Your SlideShare is downloading. ×
0
Protocollo di interazione Touch Journal e MiniRec
Protocollo di interazione Touch Journal e MiniRec
Protocollo di interazione Touch Journal e MiniRec
Protocollo di interazione Touch Journal e MiniRec
Protocollo di interazione Touch Journal e MiniRec
Protocollo di interazione Touch Journal e MiniRec
Protocollo di interazione Touch Journal e MiniRec
Protocollo di interazione Touch Journal e MiniRec
Protocollo di interazione Touch Journal e MiniRec
Protocollo di interazione Touch Journal e MiniRec
Protocollo di interazione Touch Journal e MiniRec
Protocollo di interazione Touch Journal e MiniRec
Protocollo di interazione Touch Journal e MiniRec
Protocollo di interazione Touch Journal e MiniRec
Protocollo di interazione Touch Journal e MiniRec
Protocollo di interazione Touch Journal e MiniRec
Protocollo di interazione Touch Journal e MiniRec
Protocollo di interazione Touch Journal e MiniRec
Protocollo di interazione Touch Journal e MiniRec
Protocollo di interazione Touch Journal e MiniRec
Protocollo di interazione Touch Journal e MiniRec
Protocollo di interazione Touch Journal e MiniRec
Protocollo di interazione Touch Journal e MiniRec
Protocollo di interazione Touch Journal e MiniRec
Protocollo di interazione Touch Journal e MiniRec
Protocollo di interazione Touch Journal e MiniRec
Protocollo di interazione Touch Journal e MiniRec
Protocollo di interazione Touch Journal e MiniRec
Protocollo di interazione Touch Journal e MiniRec
Protocollo di interazione Touch Journal e MiniRec
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Protocollo di interazione Touch Journal e MiniRec

323

Published on

Published in: Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
323
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Università degli Studi di Milano – Bicocca<br />CdLM in Teorie e Tecnologie della Comunicazione<br />Design dell&apos;Interazione Modulo 1<br />Touch Journal e MiniRec<br /><ul><li> Protocollo d’Interazione</li></ul>Laura Bortoletto, Marco Buonvino, Luana Donetti<br />
  • 2. Protocollo d&apos;interazione: <br />Touch Journal<br />Scopo:<br />Il dispositivo fisso Touch Journal funge da supporto nella redazione giornalista, accoppiato con il MiniRec, il dispositivo portatile, e tra le sue funzioni aiuta gli utenti nella gestione degli articoli del giornale e non solo. Inoltre tra le sue caratteristiche rientra la possibilità di localizzare i giornalisti attraverso una mappa, grazie all&apos;uso del GPS situato nel Mini Rec. Permette di visualizzare le schede dei giornalisti (BIO, Work, Mappa, Messaggio Vocale).<br />Con esso è possibile raccogliere materiali in tempo reale ed apportare modifiche direttamente dallo schermo touch. <br />Il dispositivo ha la possibilità di essere regolabile secondo le diverse esigenze dell&apos;utente, perciò può essere orientato, inclinato o spostato secondo le comodità.<br />Perché:<br />Il Touch Journal visualizza e organizza le informazioni dei giornalisti attivi ed operativi, può ricevere informazioni, file e documenti dal MiniRec, impaginando automaticamente il testo e i materiali ottenuti dagli operatori. <br />Si è rivelato uno strumento necessario, in quanto con esso è possibile velocizzare e monitorare il lavoro fatto in redazione e fuori, grazie ai supporti portatili.<br />
  • 3. Fig.1 Dispostivo centrale visto nella modalità di default (Home)<br />Effettuare l&apos;accesso al dispositivo centrale<br />login<br />MANUALE D&apos;ISTRUZIONI<br />
  • 4. Prima di cominciare ad utilizzare il dispositivo centrale, dalla schermata iniziale è necessario effettuare un ingresso (login) che permette di identificare l&apos;utente.<br />Gli utenti sono identificati come:<br />Giornalisti<br /> Caporedattore<br /> Direttore<br />Al termine dell&apos;utilizzo del dispositivo è necessario sloggarsi per permettere ad altri utenti di poter effettuare l&apos;accesso. <br />
  • 5. MANUALE DI ISTRUZIONI<br />- MAPPA<br />- WORK<br />- SEARCH<br />- MESSAGGIO VOCALE<br />- ANTEPRIMA GIORNALE<br />logout<br />In questa modalità – MAPPA - <br />è possibile avere gli spostamenti<br />in tempo reale dei collaboratori/giornalisti che si stanno preparando per la partecipazione all&apos;evento a loro assegnato.<br />Tutto questo è reso possibile dall&apos;istallazione all&apos;interno del loro dispositivo portatile di … che vienequi segnalato con il numero deldispositivo associato e il relativo possessore e la sua posizione all&apos;interno della mappa della città.È possibile usare, qualora ne sianecessario lo strumento “ZOOM” disponibile sia dalla colonna sulla <br />destra e che dalla funzione touch dello schermo stesso. Una volta individuata la posizioneche si stava cercando è possibile cliccare sul nome interessato e passare alla sua scheda personalecontenente tutti i suoi dati, progetti e messaggi.<br />È inoltre possibile effettuare una piccola ricerca di localizzazione attraverso un menu della barra dello zoom sia per località, per nome o per evento grazie al semplice inserimento di una o più parole chiave.<br />
  • 6. - MAPPA<br />-WORK<br />- SEARCH<br />- MESSAGGIO VOCALE<br />- ANTEPRIMA GIORNALE<br />Per sloggarsi<br />Nella modalità WORK, si ha lapossibilità di poter visualizzaregli eventi/articoli assegnati a idiversi collaboratori/giornalistiGrazie a un semplice tocco nell&apos;area della persona desiderata è possibile visualizzare ulteriori informazioni comeillustrato in fig. 2.È possibile ottenere perciòvisualizzare l&apos;evento e i seguentidati:titolo, data, scadenza lavorativa estato del lavoro (in preparazione,in stampa, terminato) <br />logout<br />
  • 7. - MAPPA<br />-WORK<br />- SEARCH<br />- MESSAGGIO VOCALE<br />- ANTEPRIMA GIORNALE<br />logout<br />Figura 2 - Dettaglio selezione collaboratore<br />
  • 8. - MAPPA<br />- WORK<br />- SEARCH<br />- MESSAGGIO VOCALE<br />- ANTEPRIMA GIORNALE<br />logout<br />Con la funzione SEARCH è possibile effettuare unaveloce ricerca con l&apos;uso di parole chiave.<br />Grazie alla modalità touch tutto questo èreso possibile grazie <br />alla possibilità di utilizzare una tastieratouch per poterpermettere la scritturaall&apos;interno dello schermo ai fini della ricerca.<br />Questa modalità permette una ricerca veloce sugli eventi assegnati.<br />
  • 9. - MAPPA<br />- WORK<br />- SEARCH<br />- MESSAGGIO VOCALE<br />- ANTEPRIMA GIORNALE<br />logout<br />Questo permette di aggiungere un nuovo incarico al giornalista (es. nuovo evento)<br />Questa modalità permette al dispositivo centrale di comunicare tramite messaggi vocali ai dispositivi portatili. Quando viene ricevuto un nuovo messaggio il pulsante inizia a lampeggiare assieme al pulsante dell&apos;emittente nel quale compare una busta in alto a sinistra che segnala l&apos;arrivo del messaggio vocale.<br />Per ascoltare il messaggio è sufficiente cliccare sul nome del collaboratore/giornalista che ha inviato il messaggio e sull&apos;icona di ascolto del nuovo messaggio come mostrato nel figura sovrastante. <br />È possibile riascoltare i messaggi, cancellarli e archiviarli.<br />La funzione del messaggio vocale, oltre alla comunicazione, ha la possibilità di ricevere attraverso degli allegati, i materiali inviati dai dispositivi portatili. Questo permette di visionare i materiali ancora nella stato iniziale e di mantenerli nell&apos;archivio fino al loro utilizzo. <br />
  • 10. - MAPPA<br />- WORK<br />- SEARCH<br />- MESSAGGIO VOCALE<br />- ANTEPRIMA GIORNALE<br />logout<br />La modalità dianteprima giornalerende possibile la visualizzazione del giornale in manieracompleta, pagina perpagina. E&apos; possibile fare dellemodifiche in temporeale sugli articoli come figura 3. Queste modifiche sono consentite grazie alla modalità ZOOMche permette di avvicinarsi alla zonache si desidera per effettuare la modificaal testo.<br />
  • 11. - MAPPA<br />- WORK<br />- SEARCH<br />- MESSAGGIO VOCALE<br />- ANTEPRIMA GIORNALE<br />L&apos;opzione MODIFICA permette di manipolare ed aggiungere testo ai contenuti.<br />Questa modalità prevede 3 ranghi di accessibilità da parte degli utenti:<br />Giornalista: gli è consentita la modifica per quanto riguarda gli articoli da esso preparati e il resto viene visto in modalità di sola lettura;<br />Caporedattore: può apportare delle modifiche agli articoli dei giornalisti rientranti nella sua sezione (ad esempio: sezione sportiva, sezione attualità, etc.);<br />Direttore: possiede un&apos;accessibilità illimitata, può accedere a tutte le sezioni, a tutti gli articoli e apportare qualsiasi modifica.<br />NB: le tre modalità sono previste nella schermata iniziale che permette di effettuare l&apos;ingresso attraverso una login, differenziando le diverse modalità per ogni ruolo.<br />
  • 12. - MAPPA<br />- WORK<br />- SEARCH<br />- MESSAGGIO VOCALE<br />- ANTEPRIMA GIORNALE<br /><ul><li> La modalità tastiera permette all'utente di effettuare diverse modifiche al testo e successivamente di salvare l'elaborato. </li></ul>logout<br />Figura 3 - Come si può modificare un articolo direttamente dalla sezione ANTEPRIMA GIORNALE<br />
  • 13. Per quanto riguarda le modalità delle singole sezioni per ogni soggetto sono presenti le seguenti funzioni:<br />- BIO<br />- MAPPA<br />- WORK<br />- MESSAGGIO VOCALE<br />- BIO<br />- MAPPA<br />- WORK<br />- MESSAGGIO VOCALE<br />logout<br />Per entrare in questa sezione è sufficiente cliccare sul tasto desideratoper poter visualizzare la scheda del collaboratore/giornalista alla quale si èinteressati.Le informazioni che sitrovano sono:<br />- dati personali- contatti<br />- CV<br />- foto<br />
  • 14. - BIO<br />- MAPPA<br />- WORK<br />- MESSAGGIO VOCALE<br />logout<br />Sempre all&apos;interno dellemodalità di scelta è possibilenella sezione MAPPA visualizzare la posizione delcollaboratore/giornalistagrazie al suo dispositivo portatile dotato di GPS.<br />
  • 15. - BIO<br />- MAPPA<br />- WORK<br />- MESSAGGIO VOCALE<br />Il tasto WORK permettedi avere la lista dei lavori/eventi correnti, attuali e in archivio.È inoltre possibile faredelle modifiche all&apos;articoloin corso e la possibilità di visionare i lavori precedentinell&apos;archivio.<br />logout<br />
  • 16. - BIO<br />- MAPPA<br />- WORK<br />- MESSAGGIO VOCALE<br />logout<br />Modalità d&apos;uso:<br />per registrare il messaggio vocale è sufficiente premere tasto REC, una volta terminato con il tasto OPZIONI è possibile riascoltare il messaggio, cancellarlo, inviarlo a più persone visualizzare i diversi messaggi, spostarli in archivio e visualizzare l&apos;intero archivio. Una volta terminata la registrazione è sufficiente premere il tasto INVIO.<br />
  • 17. Protocollo d&apos;interazione: <br />MiniRec<br />Scopo:<br />Il dispositivo portatile MiniRec agevola il lavoro del giornalista sul territorio. Essendo un apparecchio leggero e tascabile, il MiniRec diventa uno strumento di lavoro che accompagna il giornalista ovunque egli vada. Con esso infatti, può raccogliere interviste vocali e fotografie ottimizzate per il primo piano, che può immediatamente spedire nell’archivio della redazione, per essere ulteriormente elaborate nel testo dell’articolo.<br />Perché:<br />Il MiniRec raccoglie il materiale che il giornalista ottiene sul campo. Si è quindi rivelato necessario che esso potesse acquisirli in modo preciso e fedele, mantenendo comunque una buona velocità d’uso e maneggevolezza per l’utente. Il MiniRec infatti si usa con una mano sola, in tutte le sue funzioni principali. <br />Inoltre, si è rivelato necessario l’invio immediato dei materiali in archivio. Grazie a questa funzione, non vi sono periodi di attesa nella raccolta degli elementi necessari per elaborare uno o più articoli. <br />Il MiniRec però non deve avere un display, poiché spesso il giornalista, durante le interviste, non ha tempo di leggere eventuali scritte.<br />
  • 18. Il MiniRec è un dispositivo portatile leggero e maneggevole.<br />Esso è composto da un materiale metallico antigraffio, e da un’impugnatura ergonomica in gomma.<br />Il MiniRec è a disposizione del giornalista al lavoro, quindi è tascabile e può essere munito di cordino.<br />Sempre disponile, leggero ed efficiente.<br />
  • 19. Il MiniRec è composto da diversi componenti:<br /><ul><li> Microfono e altoparlante
  • 20. Fotocamera con flash
  • 21. Presa Usb
  • 22. Gps
  • 23. Umts</li></ul>Questi componenti permettono diverse funzioni che agevolano il lavoro del giornalista e il coordinamento con la propria redazione.<br />
  • 24. Lo scopo del MiniRec è quello di agevolare il lavoro del giornalista attivo sul territorio.<br />MiniRec infatti, raccoglie le funzioni di:<br /><ul><li>Registratore per interviste vocali
  • 25. Fotocamera con riconoscimento dei volti per effettuare le foto delle testine
  • 26. Funzione di messaggio vocale, per tenersi in contatto con gli altri giornalisti e la redazione.
  • 27. Invio dei materialinell’archivio di redazione.</li></li></ul><li>Le funzioni del MiniRec sono attivabili tramite i pulsanti disponibili. <br />Vi è inoltre un cuscinetto antiscivolonel retro del dispositivo, per una presa migliorata.<br />La presa Usb si può ritrarre, tramite l’apposito comando.<br />
  • 28. Registratore<br />La funzione di registrazione vocale permette di acquisire velocemente un file audio di un’intervista diretta con un interlocutore.<br /><ul><li>Si preme il pulsante di registrazione brevemente 1 volta;
  • 29. Inizia la registrazione;
  • 30. Si preme di nuovo brevemente il pulsante di registrazione;
  • 31. Si ferma la registrazione, e viene salvata con il nome in formato mp3.</li></ul>Link: http://www.youtube.com/watch?v=stLmfEy3Ml0<br />
  • 32. Fotocamera<br />La funzione di ripresa fotografica permette di scattare delle foto alle persone intervistate. Il MiniRec possiede una tecnologia ottimizzate per le acquisizioni di soggetti in primo piano: le cosiddette “testine”. Grazie infatti al riconoscimento dei volti tramite un sensore AF incluso nell’apparato del flash, il MiniRec mette a fuoco il volto della persona intervistata.<br /><ul><li>Si preme il pulsante per la foto a mezza corsa: l’obbiettivo si mette a fuoco e l’anteprima dell’immagine viene visualizzata sul display.
  • 33. Due vie:
  • 34. Si lascia il pulsante: la foto si annulla; il display continua a visualizzare l’anteprima per 5 secondi e poi si spegne.
  • 35. Si preme più a fondo il pulsante: la foto viene scattata e visualizzata per 2 secondi sul display (intanto si ricarica il flash).
  • 36. Si può tornare al punto 1 o finire qua.</li></ul>Link: http://www.youtube.com/watch?v=gjM_zEGO3WM<br />
  • 37. Messaggio Vocale (I)<br />La funzione di messaggio vocale permette di ricevere ed inviare brevi comunicazioni agli altri MiniRec o al Touch Journal.<br />Ricezione del messaggio vocale:<br /><ul><li>Il dispositivo vibra, emette un suono discreto e il pulsante del messaggio vocale inizia a lampeggiare. Sul display appare l’icona di stato “messaggio in memoria”.
  • 38. Due vie:
  • 39. Si preme brevemente il pulsante per il messaggio vocale: viene riprodotto il nome del mittente e il suo messaggio.
  • 40. Si tiene premuto continuamente il pulsante per il messaggio vocale: inizia la procedura di invio di un messaggio, tenendo in memoria il messaggio ricevuto per ascoltarlo in seguito.</li></ul>Link: http://www.youtube.com/watch?v=HHQ-Psl084s<br />
  • 41. Messaggio Vocale (II)<br />La funzione di messaggio vocale permette di ricevere ed inviare brevi comunicazioni agli altri MiniRec o al Touch Journal.<br /> Invio del messaggio vocale:<br /><ul><li>Si preme il pulsante per il messaggio vocale:
  • 42. Due vie:
  • 43. Brevemente: se non c’è nessun messaggio in arrivo, non succede nulla.
  • 44. Continuamente: inizia la procedura per l’invio di messaggi.
  • 45. Sul display compare l’icona di richiesta del destinatario.
  • 46. Si pronuncia il nome del destinatario, che viene riconosciuto tramite sintesi vocale.
  • 47. Si pronuncia il messaggio.
  • 48. Lasciando il pulsante, il messaggio si conclude e viene inviato.</li></ul>Link: http://www.youtube.com/watch?v=HHQ-Psl084s<br />
  • 49. Messaggio Vocale (II)<br />Link: http://www.youtube.com/watch?v=HHQ-Psl084s<br />
  • 50. Invio Materiali (I)<br />La funzione di invio dei materiali è una delle funzioni più importanti del MiniRec.<br />Una volta preparate le foto e le interviste vocali di un evento, è possibile inviarle all’archivio della redazione, tramite protocollo email, supportato dalla rete Umts.<br /><ul><li>Si preme il pulsante e sul display compare lo stato d’avanzamento:
  • 51. Due vie:
  • 52. Si preme per meno di 1 secondo: l’icona non si carica del tutto e la procedura viene annullata.
  • 53. Si preme per più di 1 secondo: l’icona del MiniRec viene caricata, e compare la barra di caricamento per l’invio dei dati.</li></ul>Link: http://www.youtube.com/watch?v=1giHyRbvHzY<br />
  • 54. Invio Materiali (II)<br /><ul><li>Lo stato d’avanzamento procede sul display e il pulsante si illumina di giallo in modo intermittente.
  • 55. Due vie:
  • 56. L’invio va male: l’icona sul display e il pulsante notificano l’errore (icona boh, pulsante diventa rosso e fa un bip inquietante).
  • 57. L’invio va a buon fine: l’icona sul display e il pulsante notificano l’invio con successo (nell’icona compare la busta; il pulsante diventa verde e fa un bip rassicurante).</li></ul>Link: http://www.youtube.com/watch?v=1giHyRbvHzY<br />
  • 58. Invio Materiali (III)<br />Link: http://www.youtube.com/watch?v=1giHyRbvHzY<br />
  • 59. Invio Materiali (IV)<br />Link: http://www.youtube.com/watch?v=1giHyRbvHzY<br />

×