Your SlideShare is downloading. ×
0
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Rumore
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Rumore

775

Published on

rumore inquinamento acustico

rumore inquinamento acustico

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
775
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
35
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. IL RUMORE
  • 2. RUMORE La corretta definizione: il rumore èLa corretta definizione: il rumore è un’immissione sonora sgradevole e molestaun’immissione sonora sgradevole e molesta che può determinare danni irreversibili alche può determinare danni irreversibili al sistema uditivo.sistema uditivo. RUMORERUMORE Suoni e rumori, sono onde meccaniche cheSuoni e rumori, sono onde meccaniche che si propagano nei mezzi fluidi e solidi consi propagano nei mezzi fluidi e solidi con velocità variabile. Nell’aria, ad esempio,velocità variabile. Nell’aria, ad esempio, l’onda meccanica si propaga alla velocità dil’onda meccanica si propaga alla velocità di circa 340 m/sec.circa 340 m/sec.
  • 3. L’onda sonora è caratterizzataL’onda sonora è caratterizzata da tre elementi fondamentali:da tre elementi fondamentali: frequenzafrequenza intensitàintensità timbrotimbro
  • 4. FREQUENZAFREQUENZA misurata in Hertz, indica il numero dimisurata in Hertz, indica il numero di oscillazioni complete al secondo dell’ondaoscillazioni complete al secondo dell’onda sonora. La percezione dell’orecchio umanosonora. La percezione dell’orecchio umano è compresa tra 16 e 20.000 Hz; suoni diè compresa tra 16 e 20.000 Hz; suoni di frequenza inferiore, definiti infrasuoni ofrequenza inferiore, definiti infrasuoni o superiore, ultrasuoni, non vengonosuperiore, ultrasuoni, non vengono percepiti.percepiti.
  • 5. RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DELL’ONDA SONORARAPPRESENTAZIONE GRAFICA DELL’ONDA SONORA λ A A = ampiezza λ= lunghezza d’onda F = frequenza V = velocità F = V/ λ
  • 6. L’INTENSITÀL’INTENSITÀ L’intensità o livello di pressione sonora esprime laL’intensità o livello di pressione sonora esprime la quantità di energia posseduta dall’onda sonora. Vienequantità di energia posseduta dall’onda sonora. Viene misurata in decibel.misurata in decibel. dB = 20 log Po/PdB = 20 log Po/P Dove:Dove: Po = pressione sonora della soglia di udibilitàPo = pressione sonora della soglia di udibilità P = pressione sonoraP = pressione sonora
  • 7. TIMBRO Il timbro, determinato dalla forma dell’onda sonora, definisce la proprietà in base alla quale suoni di pari altezza emessi da due strumenti diversi vengono percepiti come differenti.
  • 8. DANNI DA RUMOREDANNI DA RUMORE Gli effetti nocivi da rumore non si ripercuotono soltantoGli effetti nocivi da rumore non si ripercuotono soltanto sull'organo uditivo, ma interessano anche gli altrisull'organo uditivo, ma interessano anche gli altri apparati ed organi con la sola eccezione dell'apparatoapparati ed organi con la sola eccezione dell'apparato scheletrico e muscolare.scheletrico e muscolare.
  • 9. DANNI DA RUMOREDANNI DA RUMORE Gli effetti del rumore sulla salute umanaGli effetti del rumore sulla salute umana possono riassumersi in:possono riassumersi in: UditiviUditivi Extra uditiviExtra uditivi influenti sull’attività lavorativa e la vitainfluenti sull’attività lavorativa e la vita relazionalerelazionale
  • 10. DANNI ALL’UDITODANNI ALL’UDITO A carico dell'apparato uditivo, una pressione acusticaA carico dell'apparato uditivo, una pressione acustica eccessiva può indurre modificazioni patologicheeccessiva può indurre modificazioni patologiche irreversibili (sordità da rumore), per esposizioneirreversibili (sordità da rumore), per esposizione protratta, o reversibili da trauma acustico acuto.protratta, o reversibili da trauma acustico acuto.
  • 11. TRAUMA ACUSTICO Rumori di intensità superiore a 160 dB possono causare la rottura del timpano con sordità completa, ma reversibile con la riparazione della membrana timpanica. Oltre i 120 dB inizia la soglia del dolore uditivo che si manifesta costantemente in tutti gli individui tra i 130 e 140 dB.
  • 12. IPOACUSIA Esposizioni prolungate nel tempo a rumori di intensità superiore a 85 dB (A) possono provocare deficit permanente dell’udito.
  • 13. CONDUZIONE DEL SUONO La percezione normale dei suoni si realizza attraverso tre fasi così distinte: FASE CONDUTTIVA in condizioni normali il suono viene convogliato dall’orecchio esterno (padiglione auricolare e condotto uditivo esterno) verso l’orecchio medio. FASE TRASMISSIVA inizia quando l’onda sonora stimola la membrana timpanica e attraverso la catena degli ossicini dell’orecchio medio fa vibrare la membrana del foro ovale. FASE PERCETTIVA avviene attraverso le stimolazione delle cellule sensoriali dell’organo del Corti (orecchio interno) che attraverso le loro terminazioni nervose inviano lo stimolo al cervello. SUONO ORECCHIO MEDIO ORECCHIO INTERNO
  • 14. IPOACUSIA DI TIPO CONDUTTIVO Nell’ipoacusia di tipo conduttivo lo stimolo sonoro viene interrotto a livello dell’orecchio esterno. SUONO ORECCHIO MEDIO ORECCHIO INTERNO
  • 15. IPOACUSIA DI TIPO CONDUTTIVOIPOACUSIA DI TIPO CONDUTTIVO Tra le cause di ipoacusia di tipo conduttivoTra le cause di ipoacusia di tipo conduttivo ricordiamo:ricordiamo: tappi di cerumetappi di cerume corpi estranei nel condotto uditivo esternocorpi estranei nel condotto uditivo esterno
  • 16. IPOACUSIA DI TIPO TRASMISSIVO Nell’ipoacusia di tipo trasmissivo lo stimolo sonoro viene interrotto a livello dell’orecchio medio. SUONO ORECCHIO MEDIO ORECCHIO INTERNO
  • 17. IPOACUSIA DI TIPO TRASMISSIVO TRA LE CAUSE DI IPOACUSIA DI TIPOTRA LE CAUSE DI IPOACUSIA DI TIPO TRASMISSIVO RICORDIAMO:TRASMISSIVO RICORDIAMO: otosclerosiotosclerosi otiti medieotiti medie rottura della membrana timpanica (sorditàrottura della membrana timpanica (sordità da trauma acustico)da trauma acustico)
  • 18. IPOACUSIA DI TIPO PERCETTIVO Nell’ipoacusia di tipo percettivo lo stimolo sonoro viene interrotto a livello dell’orecchio interno. SUONO ORECCHIO MEDIO ORECCHIO INTERNO
  • 19. IPOACUSIA DI TIPO PERCETTIVO TRA LE CAUSE DI Ipoacusia di tipoTRA LE CAUSE DI Ipoacusia di tipo PERCETTIVO RICORDIAMO:PERCETTIVO RICORDIAMO: l’ipoacusia professionalel’ipoacusia professionale lesioni al nervo acusticolesioni al nervo acustico
  • 20. IPOACUSIA PROFESSIONALEIPOACUSIA PROFESSIONALE L’ipoacusia professionale, determinata dalla distruzioneL’ipoacusia professionale, determinata dalla distruzione delle cellule dell’organo del Corti, e di tipo percettivodelle cellule dell’organo del Corti, e di tipo percettivo bilaterale.bilaterale. Inizialmente sono interessate le frequenze intorno aInizialmente sono interessate le frequenze intorno a 4000 Hz con successivo deficit sulle alte, medie e basse4000 Hz con successivo deficit sulle alte, medie e basse frequenze.frequenze. L'andamento dell'ipoacusia professionale è lento eL'andamento dell'ipoacusia professionale è lento e progressivo con stabilizzazione del danno se cessaprogressivo con stabilizzazione del danno se cessa l'esposizione.l'esposizione. La menomazione della vita di relazione inizia quando laLa menomazione della vita di relazione inizia quando la perdita uditiva supera i 25 dB ed interessa le frequenzeperdita uditiva supera i 25 dB ed interessa le frequenze di 1000-2000 Hz.di 1000-2000 Hz.
  • 21. IPOACUSIA DI TIPO PERCETTIVO TRA LE CAUSE DI Ipoacusia di tipoTRA LE CAUSE DI Ipoacusia di tipo PERCETTIVO RICORDIAMO:PERCETTIVO RICORDIAMO: l’ipoacusia professionalel’ipoacusia professionale lesioni al nervo acusticolesioni al nervo acustico
  • 22. MISURA DEL DEFICIT UDITIVOMISURA DEL DEFICIT UDITIVO Particolari apparecchiature dette audiometri, muniti diParticolari apparecchiature dette audiometri, muniti di camera silente, permettono di studiare e misurare ilcamera silente, permettono di studiare e misurare il grado di deficit uditivo.grado di deficit uditivo.
  • 23. EFFETTI EXTRAUDITIVIEFFETTI EXTRAUDITIVI Gli effetti extra uditivi interessano quasi tutti gli organiGli effetti extra uditivi interessano quasi tutti gli organi ed apparati con disturbi funzionali ed organicied apparati con disturbi funzionali ed organici estremamente variabili come entità ed estensione cheestremamente variabili come entità ed estensione che possono in gran parte ricondursi ad una labilitàpossono in gran parte ricondursi ad una labilità neurovegetativa generalizzata.neurovegetativa generalizzata.
  • 24. EFFETTI EXTRAUDITIVIEFFETTI EXTRAUDITIVI Il quadro è dominato da una progressivaIl quadro è dominato da una progressiva ipersimpaticotonia con vasocostrizione precapillare edipersimpaticotonia con vasocostrizione precapillare ed aumento delle resistenze periferiche.aumento delle resistenze periferiche.
  • 25. EFFETTI EXTRAUDITIVIEFFETTI EXTRAUDITIVI PRINCIPALI ORGANI INTERESSATI:PRINCIPALI ORGANI INTERESSATI: cuore (diminuzione del volume della gittata)cuore (diminuzione del volume della gittata) l'apparato respiratorio (aumento dellal'apparato respiratorio (aumento della frequenza respiratoria)frequenza respiratoria) l'apparato gastro-intestinale (spasmi edl'apparato gastro-intestinale (spasmi ed aumento di incidenza di ulcere piloriche eaumento di incidenza di ulcere piloriche e duodenali)duodenali)
  • 26. EFFETTI EXTRAUDITIVIEFFETTI EXTRAUDITIVI PRINCIPALI ORGANI INTERESSATI:PRINCIPALI ORGANI INTERESSATI: il sistema endocrino (con particolareil sistema endocrino (con particolare interessamento dell'asse ipofisi-surrene)interessamento dell'asse ipofisi-surrene) il sistema nervoso (modificazioniil sistema nervoso (modificazioni elettroencefalografiche della sfera psichica).elettroencefalografiche della sfera psichica).
  • 27. EFFETTI SULL’ATTIVITA’ LAVORATIVA E LA VITAEFFETTI SULL’ATTIVITA’ LAVORATIVA E LA VITA SOCIALEEXTRAUDITIVISOCIALEEXTRAUDITIVI Gli effetti del rumore sull'attività lavorativa e la vitaGli effetti del rumore sull'attività lavorativa e la vita sociale, rappresentano l’ultimo importante aspetto dellasociale, rappresentano l’ultimo importante aspetto della patologia da rumore.patologia da rumore.
  • 28. EFFETTI SULL’ATTIVITA’ LAVORATIVA E LA VITAEFFETTI SULL’ATTIVITA’ LAVORATIVA E LA VITA SOCIALE EXTRAUDITIVISOCIALE EXTRAUDITIVI In particolare, il rumore:In particolare, il rumore: interferisce con la comunicazione verbaleinterferisce con la comunicazione verbale determina diminuzione della vigilanza edetermina diminuzione della vigilanza e dell'attenzionedell'attenzione esercita un’azione stressante sulle funzioniesercita un’azione stressante sulle funzioni psicomotorie con conseguente calo dipsicomotorie con conseguente calo di efficienzaefficienza
  • 29. EFFETTI SULL’ATTIVITA’ LAVORATIVA E LAEFFETTI SULL’ATTIVITA’ LAVORATIVA E LA VITA SOCIALEEXTRAUDITIVIVITA SOCIALEEXTRAUDITIVI il progressivo isolamento degli individui con ipoacusia,il progressivo isolamento degli individui con ipoacusia, anche iniziale, porta a modificazioni della strutturaanche iniziale, porta a modificazioni della struttura psichica che non rimangono prive di influenza sulpsichica che non rimangono prive di influenza sul rendimento dell’attività lavorativa ed intellettuale.rendimento dell’attività lavorativa ed intellettuale.
  • 30. PREVENZIONEPREVENZIONE L’ipoacusia da rumore, è una patologia che interessaL’ipoacusia da rumore, è una patologia che interessa quasi esclusivamente il lavoratore esposto, si tratta diquasi esclusivamente il lavoratore esposto, si tratta di una malattia irreversibile ed incurabile, l’unicauna malattia irreversibile ed incurabile, l’unica possibilità d'intervento è quella di prevenirnepossibilità d'intervento è quella di prevenirne l’insorgenzal’insorgenza
  • 31. PREVENZIONEPREVENZIONE uso di mezzi di protezione individuali (cuffie e tappiuso di mezzi di protezione individuali (cuffie e tappi auricolari)auricolari) interventi sull’ambiente, indirizzati a ridurre lainterventi sull’ambiente, indirizzati a ridurre la rumorosità delle macchine e a circoscrivere le aree arumorosità delle macchine e a circoscrivere le aree a rischiorischio interventi organizzativi, attraverso una miglioreinterventi organizzativi, attraverso una migliore ripartizione dei lavori che espongono al rischio.ripartizione dei lavori che espongono al rischio.
  • 32. MISURA DEL RUMOREMISURA DEL RUMORE Lo strumento idoneo per la misura del rumore è ilLo strumento idoneo per la misura del rumore è il fonometro integratore in classe I corredato di:fonometro integratore in classe I corredato di: filtri per l’analisi di frequenza in 1/3 di ottave.filtri per l’analisi di frequenza in 1/3 di ottave. filtri di ponderazione A, B, C e D.filtri di ponderazione A, B, C e D. misura del rumore utilizzando le costanti SLOW – FASTmisura del rumore utilizzando le costanti SLOW – FAST – IMPULSE.– IMPULSE.
  • 33. MISURA DEL RUMOREMISURA DEL RUMORE TARATURA E CALIBRAZIONETARATURA E CALIBRAZIONE Prima di eseguire le misure è necessario verificare laPrima di eseguire le misure è necessario verificare la taratura e la calibratura del fonometro utilizzato.taratura e la calibratura del fonometro utilizzato. LA TARATURALA TARATURA va effettuata, per legge, ogni due anniva effettuata, per legge, ogni due anni inviando l’apparecchio alla casa costruttrice.inviando l’apparecchio alla casa costruttrice. LA CALIBRAZIONELA CALIBRAZIONE va controllata prima e dopova controllata prima e dopo l'esecuzione delle misure.l'esecuzione delle misure.
  • 34. MISURA DEL RUMOREMISURA DEL RUMORE CALIBRAZIONECALIBRAZIONE Si effettua mediante un calibratore (in classe 1),Si effettua mediante un calibratore (in classe 1), applicando una pressione sonora di 110 dB ad unaapplicando una pressione sonora di 110 dB ad una frequenza di 1000 Hz.frequenza di 1000 Hz. La verifica della calibratura prima e dopo le misure deveLa verifica della calibratura prima e dopo le misure deve dare una variazione inferiore a 0,5 dB.dare una variazione inferiore a 0,5 dB.
  • 35. MISURA DEL RUMORE NEGLI AMBIENTI DI LAVOROMISURA DEL RUMORE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Livello equivalente Leq (A)Livello equivalente Leq (A) Livello di pressione acustica istantanea non ponderataLivello di pressione acustica istantanea non ponderata (PEAK)(PEAK) Livelli minimo e massimo di pressione sonoraLivelli minimo e massimo di pressione sonora Lep d (Livello di esposizione personale giornaliero)Lep d (Livello di esposizione personale giornaliero) Lep w (livello di esposizione personale settimanale)Lep w (livello di esposizione personale settimanale)
  • 36. LIVELLO EQUIVALENTE LEQ (A)LIVELLO EQUIVALENTE LEQ (A) Attualmente il parametro utilizzato per la misura delAttualmente il parametro utilizzato per la misura del rumore è il Livello equivalente di pressione sonorarumore è il Livello equivalente di pressione sonora espresso in dB (A) che corrisponde al livello di rumoreespresso in dB (A) che corrisponde al livello di rumore costante avente lo stesso effetto di quello variabilecostante avente lo stesso effetto di quello variabile assorbito dall’uomo nell’intervallo di tempoassorbito dall’uomo nell’intervallo di tempo considerato.considerato.
  • 37. LIVELLO EQUIVALENTE LEQ (A)LIVELLO EQUIVALENTE LEQ (A) Leq (A) = 10 LogLeq (A) = 10 Log1010 {({( 1/T p1/T p22 dtdt)/)/pp22 }} Dove:Dove: P= pressione acustica istantaneaP= pressione acustica istantanea Po = 20Po = 20µµPaPa ∫∫t1 t2 o
  • 38. RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DEL LeqRAPPRESENTAZIONE GRAFICA DEL Leq 95 85 75 65 55 45 35 25 dB 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 minuti Leq
  • 39. LEP DLEP D (LIVELLO ESPOSIZIONE PERSONALE GIORNALIERO)(LIVELLO ESPOSIZIONE PERSONALE GIORNALIERO) Esprime il livello di esposizione personale per una giornataEsprime il livello di esposizione personale per una giornata lavorativa di 8 ore.lavorativa di 8 ore. Si calcola con la seguente equazione:Si calcola con la seguente equazione: Lep d = LAeq X Tc + 10 Log Tc/ToLep d = LAeq X Tc + 10 Log Tc/To Dove:Dove: Tc = durata quotidiana dell’espoizioneTc = durata quotidiana dell’espoizione To = 8 oreTo = 8 ore
  • 40. LEP DLEP D (LIVELLO ESPOSIZIONE PERSONALE GIORNALIERO)(LIVELLO ESPOSIZIONE PERSONALE GIORNALIERO) ESEMPIO DI CALCOLO DEL Lep dESEMPIO DI CALCOLO DEL Lep d Lavoratore: G. Rossi; Mansione: OperaioLavoratore: G. Rossi; Mansione: Operaio ESPOSIZIONE LLaeq dBaeq dB TEMPO min. Flex 95,4 20 Trapano 84,5 100 Rumore fondo 74,9 330 Pausa fisiologica 63 30 Lep d = 83,5Lep d = 83,5
  • 41. LEP WLEP W (LIVELLO ESPOSIZIONE PERSONALE SETTIMANALE)(LIVELLO ESPOSIZIONE PERSONALE SETTIMANALE) Esprime il livello di esposizione personale per una settimanaEsprime il livello di esposizione personale per una settimana lavorativa.lavorativa. Si calcola con la seguente equazione:Si calcola con la seguente equazione: Lep w = 10 Log [1/5Lep w = 10 Log [1/5 ∑∑ 10100,10,1 (Lep d)(Lep d)kk ]] Dove: (Lep d)Dove: (Lep d)kk sono i valori di Lep d per ogni giornosono i valori di Lep d per ogni giorno 5 K = 1
  • 42. LEP WLEP W (LIVELLO ESPOSIZIONE PERSONALE SETTIMANALE)(LIVELLO ESPOSIZIONE PERSONALE SETTIMANALE) ESEMPIO DI CALCOLO DEL Lep dESEMPIO DI CALCOLO DEL Lep d Lavoratore: G. Rossi; Mansione: OperaioLavoratore: G. Rossi; Mansione: Operaio GIORNOGIORNO Lep d dB Lunedi 87,3 Martedi 77,1 Mercoledi 85,0 Giovedi 72,1 Venerdi 88,9 Lep w = 85,3 dB (A)Lep w = 85,3 dB (A)
  • 43. Classe di Rischio Lep d dB (A) Tipo di Intervento 0 <80 Nessuno 1 80> <85 Informare il lavoratore su: rischi derivanti all'udito dall'esposizione al rumore; misure adottate in applicazione della legge; misure di protezione cui i lavoratori debbono attenersi; funzione dei DIP (dispositivi individuali di protezione); significato ed il ruolo del controllo sanitario; risultati e significato della valutazione del rischio; il lavoratore può richiedere di essere sottoposto ad accertamenti audiometrici e la loro esecuzione sarà effettuata solo se Ì ritenuta motivata dal Medico Competente. 2 85> <90 Oltre a quanto previsto per la classe 1 occorre: distribuire i mezzi di protezione individuali; attuare gli interventi atti a ridurre l'esposizione al rischio; effettuare il controllo sanitario almeno ogni due anni; tenuta della cartella di rischio; tenuta della cartella sanitaria. 3 > 90 – PEAKPEAK >140>140 Oltre a quanto previsto per la classe 1 occorre: tenere un registro esposti;  consegnare all'ASL ed all'ISPESL copia del registro esposti; segnalare e circoscrivere in maniera appropriate le aree che comportano per il lavoratore una esposizione superiore a 90 dB oppure un livello di pressione acustica non ponderata >140 dB. Classi di rischio e tipo di interventi preventivi D.Lgs. 277/91
  • 44. INQUINAMENTO ACUSTICOINQUINAMENTO ACUSTICO (Legge 447/95)(Legge 447/95) La presente legge stabilisce i principi fondamentali inLa presente legge stabilisce i principi fondamentali in materia di tutela dell'ambiente esterno e dell'ambientemateria di tutela dell'ambiente esterno e dell'ambiente abitativo dall'inquinamento acustico.abitativo dall'inquinamento acustico.
  • 45. AI FINI DELLA LEGGE 447/95 SI INTENDEAI FINI DELLA LEGGE 447/95 SI INTENDE PER:PER: aa) inquinamento acustico: l'introduzione di rumore) inquinamento acustico: l'introduzione di rumore nell'ambiente abitativo o nell'ambiente esterno tale danell'ambiente abitativo o nell'ambiente esterno tale da provocare disturbo;provocare disturbo; b) ambiente abitativo: ogni ambiente interno ad un edificiob) ambiente abitativo: ogni ambiente interno ad un edificio destinato alla permanenza di persone ed utilizzato per ledestinato alla permanenza di persone ed utilizzato per le diverse attività umane;diverse attività umane; c) sorgenti sonore fisse;c) sorgenti sonore fisse; d) sorgenti sonore mobili;d) sorgenti sonore mobili;
  • 46. AI FINI DELLA LEGGE 447/95AI FINI DELLA LEGGE 447/95 SI INTENDE PER:SI INTENDE PER: e) valori limite di emissione: il valore massimo di rumoree) valori limite di emissione: il valore massimo di rumore che può essere emesso da una sorgente sonora, misurato inche può essere emesso da una sorgente sonora, misurato in prossimità della sorgente stessa;prossimità della sorgente stessa; f) valori limite di immissione: il valore massimo di rumoref) valori limite di immissione: il valore massimo di rumore che può essere immesso da una o più sorgenti sonoreche può essere immesso da una o più sorgenti sonore nell'ambiente abitativo o nell'ambiente esterno, misurato innell'ambiente abitativo o nell'ambiente esterno, misurato in prossimità dei ricettori;prossimità dei ricettori; g) valori di attenzione: il valore di rumore che segnala lag) valori di attenzione: il valore di rumore che segnala la presenza di un potenziale rischio per la salute umana o perpresenza di un potenziale rischio per la salute umana o per l'ambiente;l'ambiente; h) valori di qualità: i valori di rumore da conseguire nelh) valori di qualità: i valori di rumore da conseguire nel breve, nel medio e nel lungo periodo con le tecnologie e lebreve, nel medio e nel lungo periodo con le tecnologie e le metodiche di risanamento disponibili, per realizzare glimetodiche di risanamento disponibili, per realizzare gli obiettivi di tutela previsti dalla presente legge.obiettivi di tutela previsti dalla presente legge.
  • 47. Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 14.11.1997Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 14.11.1997 classificazione del territorio comunale (art. 1)classificazione del territorio comunale (art. 1) CLASSE I - aree particolarmente protetteCLASSE I - aree particolarmente protette CLASSE II - aree destinate ad uso prevalentementeCLASSE II - aree destinate ad uso prevalentemente residenzialeresidenziale CLASSE III - aree di tipo mistoCLASSE III - aree di tipo misto CLASSE IV - aree di intensa attività umanaCLASSE IV - aree di intensa attività umana CLASSE V - aree prevalentemente industriali.CLASSE V - aree prevalentemente industriali. CLASSE VI - aree esclusivamente industriali.CLASSE VI - aree esclusivamente industriali.
  • 48. Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 14.11.1997 Tabella B: valori limite di emissione - Leq in dB(A) (art. 2) classi di destinazione d'uso tempi di riferimento del territorio Diurno (06.00-22.00) Notturno (22.00-06.00) I aree particolarmente protette 45 35 II aree prevalentemente residenziali 50 40 III aree di tipo misto 55 45 IV aree di intensa attivita' umana 60 50 V aree prevalentemente industriali 65 55 VI aree esclusivamente industriali 65 65
  • 49. Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 14.11.1997 Tabella C: valori limite assoluti di immissione - Leq in dB(A) (art. 3) classi di destinazione d'uso tempi di riferimento del territorio Diurno (06.00-22.00) Notturno (22.00-06.00) I aree particolarmente protette 50 40 II aree prevalentemente residenziali 55 45 III aree di tipo misto 60 50 IV aree di intensa attivita' umana 65 55 V aree prevalentemente industriali 70 70 VI aree esclusivamente industriali 70 70
  • 50. Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 14.11.1997 Tabella D: valori di qualita' - Leq in dB(A) (art. 7) classi di destinazione d'uso tempi di riferimento del territorio diurno (06.00-22.00) Notturno (22.00-06.00) I aree particolarmente protette 47 37 II aree prevalentemente residenziali 52 42 III aree di tipo misto 57 47 IV aree di intensa attivita' umana 62 52 V aree prevalentemente industriali 67 57 VI aree esclusivamente industriali 70 70
  • 51. D.P.C.M. 14.11.1997D.P.C.M. 14.11.1997 Art. 4 - Valori limite differenziali di immissioneArt. 4 - Valori limite differenziali di immissione 1. I valori limite differenziali di immissione sono: 5 dB per il1. I valori limite differenziali di immissione sono: 5 dB per il periodo diurno e 3 dB per il periodo notturno, all'internoperiodo diurno e 3 dB per il periodo notturno, all'interno degli ambienti abitativi. Tali valori non si applicano nelledegli ambienti abitativi. Tali valori non si applicano nelle aree classificate nella classe VI.aree classificate nella classe VI. 2.2. Il criterio differenziale non si applica quando:Il criterio differenziale non si applica quando: a)a) Se il rumore ambientale misurato a finestre aperte <50Se il rumore ambientale misurato a finestre aperte <50 dB(A) durante il periodo diurno e <40 dB(A) durante ildB(A) durante il periodo diurno e <40 dB(A) durante il periodo notturno;periodo notturno; b)b) se il rumore ambientale misurato a finestre chiuse siase il rumore ambientale misurato a finestre chiuse sia <35 dB(A) durante il periodo diurno e <25 dB(A) durante<35 dB(A) durante il periodo diurno e <25 dB(A) durante il periodo notturno.il periodo notturno. 3. Le disposizioni di cui al presente articolo non si applicano3. Le disposizioni di cui al presente articolo non si applicano alla rumorosità prodotta: dalle infrastrutture stradali,alla rumorosità prodotta: dalle infrastrutture stradali, ferroviarie, aeroportuali e marittime; da attività eferroviarie, aeroportuali e marittime; da attività e comportamenti non connessi con esigenze produttive.comportamenti non connessi con esigenze produttive.
  • 52. Decreto ministeriale 16.03.1998Decreto ministeriale 16.03.1998 Tecniche di rilevamento e di misurazione dell'inquinamento acustico.Tecniche di rilevamento e di misurazione dell'inquinamento acustico. DefinizioniDefinizioni Tempo a lungo termine (TL): rappresenta un insiemeTempo a lungo termine (TL): rappresenta un insieme sufficientemente ampio di TR all'interno del quale si valutano i valorisufficientemente ampio di TR all'interno del quale si valutano i valori di attenzione.di attenzione. Tempo di riferimento (TR): rappresenta il periodo della giornataTempo di riferimento (TR): rappresenta il periodo della giornata all'interno del quale si eseguono le misure. Si distingue un periodoall'interno del quale si eseguono le misure. Si distingue un periodo diurno (h 6,00 - h 22,00) e notturno (h 22,00 - h 6,00).diurno (h 6,00 - h 22,00) e notturno (h 22,00 - h 6,00). Tempo di osservazione (TO): è un periodo di tempo compreso in TRTempo di osservazione (TO): è un periodo di tempo compreso in TR nel quale si verificano le condizioni di rumorosità che si intendononel quale si verificano le condizioni di rumorosità che si intendono valutare.valutare. Tempo di misura (TM): all'interno di ciascun tempo di osservazione,Tempo di misura (TM): all'interno di ciascun tempo di osservazione, si individuano uno o più tempi di misura (TM) di durata pari o minoresi individuano uno o più tempi di misura (TM) di durata pari o minore del tempo di osservazione in funzione delle caratteristiche didel tempo di osservazione in funzione delle caratteristiche di variabilità del rumore ed in modo tale che la misura siavariabilità del rumore ed in modo tale che la misura sia rappresentativa del fenomeno.rappresentativa del fenomeno.
  • 53. Decreto ministeriale 16.03.1998Decreto ministeriale 16.03.1998 Tecniche di rilevamento e di misurazione dell'inquinamento acustico.Tecniche di rilevamento e di misurazione dell'inquinamento acustico. DefinizioniDefinizioni Livello di rumore ambientale (LA ): è il livello continuo equivalenteLivello di rumore ambientale (LA ): è il livello continuo equivalente di pressione sonora ponderato "A", prodotto da tutte le sorgenti didi pressione sonora ponderato "A", prodotto da tutte le sorgenti di rumore esistenti in un dato luogo durante un determinato tempo.rumore esistenti in un dato luogo durante un determinato tempo. Livello di rumore residuo (LR): è il livello continuo equivalente diLivello di rumore residuo (LR): è il livello continuo equivalente di pressione sonora ponderato "A", che si rileva quando si esclude lapressione sonora ponderato "A", che si rileva quando si esclude la specifica sorgente disturbante.specifica sorgente disturbante. Livello differenziale di rumore (LD): differenza tra il livello diLivello differenziale di rumore (LD): differenza tra il livello di rumore ambientale. (LA) e quello di rumore residuo (LR): LD = (LA -rumore ambientale. (LA) e quello di rumore residuo (LR): LD = (LA - LR )LR )
  • 54. Decreto ministeriale 16.03.1998Decreto ministeriale 16.03.1998 Tecniche di rilevamento e di misurazione dell'inquinamento acustico.Tecniche di rilevamento e di misurazione dell'inquinamento acustico. CORREZIONI VALORI MISURATICORREZIONI VALORI MISURATI Fattore correttivo (Ki): è la correzione in dB(A) introdotta per tenerFattore correttivo (Ki): è la correzione in dB(A) introdotta per tener conto della presenza di rumori con componenti impulsive, tonali o diconto della presenza di rumori con componenti impulsive, tonali o di bassa frequenza il cui valore è di seguito indicato:bassa frequenza il cui valore è di seguito indicato: per la presenza di componenti impulsive KI = 3 dBper la presenza di componenti impulsive KI = 3 dB per la presenza di componenti tonali KT = 3 dBper la presenza di componenti tonali KT = 3 dB per la presenza di componenti in bassa frequenza KB = 3 dB.per la presenza di componenti in bassa frequenza KB = 3 dB. Livello di rumore corretto (LC): è definito dalla relazione:Livello di rumore corretto (LC): è definito dalla relazione: LC = LA + KI + KT + KBLC = LA + KI + KT + KB
  • 55. Grazie per l’attenzione

×