LA SICUREZZA ANTINCENDIOCORSO DI FORMAZIONEPER ADDETTIANTINCENDIOServizio tecnico-supporti didattici-Ing.Avesani Luca-Resp...
STRUTTURA DEL CORSO Incendio e prevenzione incendi Protezione antincendio Procedure da adottare in caso di incendio Te...
IL FUOCOL’incendio e la prevenzione incendiManifestazione visibile di una reazione chimicaCOMBUSTIONEProcesso chimico che ...
PRINCIPI DELLA COMBUSTIONEL’incendio e la prevenzione incendiCOMBUSTIONE = Reazione chimica tra combustibile e comburenteE...
PRINCIPI DELLA COMBUSTIONEL’incendio e la prevenzione incendiLa combustione per poter avvenire necessita di:COMBUSTIBILE:b...
PRINCIPI DELLA COMBUSTIONEL’incendio e la prevenzione incendiRappresentazione grafica delfenomeno di combustioneIn mancanz...
PRINCIPI DELLA COMBUSTIONEL’incendio e la prevenzione incendiQuindi per poter spegnere un incendio basta agireanche su uno...
PRINCIPI DELLA COMBUSTIONEL’incendio e la prevenzione incendi…. oppure sul COMBURENTE ….COMBURENTESoffocamento: riduzione ...
PRINCIPI DELLA COMBUSTIONEL’incendio e la prevenzione incendi…. od infine …. sulla TEMPERATURARaffreddamento:sottrazione c...
ignizione propagazioneincendiogeneralizzatoestinzione(flash-over)TEMPERATURATEMPERATURATEMPOTEMPODINAMICA DELL’INCENDIOL’i...
ignizione propagazioneincendiogeneralizzatoestinzione(flash-over)TEMPERATURATEMPERATURATEMPOTEMPOL’incendio e la prevenzio...
ignizione propagazioneincendiogeneralizzatoestinzione(flash-over)TEMPERATURATEMPERATURATEMPOTEMPOL’incendio e la prevenzio...
ignizione propagazioneincendiogeneralizzatoestinzione(flash-over)TEMPERATURATEMPERATURATEMPOTEMPOL’incendio e la prevenzio...
ignizione propagazioneincendiogeneralizzatoestinzione(flash-over)TEMPERATURATEMPERATURATEMPOTEMPOL’incendio e la prevenzio...
ignizione propagazioneincendiogeneralizzatoestinzione(flash-over)TEMPERATURATEMPERATURATEMPOTEMPOL’incendio e la prevenzio...
INNESCODIRETTO: quando la fiamma, una scintilla ….toccano fisicamente il combustibileINDIRETTO: è dato dal calore prodotto...
CLASSIFICAZIONE FUOCHIL’incendio e la prevenzione incendiCLASSE NATURA FUOCOAZIONEESTINGUENTEAFuochi di materie solideDi...
L’incendio e la prevenzione incendiTemp. minima necessaria per iniziareautonomamente la combustione°CMetanoGomma sintetica...
°CPropanoPetrolioMetanoIdrogenoSOST.2230180020502205TEMP. TEORICHE DI COMBUSTIONEL’incendio e la prevenzione incendiE’ la ...
COMBUSTIONE SOLIDIL’incendio e la prevenzione incendi+ è piccola e + facilmente può avvenire la combustione+ è poroso e ...
L’incendio e la prevenzione incendiAvviene per la formazione di gas/vapori del liquido stessoUn liquido infiammabile per...
STATO DEI GASL’incendio e la prevenzione incendiSi distinguono in:LEGGERI Aventi densità rispetto all’ariainferiore a 0,8 ...
L’incendio e la prevenzione incendiConseguenza della combustione sono i prodotti da essa generati:LUCE (talvolta FIAMME), ...
L’incendio e la prevenzione incendiFUMOFormato da areosol, nebbie/vapori condensati, sospesi nell’ariaÈ abbondante tanto...
L’incendio e la prevenzione incendiPRODOTTI DELLA COMBUSTIONEGAS DICOMBUSTIONEProdotti tossici e corrosiviLa loro compos...
L’incendio e la prevenzione incendiPRODOTTI DELLA COMBUSTIONENOME FORMULA EFFETTIAmmoniaca NH3 Fortemente irritante per le...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Slide primo modulo

606 views

Published on

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
606
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
25
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Slide primo modulo

  1. 1. LA SICUREZZA ANTINCENDIOCORSO DI FORMAZIONEPER ADDETTIANTINCENDIOServizio tecnico-supporti didattici-Ing.Avesani Luca-Responsabile Area Tecnologica
  2. 2. STRUTTURA DEL CORSO Incendio e prevenzione incendi Protezione antincendio Procedure da adottare in caso di incendio Test di apprendimento Prova pratica con mezzi di estinzioneL’incendio e la prevenzione incendiServizio Tecnico-supporti didattici- Ing. Avesani Luca-Responsabile Area Tecnologica
  3. 3. IL FUOCOL’incendio e la prevenzione incendiManifestazione visibile di una reazione chimicaCOMBUSTIONEProcesso chimico che avviene tra 2 sostanzeCOMBUSTIBILE e COMBURENTEcon emissione di energia sensibileCALORE e LUCEServizio Tecnico-supporti didattici-Ing.Avesani Luca-Responsabile Area Tecnologica
  4. 4. PRINCIPI DELLA COMBUSTIONEL’incendio e la prevenzione incendiCOMBUSTIONE = Reazione chimica tra combustibile e comburenteEFFETTICOMBUSTIONE= CaloreFiamma*GasFumoLuce*LA COMBUSTIONEpuò avvenire con o senza sviluppo di fiammesuperficiali quando il combustibile non sviluppa particelle volatiliServizio Tecnico-supporti didattici-Ing.Avesani Luca-Responsabile Area Tecnologica
  5. 5. PRINCIPI DELLA COMBUSTIONEL’incendio e la prevenzione incendiLa combustione per poter avvenire necessita di:COMBUSTIBILE:benzina, legno, gomma,..INNESCO –TEMPERATURA:corto circuitoelettrico, accensionediretta, attrito…COMBURENTE: O2Servizio Tecnico-supporti didattici-Ing.Avesani Luca-Responsabile Area Tecnologica
  6. 6. PRINCIPI DELLA COMBUSTIONEL’incendio e la prevenzione incendiRappresentazione grafica delfenomeno di combustioneIn mancanza anche di uno solodei 3 elementi, la combustionenon può avvenireServizio Tecnico-supporti didattici-Ing.Avesani Luca-Responsabile Area Tecnologica
  7. 7. PRINCIPI DELLA COMBUSTIONEL’incendio e la prevenzione incendiQuindi per poter spegnere un incendio basta agireanche su uno solo dei “lati” del triangolo.Ad es. sul COMBUSTIBILE ………Allontanamento del combustibileServizio Tecnico-supporti didattici-Ing.Avesani Luca-Responsabile Area Tecnologica
  8. 8. PRINCIPI DELLA COMBUSTIONEL’incendio e la prevenzione incendi…. oppure sul COMBURENTE ….COMBURENTESoffocamento: riduzione O2Servizio Tecnico-supporti didattici-Ing.Avesani Luca-Responsabile Area Tecnologica
  9. 9. PRINCIPI DELLA COMBUSTIONEL’incendio e la prevenzione incendi…. od infine …. sulla TEMPERATURARaffreddamento:sottrazione caloreServizio Tecnico-supporti didattici-Ing.Avesani Luca-Responsabile Area Tecnologica
  10. 10. ignizione propagazioneincendiogeneralizzatoestinzione(flash-over)TEMPERATURATEMPERATURATEMPOTEMPODINAMICA DELL’INCENDIOL’incendio e la prevenzione incendiFASIDELL’INCENDIOIGNIZIONEPROPAGAZIONEINCENDIO GENERALIZZATOESTINZIONE E RAFFREDDAMENTOServizio Tecnico-supporti didattici-Ing.Avesani Luca-Responsabile Area Tecnologica
  11. 11. ignizione propagazioneincendiogeneralizzatoestinzione(flash-over)TEMPERATURATEMPERATURATEMPOTEMPOL’incendio e la prevenzione incendiDINAMICA DELL’INCENDIODipende da:Volume e geometria ambienteVentilazione ambienteCaratteristiche superficiali e di infiammabilità del combustibileDistribuzione del combustibile e possibilità di propagazione della fiammaGrado di partecipazione del fuoco del combustibilePossibilità di dissipazione del calore nel combustibileIGNIZIONEServizio Tecnico-supporti didattici-Ing.Avesani Luca-Responsabile Area Tecnologica
  12. 12. ignizione propagazioneincendiogeneralizzatoestinzione(flash-over)TEMPERATURATEMPERATURATEMPOTEMPOL’incendio e la prevenzione incendiDINAMICA DELL’INCENDIOPROPAGAZIONECaratterizzata da:Produzione gas tossici/corrosivi e fumi che riducono la visibilità partecipazione alla combustione di solidi e liquidi temperatura ed energia di irraggiamentoServizio Tecnico-supporti didattici-Ing.Avesani Luca-Responsabile Area Tecnologica
  13. 13. ignizione propagazioneincendiogeneralizzatoestinzione(flash-over)TEMPERATURATEMPERATURATEMPOTEMPOL’incendio e la prevenzione incendiDINAMICA DELL’INCENDIOFLASH OVER – PUNTO DI NON RITORNOServizio Tecnico-supporti didattici-Ing.Avesani Luca-Responsabile Area Tecnologica
  14. 14. ignizione propagazioneincendiogeneralizzatoestinzione(flash-over)TEMPERATURATEMPERATURATEMPOTEMPOL’incendio e la prevenzione incendiINCENDIOGENERALIZZATODINAMICA DELL’INCENDIOCaratterizzato da:Esponenziale di velocità di combustione e temperaturaEmissioni di gas con trasporto ascensionale/orizzontale diparticelle incandescenti per formazione di turbolenzeIn vicinanza della combustione si autoaccende anche il materialeincombustoIn lontananza l’incombusto si riscalda e produce gas infiammabiliServizio Tecnico-supporti didattici-Ing.Avesani Luca-Responsabile Area Tecnologica
  15. 15. ignizione propagazioneincendiogeneralizzatoestinzione(flash-over)TEMPERATURATEMPERATURATEMPOTEMPOL’incendio e la prevenzione incendiDINAMICA DELL’INCENDIOCaratteristica:Quando l’incendio ha bruciato tutto il materiale presente scende latemperatura per dissipazione del calore attraverso:la conduzione termicaattraverso i fumiESTINZIONEERAFFREDDAMENTOignizione propagazioneincendiogeneralizzatoestinzione(flash-over)TEMPERATURATEMPERATURATEMPOTEMPOServizio Tecnico-supporti didattici-Ing.Avesani Luca-Responsabile Area Tecnologica
  16. 16. INNESCODIRETTO: quando la fiamma, una scintilla ….toccano fisicamente il combustibileINDIRETTO: è dato dal calore prodotto daapparecchiature od altri materiali.L’innesco avviene per propagazione termicaCONVEZIONE CONDUZIONE IRRAGGIAMENTOPER ATTRITO: sfregamento di metalli tra di loro connotevole aumento della temperaturafino a raggiungere la combustionedella macchinaAUTOCOMBUSTIONE:causata da microrganismi che decompongonosostanze organiche generando umidità e temperaturafino ad innescare il fenomenoCLASSIFICAZIONE INNESCHIL’incendio e la prevenzione incendiServizio Tecnico-supporti didattici-Ing.Avesani Luca-Responsabile Area Tecnologica
  17. 17. CLASSIFICAZIONE FUOCHIL’incendio e la prevenzione incendiCLASSE NATURA FUOCOAZIONEESTINGUENTEAFuochi di materie solideDi natura organicaCombustione con produzione di braci cheardono allo stato solidoSostanze che si depositanosul combustibile senza essereinghiottite/affondate nelcombustibile stessoBFuochi di materie liquideoFuochi di materie solide che possonoliquefarsiSostanze che esercitanoazione di raffreddamento esoffocamento separandocombustibile e comburenteC Fuochi di gas (se miscelati ad aria possonogenerare esplosione)Sostanze che esercitanoazione di raffreddamento,separazione e inertizzazionedella miscela gas/ariaD Fuochi di metalli estremamente reattivi conalcuni mezzi di spegnimento come l’ H2OSoffocamento e inertizzazioneE Fuochi di natura elettricaSoffocamento e inertizzazioneMAI acquaServizio Tecnico-supporti didattici-Ing.Avesani Luca-Responsabile Area Tecnologica
  18. 18. L’incendio e la prevenzione incendiTemp. minima necessaria per iniziareautonomamente la combustione°CMetanoGomma sinteticaLegnoCartaAlcool metilicoGasolioBenzinaSOSTANZE 537300220/250230455220250TEMPERATURA DI ACCENSIONEPARAMETRI FISICI COMBUSTIONETemp. minima alla quale un liquidosviluppa vapori, che addizionatiall’aria formano una miscela, che acontatto con l’innesco dà inizio allacombustione°COlio lubrificanteAlcool etilicoAlcool metilicoGasolioBenzinaSOSTANZE+ 149+ 13+ 11+ 65- 20TEMPERATURA DI INFIAMMABILITA’Servizio Tecnico-supporti didattici-Ing.Avesani Luca-Responsabile Area Tecnologica
  19. 19. °CPropanoPetrolioMetanoIdrogenoSOST.2230180020502205TEMP. TEORICHE DI COMBUSTIONEL’incendio e la prevenzione incendiE’ la massima temperatura che si puòraggiungere facendo bruciare un datocombustibilePARAMETRI FISICI COMBUSTIONEE’ la quantità di aria contenenteesattamente tanto ossigeno quantonecessario per bruciare in manieracompleta una quantità stabilita dicombustibileNmcpolietileneAlcool etilicoBenzinaCarboneLegnoSOST.12,27,51285QUANTITA’ ARIA NECESSARIA XCOMBUSTIONE COMPLETA ALCUNESOSTANZEServizio Tecnico-supporti didattici-Ing.Avesani Luca-Responsabile Area Tecnologica
  20. 20. COMBUSTIONE SOLIDIL’incendio e la prevenzione incendi+ è piccola e + facilmente può avvenire la combustione+ è poroso e + O2 si colloca all’interno delle porositàSostanze che ausiliano/inibiscono la combustione del materiale stessoGran parte del calore di ignizione verrà speso perché il materiale perdala propria umiditàFattore che velocizza accensione e propagazione della combustioneCaratterizzata da più parametri:Servizio Tecnico-supporti didattici-Ing.Avesani Luca-Responsabile Area Tecnologica
  21. 21. L’incendio e la prevenzione incendiAvviene per la formazione di gas/vapori del liquido stessoUn liquido infiammabile per bruciare deve passare allo stato gassoso I liquidi sono suddivisi in 3 categorie:Punto di infiammabilità inf. a 21OCPunto di infiammabilità tra a 21 ÷ 65OCPunto di infiammabilità da 65OC e oltreCAT.CBALIQUIDI INFIAMMABILI: TEMPERATURA DI INFIAMMABILITA’ E CAT. DI APPARTENENZASostanza Temp. infiammabilità (OC) CategoriaBenzina - 20 AGasolio 65 CTrielina 32 BAlcool etilico 13 AOlio lubrificante 149 CCOMBUSTIONE LIQUIDI INFIAMMABILI0 21 65- 20Servizio Tecnico-supporti didattici-Ing.Avesani Luca-Responsabile Area Tecnologica
  22. 22. STATO DEI GASL’incendio e la prevenzione incendiSi distinguono in:LEGGERI Aventi densità rispetto all’ariainferiore a 0,8 …. METANO ….Aventi densità rispetto all’ariasuperiore a 0,8. …. G.P.L. ….Si classificano:COMPRESSILIQUEFATTIREFRIGERATIDISCIOLTIConservato allo stato gassoso a press.maggiore di quella atmosferica inappositi recipientiPer le sue caratteristiche chimico/fisichepuò essere liquefatto e compresso atemperatura ambienteConservati liquidi mediante refrigerazionealla temperatura di equilibrioliquido/vapore a pressione modestaConservati disciolti in un liquido ad unadeterminata pressionePESANTILEGGERIAventi densità rispetto all’ariasuperiore a 0,8. …. G.P.L. ….PESANTIServizio Tecnico-supporti didattici-Ing.Avesani Luca-Responsabile Area Tecnologica
  23. 23. L’incendio e la prevenzione incendiConseguenza della combustione sono i prodotti da essa generati:LUCE (talvolta FIAMME), FUMO, CALORE e GAS DI COMBUSTIONELUCEEmissione di luce causata dalla combustione dei gas dell’incendioA seconda del colore della fiamma si può determinare la temperaturaraggiunta1400oC1500oC1300oC1250oC1200oC1100oC700oC525 oCTEMP.AzzurraBiancoabbaglianteBiancoGiallochiaroGialloscuroRossociliegiaRossoscuroRossonascenteCOLOREPRODOTTI DELLA COMBUSTIONEServizio Tecnico-supporti didattici-Ing.Avesani Luca-Responsabile Area Tecnologica
  24. 24. L’incendio e la prevenzione incendiFUMOFormato da areosol, nebbie/vapori condensati, sospesi nell’ariaÈ abbondante tanto più è incompleta la combustione (mancanza di O2)È irritante e soffocanteLa densità è in funzione alla temp. = temp. densità del fumoe contrarioRiduce drasticamente la visibilitàPRODOTTI DELLA COMBUSTIONECALOREForma di energia sprigionata da un incendioL’uomo esposto a calore elevato subisce USTIONITemperature max sopportabili nel tempo dall’uomoTemperatura 40-50 oC +50 oC +100 oCTempo 3-5 h 1h circa Pochi minutiServizio Tecnico-supporti didattici-Ing.Avesani Luca-Responsabile Area Tecnologica
  25. 25. L’incendio e la prevenzione incendiPRODOTTI DELLA COMBUSTIONEGAS DICOMBUSTIONEProdotti tossici e corrosiviLa loro composizione dipende dal tipo di combustibilecoinvolto nell’incendioNOME FORMULA EFFETTIOssido di carbonio COAstenia, vertigini,difficoltà a respirare, colorazione rosso vivadelle mucose, perdita coscienza, morteAnidride carbonica CO2 Iperventilazione, asfissiaAnidride solforosa SO2 Danni a carico dell’apparato visivo e respiratorioAcido solfidrico H2SAltamente tossico;irrita mucose ed occhi. A seconda dellaconcentrazione ha effetti su sistema nervoso ecardiorespiratorio, morteAcido cianidrico(prussico)HCNAltamente tossico. Facilmente assorbito per via respiratoria ecutanea. Inibisce la respirazioneTabella continua a pg. successivaServizio Tecnico-supporti didattici-Ing.Avesani Luca-Responsabile Area Tecnologica
  26. 26. L’incendio e la prevenzione incendiPRODOTTI DELLA COMBUSTIONENOME FORMULA EFFETTIAmmoniaca NH3 Fortemente irritante per le mucoseAcido Fluoridrico HF Altamente tossico effetti su tutto l’organismoAldeide Acrilica CH2CHCHOElevata tossicità e con odore irritante; blocca la respirazione ealtera lo stato di coscienzaOssicloruro diCarbonio(FOSGENE)COCl2A contatto con l’H2O si scinde in HCl+CO2=dannoso per le vierespiratorie e irritante per mucose e gola. Generalacrimazione, secchezza delle fauci, costrizione cassatoracica, vomito, mal di testaAcido Cloridrico HClAltamente tossico e reattivo con l’H2O.Colpisce in primis le vierespiratorie. A contato è un acido molto corrosivoServizio Tecnico-supporti didattici-Ing.Avesani Luca-Responsabile Area Tecnologica

×