10 buone ragioni                                                                                per dire sì               ...
cos’è veDròveDrò è il think net sulla scena dal 2005 che riunisce iprotagonisti più giovani e dinamici della vita del Paes...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Il manifesto di #Tutticitti 10 buone ragioni per dire si alla cultura dello sport

590 views

Published on

Tutticittì nasce da un tavolo di lavoro aperto a marzo 2011 con cui veDrò ha affrontato il tema dello sport in primis come asset sociale (ruolo educativo e formativo, funzione aggregativa sul territorio, riduzione dei costi per il sistema sanitario generati dall’attività fisica della popolazione), e poi come asset economico (le industrie dello sport professionistico, i grandi eventi come Roma 2020), con lo scopo dichiarato di elaborare una serie di proposte che si muovessero in quegli ambiti. L’evento sullo sport organizzato da VeDrò ha rappresentato la terza tappa di un percorso che si è ulteriormente ampliato, sposato da importanti protagonisti dello sport nazionale e internazionale e da aziende ed enti del settore. In quell’occasione infatti gli allenatori delle quattro nazionali maschili, capofila con veDrò del progetto, hanno presentato proposte puntuali su:

1) Sport e scuola. Obiettivo: intervenire concretamente per modificare l’insegnamento dello sport nei percorsi scolastici, specialmente nei primi due gradi di istruzione;

2) Le industrie dello sport. Obiettivo: intervenire sulla competitività internazionale delle nostre squadre professionistiche e sui nuovi modelli di management sportivo (fair play finanziario, legge sugli stadi, vivai, sponsorizzazioni, diritti tv).

3) Le regole dello sport. Obiettivo: riflettere sulle varie illegalità del sistema sportivo (doping, scommesse, violenza), sul loro impatto e sui modi per contrastarle.

All’incontro hanno partecipato: il ministro per gli Affari Regionali, il Turismo e lo Sport, Piero Gnudi, i CT Mauro Berruto (nazionale maschile di pallavolo); Sandro Campagna (nazionale maschile di pallanuoto); Massimo Barbolini (nazionale femminile di pallavolo); Claudio Ravetto(nazionale di sci alpino); e Stefano Cerioni (nazionale maschile e femminile di scherma). Contributi video di Simone Pianigiani (nazionale maschile di basket), Cesare Prandelli (nazionale maschile di calcio) e Josefa Idem (campionessa olimpica di canoa). Special guest i campioni olimpici Jury Chechi e Salvatore Sanzo.

Published in: Sports
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
590
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
34
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Il manifesto di #Tutticitti 10 buone ragioni per dire si alla cultura dello sport

  1. 1. 10 buone ragioni per dire sì alla cultura dello sport1 Cultura dello sport è RIVOLUZIONE È ribaltamento del luogo comune secondo cui ‘cultura’ e ‘sport’ sono elementi inconciliabili. È trasformazione della 6 Cultura dello sport è sviluppo È possibilità di produrre ricchezza e generare occupazione. È competitività e promozione del ‘made in Italy’ che funziona percezione pubblica in merito al ruolo dell’attività fisica, nel mondo con i club professionistici. Ma è anche lavoro e dell’agonismo, della capacità di coesione dello sport quale opportunità di realizzazione umana e professionale con le veicolo di crescita complessiva della società italiana. tantissime realtà, agonistiche e non agonistiche, presenti in2 tutto il Paese. Cultura dello sport è democrazia È libera espressione delle proprie potenzialità tra pari, all’interno di una comunità. È opportunità di dare il meglio di sé al di là delle condizioni di partenza. È abbattimento delle barriere che ostacolano la pratica sportiva e valorizzazione 7 Cultura dello sport è salute È qualità della vita. A livello individuale, con la buona condizione fisica e psicologica di chi pratica sport. E a livello di comunità, con i benefici derivanti, per i bilanci pubblici, dai delle diversità di qualsiasi genere. risparmi nella spesa sanitaria per la cura delle malattie legate3 alla sedentarietà. Cultura dello sport è educazione 8 Alla ‘competizione sana’. Al rispetto delle regole e Cultura dello sport è investimento all’accettazione del risultato. Alla vittoria e alla sconfitta. È È assunzione di scelte finalmente selettive da parte del quanto spesso sembra mancare a una comunità nazionale decisore politico. È programmazione e attuazione di politiche, disabituata al merito e refrattaria alle regole. Per questo i casi nazionali e locali, volte a incentivare la pratica sportiva, e di doping e le frodi sportive vanno sanzionati drasticamente tutte le attività ad essa connesse, anche in tempi di crisi e sul piano etico prima ancora che su quello giuridico. restrizione dei bilanci pubblici.4 Cultura dello sport è formazione È preparazione alle prove della vita nel luogo deputato all’istruzione per eccellenza, la scuola. È qui che occorre creare quella sensibilità per la pratica sportiva poi utile a misurarsi 9 Cultura dello sport è pensiero strategico È costruzione consapevole di futuro. L ’Italia dei prossimi dieci anni dovrà essere una nazione di sportivi. 4 milioni di nuovi con gli altri da adulti, sulla base della fatica e della valutazione praticanti in grado di promuovere i valori dello sport nella delle prestazioni. Per questo – e per superare il cronico deficit società e, al contempo, di rendere il tifo italiano più attento dell’Italia nell’impiantistica scolastica – nasce la nostra e più orientato alla correttezza, al rispetto degli avversari, al proposta di legge per un “Fondo nazionale per lo sport”. divertimento.5 10 Cultura dello sport è socialità Cultura dello sport è responsabilità È capacità di aggregazione e presenza sul territorio. È Quella di chi è interno al mondo dello sport – come dirigente, tempo ‘speso bene’. È occasione quotidiana di scambio e di allenatore, atleta, praticante – di rivendicare e testimoniare interazione con gli altri. È antidoto concreto alla marginalità queste istanze generali. Quella di chi ricopre incarichi sociale, specie nelle aree più esposte al degrado e a fenomeni politici di lavorare con molta concretezza per promuovere la di devianza e illegalità. Stadi, palazzetti, campi, palestre, centralità – politica, economica e sociale – dello sport. piscine, piste ciclabili sono a pieno titolo parte della cultura civica e del patrimonio culturale delle città e dei paesi che ‘fanno’ l’Italia. Per questo l’attenzione alla quantità e alla qualità dei luoghi e degli spazi urbani nei quali si pratica sport è, per noi, essenziale.
  2. 2. cos’è veDròveDrò è il think net sulla scena dal 2005 che riunisce iprotagonisti più giovani e dinamici della vita del Paese. 2500persone, tutte nate a partire dagli anni ‘60, con percorsiprofessionali e personali differenti: professori universitari,imprenditori, scienziati, liberi professionisti, politici, atleti,medici, artisti, giornalisti, scrittori, registi, studenti, esponentidell’associazionismo. Una community che si ritrova intornoa interessi e passioni condivise, con la predisposizione adanalizzare temi e fenomeni senza steccati (ideologici, di partito,culturali, professionali) o tesi precostituite e a ragionareinsieme in un clima informale e secondo una logica orizzontale,aperta e paritaria. veDrò è una rete di leadership diffusa basatainnanzitutto sullo scambio di conoscenza. Scopo dei nostriincontri è delineare scenari provocatori, ma possibili, per ilnostro Paese e individuare politiche e azioni concrete per l’Italia,in una prospettiva libera dalle contingenze del dibattito in corso.veDrò2012 TUTTICITTÌ si inserisce nella serie di iniziative tematiche che veDrò svolge durante l’anno (www.vedro.it/eventi) prima di approdare all’evento estivo: ogni anno, infatti, l’universo veDrò si raduna, a fine agosto, presso la centrale idroelettrica di Fies, situata a Dro – da cui veDrò –, non lontano da Riva del Garda, totem della community e simbolo del passaggio dalla produzione di energia idroelettrica alla produzione di idee in grado di dare nuova energia all’Italia. 800 partecipanti che si incontrano in sessioni plenarie, per dare spazio a scenari e immaginazione del prossimo futuro, e in working group, per mettere a fuoco i temi ritenuti cruciali per lo sviluppo del Paese. Accanto a questo, momenti conviviali con presentazione di libri, concerti di grandi cantautori italiani, proiezione di filmati e videoclip, cene-degustazione e sport. veDrò2012 - Dro (Tn) 26/29 agosto 2012 TUTTICITTÌ è un progetto nato nell’ambito del tavolo di lavoro veDrò Sport aperto a marzo 2011 e del working group di veDrò2011 CaoSport, dove, insieme a tanti esperti, veDrò ha affrontato il tema dello sport in primis come asset sociale (ruolo educativo e formativo, funzione aggregativa sul territorio, riduzione dei costi per il sistema sanitario generati dall’attività fisica della popolazione), e poi come asset economico (le industrie dello sport professionistico, i grandi eventi). In seguito a quegli incontri e alle proposte emerse, i commissari tecnici delle principali nazionali maschili e femminili si sono resi disponibili a formare un team e hanno elaborato insieme a veDrò il Manifesto 10 buone ragioni per dire sì alla cultura dello sport, una proposta di legge e un pacchetto di azioni per raggiungere due grandi obiettivi: Abbattimento delle barriere 4.000.000 di nuovi praticanti nel 2020veDrò /// via del Tritone, 87 - 00187 Romatel +39 066892279 /// email organizzazione@vedro.itwww.vedro.it facebook.com/associazionevedro twitter.com/_veDro

×