Sistema Operativo - LInux - Modulo 2.1
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Sistema Operativo - LInux - Modulo 2.1

on

  • 666 views

Slide sul sistema operativo Linux - Utilizzo di Files, Cartelle, Dischi da linea di comando da prof. Giuseppe Sportelli

Slide sul sistema operativo Linux - Utilizzo di Files, Cartelle, Dischi da linea di comando da prof. Giuseppe Sportelli

Statistics

Views

Total Views
666
Views on SlideShare
473
Embed Views
193

Actions

Likes
0
Downloads
12
Comments
0

5 Embeds 193

http://www.giuseppesportelli.it 84
http://www.scoop.it 77
http://elearning.itaca-project.eu 24
http://giuseppesportelli.it 7
https://duckduckgo.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Sistema Operativo - LInux - Modulo 2.1 Sistema Operativo - LInux - Modulo 2.1 Presentation Transcript

  • Parte I – conoscenza dellambiente e delle procedure base
  • Insieme di programmi che svolgono tre funzionifondamentali:Interpretazione comunicazione uomo-macchinaDiagnostica HardwareOttimizzazione Hardware
  •  Gestore dei processori (kernel o nucleo) Controllore Traffico Schedulatore Lavori Schedulatore Processi Gestore delle interruzioni Gestore della memoria Gestore delle periferiche Gestore delle informazioni (o del file system)
  • Creato da Linus Torvards da una distribuzioneminimale Minix basata su Unix nel 1991Viene inizialmente concepito come sistema operativoper applicazioni di sviluppo e serverCon lavanzare degli anni Linux sbarca nel mondo deisistemi operativi per DesktopAttualmente viene impiegato su molti computerdomestici al posto di Microsoft Windows
  • Il sistema operativo è unico ma le varianti diverse inrelazione al tipo di utilizzoEsistono distribuzioni di Linux per Desktop e Servercome SuSe, Fedora, Red Hat, UbuntuEsistono distribuzioni linux per computer datati comePuppy Linux, Dsl Linux, KnoppixEsistono distribuzioni linux per applicazioni specifichecome gestione di reti (ipcop, endian)Sono disponibili anche distribuzioni per il multimediacome DynaBolic
  • Sicuro gestisce utenti e gruppi dando la possibilitàallamministratore di poter decidere ogni utente egruppo cosa può fare sulla macchinaMulti tasking gestisce più processicontemporaneamente (esecuzione di programmi)E open source non ci sono costi di licenzaPossiede tutte le funzionalità di rete sia come client checome server.
  • Fino a qualche anno fa luso di Linux avveniva mediante Console (Terminale)
  • C Nella Console si deve utilizzare linterprete dei comandishell. Alcuni comandi sono disponibili solo perlamministratore di sistema.Nella console è possibile eseguire anche programmi.E possibile lavorare su più terminalicontemporaneamente.
  • Grazie alle librerie grafiche di X-Windows ben presto linux si è dotatodi interfaccia grafica per lutilizzo da parte di utenti meno esperti.Su X-Windows si poggiano diversi Ambienti Desktop come Kde,Gnome, Xfce, AfterStep
  •  E uno dei Desktop Manager più diffusi attualmente hauna grande stabilità è ed giunto alla versione 3.0, oggiaffiancato anche dal nuovo Desktop UnityE accessibile ovvero fruibile anche dai disabiliE utilizzato con le maggiori distribuzioni di Linux qualeUbuntu, Red Hat, Fedora, ecc.
  • Menu Applicazioni, Risorse, Sistemacontengono i programmi, le risorse fisiche presenti sulsistema dischi, lettori dvd,cd, risorese di rete. Nel menùsistema sono presenti due menù preferenze eamministrazione. Desktop o Scrivania che contiene le iconeBarra Tray che contiene le applicazioni in esecuzioneautomaticheBarra Applicazioni che riporta i programmi in esecuzioneautomatica
  • Come si nota sono presentile voci raggruppate percategorie e personalizzabilein ogni dettaglio. Tale menè attivabile anche con lacombinazione” di tasti“ALT+F1” e navigabile conle frecce del cursore.
  • La barra Tray in Gnome contiene in questo caso informazioni sullarete Wireless a cui è connesso, sul Volume della Scheda audio,sullorario. Questa zona viene anche utlizzata per le notifiche delsistemaquando ad esempio sono disponibili aggiornamenti, ecc.
  • La barra delle applicazioniriporta le applicazioni inesecuzione in quel momentosul sistema.
  • Nel menù risorse sono contenute tutte lerisorse disponibili le varie cartelle dellutente lerisorse del computer disponibili sia su linux cheeventualmente su altri supporti (ad esempioinstallazioni di Windows). Sono presenti anchele risorse di rete,la voce cerca per trovare i filese le cartelle.
  • Sono visualizzate le unità removibili e fisse del computer.
  • Supporti di memorizzazione come unità a disco fisso,removibile, o otticheDispositivi di Input/Output come mouse, tastiera,scanner, stampante, monitorCpu, memoria centrale, scheda madre, scheda audio,scheda rete, scheda video.
  • Ogni unità a disco fisso presente nel computer può esseresuddivisa in varie parti dette partizioni. Linux identifica ognipartizione con ununità logica diversa. Possono essere presentipiù partizioni ad esempio se si ha anche Windows sul computer.Linux a sua volta può avere varie partizioni ma identifica tutte lepartizioni mediante una cartella radice detta “root device”identificata da “/”. Se la root device sia fatta da una o piùpartizioni a linux non importa esso definisce un unico albero didiramazione delle cartelle.E sempre possibile aggiungere (montare) altre partizioni masempre sotto /.
  • Rappresenta la cartella o il percorso da cui si accedead unaltra partizione o ad altro supporto di memorizzazione.Non tutte le partizioni e supporti sono montati allavviodi Linux.Ogni supporto di memorizzazione in linux vieneidentificato da una device o da un file nella cartella /dev.
  • Allinstallazione Linux rileva tutti i supporti presenti sulsistema;Mette in genere in esecuzione il programmacautomounter per montare i supporti in modoautomatico.Riesce a montare diversi tipi di supporti e partizionicomprese quelle Windows,
  • In Linux la gestione di files e cartelle può avvenire sia da console che da interfaccia grafica. Ogni volta che si crea una cartella ci si deve assicurare che lutente che esegue il comando abbia le credenziali per poter effettuare loperazione. In genere ogni utente la può creare solo nella propria Home Dir e nella /tmp accessibile a tutti. Creiamo nella nostra home una cartella doc per far ciò andiamo nel menù Risorse – Cartella Home – File – Crea Cartella e diamo il nome doc. Per effettuarlo da console possiamo dare il comando: mkdir /home/studente/doc
  • Per entrare nella cartella vado nel menù – risorse – Cartella Home – doc; oppure da console cd /home/studente/doc Per ritornare alla cartella principale posso da console digitare cd / oppure nella finestra dove è visualizzata la cartella doc posso premere il pulsante su
  • Come si può notare èPulsante indicato cartella il percorso.superiore Nella parte di sinistra sono indicate le risorse complete del sistema.
  • Per utilizzarlo devo creare un punto di accesso alla miapartizione e/o supporto;Devo conoscere come viene identificato sul sistemaovvero in /dev;Devo conoscere di che tipo è il file system ovvero lapartizione se ntfs e fat32 (windows) o linux(ext2,ext3,ext4,reiserfs, xfs) ecc.Eseguo il comando di mount come amministratore root.
  • Un primo metodo prevede di dare da console ilcomando df il cui output è riportato di sotto.
  •  E un comando che riporta informazioni sui dischi e le partizioni disponibili nelsistema nonché dello spazio libero su di esso.Sono presenti alcune colonne lidentificazione come device ad esempio/dev/sda7 che indica la partizione n.7 del disco sata presente nel computer.Poi ci sono altre partizioni sullo stesso disco che sono sda1, sda2, sda5,sda6.E presente un altro supporto identificato con sdb1. Per ciascun dispositivosono poi indicati i loro punti di montaggio ad esempio sda7 è la cartellaprincipale del sistema / (partizione di root). Mentre sda1 è una partizione nonlinux montata su /media/sda1. Sotto sda7 sono poi presenti device virtuali con/varrun che contiene i file che descrivono i processi in esecuzione, udev checontiene i descrittori dellhardware del sistema, devshm è la memoria centralecondivisa che viene montata come un disco virtuale. Sono indicate la capacitàin blocchi di un 1kbyte e quanto spazio usano e quanto è libero.
  • df -h mostra loutput in forma maggiormenteleggibile infatti il primo rigo mostra le capacità ingigabyte,mentre df -T mostra anche il tipo di filesystem. File system Dimens. Usati Disp. Uso% Montato su /dev/sda7 32G 6,4G 25G 21% / Tipo di file system blocchi di 1K Usati Disponib. Uso% Montato su /dev/sda7 ext3 33546100 6660432 25181576 21% /
  • Creare se non presente una cartella come punto dimontaggio ad esempio con il comando:mkdir /mnt/disco_cSupponendo che la partizione da montare sia unapartizione windows fat32 localizzata su sda3 dare ilcomando:sudo mount -t vfat /dev/sda3 /mnt/disco_cIl comando sudo serve per seguire il comando comeroot infatti chiede la password di amministratore.
  • Il prompt dei comandiComandi per lamministrazioneComandi per la modifica dei fileComandi per i file e le cartelleComandi per la stampaProgrammi di utilità
  • il comando mount si cambia specificando nellopzione t“ntfs-3g” ovvero:mount -t ntfs-3g /dev/sda3 /mnt/disco_cPer montare un floppy si usamount -t vfat /dev/fd0 /mnt/floppy (la cartella /mnt/floppydeve esistere).
  • Il prompt dei comandi è la riga nel terminale ove èpresente il cursore e visualizza alcune informazioni.Ad esempio studente@pc:-$ indica allutente che si ècollegati con il nome studente sulla macchina di nomepc come utente non amministrativo (si riconosce dalsimbolo del $).Ogni comando di Linux si compone di una parola chiavedi opzioni indicate con “-” e di oggetti files o cartelle sulquale operare.
  • Il comando è mkdirLa sintassi del comando è:mkdir nome percorso1 nome percorso2 ..Ora nome percorso rappresenta il punto doveagganciare la nuova cartella.Ad esempiomkdir /home/studente/provaCrea la cartella allinterno del percorso /home/studente
  •  Per cancellare una cartella se vuota il comando è rmdir percorsoSe si vuole cancellare un intero albero si usa il comando rm -frpercorso-f indica che non chiede conferma ad ogni cancellazione disottocartelle allinterno del percorso-r elimina in modo ricorsivo
  • Il comando è ls opzioni percorso Alcune opzioni-h stampa lotuput in formato leggibile -a stampa tutto lelenco compresi i files e cartelle che iniziano con “.” che per Linux sono nascosti -l elenca i dettagli compresi i permessi --block-size= dimensione stampa lelenco dei files utilizzando come unità di misura per la dimensione il valore inserito ad esempio 1024k stampa in unità di 1024 kbyte.
  • Viene visualizzato parte dellelenco dei file e delle cartelle di “/”.la prima colonna indica la tipologie di oggetto “d” sta per cartella. Le prime tre lettere i permessi per lutente proprietario, le seconde per il gruppo, le terze per gli altri. Nelle colonne successive vie è visualizzato un numero inode, poi il nome dellutente proprietario e il gruppo al quale appartiene in questo caso root,root. Poi è indicata la dimensione e la data di memorizzazione. Infine il percorso o nome del file.
  • Se un files presenta la sequenza rwxr-xr-- vuole dire che lutente può leggere, scrivere e eseguire il files qualora si tratti di un programma, il gruppo può solo leggere e eseguire e gli altri (il mondo lo chiama linux) può solo leggere il file. In altri termini r sta per lettura. w per scrittura e x per esecuzione. Per impostare i permessi si usa un comando di nome chmod oggetti(utente, gruppo, mondo)+/-(rwx) nome file o cartella
  • chmod a+x prova.bin assegna il permesso diesecuzione agli utenti del mondo in esecuzione;chmod ug-x prova.bin revoca i permessi di esecuzioneal proprietario del file e al gruppo di appartenenza delproprietario. Gli altri conservano i permessi cheavevano in precedenza.chmod aug+rw prova.txt assegna i permessi di lettura escrittura a tutti gli utenti e tutti i gruppi al file prova.txt
  • Argomenti della seconda lezione Preferenze del Sistema Linux Operazioni Amministrative Fine LezioneA cura del Prof. Giuseppe Sportelli www.giuseppesportelli.it