Quando la paura non deve far paura
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Quando la paura non deve far paura

on

  • 1,856 views

Saggio breve sui contenuti multimediali e narrativi. Analisi del fumetto Dylan Dog e utilizzo della componente emotiva sulla paura in letteratura. Stretegie di comunicazione dei media incentrate sulla ...

Saggio breve sui contenuti multimediali e narrativi. Analisi del fumetto Dylan Dog e utilizzo della componente emotiva sulla paura in letteratura. Stretegie di comunicazione dei media incentrate sulla paura.

Statistics

Views

Total Views
1,856
Views on SlideShare
1,854
Embed Views
2

Actions

Likes
1
Downloads
21
Comments
0

2 Embeds 2

http://www.linkedin.com 1
https://www.linkedin.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft Word

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Quando la paura non deve far paura Quando la paura non deve far paura Document Transcript

    • Università degli studi di Sassari Facoltà di Scienze Politiche Corso di Laurea Specialistica Editoria, comunicazione multimediale e giornalismo Produzione e diffusione di narrazioni mediali Prof. Fabio Di pietro Quando la paura non deve far paura Relazione di: Francesco Sardu Matricola: 30026571 Anno Accademico 2007 / 2008 1
    • Indice Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3 Il personaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 La paura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 Dalla paura metafisica a quella politico sociale . . . . . . . . . . . . . . 12 Politica della paura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14 Il ruolo dei media nella creazione della paura . . . . . . . . . . . . . . . . 16 Il nuovo mostro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18 Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21 Bibliografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23 2
    • Introduzione “La più antica e potente emozione umana è la paura, e la paura più antica e potente è la paura dell’ignoto.” Lovecraft Questo saggio mi ha offerto un’ opportunità che non potevo di certo farmi sfuggire. Dopo anni passati a fantasticare (considerati da molti come inutile perdita di tempo o peggio come devianze di qualche disturbo mentale), ora posso pensare di elaborare alcune mie considerazioni su quella che viene definita industria culturale. Tutti noi abbiamo più o meno coscienza di cosa si tratti e di sicuro nessuno si può astenere dall’influenza che i prodotti di questa industria hanno nella vita di ognuno. Basta fare dei piccoli esempi, come pensare ad un super eroe: scommetto che la maggior parte delle persone lo immagini come un individuo di razza bianca caucasica, alto muscoloso ecc; questo perché da Superman a Batman passando per Indiana Jones, lo stereotipo dell’eroe è sempre lo stesso. Ora continuate a pensare che i prodotti mediali non influenzino la nostra vita? Soprattutto l’immaginario, la nostra parte più intima, altro non è che solo il prodotto di una costante influenza dell’industria culturale. Detto così sembra una cosa spaventosa, ma non c’è nulla di cui aver paura. Siamo quello che siamo grazie al continuo sommarsi di immaginari che si rinnovano in ogni epoca. Studiosi come Edgar Morin, Roland Barthes e Umberto Eco, hanno più volte individuato un tratto di forte congiunzione tra i miti antichi e le mitologie moderne prodotte dall’industria culturale. La creazione di miti moderni, nati in relazione all’avvento della folla metropolitana e delle sue forme di credenza “superstiziosa” affonda le sue radici nelle paure dell’esperienza umana. 3
    • Per esempio fin da quando ero bambino sono sempre stato affascinato dai mostri, racconti horror, esoterismo ecc. L’elemento comune tra tutte queste cose è di sicuro il sentimento di paura che questi argomenti suscitano, ma la paura è sempre esistita, mentre le rappresentazioni fornite dall’industria culturale si sono evolute nel tempo. Attraverso questo saggio vorrei partire dalla descrizione del fumetto di Dylan Dog, che tratta appunto il tema dell’ignoto, incubi e soprannaturale, per capire come la paura, al di là delle epoche, abbia sempre il suo fascino nell’immaginario umano anche in questa epoca dove tutto può essere scientificamente spiegato. Rispondendo alla domanda su quanto il nostro immaginario sia il frutto della produzione mediale, posso raccontare una mia esperienza personale. Mentre stavo a Londra, ho pensato bene di visitare l’indirizzo di Dylan Dog a Craven road n°7, sperando almeno di trovare un mini-museo, invece ho scovato una semplice paninoteca; la sorpresa consiste nel fatto che, molte persone prima di me avevano tentato invano la stessa missione! 4
    • Il personaggio Creato da Tiziano Sclavi, Dylan Dog è il più celebre protagonista di un fumetto horror italiano. Le sue avventure hanno infatti alternato l'orrore tradizionale con numerosi "omaggi" ai mostri classici (Frankenstein, l'Uomo Lupo, Dracula e tanti altri), fino allo splatter moderno dei film di Dario Argento e George Romero. Con questi ingredienti, sul finire degli anni ’80, è esploso il “fenomeno Dylan Dog”, diventato il fumetto più venduto in Italia. La differenza più rilevante rispetto ai precedenti fumetti horror, stava nel focalizzare l’orrore quotidiano, ancora prima dei mostri veri e propri; come la follia che si nasconde dietro la faccia bonaria del vicino, oppure l’impossibilità di essere se stessi in un mondo che accresce ogni giorno l’angoscia interiore, pur negando l’esistenza del male. Il lettore capisce così di trovarsi sotto gli occhi la realtà, e non un fittizio universo cartaceo, lasciarsi trasportare in queste avventure è quindi più facile. Per quanto riguarda il successo dell’horror da un punto di vista estetico, cito il saggio di K. Rosenkranz, “Estetica del brutto”, l’autore spiega che l’attrazione per il brutto non è che un aspetto della patologia generale della società, il riflesso deformato dei conflitti che avvelenano l’esistenza sociale. Dylan Dog è un detective che si occupa esclusivamente di casi insoliti in tutte le sfumature del termine. Ha poco più di trent’anni, è inglese e vive a Londra. La figura dell’investigatore è la trasformazione del flaneur baudelairiano che aggirandosi nella folla della metropoli, la osserva con distacco ma ne subisce il fascino. Il detective rappresenta secondo Kracauer la razionalità scientifica industriale di fronte alla complessità del vissuto metropolitano. A causa di un’eccessiva razionalità, la città nell’era romantica diviene luogo di fantastiche avventure. Dylan Dog ha un passato misterioso di cui si sa ben poco, e anche quel poco è avvolto dal mistero, gli unici ricordi della sua infanzia vengono portati alla luce attraverso il sogno o allucinazioni oniriche. Non a caso gli incubi sono i suoi interessi personali e professionali e i suoi clienti, sono persone comuni che hanno avuto esperienze inspiegabili e soprannaturali. La passione per il suo lavoro non riguarda il prestigio, perché gode di pessima reputazione e neppure l’aspetto economico, infatti non riesce mai a pagare regolarmente l’affitto. È la paura ad affascinarlo, la paura dell’irrazionale, dell’inspiegabile, dell’ignoto. 5
    • Egli stesso è il primo a provare paura, per questo non lo si può definire il classico eroe invincibile, a volte non riesce neppure a risolvere il caso ma, non per questo, lo si può considerare un anti-eroe uscito dalla penna di Bukowsky. Dylan Dog è semplicemente un uomo, dal momento in cui non rifiuta l’ignoto ma tenta di penetrarlo e comprenderlo, in nome della ricerca e della verità, diviene come l’ Über-Mensch di Nietzsche, in quanto spirito libero che rompe gli schemi delle superstizioni. Nonostante questo, nonostante viva in una realtà dove tutto può succedere, “incarna” tipiche caratteristiche dell’uomo comune di questa epoca: impulsivo, problematico, pieno di dubbi, forte e tenero nello stesso tempo, rappresenta quindi caratteristiche del tutto comuni dell’uomo contemporaneo. Le sue paure, le sue pulsioni o fantasie sono quelle di tutti. Altre caratteristiche invece sono più particolari: per spezzare un po’ con il contesto violento del fumetto, gli autori, hanno pensato di rendere Dylan Dog vegetariano e pacifista (ma anche Hitler era vegetariano, quindi non vuol dire nulla). Ho notato comunque che nel fumetto, forse per accontentare più lettori, Dylan Dog appare incongruente. Egli risolve i suoi casi ricorrendo alla violenza, ma lo si descrive come pacifista; in quasi ogni numero ha una relazione con la coprotagonista di turno, ma non è un seduttore, lo fa solo per amore! (io sostengo che lo faccia per altri motivi). Inoltre è anche ecologista e animalista accanito. Forse, queste caratteristiche gli sono state date per consentirgli di essere vettore di una certa morale, perché in passato era stato indicato come fumetto diseducativo. A parte queste mie considerazioni, il personaggio è ben costruito per fare presa nell’immaginario di tantissimi lettori che possono così trovare diverse soluzioni di immedesimazione con il protagonista. Altre caratteristiche particolari sono la sua passione per la musica, suona il clarinetto, il suo motivo preferito è il “Trillo del Diavolo” di Tartini; inoltre si occupa di collezionismo e modellismo. Il collezionismo privato mette in luce le componenti di un forte individualismo, di pulsione personale a possedere l’oggetto, simile ad una coazione a ripetere che lega l’esperienza alla paura della morte. Dal primo numero lo si vede impegnato nella realizzazione di un galeone che forse mai finirà. Nel fumetto il “galeone” è un elemento chiave che svela le vere origini del protagonista, il galeone infatti rappresenta il mezzo di trasporto che unisce il mare alla terra ferma. Il mare inteso come elemento non stabile ossia il mondo fantastico da cui proviene il protagonista, e la terra ferma invece il mondo tangibile dove egli vive. Il luogo reale in questione è Londra, una metropoli che rappresenta lo 6
    • spazio profano, luogo di caos e consumo, dove il bene e il male convivono quotidianamente. La scelta di Londra non penso sia casuale, per esperienza personale, ritengo questa città e la cultura anglosassone in generale l’esempio calzante di contraddizione e dicotomie. A Londra esiste una perenne armonia tra passato e futuro, lo si vede subito nell’architettura, ma soprattutto tra le tradizioni e le innovazioni trasgressive, questi elementi trovano un perfetto equilibrio all’interno del tessuto urbano; offrendo un luogo ideale per le storie del fumetto. In Dylan Dog c’è un’altissima concentrazione di dispositivi intertestuali, che fanno riferimento non solo alla letteratura e al cinema, ma anche alla pittura e alla musica. Ciò che emerge è soprattutto l’intertestualità come pratica di trasformazione dei testi, rivisitazione di classici, e variazione parodica. L’universo di Dylan Dog è popolato da immagini orripilanti, ma è anche continuamente attraversato da una vena di umorismo. Il fumetto non è solo il prodotto finale di un ricco sistema intertestuale, ma ne è elemento integrante; a sua volta, quindi, lo modifica e lo influenza. Per esempio basti pensare alla trasposizione cinematografica in Dellamorte Dellamore oppure alla figura della morte, interamente riprodotta dal film di Bergman “Il settimo sigillo”. Oltre ai classici mostri “cattivi”, come vampiri, zombie e licantropi, nelle avventure di Dylan Dog esistono anche altre tipologie del mostro, considerato come il diverso, l’emarginato, spesso vittima lui stesso della paura e quindi dell’odio da parte delle persone “normali”. L 'atteggiamento di “Dylan” nei loro confronti è un altro punto di forza della serie: molto spesso infatti più che combattere il mostro, cerca di comprenderlo e compatirlo. I riferimenti cinematografici principali sono "Freaks" di Tod Browning (1932) e "The Elephant Man" di David Lynch (1980). Molto spesso i racconti dell’orrore, costituiscono un pretesto per affrontare temi di attualità: violenze quotidiane, le emarginazioni e l’odio per il “diverso”. Anzi se si guarda la realtà con occhio cinico, spesso ci accorgiamo che l’orrore vero supera la fantasia. 7
    • La paura La paura è una sensazione, o reazione istintiva che ha sempre accompagnato l’uomo sin dalla notte dei tempi. Delle paure si è detto e scritto molto, ma la paura si evolve, si trasforma si deforma. Per questo motivo ritengo sia un argomento sempre attuale, ma soprattutto molto “democratico” in quanto tutti l’hanno provata almeno una volta nella vita. Jean-Paul Sartre ha scritto: “Tutti gli uomini hanno paura. Tutti. Chi non ha paura è un anormale. E tutto questo non ha niente a che vedere con il coraggio”. Infatti come detto prima, il protagonista del fumetto, ha paura. Anche se vive in un mondo paranormale, prova i nostri stessi sentimenti, addirittura è attratto dalle paure, proprie e altrui. Dobbiamo in qualche senso liberarci dello stereotipo di uomo coraggioso, tramandatoci da una visione superata dell’industria culturale. Ammettere le proprie paure significava mostrarsi deboli, arrendersi o peggio ancora dichiararsi vinti in partenza. Se osserviamo le generazioni passate, difficilmente queste persone parlano con naturalezza delle proprie fobie. Infatti anche i prodotti mediali del passato offrono eroi senza macchia e senza paura, invincibili e immortali, quasi ad allontanare il concetto di fragilità tipico dell’uomo. Dylan Dog nelle sue imperfezioni che lo rendono “umano” va controtendenza rispetto al passato. La storia della paura ha sempre avuto fondamento su ciò che era sconosciuto, ignoto, diverso. Molto spesso quindi la paura è stata figlia dell’ignoranza. Sarebbe impossibile e anche inutile analizzare in questa sede tutte le paure che hanno accompagnato l’uomo durante la sua evoluzione. Ma per il fine di questo saggio, prenderò in considerazione alcuni periodi storici che ritengo significativi per delineare il percorso della paura sino ad oggi. Il fumetto Dylan Dog, che utilizzo come rimando mediale, prende spunto dall’immaginario classico dei mostri, per descrivere le incertezze e le paure della nostra società. Tra i vari mostri, quello che meglio si prestava al mio discorso era la figura della strega. Nel n°69 di Dylan Dog, “Caccia alle streghe”, vi è un illuminante similitudine tra la moderna censura e il fenomeno storico della caccia alle streghe. Infatti l’autore del fumetto, Tiziano Sclavi era stato accusato della critica di aver creato un fumetto diseducativo, per via delle immagini cruente che potessero istigare la violenza. In questo numero particolare, Sclavi paragona il tribunale dell’inquisizione 8
    • alla censura, sottolineando il problema della libera d’espressione del pensiero anche nel nostro secolo. La strega come il perseguitato è una figura ricorrente. Questo essere fantastico, popolò l’immaginario collettivo fin dal Medioevo. La storia è stata testimone della caccia alle streghe, penso sia l’esempio calzante per descrivere una paura nata dall’ignoranza. Il periodo di maggior attività di questo fenomeno fu tra il 1400 e il 1700. Tralasciando i particolari, l’avvenimento della caccia alle streghe era fondato interamente sulla base di superstizioni e odio contro i “diversi”. La maggior parte delle vittime di questa persecuzione erano donne che vivevano in particolari condizioni di miseria, ed è per questo motivo che si servivano di vari espedienti come: pratiche “mediche”, elemosina e prostituzione. La strega quindi rappresentava la figura chiave dell’emarginazione. La prima motivazione del fenomeno persecutorio fu la superstizione, che unita alla miseria aumentò il suo raggio d’azione. In quel periodo, infatti, una grave piaga colpì l’Europa: la peste nera. Le conseguenze dirette furono: morte, carestia, crisi economica, ribellioni sino ad arrivare alla crisi religiosa. La domanda che tutti si ponevano era perché mai Dio avesse permesso tutto questo. Le istituzioni e la Chiesa, incapaci di sopperire alla crisi economica, si impegnarono a risolvere il problema delle ribellioni e della crisi economica. Il primo passo fu una sorta si “restiling “ della figura di Dio; l’immaginario religioso restituì un Dio in collera con l’umanità e per questo deciso a punirla. Lefèvre d'Etaples affermò: “Il più grande avversario che abbia il cristiano è se stesso. Non ha nient'altro di tanto difficile da vincere quanto la sua carne, la sua voluttà: poiché essa, per sua natura, è incline a tutti i mali”. Attraverso questo meccanismo, che produceva il senso di colpa, la Chiesa fu la prima istituzione ad adottare la paura come strumento di controllo. Il passo successivo fu l’identificazione del capro espiatorio. La strega, appunto, venne identificata come colpevole di azioni contro la morale religiosa; per questo motivo Dio puniva l’intera umanità con carestie e pestilenze. L'uomo, per sua natura, ha bisogno di un nemico da combattere, o almeno contro cui sfogare la propria ira impotente. Diversamente si sente inetto e svuotato, cosa che tutti i detentori del potere sanno benissimo. In tutte le società totalitarie e' sempre stato necessario individuare un nemico interno. Questo meccanismo permette di trasformare l’ansia, cioè la paura di qualcosa di indefinito, in paura che invece è il timore per qualcosa di concreto. Se intendiamo come strega, qualsiasi figura che venga utilizzata come capro espiatorio, posso affermare con certezza che ancora oggi la loro caccia non è finita; questo conferma la teoria di G. 9
    • Vico: “Corsi e ricorsi storici” dove sostiene che l'uomo è sempre uguale a se stesso, pur nel cambiamento delle situazioni e dei comportamenti storici. Ciò che si presenta di nuovo nella storia è solo paragonabile per analogia a ciò che si è già manifestato. Così, ad esempio, ad epoche di civiltà possono seguire epoche di "ritornata barbarie"; ad epoche nelle quali più forte è il senso di una determinata categoria, altre nelle quali si sviluppa maggiormente un altro aspetto della vita. La storia, dunque, è sempre uguale e sempre nuova. In tal modo è possibile comprendere il passato, che altrimenti ci rimarrebbe oscuro. Oggi il progresso scientifico e tecnologico e' stato tale da lasciar presumere che la stregoneria in generale potesse essere relegata tra le memorie del passato. Invece e' avvenuto esattamente il contrario; l’interesse verso la magia è in aumento. L'enorme sviluppo degli operatori di magia ha visto emergere prepotentemente gli uomini, tanto da rendere un po' obsoleto il termine strega. Ora e' più corretto parlare di maghi e di maghe. Questo non significa che le streghe "vecchio stampo" siano sparite; si sono solo modernizzate, aggiornando il loro modo d'essere e di operare, i loro prodotti e la loro attività in conformità alla domanda di mercato. Praticamente il progresso della conoscenza e la diffusione ad ogni livello sociale di una cultura scientifica di base non sono stati sufficienti per eliminare nell'uomo il "bisogno di credere", un qualcosa a cui aggrapparsi ciecamente senza tanti ragionamenti logici e razionali; ragionare resta ancora un'attività scomoda. Anche se non credo che il fenomeno sia interamente causato da una latente ignoranza, più che altro esiste un bisogno innato, ancestrale da parte dell’uomo nel ricercare l’ignoto. Quando tutto è scientificamente spiegabile subentra la noia, l’uomo è così spinto a ricercare nuovi impulsi che gli permettano di fantasticare e sognare. Questa potrebbe essere una delle tante cause che avvicina il mondo degli adolescenti all’esoterismo, fino ad arrivare alle massime deviazioni come il satanismo o magia nera. Il libro di Carlo Climati “I giovani e l’esoterismo”, considera il fumetto Dylan Dog come catalizzatore di questo fenomeno. Solo perché il protagonista affronta mostri o il mondo del paranormale, in questo caso, seguendo lo stesso ragionamento qualsiasi prodotto mediale potrebbe portare verso la “cattiva” strada. Per assurdo “Fantasia” di Walt Disney potrebbe indurre a praticare la magia, oppure “Peter Pan” offrirebbe il pretesto ad adottare una vita sociale priva di responsabilità. Sempre secondo Climati, Dylan Dog avrebbe un altro elemento diseducativo, ossia il fatto che il male non venga sconfitto 10
    • definitivamente, ma che possa riapparire in maniera improvvisa. Questo processo del “ritorno del male”, ucciderebbe l’idea di speranza nel giovane lettore, facendolo piombare in un vortice di pessimismo, tale da renderlo vittima del satanismo. La mia critica, nei confronti del libro “I giovani e l’esoterismo”, nasce dalla considerazione che all’interno del fumetto Dylan Dog vi siano messaggi e significati ben più profondi rispetto a quanto emerge da una lettura superficiale. Certo non si può negare che vi siano scene violente, splatter, o che non si faccia riferimento al mondo esoterico. Ma l’effetto del “ritorno del male”, così chiamato da Climati, non è forse semplicemente una trasposizione del fatto reale nel fumetto? Il male, come sappiamo bene, non è un elemento che si può risolvere una volta per tutte. La morale di Dylan Dog a mio avviso per nulla diseducativa, afferma che il male si presenta sempre e con diverse vesti, spetta a noi riconoscerlo e affrontarlo. Infatti l’orrore nella storia umana è una presenza costante, ma in forme diverse, partendo dall’esempio della caccia alle streghe fino alle varie persecuzioni etniche, l’elemento comune risiede nel rifiuto di accettare il diverso, che porta ad un atteggiamento aggressivo o di emarginazione. 11
    • Dalla paura metafisica a quella politico sociale La scienza avrà anche smascherato molte superstizioni del Medioevo e la fallacia del pensiero magico, sia laico che religioso, del passato e del presente ma, al loro posto, ha introdotto nuove paure che dominano la nostra vita dalla culla alla tomba" - Fear. A Cultural History, Joanna Bourke (pag.5). Il punto è che la tradizionale paura di Dio, che effettivamente ha dominato per secoli l’immaginario umano, ha subito un processo storico di laicizzazione, fino ad essere sostituita da altre prevalenti definizioni di pericolo e di insicurezza. Il passaggio da una definizione prevalentemente metafisica a una definizione prevalentemente politico- sociale si può inquadrare nel generale processo di disincantamento del mondo e di laicizzazione. Le religioni viste come complessi culturali, hanno tra l’altro la funzione o lo scopo di fornire un’integrazione culturale e quindi di governare, controllare, esorcizzare le sensazioni di insicurezza legate alla percezione dell'esistenza nel mondo di un male radicale. Nell’interpretazione di Jean Delumeau, dal Duecento al Settecento la Chiesa avrebbe deliberatamente scelto una strategia del terrore, preferendo un Dio giustiziere a quel Dio misericordioso che invece è ben più caro a tanti fedeli. Delumeau sostiene che nel Medioevo, la naturale paura della morte diventa una paura ossessiva del giudizio, usata anche a fini di potere: attraverso la confessione, coltivare il senso di colpa poteva diventare uno strumento di controllo dei credenti Il passaggio da una definizione del male in termini metafisici a una definizione in termini politico- sociologici si compie nella società industriale soprattutto grazie al marxismo, che prende il sopravvento su altre forme concorrenziali di definizione del maligno. Un esempio di questa fobia, la si può trovare nel n° 106 di Dylan Dog, “La rivolta delle macchine”, dove si concretizza la ribellione della creazione nei confronti del creatore. La paura che le scoperte scientifiche possano essere controproducenti per l’uomo. La stessa rincorsa al nucleare, il continuo sviluppo delle armi di distruzione di massa, sia da parte del fronte occidentale, sia da quello orientale. Erano gli anni della guerra fredda. In generale lo spettro dell'immaginario politico occidentale è stato il comunismo. Su questo argomento, sul fatto di collegare le paure e i mostri con elementi che invece sono reali e concreti, mi viene in mente la figura dell’alieno, il suo 12
    • significato etimologico di "altro", (in lingua inglese la parola “alien” sta ad indicare "immigrato" più o meno clandestino). Nel n°112 di Dylan Dog, “Incontri ravvicinati”, il protagonista si trova alle prese con queste creature. In questo numero, gli alieni sono degli esseri indifesi e i terrestri dei mostri sanguinari. Queste creature affamate solo di emozioni, rapiscono i terrestri per studiare i sogni e desideri, perché loro non ne posseggono. Sono semplicemente esseri in cerca di amore e comprensione, come del resto lo sono le persone “diverse” o emarginate; in questo caso oltre all’utilizzo dello stereotipo dell’alieno, vi è un rovesciamento della cornice, l’extraterrestre, in questo caso, incarna il “bene”, mentre l’umanità il “male”, ma questa è una delle rare eccezioni. L’immaginario dell’alieno ha subito dei mutamenti durante la storia: nel periodo della guerra fredda, tra il popolo americano e in generale il mondo occidentale, vi era il pericolo di un'invasione sovietica, e del comunismo. Molti studiosi individuano alla fine degli anni ’50 i segnali di propaganda esplicita, del governo Eisenhower nel cinema: la figura dell’alieno “invasore”, capace di distruggere la nostra civiltà, una figura che nasce tra il timore dell'omologazione e la fobia dell'identità è il ricettacolo di paure di ciò che è ignoto o diverso da sé, come poteva essere l’oriente contrapposto all’occidente. L’alieno è un prodotto culturale tipico del dopoguerra statunitense. Dopo l’orrore della guerra, attraverso il cinema si è cercato di esorcizzare il trauma della violenza: il sangue ridiventa finzione, la morte poteva essere reversibile, ma diversamente il fantastico degli alieni incarnava invece le nuove ossessioni americane. Il film più amato e studiato del periodo è “L'invasione degli ultracorpi” di Don Siegel, del 1956, su cui ancora oggi si dibatte polemicamente: la storia di alieni che "copiano" l'uomo e lo sostituiscono con sosia decerebrati all'interno della società, questa rappresenta una metafora dei pericoli del comunismo (omologazione, appiattimento, dittatura). Quindi, mentre la società americana stava metabolizzando i traumi bellici, attraverso il cinema splatter una nuova paura si insidiava: il comunismo, riprodotto dall’industria culturale attraverso la figura dell’alieno. Negli anni più recenti, invece, la figura dell’alieno si è fatta portavoce di altri significati. Per esempio nel celebre film di S. Spielberg “E.T”, porta l’attenzione del confronto con “l'altro”, il profondamente diverso da noi. La fantascienza (cinematografica, ma ancora prima letteraria) racconta di noi, della nostra società, della cultura, della politica, dell'arte, della scienza, del futuro e della tecnologia. L'alieno è uno specchio nel quale abbiamo sovente paura di rifletterci. Per me va inteso come un meccanismo narrativo che ci costringe a guardare 13
    • la realtà eterogenea, fatta di diversità, attraverso la finzione. Simbolicamente si potrebbe definire l’alieno come lo specchio di Dioniso, che rappresenta uno strumento di esibizione e di cattura della variegata totalità del mondo. Politica della paura Bauman sostiene che oggi viviamo in un clima di assedio della paura. A livello macro ci sono dei fattori corrosivi, disordine e sgretolazione mondiale, mentre a livello micro vi è un indebolimento del tessuto sociale e delle fondamentali reti di protezione. Il male diventa onnipresente, e la paura generale è una conseguenza. Gli argomenti non mancano, dal collasso tecnologico al disastro ecologico. Le masse dei diseredati dei paesi in via di sviluppo, sia che premano ai confini sia che come immigrati vivano dentro i paesi sviluppati, sono all’origine di molte sensazioni di insicurezza socialmente diffuse e politicamente pericolose. Finita la paura del comunismo, nuove fobie presero piede, questa volta però non le si poteva localizzare e identificarle. Prima la paura veniva dal di fuori; le cause potevano essere naturali o dettate da eventi di forza maggiore come ad esempio, la peste sui quali non si aveva alcun potere. Il male storicamente nuovo e specifico che ci farà soccombere proviene direttamente da noi stessi, in un senso tragico e definitivo: il male siamo noi. All’interno del fumetto, possiamo ritrovare alcuni riferimenti al terrorismo e i suoi effetti; nello specifico si racconta di quando Dylan Dog, svolgeva servizio come poliziotto a Scotland Yard. Erano anni difficili, l'IRA (Irish Republican Army) chiedeva a suon di bombe l'indipendenza dell'Ulster dalla Gran Bretagna. L'esercito rispondeva a sua volta con i fucili, sparando tra la folla senza discriminazioni, come successe nel famigerato "Bloody Sunday". Dylan, durante quel periodo si innamora di Lillie Connolly una esponente dell' IRA, che successivamente verrà arrestata e la loro storia terminerà tragicamente. Il terrorismo sarà anche il protagonista della nuova guerra fredda, ma non è certo una novità. Questo timore era già diffuso a partire dagli anni '70. Tra il 1977 e il 1978, l'85-90% degli americani e dei britannici considerava il terrorismo un serio problema. I 14
    • terroristi sono imprevedibili, hanno a disposizione le più terribili armi create dalla scienza moderna, possono colpire in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo. In pratica hanno dato concretezza al senso di paura globalizzata. Una delle conseguenze dell’11 settembre è stata paradossalmente la sensazione rassicurante di dare un volto alla paura. Non era più un’organizzazione segreta, né un americano impazzito (come nel caso della bomba al Murrah Federal Building a Oklahoma City nel 1995) ma fondamentalisti islamici e stranieri. Nonostante una certa inquietudine suscitata dalla facilità con cui i terroristi erano stati capaci di confondersi nella classe media americana, il sollievo per il fatto che rimanevano degli stranieri è stato grande. Il nemico poteva ora essere identificato era il “musulmano”. Una delle risposte più interessanti alla paura è la ricerca di un capro espiatorio. Infatti secondo la psichiatria moderna esistono due tipi di paura: la paura vera e propria e l'ansia. Nel primo caso l'identità del nemico è nota e l'individuo può reagire combattendo o fuggendo, nel secondo caso l'ansia è fluttuante e l'identità del nemico difficile da definire. Questa distinzione è importante in quanto con la paura, le persone, tendono a fare gruppo per combattere il nemico. Al contrario, quando provano ansia, tendono a ritirarsi nei loro spazi personali e si sentono incapaci di comunicare o di unirsi agli altri. U. Eco “ Nulla infonde più coraggio al pauroso che la paura altrui”. La differenza tra ‘ansia’ e ‘paura’ sta quindi nella capacità dell'individuo o del gruppo di valutare il rischio o di identificare un (potenziale) nemico. Allora la paura può, allo stesso modo, essere trasformata in ansia. Esistono diversi motivi storici per cui certi gruppi vogliono trasformare la paura in ansia e viceversa. Il terrorismo infatti ha come prerogativa il fatto di colpire senza essere svelato, non si conosce il nemico come in una guerra, perché lo scontro non avviene a viso aperto. Diversamente gli stati, cercano di individuare i terroristi, per identificarli e riconoscerli come responsabili. Esiste una controversa idea sulla cultura politica americana che promuove e sostiene la paura, come nessun'altra nazione. Io penso che via sia uno stretto legame tra il potere di controllo e la cultura politica della paura. I governi però devono essere prudenti nell'usare questa politica in tale modo. La politica della paura forse è efficace nel medio o breve termine, per rendere più remissive le persone su certe scelte di politica antiterroristica. Nel lungo termine, invece ritengo sia controproducente, perché non fa altro che alimentare ansie e sospetti, offrendo un valido aiuto al fine del terrorismo. In una società democratica è inconcepibile che un individuo debba vivere sotto la costante oppressione della paura. 15
    • Il ruolo dei media nella creazione della paura I profeti della rivoluzione digitale hanno sostenuto che la rivoluzione nella tecnologia delle comunicazioni e il bombardamento delle informazioni portano ad una trasformazione radicale del nostro mondo sensorio (McLuhan). Oggi l'allarmismo o sensazionalistico è la norma, attraverso la quale i media ci comunicano gli eventi. Ciò che è interessante è vedere quale storia fa leva sull’interruttore della paura. I governi sempre più spesso utilizzano il sistema dei media, per diffondere questo sentimento di inquietudine. Platone considerava la vita come un palcoscenico teatrale, in cui gli uomini recitavano la loro parte davanti agli occhi di Dio; un processo attraverso la quale il mondo diventa spettacolo e le notizie una sorta di trama da “colorire”. Nel settore specifico degli studi di intelligence, ad esempio, il concetto di paura è contiguo a quello di minaccia, che spesso diventa in queste analisi l’elemento più importante, perché senza minacce non ci sarebbe bisogno dei servizi di intelligence. È stato sostenuto che l’intelligence in alcuni casi alimenti lo stato di paura, perché una popolazione spaventata è maggiormente controllabile. A tal fine sempre più spesso, l’informazione diviene una risorsa strategica, i media si trasformano da strumento di informazione in strumento di controllo. La verità soggettiva diviene così verità oggettiva, noi diamo quasi per scontato che le notizie, i dati e le immagini corrispondano sempre a verità, dimenticandoci con quanta facilità queste possano essere manipolate, per ottenere un controllo della nostra percezione. La nostra paura quindi diviene risorsa per altri. Il nostro sistema nervoso è bombardato da una massa enorme di informazioni, che a costi sempre più bassi e a velocità sempre più alta, vengono scaraventate sulle menti individuali. Il risultato è un rischio altissimo di eccedenza e di incoerenza; quei rumori e quelle ridondanze che già erano state tematizzate dalla teoria dell’informazione ora diventano cause di un surriscaldamento cognitivo, che secondo molti studiosi ha conseguenze organiche: innalzamento dei livelli individuali di dopamina, aumento dell’attività elettrochimica del cervello, aumento degli stati di ansia. Alcuni fenomeni sono tipici dell’industria culturale e della società di massa, come il cosiddetto “effetto Madonna” (cioè la preminenza dell’eccesso, che permette di farsi ascoltare meglio) oppure “l’effetto blasé” (formulato da Simmel per indicare quella reazione psicologica che induce gli individui bombardati dagli stimoli ad una 16
    • sostanziale indifferenza emotiva). Il rischio è quindi quello di non cogliere in maniera efficace il messaggio informativo, perché in alcuni casi risulta esagerato rispetto al reale, spesso questa alterazione ci porta ad una sorta di assuefazione a certi tipi di notizie, o peggio ancora a veri e propri stati terrore. Uno dei più famosi esempi di panico collettivo scatenato dai media in tempi recenti fu l’adattamento radiofonico proposto da Orson Welles del romanzo di fantascienza “La guerra dei mondi” di Herbert George Wells, all'interno della trasmissione Mercury Theatre on the Air. Tale trasmissione è rimasta celebre per aver scatenato il panico negli Stati Uniti: molti ascoltatori non si accorsero, infatti, che si trattava di una finzione, e credettero che la terra stesse realmente subendo lo sbarco di una flotta di bellicose astronavi marziane. Welles non aveva previsto quelle che sarebbero state le reazioni del suo pubblico; non aveva nessuna intenzione di fare uno scherzo, come talvolta si crede, tanto è vero che sia all'inizio della trasmissione che alla sua conclusione venne chiaramente detto che avevano trasmesso l'adattamento radiofonico del romanzo di Wells. In definitiva si può affermare che alcuni gruppi all'interno della società sfruttarono il panico per rafforzare il proprio status di superiorità; il sistema delle telecomunicazioni può essere quindi il mezzo privilegiato per esercitare e consolidare questo potere. 17
    • Il nuovo mostro Bauman associa la modernità caratterizzata dall’instabilità complessiva alla dinamicità dei flussi ad un concetto che indica un particolare stato della materia: la liquidità. La modernità, quindi, come continuo mutamento di forma che non riesce a fissare ne spazio ne tempo. Interruzione, incoerenza, e sorpresa sono le normali condizioni della vita, ma questa “seconda modernità” pare essere una società della modernità fluida. La fluidità è la caratteristica dei liquidi e dei gas, ma anche la società e la vita può, al giorno d’oggi essere definita “liquida”, se le situazioni in cui agiscono gli uomini si modificano prima che i loro modi di agire riescano a consolidarsi in abitudini e procedure. La vita liquida, come la società liquido - moderna non è in grado di conservare la propria forma o di tenersi in rotta a lungo. In una società liquido - moderna gli individui corrono alla ricerca di risultati sempre nuovi, perché questi non potranno mai concretizzarli in beni duraturi. Incauto, diventa fare affidamento sulle tattiche e le strategie utilizzate con successo in passato, perché le circostanze cambiano in fretta e in modo imprevisto. La “vita liquida” è in sostanza una vita precaria, vissuta in condizioni di continua incertezza. Le preoccupazioni più acute e ostinate che l’affliggono nascono dal timore di essere colti alla sprovvista, di non riuscire a tenere il passo di avvenimenti che si muovono velocemente, di rimanere indietro, di non accorgersi delle date di scadenza, di appesantirsi con il possesso di qualcosa che non è più desiderabile, di perdere il momento in cui occorre voltare pagina prima di superare il punto di non ritorno. In tutta quest’incertezza è normale che l’individuo si senta sempre un po’ “sotto assedio”, dove il terreno su cui pensiamo si fondino le nostre prospettive di vita è malfermo. E’ come se, le grandi speranze del progresso abbiano lasciato il posto a notti insonni, popolate dall’incubo di restare indietro, di perdere il treno o di “essere catapultati fuori dal finestrino di un veicolo che accelera sempre di più”. Nel 1977 uno dei più acuti analisti dei nostri tempi, Pierre Bourdieu, scrisse un saggio intitolato Le précarité est aujourd’hui partout. Un titolo sicuramente premonitore dell’insicurezza, dell’incertezza, e della vulnerabilità come caratteristiche più diffuse e dolorosamente percepite dalla condizione contemporanea. “Ora” diventa la nuova parola chiave dell’oggi, dove i nuovi “figli della libertà”, imitando i cosmopoliti più felici di tutto il mondo, viaggiano senza bagagli, facendosi 18
    • paladini di quella che Ulrich Beck definisce la nuova morale del vagabondo di “colui che sceglie le proprie destinazioni lungo il cammino. Ciò che lo spinge ad andarsene è la delusione per il luogo della sua ultima sosta come pure l’irriducibile speranza che il prossimo, non ancora visitato, o forse quello ancora successivo, siano privi dei difetti che lo hanno fatto disamorare dei precedenti”. In ogni tempo storico sono sempre esistiti i “figli della libertà”, ma oggi, appaiono diversi in un elemento di grande importanza con cui possono gettare nel panico gli adulti: il divertimento, basato sulla morale del carpe diem, sia esso sotto forma di sport, di musica, di consumo, o di semplice gioia di vivere. Ma poiché la politica, almeno per come essa viene praticata e rappresentata non ha nulla a che fare con tutto questo, e viene anzi percepita come nemica mortale del divertimento, i giovani appaiono apolitici, e tali amano considerarsi. In un futuro divenuto multidimensionale, dove il mondo non è più avverso in un conflitto tra due parti o due blocchi contrapposti, ma semmai diviso tra più spaccature diverse, gli enigmi senza risposte si moltiplicano sempre più, facendosi portatori di questioni abbandonate a se stesse e quindi irrisolte. Eppure, anche praticando una morale innovativa e accattivante, unita al desiderio di auto realizzarsi, nell’insieme questi nuovi giovani, muoiono dalla paura di spiccare un volo qualsiasi, lontano da quel mondo che conoscono a malapena. Ma i “figli della libertà” hanno soprattutto angoscia, consci che quel breve sogno di benessere stabile si sta ormai erodendo, e nonostante siano liberi è proprio la libertà a spaventarli, perché come dice Marshall, in un suo famoso studio dal titolo Citizenship and Social Classe, la libertà non presuppone affatto sicurezza. Analogamente Felipe Gonzales afferma che la liberta “non è un’esigenza primaria dell’uomo che la ricerca soltanto quando altri bisogni primari non sono stati soddisfatti”, sostiene che il sentimento prioritario dell’uomo, che si avvicina così all’istinto degli animali, è la ricerca della sicurezza. Quando la sicurezza viene meno, il senso della libertà si fa debole e traballante. Sentirsi svincolati e affrancati da tutto, genera nell’uomo solo sofferenza e apatia, trascinandolo nel gorgo della solitudine e della depressione, che lo spingono a rifiutare, o meglio a non sapere di che farsene dell’immane libertà conquistata. L’episodio n°77 di Dylan Dog “L’ultimo uomo sulla terra”, può essere utilizzato come esempio mediale di tale fobia. In questo numero, il protagonista si risveglia in una Londra deserta, ma inizialmente non si accorge del dramma. La totale assenza del traffico cittadino gli permette di spostarsi in piena libertà, non vi sono più lunghe code al semaforo, ne caos metropolitano. Questa situazione viene vissuta inizialmente da Dylan Dog come piena libertà d’agire, solo 19
    • successivamente si accorgerà di essere rimasto, forse, l’unico essere umano al mondo. Da questo punto subentra il sentimento di angoscia, la totale libertà non ha più senso ed egli deve imparare a sopravvivere in una nuova dimensione di società, quella fondata da un solo individuo, dove ogni scelta, ogni azione avrà sempre un solo attore. In questa seconda modernità definita come l’epoca “dell’ansia da prestazione” che costringe l’uomo a capire tutto e a osare continuamente. Mutano sempre più rapidamente le fondamenta stabili della vita, del lavoro, dell’economia, e a livello emotivo: gli affetti, la famiglia, il vicinato; è come se l’individuo si perda, smarrendo razionalmente il senso di tutte le cose, fino a sentirsi soffocare, fino ad avere il terrore della libertà. Come disse Bauman “più libertà abbiamo e più essa ci appare pesante e minacciosa”. Non credo che la paura dell’uomo contemporaneo sia il bisogno di appartenere a una comunità, ma quello di liberarsi dall’obbligo di dover fare continuamente delle scelte e di prendere delle decisioni. 20
    • Conclusioni In questo saggio sono partito dall’analisi del fumetto di Dylan Dog, che tratta le paure umane, celate sotto le sembianze di mostri immaginari. L’elemento comune tra il fumetto e la realtà è l’esistenza della paura che da sempre accompagna il genere umano in ogni sua forma. La paura nasce dall’ignoranza, passa a quella che viene suscitata da un’eccessiva informazione, fino ad arrivare a quella paura suscitata da un eccessiva libertà. In un’epoca di grandi scoperte come la nostra, dominata dalla ragione, dove tutto è spiegabile scientificamente è venuto meno quel senso del fantastico. L’unica paura che conosciamo non viene più dai racconti, ma dalle notizie provenienti dai media. Per questo motivo, vi è una grande richiesta di orrore da parte del pubblico nei confronti dell’industria culturale. Penso che sia un espediente atto ad esorcizzare quelle che sono le nostre vere paure, in questo modo ci rifugiamo nella fantasia, per non pensare invece alla realtà. Il grande successo di Dylan Dog, è spiegabile secondo alcuni osservatori perché l'esperienza dell'orrore costituisce per gli adolescenti un rito di passaggio; è l'equivalente funzionale di quelle cerimonie iniziatiche per la transizione dall'adolescenza all'età adulta. L'esperienza dell'orrore sarebbe diventata per i teen- agers ciò che le favole sono per i bambini: una narrazione traumatica con alla fine una morale; un'esperienza sconvolgente che si intraprende sapendo benissimo che sarà abbandonata per poi rientrare nella normalità e nella moralità. L'esperienza dell'orrore sarebbe come la guida ad alta velocità, un avvicinamento verso la morte per poter apprezzare poi meglio la vita. Quello che ho considerato durante questo percorso è che la paura non va intesa esclusivamente come sensazione negativa, anzi, per certi aspetti è un elemento che ci induce ad essere più cauti, fino a quando essa non prende il dominio di noi stessi. Alcune scelte, macro o micro che siano effettuate in assenza di timore, rischiano poi di essere azzardate e le conseguenze potranno poi essere pagate a caro prezzo. Oggi, contrariamente al passato, ammettiamo di provare paura, questo è dovuto al fatto che un tabù è caduto e che noi sappiamo, meglio dei nostri avi, come la paura, in quanto presa di coscienza di un pericolo, sia una reazione normale e naturale. L’uomo, che è in grado di prevedere razionalmente la morte meglio degli animali, ha inevitabilmente la paura come compagna, più o meno vicina, per tutta la durata della vita. Per questo la paura, come reazione di allarme davanti a un pericolo, è sana e necessaria. Per tantissimi autori, da Seneca a Roosevelt, da Hobbes a Freud, tra le tante 21
    • passioni umane la paura riveste un’importanza primaria; secondo un’opinione assai diffusa, la nostra attività pensante potrebbe essere interpretata in primo luogo come un’organizzazione difensiva contro l’imprevedibile. Se consideriamo che la vita di ognuno è attraversata da una larga serie di eventi imprevisti e spiacevoli, e che la sopravvivenza è connessa alla capacità di non farsi soffocare da questi eventi allora la paura può essere considerata come uno strumento darwiniano della selezione naturale: tanto vale accettarla, servirsene per moltiplicare le nostre capacità di sopravvivenza e di calcolo del rischio. L‘umanità sarebbe stata incapace di progredire senza questa lucidità accompagnata dal timore. Tuttavia, questa seconda affermazione non è in contraddizione con la precedente, individui e società devono costantemente dominare e superare le paure ogni volta diverse che rischiano di inibirli. La paura, insomma, è stata e sarà sempre una presenza costante. Ma le paure si modificano, aumentano o diminuiscono a seconda dei periodi. Oggi per esempio, non abbiamo più paura dei lupi, delle comete, delle eclissi. La peste e il colera sono scomparsi in Occidente, dove non si muore più di tubercolosi. Abbiamo dunque fatto arretrare molti pericoli, o li abbiamo addirittura eliminati. Tuttavia eccone altri davanti a noi: l'insicurezza delle città, l'inquinamento, il nucleare, l’incertezza radicata nell’individuo moderno. Anche la stessa paura della morte è cambiata, fino al 20° secolo l’uomo ha temuto di morire per questioni legate all’eventualità di una vita nell'aldilà. Oggi invece il maggior timore è verso l’obbligo di rimanere forzatamente in vita o al fatto che venga negato il diritto di una morte dignitosa. Per concludere si può dire che bisogna saper convivere con le nostre paure, in modo da superarle, altrimenti saremo costantemente soggetti a chi riesce a controllarle al nostro posto. 22
    • Bibliografia A. Abruzzese, D. Borrelli, “L’industria culturale”. Tracce e immagini di un privilegio, Carocci editore, Roma, 200; Attili G., Farabolini P., Messeri P., “Il nemico ha la coda”, Giunti, Firenze, 1997; P. Bonazzi, “Colpa e potere. Sull'uso politico del capro espiatorio”, Feltrinelli, Milano, 1983; J. Bourke, “Paura. Una storia culturale”, Laterza, Roma, 2007; C. Climati, “I giovani e l’esoterismo”, Edizione Paoline, Milano, 2005; R. Dahrendorf , “La libertà che cambia”, Laterza, Bari, 1994; P.Dominici, “La comunicazione nella società iper-complessa”. Istanze per l'agire comunicativo e la condivisione della conoscenza nella Network Society, Aracne, Roma 2005; E. Vitali, “Pericoli e paure. La percezione del rischio tra allarmismo e disinformazione”, Marsilio, Venezia, 1994; Sitografia www.sergiobonellieditore.it 23