Analisi costi e benefici nella progettazione e realizzazione di edifici a bilancio energetico nullo

  • 1,588 views
Uploaded on

Innovation School ENERBUILD 2011 …

Innovation School ENERBUILD 2011
Verso edifici produttivi e a basso consumo energetico
Aspetti economici e organizzativi dell’innovazione in edilizia
24.10.2011

More in: Technology
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
1,588
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
2

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Aspetti economici e organizzatividell‘innovazione in ediliziaAnalisi costi e benefici nella progettazione e realizzazione di edifici abilancio energetico nulloCarlo Battisti Area Tecnologie Alpine,Cluster Edilizia – 24 ottobre 2011
  • 2. The project is focused on p jstrengthening SMEs in the buildingsector because of their greatimportance as employers in alpinevalleys.valleysNew developments and changesconcerning building techniques of g g qESAP (energy saving andproducing) buildings require cross-sectoral networks andcollaborations of SMEs SMEs.Because of the increasingcomplexity in this field there is theneed for customers, especiallypublic builders, to have a betterbasis for decision-making.Innovation (WP8)
  • 3. innovation management Cultura dell’ Idea dell’ Ricerca di Ricerca di Ricerca di Management Business tecnologie partner finanziamenti di progetto development innovazione imprenditore Business plan, Sensibilizza- start-up / zione, trend impresa tecnologici, Ideazione, tecnologica, eventi pianificazione, supporto pp i f ti i informativi, Studio di Tecnologici e esecuzione, legale/fiscale/ analisi dei fattibilità, accademici, Provinciali, controllo, commerciale, bisogni del trasferimento clustering, nazionali, chiusura e brevetti, territorio tecnologico networking internazionali valutazione marketing24 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 3
  • 4. Cluster Edilizia | Bau sostenibilità processi oltre l’efficienza energetica la spina dorsale delle imprese integrazione di sistemi standardizzazionecome l’innovazione entra nel sistema edificio l innovazione qualità , sicurezza, internazionalizzazione sicurezza 4
  • 5. sommario Green buildings e NZEB Confronto Casanova Firmian Casanova-Firmian Impatto degli edifici sull’ambiente Green housing Costi associati ai green buildings Edifici passivi: ex-Post Tipologie di risparmi energetici Edifici NZEB: Naturalia-Bau Naturalia Bau Costi e benefici del retrofitting Edifici NZEB: scuola a Lajon L’impatto economico delle scelte Edifici NZEB: Casa Zero-Energy Costi delle certificazioni Oltre i NZEB Prestazioni energetiche e valore Il ruolo dell’impresa immobiliare24 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 5
  • 6. green buildings e NZEBDefinizione di “green building” green buildingGreen building is the practice of creating structures and using processes that areenvironmentally responsible and resource efficient throughout a buildings life cycle resource-efficient building s life-cyclefrom siting to design, construction, operation, maintenance, renovation anddeconstruction.ThisThi practice expands and complements th classical b ildi ti d d l t the l i l building d i design concerns of feconomy, utility, durability, and comfort.Green building is also known as a sustainable or high performance building.EPA (U.S. Environmental Protection Agency)24 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 6
  • 7. green buildings e NZEBFBI Regional Headquarters – Chicago, IL (LEED Platinum 2008)
  • 8. green buildings e NZEBNet Zero Site EnergyA site ZEB produces at least as much energy as it uses in a year, when accountedfor at the site.Net Zero Source EnergyA source ZEB produces at least as much energy as it uses in year, when accountedfor at the source. Source energy refers to the primary energy used to generate anddeliver th energy t th site.d li the to the itNet Zero Energy CostsIn a cost ZEB, the amount of money the utility pays the building owner for theenergy the building exports to the grid is at least equal to the amount the ownerp ypays the utility for the energy services and energy used over the year. y gy gy yNet Zero Energy EmissionsA net-zero emissions building produces at least as much emissions-free renewable net zero emissions freeenergy as it uses from emissions-producing energy sources.Roberto Lollini (EURAC) – Verso edifici a bilancio energetico nullo | Workshop, TIS Innovation Park, 21.05.201024 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 8
  • 9. direttiva 2010/31/UEGli obiettivi 2020rispettare sia l’impegno a lungo termine di mantenerel’aumento della temperatura globale al di sotto di 2 °C, sial impegnol’impegno di ridurre entro il 2020 le emissioni globali digas a effetto serra di almeno il 20 % al di sotto deilivelli del 1990;aumentare l’efficienza energetica nell’Unione perconseguire l’obiettivo di ridurre del 20 % il consumoenergetico dell’Unione entro il 2020;ppromozione dell’efficienza energetica nel q g quadrodell’obiettivo vincolante di fare in modo che l’energia dafonti rinnovabili copra il 20 % del consumoenergetico totale dell Unione entro il 2020 dell’Unione 2020.Direttiva 2010/31/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 19.05.2010 sulla prestazione energetica nell’edilizia24 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 9
  • 10. direttiva 2010/31/UE Cost-optimal Cost optimal balance È di esclusiva competenza degli Stati membri fissare requisiti minimi di prestazione energetica d li edifici e d li elementi edilizi. T li requisiti d ti degli difi i degli l ti dili i Tali i iti dovrebbero essere bb fissati in modo da conseguire un equilibrio ottimale in funzione dei costi tra gli investimenti necessari e i risparmi energetici realizzati nel ciclo di vita di un edificio «livello ottimale in funzione dei costi»: livello di prestazione energetica che comporta il costo più basso durante il ciclo di vita economico stimato, dove: p p , il costo più basso è determinato tenendo conto dei costi di investimento legati all energia, all’energia dei costi di manutenzione e di funzionamento (compresi i costi e i risparmi energetici, la tipologia edilizia interessata e gli utili derivanti dalla produzione di energia), se del caso, e degli eventuali costi di smaltimento;Direttiva 2010/31/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 19.05.2010 sulla prestazione energetica nell’edilizia24 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 10
  • 11. direttiva 2010/31/UE Allegato III Quadro metodologico comparativo ai fini dell’individuazione dei livelli ottimali in funzione dei costi dei requisiti di prestazione energetica per edifici ed elementi edilizi [ ] […] consente agli Stati membri di determinare la prestazione energetica di g p g edifici ed elementi edilizi e gli aspetti economici delle misure legate alla prestazione energetica, e di collegarli al fine di individuare il livello ottimale in funzione dei costi. […] [ ] è corredato di orientamenti per la sua applicazione nel calcolo dei livelli di rendimento ottimali in funzione dei costi. […] consente di prendere in considerazione modelli di consumo, condizioni climatiche esterne costi di investimento tipologia edilizia costi di manutenzione e esterne, investimento, edilizia, di funzionamento (compresi i costi e il risparmio energetici), eventuali utili derivanti dalla produzione di energia e eventuali costi di smaltimento. Esso dovrebbe basarsi sulle pertinenti norme europee che fanno riferimento alla presente direttiva.Direttiva 2010/31/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 19.05.2010 sulla prestazione energetica nell’edilizia24 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 11
  • 12. cost optimality Methodology to calculate cost-optimal levels The comparative methodology framework shall require Member States to: - define reference buildings that are characterized by and representative for their functionality and climate conditions. Th reference b ildi th i f ti lit d li t diti The f buildings shall cover h ll residential and non-residential buildings, both new and existing ones; - define energy efficiency measures that are assessed for the reference buildings. These may be measures for buildings as a whole, for building elements, or for a combination of building elements; -assess the final and primary energy need of the reference buildings and the p y gy g reference buildings with the defined energy efficiency measures applied. Related calculations should be based on relevant European standards; - calculate the costs (i e the net present value) of the energy efficiency (i.e. measures during the expected economic life cycle applied to the reference buildings, taking into account investment costs, maintenance and operating costs, earnings from energy produced and disposal costs costs.Cost optimal building performance requirements – ECEEE European Council for an Energy Efficiency Economy, 201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 12
  • 13. cost optimalityCost optimal building performance requirements – ECEEE European Council for an Energy Efficiency Economy, 201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 13
  • 14. direttiva 2010/31/UE Nearly Zero Energy Building «edificio a energia quasi zero»: edificio ad altissima prestazione energetica, determinata conformemente all’allegato I. Il fabbisogno energetico molto basso o quasi nullo dovrebbe essere coperto in misura molto significativa da energia da fonti rinnovabili, compresa l’energia da fonti rinnovabili prodotta in loco o nelle vicinanze;; Allegato I La prestazione energetica di un edificio è determinata sulla base della quantità di energia, reale o calcolata, consumata annualmente per soddisfare le varie esigenze legate ad un uso normale dell’edificio e corrisponde al fabbisogno energetico per il riscaldamento e il rinfrescamento (energia necessaria per evitare un surriscaldamento) che consente di mantenere la temperatura desiderata dell’edificio e coprire il fabbisogno di acqua calda nel settore domestico.Direttiva 2010/31/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 19.05.2010 sulla prestazione energetica nell’edilizia24 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 14
  • 15. cost optimalityThe minimum performancerequirements for sustainable buildingsshould be set within the part of thecurve that delivers the best energyand environmental performance atthe lowest cost, which could bebetter than current requirements atless or at the same overall cost.Societal i itiS i t l priorities may also l d t l lead tosetting minimum requirements that arestricter than the private cost-optimal,as for example to the left of the ”Bestpractice” field.Cost optimal building performance requirements – ECEEE European Council for an Energy Efficiency Economy, 201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 15
  • 16. NZEB e carbon neutralWhat is a Net Zero Energy Building (NZEB)?A NZEB is a building that, on an annual basis, produces as much energy as it uses.This means that at certain times of the year it may produce more energy than itneeds, while at other ti d hil t th times it produces l d less. Th b l The balance i t d d b k and f th is traded back d forthbetween the building and utility company in the form of electricity. Its also possible togo beyond net zero and design buildings that produce more energy than they useeach year.What is Carbon Neutral and How Does it Relate to NZEBs?A building that is Carbon Neutral uses no fossil fuels in its operation, creates no directgreenhouse gases and as a result does not contribute to global warming The gases, and, result, warming.energy it uses may be produced on site or may be drawn from a utility grid but it mustbe "clean," produced by wind turbines, photovoltaics, or other renewable energysystem. Thus,system Thus a building that is both Carbon Neutral and Net Zero Energy producesat least as much renewable energy as it uses each year.BetterBricks – un’iniziativa della NEEA Northwest Energy Efficiency Alliance, Portland , OR24 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 16
  • 17. tipologie di costi associati ai green buildingsCostiC ti di certificazione tifi iCosti di processoCosti di costruzione24 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 19
  • 18. costi di certificazione per quanto riguarda LEED® ad esempio sono i costi per t i d d i ti Registrazione del progetto g p g Design review Construction review Costi t C ti extra per appelli ( lli (eventuali) t li) Costi per “CIR Credit Interpretation Rulings” (eventuali)Francesco Bedeschi - Costi, benefici e strategie del costruire verde, Convegno Rovereto 22.03.201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 20
  • 19. costi di processo sono più onerosi e difficilmente quantificabili; esempio per LEED Consulenza LEED per la certificazione (eventuale) “Commissioning” dei sistemi HVAC (obbligatorio) “Energy modeling (eventuale) Energy modeling”24 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 21
  • 20. costi di processo costi del “commissioning” studio (2009)del Lawrence Berkeley National Laboratory LBNL su 643 edifici (561 esistenti, 82 nuovi) 19 tipi di edifici in 26 stati 37 società di commissioning24 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 22
  • 21. costi di costruzione si tratta dell’incremento dei costi legati all’implementazione di strategie e soluzioni finalizzate all’ottenimento di un edificio ad alte prestazioni; dipendono d di d da: quando il sistema viene integrato nel processo progettuale il livello di certificazione la competenza degli operatori coinvolti (progettisti, imprese) Village Sade Satra nalli, Hadapsar Pune, Maharashtra India24 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau
  • 22. costi dei green buildingsUS Davis Brewery, Winer and Food– Davis, California (LEED Platinum 2010)
  • 23. costi dei green buildingsAnalisi (2007) della società di 221 edifici (università (università,laboratori e biblioteche) . Confronto tra edifici progettati per essere certificatiLEED (83) ed edifici analoghi per i quali la certificazione non è stata ( ) g p qconsiderata durante la progettazione (138).Risultati:Molti progetti hanno raggiunto la certificazione rispettando il budget e nello p g gg p gstesso range di costi di edifici non certificati.I costi di costruzione ultimamente sono saliti moltissimo, ma i progetticonseguono comunque la certificazione certificazione.Persiste l’idea che il “green” sia una caratteristica “extra”.Davis Langdon ConsultingCost of green revisited: reexamining the feasibility and cost impact of sustainable design in the light of increased market adoption , 200724 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 25
  • 24. costi dei green buildings 1.572 €/m2 3.145 €/m2 Fattore di conversione 1 sf = 0,09290341 m2 1 € = 1,3691 $ (31.07.2007) 1 €/m2 = 7,86 * 1 $/sf Davis Langdon Consulting Cost of green revisited, 200724 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 26
  • 25. costi dei green buildings 1.572 €/m2 3.145 €/m2 Fattore di conversione 1 sf = 0,09290341 m2 1 € = 1,3691 $ (31.07.2007) 1 €/m2 = 7,86 * 1 $/sf Davis Langdon Consulting Cost of green revisited, 200724 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 27
  • 26. costi dei green buildings 1.572 €/m2 2.359 €/m2 Fattore di conversione 1 sf = 0,09290341 m2 1 € = 1,3691 $ (31.07.2007) 1 €/m2 = 7,86 * 1 $/sf Davis Langdon Consulting Cost of green revisited, 200724 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 28
  • 27. costi dei green buildings Progetti LEED in Italia (analisi su 35 progetti)Thomas Miorin - Costi, benefici e strategie del costruire verde, Convegno Rovereto 22.03.201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 29
  • 28. BuildingGreen, LLCThe cost of LEED, 2010 costi dei green buildings Analisi (2010) della società sui costi extra correlati alle soluzioni architettoniche, impiantistiche e ai materiali necessari per soddisfare i ddi f ciascuno dei crediti della certificazione LEED 2009 NC. 30
  • 29. BuildingGreen, LLCThe cost of LEED, 2010 costi dei green buildings 31
  • 30. BuildingGreen, LLCThe cost of LEED, 2010 costi dei green buildings 32
  • 31. costi dei green buildingsIl patrimonio edilizio italiano13 milioni di edifici23 milioni di appartamentiPiù d l 50% costruiti 1946÷1981 senza del t itil’impiego di materiali termoisolantiQuanto costa un anno di riscaldamento?Casa t di iC tradizionale l 18÷25 €/ 2 €/mCasa dopo 1991 12÷15 €/m2CasaClima B 5 €/m2CasaClima A 3 €/m2CasaClima Oro 1 €/m224 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 33
  • 32. costi dei green buildingsi 3 vantaggi che convinconoCosti energetici ridotti e meno dipendenti dall’andamento dei p g p prezzi di p petrolio, g , gased elettricità.Un minor consumo energetico consente di spuntare prezzi migliori al momento dellavendita o locazione locazione.Una casa moderna ed energeticamente efficiente con un elevato comfort abitativo.7 buoni motivi per risanare energeticamentegli edificiMinori spese di riscaldamentoComfort abitativoAbitazioni saneProtezione dell’ambiente e del climaAumento del capitaleSostegno all’economia regionale all economiaVantaggi per l’economia nazionale24 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 34
  • 33. tipologie di risparmi energeticiMoffett Towers – Sunnyvale, California (LEED Gold 2009) 24 Ottobre 2011 © riproduzione vietata TIS Cluster Edilizia | Bau
  • 34. tipologie di risparmi energeticiAnalisi (2009) di Greg Kats su 170 edifici, nel periodo 2007-2009, con laraccolta di dati su: costi per la trasformazione “green” degli edifici, minoriconsumi di energia e acqua, miglioramenti della salute e produttività, e altribenefici.beneficiEdifici di varie tipologie: scuole, uffici, ospedali,complessi residenziali teatri luoghi di culto residenziali, teatri, culto,college e università, laboratori.Edifici costruiti dopo il 2000, principalmente nelperiodo 2005-2007.Il focus è sui costi finanziari ed i benefici deigreen buildings rispetto ad edifici convenzionali.Greg Kats - Greening our built world. Costs, benefits, and strategies, 200924 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 36
  • 35. tipologie di risparmi energeticiGreg Kats - Greening our built world. Costs, benefits, and strategies, 200924 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 37
  • 36. tipologie di risparmi energeticiGreg Kats - Greening our built world. Costs, benefits, and strategies, 200924 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 38
  • 37. tipologie di risparmi energeticiQuanta energia utilizzano i green buildings rispetto a edifici convenzionali?Qual è il valore del risparmio energetico?Ci sono tre tipi di risparmi energetici:Risparmi energetici diretti, dovuti al fatto che l’edificio consuma menoenergia.Risparmi energetici indiretti legati al fatto che la riduzione nei picchi di indiretti,consumo sulla rete spinge verso il basso il prezzo di mercato per l’energia.Risparmi energetici incorporati (“embodied”), ovvero risparmi risultantidalla riduzione dell’energia consumata nella produzione di materiali e nellacostruzione.costruzioneGreg Kats - Greening our built world. Costs, benefits, and strategies, 200924 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 39
  • 38. tipologie di risparmi energeticiGreg Kats - Greening our built world. Costs, benefits, and strategies, 200924 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 40
  • 39. tipologie di risparmi energeticiGreg Kats - Greening our built world. Costs, benefits, and strategies, 200924 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 41
  • 40. risparmi energetici avanzatiGreg Kats - Greening our built world. Costs, benefits, and strategies, 200924 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 42
  • 41. efficienza energetica degli edifici esistentiThe Christmas Building – Lansing, Michigan (LEED Platinum 2010)
  • 42. costi e benefici del retrofitting24 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau
  • 43. costi e benefici di una corretta gestione dell‘edificio Edificio costruito anni ‘70 e completamente ristrutturato 2004 2008 2004-2008 Misure di efficientamento a basso costo Risultati Riduzione consumi energetici 25.000- 30.000 / anno Payback immediato altri benefici Shuttle bus gratuito finanziato facendo pagare i posti auto interni Riduzione uso acqua potabile per l’irrigazione integrando il sistema di recupero acqua piovana con la condensa delle UTA24 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 45
  • 44. costi e benefici di una corretta gestione dell‘edificio Ristrutturazione completa 2008 Successivamente, adozione protocollo LEED EB O&M EB:O&M Misure di efficientamento non strutturali ma buone pratiche di gestione Risultati (sui primi 8 mesi successivi) ( p ) Riduzione dei consumi energetici 25% Risparmio 40.000 €/anno Payback: immediato altri benefici Differenziazione rifiuti 91% Riduzione acqua potabile 30% Acquisto beni consumo 23% riciclato Acquisto energia 100% d rinnovabili A i i da i bili24 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 46
  • 45. l‘impatto economico delle scelte Torre UGF Unipol Bologna24 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau
  • 46. l‘impatto economico delle scelteImpianto di illuminazioneInput del committente:massima flessibilitànell’impiego di spazi per ll’i i iuffici.Input normativo:500 lux sui posti di lavoro.Progetto iniziale:impianto con corpi illuminanti p pa soffitto dimensionato pergarantire 500 lux su tuttal’area uffici.l’ ffi iFrancesco Cattaneo - Costi, benefici e strategie del costruire verde, Convegno Rovereto 22.03.201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 48
  • 47. Planet, people, prosperity.Our commitment to sustainable construction.Isover, 200924 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau
  • 48. costi delle certificazioniUSGBC Headquarters – Washington, DC (LEED Platinum 2009)
  • 49. costi delle certificazioni24 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 51
  • 50. costi delle certificazioniAndrea Moro - Enerbuild 6.1 Transnational comparison of instruments according to ecological evaluation of public buildings, 201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 52
  • 51. costi delle certificazioniAndrea Moro - Enerbuild 6.1 Transnational comparison of instruments according to ecological evaluation of public buildings, 201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 53
  • 52. costi delle certificazioni Applicazione del Protocollo Itaca-Marche Delibera Giunta Regionale n. 760 del 11.05.09 ALLEGATO B: incentivi e contributi • LIVELLI MINIMI: • SOGLIA MINIMA PER LA CERTIFICAZIONE: punteggio CERTIFICAZIONE t i 1 (itaca) • INCENTIVI COMUNALI PER RIDUZIONE ONERI: Esempio punteggio minimo 1 edificio residenziale quadrifamiliare, • Punteggio 1: sconto 25% due livelli f ori d e li elli fuori terra • Punteggio 2: sconto 50% • Punteggio 3: sconto 75% Intervento in esame: • Punteggio 4: sconto 100% volumetria di progetto: 1000 m2 • INCREMENTI VOLUMETRICI: punteggio minimo 2 oneri per urb secondaria + costo costruz : 14 000 € urb. costruz.: 14.000 • Punteggio 2: incremento 5% incremento costi per ITACA stimato pari a 55.000 € (15%) • Punteggio 3: incremento 10% • Punteggio 4: incremento 15% ( tutti cas so o co se t t sca t t a ce t cato d (in tutt i casi sono consentiti scarti tra il certificato di L’applicazione del protocollo ITACA permette: progetto e il certificato di costruzione inferiori al incremento volumetrico pari a 84 m2 (+ 28 m2); 20% - D.G.R. n. 1141 del 13.07.09) Riduzione contributo pari a 9.380 € incremento di costi pari a 55.000 € • CONTRIBUTI REGIONALI: Recupero costi pari: • 40% del sovraprezzo delle opere per raggiungere la maggior vendita (+ 28 m2 x 1.800 €/m2): 50.400 € certificazione di progetto (da calcolare secondo un capitolato e un prezziario bioedile non ancora emanati); riduzione contributo pari a 9.380 € • 100% dei costi per la redazione del certificato. totale recupero costi 60.000 €Moreno Binci – Infobuild Energia, 22.03.201024 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 54
  • 53. costi delle certificazioniAndrea Moro - Enerbuild 6.1 Transnational comparison of instruments according to ecological evaluation of public buildings, 201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 55
  • 54. costi delle certificazioniAndrea Moro - Enerbuild 6.1 Transnational comparison of instruments according to ecological evaluation of public buildings, 201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 56
  • 55. costi delle certificazioniAndrea Moro - Enerbuild 6.1 Transnational comparison of instruments according to ecological evaluation of public buildings, 201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 57
  • 56. costi delle certificazioni24 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 58
  • 57. costi delle certificazioniAndrea Moro - Enerbuild 6.1 Transnational comparison of instruments according to ecological evaluation of public buildings, 201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 59
  • 58. costi delle certificazioniAndrea Moro - Enerbuild 6.1 Transnational comparison of instruments according to ecological evaluation of public buildings, 201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 60
  • 59. costi delle certificazioniAndrea Moro - Enerbuild 6.1 Transnational comparison of instruments according to ecological evaluation of public buildings, 201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 61
  • 60. costi delle certificazioniAndrea Moro - Enerbuild 6.1 Transnational comparison of instruments according to ecological evaluation of public buildings, 201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 62
  • 61. costi delle certificazioniAndrea Moro - Enerbuild 6.1 Transnational comparison of instruments according to ecological evaluation of public buildings, 201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 63
  • 62. costi delle certificazioniResidenze a Brembate (BG) certificazione Minergie, 2011
  • 63. costi delle certificazioniAndrea Moro - Enerbuild 6.1 Transnational comparison of instruments according to ecological evaluation of public buildings, 201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 65
  • 64. tariffe professionali per la certificazione energetica24 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 66
  • 65. prestazioni energetiche e valore immobiliareOne Bush Street – San Francisco, California (LEED Platinum 2011) Francisco24 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau
  • 66. prestazioni energetiche e valore immobiliareAre green office buildings keeping their promises?Actual performance, real estate value and HEQ® exploitation certification, CSTB-CertiVéA, 201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 68
  • 67. prestazioni energetiche e valore immobiliare Consumo di energia in edifici nuovi o retrofitting in confronto ad edifici tradizionali (2010)Greg Kats - Greening our built world. Costs, benefits, and strategies, 200924 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 69
  • 68. prestazioni energetiche e valore immobiliare 193 €/m2 116 €/m2 39 €/m2Greg Kats - Greening our built world. Costs, benefits, and strategies, 200924 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 70
  • 69. prestazioni energetiche e valore immobiliareGreg Kats - Greening our built world. Costs, benefits, and strategies, 200924 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 71
  • 70. prestazioni energetiche e valore immobiliare 93 €/m2 62 €/m2 31 €/m2Greg Kats - Greening our built world. Costs, benefits, and strategies, 200924 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 72
  • 71. prestazioni energetiche e valore immobiliare 324 €/m2 239 €/m2 3.378 €/m2 2.059 €/m2 239 €/m2 216 €/m2 2.221 €/m2 1.751 €/m2Greg Kats - Greening our built world. Costs, benefits, and strategies, 200924 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 73
  • 72. prestazioni energetiche e valore immobiliare Analisi su 68 case certificate nell’area metropolitana di Seattle: p price p premium = 9,6% rispetto a p case non certificate. Analisi su 92 case certificate nell’area metropolitana di Portland: p price premium = 3÷5 %. Inoltre le case certificate rimangono sul mercato 18 giorni in meno rispetto a quelle certificate.Certified home performance: assessing the market impacts of third party certification on residential properties properties,Earth Advantage Institute, 200924 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 75
  • 73. quartieri Casanova e Firmian, BolzanoMaria Giulia Faiella (TIS Innovation Park) - Enerbuild 5.3 Killer arguments and opportunities, 201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 76
  • 74. Quartiere Casanova, BolzanoMaria Giulia Faiella - Enerbuild 5.3 Killer arguments and opportunities, 201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 77
  • 75. Quartiere Casanova, BolzanoMaria Giulia Faiella - Enerbuild 5.3 Killer arguments and opportunities, 201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 78
  • 76. Quartiere Firmian, BolzanoMaria Giulia Faiella - Enerbuild 5.3 Killer arguments and opportunities, 201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 79
  • 77. Quartiere Firmian, BolzanoMaria Giulia Faiella - Enerbuild 5.3 Killer arguments and opportunities, 201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 80
  • 78. analisi dei costi e payback-periodMaria Giulia Faiella - Enerbuild 5.3 Killer arguments and opportunities, 201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 81
  • 79. analisi dei costi e payback-periodMaria Giulia Faiella - Enerbuild 5.3 Killer arguments and opportunities, 201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 82
  • 80. analisi dei costi e payback-periodMaria Giulia Faiella - Enerbuild 5.3 Killer arguments and opportunities, 201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 83
  • 81. green housingPearlplace – Portland, Maine (LEED Gold 2008)
  • 82. green housing24 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau
  • 83. green housing (214.976 €) (221.078 €) (1.483 €)24 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 86
  • 84. altri beneficiGreg Kats - Greening our built world. Costs, benefits, and strategies, 200924 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 87
  • 85. altri benefici Benefici sulla salute dal miglioramento della qualità dell’aria interna Carnegie Mellon University, 2007Greg Kats - Greening our built world. Costs, benefits, and strategies, 200924 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 88
  • 86. altri benefici Guadagni in produttività dal miglioramento della qualità dell’aria interna Carnegie Mellon University, 2007Greg Kats - Greening our built world. Costs, benefits, and strategies, 200924 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 89
  • 87. altri beneficiHow to manage the true costs of sustainability and realise its value – EC Harris, 200924 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 90
  • 88. edifici passivi: ex-Post, BolzanoMichael Tribus - L’edificio “1 litro”. Il principio della riduzione delle perdite, 23.02.201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 91
  • 89. edifici passivi: ex-Post, BolzanoMichael Tribus - L’edificio “1 litro”. Il principio della riduzione delle perdite, 23.02.201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 92
  • 90. edifici passivi: ex-Post, BolzanoMichael Tribus - L’edificio “1 litro”. Il principio della riduzione delle perdite, 23.02.201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 93
  • 91. edifici passivi: ex-Post, BolzanoMichael Tribus - L’edificio “1 litro”. Il principio della riduzione delle perdite, 23.02.201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 94
  • 92. edifici passivi: ex-Post, BolzanoMichael Tribus - L’edificio “1 litro”. Il principio della riduzione delle perdite, 23.02.201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 95
  • 93. edifici passivi: ex-Post, BolzanoMichael Tribus - L’edificio “1 litro”. Il principio della riduzione delle perdite, 23.02.201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 96
  • 94. edifici NZEB: Naturalia-Bau, Sinigosuperficie netta riscaldata: 735 m2volume netto riscaldato: 2.350 m33 pianiposizione: nord i i dRoland Gabasch – Zero Emission, 201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 97
  • 95. edifici NZEB: Naturalia-Bau, Sinigo Costi di costruzione 2,4 % coibentazione dell’edificio con isolanti naturali 9,7 % serramenti (ca. 35 % delle superficie verticale) ( p ) 4,2 % impianto geotermico 2% macchina per la ventilazione forzata 12,8 12 8 % impianto per il condizionamento (geotermia + impianto di riscaldamento) 7,4 % impianto fotovoltaico 11,8 % progettazione RISCALDAMENTO INVERNALE Potenza termica di riscaldamento: 35 kW Energia termica necessaria per riscaldamento invernale: 19.000 kWh/ a Indice energetico: 28,6 KWh/m a 28 6 KWh/m²a COP medio della pompa di calore geotermica: 3,8 Energia elettrica necessaria per la pompa di calore in riscaldamento: 5.000 kWh el./a RAFFRESCAMENTO ESTIVO Potenza termica di raffreddamento e deumidificazione: 30 kW Energia di raffreddamento necessaria: 13.500 kWh/a COP medio della pompa di calore geotermica in raffrescamento: 4,2 Energia elettrica necessaria per la pompa di calore in raffrescamento 3.200: kWh el./a CONSUMO DI ENERGIA ELETTRICA PER LA CLIMATIZZAZIONE Energia elettrica necessaria per la pompa di calore in riscaldamento: 5.000 kWh el./a Energia elettrica necessaria per la pompa di calore in raffrescamento: 3.200 kWh el./a Energia elettrica stimata per gli ausigliari: 4.500 kWh el./a Somma del consumo di energia elettrica per la climatizzazione: 12.700 kWh el./aRoland Gabasch – Zero Emission, 201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 98
  • 96. edifici NZEB: Naturalia-Bau, Sinigo Rilevazione delle emissioni effettive di CO2 in un anno (con EURAC) Consumo di energia globale riscaldamento, raffrescamento, acqua calda, impianti elettrici ed illuminazione: 19.070 kWh Produzione impianto fotovoltaico: 24.480 kWh Saldo a favore: 5.410 kWh Emissioni evitate di CO2 / anno: ca. 20 tRoland Gabasch – Zero Emission, 201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 99
  • 97. edifici NZEB: Scuola, Lajon24 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau
  • 98. edifici NZEB: Casa Zero-Energy Le VillePlus24 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau
  • 99. oltre i NZEB Modellato a partire dal Living Building Challenge, uno degli standard più rigorosi in materia di bioedilizia, lInternational Living Future Institute (ILFI) ha lanciato negli Stati Uniti il Net Zero Energy Building Certification program. CRESCITA Crescita limitata. Nello specifico, il programma prevede la costruzione degli edifici solamente su aree commerciali degradate, le quali dovranno essere documentate dalle imprese attraverso una foto - scattata dopo il 31 dicembre 2007 - che mostri il sito e le proprietà adiacenti. NET ZERO Il 100% del fabbisogno energetico delledificio dovrà essere fornito on-site da energia rinnovabile. Per dimostrarlo, le imprese dovranno fornire una tabella contenente le informazioni che mensilmente verranno raccolte dai sistemi di monitoraggio. In questo modo sarà possibile verificare sia lenergia consumata che quella prodotta. Inoltre, per un anno le ditte dovranno sottoporre allattenzione dellILFI anche le bollette energetiche all attenzione dell ILFI energetiche. AMBIENTE Ledificio, infatti, non potrà bloccare laccesso di aria, luce e corsi dacqua, ne diminuirne la quantità. A dimostrazione di ciò, le imprese dovranno fornire calcoli o diagrammi in 3D che ne dimostrino la conformità con lombreggiatura massima delle l ombreggiatura proprietà adiacenti. DESIGN Come parte di questo requisito, le imprese dovranno condurre unindagine sugli occupanti delledificio e tenere almeno un un indagine dell edificio appuntamento annuale che educhi il pubblico allutilizzo dei sistemi di risparmio in esso contenuti.Casa&Clima, 13.10.201124 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 102
  • 100. oltre i NZEB24 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 103
  • 101. il ruolo dell‘impresaGreen thinking – Skanska, 200924 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau
  • 102. il ruolo dell‘impresaGreen thinking – Skanska, 200924 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 105
  • 103. il ruolo dell‘impresaGreen thinking – Skanska, 200924 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 106
  • 104. bibliografia Are “green” office buildings keeping their promises? – CSTB/CERTIVEA 2011 green Building Commissioning: a golden opportunity for reducing Energy Costs and Greenhouse gas emissions – LBNL, 2009 CasaClima, il piacere di abitare - Norbert Lantschner, 2008 Certified Home Performance: Assessing the Market Impacts of Third Party Certification on Residential Properties – Earth Advantage Institute 2009 Institute, Cost of green revisited – Davis Langdon, 2007 Cost optimal levels for energy performance requirements – European Commission, 2011 Cost optimal building performance requirements – ECEEE, 2011 Direttiva 2010/31/UE del Parlamento Europeo 19.05.2010 sulla p p prestazione energetica in edilizia g Enerbuild 5.3, Killer arguments and opportunities – Alpine Space, 2011 Enerbuild 6.1, Transnational comparison of instruments according to ecological evaluation of public buildings – Alpine Space, 2011 Green Thinking Book – Skanska, 2009 Greening our built world: costs, benefits and strategies – Greg Kats, Island Press, 2009 GSA LEED cost study, 2004 High performance building operations – Mike Crowley, 2007 How to calculate cost optimal NZEB energy performance – REHVA, 2011 How to manage the true costs of sustainability and realise its value – EC Harris, 2009 Implementation of the EPBD in Italy – MSE. 2010 Implementing the EPBD – European Commission, 2010 International Performance Measurement & Verification Protocol - IPMVP, 2003 L’edificio lit ” M. T ib L’ difi i “1 litro” – M Tribus, 23 02 2011 23.02.2011 Le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico – Agenzia delle Entrate, 2011 Prestazioni energetiche degli edifici: la UNI/TS 11300-3 – Uni TN (P. Baggio), 21.05.2010 Speciale L’edificio sostenibile – AcquistiVerdi, 2011 Study on energy performance of buildings – European Commission, 2009 Commission The cost of LEED – BuildingGreen, 2010 Un caso studio del concetto “Net Zero Energy Building” – EURAC, 2009 Verso edifici a bilancio energetico nullo – EURAC (R. Lollini), 21.05.2010 What 16 LEED projects have taught the Harvard Green 2006 Green,24 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 107
  • 105. TIS innovation park Grazie G i per l‘ tt l‘attenzione! i !TIS innovation parkArea Tecnologie AlpineCluster EdiliziaCarlo BattistiSiemens Str. 19 | Via Siemens 1939100 Bozen Bolzano | Italia ItalienT +39 0471 068152F +39 0471 068100carlo.battisti@tis.bz.itwww.tis.bz.it
  • 106. crediti slide e foto24 Ottobre 2011 © riproduzione vietataTIS Cluster Edilizia | Bau 109
  • 107. We shape our buildings,and afterwards our buildings shape us. - Winston Churchill