere provvedimenti finalizzati all’uso razionale dell’ener-gia, al risparmio energetico ed allo sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili, con laformulazione di obiettivi definiti secondo priorità di intervento. Sul secondo fronte, la riforma della Pubblica Amministrazione attuata attraversoil conferimento di funzioni e compiti alle Regioni e agli Enti Locali (legge delega 59/97e decreto legislativo 112/98), attribuisce agli Enti Locali le funzioni amministrative inmateria di controllo sul risparmio energetico e l’uso razionale dell’energia conferendo,in particolare, alle Province, nell’ambito delle linee di indirizzo e di coordinamento 10
  23. 23. previste dai Piani Energetici Regionali, le funzioni riguardanti la redazione e l’adozionedei programmi di intervento per la promozione delle fonti rinnovabili e del risparmioenergetico, l’autorizzazione alla installazione e all’esercizio degli impianti di produzionedi energia elettrica inferiore a 300 MWt, il controllo sul rendimento energetico degli im-pianti termici. Delega, infine, alle Regioni le funzioni amministrative non riservate alloStato e non attribuite direttamente agli Enti locali, prevedendo che siano poi le stesseRegioni a determinare quali di queste funzioni amministrative debbano rimanere dicompetenza propria e quali debbano essere trasferite. Lo Stato, oltre a conservare le funzioni e i compiti concernenti l’elaborazione ela definizione degli obiettivi e delle linee di politica energetica nazionale, nonché l’ado-zione degli atti di indirizzo e coordinamento sulla programmazione energetica regiona-le, riserva a sé altre funzioni amministrative, tra cui quelle che riguardano: la ricercascientifica in campo energetico e le determinazioni concernenti l’ambiente. La legge costituzionale 3/2001, infine completa il processo di attribuzione rationemateriae in capo alle Regioni con la nuova formulazione del Titolo V - art. 117 - dellaCostituzione affidando alle stesse potestà legislativa concorrente in materia di produ-zione, trasporto e distribuzione nazionale di energia. In particolare spetta alle regioni,nell’ambito degli indirizzi della politica energetica nazionale e comunitaria:• l’individuazione di “vincoli derivanti dall’ordinamento comunitario”• la formulazione degli obiettivi della politica energetica regionale• la localizzazione e realizzazione degli impianti di teleriscaldamento• lo sviluppo e valorizzazione delle risorse endogene e delle fonti rinnovabili• il rilascio delle concessioni idroelettriche• la certificazione energetica degli edifici• la garanzia delle condizioni di sicurezza e compatibilità ambientale e territoriale• la sicurezza, l’affidabilità e la continuità degli approvvigionamenti regionali. Sul terzo fronte, quello del mercato, i provvedimenti più importanti per il settoreenergetico e della produzione di energia da fonti rinnovabili sono rappresentati dalladirettiva 96/92/CE del Parlamento europeo e del Consiglio ed il Decreto legislativo na-zionale di attuazione n. 79 del 1999 (Decreto Bersani). Con questo decreto si liberalizza il mercato elettrico disciplinando il settore: laproduzione, l’importazione, la vendita e l’acquisto di energia elettrica sono diventateattività libere e questo ha generato la graduale apertura alla concorrenza del mercato.A partire dal gennaio 2003, non è stato più possibile che un solo soggetto detenesse di-rettamente o indirettamente più del 50% del mercato nazionale; mentre la trasmissioneed il dispacciamento, attività riservate allo Stato, sono state attribuite in concessioneal GRTN (Gestore Della Rete di Trasmissione Nazionale) oggi Terna. L’art. 11 dedicatoall’energia da fonti rinnovabili obbliga a partire dal 2001 i produttori e gli importatoridi energia elettrica ad immettere, nel sistema elettrico, una quota stabilita di energia‘pulita’, mentre la completa liberalizzazione della distribuzione si è avuta a partire dalluglio 2007, come stabilito dalla direttiva 2003/54/CE. Accanto agli strumenti normativi che negli anni ’90 hanno determinato il cam-biamento radicale nel sistema energetico nazionale, il graduale passaggio a politichemondiali maggiormente ambientaliste ha portato verso sistemi di definizione di quoteper le emissioni e per la produzione di energia. L’articolo 3, comma 2, della direttiva2001/77/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 27 settembre 2001, relativa allaPromozione dell’energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel merca- 11
  24. 24. to interno dell’elettricità, stabilisce che ogni cinque anni, gli Stati membri adottano epubblicano una relazione che stabilisce per i dieci anni successivi gli obiettivi indicativinazionali di consumo futuro di elettricità prodotta da fonti energetiche rinnovabili intermini di percentuale del consumo di elettricità. Come già accennato uno dei principali riferimenti politici a livello europeo nelsettore della bioenergia e delle politiche energetiche è il pacchetto di azioni in materiaenergetica, adottato dalla Commissione europea il 23 gennaio 200813. Il documento cheaccompagna cinque proposte di direttive14, con lo scopo di predisporre gli strumenti perl’attuazione degli obiettivi generali approvati dal Consiglio europeo nel marzo 200715 - eprima ancora indicati dal Consiglio europeo del marzo 200616 - ovvero la riduzione del20%, rispetto al 1990 delle emissioni di gas ad effetto serra entro il 2020, una quota del20% di energie rinnovabili nel totale dei consumi energetici dell’UE entro il 2020 ed iltraguardo del 10% per l’utilizzo di biocarburanti. Tali obiettivi sono stati ripresi e meglio specificati nella Direttiva 2009/28/CE17Promozione dell’uso delle energie da fonti rinnovabili che ripartisce l’obiettivo gene-rale del 20% da fonte rinnovabile tra tutti gli Stati membri secondo il principio del bur-den sharing già utilizzato con il protocollo di Kyoto. La Commissione ha infatti fissatoi singoli obiettivi nazionali, giuridicamente vincolanti, tenendo conto della situazioneeconomica di ogni Stato. Con l’Italia è stata concordata una quota del 17% di energiada fonti energetiche rinnovabili (FER) da raggiungere entro il 2020. A sua volta la legge13/09 prevede che gli obiettivi comunitari circa l’uso delle energie rinnovabili sianoripartiti, con modalità condivise, tra le regioni italiane attraverso una burden sharingregionale. La direttiva europea introduce inoltre un meccanismo che mira a favorire il trasfe-rimento di energia rinnovabile tra gli Stati membri e la realizzazione di progetti comuni.Annualmente ogni Stato membro pubblica e notifica alla Commissione una stima della13 COM(2008) 3014 Il ‘pacchetto’ prevede l’approvazione dei seguenti provvedimenti: - comunicazione della Commissione sulla dimostrazione in tempi brevi della produzione sostenibile di energia da combustibili fossili e il relativo finanziamento. COM(2008) 13; - proposta di revisione della direttiva 2003/87/CE sul sistema per lo scambio di quote di emissioni.COM(2008) 16; - proposta di direttiva concernente gli sforzi degli Stati membri per ridurre le emissioni dei gas ad effetto serra al fine di adempiere agli impegni della Comunità in materia di riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra entro il 2020. COM(2008) 17; - proposta di direttiva relativa allo stoccaggio geologico del biossido di carbonio e recante modifica delle direttive 85/337/CEE e 96/61/CE del Consiglio e delle direttive 2000/60/CE, 2001/80/CE, 2004/35/CE, 2006/12/CE e del regolamento (CE) n. 1013/2006. COM(2008) 18; - proposta di direttiva sulla promozione dell’uso dell’energia da fonti rinnovabili. COM(2008) 19; - disciplina comunitaria degli aiuti di Stato per la tutela dell’ambiente. GU C 82 del 1.04. 08.15 Consiglio dell’Unione Europea 7224/1/07. I tre obiettivi principali della politica energetica per l’Europa (PEE) sono: - aumentare la sicurezza dell’approvvigionamento; - garantire la competitività delle economie europee e la disponibilità di energia a prezzi accessibili; - promuovere la sostenibilità ambientale e lottare contro i cambiamenti climatici.16 Documento del Consiglio 7775/1/06 in conseguenza del quale la Commissione ha elaborato nel gennaio 2007 la Road map per le energie rinnovabili [COM(2006) 848] in cui delinea una visione a lungo termine delle politiche per le fonti energetiche rinnovabili nell’UE.17 Pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell’Unione Europea il 5 giugno 2009, L140, p 16-62. 12
  25. 25. produzione eccedentaria di energia da fonti rinnovabili rispetto alla traiettoria indicati-va in modo che si possa prevedere un trasferimento agli altri Stati. Allo stesso modo gliStati che pensano di non poter raggiungere la quantità stabilita, dovranno pubblicareuna stima della richiesta di energia da fonti rinnovabili per compensare il divario. Per quanto riguarda il settore dei trasporti ciascun Paese dell’UE deve assicurareche in tutte le forme di trasporto la propria quota di carburanti da fonti rinnovabili siaalmeno pari al 10%. A quest’obiettivo non si applica il meccanismo di ripartizione traStati membri, quindi anche per l’Italia vale questo principio. La direttiva dispone cheper i biocarburanti prodotti da residui, materie cellulosiche di origine non alimentare,ovvero per i biocarburanti di “seconda generazione”, si conteggi un contributo doppiorispetto a quello fornito da altri biocarburanti. Inoltre allo scopo di salvaguardare almassimo la sostenibilità18, per il raggiungimento dell’obiettivo del 10% precisa che nonsaranno contabilizzati i biocarburanti derivanti da materie prime prodotte su terreniche hanno un elevato valore di biodiversità. Si impone inoltre ad ogni Stato di adottare un Piano di azione nazionale (PAN) perl’energia da fonti rinnovabili. Obiettivo primario del PAN per l’Italia19 è, quello di incre-mentare l’efficienza energetica e ridurre i consumi di energia. Oltre al Piano straordi-nario per l’efficienza e il risparmio energetico previsto dalla legge 99/2009, gli obiettivioperativi previsti nel piano sono: promozione della cogenerazione diffusa, misure voltea favorire l’autoproduzione di energia per le piccole e medie imprese, rafforzamento delmeccanismo dei titoli di efficienza energetica, promozione di nuova edilizia a rilevanterisparmio energetico e riqualificazione energetica degli edifici esistenti, incentivi perl’offerta di servizi energetici, promozione di prodotti nuovi altamente efficienti. In parti-colare per quel che riguarda le biomasse sono proposti i seguenti interventi:• revisione periodica dei fattori moltiplicativi, delle tariffe omnicomprensive;• eventuali strumenti di stabilizzazione della quotazione dei certificati verdi, come l’introduzione di una “banda di oscillazione” del prezzo, che possano dare più certezza agli investitori e consentire una migliore programmabilità delle risorse e degli impatti sul sistema di prezzi e tariffe;• modulazione degli incentivi in modo coerente all’esigenza di migliorare alcune opzioni dei produttori (ad esempio, il tipo di localizzazione) e ridurre costi extra costi d’impianto o di sistema;• per le biomasse e i bioliquidi: possibile introduzione di priorità di destinazione a scopi diversi da quello energetico e, qualora destinabili a scopo energetico, discri- minazione tra quelli destinabili a produzione di calore o all’impiego nei trasporti da quelli destinabili a scopi elettrici;• sempre per le biomasse: particolare attenzione sarà dedicata alle dinamiche del costo della materia prima e del costo di esercizio, perseguendo una convergenza dell’intensità del sostegno con quanto si registra in ambito europeo. Tutti questi obiettivi e misure potranno confluire nella Strategia energetica nazio-nale, per la cui definizione è prevista una Conferenza nazionale sull’energia e l’ambiente.18 Artt 17.3-17.519 Inviato alla Commissione europea a fine luglio 2010. 13
  26. 26. 1.4 Incentivazione della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili La promozione delle fonti rinnovabili in Italia è incentrata su programmi di incenti-vazione che possono essere raggruppati nelle seguente tre tipologie:a) assegnazione di certificati verdi alla produzione; b) assegnazione di un incentivo amministrato alla produzione;c) remunerazione amministrata dell’energia elettrica immessa (tariffa fissa onnicom- prensiva) Le modalità di accesso alla rete, di distribuzione e di cessione dell’energia sono di-versificate ed alternative per tipologia di fonte e potenza dell’impianto: ad esempio il de-creto ministeriale 18 dicembre 2008 consente agli impianti alimentati da fonti rinnovabilidi potenza nominale media annua non superiore a 200 kW, di accedere allo “scambio sulposto”, meccanismo che consente di immettere in rete l’energia elettrica prodotta ma nonimmediatamente autoconsumata, per poi prelevarla in un momento successivo per soddi-sfare i propri consumi. La tabella 1.7 sintetizza le modalità di accesso alla rete, di cessione dell’energia elet-trica prodotta da fonti rinnovabili e gli incentivi previsti20. La possibilità di produrre energia da parte del settore agricolo deriva dalla recentenormativa che ha profondamente modificato il mercato dell’energia liberalizzandolo. Oggi la produzione, l’importazione, la distribuzione e quindi l’erogazione al consu-matore finale di energia elettrica sono attività aperte alla concorrenza. Il mercato dellaproduzione di energia, quindi, è caratterizzato ad esclusione di ENEL, ex monopolista, daimprese pubbliche locali, piccoli produttori e autoproduttori. La trasmissione dell’energia,consistente nel trasferimento sulla rete nazionale ad alta e altissima tensione è un’attivitàriservata allo Stato ed attribuita in concessione alla società per azioni Terna. Le fonti rinnovabili godono però della priorità di dispacciamento cioè, a parità diprezzo proposto, nell’ordine di merito economico con cui vengono ordinate le offerte ai finidella risoluzione del mercato, le offerte riferite ad unità alimentate da fonti rinnovabili nonprogrammabili e programmabili hanno la priorità rispetto alle fonti tradizionali. Il decreto Bersani ha inoltre previsto la semplificazione delle procedure attraversol’adozione di una autorizzazione unica e la possibilità di ubicazione degli impianti anche inzone classificate come agricole dai vigenti piani urbanistici. Lo stesso decreto ha consentito lo sviluppo dell’attuale regime di incentivazione delleFER basato su criteri di mercato: lo scambio dei certificati verdi (CV). Tale meccanismoderiva dall’obbligo, a partire dal 2002, per i soggetti produttori o importatori di energiaelettrica, di immettere nella rete nazionale una certa percentuale di energia da impiantialimentati da fonti rinnovabili. Di contro i produttori di energia da FER possono scambiaretramite i CV la loro quota di energia ‘verde’ con i produttori da fonti tradizionali in modoche quest’ultimi possano ottemperare all’obbligo. Un certificato verde, oggi corrisponden-te alla produzione di 1 MWh di energia da fonte rinnovabile, è in realtà un vero e propriotitolo scambiabile su un apposito mercato. Il prezzo dei CV si forma attraverso la liberacontrattazione tra gli operatori, la quale può avvenire bilateralmente o nel mercato orga-nizzato dal Gestore dei mercati energetici (GME) . Il prezzo al quale il Gestore dei servizi energetici (GSE) emette i CV è detto prezzo diriferimento il quale, come stabilito dalla finanziaria 2008, è pari alla differenza tra un valo-20 TUP - Testo unico ricognitivo della produzione elettrica, AEEG, marzo 2009 14
  27. 27. Tabella 1.7 Accesso alla rete e modalità di cessione dell’energia elettrica immessa Modalità di Delibere di Contratti da Tipo di Quali fonti tra Ricavi per il Quali impianti Quali impianti cessione riferimento siglare incentivi quelle rinnovabili produttore Tutti, inclusi gli impianti Dispacciamento in Tutte, ad eccezione ibridi (per la sola Deliberazione n. 111/06 immissione con Terna + Certificati verdi della fonte solare produzione attribuibile Libero mercato (dispacciamento e Compravendita con la alle fonti rinnovabili) (partecipazione diretta registrazione contratti di propria controparte + 1 Tutti Fotovoltaici e solari Vendita + incentivo in Borsa o tramite compravendita) e n. Regolazione trasporto termodinamici inclusi gli trader) 348/07 (Allegato A, con Terna e impresa Conto energia Solare impianti ibridi (per la sola trasporto distributrice per impianti produzione attribuibile connessi in MT o BT alla fonte solare) Di potenza < 10 MVA o di potenza qualsiasi se Tutte, ad eccezione Unica convenzione con il Certificati verdi alimentati da fonti Di potenza < 10 MVA della fonte solare Ritiro dedicato, secondo GSE che comprende rinnovabili non o di potenza qualsiasi programmabili modalità e condizioni anche il dispacciamento 2 se alimentati da fonti Deliberazione n. 280/07 Vendita + incentivo economiche definite in immissione e il Fotovoltaici e solari rinnovabili non dallAutorità trasporto dellenergia termodinamici inclusi gli programmabiliUnica elettrica immessa Conto energia Solare impianti ibridi (per la sola produzione attribuibile15 alla fonte solare) Ritiro a tariffa fissa Alimentati da fonte onnicomprensiva, eolica fino a 200 kW; Conto energia, già Unica convenzione con il Vendita (a un secondo modalità alimentati dalle altre Deliberazione ARG/elt incluso nel prezzo di Tutte, ad eccezione 3 GSE inclusiva di tutto, Di potenza fino a 1 MW prezzo che già definite dallAutorità e a fonti rinnovabili, ad 1/09 ritiro dellenergia della fonte solare compresi gli incentivi include lincentivo) condizioni economiche eccezione della solare, elettrica definite per legge fino a 1 MW Tutte, ad eccezione Contratto di scambio Certificati verdi della fonte solare Di potenza fino a 20 con il GSE dall1 gennaio Di potenza fino a 20 kW, Compensazione tra kW, e di potenza 2009 relativo allenergia e di potenza maggiore a lenergia elettrica maggiore a 20 kW fino Deliberazione ARG/elt elettrica immessa e allo 4 Scambio sul posto 20 kW fino a 200 kW se immessa e quella a 200 kW se entrati in 74/08 scambio sul posto. Non Conto energia Solare entrati in esercizio dopo il prelevata + esercizio dopo il 31 sostituisce la 31 dicembre 2007 incentivo dicembre 2007 regolazione dellenergia elettrica prelevata
  28. 28. re fisso di 180€/MWh ed il valore medio annuo del prezzo di cessione dell’energia elettricanell’anno precedente. Per il 2008, ad esempio, ai fini della definizione del valore del CV,l’autorità preposta ha stabilito un valore medio annuo del prezzo di cessione dell’energiaelettrica pari a 91,34€/MWh. Il prezzo dei CV nel corso del 2009 è oscillato tra i 96 ed i103€/MWh, mentre il prezzo medio di scambio dei CV sul mercato per l’anno 2010 è statodi 84€/MWh21. Oltre ad aver modificato la modalità di parametrazione del CV, la Finanziaria 2008ed il suo collegato€ hanno introdotto sostanziali novità nel sistema di incentivazione dellerinnovabili tra cui il graduale incremento, della quota obbligatoria di elettricità prodottada FER per le grandi aziende produttrici da fonti fossili e la tariffa fissa omnicomprensiva. Per il periodo dal 2007-2012 la quota obbligatoria di cui all’art.11 del D.lgs.79/9922 èincrementata annualmente di 0,75 punti percentuali. Pertanto essa assumerà annualmen-te i seguenti valori:Tabella 1.8 – Valori incrementali per anno di energia prodotta da FER in Italia. Periodo2007-2012 ANNO Quota obbligatoria (%) 2007 3,80 2008 4,55 2009 5,30 2010 6,05 2011 6,80 2012 7,55Fonte: GSE Per avere diritto all’emissione dei certificati verdi, il produttore deve ottenere la qua-lifica di Impianto Alimentato da Fonti Rinnovabili (IAFR), dimostrando con apposita do-cumentazione tecnica presentata al GSE, che l’impianto rispetta tutte le caratteristicherichieste dalla normativa. Inoltre, a partire dal 2008, il valore del CV viene moltiplicatoper un coefficiente (cfr. Tabella 1.5) che varia in funzione del tipo di fonte rinnovabile. Ilcoefficiente stabilito per l’energia prodotta a partire da fonte derivante dal settore agricoloè sicuramente tra i più interessanti, in previsione del fine di favorire lo sviluppo di filierelocali. Il quadro normativo è stato modificato prima con l’emanazione del decreto del Mi-nistero dello Sviluppo economico del 18 dicembre 2008 e poi dalla Legge 99/09: il sistemadegli incentivi che se ne trae è sintetizzato nella tabella che segue per quel che riguardai coefficienti moltiplicativi dei CV ed in quella successiva per la tariffa omnicomprensiva.Quest’ultima è la tariffa alla quale possono accedere per un periodo di 15 anni, in alterna-tiva ai CV, i produttori per gli impianti di potenza nominale media annua non superioread 1 MW (0,2 MW per l’eolico) entrati in esercizio in data successiva al 31 dicembre 2007,per l’energia netta immessa nel sistema elettrico. La tariffa omnicomprensiva comprendesia il valore dell’incentivo che il ricavo relativo alla quantità di energia elettrica prodotta.21 In realtà il prezzo previsto era di circa 112 /MWh, prezzo a cui si sarebbe arrivati solo se ci fosse stato un eccesso di domanda rispetto all’offerta.22 Il c.d decreto Bersani all’art. 11 prevede che “gli importatori e i soggetti responsabili degli impianti che, in ciascun anno, importano o producono energia elettrica da fonti non rinnovabili hanno l’obbligo di immettere nel sistema elettrico nazionale, nell’anno successivo, una quota prodotta da impianti da fonti rinnovabili”. 16

×