Assemblea dei soci di Banca Etica 2011 - presentazione bilancio sociale

976 views
879 views

Published on

Presentazione del Bilancio Sociale 2010 all'assemblea di Banca Etica. Per il bilancio sociale completo visita la sezione bilanci di www.bancaetica.it

Published in: Economy & Finance
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
976
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
30
Actions
Shares
0
Downloads
9
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Assemblea dei soci di Banca Etica 2011 - presentazione bilancio sociale

  1. 1. Bilancio Sociale 2010 Presentazione
  2. 2. Stakeholder: soci Nel 2010 i soci organizzati nei GIT hanno dimostrato un elevato dinamismo, in linea con quello degli anni precedenti Attività Istituzionale GIT che hanno organizzato un’assemblea soci 76% N. Soci impegnati nei GIT 563 N. Medio dei componenti dei GIT 8 Attività informativa N. punti informativi attivi 48 N. nuovi punti informativi 5
  3. 3. Stakeholder: soci Attività culturale L’impegno delle circoscrizioni ha portato al coinvolgimento in diverse attività di natura culturale Le principali tematiche trattate nei vari convegni ed eventi sono state: economia civile, finanza etica, stili di vita, TTF e referendum acqua L’81% dei convegni è organizzato facendo rete con altri enti del territorio
  4. 4. Stakeholder: reti dell’economia civile <ul><li>Il progetto ha lo scopo di stimolare azioni congiunte fra rete operativa e rete dei soci per riscoprire l’unitarietà dell’azione commerciale e della sensibilizzazione culturale nell’unico progetto di una “banca etica” </li></ul><ul><li>- la rete commerciale può disporre del bagaglio di conoscenze che i soci attivi hanno del territorio; </li></ul><ul><li>- il lavoro dei GIT può concretizzarsi in rapporti commerciali e può essere amplificato dalla rete commerciale; </li></ul><ul><li>- entrambi possono rafforzare e consolidare la presenza attiva nel territorio dando risposte concrete secondo le proprie specificità di intervento. </li></ul>Il progetto “Comunità di Azione”
  5. 5. Stakeholder: collaboratori <ul><li>Il benessere organizzativo è “la capacità di un’organizzazione di promuovere e mantenere il più alto grado di benessere fisico, psichico e sociale della comunità lavorativa, nell’ottica di un miglioramento sia della prestazione che della soddisfazione dei singoli componenti l’organizzazione”. </li></ul><ul><li>L’indagine, condotta nel 2010 su tutto il personale, ha evidenziato un quadro complessivamente positivo : buone relazioni fra le persone, forte senso di appartenenza e alta motivazione, nessun fenomeno significativo di mobbing o burn out. </li></ul><ul><li>Ha rilevato però anche alcune criticità , che necessitano di essere prese in carico: il timore che BE sappia conservare nel tempo la propria specificità, le carenze nel promuovere la partecipazione dei lavoratori, un basso livello di giustizia distributiva, la debolezza del middle management, l’integrazione fra le “due anime” della banca, il rapporto burocratico fra sede e filiali, la situazione dei BA. </li></ul>L’indagine sul benessere organizzativo
  6. 6. Stakeholder: clienti Il 2010 è stato un anno di forte crescita per la valutazione sociale <ul><li>+ 140% le nuove ISA rispetto al 2010 </li></ul><ul><li>Copertura del 38% dei nuovi fidi erogati </li></ul><ul><li>90 VS attivi (al 30.04.2011 ) e 49 nuovi VS in formazione </li></ul><ul><li>80% delle circoscrizioni coperte </li></ul><ul><li>1 Corso di aggiornamento per VS </li></ul>La Valutazione Sociale
  7. 7. <ul><li>Due parole chiave </li></ul>Stakeholder: clienti INTEGRAZIONE FORMAZIONE Piena integrazione del processo nel Regolamento del Credito Avvio del processo di informatizzazione della Valutazione Socio-Ambientale Formazione rivolta ai collaboratori coinvolti nel processo del credito Nuovo corso di aggiornamento per Valutatori Sociali Abbonamento a VALORI La valutazione sociale: obiettivi per il 2011
  8. 8. Microcredito <ul><li>Erogazioni 2010: </li></ul><ul><li>144 pari a 1,2 mln euro </li></ul><ul><li>Alla microimpresa: </li></ul><ul><li>35 pari a 530 mila euro </li></ul><ul><li>A soggetti “deboli”: </li></ul><ul><li>109 per quasi 700 mila euro </li></ul><ul><li>Nel decennio 2001-2010 sono stati erogati complessivamente quasi 10 mln di euro di microcredito </li></ul>
  9. 9. Il Progetto Energia: volumi finanziamenti Volumi di accordato relativi ai prodotti del Progetto Energia Tipologia di finanziamento Deliberato dal 2006 ad oggi Deliberato nel 2010 Fotovoltaico (FV 100) € 49.139.407 € 21.432.115 Fotovoltaico (Conto Energetico) € 3.751.382 € 1.448.226 Altre rinnovabili € 8.913.349 € 8.770.500 Efficienza Energetica € 1.053.850 € 456.094 Acquisto / Ristr. Efficiente € 5.162.850 € 2.360.587 TOTALE € 68.020.838 € 34.467.522
  10. 10. Il Progetto Energia: impatto ambientale I finanziamenti alle Fonti da Energia Rinnovabile hanno un'importante effetto di riduzione di anidride carbonica e riduzione di barili di petrolio estratti. Dal 2006 ad oggi Nel 2010 kWp installati 11.569 6.179 MWh prodotti in un anno 15.221 8.364 tonn. CO2 evitata in un anno 8.082 4.442 barili annuali non estratti 20.929 11.501 famiglie che consumano energia pulita 5.502 3.023
  11. 11. L’Impatto ambientale di Banca Etica <ul><li>Banca Etica adotta tutte le soluzioni possibili per la riduzione del proprio impatto ambientale (sede, filiali, mobilità, energia pulita) </li></ul><ul><li>Nella ristrutturazione della palazzina per l’ampliamento della nuova sede si sta puntando ad ottenere la certificazione </li></ul><ul><li>Casa Clima Plus Gold </li></ul>Impatto diretto Impatto indiretto <ul><li>I Gli impianti fotovoltaici finanziati da BE: </li></ul><ul><li>sono lo 0,2% degli impianti totali installati in Italia a fine 2010. </li></ul><ul><li>coprono il fabbisogno annuale di circa 7.600 famiglie italiane o i consumi elettrici procapite di 26.400 persone </li></ul>
  12. 12. La strategia 2011 L’attività di “lobby” per la creazione di un quadro normativo per il microcredito Nel 2010, in particolare, l’inserimento nel TUB di una norma sulle istituzioni di microfinanza ha cominciato a riempire un buco normativo, riconoscendo anche l’importanza dei servizi ausiliari di assistenza L’adesione alle reti europee (EMN) e italiana (RITMI) Campagna TTF – Tassa sulle Transazioni Finanziarie
  13. 13. I rischi reputazionali <ul><li>La gestione privatistica dell’acqua </li></ul><ul><li>A fronte degli investimenti di Etica sgr in alcune società che gestiscono le risorse idriche e delle obiezioni poste dalla società civile, si è avviato un dibattito interno alle due strutture supportato dai due Comitati Etici e un dialogo diretto con la società civile, coordinato dalla Fondazione Culturale, che ha portato il CdA della banca a: </li></ul><ul><li>deliberare l’adesione alla campagna per il referendum tramite la FCRE; </li></ul><ul><li>a raccomandare ad Etica sgr di prorogare la moratoria sugli investimenti nelle società del settore almeno fino all’esito del referendum. </li></ul>La questione Banche Armate Banca Etica continua a monitorare la questione. In particolare continua il confronto diretto con di BPM, che ha avviato un processo di revisione della propria policy sugli armamenti per renderla più restrittiva rispetto a quella attualmente in vigore.
  14. 14. L’attività progettuale <ul><li>Banca Etica, in collaborazione con altri partner, ha attivato progetti per : </li></ul><ul><li>lo sviluppo dell’imprenditoria sociale (Sovvenzione Globale Piemonte); </li></ul><ul><li>il sostegno all’imprenditoria dei migranti (due progetti nazionali e due internazionali) ; </li></ul><ul><li>la crescita della capacità di risparmio consapevole da parte di soggetti deboli (Progetto Fragili Orizzonti a Torino e Venezia) ; </li></ul><ul><li>lo sviluppo dell’housing sociale (progetto “Residenze Civiche per Giovani e Anziani” in collaborazione con la Fondazione Liebenau) ; </li></ul><ul><li>la sperimentazione di un ecovillagio (Progetto con Alcatraz) ; </li></ul><ul><li>l'autocostruzione </li></ul>
  15. 15. L’attività culturale <ul><li>L’attività culturale è frutto di una collaborazione sinergica fra diverse componenti: area socio-culturale, GIT e FCRE. </li></ul><ul><li>Questa collaborazione ha portato ad un’attività di “contaminazione culturale” molto ampia e diversificata, che si è concretizzata in: </li></ul><ul><li>144 fra convegni, tavole rotonde o seminari; </li></ul><ul><li>80 eventi/manifestazioni; </li></ul><ul><li>50 corsi di formazione; </li></ul><ul><li>18 fra articoli e pubblicazioni di varia natura; </li></ul><ul><li>17 attività di campaigning; </li></ul><ul><li>93 attività culturali di vario tipo; </li></ul><ul><li>collaborazione con importanti università e centri di formazione (Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, CUOA, Università Cattolica di BS e TA, Studium Generale Marcianum di VE) </li></ul>
  16. 16. L’attività culturale: le azioni continuative <ul><li>Valori </li></ul><ul><li>- giunto all’undicesimo anno di edizione; </li></ul><ul><li>- si conferma veicolo di un’informazione critica, oltre che sui temi finanziari, anche su economia sostenibile e nuovi stili di vita; </li></ul><ul><li>- tiratura: 10.000 copie/mese; </li></ul><ul><li>Terra Futura </li></ul><ul><li>- giunta ormai all’ottava edizione, promuove tutte le iniziative che già sperimentano e utilizzano modelli di relazioni e reti sociali, di governo, di consumo, produzione, finanza, commercio sostenibili. </li></ul><ul><li>Azionariato Critico </li></ul><ul><li>- continua l’attività di azionariato critico da parte della Fondazione Culturale e di Etica sgr- </li></ul><ul><li>Zoes </li></ul><ul><li>- 15.000 utenti registrati, partecipazione ad oltre 40 appuntamenti culturali e 3 corsi di formazione. </li></ul>
  17. 17. Grazie per l'attenzione!

×