• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Argomentazione
 

Argomentazione

on

  • 2,538 views

dizionario

dizionario

Statistics

Views

Total Views
2,538
Views on SlideShare
2,538
Embed Views
0

Actions

Likes
2
Downloads
14
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Argomentazione Argomentazione Document Transcript

    • ARGOMENTAZIONE Enzo Ruffaldi1.1 DefinizioneInsieme di argomenti, attività dell’argomentare.L’a. è un insieme di enunciati che presentano argomenti razionali (cioè validi per qualsiasi essereprovvisto di ragione) a sostegno di una tesi. Non ha il carattere necessitante della dimostrazione epiuttosto che alla “verità” mira al comune accordo sulla base di fatti e ragionamenti. Per questecaratteristiche, l’a. è particolarmente importante nell’analisi di problemi etici e metafisici, cioè, ingenerale, per tutto ciò che non viene considerato oggetto della scienza (anche se, particolarmentesecondo l’epistemologia più recente, la separazione non è netta e la stessa scienza fa uso diprocedure argomentative). Per lo stesso motivo, l’argomentazione, a differenza della dimostrazione,non è formalizzata in un modello e si parla, per i diversi filosofi, di diversi “stili argomentativi”, lacui analisi è particolarmente importante dal punto di vista didattico.1.2 BibliografiaStrategie discorsive e argomentazione in filosofia, in F. Cossutta, Elementi per la lettura dei testifilosofici, Bologna, Calderini, 1999, pp. 141-198. Il capitolo è seguito dall’Appendice Traccia peruna tipologia dei ragionamenti (pp. 199-205).C. Perelman, L. Olbrechts-Tyteca, Trattato dell’argomentazione. La nuova retorica, Bruxelles,1958.D. Massaro, L arte di ragionare : una guida allanalisi e alla produzione di testi argomentativi,Paravia scriptorium, Torino, 1999E. Berti, Il procedimento logico-formale e l’argomentazione retorica, "Quaderni di storia", n. 37,Gennaio-Giugno 1993, disponibile nel sito “Il Giardino dei pensieri”(http://www.ilgiardinodeipensieri.com/storiafil/berti93.htm)Marina Santi, Ragionare con il discorso. Il pensiero argomentativo nelle discussioni in classe, LaNuova Italia, Firenze, 1995Mario Pinotti, La filosofia tra senso comune e argomentazione, Sensate Esperienze n. 25 - gennaio1995Armando Girotti, Ritornare al testo argomentativo, Insegnare Filosofia 1, anno II – 19971.3 SitografiaE. Berti, Il procedimento logico-formale e largomentazione retorica [Il Giardino dei pensieri,www.ilgiardinodeipensieri.com / storia della filosofia]Elisabetta Imperato, Dialettica e argomentazione: aver ragione è ancora unarte. Schopenhauer ePerelman [Il Giardino dei pensieri, www.ilgiardinodeipensieri.com / didattica teorica]Mirella Fortino, Claudia Stancati, Federica Vercillo, Una ricognizione sullapprendimentodellargomentazione e del linguaggio filosofico [“Comunicazione filosofica”, 6, 1999, rivistatelematica della Società Filosofica Italiana].Michel Tozzi, Patrick Baranger, Michèle Benoit, Claude Vincent, Apprendere a filosofare nellescuole superiori di oggi, Paris, Hachette, 1992. [Il Giardino dei pensieri,www.ilgiardinodeipensieri.com / didattica teorica]Gino Roncaglia, Ipertesti e argomentazione [MERZWEB / (pre)testi]
    • 2.1 Definizione ragionataL’argomentazione non va confusa con la dimostrazione. Argomentare significa in primo luogoproporre “ragioni” a sostegno di una tesi, cioè individuare “argomenti” considerati validi anche perl’interlocutore, in quanto basati appunto su una razionalità comune.“Argomentazione” è però un termine procedurale, indicando non, semplicemente, un elenco diargomenti, ma la loro organizzazione in un ragionamento.È importante, sul piano didattico, riconoscere e individuare gli “stili argomentativi” dei filosofi, chea volte seguono un procedimento rigorosamente deduttivo, come Spinoza (Ethica more geometricodemonstrata) o Hobbes, ma spesso fanno uso anche, ad esempio, di metafore, di esempi, diimmagini per elaborare un percorso argomentativo [aggiungere alcuni esempi: Bacone, Cartesio,ecc.]. ***La differenza tra “dimostrare” e “argomentare” è importante da un punto di vista didattico.“Dimostrare” implica stabilire una verità assoluta o comunque oggettivamente fondata,“argomentare” una verità condivisa, sulla quale si concorda sulla base di argomenti razionali macomunque sempre provvisoria e che può essere rimessa in discussione, o approfondita, sulla base dinuovi argomenti.Il metodo argomentativo per eccellenza è quello socratico, rintracciabile nei dialoghi “aporetici” diPlatone, nei quali la verità cui si giunge non è l’ultima, né l’unica possibile, ma è comunque unpasso avanti nella comprensione del problema, perché è il risultato di un percorso fatto di“argomenti”, cioè di considerazioni razionalmente fondate.Questa prospettiva ha un’importante valenza didattica. Parlando della morale della modernità, A.Heller sostiene che, oggi, l’individuo è il solo fondamento della morale, ma si trova davanti a unbivio: considerarsi il fondamento unico della morale, o il fondamento ultimo. La differenza è chenel primo caso può dire: “Seguo questi principi perché mi conviene, o perché mi va di fare così, operché sono fatto così”. Nel secondo caso, invece, avverte l’obbligo di argomentare i propriprincipi, cioè di giustificarli alla luce di argomenti che saranno ritenuti validi da ogni altro essererazionale. Questo principio può essere riferito, almeno sul piano della formazione filosofica, ad ogniproblema, non solo morale. Ogni tesi è legittima, purché sia disponibile al confronto, e quindi siabasata su argomenti che possono essere discussi – e che devono essere motivati – in un dibattito –reale o possibile – con altri.2.2 Storia e accezioniDal latino argumentatio-onis, da argumentum, argomento; insieme di argomenti correlati,ragionamento.Principali riferimenti storiciSecondo Aristotele la conoscenza vera è data dal sillogismo apodittico, o dimostrativo, le cuiconclusioni sono sempre vere, se lo sono le premesse e se è formalmente corretto. Tale conoscenzaè applicabile però solo ad alcuni oggetti, mentre non lo è in altri ambiti, in particolare nelle scienzapratiche (etica e politica).Aristotele tratta procedure argomentative nei Topici, dove prende in esame il sillogismo dialettico,basato su premesse solo probabili, fondate sull’opinione comune (endoxa) o i luoghi (tópoi)comuni. In questo ambito, Aristotele analizza le diverse forme dell’argomentazione.Anche nella Retorica, definita come “l’arte di scoprire in ogni argomento ciò che è adatto apersuadere”, Aristotele affronta l’argomentazione, ma in questo caso, trattandosi del discorsorivolto a un uditorio, manca il momento del dialogo, del confronto.
    • In didattica della filosofia, l’argomentazione è stata rivalutata, fino a diventare uno degli aspetticentrali, da quando l’attenzione si è spostata dall’apprendimento dei contenuti a quello dellecompetenze e delle capacità, sottolineando il ruolo formativo della disciplina.Nei Programmi Brocca, si legge al quinto punto delle Finalità:L’esercizio del controllo del discorso, attraverso l’uso di strategie argomentative e di procedurelogiche. [Piani di studio della scuola secondaria superiore e programmi dei trienni. Le propostedella Commissione Brocca, Firenze, Le Monnier, 1992, tomo I p. 212]Tra gli obiettivi di apprendimento, si dà importanza alle operazioni sul testo, tra le quali:3.3 ricostruire la strategia argomentativa e rintracciarne gli scopi;3.4 saper valutare la qualità di un’argomentazione sulla base della sua coerenza interna;3.5 saper distinguere le tesi argomentate e documentate da quelle solo enunciate.[Ivi, p. 213]Il riferimento all’argomentazione torna nelle Indicazioni didattiche.Negli anni Novanta, a partire dai nuovi programmi sperimentali, il significato dell’argomentazioneè entrato nel dibattito come uno degli aspetti centrali di un nuovo modo di insegnare filosofia.“Imparare ad argomentare” è considerato uno degli obiettivi principali dell’insegnamento dellafilosofia, come abitudine a distinguere gli aspetti non condizionati dalla situazione o dallepropensioni individuali delle proprie convinzioni, da quelli condivisibili e sostenibili sulla base diargomenti validi anche per gli interlocutori. Come conseguenza non secondaria, imparare adargomentare significa anche imparare a valutare e discutere, senza pregiudizi e un atteggiamento ditolleranza, le ragioni degli altri.La Commissione dei Saggi, istituita dal ministro Berlinguer nell’ambito della progettata riforma deicicli scolastici, sottolineava nel documento conclusivo sui “saperi essenziali” l’opportunità diestendere l’insegnamento della filosofia a tutti i tipi di scuola superiore, con le seguentimotivazioni:Nella fase successiva allobbligo si deve dunque pensare a un insegnamento di "elementi difilosofia" (per tutti, qualunque sia lindirizzo prescelto) che potrebbe trattare, esemplificativamente,questioni di etica, necessarie per comprendere le forme di validazione e di argomentazione inmateria di valore, giustizia, ecc. a partire dai temi dei diritti-doveri, della cittadinanza, dellabioetica, della medicina; questioni di logica, di verità e di plausibilità, in relazione ai problemiepistemologici e alle diverse forme di linguaggi convincenti e persuasivi. È un impegno didatticoche si può realizzare agevolmente muovendo da testi filosofici accessibili, anche classici 1 sottoli-neando la funzione formativa dell’apprendimento della capacità argomentativa.2.3 Bibliografia commentataF. Cossutta, Strategie discorsive e argomentazione in filosofia, in Elementi per la lettura dei testifilosofici, Bologna, Calderini, 1999, pp. 141-198. Partendo dal presupposto che la filosofia non è mai dogmatica (semplice enunciazione di tesi) ma tende sempre a legittimare e a giustificare le proprie affermazioni, Cossutta affronta1 Le conoscenze fondamentali per l’apprendimento dei giovani nella scuola italiana nei prossimi decenni ,«Studi e documenti degli Annali della Pubblica Istruzione», Firenze, Le Monnier, 1997, pp. 85-86. Il testo integrale (I contenuti essenziali per la formazione di base, redatto da Roberto Maragliano,Clotilde Pontecorvo, Giovanni Reale, Luisa Ribolzi, Silvano Tagliagambe e Mario Vegetti) è reperibile inInternet, all’indirizzo: http://www.bdp.it/saperi/saperi01.htm
    • il problema della ricostruzione del tessuto dimostrativo e argomentativo presente in un’opera. A tale proposito parla di processo di convalida, sottolineando che tale processo comprende “tanto la semplice affermazione di una dimostrazione complessa quanto l’argomentazione, le diverse spiegazioni, le descrizioni o gli esempi, le giustificazioni attraverso cui il filosofo spiega le ragioni delle sue scelte” [p. 142]. In questo processo distingue la dimostrazione, che tende a fondare la verità delle asserzioni di per sé, indipendentemente dalla comunicazione, dalla strategia discorsiva, che include anche la dimensione argomentativa, rivolta a persuadere l’interlocutore senza pretendere alla verità in sé delle asserzioni. Prende poi in esame alcuni testi “a dominanza dimostrativa” (l’Etica di Spinoza o il Tractatus di Wittgenstein) e altri “a dominanza argomentativa” (le opere di Bergson e di Nietzsche), o altri in cui le due dimensioni si alternano e si uniscono, come le tra Critiche kantiane. Cossutta approfondisce quindi l’analisi dell’argomentazione, che spesso si inserisce nel contesto di “scenari filosofici” costruiti attraverso metafore, finzioni narrative, ecc. L’ultima parte si sofferma sugli aspetti logici dell’argomentazione, analizzando “il ruolo degli operatori modali nella convalida filosofica” [p. 177 sgg.] e altri aspetti tecnici della costruzione delle argomentazioni.Marina Santi, Ragionare con il discorso. Il pensiero argomentativo nelle discussioni in classe, LaNuova Italia, Firenze, 1995. Esperta di “Philosophy for Children”, Santi analizza le caratteristiche e la funzione dell’argomentazione soprattutto nella didattica della scuola primaria, ma molte delle sue considerazioni hanno validità generale. La tesi di fondo è che si può fare del pensiero e della ragione obiettivi dell’educazione, e che esistono strategie didattiche, analizzate nell’opera, per raggiungere tale scopo. L’analisi della Santi si inquadra nelle coordinate psicologiche del costruttivismo (in relazione al quale viene sottolineato il carattere creativo del pensiero) e la teoria di Vygotskij, che valorizza il “pensiero condiviso” e la dimensione sociale della psiche. In questo quadro, l’A. distingue tra dimostrazione e argomentazione, rifiutando tecnicismi logici e analizzando le caratteristiche di un pensiero coerente e rigoroso ma non legato a un unico modello e calato nella quotidianità. L’argomentare deve diventare un vero e proprio atteggiamento, relativo ad ogni aspetto della vita e del rapporto con gli altri, costituendo il fondamento di un pensiero critico e consapevole. Nella seconda parte, l’A. entra nel merito del “filosofare con i bambini”, proponendo strategie didattiche e analizzando esperienze concrete.Mario Pinotti, La filosofia tra senso comune e argomentazione, Sensate Esperienze n. 25 - gennaio1995 [disponibile in Internet all’indirizzo: http://www.swif.uniba.it/lei/scuola/sensate/sens95a.htm] L’A. muove dall’esigenza di cogliere il legame tra filosofia e quotidianità, in modo da avvicinare le teorie filosofiche all’esperienza degli studenti e mostrare come esse possano costituire degli strumenti per interpretare il proprio vissuto. Il metodo didattico per raggiungere questo obiettivo è il dibattito a partire da domande poste agli studenti o dagli studenti. I dibattiti, guidati dall’insegnante rispetto alla forma, mirano ad acquisire la capacità di argomentare, cioè di motivare le proprie tesi sulla base di ragioni condivisibili o comunque oggetto di valutazione comune. Ai dibattiti fanno seguito la lettura delle opere e la produzione di testi argomentativi, in modo da trovare nei classici della filosofia risposte a domande scaturite dall’esperienza degli studenti e da consolidare un atteggiamento verso l’argomentare, cioè la capacità di analizzare e discutere le posizioni proprie e altrui.Armando Girotti, Ritornare al testo argomentativo, Insegnare Filosofia 1, anno II – 1997,disponibile in Internet all’indirizzo: http://www.swif.uniba.it/lei/scuola/insfil/ins4_8.htm
    • L’A. contesta “la matematizzazione della natura e la tecnologizzazione della vita” checaratterizzano la società contemporanea. Sul piano didattico questo atteggiamento si traduce nelprivilegiare il sapere dimostrativo, scientifico, rispetto a quello argomentativo.La capacità di problematizzare e di argomentare è invece di fondamentale importanza, sia perché iproblemi principali dell’esistenza e della società non possono essere affrontati con metodoscientifico, sia per creare negli studenti la capacità di interpretare in modo critico e consapevole imessaggi veicolati dai mass-media e dalla comunicazione quotidiana. Il conseguimento di questoobiettivo passa attraverso una circolarità presente-passato-presente, attraverso la lettura delle operedei filosofi che sono in grado di dare agli studenti gli strumenti per l’analisi dei problemi, peraffrontare in modo non acritico e banalmente pragmatico la riflessione sulla propria esperienza esull’attualità.Michel Tozzi, Patrick Baranger, Michèle Benoit, Claude Vincent, Apprendre à philosopher dansles lycées daujourdhui, Paris, Hachette, 1992. In un saggio disponibile nel sito “Il Giardino dei pensieri” 2, gli autori sostengono che non esiste un unico modello di argomentazione. Occorre in via preliminare chiarire che cosa si intenda con “prova” in filosofia e in che cosa consista la specificità dellargomentazione filosofica. Il modello cartesiano, ad esempio, presuppone un soggetto universale e una ragione comune a tutti gli uomini. Essa, ed è il secondo presupposto, è in grado di condurre alla verità, unica e universale. Esistono inoltre diversi livelli dellargomentazione. A quello più basso è possibile individuare alcune esigenze logiche sulle quali cè accordo. Gli argomenti: (a) non devono contraddirsi, (b) devono essere coerenti con la tesi sostenuta e (c) con altri argomenti a sostegno della stessa tesi. Occorrerà imparare a distinguere largomentazione da altre forme di linguaggio, come lesempio, lesperienza personale o le citazioni, che possono essere usate come illustrazione ma non come prova. Sul piano didattico, occorre lavorare sui prerequisiti della capacità argomentativa, affinché gli alunni sappiano correttamente usare «le articolazioni logiche e le strutture di pensiero che esse esprimono: causa/effetto; principio/conseguenza; con i connettivi linguistici appropriati (ma, tuttavia, allora, dunque, ecc.), cioè padroneggiare la logica delle operazioni formali»3. Imparare ad argomentare, oltre allimportanza in sé come dimensione specifica della filosofia, contribuisce al conseguimento di importanti finalità, come la capacità di decentrare il proprio punto di vista, prendendo in considerazione le ragioni dellaltro e distinguendo il piano della convinzione personale da quello della razionalità universale, o quanto meno impersonale in quanto fondata su argomenti non legati alla propria particolarità, validi anche per gli altri uomini; inoltre contribuirà a costruire unottica critica anche relativamente alle tesi non dimostrate, o dimostrate in modo ingannevole e privo di validità logica, abbondantemente presenti nella comunicazione e nel comportamento sociali (basti pensare ai pregiudizi o alle tecniche di comunicazione usate nei mass-media, e non solo nella pubblicità). Insegnare ad argomentare deve essere previsto come punto qualificante e specifico della programmazione, stabilendo modalità ed esercizi, senza considerare questa finalità implicita2 Michel Tozzi, Patrick Baranger, Michèle Benoit, Claude Vincent, Apprendre à philosopher dans les lycéesdaujourdhui, Paris, Hachette, 1992. La traduzione italiana, curata da M. Trombino (Apprendere a filosofare nelleScuole Superiori di oggi, 1996), è reperibile nel sito Internet Il giardino dei pensieri, allindirizzo:<http://www.ilgiardinodeipensieri.com/artdida1/Tozzi1.html>.3 Ibidem.
    • e per così dire, già data nello studio della filosofia. È vero, daltra parte, che al di là delle operazioni didattiche descritte, insegnare ad argomentare dovrebbe costituire il filo conduttore della didattica, ritrovandosi nellanalisi dei testi, nello studio e nellesposizione dei diversi sistemi di pensiero, ecc. Ma è altrettanto vero che senza unazione didattica intenzionale ed esplicita, spesso questa finalità viene raggiunta in modo molto parziale.42.4 Sitografia commentataElisabetta Imperato Elisabetta Imperato, Dialettica e argomentazione: aver ragione è ancoraunarte. Schopenhauer e Perelman [Il Giardino dei pensieri]E. Berti, Il procedimento logico-formale e largomentazione retorica [Il Giardino dei pensieri]Mirella Fortino, Claudia Stancati, Federica Vercillo, Una ricognizione sullapprendimentodellargomentazione e del linguaggio filosofico [“Comunicazione filosofica”, rivista telematicadella Società Filosofica Italiana].Gino Roncaglia, Ipertesti e argomentazione(http://www.merzweb.com/ipertesti/Ipertesti%20e%20argomentazione.htm)Roncaglia affronta il tema dell’ipertesto per mostrarne, in prospettiva filosofica, la potenzialitàargomentativa. Si richiama al saggio Socrates in the Labyrinth del filosofo David Kolb, scritto indue versioni, una tradizionale e una ipertestuale.Roncaglia sottolinea il carattere prevalentemente “lineare” delle argomentazioni filosofichetradizionali e il vantaggio, soprattutto su un piano didattico, della versione ipertestuale, capace dievidenziare i diversi livelli argomentativi e la pluralità di prospettive a partire dalle quali possonoessere affrontati i problemi filosofici. E. Berti, Il procedimento logico-formale e largomentazioneretorica [Il Giardino dei pensieri, www.ilgiardinodeipensieri.com / storia della filosofia]Elisabetta Imperato, Dialettica e argomentazione: aver ragione è ancora unarte. Schopenhauer ePerelman [Il Giardino dei pensieri, www.ilgiardinodeipensieri.com / didattica teorica]Mirella Fortino, Claudia Stancati, Federica Vercillo, Una ricognizione sullapprendimentodellargomentazione e del linguaggio filosofico [“Comunicazione filosofica”, 6, 1999, rivistatelematica della Società Filosofica Italiana].Michel Tozzi, Patrick Baranger, Michèle Benoit, Claude Vincent, Apprendere a filosofare nellescuole superiori di oggi, Paris, Hachette, 1992. [Il Giardino dei pensieri,www.ilgiardinodeipensieri.com / didattica teorica]Gino Roncaglia, Ipertesti e argomentazione [MERZWEB / (pre)testi] Roncaglia affronta il temadell’ipertesto per mostrarne, in prospettiva filosofica, la potenzialità argomentativa. Si richiama alsaggio Socrates in the Labyrinth del filosofo David Kolb, scritto in due versioni, una tradizionale euna ipertestuale.Roncaglia sottolinea il carattere prevalentemente “lineare” delle argomentazioni filosofichetradizionali e il vantaggio, soprattutto su un piano didattico, della versione ipertestuale, capace dievidenziare i diversi livelli argomentativi e la pluralità di prospettive a partire dalle quali possonoessere affrontati i problemi filosofici.Alcuni aspetti della teoria dellargomentazione di Perelman,http://digilander.libero.it/perelman/argomentazione.htm4 Il brano è tratto da: E. Ruffaldi, Insegnare filosofia, Firenze, La Nuova Italia, 1999, pp. 214-215.
    • All’interno di un sito dedicato interamente a Perelman, una sezione analizza la sua teoriadell’argomentazione.Johann Jakob Engel. Tentativo di un metodo per sviluppare la dottrina della ragione sullabase dei dialoghi platonici Traduzione di Gigliola Grazi, introduzione e note di Livio Rossetti),Insegnare Filosofia 1, anno II, 1997http://www.swif.uniba.it/lei/scuola/insfil/ins4_4.htm
    • 3. Documentazione3.1 I classiciSecondo Wittgenstein, ogni argomentazione, anzi la possibilità stessa di argomentare, si basa suassunzioni di fondo, non argomentabili a loro volta, che vengono assunte come verità evidenti,come punti di partenza indubitabili. “Il dubbio viene dopo la certezza”, scrive nelle stesse pagine.Tali “verità” cambiano da epoca a epoca. …105. Tutti i controlli, tutte le conferme e le confutazioni di un’assunzione, hanno luogo giàall’interno di un sistema. E precisamente, questo sistema non è un punto di partenza più o menoarbitrario, e più o meno dubbio di tutte le nostre argomentazioni, ma appartiene all’essenza diquello che noi chiamiamo argomentazione. Il sistema non è tanto il punto di partenza, quantopiuttosto l’elemento vitale dell’argomentazione.L. Wittgenstein, Della certezza, pp. 19-20.3.2 Letteratura critica e saggiStrategie discorsive e argomentazione in filosofia, in F. Cossutta, Elementi per la lettura dei testifilosofici, Bologna, Calderini, 1999, pp. 141-198.Nella Conclusione Cossutta riassume gli aspetti salienti dell’argomentazione, che non è riducibilealla forma logica ma prevede anche l’analisi dello scenario, dello stile espositivo e delle altrecomponenti riassunte nella tabella.Le indicazioni date in questo capitolo non permettono da sole di dar conto della totalità deifenomeni di argomentazione ed ancora meno di dimostrazione. Abbiamo voluto, a partire daldispositivo messo in opera nel capitolo 1 (una struttura generale dellenunciazione filosofica),mostrare ciò che ne deriva nella strategia discorsiva. Si può riassumere questa determinazione comein tabella alla pagina seguente.Dopo avere indicato il ruolo che questi quadri enunciativi rivestono nella strutturazioneargomentata, bisognerà per essere completi procedere:- ad unanalisi delle regole di costruzione delle argomentazioni che possono passare dalla più grandesemplicità a forme complesse, e questo presuppone laver definito la natura degli elementi cheentrano nel ragionamento (basi di evidenza, modi di traduzione delle evidenze);- ad una esplorazione delle forme dimostrative (cfr. oltre, Appendice) e soprattuttoallaggiornamento della loro articolazione con i fenomeni di argomentazione.
    • Enunciazione Effetti testuali argomentazioneScenario filosofico strategia globale di convalide e modi di disposizione delle prove esposizioneDispositivo presa in carica enunciativa variazionidelle persone sulluniversalizzazione del punto1a di vista2a processo didattico e pedagogico persuasione e esplicitazione3a processo dialogico e polemico schema di confutazione/ squalificaModalità valutazioni dallenunciatore, schema di convalida dellenunciazione e degli enunciati(indici e percorsi modali)Proprietà metatestualità: auto-esplicitazione teorizzazione della convalidametalinguistiche argomentativa, possibilità dellimplicito di postulati argomentazioneCon largomentazione tocchiamo una funzione filosofica essenziale: in effetti essa non procede soloalla costruzione e alla legittimazione delle tesi, sebbene sia quello il suo ruolo più visibile e senzadubbio il fondamentale, ma permette anche di costruire e di legittimare gli altri elementi costituentidella dottrina (problematizzazioni, scelte tematiche, confutazione e incorporazione delle teorieavverse, costruzioni concettuali ... ). Essa riveste anche un grande ruolo nella ripartizione dei sotto-insiemi che compongono la totalità sistematica poiché lordine di esposizione deve essere essostesso ragionato.Marina Santi, Ragionare con il discorso. Il pensiero argomentativo nelle discussioni in classe, LaNuova Italia, Firenze, 1995, pp. 5-6.In apertura dell’opera, Santi motiva l’importanza del ragionamento e dell’argomentazione per laformazione del pensiero ma anche etica degli studenti. Questa correlazione sembra particolarmenteimportante, poiché l’apprendere ad argomentare non deve tradursi in una specializzazione nellalogica, ma nella formazione di un atteggiamento critico che si basa anche su strumenti tecnici manon ne fa l’aspetto esclusivo né quello preminente della didattica.Considerare pensiero e ragione come obiettivi delleducazione, solleva numerosi interrogativi, checorrispondono allesigenza di fornire basi e giustificazioni filosofiche, psicologiche e pedagogiche a questadifficile impresa.Innanzi tutto occorre chiarire lorizzonte filosofico entro cui collocare lindagine. Ciò significa scegliere una trale tante versioni di «pensiero» e «ragione» offerte nella storia della cultura e giustificarla sul pianoepistemologico. È ovvio che questa scelta non può prescindere dal panorama filosofico contemporaneo.Si deve poi tentare di descrivere e spiegare come avvengono i processi di pensiero dal punto di vista piùstrettamente scientifico, controllando sperimentalmente attendibilità e potere euristico delle diverse teorieelaborate - e ciò ricade nellambito della psicologia e delle cosiddette scienze cognitive.In terzo luogo è necessario precisare in che modo la ragione - così filosoficamente collocata epsicologicamente definita - può costituire un obiettivo pedagogico importante, se non il più importante. Laricerca pedagogica nel giustificare questo fine educativo individua i modi, i tempi e gli spazi più idonei arealizzare degli interventi formativi efficaci, ove allapprendimento del pensare corrisponda leffettivoesercizio di una potenzialità intellettuale libera e creativa e non lappiattimento ideologico verso un successoaccademico riconosciuto in base a canoni rigidi ed esiti preconfezionati. Ciò può avvenire nella misura in cuisi assume che razionalità e ragionevolezza sono:- fini intrinseci, dal punto di vista della difesa delle peculiarità, dei diritti e della dignità degli esseri umani;
    • - mezzi rivolti al raggiungimento di obiettivi di alto valore formativo ed esistenziale, utili alla persona sulpiano individuale e sociale;- competenze cognitive fondamentali, che consentono lo sviluppo di processi di pensiero di elevato livello;- attributi essenziali di un progetto educativo che escluda a priori ogni approccio alla persona di tipoindottrinante, massificante ed ideologico.Educare alla ragione non è, dunque, né un progetto risolvibile in termini di fini specifici e mezzi necessari, néuna mera questione di ottimizzazione di capacità, di prestazioni e abilità cognitive isolate. Educare allaragione è una scelta di senso globale che ogni generazione fa rispetto a se stessa ed al suo futuro,assumendosi il carico di pensare e far pensare gli individui entro un orizzonte di valori umani diversificati macoerenti in se stessi. Si tratta, in ultima analisi, di un atto di profonda fiducia e di autentico rispetto per ilvalore e le potenzialità della vita umana. Rispetto per la libertà e fede nella ragione. Sì, perché se da un latosi tratta di attribuire un ruolo fondamentale allargomentazione ragionata e al controllo su base esperienzialedelle proprie teorie e credenze, dallaltro la scelta della ragionevolezza non è qualcosa che può esseredimostrata dai fatti. «Sebbene la si possa sottoporre a discussione - scrive Popper - essa riposa in ultimaanalisi su una decisione irrazionale, nella fede della ragione. Ma questa scelta a favore della ragione non è diordine puramente intellettuale, bensì di ordine morale. Essa condiziona tutto il nostro atteggiamento versogli altri uomini e verso i problemi della vita sociale. [ ... ] La fede nella ragione, anche nella ragione deglialtri, implica lidea di imparzialità, di tolleranza, di rifiuto di ogni pretesa autoritaria» (Reale e Antiseri, 1983,p. 755).3.3. Percorsi in InternetL’argomentazione, legata per più aspetti alla logica, ha molto spazio nella filosofia di linguainglese, la cui didattica è incentrata sull’analisi del linguaggio. Sono numerose in Internet le guide(in qualche caso dei veri e propri trattati) per comporre saggi argomentativi (ArgumentativeEssays), obbligatori per molti corsi universitari britannici, statunitensi e australiani.Ne segnaliamo due, particolarmente completi.Il primo, Writing Argumentative Essays(http://www.eslplanet.com/teachertools/argueweb/frntpage.htm)è curato da Bill Daly, docente australiano.Si apre con la distinzione tra “Debatable e non-debatable statements”, cioè asserti argomentabili omeno (i secondi sono i fatti). Le due sefinizioni sono seguite da una serie di esercizi a sceltamultipla.Uno degli aspetti caratteristici di questo corso è infatti la ricchezza di esercizi, consistenti sia inverifiche della comprensione di ogni lezione, sia in casi concreti dei quali si propone un’analisiguidata, articolata in una serie di passaggi.La parte centrale del corso è dedicata all’analisi dei connettivi del linguaggio ordinario chescandiscono l’argomentazione, introducendo i diversi argomenti, principali o di supporto (“inprimo luogo”, “in secondo luogo”, inoltre”, ecc.).Il corso invita anche a considerare i possibili argomenti contrari alla tesi principale, a documentarein modo appropriato i propri argomenti, a trarre le conclusioni utilizzando tutti i passaggiprecedenti.Si tratta, insomma, di una guida approfondita all’organizzazione e alla strutturazione delragionamento, prima ancora che alla composizione di saggi argomentativi scritti.Meno completa e più lineare è la guidaEssays and Arguments: A Handbook on Writing Argumentative and Interpretative Essays(www.mala.bc.ca/~johnstoi/arguments/argument1.htm), organizzata in undici paragrafi chescandiscono I passaggi del saggio argomentativo.
    • Il saggio argomentativo è così centrale nell’insegnamento dei Paesi anglofoni che esistono in reteraccolte di saggi scaricabili a pagamento. Quella presente all’indirizzo:http://www.planetpapers.com/Social_Issues/index.phpè invece gratuita. Contiene quasi duecento saggi, che vanno dall’aborto ai diritti animali, dallapolitica alla clonazione alla droga.Per approfondire il problema e avere una rassegna più ampia dei siti relativi ai saggi argomentativi,sarà utili la pagina http://www.philosophy.unimelb.edu.au/reason/critical/guides.htmlche offre una raccolta delle risorse disponibili in Internet sull’argomento.