• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Cellstan
 

Cellstan

on

  • 240 views

 

Statistics

Views

Total Views
240
Views on SlideShare
240
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
5
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Cellstan Cellstan Document Transcript

    • Biasin GiorgiaVezzaro MichelaOliviero Chiara
    • ITIS G.Galilei 1^BBiasin Giorgia, Vezzaro Michela e Oliviero Chiara1Vorrei diventare una scienziata per curare le malattie neuro degenerativecome per esempio la SMA (Atrofia Muscolare Spinale).La SMA è una malattia neuro degenerativa ed ha 4 livelli di gravità:Gli scienziati hanno già cominciato a studiare alcune medicine controqueste malattie, e una cura l’hanno trovata: LE CELLULE STAMINALI.
    • ITIS G.Galilei 1^BBiasin Giorgia, Vezzaro Michela e Oliviero Chiara2Il ruolo principale delle cellule staminali è quello di garantire il fisiologicoricambio delle cellule "invecchiate" e di ripristinare le cellule eventualmentedanneggiate o morte a seguito di traumi o malattie.Passato• La scoperta dellesistenza delle cellule staminali adulte risalealla fine del 1800. In particolare allosservazione che lecellule del sangue si rinnovano ciclicamente.• Queste osservazioni hanno portato a formulare per la primavolta lipotesi (provata poi solo negli anni 60) dellesistenzadi cellule indifferenziate, residenti nel midollo osseo e aventila funzione di "serbatoio" dalle quali derivano gli elementicorpuscolati del sangue.Presente• Questa scoperta ha indirizzato linteresse deiricercatori allidentificazione di altri elementi concaratteristiche di staminalità nel midollo osseo portandoallidentificazione delle cellule staminali mesenchimali(MSC).• Sono state identificate ed isolate cellule staminali daquasi tutti i tessuti adulti, animali ed umani, nonché intessuti fetali (placenta e liquido amniotico).Futuro• La tendenza attuale è diretta allo studio a scopoterapeutico delle cellule staminali adulte e di quellederivate dagli annessi embrionali.• Luso delle cellule staminali non è ancora statosperimentato a sufficienza, ma è consentito dalla leggeperché non si conosco altre possibili cure: si tratta dicure compassionevoli.
    • ITIS G.Galilei 1^BBiasin Giorgia, Vezzaro Michela e Oliviero Chiara3•è la capacità di replicarsi mantenendo il medesimo stadiodifferenziativo (cioè il tipo di tessuto che la cellulaforma). Ciascuna cellula staminale realizzal’autorinnovamento tramite la divisione asimetrica.Autorinnovamento•è la capacità di dare origine a linee o tipi cellulari tramiteil differenziamento. Potrebbe essere anche compresa lacapacità di queste cellule, in fase di differenziamento, dicambiare la propria linea cellulare modificando il proprioprogramma di sviluppo.PotenzaLe cellule staminali sono cellule primitive non specializzate, dotate dellacapacità di trasformarsi in diversi altri tipi di cellule del corpo attraverso unprocesso denominato differenziamento cellulare.Per poter essere definita come staminale una cellula deve soddisfare dueproprietà: l’autorinnovamento e la potenza.Le cellule staminali vengono classificate in base alla loro potenza ovvero lapotenzialità di differenziarsi nei vari tipi o linee cellulari.
    • ITIS G.Galilei 1^BBiasin Giorgia, Vezzaro Michela e Oliviero Chiara4Esistono tre tipi di cellule staminali: embrionali, fetali, ed adulte.Cellule staminaliembrionaliSono cellule nondifferenziate, cioè hannola capacità di produrretutte le tipologiecellulari, assumendo lefunzioni specifiche deidiversi tessuti e organi.Hanno un potenzialeproliferativo illimitato,rendendo così possibileottenere una quantitàsufficiente di cellule perapplicazioni mediche.Attualmente non è ancorapossibile utilizzare lecellule staminaliembrionali a scopiterapeutici per:- la scarsa conoscenza- e la loro tendenza aprodurre tumori.Letica della ricerca ècontroversa. Gli embrionivengono distrutti. Questecellule staminali possonoessere derivate solo dagliembrioni soprannumerari(inutilizzati nellafecondazione artificiale).È stato dimostrato chequeste staminali possonoessere prodotte senzaprelevare cellule daembrioni ma attualmentetali cellule sono derivateda blastocisti.Cellule staminalifetaliProvvedonoallaccrescimento deitessuti. Presentanocaratteristicheintermedie tra quelle dellestaminali adulte edembrionali.Hanno una proliferazioneelevata come le staminaliembrionali mapresentano un minorepotenziale tumorigenico.Il loro utilizzo nonpresenta problemi etici,in quanto per reperirle sipossono utilizzare i fetiabortiti spontaneamente.Si trovano negli annessiembrionali (cordoneombelicale, placenta...).In alcuni Stati stannonascendo banche perconservare i cordoniombelicali per uneventuale utilizzo futuro.Cellule staminaliadulteLe cellule staminaliadulte derivano daitessuti di organismiadulti.Sono cellule nondifferenziate in grado:- di autoreplicarsi;- di differenziarsidando origine a cellulespecializzate.Il differenziamento nonavviene direttamente, maattraverso la generazionedi cellule concaratteristicheintermedie edorientamento già definito.
    • ITIS G.Galilei 1^BBiasin Giorgia, Vezzaro Michela e Oliviero Chiara5Le cellule staminali mesenchimali (MSC) sono state isolate dallacomponente stromale del midollo per la prima volta negli anni 70 daFriedenstein e collaboratori.Le MSC sono cellule multipotenti con morfologia fibroblastoide, con lacapacità di differenziarsi in vari tipi di cellule derivanti dal tessutoembrionale mesodermico (tessuto osseo, tessuto cartilagineo e tessutoadiposo) sia in vitro sia in vivo.Midolloosseo:"nicchia"biologicadelle MSC.Funzione dirichiamo dellecellule staminaliematopoieticheFavoriscono ildifferenziamentoin cellule delcircolo sanguigno.
    • ITIS G.Galilei 1^BBiasin Giorgia, Vezzaro Michela e Oliviero Chiara6Le MSC presentano una spiccata plasticità funzionale ed unpotenziale differenziativo multilineage.Le MSC sono lecellule staminaliadulte ad oggi piùstudiate in quantopresentanocaratteristicheproprie:Sono facilmenteisolabili graziealla loro capacitàadesiva.Sono facilmenteseparabili da altretipologie cellularigrazieall’espressione diun set di marcatoridi membranaspecifici.Sono facilmenteespandibili invitro in quantopresentano inelevatopotenzialereplicativo.Sono in grado diespletare funzioniimmunosuppressiveeimmunomodulatorieSono in grado dimigrarespontaneamentenei tessutidanneggiati e arigenerarli.MSC Cellulestaminalimesenchimaliderivano da:Midolloosseo.Cordoneombelicale.Placenta.Sangueperiferico.Tessutoadiposo(grasso).
    • ITIS G.Galilei 1^BBiasin Giorgia, Vezzaro Michela e Oliviero Chiara7
    • ITIS G.Galilei 1^BBiasin Giorgia, Vezzaro Michela e Oliviero Chiara8http://it.wikipedia.org/wiki/Cellula_staminalehttp://www.asamsi.org/lasma/http://tv.befan.it/le-iene-golia-salvare-la-vita-con-le-staminali/http://it.wikipedia.org/wiki/Cellula_staminalehttp://www.gossipetv.com/le-iene-giulio-golia-annuncia-linfusione-finalmente-e-stata-fatta-la-piccola-sofia-ha-ricevuto-le-staminali-71005http://www.staminafoundation.org/http://www.video.mediaset.it/video/iene/puntata/375196/golia-si-puo-guarire-con-le-staminali.htmlhttp://www.bioblog.it/2007/12/21/cellule-staminali-per-predire-la-tossicita-dei-farmaci/20071980http://www.uildm.org/2012/11/05/grande-successo-per-famiglie-sma/http://es.wikipedia.org/wiki/C%C3%A9lula_madre_mesenquimatosahttp://www.lastampa.it/2013/05/22/italia/politica/si-del-senato-alle-staminali-ora-e-legge-ldW3l9QBdMlXzFqZlJxNgL/pagina.htmlhttp://it.paperblog.com/metodo-vannoni-sulle-staminali-1677199/La storia mi ha colpito molto, mi ha fatto capire che delle malattie così pericolose possono essere curate epossono dare una speranza alle famiglie e alle persone affette da questa malattia.Fortunatamente il giudice del lavoro ha accolto la richiesta della famiglia di Celeste di continuare le curepassionevoli e così la bambina ha potuto continuare queste cure.Però a non tutte le famiglie è andata così perché spesso si sono trovati con delle persone che hanno chiuso