0
Modelli di Rendicontazione
Mettiamoli a confronto:
Che cos’è un Bilancio diSostenibilità?                         “è un modello di rendicontazione sulle quantità e sulle qua...
Attenzione!                           SISTEMA DI ACCOUNTABILITY                                        RENDICONTAZIONE SOC...
Anche la Relazione sulla Gestione (art. 2428 c.c.)                                                                        ...
Triple Bottom Line:
Costi e benefici sociali: Tenendo a mente ilcapitale umano, sia dal punto di vista della forzalavoro e la comunità, un Trip...
Quali sono i vantaggi?  Risponde alle        Favorisce la    Aiuta a delineare il  esigenze degli      partecipazione risc...
!    è)un operazione)di)comunicazione)e)                                                           trasparenza))          ...
Gruppo di Studio peril Bilancio Sociale  Indicazioni di Struttura e   Aree di Rendicontazione
Cos’è?     E’ uno standard che identifica i principi di redazione      del Bilancio Sociale ed i contenuti del documento.  ...
Principi: Responsabilità e                      Trasparenza            Inclusione             Coerenza Identificazione     ...
Struttura                     che implica lesplicitazione dell’assetto istituzionale,Identità aziendale    della missione,...
Calcolo del valore aggiunto  Il processo di calcolo riclassifica i dati del Conto Economico in         modo da evidenziare ...
ESERCIZI (val./arr.)           VALORE AGGIUNTO GLOBALE                                                                    ...
F - LE LIBERALITÀ ESTERNE              Le quote di valore aggiunto riguardanti le liberalità esterne, non hanno natura di ...
RELAZIONE SOCIALEobiettivi e le norme di identificazione degli    esplicitazione delle   comportamento            stakehold...
Contenuti del documento:                       assetto istituzionale, Valori di riferimento,  Identità aziendale          ...
Focus group, indagini di clima,Giudizi e opinioni                      customer satisfaction, customerdegli stakeholder   ...
AA1000 Indicazioni di Processo edialogo con gli stakeholder
E’ uno standard di processo per la costruzioneChe cos’è?      dei sistemi di contabilità sociale ed ambientale.           ...
1. Pianificazione (PLANNING)                 2. Rilevazione (ACCOUNTING)                 3.    Verifica delle informazioni e...
Principi:                significa favorire la partecipazione degli stakeholder INCLUSIVITA’     allo sviluppo e al raggiun...
Ora possiamo parlare diBilancio di Sostenibilità
E’ uno standard di contenuto                                                 (che ora ingloba anche i processi) per la Che...
Ad ogni livello corrisponde unacertificazione:Report Application Levels                                                   ...
Parte 1: Definizione di contenuto,Struttura:           qualità e perimetro del report                                CONTES...
Parte 2: Informativa      standardstrategia e   Strategia e       Profilo     Parametri del  profilo        Analisi     orga...
Indicatori diperformance:
Indicatori diperformanceambientale
Pratiche di lavoro  e Indicatori di   condizioni di lavoro adeguate
Indicatori diperformance dei diritti        umani
Indicatori di performance       sulla società
Indicatori diperformance della responsabilità di     prodotto
5a lezione
5a lezione
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

5a lezione

160

Published on

5a lezione

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
160
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "5a lezione"

  1. 1. Modelli di Rendicontazione
  2. 2. Mettiamoli a confronto:
  3. 3. Che cos’è un Bilancio diSostenibilità? “è un modello di rendicontazione sulle quantità e sulle qualità di relazione tra l’impresa ed i gruppi di interesse, mirante a delineare un quadro omogeneo, puntuale, completo e trasparente della complessa interdipendenza tra i fattori economici e quelli socio-politici conseguenti alle scelte fatte” (definizione del GRI).In Italia il BS viene redatto seguendo principalmente due standard: GBS e GRI.Il BS può essere sottoposto sia ad una verifica di conformità procedurale deglistandard utilizzati da parte di un ente terzo, sia da una verifica interna da parte deidipendenti, dei soci, dei finanziatori, dei clienti, dei fornitori, delle Istituzioni Pubbliche edella collettività.
  4. 4. Attenzione! SISTEMA DI ACCOUNTABILITY RENDICONTAZIONE SOCIALE BILANCIO SOCIALE BILANCIO DI SOSTENIBILITA’ BILANCIO AMBIENTALENegli ultimi anni stiamo assistendo ad una evoluzione del Bilancio Sociale nel Bilanciodi Sostenibilità, che incorpora oltre agli aspetti economici espressi nel Bilancio d’esercizioe quelli sociali propri del Bilancio Sociale, anche aspetti ambientali(approccio Triple Bottom Line).
  5. 5. Anche la Relazione sulla Gestione (art. 2428 c.c.) STAKEHOLDER DIALOGUE richiede l’utilizzo di sistemi di indicatori quanti-ACCOUNTABILITY qualitativi che estendano l’analisi descrittiva oltre la comprensione economico - finanziaria Financial Management Corporate Accounting Accounting Performance and Control and Control Management KPI finanziari KPI finanziari, KPI anche non finanziari, e solo consuntivi anche predittivi e anche predittivi Fonte: Gartner, 2005 Bilancio Bilancio Bilancio di sociale ambientale genere REPORT DI SOSTENIBILITA
  6. 6. Triple Bottom Line:
  7. 7. Costi e benefici sociali: Tenendo a mente ilcapitale umano, sia dal punto di vista della forzalavoro e la comunità, un Triple Bottom Line dibusiness integra il benessere della società, idipendenti e la comunità. Costi e benefici ambientali: un Triple Bottom Line di business integra lAmbiente naturale nel suo inventario delle preoccupazioni a livello superiore. Utilizzando best practice un Triple Bottom Line Affari cerca di minimizzare limpatto ambientale e non consumo di energia rinnovabileCosti e benefici economici: in un Triple Bottom Line profit assume unsignificato più ampio che in una società dove si svolge laresponsabilità aziendale in silenzio. Lazienda è profittevole in sensoclassico, ma il concetto di profitto è estesa a tutta la comunità comebene.
  8. 8. Quali sono i vantaggi? Risponde alle Favorisce la Aiuta a delineare il esigenze degli partecipazione rischio aziendale per stakeholder degli stakeholder finalità creditizie Aumenta senso Migliora laAmbiente di lavoro didentità ed reputazione più sicuro appartenenza d’impresa
  9. 9. !  è)un operazione)di)comunicazione)e) trasparenza)) !  fornisce)una)risposta)alle)a9ese)e)alle)!  accresce)il)livello)di)rispondenza) esigenze)conosci,ve)dei)portatori) tra)ciò)che)l organizzazione)vuole) d interesse) essere)e)come)viene)percepita) !  fornisce)elemen,)per)migliorare)il)ciclo)ges,onale)e)per)il)processo)di) pianificazione)e)controllo)strategico)!  consente)di)raccogliere) !  consente)una)visione)complessiva)delle)a6vità)dell organizzazione) !  favorisce)il)confronto)con)i) elemen,)u,li)per) !  è)un occasione)per)una)rile9ura)e)revisione)della)stru9ura)interna) propri)interlocutori,) focalizzare)la)mission) !  promuove)la)comunicazione)interna) innalzandone)il)grado)di) aziendale) fiducia)e)il)coinvolgimento) !  contribuisce)a)rafforzare)una)comune)iden,tà)aziendale) nelle)a6vità)aziendali) !  orienta)le)risorse)umane)verso)il)miglioramento)dei)risulta,) !  perme9e)di)recuperare)informazioni)disperse)tra)i)vari)uffici)migliora) la)collaborazione)e)le)sinergie)tra)gli)uffici) !  s,mola)l approccio)all innovazione)e)alla)sperimentazione) !  perme9e)di)sistema,zzare)e) !  fornisce)la)possibilità)di)partecipare)a)gruppi)di)lavoro)interse9oriali) !  è)un opportunità)di) rendere)più)fruibile)il)flusso) qualificare)le)relazioni) di)informazioni)a9raverso)il) con)la)comunità)di) quale)l Ente)racconta)se) riferimento)e)di) stesso)e)si)apre)verso) valorizzare)il)ruolo) l esterno) sociale) dell organizzazione) !  contribuisce)a)una)maggiore)visibilità)dei) proge6)e)delle)inizia,ve)realizzate)
  10. 10. Gruppo di Studio peril Bilancio Sociale Indicazioni di Struttura e Aree di Rendicontazione
  11. 11. Cos’è? E’ uno standard che identifica i principi di redazione del Bilancio Sociale ed i contenuti del documento. E’ stato proposto in Italia da un gruppo di lavoro a partecipazione mista (società di consulenza, università, dott. commercialisti, ecc...) Obiettivo: Informare i terzi sulle performance sociali dell’azienda, sul fronte interno ed esterno. Focus: VALORE AGGIUNTO e sua RIPARTIZIONE
  12. 12. Principi: Responsabilità e Trasparenza Inclusione Coerenza Identificazione Competenza di Neutralità Prudenza Comparabilità Periodo Comprensibilità, Periodicità e chiarezza ed Omogeneità Utilità ricorrenza intelligibilità Significativià e Verificabilità Attendibilità e fedele Autonomia delle rilevanza dell’informazione rappresentazione terze parti
  13. 13. Struttura che implica lesplicitazione dell’assetto istituzionale,Identità aziendale della missione, dei valori etici di riferimento e del disegno strategico. che rappresenta il principale tramite di relazione con Produzione e il bilancio di esercizio e che rende evidente leffettodistribuzione del economico (o economicamente esprimibile) che lattività dazienda ha prodotto sulle principalivalore aggiunto categorie di stakeholder. che espone sinteticamente i risultati ottenutiRelazione sociale in relazione agli impegni e ai programmi e agli effetti sui singoli stakeholder.
  14. 14. Calcolo del valore aggiunto Il processo di calcolo riclassifica i dati del Conto Economico in modo da evidenziare la produzione e la successiva distribuzione del valore aggiunto agli stakeholder di riferimento. individua il Valore Aggiunto Prospetto di attraverso la contrapposizione dei determinazione ricavi e dei costi intermedi sommatoria delle remunerazioni Prospetto di riparto percepite dagli interlocutori dell’impresa e delle libertà esterne
  15. 15. ESERCIZI (val./arr.) VALORE AGGIUNTO GLOBALE (n) (n-1) (n-2) A) Valore della produzione 1. Ricavi delle vendite e delle prestazioni - rettifiche di ricavo 2. Variazioni delle rimanenze di prodotti in corso di lavorazione, semilavorati e finiti (e merci)5 3. Variazione dei lavori in corso su ordinazione 4. Altri ricavi e proventi Ricavi della produzione tipica 5. Ricavi per produzioni atipiche (produzioni in economia) B) Costi intermedi della produzioneVALORE 6. Consumi di materie prime, Consumi di materie sussidiarie Consumi di materie di consumo Costi di acquisto di merci (o Costo delle merci vendute)AGGIUNTO 7. Costi per servizi 8. Costi per godimento di beni di terzi 9. Accantonamenti per rischi 10. Altri accantonamenti 11 Oneri diversi di gestione V ALORE AGGIUNTO CARATTERISTICO LORDO C) Componenti accessori e straordinari 12. +/- Saldo gestione accessoria Ricavi accessori - Costi accessori 13 +/- Saldo componenti straordinari Ricavi straordinari - Costi straordinari V ALORE AGGIUNTO GLOBALE LORDO - Ammortamenti della gestione per gruppi omogenei di beni V ALORE AGGIUNTO GLOBALE NETTO
  16. 16. F - LE LIBERALITÀ ESTERNE Le quote di valore aggiunto riguardanti le liberalità esterne, non hanno natura di remunerazione ma costituiscono vere e proprie distribuzioni. Il dato ha rilevanza esplicativa in quanto concorre ad esprimere la sensibilità sociale esterna dell’azienda. PROSPETTO DI RIPARTO DEL VALORE AGGIUNTO al “c ESERCIZI (val./%) DISTRIBUZIONE DEL VALORE AGGIUNTO os pos (n-2) “re (n)i” (n-1)o t t mu si d A - Remunerazione del personale ne p a ei Personale non dipendente ra rla Personale dipendente zio di neRIPARTO DEL a) remunerazioni dirette b) remunerazioni indirette ” c) quote di riparto del reddito 6 Accum = Accumulazione dell’aggregato relativo alla remunerazione dell’azienda (aggregato E nelVALORE B prospetto di riparto del Valore Aggiunto). - Remunerazione della Pubblica Amministrazione Imposte dirette Imposte indirette - sovvenzioni in c/esercizioAGGIUNTO 24 C - Remunerazione del capitale di credito Oneri per capitali a breve termine Oneri per capitali a lungo termine D - Remunerazione del capitale di rischio Dividendi (utili distribuiti alla proprietà) E - Remunerazione dellazienda +/- Variazioni riserve (Ammortamenti 7) F - Liberalità esterne V ALORE AGGIUNTO GLOBALE NETTO
  17. 17. RELAZIONE SOCIALEobiettivi e le norme di identificazione degli esplicitazione delle comportamento stakeholder politiche processo di ordinata e completa opinioni e i giudizi formazione del esposizione dei fatti degli stakeholder bilancio obiettivi di eventuali pareri e eventuali miglioramento per giudizi delle parti comparazioni l’esercizio successivo terze
  18. 18. Contenuti del documento: assetto istituzionale, Valori di riferimento, Identità aziendale Mission, Vision, Strategia, Politiche Produzione del valore aggiunto e Valore Aggiunto distribuzione del valore aggiunto impegni e Soci, clienti, Relazione sociale politiche, personale, informazioni e investitori, benchmarking Finanziatori, PA
  19. 19. Focus group, indagini di clima,Giudizi e opinioni customer satisfaction, customerdegli stakeholder loyalty,... Commenti, Valutazioni complessive, commenti dichiarazioni alle opinioni degli stakeholder,... dell’aziendaMiglioramenti nel Miglioramenti futuri, strategia bilancio sociale futura,...
  20. 20. AA1000 Indicazioni di Processo edialogo con gli stakeholder
  21. 21. E’ uno standard di processo per la costruzioneChe cos’è? dei sistemi di contabilità sociale ed ambientale. E’ stato lanciato dall’AccountAbility (Ente di ricerca Londinese) • determinare una strategia basata su una comprensione ampia e bilanciata e sulla risposta a questioni significative e alle aspettative degli stakeholder; • stabilire obiettivi e standard a fronte dei quali Scopo: la strategia e le performance associate possono essere giudicate e gestite e... • rivelare informazioni credibili in merito a strategia, obiettivi, standard e performance a coloro che fondano le proprie azioni e decisioni su queste informazioni.
  22. 22. 1. Pianificazione (PLANNING) 2. Rilevazione (ACCOUNTING) 3. Verifica delle informazioni e della comunicazioneFasi indicate: (AUDITING and REPORTING) 4. Integrazione nel sistema di gestione (EMBEDDING) 5. Coinvolgimento degli stakeholder (ENGAGEMENT)
  23. 23. Principi: significa favorire la partecipazione degli stakeholder INCLUSIVITA’ allo sviluppo e al raggiungimento di una risposta responsabile e strategica alla sostenibilità. significa determinare la rilevanza di un MATERIALITA’ tema per un’organizzazione ed i suoi stakeholder. !la risposta di un’organizzazione ai temi sollevati dagli stakeholder e che hanno a che fare con la RISPONDENZA propria performance e si realizza attraverso decisioni, azioni, risultati, nonché attività di comunicazione con gli stakeholder.
  24. 24. Ora possiamo parlare diBilancio di Sostenibilità
  25. 25. E’ uno standard di contenuto (che ora ingloba anche i processi) per la Che cos’è? rendicontazione di sostenibilità (performance AL sociale, ambientale ed economico finanziaria). Livelli di applicazione del GRI Criteri dei Livelli di applicazione E’ un iniziativa internazionale, volta a diffondere delle linee I report predisposti per qualificarsi per i livelli C, C+, guida perB,la Aredazione di un documento che integri B+, o A+ devono soddisfare i criteri indicati nella colonna del livello corrispondente. l’informativa economica, sociale APPROVED BY THE GRI BOARD OF DIRECTORS JULY 2006 APPENDIX A – FINAL VERSION GRI APPLICATION LEVELS ed ambientale. Livello di applicazione del report C C+ B B+ A A+ Inclusione di: Inclusione di tutti i criteri elencati Stessi requisiti previsti per il Livello B 1.1 per il Livello C più: Informativa 2.1 – 2.10 1.2 OUTPUT sul Profilo G3 3.1 – 3.8, 3.10 – 3.12 3.9 – 3.13, 4.1 – 4.4, 4.14 – 4.15 4.5 – 4.13, 4.16 – 4.17Articolato in livelli Report con assurance esterna Report con assurance esterna Report con assurance esterna Informativa Standard Non Richiesto Informativa sulla modalità Informativa sulla modalità di gestione per ciascuna di gestione per ciascuna categoria di applicazione : Informativa categoria di indicatori di indicatori OUTPUT sulla modalità di gestione G3 Inclusione di almeno 10 Indicatori Inclusione di almeno 20 Indicatori Inclusione di ciascun Indicatore G3 Core Indicatori di performance, di cui almeno di performance, di cui almeno e di ciascun Indicatore del Supplemento di Performance G3 un indicatore per ciascuna un indicatore per ciascuna di settore* considerando il Principio OUTPUT delle seguenti categorie: delle seguenti categorie: economica, di materialità, includendo l’Indicatore e Supplementi di Settore sociale, economica e ambientale ambientale, diritti umani, lavoro, oppure inserendo la spiegazione società, responsabilità di prodotto della sua omissione *Versione finale del Supplementi di settore
  26. 26. Ad ogni livello corrisponde unacertificazione:Report Application Levels C C+ B B+ A A+ Conformità al 2002 Obbligatorio Auto Report con assurance esterna Report con assurance esterna Report con assurance esterna Dichiarazione Ad esempio, questa griglia illustra che il Verifica redattore del report di terza parte ha autodichiarato il Opzionale livello B e che sia una 2006 2006 terza parte sia il GRI Verifica da parte B 2006 2006 20 0 2006 2006 006 ne hanno verificato la 2006 2006 GRI REPORT del GRI 2006CHECKED006 0 2006 20 GRI 2006 2006 dichiarazione. 2006 2006 2006 2006 2006 2006 2006 2006 2006 2006 2006 2006 Icona di verifica da parte del GRI C 2006 2006 2006 2006 C 2006 2006 2 2006 2006 B 2006 2006 20 2006 2006 20 2006 2006 20 2006 2006 20 2006 2006 20 2006 2006 20 0 00620 2 +0062 0 2 00620 +006 0 2 2006 2006 006 0 2 2006 2006 +006 B A A 2006 2006 GRI REPORT 2006 2006 GRI REPORT 2006 2006 GRI REPORT 2006 2006 GRI REPORT 2006 2006 GRI REPORT 2006 2006 GRI REPORT 2006CHECKED0062006CHECKED0062006CHECKED0062006CHECKED006 006CHECKED006 006CHECKED006 0 2006 20 20 2006 20 20 2006 20 20 2006 20 20 2006 20 20 2006 20 GRI 2006 2 GRI 2 GRI 2 GRI 2 GRI 2 GRI 2006 2006 2006 2006 2006 2006 2006 2006 2006 2006 2006
  27. 27. Parte 1: Definizione di contenuto,Struttura: qualità e perimetro del report CONTESTO DI Principi di riferimento SOSTENIBILITÀ COMPLETEZZA EQUILIBRIO COMPARABILITÀ ACCURATEZZA TEMPESTIVITÀ INCLUSIVITÀ MATERIALITÀ DEGLI CHIAREZZA RELIABILITY STAKEHOLDER
  28. 28. Parte 2: Informativa standardstrategia e Strategia e Profilo Parametri del profilo Analisi organizzazione report Governance Coinvolgiment Impegni o stakeholdermodalità di reporting utilizzo dei Metriche gestione sull’andamento Protocolli aggregazione presentazione dei dati dei dati
  29. 29. Indicatori diperformance:
  30. 30. Indicatori diperformanceambientale
  31. 31. Pratiche di lavoro e Indicatori di condizioni di lavoro adeguate
  32. 32. Indicatori diperformance dei diritti umani
  33. 33. Indicatori di performance sulla società
  34. 34. Indicatori diperformance della responsabilità di prodotto
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×