Your SlideShare is downloading. ×
Media Literacy..in breve [Andò]
Media Literacy..in breve [Andò]
Media Literacy..in breve [Andò]
Media Literacy..in breve [Andò]
Media Literacy..in breve [Andò]
Media Literacy..in breve [Andò]
Media Literacy..in breve [Andò]
Media Literacy..in breve [Andò]
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Media Literacy..in breve [Andò]

334

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
334
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. 30/04/2010
    Perchè studiare i media?
    Pagina 1
    Media literacy .. in breve
    Prof. Romana Andò
    Teoria e analisi delle audience
  • 2. Media literacy
    Per media literacy siintende la capacitàdi
    accedere,
    analizzare,
    valutare e
    crearemessaggi in diverse forme.
    (S. Livingstone, “The Changing Nature
    and Uses of Media Literacy”,2003)
  • 3. 1) Accedere
    L’accesso non deve essere inteso solo come la risultante del possesso.
    ma, piuttosto, come capacità di domesticazione delle tecnologie, ovvero come quella capacità del soggetto di rendere familiare un mezzo e i suoi linguaggi attraverso la sua assimilazione all’interno della vita quotidiana e degli ambienti domestici.
  • 4. Competenze stratificate
    La storia ci ha insegnato a non credere alla logica della sostituzione mediale, quanto a quella della complementarità:
    le nuove tecnologie non prendono il posto di quelle vecchie, ma tendono a cercare elementi di sinergia e convergenza, che si sedimentano, poi, nelle pratiche e nelle competenze dei soggetti attraverso continui processi di updating.
    Le competenze richieste per affrontare il digital divide, dunque, aumentano piuttosto che diminuire e il problema dell’accesso si ammanta di interpretazioni decisamente più complesse.
  • 5. Le competenze dell’accesso
    Rispetto all’accesso/domesticazione si rilevano tre tipi di competenze:
    le competenze di base o di navigazione (basicfunctional or navigationalcompetence), come per esempio la conoscenza delle modalità di uso degli sms o la capacità di ritrovare messaggi sui telefoni cellulari.
    Le competenze di controllo della tecnologia (controlling the technology), che implicano attività avanzate, come gestire una ricerca online o una transazione economica;
    Le competenze nel regolare le tecnologie (regulating the technology), che includono la capacità di proteggere la privacy e di filtrare condotte inappropriate.
  • 6. Obbligare ad essere intelligenti
    Anche rispetto all’uso della televisione, diverse sono le competenze oggi richieste per interagire con i testi.
    Si pensi a quei prodotti tv che non sono intelligenti, ma che obbligano ad essere intelligenti per essere compresi e goduti (Johnson).
    Quei programmi, cioè, che richiedono il coinvolgimento attivo dello spettatore nel completamento dei testi, nel rispondere alle interrogazioni che il testo prevede, per sollecitare lo spettatore a riversarsi nel testo e a con-versare con lui.
  • 7. I minori davanti alla complessità del video
    Nella visione ripetuta dello stesso contenuto, il minore impara a controllare nuovi dettagli, diverse sfumature, elementi satirici sfuggiti ad una prima visione: ogni visione “addestra [il bambino] a tenere presenti tutti i vari intrecci, in una sorta di ginnastica mentale” (Johnson)
    Nelle fiction, come nei videogiochi i minori esercitano il “telescoping” ovvero la capacità di concentrarsi su problemi immediati, senza perdere di vista la visione di insieme.
    Creare legami telescopici tra gli obiettivi simultanei che un videogioco pone ad ogni quadro è un’attività molto simile alla fruizione di una fiction o di un cartone, in cui è necessario seguire di volta in volta l’intreccio narrativo proposto in primo piano, senza perdere di vista la storia nel suo insieme
  • 8. 2) Analizzare e 3) valutare i testi
    Un soggetto, oggi, per relazionarsi in modo funzionale ai media deve poggiare l’attività di fruizione-consumo sulla comprensione, nella doppia accezione
    di decodifica interpretativa dei testi e dei linguaggi e
    di utilizzo dei media per l’attribuzione di senso alla realtà
    Oltre che sulla capacità di critica e lettura dei messaggi in termini di riconoscimento dei livelli di oggettività e verità.

×