Patologie orecchio esterno
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Patologie orecchio esterno

on

  • 10,227 views

Patologie infiammatorie, infettive e degenerative dell'orecchio esterno. Quadri otoscopici, eziopatogenesi e terapie.

Patologie infiammatorie, infettive e degenerative dell'orecchio esterno. Quadri otoscopici, eziopatogenesi e terapie.

Statistics

Views

Total Views
10,227
Views on SlideShare
8,816
Embed Views
1,411

Actions

Likes
1
Downloads
58
Comments
0

4 Embeds 1,411

http://www.otoiatria.it 1408
http://www.slideshare.net 1
http://webcache.googleusercontent.com 1
http://www.slideee.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Patologie orecchio esterno Presentation Transcript

  • 1. Università di Roma “La Sapienza” Dipartimento di Neurologia e Otorinolaringoiatria Dott. Giuseppe Attanasio, MD, PhD www.otoiatria.it
  • 2. FISIOLOGIA  Flora saprofita  batteri Gram + e – (stafilococchi, corinebatteri)  miceti (Pityrosporum ovale, qualche candida)  Cerume  attività battericida e fungicida pH acido www.otoiatria.it
  • 3. PATOLOGIE  INFEZIONI DEL C.U.E.  STENOSI ACQUISITE DEL C.U.E.  TUMORI  CORPI ESTRANEI  COLESTEATOMA PRIMITIVO  PATOLOGIE DERMATOLOGICHE www.otoiatria.it
  • 4. INFEZIONI  BATTERICHE  Otite esterna diffusa  Otite esterna maligna  Foruncolo del CUE  Pericondrite del padiglione  Tetano otitico (in India)  VIRALI  Zona auricolare  Otite grippale (o flittenulare)  MICOTICHE  Candida (clima temperato)  Aspergillus (clima tropicale) www.otoiatria.it
  • 5. OTITE ESTERNA DIFFUSA Dermoepidermite acuta ad insorgenza da cute lacerata o con proprietà fisico-chimiche alterate (bagni, saponi, otorrea, radioterapia) GERMI FATTORI FAVORENTI 2. Stafilococco 2. Clima caldo e umido 3. Streptococco 3. CUE stretto 4. Pseudomonas Aer. 4. Ritenzione di detriti epiderm. 5. Proteus 5. Ridotta presenza di cerume 6. Colinebatteri 6. Traumatismi locali 7. Dermatiti, psoriasi www.otoiatria.it
  • 6. OTITE ESTERNA DIFFUSA Evoluzione del processo infettivo  Edema degli strati superficiali  Ostruzione dei canali ghiandolari  Scomparsa dello strato grasso protettivo  pH  Proliferazione batterica www.otoiatria.it
  • 7. OTITE ESTERNA DIFFUSA SEGNI E SINTOMI  Dolore intenso  Ipoacusia (da stenosi)  Talvolta acufeni  Dolore alla pressione sul trago OTOSCOPIA • CUE edematoso, fino al flemmone • Miringite associata www.otoiatria.it
  • 8. OTITE ESTERNA DIFFUSA COMPLICANZE  Ascesso periauricolare  Pericondrite  Otite esterna maligna (se c’è immunodepressione)  Recidive TERAPIA LOCALE: pulizia e Merocel medicato con Neomicina (stafilocococco) o polimixina B (gram-) www.otoiatria.it
  • 9. OTITE ESTERNA MALIGNA GERME RESPONSABILE: PSEUDOMONAS AERUGINOSA Angioite necrotizzante Tossine Trombosi Enzimi proteolitici Ischemia NECROSI TISSUTALE www.otoiatria.it
  • 10. FATTORI FAVORENTI 2) Pazienti immunodepressi (anziani, diabetici) 3) Chemioterapia 4) Pazienti dopo corticoterapia a forte dosi 5) Ipogammaglobulinemia www.otoiatria.it
  • 11. OTITE ESTERNA MALIGNA MORTALITA’  20% se non c’è interessamento dei nervi cranici  50% se c’è paralisi del facciale  60-80% se vi è interessamento degli altri nn. cranici O S I SON RALI BILI LE PA VERSI IRRE www.otoiatria.it
  • 12. www.otoiatria.it
  • 13. OTITE ESTERNA MALIGNA EVOLUZIONE DEL PROCESSO INFETTIVO  Ferita del CUE  Cellulite dolorosa  Otorrea, edema e stenosi  Otalgie e cefalea intensa temporale e occipitale  Tessuto di granulazione nel CUE e poi condrite  Osteite parte inf. dell’osso timpanico e della rocca (OM normale)  Osteomielite della base del cranio  Interessamento dei nervi cranici (dopo 2 mesi)  Paralisi in successione dei nervi cranici (forame stilo-mastoideo, foro giugulare, foro condiloideo anteriore) www.otoiatria.it
  • 14. OTITE ESTERNA MALIGNA EVOLUZIONE DEL PROCESSO INFETTIVO  ……  Meningite  Ascesso intracerebrale  Trombosi del seno cavernoso  Paralisi anteriori (III, IV, VI)  Interessamento della rocca controlaterale www.otoiatria.it
  • 15. SKULL BASE FORO LACERO ANTERIORE FORO OVALE CANALE CAROTIDEO FORO SPINOSO FORAME GIUGULARE CANALE DEL N. FACCIALE www.otoiatria.it
  • 16. II C III V IV VI XI, X, IX www.otoiatria.it
  • 17. OTITE ESTERNA MALIGNA DIAGNOSI  Tampone auricolare  Glicemia e VES  TC: osteolisi dell’osso timpanico e della base cranica  RM: invasione dei tessuti molli e dei forami nervosi. Meningite  Scintigrafia:  Al Gallio: + sensibile e specifica per osso e tessuti molli, ma minore risoluzione spaziale zone di diffusione meno esatte  Al Tecnezio99: si fissa sulle zone osteogeniche della distruzione osseea. La sua negatività conferma la guarigione. www.otoiatria.it
  • 18. OTITE ESTERNA MALIGNA TERAPIA ANTIBIOTICA per almeno 2 mesi • CHINOLONI DI III GENERAZIONE – Ciprofloxacina (Ciproxin) • PENICILLINE ANTIPSEUDOMONAS INSIEME – Piperacillina (Avocin 2gx2) • AMINOGLICOSIDICI ANTIPSEUDOMONAS – Amikacina (BBK8 15mg/kg/die in 3 somm.) • IMIPENEM (Imipem 500mg) www.otoiatria.it
  • 19. OTITE ESTERNA MALIGNA OSSIGENO-TERAPIA, di supporto TERAPIA CHIRURGICA SVUOTAMENTO PETRO-MASTOIDEO, FINO ALLA PETROSECTOMIA www.otoiatria.it
  • 20. OTITE ESTERNA MALIGNA INTERRUZIONE DELLA TERAPIA  Normalità: – Clinica – VES – Scintigrafia – RM www.otoiatria.it
  • 21. MICOSI DEL C.U.E. ETIOLOGIA 2) Candida Albicans 3) Aspergillus Niger FATTORI FAVORENTI 2) Clima caldo e umido 3) CUE stretto 4) Diabete 5) Immunodepressione 6) Traumatismi locali 7) Terapia antibiotica e cortisonica protratta www.otoiatria.it
  • 22. MICOSI DEL C.U.E. SINTOMI • PRURITO • ORECCHIO OVATTATO • RESISTENZA AI COMUNI TRATTAMENTI www.otoiatria.it
  • 23. MICOSI DEL C.U.E. 3 FORME CLINICHE I, Tipica e isolata. Formazioni micotiche nel CUE nevose  candida, carboniose  aspergillus. L’otorrea è rara II, Massa caseosa biancastra o nerastra e pseudomembrane  erosioni superficiali, emorragiche e dolorose nel CUE III, COMPLICANZA: Miringite granulosa sovrainfezione batterica (Pseudomonas). MT vellutata, iperemica che può perforarsi. www.otoiatria.it
  • 24. www.otoiatria.it
  • 25. www.otoiatria.it
  • 26. MICOSI DEL C.U.E. TERAPIA LOCALE Antifungini imidazolici (non ototossici, poco allergizzanti, anti Gram +): Econazolo (Pevaryl 1% latte) Clortrimazolo (Canesten 1% crema) www.otoiatria.it
  • 27. STENOSI DEL CUE DI ORIGINE TUMORALE ESOSTOSI OSTEOMI •Proliferazione di osso compatto ISTOLOGIA •Grandi canali fibrovascolari di Havers lamellare, avascolare, ricoperta da pelle circondati da osso lamellare sana spongioso e tessuto fibroso. •Larga base di impianto •Peduncolati Porzione ossea del CUE (anteriore e/o SEDE Sutura timpano-squamosa o timpano- posteriore) mastoidea Multiple e bilaterali NUMERO Solitari e monolaterali Poco opachi RX Molto opachi Azione termica e meccanica dell’acqua FATTORI ? fredda sulla osteogenesi FAVORENTI Compressione ischemia (cuffie) Fattori intrinseci: Razza (bianca), sesso ETIO- ? (M), ereditarietà PATOGENESI Fattori estrinseci: Acqua www.otoiatria.it
  • 28. www.otoiatria.it
  • 29. www.otoiatria.it
  • 30. Esostosi e osteomi TERAPIA CHIRURGICA IMPERATIVA IN CASO DI COMPLICANZE • otiti esterne ripetute • stenosi sub-totale • colesteatoma (tra stenosi e MT) • perforazione timpanica www.otoiatria.it
  • 31. STENOSI DEL CUE DI ORIGINE TUMORALE BENIGNE MALIGNE  Cisti sebacea  Epiteliomi  Schwannoma  Nevocarcinomi  Emangioma  Hodgkins  Colesteatoma del CUE  AdenoK gh.ceruminose  Melanoma www.otoiatria.it
  • 32. COLEASTEATOMA BOTTONI (cheratosi erosiva) EPIDERMICI Da una osteite localizzata ISTOLOGIA Da una patologia cutanea, senza osteite Anziano ETA’ Giovane Normale AUDIOMETR. Ipoacusia Unilaterale SEDE Bilaterale Presente OTORREA Assente Desquamazione non occludente. CUE OTOSCOPIA Occupa completamente il CUE e dopo eroso in sede inferiore e/o posteriore. la sua asportazione la MT è ispessita, il MT normale. Ricercare SEMPRE un CUE è allargato e iperemico. interessam. di VII e mastoide • Chirurgica: Mastoidectomia ed TERAPIA • Medica: aspirazione e gocce locali eventuale decompressione del VII • Medica: 5 FU locale se il colesteatoma è piccolo www.otoiatria.it
  • 33. www.otoiatria.it
  • 34. www.otoiatria.it
  • 35. www.otoiatria.it
  • 36. TESTS DI VERIFICA www.otoiatria.it
  • 37. www.otoiatria.it
  • 38. FORUNCOLO OTITE VIRALE CANDIDA ESOSTOSI COLESTEATOMA ECZEMA www.otoiatria.it
  • 39. www.otoiatria.it
  • 40. Multiple lesioni A larga base di impianto Corticale intatta ESOSTOSI www.otoiatria.it
  • 41. www.otoiatria.it
  • 42. Lesione unica Pedunculata Unilaterale Assenza di invasione corticale OSTEOMA www.otoiatria.it
  • 43. www.otoiatria.it
  • 44. www.otoiatria.it
  • 45. Lesione unica Densità dei tessuti molli Erosione con rimodellamento dell'osso adiacente Colesteatoma del CUE www.otoiatria.it
  • 46. www.otoiatria.it
  • 47. Lesione circonferenziale Espansione delle strutture ossee Corticale integra Keratosis Obturans www.otoiatria.it
  • 48. www.otoiatria.it
  • 49. Lesione unica Distruzione della corticale ossea, senza rimodellamento Probabile neoplasia maligna www.otoiatria.it
  • 50. www.otoiatria.it
  • 51. www.otoiatria.it
  • 52. www.otoiatria.it
  • 53. HERPES ZOSTER www.otoiatria.it