• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Sport Health Project
 

Sport Health Project

on

  • 1,406 views

Lezione del 27/05/2009. Corso di Laurea in Scienze Motorie, Università degli studi di Firenze

Lezione del 27/05/2009. Corso di Laurea in Scienze Motorie, Università degli studi di Firenze

Statistics

Views

Total Views
1,406
Views on SlideShare
1,363
Embed Views
43

Actions

Likes
1
Downloads
23
Comments
0

3 Embeds 43

http://armandococca.wordpress.com 39
http://www.slideshare.net 3
http://www.slashdocs.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Sport Health Project Sport Health Project Presentation Transcript

    • PSICOLOGIA SOCIALE Prof. Guerra G. - A.a. 2008/2009 Dr. Armando Cocca Departamento de Educación Física y Deportiva Universidad de Granada, España
    • INDICE 1)LA SALUTE 2)L’ATTIVITÀ FISICA COME FATTORE DELLA SALUTE
    • INDICE 3) PROGETTO SPORTHEALTH 4) RELAZIONE SPORT / AUTOCONCETTO / SPORTIVITÀ
    • Situazione mondiale LA SALUTE I dati ottenuti da ricerche effettuate negli ultimi decenni dimostrano che c’è una tendenza negativa nell’evoluzione della salute pubblica ed individuale
    • Situazione mondiale LA SALUTE 2003: OBESITÀ ED ESERCIZIO FISICO 300 milioni di obesi nel mondo 135 milioni in Europa (45%) M = 56% F = 44% 8% dei costi relativi alla Sanità 65-85% della popolazione mondiale non pratica attività fisica sufficiente OMS, 2003
    • Situazione mondiale LA SALUTE 2004: PEGGIORAMENTO DELLA SITUAZIONE Aumento significativo del numero dei soggetti sovrappeso ed obesi Status socioeconomico Etnia Fasce d’età più colpita: infanzia e adolescenza (Hayman & Hughes, 2007) La maggior parte dei bambini sovrappeso/obesi lo saranno anche in età adulta (Bjorntorp, 1997) Esiste una relazione positiva tra obesità infantile, nell’adolescenza e in etá adulta (Mota, Santos & Guerra, 2003)
    • Situazione mondiale LA SALUTE 2007: DIFFUSIONE DI ABITUDINI NOCIVE Obesità e sovrappeso sono diventati i principali problemi di salute pubblica (Ogden & al., 2007) Diffusione di abitudini nocive come il fumo, l’alcohol e la droga (Hedman & al., 2007) La fascia d’età con il più evidente aumento di queste abitudini è l’adolescenza (Kyrlesi & al., 2007) Indicatore allarmante dello stile di vita della nuova generazione
    • Situazione mondiale LA SALUTE 2009: QUALITÀ DI VITA PIÙ BASSA In età di molto inferiori a quelle determinate dall’aspettativa di vita si riscontrano: Aumento dei casi di Aumento della Aumento della malattie croniche morbilità mortalità La conseguenza è una qualità di vita inferiore e una riduzione dell’aspettativa di vita ROSAMOND & AL., 2008
    • Variabili della salute LA SALUTE NUTRIZIONE Agisce positivamente sui parametri fisiologici Determina il buon funzionamento dei processi che regolano il corpo umano Riduce e previene il rischio di malattie croniche FELDEISEN & TUCKER, 2007
    • Variabili della salute LA SALUTE AMBIENTE SOCIOAFFETTIVO La famiglia Il gruppo dei pari e il partner I professori e gli allenatori Rappresentano modelli di comportamento per i giovani DRUMMOND, 2007
    • Variabili della salute LA SALUTE COMPONENTI PSICOLOGICHE Autoconcetto Autostima Motivazione, aspettativa, comportamento
    • Variabili della salute LA SALUTE ATTIVITÀ FISICA Interviene e migliora i parametri fisiologici Influisce positivamente su aspetti psicologici della salute Ha un’importanza riconosciuta a livello medico ed educativo VICENTE RODRÍGUEZ & AL., 2007; LAKKA & LAAKSONENS, 2007; MENDOZA, 2000
    • SALUTE E SCUOLA LA SALUTE Per cercare di migliorare la salute individuale e pubblica, é indispendabile considerare: La famiglia, l’ambiente affettivo L’ambiente extrascolare L’ambiente scolare MENDELSON, 2007
    • SALUTE E SCUOLA LA SALUTE La L’ambiente extrascolare famiglia, l’ambiente affettivo Fondamentali al fine di ottenere risultati più stabili (Drummond, 2007) È necessaria la totale implicazione delle persone che fanno parte della vita del soggetto È impossibile mantenere un controllo costante (Melnyk & al., 2007)
    • SALUTE E SCUOLA LA SALUTE L’ambiente scolare La maggior parte delle ricerche sperimentali orientate a favorire la salute MELNYK & AL., 2007 Non é la forma d’intervenire più Si può adattare facilmente completa, ma la più ai parametri di ricerca controllata In alcuni casi si è cercato di agire indirettamente sull’ambiente socioaffettivo extraescolare (Pate & al., 2005; Caldwell & al., 2004)
    • RICERCA E SALUTE LA SALUTE American Health Association. 2008 Attività fisica diaria di 30’ Livello moderato-intenso per almeno il 50% del tempo totale Lezioni teoriche sull’importanza di abitudini di vita corrette Promozione di abitudini corrette nel contesto extrascolare
    • RICERCA E SALUTE LA SALUTE Canadian Society for Sport Physiology. 2008 Attività fisica leggera: 60’ al giorno Child Nutrition program Mailing list per la promozione delle abitudini sane Programmi d’aggiornamento per genitori, educatori ed allenatori
    • RICERCA E SALUTE LA SALUTE H.E.L.E.N.A. Project. 2008 Promozione dell’attività fisica scolare ed extrascolare Creazione di diete individualizzate Monitoring dello stato fisiologico- metabolico dei giovani europei Riunioni scientifiche annuali per la discussione dei pattern d’azione
    • RELAZIONE AF/SALUTE AF E SALUTE Influenza sulla salute generale Prevenzione delle Corretto sviluppo malattie croniche del bambino Prevenzione Prevenzione delle dell’obesità malattie cardiovascolari Abitudini sane Solo la pratica frequente e costante apporta benefici certi e permanenti sulla salute (Pierón, 2005)
    • RELAZIONE AF/SALUTE AF E SALUTE Salute fisica Apparato locomotore Sistema cardiovascolare e respiratorio DELGADO & TERCEDOR, 2002
    • RELAZIONE AF/SALUTE AF E SALUTE Salute fisica Metabolismo Sistema nervoso DELGADO & TERCEDOR, 2002
    • RELAZIONE AF/SALUTE AF E SALUTE Salute psicologica Autostima Autoconcetto Ansia e stress Coscienza del corpo PIERÓN, 2005
    • AF/Vs PSICOLOGICHE AF E SALUTE Nascita di due modelli fondamentali di studio Lifespan model of Young Physical Physical Activity and Activity Promotion Health Model Si basa sulla dipendenza Si sviluppa a partire da un dell’Health Related Fitness modello socioecologico per dell’adulto da quella spiegare l’attività fisica ottenuta nell’età dello nell’età dello sviluppo sviluppo (Blair, 1989) (Welk, 1999)
    • AF/Vs PSICOLOGICHE AF E SALUTE Lifespan Model of Physical Activity and Health Stato di salute Livello di fisica in età attività fisica adulta ottenuto Stato di salute fisica in età dello sviluppo
    • AF/Vs PSICOLOGICHE AF E SALUTE Lifespan Model of Physical Activity and Health Livello di Stato della attività fisica salute ottenuto individuale Abilitá motorie di base e complesse
    • AF/Vs PSICOLOGICHE AF E SALUTE Lifespan Model of Physical Activity and Health Abilità motorie Competenza di base e motoria complesse Autoconcetto Motivazione Aspettative dall’AF
    • AF/Vs PSICOLOGICHE AF E SALUTE Lifespan Model of Physical Activity and Health Stato della salute individuale Abilità motorie di base e Livello di attività fisica complesse ottenuto Competenza motoria Stato di salute fisica in età dello sviluppo Autoconcetto Motivazione Aspettative dall’AF
    • AF/Vs PSICOLOGICHE AF E SALUTE Lifespan Model of Physical Activity and Health Grande motivazione, alto autoconcetto ed elevate aspettative, buona percezione della competenza Alti livelli di salute Alti livelli di attività fisica MALINA, 1995
    • AF/Vs PSICOLOGICHE AF E SALUTE Lifespan Model of Physical Activity and Health CONCLUSIONI L’implicazione nell’AF, determinante per la strutturazione di abitudini sane, dipende dalla correlazione tra variabili psicologiche e sviluppo delle abilità motorie di base e complesse. Lo studio e la valutazione degli aspetti fisici e psicologici è fondamentale per la salute. Le due componenti non possono essere separate.
    • AF/Vs PSICOLOGICHE AF E SALUTE Young Physical Activity Promotion Model I fattori che determinano l’attività fisica in età dello sviluppo sono: Fattori di predisposizione Di tipo psicologico. La variabile fondamentale è la percezione della competenza: se un bambino non si considera competente, è più difficile che pratichi AF WELK & SCHABEN, 2004
    • AF/Vs PSICOLOGICHE AF E SALUTE Young Physical Activity Promotion Model Fattori dell’attività A livello ambientale: offerta (quantità e tipo di AF), strutture sportive presenti e accessibilitá. Sul piano fisico: livello di forma fisica e competenze sportive, che influiscono sulla motivazione CROCKER & AL., 2000
    • AF/Vs PSICOLOGICHE AF E SALUTE Young Physical Activity Promotion Model Fattori di rinforzo Di tipo socioaffettivo e psicologico. Ne fanno parte gli altri significativi, che influiscono sulle scelte del soggetto, sulla motivazione, sulla percezione della competenza e molte altre variabili psicologiche WELK & AL., 2003
    • AF/Vs PSICOLOGICHE AF E SALUTE Young Physical Activity Promotion Model CONCLUSIONI L’attività fisica, le variabili psicologiche e l’ambiente socioaffettivo influiscono l’una sulle altre e insieme sullo stato di salute dell’individuo.
    • AF/Vs PSICOLOGICHE AF E SALUTE Psicomotricità La crescita sana dell’individuo passa attraverso lo sviluppo dello schema corporeo. Se lo schema corporeo non si struttura correttamente, è probabile che affiorino problemi: FISICI COGNITIVI ATTITUDINALI Mancanza di Lettura, scrittura, Comportamento coordinazione, sc interpretazione aggressivo, sociali arse abilità dell’ambiente... tà ridotta... motorie...
    • AF E SALUTE AF/AMBIENTE SOCIOAFFETTIVO Fattori ambientali Vivibilità della zona Accessibilitá Morfologia ambientale Offerta Presenza di strutture sportive Clima
    • AF E SALUTE AF/AMBIENTE SOCIOAFFETTIVO Fattori sociali La famiglia Sono denominati altri significativi. Influiscono sulle Il gruppo dei pari scelte sportive, la motivazione a far sport, l’attitudine verso lo sport Il partner dell’individuo, ed in molte altre variabili I professori/allenatori
    • AF/AMBIENTE AF E SALUTE SOCIOAFFETTIVO/Vs PSICOLOGICHE Fattori dello stato fisico Motori Metabolici Percezione della competenza Autoconcetto Aspettative sull’AF Motivazione, attitudine Altri significativi Muscolari Ambiente Morfologici Cardiovascolari
    • INTRODUZIONE SPORT HEALTH Ricerca per il monitoring dello stato di salute Basato sulla relazione tra variabili psicologiche, socioaffettive e aspetti qualitativi e quantitativi dell’attività fisica Creato dal gruppo di ricerca “Análisis e intervención en Educación Física y entreniamento deportivo en jóvenes” Finanziato dalla Junta de Andalucía e l’Instituto Andaluzo de la Joventud
    • INTRODUZIONE SPORT HEALTH Attualmente in fase di sviluppo in: Europa Francia; Inghilterra; Romania; Spagna; Ungheria Sud America Argentina; Brasile; Cile; Venezuela Centro America Messico
    • METODO SPORT HEALTH Campione 3685 soggetti nel bacino di Granada Dati statistici ottenuti dalla Consejería de Educación e dall’Universidad de Granada, in riferimento all’a.a. 2007/08 Tecnica di campionamento aleatoria per conglomerati, stratificata e proporzionale Errore: 5% (educazione obbligatoria, Superiori) 2.5% (Università)
    • SPORT HEALTH Tappa Ciclo GEN N ETÀ P h 2º M 215 9.05 ± 0.819 34.79 ± 7.47 1.36 ± 0.13 2º F 210 9.00 ± 0.821 33.54 ± 6.12 1.39 ± 0.34 Prim 43.64 ± 3º M 274 11.15 ± 0.77 10.48 1.49 ± 0.10 C 11.24 ± 3º F 281 42.03 ± 8.75 1.51 ± 0.09 M 0.831 a 1º M 186 13.36 ± 0.994 54.55 ± 10.23 1.65 ± 0.09 E m 13.18 ± 1º F 160 50.26 ± 7.27 1.60 ± 0.06 Sec 0.865 p 2º M 276 15.08 ± 65.19 ± 1.72 ± 0.08 T 0.842 13.45 i 2º F 216 14.98 ± 1.15 55.05 ± 8.25 1.65 ± 0.06 o O 16.95 ± 69.89 ± 1º-2º M 243 0.982 10.03 1.76 ± 0.07 n Bach 1º-2º F 266 17.03 ± 57.57 ± 8.18 1.66 ± 0.06 D e 1.203 21.33 ± 75.75 ± 1º M 437 2.308 11.38 1.77 ± 0.07 O 1º F 452 20.88 ± 2.32 59.79 ± 8.58 1.66 ± 0.06 Univ 2º M 209 24.17 ± 2.53 76.24 ± 9.74 1.78 ± 0.07 24.22 ± 2º F 259 3.942 60.40 ± 8.68 1.66 ± 0.06 57.82 ± TOT 3685 16.50 ± 5.28 16.08 1.64 ± 0.15
    • METODO SPORT HEALTH Disegno della ricerca Quasi-sperimentale Studio sociologico sezionale trasversale Variabili di studio Attività fisica Altri Percezione significativi Autoconcetto della fisico competenza Nutrizione Immagine del corpo Ambiente
    • METODO SPORT HEALTH Materiale Questionario multiplo creato da: IMMAGINE DEL AF AUTOCONCETTO CORPO I-PAQ PHYSICAL SELF- BODY IMAGE DESCRIPTION ASSESSMENT SCALE BOOTH, 2000 QUESTIONNAIRE THOMPSON & GRAY, 1995 MARSH & AL., 1994
    • METODO SPORT HEALTH Materiale Questionario multiplo creato da: ALTRI SIGNIFICATIVI AMBIENTE NUTRIZIONE FAMILY PHYSICAL Questionario CHILD ACTIVITY creato dal NUTRITION INFLUENCE gruppo di ricerca SURVEY BAUER & AL., 2008 VICIANA & COCCA, 2008 PARNELL & AL., 2002
    • METODO SPORT HEALTH Materiale Sensewear ArmBand NUMERO DEI METs PASSI QUALITÀ E QUANTITÀ CALORIE DEL CONSUMATE SONNO
    • METODO SPORT HEALTH Analisi statistica Statistica descrittiva Statistica inferenziale Test di Tamhane Test di Kruskal-Wallis Statistica correlazionale Correlazione di Correlazione di Pearson Spearman
    • SPORT Attività fisica leggera, lunedì-venerdì HEALTH 4.00 3.50 R 3.00 Ore di pratica 2.50 I 2.00 1.50 S 1.00 0.50 0.00 U 2º C.Prim. 3º C.Prim. 1º C.ESO 2º C.ESO Bachill. Attività fisica leggera, fine settimana 1º C.Univ. 2º C.Univ. L 4.50 4.00 T 3.50 3.00 Ore di pratica A 2.50 2.00 1.50 T 1.00 0.50 0.00 I 2º C.Prim. 3º C.Prim. 1º C.ESO 2º C.ESO Bachill. 1º C.Univ. 2º C.Univ.
    • SPORT Attività fisica moderata, lunedì-venerdì HEALTH 2.50 R 2.00 Ore di pratica 1.50 I 1.00 S 0.50 0.00 U 2º C.Prim. 3º C.Prim. 1º C.ESO 2º C.ESO Attività fisica moderata, fine settimana Bachill. 1º C.Univ. 2º C.Univ. L 4.00 3.50 T 3.00 Ore di pratica 2.50 A 2.00 1.50 T 1.00 0.50 0.00 I 2º C.Prim. 3º C.Prim. 1º C.ESO 2º C.ESO Bachill. 1º C.Univ. 2º C.Univ.
    • SPORT Attività fisica intensa, lunedì-venerdì HEALTH 3.00 2.50 R 2.00 Ore di pratica I 1.50 1.00 S 0.50 0.00 U 2º C.Prim. 3º C.Prim. 1º C.ESO 2º C.ESO Bachill. Attività fisica intensa, fine settimana 1º C.Univ. 2º C.Univ. L 4.00 3.50 T 3.00 Ore di pratica 2.50 A 2.00 1.50 T 1.00 0.50 0.00 I 2º C.Prim. 3º C.Prim. 1º C.ESO 2º C.ESO Bachill. 1º C.Univ. 2º C.Univ.
    • RISULTATI SPORT HEALTH 120 Attività fisica moderata/intensa 110 p = .001 100 90 80 Minuti p = .001 70 p = .001 60 50 p = .001 40 30 2º P 3º P 1º S 2º S Bach 1º U 2º U
    • RISULTATI SPORT HEALTH 120.00 110.00 100.00 90.00 ρ = .368 80.00 p = .001 Minuti 70.00 60.00 50.00 40.00 30.00 2º P 3º P 1º S 2º S Bach 4.00 1º U 2º U 3.50 3.00 2.50 Valore medio 2.00 Autoconcetto 1.50 1.00 0.50 0.00 2º C.Prim. 3º C.Prim. 1º C.ESO 2º C.ESO Bachill. 1º C.Univ. 2º C.Univ.
    • RISULTATI SPORT HEALTH 120.00 110.00 100.00 90.00 ρ = .345 80.00 p = .001 Minuti 70.00 60.00 50.00 40.00 30.00 2º P 3º P 1º S 2º S Bach 4.00 1º U 2º U 3.50 3.00 2.50 Percezione della 2.00 Valor medio competenza 1.50 1.00 0.50 0.00 2º C.Prim. 3º C.Prim. 1º C.ESO 2º C.ESO Bachill. 1º C.Univ. 2º C.Univ.
    • RISULTATI SPORT HEALTH 120.00 110.00 100.00 90.00 ρ = -.034 80.00 p = .452 Minuti 70.00 60.00 50.00 40.00 30.00 2º P 3º P 1º S 2º S Bach 6.00 1º U 2º U 5.50 5.00 4.50 4.00 3.50 Immagine del 3.00 Valor medio 2.50 corpo 2.00 1.50 1.00 0.50 0.00 2º C.Prim. 3º C.Prim. 1º C.ESO 2º C.ESO Bachill. 1º C.Univ. 2º C.Univ.
    • RISULTATI SPORT HEALTH 120.00 110.00 100.00 90.00 ρ = -.135 80.00 p = .001 Minuti 70.00 60.00 50.00 40.00 30.00 2º P 3º P 1º S 2º S Bach 26.00 1º U 2º U 24.00 22.00 20.00 18.00 16.00 Valor medio 14.00 12.00 BMI 10.00 8.00 6.00 4.00 2.00 0.00 2º C.Prim. 3º C.Prim. 1º C.ESO 2º C.ESO Bachill. 1º C.Univ. 2º C.Univ.
    • RISULTATI SPORT HEALTH 120.00 110.00 100.00 90.00 ρ = .461 80.00 p = .001 Minuti 70.00 60.00 50.00 40.00 30.00 2º P 3º P 1º S 2º S Bach 4.00 1º U 2º U 3.50 Valor medio ítems 3.00 2.50 ALTRI SIGNIFICATIVI 2.00 1.50 1.00 2º P 3º P 1º S 2º S Bach 1º U 2º U
    • RISULTATI SPORT HEALTH Alimenti sani 120.00 110.00 100.00 ρ = .334 90.00 p = .004 80.00 Minuti 70.00 60.00 Alimenti nocivi 50.00 ρ = .237 40.00 p = .072 30.00 2º P 3º P 1º S 2º S Bach 1º U 2º U 4.00 3.50 3.00 2.50 2.00 NUTRIZIONE 1.50 M+ M– 1.00 F+ F- 0.50 0.00 2ºC Prim 3ºC Prim 1ºC Sec 2ºC Sec Bach 1ºC Uni 2ºC Uni
    • RISULTATI SPORT HEALTH 120.00 110.00 100.00 90.00 ρ = .413 80.00 p = .003 Minuti 70.00 60.00 50.00 40.00 30.00 2º P 3º P 1º S 2º S Bach 4.00 1º U 2º U 3.50 3.00 2.50 AMBIENTE 2.00 1.50 1.00 2º P 3º P 1º S 2º S Bach 1º U 2º U
    • FUTURO DEL PROGETTO SPORT HEALTH Applicazione dei Sensewear ArmBands Applicazione di un programma d’intervento e miglioramento della salute nelle scuole Coinvolgimento della famiglia Aggiungere variabili di studio come: motivazione, feedback, attività nella ricreazione... Allargare il campione: lavoratori, dottorandi...
    • SPORT AUTOCONCETTO SPORTIVITÀ INTRODUZIONE Il processo di socializzazione e l’acquisizione di un comportamento morale appropriato sono fattori fondamentali dello sviluppo psicologico di un individuo Le competizioni sportive rappresentano l’ambiente ideale per la crescita psicosociale e morale (Kavussanu & Roberts, 2001) I valori positivi trasmessi dallo sport determinano un miglior adattamento sociale e rinforzano variabili psicologiche come l’autoconcetto (Ryska, 2003)
    • SPORT AUTOCONCETTO SPORTIVITÀ INTRODUZIONE Lo sport agonistico spesso produce attegiamenti e un’etica negativi La violenza: una costante di molti sport Comportamenti al limite delle norme di gioco e del senso morale comune È dimostrata la relazione positiva tra violenza e necessità di vincere (Merten, 2008)
    • SPORT AUTOCONCETTO SPORTIVITÀ INTRODUZIONE Sportività È la variabile più studiata per il controllo dei valori etici e morali degli sportivi MULTIDIMENSIONAL SPORTSPERSONSHIP ORIENTATION SCALE (MSOS) VALLERAND 6 AL. 1997
    • SPORT AUTOCONCETTO SPORTIVITÀ INTRODUZIONE MSOS Compromesso Convenzioni Regole e arbitri sociali Senso della Rispetto delle Saper riconoscere responsabilità decisioni arbitrali il lavoro verso i compagni e delle norme dell’avversario 5 items 5 items 5 items Accettazione Atteggiamenti nei confronti dell’errore dell’avversario Capacità di Comportamento in caso di lesioni o ammettere i propri decisioni arbitrali ingiuste nei errori confornti dell’avversario 5 items 5 items
    • SPORT AUTOCONCETTO SPORTIVITÀ INTRODUZIONE Autoconcetto MARSH & AL., 1994 PHYSICAL SELF DESCRIPTION QUESTIONNAIRE Salute Coordinazione Attività fisica 8 items 6 items 6 items Massa grassa Competenza sportiva Forza 6 items 6 items 6 items Apparenza Flessibilità Resistenza Autostima 6 items 6 items 6 items 8 items Autoconcetto generale 6 items
    • SPORT AUTOCONCETTO SPORTIVITÀ RISULTATI Sportività 10 Soccer Handball 9 Swimming Rugby 8 Basketball 7 6 5 4 3 2 1 Social Conventions Rules & Officials Commitment Opponents Negative Approach
    • SPORT AUTOCONCETTO SPORTIVITÀ RISULTATI Sportività Dimensione Disciplina Valore Disciplina Valore S Compromesso Calcio 9.255 ± Nuoto 7.48 ± p = .008 1.434 0.796 Calcio 9.255 ± Rugby 7.583 ± p = .025 1.434 1.755 Avversari Pallamano 5.956 ± Calcio 3.4 ± p = .049 1.88 2.13 Nuoto 6.253 ± Calcio 3.4 ± p = .005 0.952 2.13 Accettazione Calcio 4.4 ± Nuoto 6.71 ± p = .002* 1.878 0.875 Rugby 4.23 ± Nuoto 6.71 ± p = .001* 1.627 0.875 Regole ed Nuoto 7.68 ± Rugby 5.733 ± p = .015 arbitri 0.406 1.61
    • SPORT AUTOCONCETTO SPORTIVITÀ RISULTATI Autoconcetto 6.00 5.00 4.00 Artistica Calcio Judo 3.00 Pallavolo Pallamano Nuoto Basket 2.00 Rugby 1.00 0.00 Coord AF Grasso Comp.Sp. Forza Fless
    • SPORT AUTOCONCETTO SPORTIVITÀ RISULTATI Autoconcetto 6.00 5.00 4.00 Artistica Calcio Judo 3.00 Pallavolo Pallamano Nuoto Basket 2.00 Rugby 1.00 0.00 Resist Gen Autostima Salute Appar
    • SPORT AUTOCONCETTO SPORTIVITÀ FUTURO DELLA RICERCA Potenziare l’etica, la socialità e atteggiamenti positivi nei settori giovanili Dall’analisi degli aspetti negativi di ciascuna disciplina sportiva, inserire nell’allenamento giovanile attività alternative di appoggio Lavorare con i giovani sulla motivazione, la fiducia in sè stessi e la responsabilità Questi valori non sono importanti solo per la crescita come individuo, ma anche per il futuro successo sportivo
    • Qualunque sia la finalità della pratica sportiva, è necessario ricordare che la crescita o il miglioramento individuale è determinato sempre da: Caratteristiche fisiche Caratteristiche cognitive/psicologiche Atteggiamenti Ciascuno di questi componenti influisce sugli altri, ed insieme sulla persona, sia a livello individuale (sviluppo psicofisico) che a livello gruppale (inserimento in un gruppo/societá)