Your SlideShare is downloading. ×

Sport Health Project

839

Published on

Lezione del 27/05/2009. Corso di Laurea in Scienze Motorie, Università degli studi di Firenze

Lezione del 27/05/2009. Corso di Laurea in Scienze Motorie, Università degli studi di Firenze

Published in: Health & Medicine
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
839
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
24
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. PSICOLOGIA SOCIALE Prof. Guerra G. - A.a. 2008/2009 Dr. Armando Cocca Departamento de Educación Física y Deportiva Universidad de Granada, España
  • 2. INDICE 1)LA SALUTE 2)L’ATTIVITÀ FISICA COME FATTORE DELLA SALUTE
  • 3. INDICE 3) PROGETTO SPORTHEALTH 4) RELAZIONE SPORT / AUTOCONCETTO / SPORTIVITÀ
  • 4. Situazione mondiale LA SALUTE I dati ottenuti da ricerche effettuate negli ultimi decenni dimostrano che c’è una tendenza negativa nell’evoluzione della salute pubblica ed individuale
  • 5. Situazione mondiale LA SALUTE 2003: OBESITÀ ED ESERCIZIO FISICO 300 milioni di obesi nel mondo 135 milioni in Europa (45%) M = 56% F = 44% 8% dei costi relativi alla Sanità 65-85% della popolazione mondiale non pratica attività fisica sufficiente OMS, 2003
  • 6. Situazione mondiale LA SALUTE 2004: PEGGIORAMENTO DELLA SITUAZIONE Aumento significativo del numero dei soggetti sovrappeso ed obesi Status socioeconomico Etnia Fasce d’età più colpita: infanzia e adolescenza (Hayman & Hughes, 2007) La maggior parte dei bambini sovrappeso/obesi lo saranno anche in età adulta (Bjorntorp, 1997) Esiste una relazione positiva tra obesità infantile, nell’adolescenza e in etá adulta (Mota, Santos & Guerra, 2003)
  • 7. Situazione mondiale LA SALUTE 2007: DIFFUSIONE DI ABITUDINI NOCIVE Obesità e sovrappeso sono diventati i principali problemi di salute pubblica (Ogden & al., 2007) Diffusione di abitudini nocive come il fumo, l’alcohol e la droga (Hedman & al., 2007) La fascia d’età con il più evidente aumento di queste abitudini è l’adolescenza (Kyrlesi & al., 2007) Indicatore allarmante dello stile di vita della nuova generazione
  • 8. Situazione mondiale LA SALUTE 2009: QUALITÀ DI VITA PIÙ BASSA In età di molto inferiori a quelle determinate dall’aspettativa di vita si riscontrano: Aumento dei casi di Aumento della Aumento della malattie croniche morbilità mortalità La conseguenza è una qualità di vita inferiore e una riduzione dell’aspettativa di vita ROSAMOND & AL., 2008
  • 9. Variabili della salute LA SALUTE NUTRIZIONE Agisce positivamente sui parametri fisiologici Determina il buon funzionamento dei processi che regolano il corpo umano Riduce e previene il rischio di malattie croniche FELDEISEN & TUCKER, 2007
  • 10. Variabili della salute LA SALUTE AMBIENTE SOCIOAFFETTIVO La famiglia Il gruppo dei pari e il partner I professori e gli allenatori Rappresentano modelli di comportamento per i giovani DRUMMOND, 2007
  • 11. Variabili della salute LA SALUTE COMPONENTI PSICOLOGICHE Autoconcetto Autostima Motivazione, aspettativa, comportamento
  • 12. Variabili della salute LA SALUTE ATTIVITÀ FISICA Interviene e migliora i parametri fisiologici Influisce positivamente su aspetti psicologici della salute Ha un’importanza riconosciuta a livello medico ed educativo VICENTE RODRÍGUEZ & AL., 2007; LAKKA & LAAKSONENS, 2007; MENDOZA, 2000
  • 13. SALUTE E SCUOLA LA SALUTE Per cercare di migliorare la salute individuale e pubblica, é indispendabile considerare: La famiglia, l’ambiente affettivo L’ambiente extrascolare L’ambiente scolare MENDELSON, 2007
  • 14. SALUTE E SCUOLA LA SALUTE La L’ambiente extrascolare famiglia, l’ambiente affettivo Fondamentali al fine di ottenere risultati più stabili (Drummond, 2007) È necessaria la totale implicazione delle persone che fanno parte della vita del soggetto È impossibile mantenere un controllo costante (Melnyk & al., 2007)
  • 15. SALUTE E SCUOLA LA SALUTE L’ambiente scolare La maggior parte delle ricerche sperimentali orientate a favorire la salute MELNYK & AL., 2007 Non é la forma d’intervenire più Si può adattare facilmente completa, ma la più ai parametri di ricerca controllata In alcuni casi si è cercato di agire indirettamente sull’ambiente socioaffettivo extraescolare (Pate & al., 2005; Caldwell & al., 2004)
  • 16. RICERCA E SALUTE LA SALUTE American Health Association. 2008 Attività fisica diaria di 30’ Livello moderato-intenso per almeno il 50% del tempo totale Lezioni teoriche sull’importanza di abitudini di vita corrette Promozione di abitudini corrette nel contesto extrascolare
  • 17. RICERCA E SALUTE LA SALUTE Canadian Society for Sport Physiology. 2008 Attività fisica leggera: 60’ al giorno Child Nutrition program Mailing list per la promozione delle abitudini sane Programmi d’aggiornamento per genitori, educatori ed allenatori
  • 18. RICERCA E SALUTE LA SALUTE H.E.L.E.N.A. Project. 2008 Promozione dell’attività fisica scolare ed extrascolare Creazione di diete individualizzate Monitoring dello stato fisiologico- metabolico dei giovani europei Riunioni scientifiche annuali per la discussione dei pattern d’azione
  • 19. RELAZIONE AF/SALUTE AF E SALUTE Influenza sulla salute generale Prevenzione delle Corretto sviluppo malattie croniche del bambino Prevenzione Prevenzione delle dell’obesità malattie cardiovascolari Abitudini sane Solo la pratica frequente e costante apporta benefici certi e permanenti sulla salute (Pierón, 2005)
  • 20. RELAZIONE AF/SALUTE AF E SALUTE Salute fisica Apparato locomotore Sistema cardiovascolare e respiratorio DELGADO & TERCEDOR, 2002
  • 21. RELAZIONE AF/SALUTE AF E SALUTE Salute fisica Metabolismo Sistema nervoso DELGADO & TERCEDOR, 2002
  • 22. RELAZIONE AF/SALUTE AF E SALUTE Salute psicologica Autostima Autoconcetto Ansia e stress Coscienza del corpo PIERÓN, 2005
  • 23. AF/Vs PSICOLOGICHE AF E SALUTE Nascita di due modelli fondamentali di studio Lifespan model of Young Physical Physical Activity and Activity Promotion Health Model Si basa sulla dipendenza Si sviluppa a partire da un dell’Health Related Fitness modello socioecologico per dell’adulto da quella spiegare l’attività fisica ottenuta nell’età dello nell’età dello sviluppo sviluppo (Blair, 1989) (Welk, 1999)
  • 24. AF/Vs PSICOLOGICHE AF E SALUTE Lifespan Model of Physical Activity and Health Stato di salute Livello di fisica in età attività fisica adulta ottenuto Stato di salute fisica in età dello sviluppo
  • 25. AF/Vs PSICOLOGICHE AF E SALUTE Lifespan Model of Physical Activity and Health Livello di Stato della attività fisica salute ottenuto individuale Abilitá motorie di base e complesse
  • 26. AF/Vs PSICOLOGICHE AF E SALUTE Lifespan Model of Physical Activity and Health Abilità motorie Competenza di base e motoria complesse Autoconcetto Motivazione Aspettative dall’AF
  • 27. AF/Vs PSICOLOGICHE AF E SALUTE Lifespan Model of Physical Activity and Health Stato della salute individuale Abilità motorie di base e Livello di attività fisica complesse ottenuto Competenza motoria Stato di salute fisica in età dello sviluppo Autoconcetto Motivazione Aspettative dall’AF
  • 28. AF/Vs PSICOLOGICHE AF E SALUTE Lifespan Model of Physical Activity and Health Grande motivazione, alto autoconcetto ed elevate aspettative, buona percezione della competenza Alti livelli di salute Alti livelli di attività fisica MALINA, 1995
  • 29. AF/Vs PSICOLOGICHE AF E SALUTE Lifespan Model of Physical Activity and Health CONCLUSIONI L’implicazione nell’AF, determinante per la strutturazione di abitudini sane, dipende dalla correlazione tra variabili psicologiche e sviluppo delle abilità motorie di base e complesse. Lo studio e la valutazione degli aspetti fisici e psicologici è fondamentale per la salute. Le due componenti non possono essere separate.
  • 30. AF/Vs PSICOLOGICHE AF E SALUTE Young Physical Activity Promotion Model I fattori che determinano l’attività fisica in età dello sviluppo sono: Fattori di predisposizione Di tipo psicologico. La variabile fondamentale è la percezione della competenza: se un bambino non si considera competente, è più difficile che pratichi AF WELK & SCHABEN, 2004
  • 31. AF/Vs PSICOLOGICHE AF E SALUTE Young Physical Activity Promotion Model Fattori dell’attività A livello ambientale: offerta (quantità e tipo di AF), strutture sportive presenti e accessibilitá. Sul piano fisico: livello di forma fisica e competenze sportive, che influiscono sulla motivazione CROCKER & AL., 2000
  • 32. AF/Vs PSICOLOGICHE AF E SALUTE Young Physical Activity Promotion Model Fattori di rinforzo Di tipo socioaffettivo e psicologico. Ne fanno parte gli altri significativi, che influiscono sulle scelte del soggetto, sulla motivazione, sulla percezione della competenza e molte altre variabili psicologiche WELK & AL., 2003
  • 33. AF/Vs PSICOLOGICHE AF E SALUTE Young Physical Activity Promotion Model CONCLUSIONI L’attività fisica, le variabili psicologiche e l’ambiente socioaffettivo influiscono l’una sulle altre e insieme sullo stato di salute dell’individuo.
  • 34. AF/Vs PSICOLOGICHE AF E SALUTE Psicomotricità La crescita sana dell’individuo passa attraverso lo sviluppo dello schema corporeo. Se lo schema corporeo non si struttura correttamente, è probabile che affiorino problemi: FISICI COGNITIVI ATTITUDINALI Mancanza di Lettura, scrittura, Comportamento coordinazione, sc interpretazione aggressivo, sociali arse abilità dell’ambiente... tà ridotta... motorie...
  • 35. AF E SALUTE AF/AMBIENTE SOCIOAFFETTIVO Fattori ambientali Vivibilità della zona Accessibilitá Morfologia ambientale Offerta Presenza di strutture sportive Clima
  • 36. AF E SALUTE AF/AMBIENTE SOCIOAFFETTIVO Fattori sociali La famiglia Sono denominati altri significativi. Influiscono sulle Il gruppo dei pari scelte sportive, la motivazione a far sport, l’attitudine verso lo sport Il partner dell’individuo, ed in molte altre variabili I professori/allenatori
  • 37. AF/AMBIENTE AF E SALUTE SOCIOAFFETTIVO/Vs PSICOLOGICHE Fattori dello stato fisico Motori Metabolici Percezione della competenza Autoconcetto Aspettative sull’AF Motivazione, attitudine Altri significativi Muscolari Ambiente Morfologici Cardiovascolari
  • 38. INTRODUZIONE SPORT HEALTH Ricerca per il monitoring dello stato di salute Basato sulla relazione tra variabili psicologiche, socioaffettive e aspetti qualitativi e quantitativi dell’attività fisica Creato dal gruppo di ricerca “Análisis e intervención en Educación Física y entreniamento deportivo en jóvenes” Finanziato dalla Junta de Andalucía e l’Instituto Andaluzo de la Joventud
  • 39. INTRODUZIONE SPORT HEALTH Attualmente in fase di sviluppo in: Europa Francia; Inghilterra; Romania; Spagna; Ungheria Sud America Argentina; Brasile; Cile; Venezuela Centro America Messico
  • 40. METODO SPORT HEALTH Campione 3685 soggetti nel bacino di Granada Dati statistici ottenuti dalla Consejería de Educación e dall’Universidad de Granada, in riferimento all’a.a. 2007/08 Tecnica di campionamento aleatoria per conglomerati, stratificata e proporzionale Errore: 5% (educazione obbligatoria, Superiori) 2.5% (Università)
  • 41. SPORT HEALTH Tappa Ciclo GEN N ETÀ P h 2º M 215 9.05 ± 0.819 34.79 ± 7.47 1.36 ± 0.13 2º F 210 9.00 ± 0.821 33.54 ± 6.12 1.39 ± 0.34 Prim 43.64 ± 3º M 274 11.15 ± 0.77 10.48 1.49 ± 0.10 C 11.24 ± 3º F 281 42.03 ± 8.75 1.51 ± 0.09 M 0.831 a 1º M 186 13.36 ± 0.994 54.55 ± 10.23 1.65 ± 0.09 E m 13.18 ± 1º F 160 50.26 ± 7.27 1.60 ± 0.06 Sec 0.865 p 2º M 276 15.08 ± 65.19 ± 1.72 ± 0.08 T 0.842 13.45 i 2º F 216 14.98 ± 1.15 55.05 ± 8.25 1.65 ± 0.06 o O 16.95 ± 69.89 ± 1º-2º M 243 0.982 10.03 1.76 ± 0.07 n Bach 1º-2º F 266 17.03 ± 57.57 ± 8.18 1.66 ± 0.06 D e 1.203 21.33 ± 75.75 ± 1º M 437 2.308 11.38 1.77 ± 0.07 O 1º F 452 20.88 ± 2.32 59.79 ± 8.58 1.66 ± 0.06 Univ 2º M 209 24.17 ± 2.53 76.24 ± 9.74 1.78 ± 0.07 24.22 ± 2º F 259 3.942 60.40 ± 8.68 1.66 ± 0.06 57.82 ± TOT 3685 16.50 ± 5.28 16.08 1.64 ± 0.15
  • 42. METODO SPORT HEALTH Disegno della ricerca Quasi-sperimentale Studio sociologico sezionale trasversale Variabili di studio Attività fisica Altri Percezione significativi Autoconcetto della fisico competenza Nutrizione Immagine del corpo Ambiente
  • 43. METODO SPORT HEALTH Materiale Questionario multiplo creato da: IMMAGINE DEL AF AUTOCONCETTO CORPO I-PAQ PHYSICAL SELF- BODY IMAGE DESCRIPTION ASSESSMENT SCALE BOOTH, 2000 QUESTIONNAIRE THOMPSON & GRAY, 1995 MARSH & AL., 1994
  • 44. METODO SPORT HEALTH Materiale Questionario multiplo creato da: ALTRI SIGNIFICATIVI AMBIENTE NUTRIZIONE FAMILY PHYSICAL Questionario CHILD ACTIVITY creato dal NUTRITION INFLUENCE gruppo di ricerca SURVEY BAUER & AL., 2008 VICIANA & COCCA, 2008 PARNELL & AL., 2002
  • 45. METODO SPORT HEALTH Materiale Sensewear ArmBand NUMERO DEI METs PASSI QUALITÀ E QUANTITÀ CALORIE DEL CONSUMATE SONNO
  • 46. METODO SPORT HEALTH Analisi statistica Statistica descrittiva Statistica inferenziale Test di Tamhane Test di Kruskal-Wallis Statistica correlazionale Correlazione di Correlazione di Pearson Spearman
  • 47. SPORT Attività fisica leggera, lunedì-venerdì HEALTH 4.00 3.50 R 3.00 Ore di pratica 2.50 I 2.00 1.50 S 1.00 0.50 0.00 U 2º C.Prim. 3º C.Prim. 1º C.ESO 2º C.ESO Bachill. Attività fisica leggera, fine settimana 1º C.Univ. 2º C.Univ. L 4.50 4.00 T 3.50 3.00 Ore di pratica A 2.50 2.00 1.50 T 1.00 0.50 0.00 I 2º C.Prim. 3º C.Prim. 1º C.ESO 2º C.ESO Bachill. 1º C.Univ. 2º C.Univ.
  • 48. SPORT Attività fisica moderata, lunedì-venerdì HEALTH 2.50 R 2.00 Ore di pratica 1.50 I 1.00 S 0.50 0.00 U 2º C.Prim. 3º C.Prim. 1º C.ESO 2º C.ESO Attività fisica moderata, fine settimana Bachill. 1º C.Univ. 2º C.Univ. L 4.00 3.50 T 3.00 Ore di pratica 2.50 A 2.00 1.50 T 1.00 0.50 0.00 I 2º C.Prim. 3º C.Prim. 1º C.ESO 2º C.ESO Bachill. 1º C.Univ. 2º C.Univ.
  • 49. SPORT Attività fisica intensa, lunedì-venerdì HEALTH 3.00 2.50 R 2.00 Ore di pratica I 1.50 1.00 S 0.50 0.00 U 2º C.Prim. 3º C.Prim. 1º C.ESO 2º C.ESO Bachill. Attività fisica intensa, fine settimana 1º C.Univ. 2º C.Univ. L 4.00 3.50 T 3.00 Ore di pratica 2.50 A 2.00 1.50 T 1.00 0.50 0.00 I 2º C.Prim. 3º C.Prim. 1º C.ESO 2º C.ESO Bachill. 1º C.Univ. 2º C.Univ.
  • 50. RISULTATI SPORT HEALTH 120 Attività fisica moderata/intensa 110 p = .001 100 90 80 Minuti p = .001 70 p = .001 60 50 p = .001 40 30 2º P 3º P 1º S 2º S Bach 1º U 2º U
  • 51. RISULTATI SPORT HEALTH 120.00 110.00 100.00 90.00 ρ = .368 80.00 p = .001 Minuti 70.00 60.00 50.00 40.00 30.00 2º P 3º P 1º S 2º S Bach 4.00 1º U 2º U 3.50 3.00 2.50 Valore medio 2.00 Autoconcetto 1.50 1.00 0.50 0.00 2º C.Prim. 3º C.Prim. 1º C.ESO 2º C.ESO Bachill. 1º C.Univ. 2º C.Univ.
  • 52. RISULTATI SPORT HEALTH 120.00 110.00 100.00 90.00 ρ = .345 80.00 p = .001 Minuti 70.00 60.00 50.00 40.00 30.00 2º P 3º P 1º S 2º S Bach 4.00 1º U 2º U 3.50 3.00 2.50 Percezione della 2.00 Valor medio competenza 1.50 1.00 0.50 0.00 2º C.Prim. 3º C.Prim. 1º C.ESO 2º C.ESO Bachill. 1º C.Univ. 2º C.Univ.
  • 53. RISULTATI SPORT HEALTH 120.00 110.00 100.00 90.00 ρ = -.034 80.00 p = .452 Minuti 70.00 60.00 50.00 40.00 30.00 2º P 3º P 1º S 2º S Bach 6.00 1º U 2º U 5.50 5.00 4.50 4.00 3.50 Immagine del 3.00 Valor medio 2.50 corpo 2.00 1.50 1.00 0.50 0.00 2º C.Prim. 3º C.Prim. 1º C.ESO 2º C.ESO Bachill. 1º C.Univ. 2º C.Univ.
  • 54. RISULTATI SPORT HEALTH 120.00 110.00 100.00 90.00 ρ = -.135 80.00 p = .001 Minuti 70.00 60.00 50.00 40.00 30.00 2º P 3º P 1º S 2º S Bach 26.00 1º U 2º U 24.00 22.00 20.00 18.00 16.00 Valor medio 14.00 12.00 BMI 10.00 8.00 6.00 4.00 2.00 0.00 2º C.Prim. 3º C.Prim. 1º C.ESO 2º C.ESO Bachill. 1º C.Univ. 2º C.Univ.
  • 55. RISULTATI SPORT HEALTH 120.00 110.00 100.00 90.00 ρ = .461 80.00 p = .001 Minuti 70.00 60.00 50.00 40.00 30.00 2º P 3º P 1º S 2º S Bach 4.00 1º U 2º U 3.50 Valor medio ítems 3.00 2.50 ALTRI SIGNIFICATIVI 2.00 1.50 1.00 2º P 3º P 1º S 2º S Bach 1º U 2º U
  • 56. RISULTATI SPORT HEALTH Alimenti sani 120.00 110.00 100.00 ρ = .334 90.00 p = .004 80.00 Minuti 70.00 60.00 Alimenti nocivi 50.00 ρ = .237 40.00 p = .072 30.00 2º P 3º P 1º S 2º S Bach 1º U 2º U 4.00 3.50 3.00 2.50 2.00 NUTRIZIONE 1.50 M+ M– 1.00 F+ F- 0.50 0.00 2ºC Prim 3ºC Prim 1ºC Sec 2ºC Sec Bach 1ºC Uni 2ºC Uni
  • 57. RISULTATI SPORT HEALTH 120.00 110.00 100.00 90.00 ρ = .413 80.00 p = .003 Minuti 70.00 60.00 50.00 40.00 30.00 2º P 3º P 1º S 2º S Bach 4.00 1º U 2º U 3.50 3.00 2.50 AMBIENTE 2.00 1.50 1.00 2º P 3º P 1º S 2º S Bach 1º U 2º U
  • 58. FUTURO DEL PROGETTO SPORT HEALTH Applicazione dei Sensewear ArmBands Applicazione di un programma d’intervento e miglioramento della salute nelle scuole Coinvolgimento della famiglia Aggiungere variabili di studio come: motivazione, feedback, attività nella ricreazione... Allargare il campione: lavoratori, dottorandi...
  • 59. SPORT AUTOCONCETTO SPORTIVITÀ INTRODUZIONE Il processo di socializzazione e l’acquisizione di un comportamento morale appropriato sono fattori fondamentali dello sviluppo psicologico di un individuo Le competizioni sportive rappresentano l’ambiente ideale per la crescita psicosociale e morale (Kavussanu & Roberts, 2001) I valori positivi trasmessi dallo sport determinano un miglior adattamento sociale e rinforzano variabili psicologiche come l’autoconcetto (Ryska, 2003)
  • 60. SPORT AUTOCONCETTO SPORTIVITÀ INTRODUZIONE Lo sport agonistico spesso produce attegiamenti e un’etica negativi La violenza: una costante di molti sport Comportamenti al limite delle norme di gioco e del senso morale comune È dimostrata la relazione positiva tra violenza e necessità di vincere (Merten, 2008)
  • 61. SPORT AUTOCONCETTO SPORTIVITÀ INTRODUZIONE Sportività È la variabile più studiata per il controllo dei valori etici e morali degli sportivi MULTIDIMENSIONAL SPORTSPERSONSHIP ORIENTATION SCALE (MSOS) VALLERAND 6 AL. 1997
  • 62. SPORT AUTOCONCETTO SPORTIVITÀ INTRODUZIONE MSOS Compromesso Convenzioni Regole e arbitri sociali Senso della Rispetto delle Saper riconoscere responsabilità decisioni arbitrali il lavoro verso i compagni e delle norme dell’avversario 5 items 5 items 5 items Accettazione Atteggiamenti nei confronti dell’errore dell’avversario Capacità di Comportamento in caso di lesioni o ammettere i propri decisioni arbitrali ingiuste nei errori confornti dell’avversario 5 items 5 items
  • 63. SPORT AUTOCONCETTO SPORTIVITÀ INTRODUZIONE Autoconcetto MARSH & AL., 1994 PHYSICAL SELF DESCRIPTION QUESTIONNAIRE Salute Coordinazione Attività fisica 8 items 6 items 6 items Massa grassa Competenza sportiva Forza 6 items 6 items 6 items Apparenza Flessibilità Resistenza Autostima 6 items 6 items 6 items 8 items Autoconcetto generale 6 items
  • 64. SPORT AUTOCONCETTO SPORTIVITÀ RISULTATI Sportività 10 Soccer Handball 9 Swimming Rugby 8 Basketball 7 6 5 4 3 2 1 Social Conventions Rules & Officials Commitment Opponents Negative Approach
  • 65. SPORT AUTOCONCETTO SPORTIVITÀ RISULTATI Sportività Dimensione Disciplina Valore Disciplina Valore S Compromesso Calcio 9.255 ± Nuoto 7.48 ± p = .008 1.434 0.796 Calcio 9.255 ± Rugby 7.583 ± p = .025 1.434 1.755 Avversari Pallamano 5.956 ± Calcio 3.4 ± p = .049 1.88 2.13 Nuoto 6.253 ± Calcio 3.4 ± p = .005 0.952 2.13 Accettazione Calcio 4.4 ± Nuoto 6.71 ± p = .002* 1.878 0.875 Rugby 4.23 ± Nuoto 6.71 ± p = .001* 1.627 0.875 Regole ed Nuoto 7.68 ± Rugby 5.733 ± p = .015 arbitri 0.406 1.61
  • 66. SPORT AUTOCONCETTO SPORTIVITÀ RISULTATI Autoconcetto 6.00 5.00 4.00 Artistica Calcio Judo 3.00 Pallavolo Pallamano Nuoto Basket 2.00 Rugby 1.00 0.00 Coord AF Grasso Comp.Sp. Forza Fless
  • 67. SPORT AUTOCONCETTO SPORTIVITÀ RISULTATI Autoconcetto 6.00 5.00 4.00 Artistica Calcio Judo 3.00 Pallavolo Pallamano Nuoto Basket 2.00 Rugby 1.00 0.00 Resist Gen Autostima Salute Appar
  • 68. SPORT AUTOCONCETTO SPORTIVITÀ FUTURO DELLA RICERCA Potenziare l’etica, la socialità e atteggiamenti positivi nei settori giovanili Dall’analisi degli aspetti negativi di ciascuna disciplina sportiva, inserire nell’allenamento giovanile attività alternative di appoggio Lavorare con i giovani sulla motivazione, la fiducia in sè stessi e la responsabilità Questi valori non sono importanti solo per la crescita come individuo, ma anche per il futuro successo sportivo
  • 69. Qualunque sia la finalità della pratica sportiva, è necessario ricordare che la crescita o il miglioramento individuale è determinato sempre da: Caratteristiche fisiche Caratteristiche cognitive/psicologiche Atteggiamenti Ciascuno di questi componenti influisce sugli altri, ed insieme sulla persona, sia a livello individuale (sviluppo psicofisico) che a livello gruppale (inserimento in un gruppo/societá)

×