Le politiche di coesione: cosa sono e a cosa servono?

2,779
-1

Published on

Cosa sono le politiche di coesione e perché fanno parte del bilancio Europeo? Quanti soldi pubblici riguardano e in che modo sono gestiti?
Quali soggetti coinvolgono e cosa contribuiscono a realizzare?

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
2,779
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
9
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Le politiche di coesione: cosa sono e a cosa servono?

  1. 1. CHE COSA SONO LE “POLITICHE DI COESIONE” E A COSA SERVONO ? Sunday, December 8, 13
  2. 2. CHE COSA SONO LE “POLITICHE DI COESIONE” E A COSA SERVONO ? Le politiche di coesione sono politiche di investimento che finanziano programmi e (alla fine sempre) singoli progetti (semplici o articolati) con lo scopo di «cambiare qualcosa in meglio sul territorio»: • Ottenere più competenze, capacità • Migliorare l’ambiente produttivo in cui si muovono le imprese • Migliorare il contesto in cui vivono le persone • Sostenere specifici progetti privati e pubblici che creano opportunità di lavoro e reddito ...agendo soprattutto laddove le politiche ordinarie non arrivano o non possono o non riescono ad arrivare Sunday, December 8, 13
  3. 3. IN PRATICA ? Sunday, December 8, 13
  4. 4. IL COMPLETAMENTO DELLA LINEA 1 DELLA METROPOLITANA DI NAPOLI Sunday, December 8, 13
  5. 5. LA BONIFICA DI UN SITO INQUINATO A BARI Sunday, December 8, 13
  6. 6. IL POTENZIAMENTO DI UN LABORATORIO DI BIOTECNOLOGIA A PALERMO Sunday, December 8, 13
  7. 7. LA VALORIZZAZIONE DELLE SCUDERIE MEDICEE A FIRENZE Sunday, December 8, 13
  8. 8. IL FINANZIAMENTO DI INITIATIVE DI FORMAZIONE “CONTRO LA CRISI” A BOLOGNA Sunday, December 8, 13
  9. 9. LA RIQUALIFICAZIONE DEL MERCATO DI PORTA PORTESE A ROMA Sunday, December 8, 13
  10. 10. LA RISTRUTTURAZIONE DEL MUSEO DELL’AUTOMOBILE A TORINO Sunday, December 8, 13
  11. 11. QUINDI NON SOLO INFRASTRUTTURE! Sunday, December 8, 13
  12. 12. NON SOLO INFRASTRUTTURE.. • Agenda digitale • Ambiente • Città e aree rurali • Competitività delle Imprese • Cultura e Turismo • Energia • Inclusione Sociale • Infanzia e anziani • Istruzione • Occupazione • Ricerca e Innovazione •Trasporti Sunday, December 8, 13
  13. 13. QUINDI COSA DIFFERENZIA LE“POLITICHE DI COESIONE” DA QUELLE “ORDINARIE” ? Sunday, December 8, 13
  14. 14. COSA DIFFERENZIA LE“POLITICHE DI COESIONE” DA QUELLE “ORDINARIE” ? INTENZIONALITÀ OVVERO ? La politica di coesione è diretta in modo intenzionale a garantire che gli obiettivi di competitività siano raggiunti da tutti i territori regionali, anche e soprattutto da quelli che presentano squilibri economicosociali. Sunday, December 8, 13 AGGIUNTIVITÀ e ADDIZIONALITÀ OVVERO? La politica di coesione è finanziata da risorse aggiuntive, UE e nazionali, provenienti, rispettivamente, dal bilancio europeo (fondi strutturali, con obbligo di addizionalità) e nazionale (cofinanziamento nazionale ai fondi strutturali e fondo per lo sviluppo e la coesione economica).
  15. 15. IN PRATICA ? Sunday, December 8, 13
  16. 16. DIVERSE FONTI DI FINANZIAMENTO.. ..UN PROGRAMMA Sunday, December 8, 13
  17. 17. DA COSA NASCONO LE POLITICHE DI COESIONE? PER QUALE RAGIONE SI FANNO QUESTI INVESTIMENTI ? Sunday, December 8, 13
  18. 18. PER CAPIRE MEGLIO, FACCIAMO UN PASSO INDIETRO.. Sunday, December 8, 13
  19. 19. DA COSA NASCONO LE POLITICHE DI COESIONE? Dalla nostra Costituzione (art. 119 comma 5 – art. 3 comma 2), in cui si parla di “rimuovere gli squilibri economici e sociali” e dal Trattato (di Lisbona) sul funzionamento dell’Unione europea, che parla di “promuovere uno sviluppo armonioso”. Articolo 174, Trattato di Lisbona - in vigore dal Dicembre 2009 “Per promuovere uno sviluppo armonioso dell'insieme dell'Unione, questa sviluppa e prosegue la propria azione intesa a realizzare il rafforzamento della sua coesione economica, sociale e territoriale. In particolare l'Unione mira a ridurre il divario tra i livelli di sviluppo delle varie regioni ed il ritardo delle regioni meno favorite. [...] RIDURRE IL DIVARIO TRA I LIVELLI DI SVILUPPO DELLE VARIE REGIONI Sunday, December 8, 13
  20. 20. QUINDI, UNO DEGLI OBIETTIVI DELL’EUROPA È QUELLO DI RIDURRE IL DIVARIO TRA I LIVELLI DI SVILUPPO DELLE VARIE REGIONI.. Sunday, December 8, 13
  21. 21. RIDURRE IL DIVARIO TRA I LIVELLI DI SVILUPPO DELLE VARIE REGIONI IN ROSSO, LE REGIONI “CONVERGENZA”, OVVERO QUELLE CON IL MAGGIOR DIVARIO DA RECUPERARE E SU CUI SONO CONCENTRATE LE MAGGIORI RISORSE IN ROSA QUELLE CHE STANNO “USCENDO” DAL RITARDO (“PHASING-OUT”) IN AZZURRO SCURO QUELLE INTERMEDIE (“PHASING-IN”) IN AZZURRO CHIARO QUELLE GIÀ COMPETITIVE E CHE RICEVONO QUINDI MENO RISORSE Sunday, December 8, 13
  22. 22. DA QUANTO TEMPO ESISTONO LE POLITICHE DI COESIONE ? Sunday, December 8, 13
  23. 23. PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA 1993 Chiusura Agensud Dal 1950 Cassa per il Mezzogiorno, poi Agensud ante 89 1989-93 Dal 1957 FSE Dal 1975 FESR 1995-1997 Leggi per le aree depresse (AACC) 1998 L. 208 1994-99 6 Obiettivi 13 Iniziative Comunitarie 2003 Fondo per le Aree Sottoutilizzate 2000-06 3 Obiettivi 4 Iniziative Comunitarie 1988 Riforma Delors dei Fondi Strutturali Sunday, December 8, 13 WE ARE HERE ! 2007-13 2014-20 Allineamento su programmazione (unitaria) settennale 2007 Quadro Strategico Nazionale Obiettivi Conv, CRO, CTE
  24. 24. QUINDI ORA I CICLI DI PROGRAMMAZIONE PER LE POLITICHE DI COESIONE DURANO 7 ANNI ? CHE COSA VUOL DIRE IN CONCRETO ? Sunday, December 8, 13
  25. 25. COME FUNZIONA IN PRATICA UN CICLO DI PROGRAMMAZIONE COMUNITARIO Prendiamo ad esempio il ciclo 2007-2013, sul quale faremo molto lavoro insieme.. 2006 2006 In Europa si è definito, prima dell’avvio: - quando sarebbe stato il budget per le politiche di coesione (348 MLD) - quali sarebbero stati i macro-obiettivi - come distribuire le risorse tra i vari Stati e le regioni per diversi livelli di sviluppo - vari regolamenti, sul processo in generale In Italia (sia a livello nazionale che regionale), invece si è definito, prima dell’avvio: - negoziazione di budget e macro-obiettivi con EU - come si organizzano i soldi Europei nei vari programmi (e i loro contenuti) - quante risorse aggiuntive il Paese ci mette (ricordate il co-finanziamento ?) 2007-2013 2007-2013 2013+2 Durante i 7 anni del ciclo si implementano i programmi e, tramite questi, si realizzano moltissimi progetti, di ogni dimensione. Sia Italia che EU sorvegliano l’andamento dei programmi e delle spese I Programmi possono concludersi nei 2 anni successivi (la chiusura “formale” può essere lunga”), quindi di fatto il ciclo dura 2 anni in più e si sovrappone con quello successivo Il ciclo dura quindi 7 anni, ma viene programmato nell’anno precedente e può durare fino a due anni in più per la chiusura di alcuni progetti Sunday, December 8, 13
  26. 26. LA GESTIONE “DECENTRATA” DELLE POLITICHE DI COESIONE EU ALLOCA BUDGET (concordando con Stati Membri) e DEFINISCE MACRO-OBIETTIVI (sempre con Stati Membri) GLI STATI MEMBRI - NON LA COMMISSIONE – DISEGNANO E ATTUANO GLI INTERVENTI E DEVONO COINVOLGERE I TERRITORI E LE VARIE AMMINISTRAZIONI LA COMMISSIONE APPROVA LE DECISIONI DI MASSIMA, COOPERA E CONTROLLA Sunday, December 8, 13
  27. 27. COME VENGONO ALLOCATE LE RISORSE? La decisione sull’entità avviene insieme alla definizione del bilancio UE che è pluriennale (ciclo e budget coincidono nei tempi) Fase cruciale in cui si discute non solo delle risorse, ma anche dell’utilità della Politica di Coesione e dei suoi scopi Gli attori chiave sono largamente gli Stati membri (grosso ruolo giocato dai net contributors, ovvero i paesi che versano più soldi di quanti riceverne, come l’Italia) Si negozia anche sulle regole di attribuzione e si definiscono, insieme, risorse totali e allocazioni a Stati e regioni obiettivo Ogni ciclo ha i suoi Regolamenti di riferimento che sono discussi e negoziati in dettaglio dagli Stati membri prima della loro adozione Sunday, December 8, 13
  28. 28. QUANTO VALGONO LE POLITICHE DI COESIONE ? Sunday, December 8, 13
  29. 29. PER RISPONDERE, CERCHIAMO INFORMAZIONI SU QUESTA DOMANDA: QUANTO È IL BILANCIO EUROPEO E COSA FINANZIA ? Sunday, December 8, 13
  30. 30. 976 MILIARDI DI EURO (pari a 1,12 del PIL Europeo) PER IL PERIODO 2007-2013 PER FARE QUESTE COSE Sunday, December 8, 13
  31. 31. DI QUESTI 976: 348 MILIARDI (1/3!) SONO UTILIZZATI PER LE POLITICHE DI COESIONE (IN TUTTA EUROPA - SEMPRE PER IL PERIODO 2007-2013) Sunday, December 8, 13
  32. 32. DI QUESTI 348 MILIARDI, L’ITALIA PER IL PERIODO 2007-2013 HA OTTENUTO 28,8 MILIARDI DALLA UE ..A CUI SI È IMPEGNATO DI AGGIUNGERE 31,6 MILIARDI DI EURO (COFINANZIAMENTO OBBLIGATORIO, VI RICORDATE IL PRINCIPIO DELL’ADDITIVITÀ?) ..E 64,6 MILIARDI DI RISORSE AGGIUNTIVE NAZIONALI PER LA POLITICA REGIONALE DI SVILUPPO 28,8 + 31,6 + 64,6 = 124,7 QUINDI IN TUTTO FA 124,7 MILIARDI DI EURO! L’INSIEME SI CHIAMA QUADRO COMUNITARIO DI SOSTEGNO (QCS) SI CHIAMA QUADRO EX ANTE, PERCHÈ QUESTO È QUANTO È STATO PIANIFICATO PRIMA DELL’INIZIO DEL PERIODO 2007-2013 NEL 2008, È STATO RIDOTTO DI CIRCA 13 MILIARDI, ANCHE PER VIA DELLA CRISI E PER INTERVENTI DI EMERGENZA Sunday, December 8, 13
  33. 33. RICAPITOLANDO... Cofinanziamento 31.6Mld Fondi Europei 28.8Mld Fondi Nazionali 64.6Mld Fondi Europei Cofinanziamento Sunday, December 8, 13 Fondi Nazionali
  34. 34. 124,7 MILIARDI DI EURO (in 7 anni) = UNA BELLA FETTA DEL NOSTRO BILANCIO, CHE È DI 520 MILIARDI (nel 2013) 124,7 MILIARDI DI EURO sono 171 MILIONI DI iPhone5s Sunday, December 8, 13
  35. 35. NEL 2008, È STATO RIDOTTO DI CIRCA 13 MILIARDI, ANCHE PER VIA DELLA CRISI E PER INTERVENTI DI EMERGENZA Sunday, December 8, 13
  36. 36. PERCHÉ SU OPENCOESIONE VEDO MENO DI 124,7 ? IN PARTE PER LA RIDUZIONE DI 13 MLD NEL 2008.. Sunday, December 8, 13
  37. 37. PERCHÉ SU OPENCOESIONE VEDO MENO DI 124,7 ? SU OC È POSSIBILE TROVARE QUESTO Sunday, December 8, 13
  38. 38. Programmazione dei Fondi Strutturali 2007-2013 52 Programmi Operativi Conv e CRO  Obiettivo Convergenza (43,6 mld €, 73,4% delle risorse totali): riguarda le Regioni in ritardo di sviluppo (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia)  10 Programmi Operativi Regionali (POR), 2 per ciascuna Regione, l’uno cofinanziato dal FESR, l’altro dal FSE  7 Programmi Operativi Nazionali (PON) “Assistenza tecnica”, “Ricerca e competitività”, “Sicurezza”, “Reti e mobilità”, finanziati dal FESR, 2 Programmi per l’istruzione, 2 Programmi per l’Assistenza tecnica e le Azioni di sistema (l’uno cofinanziato dal FESR l’altro dal FSE)  2 Programmi Operativi Interregionali (POIN) “Attrattori culturali e turismo”, “Energie rinnovabili”, finanziati dal FESR  Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione (15,8 mld €, 26,6% delle risorse totali): punta a rafforzare la competitività e l’attrattività delle Regioni al di fuori dell’Obiettivo Convergenza  32 Programmi Operativi Regionali (POR), 16 finanziati dal FESR e 16 dal FSE  1 Programma Operativo Nazionale (PON) “Azioni di sistema”, finanziato dal FSE Sunday, December 8, 13
  39. 39. La programmazione dei Fondi Strutturali 07-13 14 Programmi Operativi CTE, finanziati dal FESR  Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea (2,1 mld €): riguarda tutte le Regioni e le Province italiane che concorrono a realizzare Programmi Operativi (PO) con aree omologhe degli altri Stati membri  Transfrontaliera (Italia - Francia Marittimo, Italia - Francia Alcotra, Italia - Svizzera, Italia - Slovenia, Italia - Malta, Grecia - Italia, Italia - Austria)  Transnazionale (Spazio Alpino, Europa Centrale, Europa Sud-orientale, Mediterraneo)  Transnazionale pre-adesione (Italia Adriatico)  Transnazionale prossimità e vicinato (Italia - Tunisia, Bacino del Mediterraneo) Sunday, December 8, 13
  40. 40. Le performance dei Fondi Strutturali 07-13 Finora target raggiunti, ma la strada è in salita Andamento della spesa certificata per i Programmi Operativi finanziati con i Fondi Strutturali rispetto alla dotazione complessiva Sunday, December 8, 13
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×