Assodimoda Marzo
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Assodimoda Marzo

on

  • 2,246 views

Magazine Marzo

Magazine Marzo

Statistics

Views

Total Views
2,246
Views on SlideShare
2,243
Embed Views
3

Actions

Likes
0
Downloads
1
Comments
0

1 Embed 3

http://www.slideshare.net 3

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Assodimoda Marzo Assodimoda Marzo Presentation Transcript

  • numero Pubblicazione mensile Pubblicazione mensile digitale Registrata presso il tribunale di Milano il 27/11/2008 nr 702 Distribuzione gratuita. Editore Grafiche Milani s.p.a. 3 Milano P.le Cadorna 6 Direttore responsabile Massimo Costa. redazione@grafichemilani.it organo ufficiale di ASSOMODA N I Notizie su aziende, showroom, distribuzione e novità ..... VE NZIO CON IL CAMINETTO DEL PRESIDENTE Giulio di Sabato incontra Editoriale Manuele Malenotti di Belstaff Azienda del mese Stilista del mese Showroom del mese Temporary news Fashion designers Giovani Notizie Assomoda Moda/Economia La Vetrina annunci Manifestazioni /09 E... Da sinistra Manuele Malenotti, Brad Pitt, George Clooney, Michele Malenotti
  • Azienda del Mese La prima domanda è di carattere generale e riguarda sono convinto che alcuni valori tipici del marchio la crisi: che cosa ne pensi e soprattutto come la af- Belstaff, come qualità – autenticità e tradizione – fronti? nel futuro saranno sempre più apprezzati. Io amo dire che “non c’è futuro senza radici”. Inevitabile la risposta: la crisi indubbiamente c’è e an- Noi abbiamo rilevato Belstaff nel 2004 e da subito che la moda ne è stata colpita, perché è di natura strut- abbiamo cercato di non perdere il rapporto con le turale e, soprattutto, riguarda tutto il mondo e tutti i origini del marchio: un marchio britannico, che pur settori. Però non posso negare che il nostro successo divenuto italiano, ha mantenuto il suo allure british continua e l’entusiasmo non ci ha abbandonato; anzi nonché l’impronta tecnico-qualitativa originale.
  • Azienda del Mese A proposito di negozi, parliamo un po’ della distribuzione. Lo sviluppo distributivo sta proseguendo con costanza e smante. In pochi anni un aumento esponenziale della discreta rapidità: se si pensa che nel 2005 avevamo un rete vendita e una crescita del retail nel suo complesso solo punto vendita, e oggi contiamo 9 negozi diretti e 7 superiore al 70% outlet, non si può negare che la crescita sia stata entusia- View slide
  • Azienda del Mese Insomma per Belstaff la crisi non è così nera Quali sono attualmente i mercati più interessanti? come la dipinge certa stampa. Come sai anche tu, il mercato più interessante degli Ritengo che la crisi c’è e si sente ovunque nel mondo. ultimi anni è stato quello russo e dei Paesi dell’Est: un Però non bisogna drammatizzare, anche perché nei mercato che attualmente è in calo ma sul quale siamo periodi di crisi si può crescere. Ho sempre pensato ben radicati. La situazione è invece positiva per quan- che ciò che conta è avere idee e voglia di innovare: to riguarda Medio ed Estremo Oriente e anche diversi “le idee non hanno tempo” è un altro dei miei slogan Paesi Europei, in particolare la Spagna dove la recen- preferiti. te apertura del nostro monomarca è stata accolta posi- tivamente e con risultati significativi. View slide
  • Azienda del Mese Per quanto riguarda la comunicazione, come vi muovete? Direi innanzitutto che i negozi sono anche investimen- ti nella comunicazione, oltreché nella vendita: avere vetrine in città importanti consente infatti di elevare il quoziente di vi- sibilità e appea- ling. In generale circa l’8% del budget viene mediamente de- dicato alla co- municazione; non trascuriamo alcun mezzo e operiamo anche on line sia a li- vello pubblicita- rio sia, soprat- tutto, come shop on line. La visibilità globa- I fratelli Malenotti le è sicuramente aumentata in modo straordinario: pen- con alcuni personaggi sa che in 3 anni le nostre vendite che erano per il 100- dello Star System % in italia oggi sono equamente suddivise: 50% Italia e 50% estero.
  • Azienda del Mese Il rapporto col cinema è legato alla vostra storia, come procede? Indubbiamente il legame con il mondo del cinema è stata una scelta strategica che si è rilevata fondamenta- le per consolidare il successo del-l’Azienda.Abbiamo “partecipato” a 70 produzioni cine- matografiche e i nostri capi hanno vestito alcune tra le star più amate di Hollywood; “Aviator” con Leo- nardo Di Caprio, pellicola che ha vinto l’Oscar nel 2004 per i miglio- ri costumi, è stato il film più incisi- vo sul piano degli esiti commercia- li. Ma anche l’ultimo Indiana Jones ci ha consentito straordinari risulta- ti di vendita. Ora nelle sale c’è il film con Brad Pitt, “Il curioso caso di Benjamin Button” e, nel prossimo futuro, diversi film importanti con personaggi come Johnny Depp. Belstaff è un mar- Leonardo Di Caprio dal film “The Aviator” chio glamour ma, non dimentichiamolo, è anche un ca- po tecnico che va apprezzato per le sue qualità di resi- stenza e versatilità: che cosa meglio del cinema per ve- rificare le straordinarie capacità dei nostri capi, come testimonia un film come “Mission Impossible”.
  • Azienda del Mese Chiudiamo con una domanda generale come la prima: che ne pensi del sistema moda italiano? Però penso che il nostro sistema moda, anche quello Penso anch’io, come altri imprenditori, che sarebbe attuale, sia tra i più importanti a livello mondiale e che, nell’interesse del sistema cercare, da parte di tutti, di grazie anche all’Expo 2015, possa ulteriormente svi- fare squadra; di lavorare con maggiore coesione crean- lupparsi sia a livello fieristico sia a livello di creatività do le opportune sinergie. e di stile, qualità che sono connaturate nel DNA italiano.
  • Stilista del mese Jenny Packham Intervistiamo il Ceo di Jenny Packham, C’è innegabilmente, oltre alle difficoltà eco- Matthew Anderson, che della brava stilista nomiche oggettive, un chiaro fattore psicolo- inglese è anche marito. gico che influisce negativamente sui consu- matori; una sorta di blocco che i media, sof- Mr. Anderson, ci dica che cosa ne pensa della crisi che stiamo vivendo? fiando sul fuoco, rendono ancora più serrato Direi che per la nostra azienda ci sono due e duraturo. linee di business: l’abito da sposa e quello da sera. Il primo è in netta crescita, superio- Veniamo ai mercati: quali bene e quali re al 20% complessivamente; mentre l’abito meno bene? da sera patisce un calo di circa il 10%, so- Direi che il Medio Oriente è quello che con- prattutto a causa della debacle russa. C’è però un dato tinua ad andare bene, ma ci sono positività in Europa. significativo, vale a dire che non ci sono mai stati tan- Va meno bene la Russia e c’è un modesto mercato a- ti clienti nuovi come oggi: sono clienti di ottimo livel- mericano che si mantiene stabile. lo che, attualmente, non fanno ordini straordinari ma Tra le realtà dinamiche per la nostra azienda c’è anche che in futuro potranno incrementare le loro richieste. l’Italia, dove riscontriamo una crescita omogenea su Peraltro anche i vecchi clienti, pur riducendo il budget tutto il territorio. Per gli abiti da sera, molto esclusivi e di spesa, mantengono fedeltà al nostro brand. ricercati, abbiamo importanti presenze tra i top retailers di Milano, Roma, Napoli, Porto Cervo. Nel nord si Non trova che ci sia un’eccessiva crudezza dei me- vende bene anche il “corto”, mentre nel sud la richiesta dia nel parlare della crisi, soprattutto nella moda? è più sul “lungo”. Si, sono d’accordo e osservo che i media inglesi non si differenziano di molto da quelli italiani.
  • Stilista del mese Jenny Packham
  • Stilista del mese Jenny Packham Parliamo di distribuzione. Come siete organizzati? Un ultima domanda sulla moda italiana. Che cosa ne Operiamo sia con rete vendita diretta che indiretta. Per pensa del sistema moda in Italia? quanto riguarda la sposa abbiamo due flagship store in Direi che il sistema italiano della moda è il più conge- Belgravia, quartiere assai noto di Londra, mentre per stionato del mondo, ricco di talenti, di aziende e di la sera ne abbiamo uno in Kuwait e un altro a Londra showroom. È vero che molti designer provengono dalla in Myfairmount Street. Nell’ambito del franchising Central Saint Martin School of Art & Design, come del prevediamo prossime aperture a Beirut e Parigi, men- resto Jenny, ma lo stile italiano rimane un dato di fatto tre a Milano è in programma a medio termine. Inoltre incontrovertibile. Forse se c’è un settore in cui gli stilisti con Sari Spazio lavoriamo da alcuni anni per la distri- inglesi sono i più bravi è proprio quello degli abiti da buzione in Italia, Medio ed Estremo Oriente nonché sera. per i Paesi dell’Est. E per la comunicazione? Innanzitutto la sfilata è un investimento importante per la comunicazione. Ci avvaliamo di un p.r. interna e di un’altra a Los Angeles. Inoltre, un occhio di riguardo l’abbiamo sempre riservato al “celebrity placement”, che crediamo sia un po’ la linfa vitale per la visibilità e il riconoscimento della nostra azienda. Basti pensare che un capo è diventato il best delle mostre collezioni perché è stato indossato da Elisabeth Hurley: oggi si chiama Elisabeth come lei.
  • Stilista del mese Jenny Packham
  • IL TEMPORARY SHOP DEL MESE Ognuno di noi ricorda: •10% di quello che legge •15% di quello che ascolta •80% delle esperienze personali Brandstorming, oggi membro del clan Ninjamarketing, nasce a metà del 200- 8, all’interno di un palazzo di ringhie- ra di fine ‘800 nella zona dei Navigli a Milano. Brandstorming viene concepito come Temporary Store e Temporary Showroom e per volere dei suoi fon- datori, Paco Salvini e Jacopo Attardo, già soci in borderline-adv.com, ha da subito accolto e promosso attività di marketing esperienziale. L’idea nasce da un’esperienza reale, da un palazzo e dalla trasformazione di spazi privati in spazi da dedicare al- la condivisione, alla ricerca di nuove modalità di incontro tra marca e consumatore. L’idea nasce dal concetto che il modo migliore di comunica- re con i consumatori sia iniziare a considerarli come persone. Le persone amano incontrarsi, conversare, interagire e vivere esperienze sempre nuove, questo è l’obiettivo di Brandstorming: COINVOLGERE IN MANIERA INNOVATIVA E CREATIVA.
  • IL TEMPORARY SHOP DEL MESE Nelle 4 mura di Brandstorming si racchiude un mondo (temporary store, concept store, pop-up store, nomad con infinite situazioni, tante storie ed emozioni per store, etc.). Tutte le nuove forme di interazione tra mar- tanti brand, ogni volta l’esperienza è diversa, i 5 sensi ca e persone vengono catalogate sul blog www.brand- vengono attivati sempre con modalità differenti. Il storming.it, dove possono essere consultate e analizza- network nazionale e internazionale che si è sviluppato te. Il progetto Brandstorming è in continua evoluzione, intorno a questa struttura, rende possibile la creazione presto sperimenteremo nuove forme di dialogo e moda- di mood sempre diversi e attività sempre innovative e lità di interazione. Come le vendite a contrattazione suggestive. Il tutto è supportato da una ricerca e un pensate sullo stampo dei suq marocchini, dove l’espe- monitoraggio costanti su tutte le attività di marketing rienza di acquisto va ben oltre la semplice transazione esperienziale sviluppate nel mondo economica, uno spazio ed un
  • IL TEMPORARY SHOP DEL MESE tempo particolare, contrattatori professionisti, prodotti renderemo i semplici cittadini autori e portavoce delle ricercati, e tanta voglia di divertirsi provocando in ma- loro esperienze. Il Brandstorming viene utilizzato an- niera positiva l’utente, facendogli vivere attivamente il che come punto di contaminazione e interazione di processo d’acquisto e il prodotto stesso. nuovi business, uno spazio sfruttabile per incontrare Il coinvolgimento della comunità non si limiterà solo differenti figure professionali, attività esclusivamente alle attività di vendita, a breve nel nostro blog, una se- rivolte al BtoB. zione dedicata allo sviluppo di contest, nella quale
  • IL TEMPORARY SHOP DEL MESE Dal 9 al 23 Maggio 2009 Brandstorming ospiterà un originale evento moda HUGGIES che coinvolgerà neo-mamme e piccolissimi. Un appuntamento destinato a rivoluzionare il look dei più piccini. Come ad esempio è accaduto con i soci di Billboard, delle attività di riciclaggio ad hoc, dando continuità a un’esperienza basata sui valori di unicità e creatività. Una investimenti già realizzati e un nuovo valore ad un ma- vera e propria trasformazione dei materiali, una soluzione teriale che altrimenti sarebbe scartato. concreta di recupero e di riciclaggio creativo per tutte Brandstorming incontra Billboard, per creare un modo quelle aziende che utilizzano le affissioni pubblicitarie in più attento per sviluppare valore, in termini di prodot- pvc. Billboard, progetto di Creative Recycling Industry, si to, creatività e riciclaggio. Esempio della flessibilità. affianca al marketing delle aziende clienti creando
  • Moda/Economia ANCHE IL TESSILE/ABBIGLIAMENTO CINESE PERDE COLPI CON LA CRISI GLOBALE La Cina si riconferma leader indiscusso nelle primi 11 mesi del 2008, con una flessione del- esportazioni mondiali di tessile - abbigliamen- l'1,7% rispetto allo stesso periodo del 2007. I- to, ma il calo globale dei consumi sta colpendo nolte le stime per il primo quarter del 2009 so- anche le aziende del settore che, per la prima no di un ulteriore -30%. Se si considerano sol- volta in 10 anni, accusano una discesa nei pro- tanto le imprese di grandi dimensioni, la produ- fitti. Intanto l'Italia chiude il 2008 con un zione stimata tra gennaio e febbraio è cresciuta +27% dell'export verso questo Paese, che nel del 16,55%, cioè 8 punti percentuali in meno ri- 2015 dovrebbe avvicinarsi a quota 1,4 miliardi spetto allo stesso periodo di un anno prima. Le di abitanti. Come è emerso dal recente conve- imprese a tutt'oggi giudicate in buona salute gno organizzato da Smi e Intesa Sanpaolo, inti- ammontano a un terzo del totale: registrano il tolato “Percorsi di internazionalizzazione del- 98% dei ricavi di tutto il comparto e nel perio- l'industria tessile e moda italiana”, la manifat- do gennaio-agosto hanno realizzato mediamen- tura tessile della Repubblica Popolare te un +33% del fatturato. (concentrata nel sud-est, presso i distretti del E se nel 2008 il tessile cinese ha segnato un Guangdong, Zhejiang, Jiangsu e Fujian) ha rea- +15,9% nelle esportazioni verso il resto del lizzato 15,3 miliardi di dollari di fatturato nei mondo, toccando un nuovo massimo
  • Moda/Economia ANCHE IL TESSILE/ABBIGLIAMENTO CINESE PERDE COLPI CON LA CRISI GLOBALE consecutivo dal 2000, per la prima volta in no- provvedimenti per sviluppare i consumi, rende ve anni l'export di abbigliamento è cresciuto a l'ex Celeste Impero sempre meno una minaccia un tasso a cifra singola (+4% sul 2007). e sempre più un'opportunità, come emerso al Molte di queste aziende oggi hanno deciso di convegno. Sebbene i dati tra il 2000 e il 2006 concentrarsi meno su mercati quali gli Usa e rivelino che la spesa delle famiglie cinesi per il l'Europa, per conquistare i consumatori dome- stici. Anche il governo ha in progetto un piano vestiario e la moda resta fissa intorno al 1- per supportare i consumi interni di tessile - ab- 0%, confortano i numeri sull'interscambio bigliamento, in parallelo con la messa a punto commerciale Italia-Cina elaborati da Smi per di un pacchetto di stimoli per le aziende del l'intero 2008: le esportazioni di abbigliamento- settore, a partire dai prestiti agevolati. L'orien- moda made in Italy sono cresciute dal 27,3% a tamento delle autorità è, inoltre, quello di por- 129,5 milioni di euro. Tra le voci spiccano i ve- tare alla chiusura gli impianti obsoleti, di eli- minare quelli energy-intensive e inquinanti, stiti (in tessuto e pelle), che hanno segnato un nonché di riallocare la produzione dal sud-est +34,3%, la maglieria e la calzetteria con un verso aree più centrali e occidentali. L'ipotesi +18,8%, come pure il tessile per la casa con un di aziende più in linea con i canoni europei, +38%. della creazione di nuovi posti di lavoro e di Tratto da Fashion magazine del 18 febbraio 2009
  • Moda/Economia LA MODA PER BAMBINI IN CRESCITA ANCHE NEL 2008 Le aziende dell’abbigliamento junior, fino a po- Nel 2008 l’industria italiana della moda junior chi anni fa Cenerentola della moda italiana, ha remato contro le turbolenze internazionali stanno riscattando a suon di risultati un passato aumentando, secondo le stime Smi, il fatturato di scarsa attenzione all’ombra delle griffe per a- del 2,6% (a 2,74 miliardi) e l’export del 3,4% dulti. (a 737 milioni, quota che sfiora il 27%). La spesa per l’acquisto di capi junior si è dunque Ora che tutti i grandi brand si sono lanciati a re- confermata sostanzialmente “incomprimibile” alizzare linee junior, e che il settore può contare o, come segnala Smi, più indipendente rispet- su una linea internazionale con oltre 500 marchi to alla disponibilità di reddito. Per quest’anno com’è Pitti Bimbo, l’interesse del mercato cre- il bimbo è uno dei pochi segmenti del sistema sce e le vendite pure. moda che non vede nero.
  • Moda/Economia NUOVE PROSPETTIVE PER I FILATI MADE IN ITALY Per l’industria italiana dei filati la cosa più dif- milioni di fatturato 2008 (in calo del 13% ri- ficile, ormai, non è fare campionari e listini ma spetto al 2007) – e chi lo ha fatto in passato a- prevedere l’andamento del mercato. desso sta ripensando la scelta>>. Anche perché In questa fase di crisi, particolarmente pesante i grandi marchi, che si erano affidati a maglifici per il comparto della filatura (-7,3% il fatturato orientali, hanno cominciato a fare marcia indie- 2008, -18% l’export secondo le stime di Siste- tro. <<C’è un ritorno alle produzioni fatte in I- ma Moda Italia) schiacciato dalla concorrenza talia perché hanno un’immagine più forte e dei Paesi a basso costo della manodopera e dal consentono maggiore flessibilità, evitando ai deprezzamento del dollaro, le aziende sono co- compratori di programmare con largo antici- strette a lavorare alla giornata, con scarsa pro- po>>, spiega Piero Taddeucci Sassolini del La- grammazione, piccoli ordini e molte incognite. nificio dell’Olivo, 17 milioni di fatturato 2008 (-7% sul 2007) e la volontà di continuare a in- Ma anche con una consapevolezza nuova: vestire nella ricerca di nuovi prodotti. <<Andare a produrre in Cina non è la soluzio- Il ritrovato appeal dei filati made in Italy è una ne ai nostri problemi – spiega Alfredo Botto di buona cosa per un comparto che fattura tre mi- Zegna Baruffa, la più grande industria del set- liardi di euro e che, nonostante la crisi, conta tore con 800 addetti e 95 ancora parecchie eccellenze.
  • Manifestazioni FIERE DI SETTORE di competenza, delle provvigioni, dei pro- dotti e della clientela Pitti Immagine 2009 di competenza, delle provvigioni, dei prodotti e della clientela affidati. «Fra leaffidati. «Fra le altre altre novità -afferma A- novità -afferma Adal- Uomo + W_Woman vicepresidente vicario dell’Unione del Commercio di Milano dalberto Corsi, presidente di FNAARC (e precollection 13 – 16 gennaio  berto Corsi, presidente di è la precisa vice- - viFNAARC (e definizione del momento di pagamento delle provvigioni, si puntualizza vicario del- presidente meglio l’ap- l’Unione del patto di non concorrenza post-contrattuale e plicazione del Com- 16si istituisce l’Ente mercio di Milano - vi è – 19 giugno  Bilaterale per assicura- la precisa definizione del momento di paga- re la formazione professionale a tutti gli agenti e appresentanti. quest’ultimo punto èmolto importante Firenze mento l’intero sistema distributivo che richiede agli agenti – 24 sempre maggiore qualitàpuntualizza perché èdelle provvi- Bimbo gioni, si 22 unagrande collaborazione edie non con- gennaio  professio- meglio l’applicazione nalità». «L’accordo -conclude Corsi- è stato reso possibile dalla del patto sensibilità d correnza post- 25 – 27 giugno  contrattuale e si isti- Confcommercio con il presidente Carlo Sangalli. Ora attendiamo pari attenzione e sensibilità anche da parte delle organizzazioni dell’industria».di competenza, delle provvigioni, deile per assicurare la tuisce l’Ente Bilatera- Firenze prodotti e della cliente- formazione professio- novità la affidati. «Fra le altreFilati -afferma Adalberto Corsi,28 – 30 gennaio  nale a tutti gli agenti e presidente di FNAARC (e vicepresidente vi- appresentanti. que- Commercio di Milano - vi è la precisa definizione del st’ultimo punto èmolto cario dell’Unione del momento di pagamento importante perché è 1 – 3 luglio  l’intero sistema distri- delle provvigioni, si puntualizza meglio l’applicazione del patto di non concorrenza post-contrattuale e si istituisce l’Ente Bilaterale per assicurare la formazione professionale a tutti agenti unae sempre butivo che richiede a- Firenze gli gli agenti rappre- maggiore qualità e Touch! Neozone Cloudnine sentanti. professionalità». Quest’ultimo punto è 1 – 3 marzo  «L’accordo -concludemolto importante perché è l’intero sistema distributivo che richiede agli agenti u- Corsi- è stato reso pos- sibile dalla grande 27 – 29 settembre stato reso possibile dal- na sempre maggiore qualità e professionalità». «L’accordo -conclude Corsi-  è collaborazione e sensi- bilità di Confcommer- la grande collaborazione e sensibilità di Confcommercio Milano presidente Carlo Sangalli.presidente con il cio con il Ora atten- Carlo pari attenzione e sensibilità anche da parte delle organizzazioni dell’industria».di competenza diamo Sangalli. Ora attendiamo pari atten- Taste e della clientela affidati. «Fra– 16 marzo  zione provvigioni, dei prodotti delle e sensibilità an- 14 le altre novità -afferma Adalberto Corsi che da parte delle or- ganizzazioni FNAARC (e vicepresidente vicario dell’Unione del Commercio didustria».divi è la precisa presidente di dell’in- Firenze Milano - competen- za, delle provvigioni, Modaprima dei prodotti e della definizione del momento di pagamento delle provvigioni, si puntualizza meglio l’applicazione del pat- 23 – Bilaterale per assicurarealtre novità - 25 maggio  clientela concorrenza post-contrattuale e si istituisce l’Ente to di non affidati. «Fra le la formazione afferma Adalberto professionale a tutti gli agenti e rappresentanti. 28 – 30 novembre  Corsi, presidente di FNAARC (e vicepresi-molto importante perché è l’intero sistema distributivo che richiede agli agenti u- Quest’ultimo punto è Milano dente vicario dell’U- nione del Commercio Fragranze na sempre maggiore qualità e professionalità». «L’accordo -conclude Corsi- è di Milano - vi è la pre- stato reso possibile dal- cisa definizione del la grande collaborazione e sensibilità di Confcommercio con il11 – 13presidente  Carlo Sangalli.pagamen- settembre momento di Ora atten- diamo pari attenzione Firenze si puntualizza meglio to delle provvigioni, e sensibilità anche da parte delle organizzazioni dell’industria».di competenza delle provvigioni, dei prodotti e della clientela affidati. «Fra le altre novità -affermadi non concor- l’applicazione del patto Adalberto Corsi presidente di FNAARC (e vicepresidente vicario dell’Unioneassicurare la formazione professionale a renza post-contrattuale e si istituisce l’Ente Bilaterale per del Commercio di Milano - vi è la precisa
  • Notizie da ASSOMODA NUOVO ACCORDO NAZIONALE PER IL COMMERCIO RIGUARDA 120.000 AGENTI E RAPPRESENTANTI Siglato a Roma tra FNAARC (e le altre organizzazioni di categoria) e Confcommercio, Confesercenti e Confcooperative È stato siglato lunedì 16 febbraio a Roma tra ta del rapporto d’agenzia e sull’incremento delle FNAARC (la Federazione nazionale degli a- vendite ottenuto dall’agente; - si fissa -spiega genti e rappresentanti di commercio) con le al- FNAARC- un rapporto concreto molto più chiaro tre associazioni di categoria degli agenti e fra agente e casa mandante riguardo all’incarico Confcommercio, Confcooperative (settore di agenzia: dove esiste un rapporto di agenzia di commercio) e Confesercenti, il nuovo accordo economico collettivo per il settore del com- fatto (cioè con vendite e pagamenti di provvigio- mercio. ni) l’agente viene comunque tutelato anche in as- L’accordo -che riguarda 120.000 agenti e rap- senza di un preciso contratto scritto oppure se al- presentanti di commercio in tutta Italia - con- l’agente è stato conferito un contratto di natura tiene alcuni punti molto innovativi: diversa (esempio: incarico di collaborazione). I- - gli agenti di commercio, rileva FNAARC, ot- noltre, in caso di contenzioso fra agente di com- tengono un significativo incremento economi- co dell’indennità meritocratica, una delle tre mercio e casa mandante, si può chiudere la ver- indennità di fine rapporto d’agenzia (le altre tenza presso le associazioni sindacali con un valo- sono il FIRR, il Fondo indennità risoluzione re definitivo per entrambe le parti; - è stato intro- rapporto e l’indennità di clientela) che vengo- dotta -aggiunge FNAARC- una migliore tutela, a no tutte confermate dal nuovo accordo. L’in- vantaggio dell’agente, per le riduzioni della zona dennità meritocratica è parametrata sulla dura-
  • Notizie da ASSOMODA NUOVO ACCORDO NAZIONALE PER IL COMMERCIO RIGUARDA 120.000 AGENTI E RAPPRESENTANTI di competenza, delle provvigioni, dei prodotti e della clientela affidati. «Fra le altre novità - afferma Adalberto Corsi, presidente di FNA- ARC (e vicepresidente vicario dell’Unione del Commercio di Milano) - vi è la precisa defini- zione del momento di pagamento delle provvi- gioni, si puntualizza meglio l’applicazione del patto di non concorrenza post- contrattuale e si istituisce l’Ente Bilaterale Carlo Sangalli per assicurare la formazione professionale a tutti gli agenti e rappresentanti. Quest’ultimo punto è molto importante per- ché è l’intero sistema distributivo che richiede agli agenti una sempre maggiore qualità e professionalità». «L’accordo -conclude Corsi- è stato reso possibile dalla grande collabora- zione e sensibilità di Confcommercio con il presidente Carlo Sangalli. Ora attendiamo pa- ri attenzione e sensibilità anche da parte delle organizzazioni dell’industria». Adalberto Corsi
  • Notizie da ASSOMODA PRIMA ASSEMBLEA A TORINO DI MODA & SPORT Il giorno giovedi 22 maggio 2008, presso la sede Circolo della Scherma di Torino, alle ore 14,20 si è riunita la prima Assem- blea Costituente della nuova Associazione che riunisce MODAMEETING e SPORT & MARKETING ASSOCIATION. Con grande orgoglio annunciamo la costituzione della nuova Associazione denominata MODA&SPORT Questo Atto corona gli sforzi associazione scindendo le esigenze iniziati diversi anni orsono, che operative dei colleghi da quelle sin- alcuni Colleghi lungimiranti dacali convivono due anime di rap- hanno portato avanti fino a ri- presentanza, l’USARCI e la FNARC unire in una unica territoriale che insieme collaborano per la un centinaio di Agenzie or- difesa dei diritti della categoria. Lo ganizzate che impiegano circa studio e l’architettura conseguente trecento operatori del campo delle regole che uniscono i nostri as- fashion e sport. E’ doveroso citare la serietà e l’im- sociati derivano quindi da una lunga e profonda analisi della pegno di personaggi come Leopoldo Rovera, Marco situazione professionale attuale e ci rendono consapevoli e Turrini, Guido Ceva, Filippo Burzio, Giorgio Peres- più forti nei confronti dell’ambiente operativo. La dote di son, Reinero Ranieri, Bruno Baron, Marcello Raz- iniziative come l’agenda catalogo, l’esperienza del sito zolini, Luciano Pilichi e soprattutto Massimo Billi e internet, la costruzione del primo “Palazzo della moda” in Marco De Albertis che assieme al sottoscritto hanno Italia, l’organizzazione di fiere operative negli ambiti sport profuso sforzi per arrivare a questo risultato. e fashion, l’organizzazione di convegni che coinvolgono L’unione di due entità “storiche” come Modameet- operatori del settore e istituzioni, sarà messa a frutto nell’ot- ing e Sport&marketing arriva dopo un percorso di tica di una continuità di lavoro e di principi con le Associ- iniziative portate a compimento in collaborazione e azioni confluenti. Proprio in questo senso verranno svilup- a una serie di incontri in commissione per approfon- pati importanti progetti di cui verrà data notizia. Certi della dire a livello di Statuto,Regolamento e Codice mo- vostra soddisfazione. rale la fattibilità di un progetto che intendeva man- Dott. Pierpaolo Porro - Presidente Moda&sport tenere gli originali diritti, doveri e spirito delle asso- Con Dott.Barbara Aimar - Pubbliche relazioni Moda&sport ciazioni confluenti. In questo momento in questa
  • LA VETRINA DEGLI ANNUNCI Per inserire i vostri annunci redazione@grafichemilani.it FASHION DESIGNER Nei pressi del locale in oggetto c’è ampia possibilità di parcheg- Ragazza anni 22 diploma Scuola di Moda Burgo. gio pubblico e privato. (parcheggio di Villa Borghese, o il Gamma completa donna, si propone per stage parking Ludovisi ). in aziende (Milano e dintorni) (Tel. 339 3942013) Per informazioni rivolgersi alla Segreteria Assotemporary Tel. 02.7750.363/250 – Fax. 02.7750.409 TEMPORARY E-mail: assotemporary@unione.milano.it Un nostro socio ha disponibilità per subito di ampio Tempo- rary Shop - Showroom: superficie 200 mq, 9 vetrine d'ango- lo, in via Borgonuovo 1, in fondo alla via Montenapoleone. RICERCA AGENTI Splendida opportunità per presentare/vendere i Vostri pro- Agente plurimarca cercasi per Italia e paesi europei, marchio dotti, a prezzi last minute! Numero verde 800 895562 prestigioso di cravatte “MILA SCHON”. Contattare - Dr. Aldo Milli - tel.02/4367971 – info@aldomilli.it RICERCA AGENTI Siamo una ditta di servizi spagnola. Il nostro obbiettivo ACQUISIZIONE STOCK principale è presentare ai produttori interessati ad esportare Consulente moda, contatti a livello nazionale ed internazionale, o importare prodotti in tutto il mondo attraverso agenti o valuta e definisce possibili acquisizioni di stock nell’ambito rappresentanti commerciali. Noi lavoriamo con una ditta moda, abbigliamento, accessori, intimo. spagnola, che ricerca agenti di commercio in Italia e produce Esclusivamente quantitativi rilevanti, marchi e brand afferma- vestiti di cerimonia per donna. ti sul mercato. (Tel. 335.6666819) Contattare la Segreteria di Assomoda (Tel. 02.7750.363) AGENTE MODA OFFRESI LOCAZIONE IMMOBILE Agente specializzato nel settore moda valuta possibilità di nuo- Situato in posizione estremamente centrale in palazzo d’epo- vi mandati di agenzia e/o di collaborazioni nell’ambito di agen- ca a pochi passi da Via V. Veneto e a ridosso di Villa Borghese zie e showroom lombarde. in un punto strategico di Roma, di grande passaggio, e ben Contattare la Segreteria di Assomoda (Tel. 02.7750.363) collegato, Vi proponiamo esclusivo locale commerciale di 230 mq fronte strada. STAGE IN SHOWROOM L’immobile in oggetto ha n. 3 ingressi su strada ed essendo Assomoda valuta candidature da offrire ai propri associati per ottimamente posizionato gode di una elevata visibilità ed è stage in showroom, anche attraverso la collaborazione con lo particolarmente adatto per uffici finanziari , sportelli banca- sportello Informagiovani del Comune di Milano. ri o primaria attività commerciale.
  • LA VETRINA DEGLI ANNUNCI Per inserire i vostri annunci redazione@grafichemilani.it
  • ELISA_MARRETTA MARIELA_TESEVA VALENTINA_BACCHIN1 MADDALENA_ORLANDO giovani LORENA_TRES Fashion designer VALENTINA_BACCHIN1 ELISA_MARRETTA Scuola di Moda Burgo
  • Liu Huixin_ Liu Huixin Liu Huixin Burcu Betul Ozturk Alessia Arensi giovani Fashion designer Alessia Arensi ELISA_MARRETTA Alessia Arensi Scuola di Moda Burgo
  • Showroom del mese PROFILO AZIENDALE SARI SPAZIO Presidente – Dott. Giulio di SABATO Presidente di Assomoda dal 2003 e Presidente di Assotem- Negli anni ha sviluppato un’importante attività di distri- porary, Membro della Camera Nazionale della moda, sie- buzione e rappresentanza non solo sul territorio italiano de nel Consiglio Direttivo di Fnaarc, la più importante or- ed europeo, ma anche nei mercati in continua crescita come Medio ed Estremo Oriente, CIS & Russia, Paesi ganizzazione italiana degli agenti di commercio. Ha fon- dell’Est Europa espandendo il suo business e svilup- dato nel 1988 Sari Spazio una delle più famose pando un network distributivo in oltre 50 paesi nel showroom di Milano. mondo.
  • Showroom del mese SARI SPAZIO
  • Showroom del mese SARI SPAZIO Ad oggi, vanta un portafoglio di 3.000 clienti tra bou- DISTRIBUZIONE tique, department store e luxury shop. La sua forza sta E VENDITA PAESI DELL’EST EUROPA nel saper rappresentare, con la stessa professionalità ed MEDIO ORIENTE SLOVENIA entusiasmo, marchi conosciuti e giovani brand su cui ISRAELE REPUBBLICA CECA negli ultimi anni ha focalizzato l’attenzione. La sua ca- LIBANO POLONIA pacità è quella di tradurre in realtà concrete le esigenze ARABIA SAUD. CROAZIA in costante evoluzione del mercato, creando una strate- EMIRATI ARABI SERBIA gia ad hoc per i suo brand e andando instancabilmente QATAR MONTENEGRO KUWAIT UNGHERIA alla ricerca di nuovi potenziali clienti. SIRIA BULGARIA GIORDANIA ROMANIA STRUTTURA AZIENDALE OMAN SLOVACCHIA SARI SPAZIO ha creato uno STAFF Team di giovani BAHREIN CSI RUSSIA e volenterosi professionisti, che con il loro “motto” A- EGITTO ARMENIA ZIONE & PASSIONE contribuiscono e trascinano l’- MAROCCO AZERBAIJAN Azienda al successo finale. TURCHIA BIELORUSSIA - Ufficio amministrativo KAZAKISTAN - Ufficio commerciale Italia & Estero ESTREMO ORIENTE KIRGHIZISTAN - Ufficio PR & Marketing CINA MOLDAVIA - Segreteria HONG KONG TAGIKISTAN DISTRIBUZIONE MACAO TURKMENISTAN COREA UCRAINA Oggi lo sviluppo delle aree di distribuzione di SARI SINGAPORE UZBEKISTAN SPAZIO compresi i mercati dell’Europa, del Medio O- MONGOLIA GEORGIA riente, dell’Estremo Oriente, dei Paesi dell’Est Europa, TAIWAN REPUBLICHE BALTICHE della Russia & CSI è in costante crescita. INDONESIA ESTONIA THAILANDIA LETTONIA MALESIA LITUANIA
  • Showroom del mese SARI SPAZIO PROSPETTIVE Brand un’ immagine forte che possa catturare l’atten- SARI SPAZIO attraverso lo studio e l’analisi delle zione e le aspettative dei nuovi clienti potenziali. aspettative dei clienti riesce a comprendere le reali NUOVO MARCHIO esigenze degli stessi raggiungendo un ottimo risulta- Seguendo la sua visione, grazie ai molti anni di conso- to operativo. lidata esperienza commerciale di successo nel SARI SPAZIO ha costruito durante gli anni passati e “mondo” della moda, SARI SPAZIO è pronta a creare presenti la sua credibilità nella clientela e non ha la giusta strategia per ogni nuovo marchio. mai smesso di approfondire la ricerca di nuovi clien- SHOWROOM ti potenziali nei mercati in espansione. Per molti an- SARI SPAZIO ha consolidato le sue collaborazioni ni SARI SPAZIO ha sviluppato il suo business con- con i migliori punti vendita nei mercati di sua compe- cretizzando un network distributivo in più di 50 pae- tenza, svolgendo le vendite tramite la sua showroom si nel mondo. Oggi sta focalizzando i suoi obiettivi di Milano. nel CSI, nella Russia e nei Paesi dell’Est Europa, SARI SPAZIO coopera anche con numerosi uffici ac- mercati nei quali il Fashion business è in grande cre- quisti dislocati sia in Italia che all’Estero. scita. MARKETING E PUBBLICITA’ - Mercato Estero - più dell’80% del fatturato annua- SARI SPAZIO ha sempre valorizzato le innovazioni e le dell’azienda le nuove idee nella promozione di ogni Marchio. Co- - Le aspettative per lo sviluppo del business che pos- noscenza, comprensione e adattamento ai bisogni di sano dare risultati a medio e lungo termine sono – ogni singolo mercato sono le parole chiave per svilup- campagne pubblicitarie, progetti di PR, etc. pare un’attività commerciale di successo a livello in- VALUTAZIONI ternazionale. I traguardi della strategia di Marketing e Le primarie valutazioni per il successo del business Pubblicità della SARI SPAZIO sono:comprendere e della SARI SPAZIO, sono la rapida ricerca di nuovi seguire il concetto di ogni nuovo marchio, influenzare marchi, facendo attenzione a soddisfare le esigenze e convincere il singolo cliente potenziale attraverso il dei diversi mercati di riferimento, dando al nuovo programma di marketing.
  • Showroom del mese SARI SPAZIO CONCLUSIONE La strategia di Marketing e Pubblicità serve ad incrementare le vendite e ad ottenere e supportare il marchio per renderlo competitivo nel mercato. COLLEZIONI Uomo Donna Autunno Inverno 2009/2010 JENNY PACKHAM THES & THES GOLD BELSTAFF JACOB COHEN LE FULL FREDDY FREDDY THE CLUB PARAJUMPERS DIRTY ITALIAN JOB DE PUTA MADRE 69 Gliulio di Sabato DPM PRIVE’ LES PETIT EXPLORATEURS CA- NADIENS LES EXPLORATEURS CANADIENS GEORGE GINA & LUCY
  • EDITORIALE SMODATAMENTE FAZIOSI ASSOMODA DENUNCIA UN'INFORMAZIONE TELEVISIVA DISTORTA Di fronte a quanto visto domenica 15 Febbraio su disponibilità per fornire un quadro preciso e concreto della Rai 3 a “Presa Diretta” ci sembra doverosa realtà che essi vivono. Una realtà nella quale la e necessaria una puntualizzazione. Come crisi c’è, si sente e pesa sensibilmente, ma che Associazione degli showroom della moda non li ha indotti ad abbandonare un ragionevole vogliamo denunciare la strumentalizzazione ottimismo sulle possibilità di ripresa del settore avvenuta con la trasmissione di Corrado Ia- e, più in generale, della nostra economia. cona. Ma il ragionevole ottimismo, anche se suffra- Da un paio di domeniche va in onda in se- gato da dati ed esperienze, non rientrava nel ca- conda serata su Rai3 un programma di at- novaccio di “Presa diretta”; a Corrado Iacona e tualità che si chiama “Presa diretta”. Dome- Massimo Costa alla sua trasmissione interessava soltanto “il di- nica 15 febbraio il tema della puntata era la sperato pessimismo”; interessava mostrare il moda. degrado ambientale e le violazioni di legge che, purtroppo, Nei giorni precedenti Assomoda era stata coinvolta connotano una parte del sistema produttivo italiano; inte- nella preparazione dei contenuti della trasmissione e ressava una fotografia univocamente tragica e compromes- aveva indicato alcuni protagonisti della moda mila- sa dell’Italia della moda. nese come interlocutori disponibili e certamente in Partendo, come del resto altri ben più noti programmi, da grado di fornire un contributo propositivo all’inchie- una tesi “precostituita, incontrovertibile e politicamente sta. Un’inchiesta sulla moda, nella situazione di crisi opportuna” , “Presa diretta” non accetta voci fuori dal economica che attanaglia il nostro come gli altri pa- coro – quindi contrarie alla tesi – e se queste le trova le e- esi del mondo. limina oppure, le uniforma professionisti della moda, i Nel corso del programma era previsto uno spazio quali hanno speso tempo ed energie (ciascuno di loro ha “milanese”, nel quale mostrare il punto di vista e le infatti accolto la troupe del programma con la giornalista e riflessioni sullo stato del settore da parte di alcuni lo staff preposto in showroom per più di un ora, anche con imprenditori, titolari di importanti showroom mene- clienti presenti, dedicando molto tempo a rispondere alle ghini. Sono state fatte le riprese e le interviste nel domande) senza dare spazio alle loro voci ma scegliendone corso del weekend precedente a quello della messa una soltanto, in modo parziale e fazioso, oltre che con una in onda e gli imprenditori hanno offerto ampia premessa opinabile e un giudizio assolutamente non
  • EDITORIALE SMODATAMENTE FAZIOSI ASSOMODA DENUNCIA UN'INFORMAZIONE TELEVISIVA DISTORTA ammissibile da un punto di vista deontologico e pro- Giulio di Sabato fessionale, è gravemente distorta ed inaccettabile. Presidente Assomoda Italia Una “presa in giro” e non una “ presa diretta”. e titolare di Sari Spazio Negli showroom milanesi, come in tante piccole e medie Una “presa in giro” e non una “ presa diret- ta”. Negli showroom milanesi, come in tante picco- le e medie imprese italiane, la crisi si avverte ma non ci si sottrae al problema, cercando scorciatoie Antonella Lombroso furbesche e talvolta illegali, ma lo si affronta per Vicepresidente intero e fino in fondo. Assomoda Lombardia e titolare di StudioFinoRossi Vale a dire lo si affronta lavorando duro, ristruttu- rando e innovando le aziende, aprendosi a nuovi mercati e facendo fronte comune, auspicabilmente anche con le Istituzioni, che devono aiutare anche il Sanzio Zappieri settore della moda, se è vero come è vero che è il Imprenditore più importante, insieme al turismo, per l’economia e titolare di ZMD S.p.A nazionale. È importante che si sappia che l’Italia della moda non è solo quella di “Presa diretta”, ma è anche quella degli showroom di Milano e delle tante pic- Flavio Massa cole e sane aziende che tengono alta la bandiera Imprenditore e titolare di Gruppo F V Massa del “Made in Italy”. Giulio di Sabato Per informazioni rivolgersi alla Segreteria Assomoda – Associazione Italiana de- gli Agenti, Rappresentanti e Showroom della Moda – C.so Venezia 47/49 – 20121 Milano. Tel. 02.7750.363/250 Fax. 02.775.409 – assomoda@unione.milano.it
  • CONVENZIONI
  • Alcuni prodotti di Grafiche Milani Per informazioni inviate le vostre Segrate (Mi) via Marconi 17 02 2131851 richieste aa@grafichemilani.com