B2corporate                                                            VOL.2PERCORSIDI ENERGIASeconda raccolta di articoli...
_______________________________________________________________________________________	  	  Note di pubblicazionePubblica...
_______________________________________________________________________________________	  	  SommarioProject financing e a...
_______________________________________________________________________________________	  	  AcronimiAEEG:          Autori...
_______________________________________________________________________________________	  	  IntroduzioneDalla pubblicazio...
_______________________________________________________________________________________	  	  Project financing e altri str...
_______________________________________________________________________________________	  	  Alcuni di questi rischi sono:...
_______________________________________________________________________________________	  	  In sostanza, mi sembra di ave...
_______________________________________________________________________________________	  	  Project financing per unire l...
_______________________________________________________________________________________	  	  gruppi frigo e fan coil, le r...
_______________________________________________________________________________________	  	  1.     Una Banca, prima di fa...
_______________________________________________________________________________________	  	  • Durata della convenzione e ...
_______________________________________________________________________________________	  	  Ho scritto di PF nonostante i...
_______________________________________________________________________________________	  	  Provincia di Alessandria: eff...
_______________________________________________________________________________________	  	  innovativi a condensazione,5)...
_______________________________________________________________________________________	  	  rinnovamento energetico e sia...
_______________________________________________________________________________________	  	  Stagnazione anche per la doma...
_______________________________________________________________________________________	  	  Figura 1: Confronto tra tasso...
_______________________________________________________________________________________	  	  rivolge allo scenario della d...
_______________________________________________________________________________________	  	  Il fotovoltaico ed il suo ins...
_______________________________________________________________________________________	  	  Figura 2: il profilo di caric...
_______________________________________________________________________________________	  	  un’efficienza dell’intero par...
_______________________________________________________________________________________	  	  Figura 3: installazione fotov...
_______________________________________________________________________________________	  	  discorso nel piano che l’Ital...
_______________________________________________________________________________________	  	  Energia: obiettivi Italia per...
_______________________________________________________________________________________	  	  Il decreto n.28/2011 prosegue...
_______________________________________________________________________________________	  	  DM interventi sviluppo       ...
_______________________________________________________________________________________	  	  Gas naturale e ondata di fred...
_______________________________________________________________________________________	  	  Il suo approvvigionamento di ...
_______________________________________________________________________________________	  	  troppo convinti. Vi rimando a...
_______________________________________________________________________________________	  	  Grande gelo vs. stoccaggi: gi...
_______________________________________________________________________________________	  	  parte CTE. Molto meno sensibi...
_______________________________________________________________________________________	  	  Due note:                    ...
_______________________________________________________________________________________	  	  Produzione nazionaleLa produz...
_______________________________________________________________________________________	  	             o 25 assomigliano ...
_______________________________________________________________________________________	  	  Efficienza energetica: prendi...
_______________________________________________________________________________________	  	    i.    Applicazione D.Lgs 19...
_______________________________________________________________________________________	  	  riduzione dell’intensità ener...
_______________________________________________________________________________________	  	  Regolamento 640/2009/CE che p...
_______________________________________________________________________________________	  	  Il recente rapporto ONRE (Oss...
_______________________________________________________________________________________	  	   iii.   ha aumentato a 180 gg...
_______________________________________________________________________________________	  	  Seam4Us: efficenza energetica...
_______________________________________________________________________________________	  	  preliminare e il successivo m...
_______________________________________________________________________________________	  	  E’ la prima volta, infatti, c...
_______________________________________________________________________________________	  	  Dicembre 2010: Cofely, in col...
_______________________________________________________________________________________	  	  Ecco invece le fasi del 2012:...
_______________________________________________________________________________________	  	     ­       creare un primo mo...
_______________________________________________________________________________________	  	  Metropolitanos de Barcelona) ...
_______________________________________________________________________________________	  	  Energia pulita ma quanto ci c...
_______________________________________________________________________________________	  	                   PED (prezzo ...
_______________________________________________________________________________________	  	  del 50% destinati al finanzia...
_______________________________________________________________________________________	  	                               ...
_______________________________________________________________________________________	  	  particolarmente onerosi (ad e...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Energia: analisi, scenari e attualità

410 views
338 views

Published on

Articoli su tematiche di energia Percorsi di-energia-vol2-free-ebook

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
410
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
8
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Energia: analisi, scenari e attualità

  1. 1. B2corporate VOL.2PERCORSIDI ENERGIASeconda raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate
  2. 2. _______________________________________________________________________________________    Note di pubblicazionePubblicato a Marzo, 2012B2corporate.com, ItalyCover Design: Gianluca AbbiatiLayout & Editing: Gianluca AbbiatiIdea and Concept: Estor e Luca VanzulliCurato da: Estor. Con la partecipazione di Giacomo GaudinoNato nel Dicembre 2001, B2corporate distribuisce informazioni utili edinnovative rivolte a tutti i professionisti, consulenti e componenti del mondodelle PMI.Il nostro obbiettivo è supportare il lavoro della nostra community diprofessionisti con articoli, e-book, modelli, software ed altre risorsescritte e realizzate da professionisti di lunga e provata esperienza nei lorosettori.ISBN: NON DISPONIBILEVersione: Marzo, 2012Questo E-Book non è coperto da DRM. Ogni copia è distribuitagratuitamente previa registrazione sul sito http://www.b2corporate.com _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 2  
  3. 3. _______________________________________________________________________________________    SommarioProject financing e altri strumenti per realizzare interventi energy………….pag. 6Project financing per unire le forze negli investimenti energy……………….pag. 9Provincia di Alessandria: efficienza energetica………………….………….pag. 14Stagnazione anche per la domanda elettrica tra 2012 e 2014…..……….pag. 17Il fotovoltaico ed il suo inserimento nel sistema………………...………….pag. 20Energia: obiettivi Italia per il 20-20-20…………………………...………….pag. 25Gas naturale e ondata di freddo………………...………………….……….pag. 28Grande gelo vs. stoccaggi: giorni contati? Tutti i numeri……....………….pag. 31Efficienza energetica prendiamo le misure………………...……………….pag. 36Seam4Us: efficienza energetica metropolitane………………...…….…….pag. 46Energia pulita ma quanto ci costi? ………………...……………………….pag. 49 _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 3  
  4. 4. _______________________________________________________________________________________    AcronimiAEEG: Autorità per l’Energia Elettrica ed il GasAO: Azienda OspedalieraAU: Acquirente UnicoCAR: Cogenerazione ad Alto RendimentoCHP: Combined Heat and Power (cioè cogenerazione)CTE: Centrale TermoelettricaFER: Fonti Energetiche RinnovabiliLNG: Liquified Natural GasMEF: Ministero Economia e FinanzeMSE: Ministero per lo Sviluppo EconomicoOCSE: Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo EconomicoPAEE: Piano d’Azione per l’Efficienza EnergeticaPES: Primary Energy SavingPF : Project FinancingPIL: Prodotto Interno LordoPMI : Piccola e Media ImpresaPV: PhotovoltaicSPV: Special Purpose VehicleTEE: Titoli di Efficienza Energetica (cioè Certificati Bianchi)WACC: Weighted Average Capital Cost _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 4  
  5. 5. _______________________________________________________________________________________    IntroduzioneDalla pubblicazione del primo ebook di raccolta degli articoli, il camminodella sezione energy in B2 sta proseguendo con sviluppi che ci lascianomolto soddisfatti. Uno di questi riguarda il numero di lettori, in incrementonotevole, plausibilmente anche depurandolo dall’effetto della nuova vestedi B2.Non sappiamo poi se il restyling generale abbia dato una maggiorenavigabilità, ma aumenta il numero di lettori che ci contatta, con alcuni deiquali si stanno discutendo le basi per sondare nuove iniziative.Altro sviluppo notevolmente interessante, nuovi redattori si sono aggiunti alnostro invito e hanno mandato e pubblicato loro contributi: il secondo“percorsi di energia” contiene contributi di diversi autori, raccolti tra ottobre2011 e gennaio 2012; io stesso assieme alla redazione mi auguro chequesto atteggiamento si diffonda sempre di più; è importante creare deinuclei di discussione attiva delle informazioni in un momento in cui siattendono mosse discriminanti riguardo alle opportunità offerte in settoricome l’efficienza energetica o le energie rinnovabili: per essere espliciti,troppi decreti attuativi promessi da marzo 2011 stanno ancora nelcassetto e, nel prossimo trimestre si spera che ci siano finalmente lecondizioni per la loro emanazione.Estor _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 5  
  6. 6. _______________________________________________________________________________________    Project financing e altri strumenti per realizzareinterventi energy7 ottobre 2011In questi mesi abbiamo introdotto l’efficienza energetica, includendoultimamente un esempio definito, basato sulla cogenerazione,percorrendo i fondamenti su cui si basa l’analisi.Abbiamo visto quanto sia importante tenere in debito contol’accoppiamento con le domande elettriche e termiche interne al sito; pergli impianti di generazione elettrica a fonti rinnovabili, di cui ancora nonabbiamo parlato espressamente, anticiperei che le curve di autoconsumosono meno vincolanti, dato che il ritorno economico è legato solo in parteal valore in sé della produzione energetica: la fetta più grossa diremunerazione è derivante dagli incentivi.Quanto accomuna qualunque intervento, ed inseriamo anche quelli suicomponenti utilizzatori (motori elettrici, caldaie, scambiatori, chiller, sistemaaria compressa, etc.) è la necessità di un investimento.Con l’investimento non ci si può limitare al confronto in termini economicipuri (cioè: avessi disponibilità scontata di capitale proprio, quanto mi rendemetterlo in quell’intervento?): è necessario anche confrontarsi conl’effettiva disponibilità finanziaria e di rischio. _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 6  
  7. 7. _______________________________________________________________________________________    Alcuni di questi rischi sono:• posto che ci penserà un fornitore/costruttore a mettere in operal’impianto, e gli possa chiedere una certa garanzia su performance,disponibilità, vita operativa, sono in grado di gestire la verifica di questiaspetti? Ho ottenuto davvero le garanzie che mantengono affidabili iritorni? Solo la prima parte di questo rischio è puramente tecnologica.• tecnologico è il rischio di obsolescenza: nel giro di poco tempopotrebbe emergere un’alternativa più competitiva e, a saperlo, avreipreferito non fare l’intervento su cui ormai mi sono impegnato. Questopotrebbe anche essere un rischio di mercato tout court (ad esempiol’energia elettrica acquistata da rete cala bruscamente di prezzo).• remuneratività effettiva: alcuni rischi sono spesso abbastanzasottovalutati. Ad esempio, nel clima di inflazione relativamente bassa degliultimi dieci anni, non ci si preoccupa del regime a moneta correntemediante cui sono definiti gli incentivi come quello per il fotovoltaico.Immaginiamo di ottenere un riconoscimento di 0.300 €/kWh per vent’anni:possono essere un’ottima remunerazione, ma basterebbe imbattersi in 10anni di inflazione al 10% perché questo corrispettivo perdadrammaticamente di valore e, se l’investimento da ripagare è stato fattointeramente con capitale proprio al tempo zero, cioè con un valore dellamoneta ben più elevato, l’impatto negativo è notevole.• rischio di domanda: un cambio di attività dello stabilimento tale da nonaver più bisogno di quegli autoconsumi? Chiaramente tornando a prima, lerinnovabili sono meno penalizzate da questo evento. _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 7  
  8. 8. _______________________________________________________________________________________    In sostanza, mi sembra di avere introdotto alcuni dubbi da consideraredavanti a) alla decisione di impegnare capitale proprio, inteso anche nelsenso di impegnare a garanzia beni propri per ottenere un finanziamento;b) a gestire principalmente in autonomia un determinato intervento.Sento parlare facilmente di project financing, la cui denominazionepreferirei limitare alla realizzazione di infrastrutture, perlopiù pubbliche, dirilevanza importante (pur non essendoci un limite preciso, parlerei di PFda qualche decina di milioni di euro di investimento); ma indubbiamente ilPF ha dei “fratelli minori”, strumenti mediante i quali fondere gli sforzi di piùsoggetti su un’iniziativa anche di taglia più contenuta, riunendo i qualireclutare tutte le competenze necessarie e ripartire i rischi; anticipo chetendenzialmente assieme ai rischi bisognerà ripartire la redditività: neparleremo nella seconda parte.Estor _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 8  
  9. 9. _______________________________________________________________________________________    Project financing per unire le forze negliinvestimenti Energy16 ottobre 2011Il Project Financing, semplificando molto, è tale quando sono presentialcune circostanze:1) è in gioco il soddisfacimento di un’esigenza pubblica (mediante appositainfrastruttura)2) l’ente pubblico preposto non ha le competenze tecniche e/o i fondinecessari3) il progetto è di dimensioni abbastanza importanti da rendere difficiletrovare un soggetto disposto ad attuarlo con garanzia totalmente fondatasui suoi beni.Supponiamo che, da uno studio, la cogenerazione (CHP, Combined Heatand Power) abbia rivelato un interessante potenziale economico per ungrosso ospedale. L’unità tecnica dell’Azienda Ospedaliera (AO) ha millecose da fare, direttamente o in appalto: asfaltare i viali, tenere in ordinetetti e finestre, tirar su muri e scavar buche, mantenere funzionanti caldaie, _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 9  
  10. 10. _______________________________________________________________________________________    gruppi frigo e fan coil, le reti informatica e del telefono e magari la piazzolad’atterraggio per l’elicottero!L’amministrazione dal canto suo vede a malapena i soldi per compraremedicine e tenere a posto le sale chirurgiche. Allora ecco l’idea di metterea gara la cogenerazione: chi vince dovrà mettere i soldi, costruire lacentrale, gestirla. Escludendo che sia Babbo Natale, in cambio fattureràper alcuni anni la fornitura energetica all’ospedale, almeno tanti quantiperché gli sarà possibile ripagarsi il disturbo.La gara viene “corsa” da consorzi, detti società di scopo (SPV, SpecialPurpose Vehicle). Per fare una SPV, ciascuna delle aziende partner che laformano, mette una o più costole. Ma messe le costole, non ci vuolemettere anche rischi di rivalsa, questo è un buon motivo per fare una SPV.Insomma né le società di origine da una parte, né l’AO dall’altra, voglionosapere come la SPV vincente andrà a coprirsi nella ricerca di quattrini. Edessendo la centrale CHP costosa e la SPV a capitale limitato, qualefinanziatore dovrebbe farsi convincere? Proprio questo è lo spirito delproject financing: la garanzia è il valore del progetto, cioè la sua capacità digenerare ritorno. In realtà spesso una parziale possibilità di rivalsa vieneammessa; ma un’ iniziativa full recourse NON è PROJECT FINANCING.Ora, questo basarsi sul valore di progetto implica patti chiari a tutti i livelli: _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 10  
  11. 11. _______________________________________________________________________________________    1. Una Banca, prima di fare il passo, vorrà vederci chiaro, assoldandouna serie di consulenti.2. La SPV, dal canto suo, composta ad esempio di un costruttore, ungestore di impianti di generazione, una società di opere civili, una societàdi ingegneria e magari un “gasista” per garantirsi approvvigionamentistabili, più altri, necessiterà di robusti accordi contrattuali interni, segreti achi ne è fuori. E la loro sostanza e forma saranno negoziate e stipulate dafior di esperti di parte.3. La AO dovrà spendere qualcosa già per mettere in piedi il PF (studiiniziali, sviluppo del bando e della gara); quindi dovrà negoziare unaconvenzione che stabilisce per molto tempo (magari 10-15 anni) gliaccordi con la SPV vincente (che diventa Concessionario): posto che perandare d’accordo 15 anni ci vogliono buon senso e la volontà di farlo (il PFsomiglia ad un matrimonio), la conditio sine qua non per partire col piedegiusto è una convenzione è ben impostata. Tipicamente servirannoconsulenti da entrambe le parte.Cosa contiene la convenzione? Sotto una lista tutt’altro che completa:• Tempi di realizzazione dell’opera e collaudo• Penali per ritardi e mancate prestazioni• Proposta base su tariffe gas ed energia elettrica e modalità difatturazione e pagamento• Meccanismi di aggiornamento (es. indicizzazione ad un paniere eperiodicità di aggiornamento) _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 11  
  12. 12. _______________________________________________________________________________________    • Durata della convenzione e opzioni di rinnovo• Prestazioni e qualità dei servizi che il concessionario deve garantire (ecome misurarle)• Condizioni di take or pay: l’AO deve garantire l’acquisto di una minimaparte di elettricità e calore per il periodo di concessione, da pagare anchese non assorbita (minimo quanto serve al concessionario per larestituzione delle rate)• Penali• Assicurazioni• Cause di forza maggiore• Modalità di comunicazione• Cause di rescissione e come dirimere i litigiRiassumendo, l’AO diminuisce le sue bollette senza investire per lacentrale; certo si accolla il rischio di mercato, dato che è obbligata ad unminimo acquisto per un certo numero di anni, anche qualora affiorasseroproposte più convenienti; si accolla anche il rischio di domanda, visto cheil take or pay vale anche se volesse o dovesse trasferire la sua sede o perqualche motivo (non incluso nelle cause di forza maggiore) non avesse piùpazienti; inoltre il Concessionario assorbirà parte importante del potenzialeeconomico individuato dagli studi. _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 12  
  13. 13. _______________________________________________________________________________________    Ho scritto di PF nonostante il proposito iniziale di spiegare perché non neavrei scritto. Comunque il PF non è una PMI che affitta il tetto delcapannone ad un installatore fotovoltaico, né qualcuno che si occupi delmotore a gas da 1MW di due articoli fa; sono temi con più probabilità diriguardare una PMI, che mi tocca ancora rimandare. Spero però di averchiarito una faccenda: la quantità di soggetti (inclusi consulenti che liaiutino a mettersi d’accordo) coinvolti per rendere possibile una sinergiacosì complessa è tale da non potersi giustificare per iniziative di taglia menche grande (c’è chi mette la soglia sui 100 milioni di euro; anche a voleressere meno drastici, per me sono almeno 20-30).Estor _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 13  
  14. 14. _______________________________________________________________________________________    Provincia di Alessandria: efficienza energetica24 gennaio 2012Il tema dell’efficienza energetica rappresenta ormai un tema molto attualee sono già diverse le realtà che cercano di implementare strategie diattuazione efficaci e performanti. Molto interessante su questo fronte èsicuramente quanto si presta ad attivare la Provincia di Alessandria, cheha risoluto di sviluppare un progetto di efficienza energetica e ambientaleavvalendosi di Cofely.In termini di cifre si parla di un valore complessivo pari a oltre 20 milioni dieuro e con una durata contrattuale decennale. Ma quali saranno i vantaggidi un simile accordo? Il numero magico è 20% in meno si di bollettaenergetica a carico della Provincia di Alessandria sia in termini di CO2.Ma l’attività di consulenza di Cofely non si ferma qui, in quanto dovràadempiere anche ai seguenti servizi:1) Gestione e la manutenzione degli impianti energetici e tecnici di 56edifici di proprietà e competenza della Provincia, comprendenti 32 scuole,8 uffici amministrativi, 10 magazzini, 2 caserme dei carabinieri e 1 museo.2) Attività di adeguamento degli impianti non a norma3) Riqualificazione dei sistemi energetici,4) Attività di sostituzione dei generatori di calore tradizionali con sistemi più _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 14  
  15. 15. _______________________________________________________________________________________    innovativi a condensazione,5) Attuazione di soluzione d’isolamento termico delle superfici vetrate degliistituti IPSIA “Fermi” e ITG “Nervi”6) L’installazione di un impianto solare fotovoltaico della potenza di 118kWp presso l’istituto tecnico ITIS A. “Volta” e di 11 impianti solari termiciper la produzione di acqua calda sanitaria per numerosi edifici dellaProvincia.Sergio Tomasino, Direttore Generale Aggiunto di Cofely evidenzia come ilprogetto della Provincia di Alessandria possa rappresentare una nuovasfida per Cofely, al servizio delle comunità sul fronte del contenimento deicosti energetici e della riduzione dell’impatto ambientale con gli obiettivifondamentali e vitali contenuti pacchetto “Clima Energia”.Invece Pier Giuseppe Dezza, Direttore della Direzione Trasporti/Ediliziadella Provincia di Alessandria enfatizza sul fatto che questo accordopermetterà all’Amministrazione provinciale di realizzare un significativorisparmio energetico attraverso la coibentazione di facciate e sottotetti percirca 7.000 mq presso vari istituti d’istruzione medio superiori sparsisull’intero territorio provinciale.L’inizio dei lavori è previsto nella primavera 2012, in concomitanza con lospegnimento degli impianti di riscaldamento.Un progetto davvero molto importante che da il via a un processo di _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 15  
  16. 16. _______________________________________________________________________________________    rinnovamento energetico e siamo sicuri sarà un caso che continuerà amoltiplicarsi. Forse la terza Rivoluzione Industriale di Rifkin è ancorautopica ma questi sono piccoli segnali che la strada è intrapresa.La redazione B2corporate _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 16  
  17. 17. _______________________________________________________________________________________    Stagnazione anche per la domanda elettricatra 2012 e 201416 gennaio 2012Su un magazine rivolto alle tematiche aziendali come B2Corporate, non èdifficile focalizzare il settore energia come un sottoinsieme dell’economia,con dinamiche a funzione e somiglianza di quest’ultima; in fin dei conti, perchi vede l’energia come una delle forniture in ingresso ai propri processiproduttivi, questo è l’aspetto fondamentale, mentre gli aspetti tecnologici,ambientali e sociali sono come ingranaggi all’interno del meccanismo, nonsi pretende di sapere come è fatto il motore della propria auto perguidarla… un esempio convincente? Proviamo a concentrarci sul graficoche segue in Figura 1, tratto da un report recentemente pubblicatodall’Acquirente Unico1:                                                                                                                          1 L’Acquirente Unico è una società per azioni del gruppo GSE, il cui compito è quello di garantire la fornitura dienergia elettrica a quei soggetti che non ritengano di rivolgersi al mercato libero (e possano effettivamenteevitarlo). In pratica, AU acquista energia elettrica per quella frazione delle famiglie e delle piccole imprese, chescelgono di sottoporsi tuttora al cosiddetto “mercato tutelato”. _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 17  
  18. 18. _______________________________________________________________________________________    Figura 1: Confronto tra tasso di variazione del PIL e domanda elettrica dal 1971 al 2010, (Acquirente Unico, ref.2 )In pratica il grafico riporta sullo stesso asse delle ordinate le variazioni %annue di PIL e domanda elettrica nazionale, con estensione agli ultimi 40anni rappresentati in ascissa: è evidente una correlazione molto stretta3.Ne segue evidentemente che il trend della domanda elettrica per ilprossimo triennio sarà ad immagine e somiglianza di quello previsto per ilPIL: invito all’ottimo documento di AU per approfondimenti ma, volendosintetizzare, AU prende in visione il quadro economico, in rapporto al qualeriferisce le previsioni ufficiali di 7 fonti autorevoli4, stilate nel 2011; poi si                                                                                                                          2 AU: “Rapporto di previsione del mercato tutelato per gli anni 2012, 2013, 2014”. Il documento è pubblico escaricabile dal sito dell’Acquirente Unico www.acquirenteunico.it3 Volendo approfondire, potreste divertirvi a estrarre le 40 coppie di D% e metterle su un diagramma con ilD%elettrico in ordinata, quello del PIL in ascissa: mi ricordo che qualche anno fa trovai una correlazione linearepiuttosto forte, in particolare con un offset (retta interpolante con intersezione sull’asse y) 1-2% sopra l’origine:non mi aspetto che il risultato cambi molto.4 Ministero Economia e Finanze; Fondo Monetario Internazionale; Centro Studi Confindustria; Banca d’Italia;Commissione Europea; OCSE; Consensus Economics. è curioso che, di tutte, solo quella del MEF si spingafino al 2014. Peraltro, la sua datazione al settembre 2011 la rende ormai abbastanza superata, nell’attualedinamica degli eventi.     _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 18  
  19. 19. _______________________________________________________________________________________    rivolge allo scenario della domanda elettrica, con i risultati fondamentali diTabella 1 : Anno Domanda elettrica Variazione % (TWh) 2011 332.2 0.5% 2012 332.5 0.1% 2013 337.8 1.6% 2014 344.2 1.9% Tabella 1: previsioni di domanda elettrica nazionale secondo Acquirente Unico.Lasciando il report di AU, che prosegue focalizzandosi sul suo corebusiness (cioè l’energia da garantire ai soggetti tutelati), il mio primocommento è che lo scenario, certamente non espansivo, si combinanegativamente con l’usuale “premium price” sostenuto dalle impreseitaliane sull’energia.E mi riallaccio alla discussione rovente in corso sulle incentivazioni alfotovoltaico: per chi nell’energia elettrica ha5 uno dei suoi costi diproduzione principali, questi 5-6 miliardi di euro annui, dovuti ad unaremunerazione del fotovoltaico totalmente sbilanciata, vengono ripartitisulle bollette degli italiani, famiglie o imprese in modo insostenibile: volendoproprio garantire questa rendita, perlomeno la si rimettesse sulla fiscalitàgenerale. La controparte non è meno agguerrita: continuerò questadisamina nella prossima parte. Estor                                                                                                                          5 L’ultimo articolo della serie di botta e risposta su Quotidiano Energia è: “Oggi, quarto conto energiacompatibile?”, Paolo Culicchi, presidente Assocarta. Da qui si può risalire all’indietro. _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 19  
  20. 20. _______________________________________________________________________________________    Il fotovoltaico ed il suo inserimento nel sistema24 gennaio 2012Riprendo l’articolo della scorsa settimana, lasciato in sospeso sui costi delfotovoltaico (5-6 miliardi di euro all’anno se contati senza riduzione dovutaad altri benefici derivanti) e sulla loro ripartizione: tra le risposte di chi operanel fotovoltaico c’è l’invito a valutare correttamente costi e benefici: ilfotovoltaico sta di fatto riducendo il prezzo dell’energia elettrica nelle ore dipunta, abbassando il prezzo marginale che forma l’equilibrio tra domandaed offerta, specie in alcune delle zone in cui è diviso il mercato elettriconazionale6                                                                                                                          6 Mi rendo conto che questi sono aspetti specialistici, che richiederebbero qualche spiegazione. Mi riprometto difarlo in uno dei prossimi articoli. Nel frattempo qualche nota utile si trova suhttp://questionedienergia.wordpress.com/   _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 20  
  21. 21. _______________________________________________________________________________________    Figura 2: il profilo di carico elettrico italiano nel terzo mercoledì di sei dei dodici mesi del 2010 (Terna, datistatistici: carichi orari).Sicuramente questo richiamo ad una valutazione d’insieme di costi ebenefici è corretta, specie in una situazione come quella italiana dovealcuni colli di bottiglia della rete dividono il mercato elettrico in alcune zone.Ed in alcune di queste a “chiudere” l’offerta sono impianti antiquati, che glistessi colli di bottiglia riparano dalla concorrenza. Attualmente sono installati più 12000MW nominali di fotovoltaico; nelleore di punta, in una giornata di buona insolazione, in una stagione in cui ilsistema nazionale sta chiedendo più di 50000MW, anche scontando _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 21  
  22. 22. _______________________________________________________________________________________    un’efficienza dell’intero parco non al 100% (insomma supponendo anchesolo 7-8000MW disponibili da PV), l’effetto nell’abbassare il prezzo diequilibrio (che ricordo si forma all’incrocio tra domanda ed offerta) non puòessere trascurato7.Non posso però fare a meno di rilevare che lo stesso scopo potrebbeottenersi mediante gli impianti di pompaggio, che ci sono ( e nel Sudpotrebbero svilupparsi a partire da bacini idrici già esistenti) ma in questomomento non sono sfruttati secondo piena potenzialità.Inoltre l’immagine che riporto in Figura 3 può ingenerare il sospetto lecitoche il quadro incentivante abbia consentito anche ad impianti nonpropriamente competitivi (in questo caso come sito di installazione) didiventare economicamente giustificabili.                                                                                                                          7 In Italia il mercato non è di tipo “pay as bid”, cioè percepisco secondo l’offerta fatta: l’impianto dal kWh “piùcaro” che è riuscito a vedersi l’offerta accettata, il cosiddetto impianto marginale, fa il prezzo per tutti. L’effettodel PV è quello, semplicemente offrendo la sua produzione senza fare il prezzo, di “buttare fuori” una quantità diofferte in alto pari alla sua produzione. _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 22  
  23. 23. _______________________________________________________________________________________    Figura 3: installazione fotovoltaica su sito dallinsolazione non propriamente competitiva (potenza di un incentivorobusto…).Il terzo conto energia, dalla vita straordinariamente breve, mise in campocondizioni un po’ meno (ma sempre molto) vantaggiose. Alla fine si varò ilQuarto Conto Energia, tuttora in corso; agli incentivi ridotti fece seguitouna brusca riduzione dei costi dei pannelli (e degli inverter; e dell’impiantotutto), segno che prima un po’ troppo margine effettivamente ci dovevaessere.Il Quarto conto energia8 rende la vita un po’ più difficile ai cosiddetti grandiimpianti (a parte qualche beneficio concesso alle PubblicheAmministrazioni9 ). Nel prossimo pezzo cercherò di inserire questo                                                                                                                          8 Decreto 5maggio 2011, “ Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti solari fotovoltaici.”9 Secondo il Quarto Conto Energia, “piccoli impianti sono gli impianti fotovoltaici realizzati su edifici che hannouna potenza non superiore a 1000 kW, gli altri impianti fotovoltaici con potenza non superiore a 200 kWoperanti in regime di scambio sul posto, nonché gli impianti fotovoltaici di potenza qualsiasi realizzati,anche da terzi, su edifici ed aree delle Amministrazioni pubbliche di cui all’articolo 1, comma 2, delDecreto legislativo n. 165 del 2001 . _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 23  
  24. 24. _______________________________________________________________________________________    discorso nel piano che l’Italia si è data per raggiungere i suoi obiettivi al2020 in materia 20-20-20.Estor _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 24  
  25. 25. _______________________________________________________________________________________    Energia: obiettivi Italia per il 20-20-2029 gennaio 2012L’obiettivo che l’Italia deve soddisfare per il 2020 in materia di consumilordi di energia da rinnovabili (FER), segue il testo della la Direttiva2009/28/CE: il consumo finale lordo di energia primaria deve per il 17% 10essere coperto da energie rinnovabili; il piano conseguente alla direttiva ,è stato presentato nel giugno 2010, e prevede le seguenti percentuali persettori:• nell’elettrico le FER dovranno contribuire per il 29% circa;• negli usi termici l’apporto previsto sarà poco meno del 16%;• nei trasporti si prevede circa il 6.4% di FER;Figura 4: tratto da: ”Sintesi del piano di azione per le energie rinnovabili” (giugno 2010).                                                                                                                          10 Piano d’azione nazionale per le energie rinnovabili, giugno 2010. La sintesi dello stesso, disponibile in rete,offre un ottimo quadro in poco più di trenta pagine. _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 25  
  26. 26. _______________________________________________________________________________________    Il decreto n.28/2011 prosegue l’iter di implementazione della Direttiva11,ma si attendono ancora i corrispondenti decreti attuativi o provvedimentisui singoli punti, che sono in sintesi riportati in Tabella 2. Vero è che l’Italiaha attraversato momenti di assoluta emergenza, ma non è più tempo diattendere oltre per dare indicazioni definitive.Inoltre, per centrare l’obiettivo del 17% di energia da fonti rinnovabili,decisamente ambizioso, sarà necessario agire non solo sul numeratore(produzione da rinnovabili), ma anche sul denominatore, cioè la riduzionedel consumo finale lordo di energia primaria. Una mano non troppodesiderata la sta dando la crisi, indubbiamente. Ma questo non evita lanecessità di agire sull’efficienza energetica, il sostegno alla quale appareper il momento deludente: forse continua a passare il principio che iprovvedimenti di efficienza energetica sono spesso affidati a tecnologie piùmature, che quindi dovrebbero sostenersi da soli o quasi. Provvedimento Autorità competenti ArticoloDM incentivazione FER MSE- MATTM-MIPAF Art.24 comma 6elettricheDM incentivazione FER MSE- MATTM-MIPAF Art. 28 comma 2Termiche ed efficienzaper interventi piccoledimensioniDM incentivazione MSE-MEF-MATTM- Art.21 comma 2biometano in rete gas MIPAF                                                                                                                          11 DECRETO LEGISLATIVO 3 MARZO 2011 n. 28: “Attuazione della direttiva 2009/28/CE sulla promozionedelluso dellenergia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e2003/30/CE”(NdR. 2009/28/CE : promozione delle energie rinnovabili; 2001/77/CE: promozione biocarburanti e carburantirinnovabili; 2003/30/CE: promozione dell’energia elettrica da fonti rinnovabili) _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 26  
  27. 27. _______________________________________________________________________________________    DM interventi sviluppo MSE Art.32 comma 1tecnologico industrialeDm modalità calcolo MSE-MEF-MATTM- Art. 33 comma 7maggior contributo per MIPAFbiofuel UEAdeguamento Regioni Art. 11 comma 7regolamentazioni sulleERProgrammi formazione Enea Regioni e Province Art.15 comma 2installatori AutonomeTabella 2: provvedimenti attuativi attesi in seguito al decreto n.28 del marzo 2011.Ma è corretto sostenere d’altra parte il fotovoltaico in modo cosìsbilanciato? I circa 12000MW attualmente installati possono produrre circail 3% del consumo interno lordo elettrico. L’efficienza energetica, estesa atutti i settori, ha delle potenzialità di risparmio delle risorse primarie ben piùspiccato. E con una sensibilità ad incentivi che andrebbe considerata piùattentamente.Estor _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 27  
  28. 28. _______________________________________________________________________________________    Gas naturale e ondata di freddo6 febbraio 2012Su quello che in Italia è di gran lunga il vettore energetico primario, aseguito di orientamenti presi a partire perlomeno dagli anni Settanta delventesimo secolo, apro con un grafico, ricavato da elaborazioni di dati da:http://dgerm.sviluppoeconomico.gov.it/dgerm/consumigasannuali.asp :Figura 5: ripartizione dei consumi di gas naturale in Italia nel 2009, per settori, miliardi di metri cubi.Il gas naturale in Italia è il combustibile principale per la generazioneelettrica, così come nei fabbisogni termici sia di tipo civile che industriale. _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 28  
  29. 29. _______________________________________________________________________________________    Il suo approvvigionamento di solito è abbastanza affidabile , facendoricorso ad almeno 4 grosse vie e ad alcuni stoccaggi. Certo, il gestoredella rete di trasporto nazionale è una consociata dello stesso gruppodell’attore con posizione preponderante sul mercato; inoltre in caso diinterruzione delle fonti di approvvigionamento da più parti, le soluzioni davettori energetici alternativi sarebbero fortemente carenti.L’Italia d’altra parte consuma quasi un quinto dell’intera quota di gasconsumata dall’EU e, nonostante la stessa Europa abbia, ai livelli nazionali,diverse reti ben sviluppate, molto ancora c’è da fare sulle interconnessionitra le stesse.Per quanto ci riguarda, le prossime azioni dovranno:- aumentare l’effettivo livello di liberalizzazione del mercato- attenuare la dipendenza dai contratti di fornitura take or pay:- aumentare la capacità di stoccaggio (mentre il programma deirigassificatori continua a procedere a rilento)- stabilire finalmente l’unbundling societario tra i soggetti incaricati dellagestione di rete ed il principale soggetto sul mercato- sviluppare ulteriormente le piattaforme virtuali di scambio.Tutti aspetti che hanno a che fare con i timori che l’ondata di gelo di questigiorni ci metta davanti alla scelta se stare al freddo o chiudere il volantinoagli energivori che contrattualmente si sono dichiarati interrompibili.Confindustria suggerisce di grattare prima il fondo degli stoccaggi (cioè diandar sotto il livello strategico), ma si capisce che nemmeno loro sono _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 29  
  30. 30. _______________________________________________________________________________________    troppo convinti. Vi rimando al grafico di figura 2, dove faccio notare la fortestagionalità di uno dei tre grossi settori di consumo del gas naturale: quellocivile.Figura 6: andamento stagionale per i settori di maggiore consumo (e per la loro somma) .Notate (nel 2009) le medie in gennaio e dicembre sui 300 milioni di metricubi/giorno, di cui quasi due terzi nel civile; in questi giorni abbiamotoccato i 450.Ne parliamo nella seconda parte.Estor _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 30  
  31. 31. _______________________________________________________________________________________    Grande gelo vs. stoccaggi: giorni contati? Tuttii numeri8 febbraio 2012Analisi del bilancio gas nazionale sulla base di una delle ultime giornate difreddo: flussi in entrata ed uscita, capacità, progetti in corso pluriennale diapprovazione.Alcuni bilanci sul gas naturaleIn questo articolo proseguo il precedente su freddo e domanda di gasnaturale, aggiungendo molti numeri a quelli già esposti nei grafici sullestagionalità per settore. Cominciamo dalla domanda degli ultimi anni:Tabella 3: consumi di gas naturale in Italia, milioni di m3/anno (elaborazione da dati MSE)12.Insomma, il consumo nazionale si aggirava prima dell’effetto crisi attornoagli 85 miliardi di metri cubi/anno; nel 2008 e 2009 il consumo da partedelle industrie è stato drammaticamente intaccato; calo pesante anche da                                                                                                                          12 Sotto la dicitura “altri” si includono: pesca & agricoltura, autotrazione, usi non energetici, bilanciamentistatistici e perdite _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 31  
  32. 32. _______________________________________________________________________________________    parte CTE. Molto meno sensibile agli effetti economici il consumo civile,più vincolato alle condizioni climatiche (gli ultimi inverni sono stati rigidi).Ora, dal bilancio quotidiano del 6 febbraio, nella rete nazionale si sonoimmessi 460 mln m3:Tabella 4: i prelievi da rete durante la giornata del 6 febbraio 2012, milioni di mc (da dati Snam rete gas)Dai consumi per mese del precedente articolo, è piuttosto evidente comela richiesta della distribuzione (praticamente il civile) si aggiri attorno ad unavolta e mezza la media giornaliera invernale.Il sistema di approvvigionamento ha risposto in tre modi, che discuteremo:ImportazioneIl 6 febbraio sono giunti i seguenti quantitativi, in milioni di metri cubi e perordine di dimensione: -­‐ 94,0 mln m3 da Mazara del Vallo, che è il terminale di connessione con l’Algeria; -­‐ 87.6 mln m3 da Tarvisio; praticamente il gas russo, che da Baumgarten attraversa l’Austria -­‐ 55.2 mln m3 da passo Gries: il gas da Norvegia e Olanda, che attraversa la Svizzera tramite il gasdotto Transitgas; -­‐ 18.0 mln m3 da Gela, che è il terminale di connessione con la Libia. _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 32  
  33. 33. _______________________________________________________________________________________    Due note: -­‐ Transitgas lo scorso inverno era interrotto per una frana: fosse capitato ora, le conseguenze sarebbero state gravemente preoccupanti; -­‐ il progetto Galsi per la gassificazione della Sardegna, 280km di gasdotto sottomarino dall’Algeria a Porto Botte, poi da Olbia alla Toscana, contribuirebbe ad un 10% del fabbisogno italiano; gli studi si susseguono da dieci anni, ma il Galsi non ci sarà ancora per almeno qualche anno.RigassificatoriA rigore li si fa entrare nelle importazioni, per quanto siano anche unostrumento di accumulo; Panigaglia sta facendo il possibile ma è piccolo; al100% delle sue capacità ha immesso 9.4 mln m3 ; da Rovigo, chepotenzialmente ha capacità almeno doppia di Panigaglia, mare grosso eproblemi tecnici stanno limitando il contributo a 4.1 mln m3 .Quella dei rigassificatori in Italia è una questione annosa. Vari progettisono ciascuno in una fase differente del proprio iter. Ed ora bisogna anchedire che aggiudicarsi carichi di LNG13 a buon prezzo sta diventandosempre più difficile: le navi di liquefatto vanno in Asia, che domanda moltoe paga molto di più!                                                                                                                          13 Liquified Natural Gas: liquefatto alla fonte (o al porto cui giunge un gasdotto), può essere trasportato con uncosto per unità di energia immagazzinata accettabile. Ovviamente dall’altra parte può misurarsi sul mercato soloche dispone di adeguata capacità di rigassificazione _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 33  
  34. 34. _______________________________________________________________________________________    Produzione nazionaleLa produzione nazionale è quella che è; da anni la disponibilità è in calo; cisono altre possibilità esplorative, ma lo sviluppo di questi progetti vaabbastanza a rilento. Il 6 febbraio questo contributo è stato pari a 22 mlnm 3.Stoccaggi169 mln m3 è stato il contributo degli stoccaggi il 6 febbraio. Ecco alcuneconsiderazioni, qualche numero, un po’ di tecnica, qualche conclusione:-­‐ 164 mln m3 su 169 provengono da Stogit, che amministra un’infrastruttura/servizio di tutti ma fa parte del gruppo ENI (un po’ come Snam Rete Gas);-­‐ l’insieme degli stoccaggi italiani (una decina di siti) assomma a 15 Miliardi di mc di capacità;-­‐ gli stoccaggi, che ad esempio sono volumi lasciati liberi da giacimenti esauriti, vengono utilizzati in inverno e, da una pressione iniziale che può raggiungere i 300 bar, la pressione scende notevolmente fino a primavera; dopodiché il ciclo riprende, per riportare la pressione a valori più elevati in vista del nuovo inverno;-­‐ il gas contenuto nel giacimento può contabilizzarsi più o meno in: -­‐ 1/3 di “cushion gas”: da non toccare, o lo stoccaggio potrebbe perdere la sua funzionalità. Conosco un Paese che, svuotando troppo il loro unico stoccaggio, lo fece collassare, perdendolo per sempre come infrastruttura. -­‐ 2/3 di “working gas”: di questo si può invece disporre, ma vanno osservate alcune avvertenze. Fatta 65% la quantità di working gas: _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 34  
  35. 35. _______________________________________________________________________________________     o 25 assomigliano molto al “cushion gas”: si possono intaccare, ma il calo di pressione limita molto le capacità di fornitura di picco dello stoccaggio; o 15 sono cosiddette riserve “strategiche”: è quella scorta per situazioni di emergenza inevitabile; o Risulta ora chiaro che solo il restante 15% è utilizzabile in modo “libero” per la modulazione.Ora, secondo queste indicazioni, su 15 miliardi di metri cubi stoccati, 2 -2.5 miliardi e mezzo sono disponibilità “modulante”; altrettanta è quellastrategica, (da intaccare solo se inevitabile)Ai ritmi di 170 mln m3 del 6 febbraio (un po’ meno durante i week end, lecentrali alleggeriscono il loro assorbimento), è piuttosto chiaro che, ancheda stoccaggi pieni, due settimane di gelo porterebbero alla condizione didover intaccare le risorse strategiche degli stoccaggi, che a loro volta“durano” altrettanto; improbabili 4 settimane di questo freddo, ma d’altraparte siamo in febbraio, con gli stoccaggi tutt’altro che pieni.Spero di aver chiarito perché si chiede, prima di dar fondo agli stoccaggi,l’aiuto alla riduzione dei carichi industriali e di generazione elettrica.Purtroppo invece a volte è meno chiaro perché progetti che potrebberoevitarci queste situazioni devono affrontare iter di anni prima di arrivare adautorizzazione e realizzazione. A quelli che ho citato ne aggiungo altrettantiriguardanti l’aumento della capacità di stoccaggio a livello nazionale.Estor _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 35  
  36. 36. _______________________________________________________________________________________    Efficienza energetica: prendiamo le misure3 febbraio 2012Enea ha pubblicato nel mese di dicembre il secondo Rapporto Annualesull’Efficienza Energetica, che raccoglie e quantifica una serie di indicatorisullo stato di salute del sistema energetico nazionale.Le indicazioni numeriche sono senz’altro confortanti, ciò che forsepreoccupa in prospettiva è una plausibile ridefinizione delle priorità. Ilsistema energetico serve il tessuto produttivo al quale è legato a doppiofilo, e lo stato in cui quest’ultimo versa non favorisce la sensibilità degliattori al tema “efficienza energetica”.Ma focalizzando l’attenzione sul passato recente, il documento sintetizza ilreappraisal del PAEE 200714 (Piano d’Azione per l’Efficienza Energetica),redatto in applicazione della Direttiva 32/2006/CE che fissa a carico deiPaesi membri UE un obiettivo di risparmio energetico pari al 9% nel201615. Il PAEE ha innalzato tale soglia al 9,6%, ponendo altresì unobiettivo intermedio pari al 3% nel 2010, oggetto dell’attività di monitoring.Più in dettaglio sono stati quantificati, in relazione al quadriennio 2007-2010, i risparmi derivanti dall’applicazione dei seguenti strumenti:                                                                                                                          14 Recentemente rivisto con l’emissione del PAEE 2011, che introduce importanti novità riguardo ai nuovistandard di efficienza degli edifici, sottolineando altresì l’importanza di misure non tecnologiche, quali isistemi di gestione dell’Energia (ISO 50001) ed analisi LCCA.15 Variazione percentuale rispetto alla media dei consumi finali del quinquennio precedente l’emanazionedella direttiva _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 36  
  37. 37. _______________________________________________________________________________________     i. Applicazione D.Lgs 192/05 sull’efficienza energetica degli edifici; ii. Detrazione fiscale 55% su interventi di riqualificazione energetica; iii. Titoli di efficienza energetica (Certificati Bianchi);iv. Detrazioni fiscali 20% per installazione motori ad alta efficienza; v. Incentivi per rinnovo parco auto.L’applicazione di tali misure ha generato un risparmio complessivosuperiore a 32.000 GWh rispetto al consumo di riferimento, cui sisommano i saving da interventi non previsti dal PAEE pari a circa 15.000GWh per un valore complessivo di 47.000 GWh superiore all’obiettivointermedio fissato dal PAEE e pari a circa 35.000 GWh. Oltre l’80% delrisultato a consuntivo è stato garantito da 2 misure: gli interventi diriqualificazione energetica degli edifici ed il meccanismo dei CertificatiBianchi.Cambiando prospettiva è stato possibile valutare l’impatto di tali misuresull’efficienza energetica complessiva (o in modo del tutto equivalente sulla _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 37  
  38. 38. _______________________________________________________________________________________    riduzione dell’intensità energetica). L’indicatore utilizzato a tal fine èl’ODEX, che mette in relazione il rapporto tra consumo energetico (mediaponderata dei consumi settoriali di industria, residenziale, trasporti)richiesto per la produzione di una certa quantità di output con l’outputstesso. Variazioni dell’indice in aumento o in diminuzione implicanorispettivamente una minore o maggiore efficienza energetica. Le variazionidell’ODEX permettono inoltre di calcolare il risparmio energeticodepurandolo dalle componenti cicliche della produzione16.In Italia l’ODEX ha assunto nel 2009 un valore medio pari a 89,6 rispettoall’anno base (1990), pertanto nel ventennio in oggetto l’efficienzaenergetica è migliorata del 10,4%.Il settore residenziale spicca facendo registrare un miglioramentodell’ODEX del 24%, “beneficiando” per così dire del letargo iniziale e deglienormi margini di efficienza recuperabili. Pertanto con interventi dal costorelativamente contenuto17 legati in particolare ad un utilizzo più efficientedel calore (caldaie a condensazione, pompe di calore, isolanti termici,doppi vetri), ha fornito un contributo determinante al raggiungimento degliobiettivi del PAEE 2007.Il settore industriale fa registrare un più modesto 9,9% derivantedall’installazione di motori ad alta efficienza e dall’applicazione dellaCogenerazione Alto Rendimento. La prima tipologia è destinata a produrreeffetti soprattutto nel lungo periodo, in seguito all’attuazione del                                                                                                                          16 Ad esempio se l’anno t il settore residenziale consuma 10Mtep con un ODEX pari a 90 vs anno base, il risparmioenergetico sarà pari a RE = Consumo Energetico del settore * (100/ODEX-1) = 10*0,11 = 1,1 Mtep.17 Si pensi agli erogatori per doccia a basso flusso o ai kit idrici che hanno fornito un contributo sul risparmio complessivo dicirca 6.000 GWh. _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 38  
  39. 39. _______________________________________________________________________________________    Regolamento 640/2009/CE che prevede (passando per una serie di stepintermedi) dal 2017 l’immissione sul mercato di motori di classe noninferiore a IE3 Premium. La cogenerazione sconta invece la scarsaeconomicità delle installazioni al di sotto di una massa critica rilevante, e larelativa esiguità degli incentivi legati al meccanismo dei TEE.Nel settore trasporti l’incremento complessivo di efficienza è stato pari adappena l’1%: incidono l’età media del parco veicoli circolante, la nettaprevalenza del trasporto stradale rispetto alla media dei paesi Europei, lascarsa penetrazione dei biocombustibili e dei motori elettrici.Un quadro apparentemente con più luci che ombre, ma proprio l’analisidei principali fattori di successo evidenzia quanto siano ampi i margini dimiglioramento e quanto ancora si possa fare.Un esempio su tutti riguarda proprio il settore residenziale, oggetto di unaproduzione normativa senza precedenti negli ultimi anni, ma conapplicazioni concrete demandata all’esclusivo buon senso degli Enti locali.Si è assistito così al proliferare di una “giungla” legislativa dove, a lateredelle produzione nazionale alcune Regioni hanno definito variemetodologie, limiti, criteri di efficienza energetica da applicare a nuovecostruzioni e ristrutturazioni. Dopo una fase prettamente “creativa” durataquasi 20 anni, è iniziata però l’era della razionalizzazione, con l’emanazionenel 2009 prima del DPR 59 poi delle linee guida nazionali per lacertificazione energetica, che fungeranno da milestones compensando ivuoti normativi degli enti locali. _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 39  
  40. 40. _______________________________________________________________________________________    Il recente rapporto ONRE (Osservatorio Nazionale Regolamenti Edilizi) diLegambiente ha peraltro sottolineato la crescente attenzione dei Comuni alproblema energetico: al 2011 855 Comuni (circa 4 volte in più rispetto al2008) hanno integrato i propri RE inserendo strumenti di efficienzaenergetica in alcuni casi “vincolanti” per le nuove costruzioni. I parametrimaggiormente contemplati nei Regolamenti riguardano l’isolamentotermico (obbligatorio in 632 casi), l’installazione sulle nuove costruzioni dipannelli solari termici (463 Comuni), l’ecocompatibilità dei materiali dacostruzione (258 Comuni prescrivono l’obbligo di utilizzo di materialiriciclabili), l’obbligatorietà della certificazione energetica (349 RE).Persiste tuttavia un’evidente asimmetria tra Nord e Centro Sud,considerando che il 60% dei comuni virtuosi sono localizzati in Lombardia,Emilia Romagna, Piemonte e Veneto.Discorso a parte merita lo scenario dei Certificati Bianchi, la cui presenzasul mercato si è notevolmente ridotta nel 2011, a fronte di un obiettivo2012 in crescita vs anno precedente. L’AEEG è recentemente intervenutacon delibera 09/2011 con alcune modifiche volte ad incrementare il valoredei TEE, nel dettaglio: i. ha introdotto il concetto di durabilità (tau), coefficiente moltiplicativo del risparmio annuo conseguito, che tiene conto degli anni di vita utile del progetto; ii. ha ridotto la soglia minima dei progetti (con una decurtazione variabile dal 20 al 93%); _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 40  
  41. 41. _______________________________________________________________________________________     iii. ha aumentato a 180 gg il limite temporale entro cui presentare il progetto.Il tutto per incrementare la sostenibilità degli interventi capital intensive,cogenerazione su tutti. In tale direzione va anche il DM 5/9/2011 che haincrementato del 50% gli incentivi previsti per tutti gli impianti CAR,alimentati a gas naturale (ora variabili dai 12 ai 15€/MWh, contro gli 8-10della scheda analitica 21-bis). Peccato che la nota dell’Agenzia delleDogane del 6/9/2011, in materia di defiscalizzazione del combustibile,riconosca l’accisa agevolata solo sulla quota “energia elettrica” sul totale(elettrico + termico) prodotto dal cogeneratore, riducendo di fatto del 50%l’agevolazione concessa.Tale contrasto legislativo appare un deciso freno al progredire ditecnologie efficienti ma ancora di scarsa applicazione. Anche perché kitidrici ed erogatori a basso flusso (per citare esempi di interventi nonprevisti dal PAEE) non potranno sempre fare miracoli.Giacomo Gaudino _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 41  
  42. 42. _______________________________________________________________________________________    Seam4Us: efficenza energetica metropolitane14 Febbraio 2012Cofely, Gruppo GDF Suez, leader in Italia nei servizi per l’efficienzaenergetica e ambientale, ha avviato, in collaborazione con l’UniversitàPolitecnica delle Marche ed altri 7 partners europei, un progettosperimentale denominato Seam4Us – Sustainable Energy Management forUnderground Stations.Per la realizzazione del progetto è stato costituito un team internazionalecomposto da università, istituti di ricerca e società di servizi appartenenti asei Paesi europei, tra cui Italia, Spagna, Germania, Olanda, Finlandia eSvezia. Nel dettaglio i partner Cofely sono: Università Politecnica delleMarche, Università Politecnica de Catalunya (Sp), TMB-Società TrasportiMetropolitani di Barcellona (Sp), Centro di ricerca Fit Fraunhofer (Ger),Università di Kassel (Ger), Centro di ricerca Almende (Ol), Societàmultitecnica Vitt (Fin) e Società multitecnica Cnet (Svezia).In particolare, Cofely, in qualità di coordinatore del progetto, si occuperà diseguire tutti i partner suddivisi per team di lavoro, gestire l’audit energetico _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 42  
  43. 43. _______________________________________________________________________________________    preliminare e il successivo monitoraggio, oltre ad elaborare il piano didiffusione e promozione di Seam4Us sulla base dei risultati ottenuti.Il progetto consisterà nell’implementazione di un modello di monitoraggio econtrollo dei consumi energetici secondari delle stazioni metropolitane,ponendo particolare attenzione agli impianti di ventilazione, illuminazione etrasporti interni ausiliari. L’obiettivo sarà quello di implementare un sistemadi ottimizzazione dei consumi e riduzione dell’impatto ambientaleapplicabile per tutti i nuovi “energivori” metropolitani.Il progetto Seam4Us avrà durata 36 mesi e utilizza la stazione pilota diPaseo de Gracia della metropolitana di Barcellona per studiare comeridurre del 5-10% i consumi energetici annuali (che in totale ammontano a63,1 milioni di kWh), pari al consumo di 700 abitazioni, mediante l’impiegodi tecnologie e metodologie di gestione completamente innovative deisistemi ausiliari delle stazioni e che, ad oggi, rappresentano circa il 30%dei consumi totali previsti dalla struttura sotterranea.L’importanza e la novità di Seam4Us consistono nell’affrontare in modopionieristico a livello internazionale l’ambiente “stazione” nell’ottica delrisparmio energetico. _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 43  
  44. 44. _______________________________________________________________________________________    E’ la prima volta, infatti, che viene fatta un’analisi sul sistema metropolitanoprendendo in esame tutte le caratteristiche interne ed esterne dell’edificioche possono incidere sui consumi energetici, prescindendo dai consumidei treni che rappresentano il 70% dei consumi totali, mediante lo sviluppodi un sistema di controllo e supervisione della stazione e dei suoi impianti.Tale sistema sarà in grado di gestire automaticamente tutta l’infrastrutturacon una complessa rete di sensori collegati ad un server centrale, dotatodi applicativi software specificatamente sviluppati per raccogliere edelaborare i dati di carattere climatico/ambientale, gestendo gli impiantiinteressati al fine di ottimizzare il saving energetico.Tali dati verranno, infatti, elaborati, ad esempio, per il controllo automaticodell’illuminazione in base alla presenza o meno di persone presso lastazione metropolitana, oppure per la gestione dell’impianto di ventilazionein funzione delle condizioni ambientali, dell’affollamento e del passaggiodei treni.Inoltre, il sistema sarà in grado di “apprendere”, mediante specifichefunzioni, il comportamento della struttura e degli utenti nelle varie possibilicondizioni di utilizzo, anticipando le azioni correttive necessarie, perottenere il miglior risultato possibile.Qui di seguito sono evidenziate le principali fasi del progetto già attivate _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 44  
  45. 45. _______________________________________________________________________________________    Dicembre 2010: Cofely, in collaborazione con l’Università Politecnica delleMarche, presenta il progetto Seam4Us alla Commissione Europeanell’ambito del bando VII Programma Quadro, sottoprogramma “IctEnergy Efficient Technology“, volto a finanziare progetti di efficienza perstrutture pubbliche.Febbraio 2011: la Commissione Europea assegna un punteggio molto alto(14.5/15) al progetto riconoscendo, oltre al carattere innovativo delletecnologie impiegate, la sua originalità nella scelta metodologica prevista ela validità dei partner coinvolti.5 Ottobre 2011: la Commissione Europea sottoscrive il Grant Agreementche finanzia il progetto con 3 milioni di euro.20 ottobre 2011: Avvio dei lavori di Seam4Us in occasione del primo kickoff organizzativo che ha visto riuniti a Roma, presso la sede Cofely, tutti irappresentanti dei soggetti coinvolti.10 novembre 2011: a Barcellona si tiene il primo meeting operativo perl’acquisizione delle informazioni tecniche relative alle caratteristiche degliimpianti della stazione pilota e una prima raccolta dei dati. _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 45  
  46. 46. _______________________________________________________________________________________    Ecco invece le fasi del 2012:La prima fase del progetto prevede la realizzazione della diagnosienergetica della stazione Paseo de Gracia, con l’obiettivo di:- verificare su un arco di tempo significativo i consumi energeticisecondari della stazione (sistemi di ventilazione, illuminazione,movimentazione passeggeri etc.), mediante una complessa rete dimisuratori di energia;- individuare criticità ed eventuali inefficienze cause di spreco;- definire le corrispondenti soluzioni tecniche idonee all’efficientamentodella struttura.Parallelamente sarà avviata la realizzazione di una rete di sensori in gradodi monitorare l’andamento dei principali parametri ambientali interni edesterni (temperatura, umidità, concentrazione di CO2, illuminamento, flussidi passeggeri etc.).Entro il primo anno di sperimentazione sarà, quindi, possibile: ­ sviluppare un sistema informativo centralizzato di gestione in grado dielaborare tutti i dati rilevati sul campo, prevedere con metodi statistici il“comportamento” della stazione e degli utenti e impartire agli attuatoriautomatici gli ordini necessari per ottimizzare i consumi. _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 46  
  47. 47. _______________________________________________________________________________________     ­ creare un primo modello virtuale della stazione, delle condizioniambientali e dei consumi energetici,sul quale effettuare tutte le simulazionidesiderate; ­ progettare una prima rete di controlli automatici in grado di agiresugli impianti ottimizzandone il funzionamento.2013: nel corso del secondo anno tale sistema di gestione saràprogressivamente completato, integrato e portato a regime in tutte le sueparti, man mano che saranno visibili i primi risultati della sua applicazionesul campo.In particolare Cofely si occuperà di aggiornare l’audit energetico dellastazione in tempo reale, confrontando i dati raccolti con i risultati attesi,oltre a produrre le specifiche opportune per migliorare ulteriormente leprestazioni del sistema.Grazie anche alla collaborazione già avviata con le strutture dedicateall’innovazione tecnologica di Cofely España, il Gruppo fornirà unacontinua presenza sul campo, garantendo la gestione ottimale delletecnologie implementate, un corretto monitoraggio degli eventi ed unamigliore interfaccia informativa con i dipartimenti di TMB (Transportes _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 47  
  48. 48. _______________________________________________________________________________________    Metropolitanos de Barcelona) preposti all’innovazione e ricerca (es.applicativi internet, riunioni periodiche, etc.).2014: Il terzo anno vedrà l’esecuzione dei test finali di collaudo,supervisionati in tutte le loro fasi dai responsabili tecnici di Cofely;apportate le ultime modifiche al sistema, si arriverà infine alla validazionedei risultati tecnici e scientifici conseguiti, mediante i quali Cofely potràcertificare gli obiettivi raggiunti in materia di risparmio energetico.La Redazione B2corporate _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 48  
  49. 49. _______________________________________________________________________________________    Energia pulita ma quanto ci costi?20 Febbraio 2012Continua nel 1° trimestre 2012 il corso rialzista del prezzo dell’energiaelettrica che ci ha accompagnato per tutto il 2011 se si esclude una breveparentesi nel primo trimestre dello scorso anno.L’AEEG ha infatti pubblicato le nuove tariffe in vigore per il mercato dimaggior tutela (che fungono tuttavia da benchmark per il mercato libero),con incrementi più o meno consistenti e legati in particolare agli oneri disistema. 1° TRIM 2011 1° TRIM 2012 DELTA COMPOSIZIONE incidenza. incidenza PREZZO ENERGIA cent€/kWh cent€/kWh cent€/kWh % su tot. su tot. ELETTRICA Costi di rete e di 2,493 16,02% 2,557 14,78% 1,026 +2,6% misura Oneri generali di 1,4652 9,41% 2,377 13,74% 1,622 +62,2% sistema Imposte 2,2432 14,41% 2,4013 13,88% 1,070 +7,0% PED (prezzo energia 8,725 56,06% 9,18 53,05% 1,052 +5,2% + prezzo _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 49  
  50. 50. _______________________________________________________________________________________     PED (prezzo energia 8,725 56,06% 9,18 53,05% 1,052 +5,2% + prezzo dispacciamento + perequazione) Commercializzazione 0,639 4,10% 0,79 4,57% 1,236 +23,6% Totale al lordo delle 15,57 100% 17,31 100% 1,112 +11,2% impostePartendo dalla sintesi estrema, su base trimestrale il prezzo lordo finaledell’energia (comprensivo di imposte) è cresciuto del 4,9%, mentre subase annua dell’11%, portandosi da 15,57 €cents a 17,31 per kwh.La tabella seguente evidenzia, per macro voce, gli incrementi registrati trail 1° trimestre 2011 ed il corrispondente periodo del 201218Ciò che balza subito all’occhio è il “salto” compiuto dagli oneri di sistema,che comprendono una serie indefinita di voci destinate alla copertura dicosti per la promozione di fonti alternative, l’efficienza energetica e laricerca di sistema. Continuando a setacciare si scopre infine che il 90%degli oneri di sistema è da attribuire agli incentivi alle fonti rinnovabili (voceA3). Come dire, fatta la legge …..Paghiamo in particolare lo scotto del 3° conto energia FV e dei suoiantenati, che hanno determinato una corsa sfrenata agli incentivi ed unacrescita ipertrofica della potenza installata (nel corso del 2011 si è di fattoquadruplicata passando da 2.800 a 12.400 MW). In valore assoluto, gliincentivi totali passeranno da 7,9 a 10,5 miliardi di € nel 2012, di cui più                                                                                                                          18 Fonte: AEEG _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 50  
  51. 51. _______________________________________________________________________________________    del 50% destinati al finanziamento del fotovoltaico, responsabile per il 70%dell’incremento suddetto.Risultato: l’incidenza % degli oneri di sistema sul prezzo totale dell’energiapassa dal 9,41 al 13,74%.Qualche considerazione (contro):  in primis, se si considera che tra gli oneri di sistema è presente una voce destinata alla promozione dell’efficienza energetica (UC7) che rappresenta meno del 3% del totale, appare sproporzionato (per usare un eufemismo) l’”interesse” per le rinnovabili a scapito invece di interventi di risparmio energetico la cui valenza, ai fini del Pacchetto 20-20-20, è indubbiamente maggiore, in quanto contribuiscono al raggiungimento di tutti gli obiettivi;  in secundis, appare chiaro che il fardello del 3° conto energia è destinato a pesare ancora per diversi anni, benché tali maggiori oneri siano da valutare al netto dei conseguenti effetti positivi (riduzione della dipendenza da idrocarburi e della relativa incidenza sul prezzo dell’energia);  in tertiis, occorre valutare, in una prospettiva neppure troppo lontana, l’impatto dell’immissione di energia pulita sui costi di razionalizzazione ed efficientamento della rete, necessari ad accogliere produzioni intermittenti e a ridurre le congestioni. Già ad inizio anno l’Authority ha adeguato le tariffe relative alle attività di trasporto e distribuzione, riconoscendo a Terna un incremento delle _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 51  
  52. 52. _______________________________________________________________________________________     remunerazione degli investimenti 19. Ebbene, non è difficile ipotizzare che tali oneri siano destinati a crescere, così come si evince dal Piano Investimenti della compagnia (un abstract è visibile sul sito di Terna).Una considerazione (pro):  come già evidenziato da Estor in un precedente articolo, la crescita delle rinnovabili ha parzialmente de - correlato il prezzo dell’energia elettrica da quello delle fonti fossili sottostanti (petrolio e gas): nella tabella sopra si nota che la componente del prezzo legata al combustibili (PED + commercializzazione) è cresciuta del 6,5% su base annua vs un incremento del greggio ben superiore20. Il FV in particolare ha un evidente effetto calmierante, sia sui costi di produzione (la resa del FV raggiunge il picco nelle ore di massima insolazione, quando cioè l’energia da fonti tradizionali costa di più) sia sul corso della Borsa elettrica21.Ciò che resta dopo gli ultimi rincari è tuttavia la sensazione che dietro ilparavento del vincolo imposto dal Pacchetto Clima Energia si nascondaun modo un po’ destrutturato e speculativo di fare efficienza, che ancorauna volta pesa sulle spalle dei clienti finali; e che alcuni meccanismi non                                                                                                                          19 Il nuovo WACC di Terna sarà pari al 7,4% per investimenti sulla rete di trasporto in AT (8,4% se realizzati dopoil 1° gennaio 2012), e 7,6% sulla rete di distribuzione (8,6% dal primo gennaio).20 + 39% se si considera il prezzo medio 2011 vs 2010 (CIF in $/barile), + 20% tendenziale (dic 2011 vs dic2010)21 Senza volersi intrufolare nei meandri dei meccanismi di funzionamento della borsa elettrica, e delle distorsionilegate all’applicazione del System Marginal Price, vale comunque la considerazione che l’immissione sulmercato di energia dal costo marginale molto basso trasla la curva di offerta vs destra, abbassando il prezzo diequilibrio di TUTTA l’energia scambiata. _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 52  
  53. 53. _______________________________________________________________________________________    particolarmente onerosi (ad esempio le tariffe multi orarie applicate conmolta parsimonia …) potrebbero alleviare le bollette energetiche.Giacomo Gaudino _______________________________________________________________________________________     PERCORSI DI ENERGIA 2 - Raccolta di articoli Energy tratti da B2corporate | 53  

×