Green ideas # 25 God save the green!

382 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
382
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Green ideas # 25 God save the green!

  1. 1. Green Ideas #25: God save the green!Il documentario con le storie di verde urbano dal Nord e dal Sud del mondo in uscita nell’autunno 2012
  2. 2. Torino, Bologna, Nairobi, Casablanca, Teresina, Berlino.Città del Nord e del Sud del mondo, accomunate da storie simili: sono abitate da persone che “attraverso il verde urbano, danno un nuovo senso alla parola comunità”. Tutto ciò è raccontato nel documentario God Save theGreen, di Michele Mellara e Alessandro Rossi, la cui uscita è prevista per l’autunno del 2012. Link Youtube con il trailer del film
  3. 3. Orti urbani, coltivazioni nei balconi, nelle terrazze o neigiardini, piccoli campi in piccoli spazi, esigenza e desiderio di cibofresco e sano: il documentario parla di questa scelta di vita, semprepiù diffusa negli ultimi anni, passando per sei città in cui diversi gruppidi persone coltivano in modo diverso.God Save the Green vuole essere “l’affresco di un mondo cheattraverso il verde urbano ha ridefinito la propria esistenza perché “gliorti urbani, i giardini delle periferie, riconciliano l’uomo con gli ultimibrandelli di natura”.Ecco in sintesi alcune delle storie di “God Save the Green”…
  4. 4. L’ultimo giardino (Marocco) Nel più grande slum di Casablanca è sopravvissuto solo un unicogiardino, ha resistito all’avanzamento caotico dell’urbanizzazione di cemento e lamiera. Fornisce cibo alla famiglia di Abdellah che locoltiva in modo tradizionale (patate, coriandolo, insalata, zucche).Quello che rimane viene regalato, seguendo la tradizione religiosa islamica, agli amici, ai vicini e ai parenti.
  5. 5. Senza terra (Brasile): Un gruppo di donne di Teresina (capitale del Piauì, stato del Nord Est del Brasile povero) sono fuggite all’emarginazione sociale e alla povertà grazie alla produzione di ortaggiattraverso un’innovativa esperienza di orticultura urbana: una coltivazione idroponica realizzata con materiali di recupero. La produzione serve sia per il fabbisogno familiare sia per lavendita diretta di casa in casa, un’economia di sussistenza che produce benessere per le donne e le loro famiglie.
  6. 6. Orti Comunitari (Germania) A Berlino, a Kreuzberg, un quartiere dove una volta passava ilMuro, alcune esperienze di orti comunitari aiutano le comunità di persone ad avere cibo fresco e salutare. Inoltre diventano esperienze per condividere il tempo e lo spazio urbano dando luogo a reti di solidarietà.
  7. 7. Giardini Pensili (Italia) Un giardiniere appassionato ha creato negli ultimi dieci anni un lussureggiante giardino pensile nell’attico a terrazze in cima a un condominio di 10 piani in un quartiere residenziale di Torino. 150 metri quadrati convertiti in una sorta di orto botanico con circa 2000 specie di piante, fiori e ortaggi.Fonte: Marrai a Fura
  8. 8. E’ un’iniziativa www.aurive.it

×