L'industria chimico-farmaceutica in Italia
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share

L'industria chimico-farmaceutica in Italia

  • 369 views
Uploaded on

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
369
On Slideshare
369
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
2
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. LOMBARDIAL’INDUSTRIA CHIMICO-FARMACEUTICA1I p r i n c i p a l i n u m e r i s u l s e t t o r e i n I t a l i a e d i n L o m b a r d i aClemente Tartaglione4 Maggio 2012
  • 2. Chimica – Farmaceutica in Italia2
  • 3. Un quadro di sintesi: alcune cifre sull’aggregatoCHIMICO FARMACEUTICOCHIMICO-FARMACEUTICO3Mld di • Il valore delle vendite a prezzi correnti78 Mld di €• La quota di vendite all’estero sul totale fatturato del settore CHIMICO-FARMACEUTICO50%• Il contributo del l’industria CHIMICO-FARMACEUTICA al valore delle venditedell’intera economia manifatturiera9%• Il totale delle imprese riconducibili all’industria5.537• Le grandi imprese (con più di 250 addetti)134• Totale occupazione nella filiera CHIMICO-FARMACEUTICA (Stima FDL – ISTAT)230 mila• La quota di lavoratori nelle piccole imprese (con meno di 50 addetti)30%• E’ la spesa di innovazione per addetto (8.000 € è la media dell’industria). UnE la spesa di innovazione per addetto (8.000 € è la media dell industria). Unimpegno che colloca l’aggregato CHIMICO-FARMACEUTICO al primo postoinsieme all’industria dei mezzi di trasporto12.500 €•La quota di imprese innovative sul totale delle imprese che operano nelCHIMICO-FARMACEUTICA (44% è la media nel manifatturiero). Un livello che69% ( )posiziona il settore al 2° posto dopo il settore dell’informatica ed elettronica69%• Quota spese per innovazione nell’aggregato CHIIMICO FARMACEUTICO sultotale spese nel manifatturiero. Quota che posiziona il settore al 2°posto nelmanifatturiero dopo la fabbricazione di macchinari ed apparecchiature11% p ppFonte: Elaborazioni Ares 2.0 su dati Istat (FDL, COEWEB, Conti Economici Imprese, CIS)
  • 4. Una rappresentazione dell’aggregato CHIMICO-FARMACEUTICOnelle sue principali componentiChimica di baseChimica fine,dei settorispecialistici edei prodotti diFarmaceutica dibase, preparatie medicinaliTOTALE(=100)24dei prodotti diconsumo27e medicinali27( 100)78Fatturato(mld. €)24312735273578100Occup-azione 55 93 82 230(.000) 24134012361510040Export(mld.€)133312301538401004 Fonte: Elaborazioni Ares 2.0 su dati Istat (FDL, COEWEB, Conti Economici Imprese
  • 5. 11 variabili per descrivere la struttura della forza lavoro nell’aggregatosettoriale della Chimica - farmaceutica in Italia (Totale occupati = 100)settoriale della Chimica - farmaceutica in Italia (Totale occupati = 100)Italiana 94,7Straniera 5,3Maschio 69,0Femmina 31 0CITTADINANZAGENERELa presenza di stranieri è ancora molto limitataIl settore è ancora molto sbilanciato sugli uominiFemmina 31,015-29 10,830-49 65,250 e + 24,1Fino a licenza media 28,0ETALa componente occupazionale con età medio alta assorbequasi un quarto della forza lavoroN l tt l t di ti h h li ll di,Diploma di scuola superiore 51,5Laurea 20,5Dipendente 94,4Collaboratore - Autonomo 5,6ISTRUZIONEPOSIZIONE LAVORATIVANel settore la componente di occupati che hanno un livello diistruzione molto basso è ancora rilevanteIl settore trova il suo baricentrato su una forma organizzativadel lavoro di tipo subordinatoDirigente 4,4Quadro 9,2Impiegato 47,1Operaio 38,8Apprendista 0 4INQUADRAMENTO (solodipendenti)La componente occupazionale che prevale è quellaimpiegatiziaApprendista 0,4Tempo determinato 8,2Tempo indeterminato 91,8Tempo pieno 94,4Tempo parziale 5,6TIPOLOGIA ORARIOMODALITA CONTRATTUALE(solo dipendenti)Nellorganizzazione del lavoro il modello prevalente è quellostabile di dipendenza a tempo indeterminatoRispetto agli orari è molto limitata la scelta dellorario ridottonon più di 20 ore 10,5da 21 a 36 ore 9,1più di 36 ore 80,4Lavoro oltre le 20 39,8lavoro di sabato e/o di domenica 40 3ORE DI LAVOROLAVORO IN ORARI DISAGIATI EA TURNI (almeno una volta alPur in un quadro in cui prevale il tempo pieno, la quota dilavoratori impegnata con orario ridotto non è marginaleDi rilievo è la quota di chi lavora in orari disagiatilavoro di sabato e/o di domenica 40,3Lavoro a turni 20,0fino a 1000 € 13,0da 1001 € a 1500 € 45,5da 1501 € a 2000 25,7A TURNI (almeno una volta almese)RETRIBUZIONE NETTAMENSILE (solo dipendenti)Di rilievo è la quota di chi lavora in orari disagiatiE ancora molto ampia la quota di lavoratori con redditi mediobassi5 Fonte: Elaborazioni Ares 2.0 su dati Istat FDLOltre 2000 € 15,9
  • 6. Assetto organizzativo del settore (media 2008-2009)6Distribuzione per classidimensionaliDistribuzione per classidimensionaliDifferenziali di performancenell’industria della chimicaDifferenziali di performancenell’industria della chimicaimprese 50 ed oltre Imprese fino a 49 addettiimprese 50 ed oltre Imprese fino a 49 addettiMedia settore = 10069%110Propensione allexport (export sufatturato totale)69%79%86%95% 95% 99%64106Intensità investimenti fissi(I ti tifi i ità di31%21%14%Addetti Fatturato Export Addetti Fatturato Export83(Investimentifissi perunità divalore aggiunto)CHIMICA FARMACEUTICA81109Produttività del lavoro (Valoreaggiunto peraddetto)0 20 40 60 80 100 120
  • 7. Performance nel periodo 2000-2011:L’IMPATTO DELLA CRISIM O C S7
  • 8. 140145148Manifatturiero Chimica FarmaceuticaIL FATTURATO:un confronto tra settori e comparti123116138140un confronto tra settori e compartiFonte: Elaborazioni Ares 2.0 su dati Istat100110100111 106111892000 2004 2008 2009 2010 201113014015016090100110120Anno 2000 = 100506070802000 2008 20113040CHIMICA Fibre sintetiche eartificialiProdotti chimici dibase, fertilizzanti,plastiche e gommai t tiChimici perlagricolturaPitture, vernici esmalti, adesiviAltri prodotti(esplosivi, colle, oliessenziali ed altrid tti )Saponi, detergenti,profumi e cosmeticiFARMACEUTICA farmaceuticadi basemedicinali epreparatifarmaceutici2000 2008 20118sintetica prodotti nca)Fonte: Elaborazioni Ares 2.0 su dati CONISTAT
  • 9. 106 105107 106Manifatturiero Chimica FarmaceuticaLA PRODUZIONE INDUSTRIALE:un confronto tra settori e comparti100969892106 105 106un confronto tra settori e compartiFonte: Elaborazioni Ares 2.0 su dati Istat9683 8385 86782000 2004 2008 2009 2010 20111101201308090100Anno 2000 = 1006070804050CHIMICA Fibre sintetiche eartificialiProdotti chimici dibase, fertilizzanti,Chimici perlagricolturaPitture, vernici esmalti, adesiviAltri prodotti(esplosivi, colle, oliSaponi, detergenti,profumi e cosmeticiFARMACEUTICA farmaceuticadi basemedicinali epreparati2000 2008 20119plastiche e gommasinteticaessenziali ed altriprodotti nca)farmaceuticiFonte: Elaborazioni Ares 2.0 su dati CONISTAT
  • 10. L’OCCUPAZIONE: il saldo occupazionale nel periodo della crisi (2008-2011)L OCCUPAZIONE: il saldo occupazionale nel periodo della crisi (2008 2011)10Stima su dati FDL-Istat (primi 9 mesi 2011)107 107104Chimica103100104100102Chimica‐farmaceutica100100Farmaceutica9496 94Manifatturiero93922008 2009 2010 20112008 2009 2010 2011I dati Istat attribuiscono al comparto della chimica di base, plastiche e gomme sintetiche il principalet ib t ll it i d ll’ t hi i f ticontributo alla crescita occupazione dell’aggregato chimica-farmaceuticaFonte: Elaborazioni Ares 2.0 su dati Istat FDL
  • 11. Commercio internazionale11
  • 12. 12Scambi commerciali 32,236,332,036,040,0CHIMICASaldo Esportazioni Importazionicon l’estero nelperiodo 2001-2011 16,722,224,925,216 020,024,028,0n miliardi di €(in mld di €)‐8,5‐10,0-11,44,08,012,016,014678901In0 525,0FARMACEUTICA200120022003200420052006200720082009201020110,515 314,719,220,0di €FARMACEUTICA‐2,711,915,38,414,710,015,0In miliardi d-3,88,95,0001002003004005006007008009010011Fonte: Elaborazioni Ares 2.0 su dati Istat22222222222
  • 13. Una fotografia dei risultati degli scambi con l’estero per categoriai d tti ieconomica e prodotti omogenei13Valore 2011(in mil.€)Distrib.2011Var.%2011/2001Valore 2011(in mil.€)Distrib.2011Var.%2011/2001Valore 2011(in mil.€)Normaliz-zato 2001Normaliz-zato 2011Valore2001Valore2011Quota export mondoESPORTAZIONI IMPORTAZIONI SALDOTOTALE CHIMICA 24.911 100 49% 36.337 100 44% -11.426 -20,2 -18,7 2,98 2,62Prodotti chimici di base, fertilizzanti,plastiche e gomma13.442 54,0 52% 25.027 68,9 50% -11.585 -30,7 -30,1 2,3 2,1Prodotti chimici per lagricoltura 556 2,2 63% 661 1,8 75% -104 -4,9 -8,6 3,0 3,1Pitture, vernici e smalti 1.829 7,3 64% 1.021 2,8 33% 808 18,2 28,4 5,6 5,8Prodotti pulizia e lucidatura 1.365 5,5 48% 882 2,4 52% 483 22,9 21,5Profumi, cosmetici e saponi 2.647 10,6 55% 1.721 4,7 47% 927 18,8 21,2Alt i d tti hi i i 4 206 16 9 59% 5 740 15 8 44% 1 534 20 2 15 4 2 9 2 96,1 4,9Altri prodotti chimici 4.206 16,9 59% 5.740 15,8 44% -1.534 -20,2 -15,4 2,9 2,9Fibre sintetiche e artificiali 865 3,5 -26% 1.286 3,5 -22% -421 -17,1 -19,6 4,9 3,6TOTALE FARMACEUTICA 15.311 100 72% 19.160 100 128% -3.849 2,9 -11,2 5,3 3,6TOTALE FARMACEUTICA 15.311 100 72% 19.160 100 128% 3.849 2,9 11,2 5,3 3,6Prodotti farmaceutici di base 1.922 12,6 2% 4.030 21,0 98% -2.107 -3,9 -35,4 4,6 2,3Medicinali e prep. farmaceutici 13.389 87,4 90% 15.130 79,0 137% -1.741 4,9 -6,1 5,6 4,0Fonte: Elaborazioni Ares 2.0 su dati Istat
  • 14. Livello di internazionalizzazione: un confronto con i settori delif tt imanifatturiero14Imprese residenti allestero a controllo nazionale Macchine elettricheChimica-farmaceutica Mezzi di trasporto9095Imprese AddettiFatturato      (in mil.)Manifatturiero          6 565 711 765 124 164p(settori ordinati per valore del fatturato)CombustibiliGomma-plasticheMacchine elettricheApparecchimeccanici758085totaleaddetti(di cui:)6.565 711.765 124.164Mezzi di trasporto   242 85.113 26.772Apparecchi meccanici 1.239 122.911 23.492Prodotti mineraliManifatturieroPelle-cuoio6570esportatricisultApparecchi meccanici   1.239 122.911 23.492Chimica‐farmaceutica 682 43.329 13.095Metalli e prod in metallo809 64.420 11.914AlimentareProdotti mineralinon metalliferiMetalli e prodottiinmetalloAltri prodottiTessile-abbigliamentoPelle cuoio505560tidelleimpreseemetallo  Prod. minerali non metalliferi  428 53.321 10.625Alimentare 334 48.053 9.942Legno e prodottiinlegnoAltri prodottimanifatturieri354045%addettGomma‐plastiche   533 60.904 8.103Macchine elettriche 646 61.732 7.560legno30355 10 15 20 25 30 35 40 45 50 55 60 65 70Propensione allesportazioneTessile‐abbigliam‐pelle 922 120.219 5.814Legno e carta 510 31.933 4.991Fonte: Elaborazioni Ares 2.0 su dati IstatCombustibili 15 977 169
  • 15. Geografia degli scambi internazionali: evoluzione della presenza sui mercati perl i d 2001 2011macro area nel periodo 2001-201115CHIMICA FARMACEUTICANon Ue10,570%75% TurchiaSvizzeraRussia Non Ue240%250%Sud America3,5UE2762,5Africa4 2Asia13,850%55%60%65%70%CinaGiapponeBrasileRussiaAsiaNon Ue19,5180%190%200%210%220%230%SvizzeraGi62,54,230%35%40%45%%2011/2001GermaniaFranciaSpagnappEgittoSud America3 611,1120%130%140%150%160%170%180%%2011/2001GiapponeCinaCorea del Sud10%15%20%25%Variazione3,6Africa70%80%90%100%110%120%VariazioneBrasileNord America4,8-10%-5%0%5%S i U i iUE2755,0Africa1,7Nord America7,510%20%30%40%50%60%GermaniaFranciaBelgioSudafrica-15%02.0004.0006.0008.00010.00012.00014.00016.00018.00020.000Valore export anno 2011 (in mil. €)Stati Uniti0%10%01.0002.0003.0004.0005.0006.0007.0008.0009.00010.000Valore export anno 2011 (in mil. €)Stati UnitiFonte: Elaborazioni Ares 2.0 su dati Istat
  • 16. 16Chimica FarmaceuticaIl posizionamento dei1° Germania 3.910 2.509 Svizzera2° Francia 2.596 1.883 Germania3° Spagna 1.627 1.430 Francia4° Stati Uniti 1.122 1.273 Belgio5° R U it St ti U itiIl posizionamento deiprimi trenta paesi pervalore dell’export5° Regno Unito 979 1.004 Stati Uniti6° Turchia 942 854 Regno Unito7° Belgio 833 746 Spagna8° Paesi Bassi 819 742 Giappone9° Polonia 749 678 Paesi Bassi(mil.€)(anno 2011)10° Grecia 586 250 Grecia57% 74% 1011° Cina 578 243 Austria12° Austria 578 242 Brasile13° S i 575 235 Ci(anno 2011) 13° Svizzera 575 235 Cina14° Russia 448 214 Turchia15° Romania 426 202 Portogallo16° Ceca, Repubblica 356 189 Russia17° Ungheria 336 178 Corea del Sudg18° Giappone 325 142 Polonia19° Slovenia 320 140 Ungheria20° Brasile 319 140 Canada74% 87% 2021° Egitto 318 117 Svezia21° Egitto 318 117 Svezia22° India 283 96 Irlanda23° Israele 278 85 Romania24° Portogallo 261 84 Messico25° Emirati Arabi Uniti 212 83 India26° Messico 200 80 Sudafrica27° Corea del Sud 194 72 Ceca, Repubblica28° Hong Kong 191 67 Cile29° Svezia 190 67 Finlandia30° Arabia Saudita 188 56 Arabia SauditaFonte: Elaborazioni Ares 2.0 su dati Istat COEWEB30 Arabia Saudita 188 56 Arabia Saudita83% 92% 30
  • 17. Il posizionamento dell’ITALIA nel quadro europeo17
  • 18. Il contributo dell’ITALIA all’industria CHIMICO-FARMACEUTICA in Europa (UE27)p ( )18Occupati10,1%10,5%8,1%FatturatoValore aggiunto11 3%16,8%11,3%ProduzioneImpreseFonte: Elaborazioni Ares 2.0 su dati EUROSTAT
  • 19. I paesi UE27 della CHIMICO-FARMACEUTICAIreland5%Poland2%Sweden2%Austria FinlandCzech SwedenHungary2%Denmark2% Austria2%Ireland1%Bulgaria1%Portugal1%Finland1%Greece1%Belgium6%5% 2% 2% 1%Denmark1%Finland1%Republic1% Hungary1%Portugal1%RomaniaCzech Republic2%2%1%Spain7%Greece0%FATTURATOOCCUPAZIONEGermany25%BelgiumNetherlands4%Romania3%1 8GermanyUnited Kingdom11%Netherlands7%Romania0%Bulgaria0%800miliardiFrancePoland6%Belgium4%1.8milioni24%FItaly11%11%3°15%United Kingdom11%Italy10%Spain8%France18%GermanyFrance11%United Kingdom11%Poland7%Czech Republic5% Romania4°11%10%Spain13%y11% 4%Portugal3%Sweden3%33mila IMPRESEItaly17%3%Netherlands3%Belgium3%Greece1%1°19 Fonte: Elaborazioni Ares 2.0 su dati EUROSTATHungary2%Bulgaria2%Austria1%1%Finland1%Denmark1%Ireland1%
  • 20. Performance di sviluppo della CHIMICA FARMACEUTICA nel periodo 2002-2011:f t t i UEun confronto tra paesi UE20170PRODUZIONE2102202302002 (= 100)FATTURATO1602002200819020020082011 140150201116017018012013014015011011012013090100100DenmarkGreeceITALYSpainSwedenHungaryFranceGermanyAustriaKingdomtherlandsRepublicBelgiumBulgariaRomaniaPoland80KingdomITALYDenmarkSwedenSpainGermanyGreeceherlandsFranceBulgariaRepublicBelgiumIrelandRomaniaHungaryAustriaPolandDGUnitedNetCzechUnitedKDGNethCzechRRHFonte: Elaborazioni Ares 2.0 su dati EUROSTAT
  • 21. 21Un confronto traGermania Francia Italia Regno UnitoDimensione media imprese (Addetti/imprese)100 58 26 45i primi 4 paesidella CHIMICA-Produttività del lavoro (valoreaggiunto/addetto)96 95 74 100Costo medio per occupato (costo del99 100 85 74FARMACEUTICAeuropeapersonale/dipendenti)99 100 85 74Livello intensità investimenti (media triennalevalore investimenti fissi lordi/addetti) 91 100 97 100Valore max = 100Propensione allexport (export su fatturato) 100 72 61 90Livello specializzazione chimica di base(fatturato chimica di base/totale fatturato)100 75 56 81( attu ato c ca d base/tota e attu ato)Fatturato: Var.% 2010/2002 29% 28% 18% 32%Export vs mondo: Var.% 2010/2002 90% 39% 40% 31%Export vs UE27: Var.% 2010/2002 97% 32% 34% 20%Export vs extra UE27: Var.% 2010/2002 79% 51% 49% 47%Fonte: Elaborazioni Ares 2.0 su dati EUROSTATp 47%
  • 22. Chi i F ti iChimica – Farmaceutica inLombardiaLombardia22…..
  • 23. Le principali cifre sul sistema Chimico-Farmaceutico in LombardiaLe principali cifre sul sistema Chimico Farmaceutico in Lombardia23• Il valore delle vendite del sistema chimico-farmaceutico in LOMBARDIA35 mld• La quota del fatturato delle imprese in LOMBARDIA sul totale settore in ITALIA45% q p45%• Il contributo dell’industria chimico-farmaceutica al valore delle venditedell’intera economia manifatturiera in LOMBARDIA13%• Totale forza lavoro nell’aggregato chimico-farmaceutico85 mila• La quota dell’occupazione residente in Lombardia sul totale settore in ITALIA37% • La quota dell occupazione residente in Lombardia sul totale settore in ITALIA37%• Il contributo del l’industria chimico-farmaceutica all’occupazione dell’interaeconomia manifatturiera in LOMBARDIA8%• Valore delle vendite all’estero delle imprese della chimica-farmarceutica inLOMBARDIA14 mld• La quota di export delle imprese chimico farmaceutiche in LOMBARDIA sul totale35% • La quota di export delle imprese chimico-farmaceutiche in LOMBARDIA sul totalesettore ITALIA35%• Il contributo del l’industria chimico-farmaceutcia al valore delle vendite all’esterodell’intera economia manifatturiera in LOMBARDIA14%Fonte: Elaborazioni Ares 2.0 su dati Istat (FDL, COEWEB, Conti Economici Imprese, CIS)
  • 24. Una rappresentazione dell’aggregato chimico-farmaceutico nelle sue dueprincipali componentiChimica FarmaceuticaTOTALE(=100)26 9( )35Fatturato(mld. €)267492635100Occupazione( 000)60 25 85(.000)711029410014Export(Mld.€)10714291410024Fonte: Elaborazioni Ares 2.0 su dati Istat (FDL, COEWEB, Conti Economici Imprese
  • 25. L’occupazione CHIMICO-FARMACEUTICA distribuita per comparto di attivitàTOTALE CHIMICA FARMACEUTICA 85 229TOTALE CHIMICA-FARMACEUTICA 85.229PRODOTTI CHIMICI 60.033PRODOTTI CHIMICI 60.033Materie plastiche in froma primaria 10.478Altri prodotti chimici di base (coloranti pigmenti Gas industriali concimi e di composti azotati gomma sinteticaAltri prodotti chimici di base (coloranti, pigmenti, Gas industriali, concimi e di composti azotati, gomma sinteticain forme primarie, altri prodotti chimici di base inorganici, altri prodotti chimici di base organici)9.672Pitture, vernici e smalti, inchiostri da stampa e adesivi sintetici 11.030Profumi e cosmetici 7.977Saponi, detersivi e detergenti, prodotti pulizia 7.364Altri prodotti chimici (Colle e gelatine, Supporto per registrazioni audio,video ed informatica, Fitofarmaci e di altri prodottichimici per l’agricoltura, Fibre sintetiche e artificiali, esplosivi, Oli essenziali, Prodotti chimici per uso fotografico; Prodotti chimiciorganici mediante processi di fermentazione o derivati da materie prime vegetali, Prodotti elettrochimici (esclusa produzione dicloro, soda e potassa) ed elettrotermici, Trattamento chimico degli acidi grassi, Prodotti chimici vari per uso industriale, Prodottichimici impiegati per ufficio e consumo non industriale, prodotti ausiliari per le industrie tessili e del cuoio)13.512PRODOTTI FARMACEUTICI 25.19625 Fonte: Elaborazioni Ares 2.0 su dati Istat FDL
  • 26. 26 ITALIA LOMBARDIAStrutturaItaliana 94,7 93,3Straniera 5,3 6,7Maschio 69,0 63,8Femmina 31,0 36,215 29 10 8 9 9CITTADINANZAGENEREStrutturadelloccupazionedellintero aggregato15-29 10,8 9,930-49 65,2 66,950 e + 24,1 23,2Fino a licenza media 28,0 29,7Diploma di scuola superiore 51 5 53 8ETAISTRUZIONECHIMICO-FARMACEUTICOnella regione LombardiaDiploma di scuola superiore 51,5 53,8Laurea 20,5 16,5Dipendente 94,4 95,5Collaboratore - Autonomo 5,6 4,5Dirigente 4,4 4,8ISTRUZIONEPOSIZIONE LAVORATIVAgQuadro 9,2 10,7Impiegato 47,1 48,4Operaio 38,8 35,8Apprendista 0,4 0,3INQUADRAMENTO (solo dipendenti)Tempo determinato 8,2 8,5Tempo indeterminato 91,8 91,5Tempo pieno 94,4 92,0Tempo parziale 5,6 8,0iù di 20 10 5 9 2TIPOLOGIA ORARIOMODALITA CONTRATTUALE (solodipendenti)non più di 20 ore 10,5 9,2da 21 a 36 ore 9,1 9,7più di 36 ore 80,4 81,1Lavoro oltre le 20 39,8 33,8lavoro di sabato e/o di domenica 40 3 37 6ORE DI LAVOROLAVORO IN ORARI DISAGIATI E Alavoro di sabato e/o di domenica 40,3 37,6Lavoro a turni 20,0 17,2fino a 1000 € 13,0 12,4da 1001 € a 1500 € 45,5 42,9da 1501 € a 2000 25,7 26,0TURNI (almeno una volta al mese)RETRIBUZIONE NETTA MENSILE(solo dipendenti)Oltre 2000 € 15,9 18,7
  • 27. La distribuzione regionale dell’occupazione: il ruolo della Lombardia nell’industriaCHIMICO FARMACEUTICA (in %)CHIMICO-FARMACEUTICA (in %)27SiciliaCampania2% Altre regioniTOTALE CHIMICA‐FARMACEUTICALombardia37%TE.Romagna7%Sicilia2%regioni13%Veneto12%Lazio%PiemonteToscana8%CHIMICA FARMACEUTICA12%11%Piemonte8%Sardegna2%Umbria2% Altre regioni12%CHIMICAE RomagnaSicilia4% Altre regioni15%FARMACEUTICALombardia40%Lazio8%Toscana5%2% 12%Lombardia31%PiemonteCampania4%E.Romagna4%15%Veneto12%E.Romagna9%Lazio17%Toscana11%Veneto10%Piemonte4%Piemonte10%Fonte: Elaborazioni Ares 2.0 su dati Istat FDL
  • 28. Il periodo della crisi in Lombardia28
  • 29. Performance dell’industria chimico - farmaceutica Lombarda nel periodo dellacrisi: un confronto con l’aggregato manifatturierocrisi: un confronto con l aggregato manifatturiero29113110115Chimica-farmaceutica Manifatturiero100 9910510010210410010510010511092009590969894 9310090951008590 9080857975200820092010201120082009201020112008200920102011FATTURATO OCCUPAZIONE VENDITE ALLESTEROFonte: Elaborazioni Ares 2.0 su dati ASR Lombardia, Istat
  • 30. L’impatto della crisi sull’occupazione40%StranieroImpiegato30%40%tà 50 +DiplomatiQuadro20%30%età 50 e +Di d t>36 ore10%2008ItalianoMaschioFemmina età 30-49 DipendenteT. determinatoT. indeterminato TOTALE0%Var.%2011/2Fino a licenza mediaCollabor-autonomoda 21 a 36 ore-10%LaureatiDirigenteOperaio<20 ore-20%età 15-29-30%0 10.000 20.000 30.000 40.000 50.000 60.000 70.000 80.000 90.00030 Fonte: Elaborazioni Ares 2.0 su dati Istat FDLOccupati
  • 31. Livelli ed evoluzione della presenza internazionale31
  • 32. Scambi con l’estero della LOMBARDIA per categoria economica e prodotti omogeneidell’aggregato CHIMICO FARMACEUTICOdell aggregato CHIMICO-FARMACEUTICO32ChimicaChimica dibaseChimica perlagricolturaPitture, vernicie smaltiPulizia,profumi,cosmetici esaponiAltri prodottichimiciFibresintetiche eartificialiFarmaceuticaFarmaceuticidi baseMedicinali eprep.FarmaceuticiTOTALE2011 (mil €) 10 162 5 206 261 723 2 058 1 443 471 4 019 1 106 2 913 14 1812011 (mil.€) 10.162 5.206 261 723 2.058 1.443 471 4.019 1.106 2.913 14.181Var.% 2011/01 41% 46% 93% 58% 31% 59% -20% -10% -7% -11% 22%Distrubuzione % 71,7 36,7 1,8 5,1 14,5 10,2 3,3 28,3 7,8 20,5 100EXPORT2011 (mil.€) 16.314 10.763 382 447 1.630 2.452 640 9.360 1.821 7.539 25.674Var.% 2011/01 23% 28% 72% 11% 54% 7% -25% 129% 114% 133% 48%Distrubuzione % 63,5 41,9 1,5 1,7 6,3 9,6 2,5 36,5 7,1 29,4 100IMPORT2001 (mil.€) -6.019 -4.848 -87 56 513 -1.385 -268 366 343 23 -5.6522011 (mil.€) -6.152 -5.558 -121 276 428 -1.009 -169 -5.341 -715 -4.626 -11.493Normalizzato 2001 -0 29 -0 41 -0 24 0 07 0 19 -0 43 -0 19 0 04 0 17 0 00 -0 19SALDONormalizzato 2001 -0,29 -0,41 -0,24 0,07 0,19 -0,43 -0,19 0,04 0,17 0,00 -0,19Normalizzato 2011 -0,23 -0,35 -0,19 0,24 0,12 -0,26 -0,15 -0,40 -0,24 -0,44 -0,29Export - 2011 41% 39% 47% 40% 51% 34% 54% 26% 58% 22% 35%Export 2001 43% 40% 40% 41% 60% 34% 50% 50% 64% 46% 45%Import - 2011 45% 43% 58% 44% 63% 43% 50% 49% 45% 50% 46%Import 2011 52% 50% 59% 52% 61% 58% 52% 49% 42% 51% 52%QuotaLombardia sutotale ItaliaImport - 2011 52% 50% 59% 52% 61% 58% 52% 49% 42% 51% 52%Fonte: Elaborazioni Ares 2.0 su dati Istat COEWEB
  • 33. Un confronto delle performance di commercio estero della Lombardia rispetto alla mediaNazionale (Variazione % periodo 2001 2011)Nazionale (Variazione % periodo 2001-2011)33Medicinali e prep. Farmaceutici100%EXPORT Medicinali e prep. Farmaceutici160%IMPORTFARMACEUTICATOTALE Chimica agricoltura  Pitture e verniciPulizia e cosmeticiAltri prodotti chimici60%80%FARMACEUTICAFarmaceutici di Farmaceutici100%120%140%CHIMICA Chimica di basecosmetici chimici  40%TALIATOTALE Chi i di bChimica agricoltura  Altri prodottibase  60%80%100%ALIAFarmaceutici di base  0%20%ITCHIMICA Chimica di basePitture e verniciPulizia e cosmeticiAltri prodotti chimici  20%40%60%ITAFibre sintetiche e‐20%‐20%0%Fibre sintetiche e artificiali  ‐40%‐40% ‐20% 0% 20% 40% 60% 80% 100%LOMBARDIAFibre sintetiche e artificiali  ‐40%‐40% ‐20% 0% 20% 40% 60% 80% 100% 120% 140% 160%LOMBARDIAFonte: Elaborazioni Ares 2.0 su dati Istat COEWEB
  • 34. 34Geografia degliscambiDistribuzione exportper macro areaVariazione % exportper macro areaDistribuzione exportper macro areaVariazione % exportper macro areaCHIMICA FARMACEUTICAscambiinternazionali edevoluzione della(anno 2011) (periodo 2011-2001) (anno 2011) (periodo 2011-2001)MONDO (di cui:) 100 41% 100 -10%Europa 71,8 55% 67,0 -15%presenza suimercati esterip , ,UE27 59,7 51% 53,5 -27%Non Ue 12,1 79% 13,6 135%AFRICA 4 6 54% 2 8 29%AFRICA 4,6 54% 2,8 29%Africa sett. 3,3 76% 1,3 31%Altri paesi africani 1,3 15% 1,6 27%AMERICA 9,3 -8% 16,4 6%Nord America 5,2 -31% 12,1 -2%Sud America 4,1 55% 4,3 36%ASIA 13,8 23% 12,1 18%Medio Oriente 5,1 28% 2,4 173%Asia centrale 1,8 102% 1,2 76%Asia centrale 1,8 102% 1,2 76%Asia orientale 6,8 9% 8,4 -3%RESTO DEL MONDO 0,6 26% 1,7 -58%Fonte: Elaborazioni Ares 2.0 su dati Istat COEWEB
  • 35. Il posizionamento della Lombardia nel quadroeuropeoeuropeo35
  • 36. 36N unità produttive PopolazioneLe 20 regionieuropee a maggiorN.unità produttivelocaliOccupatiPopolazioneresidente (in mil.)1 Nordrhein-Westfalen (DE) 460 102.058 18,02 Lombardia (IT) 2.028 76.628 9,7europee a maggiorpresenza CHIMICO-FARMACEUTICA3 Île de France (FR) 1.294 72.412 11,74 Baden-Württemberg (DE) 244 58.964 10,75 Hessen (DE) 181 58.701 6,0Media 2008-2009( ) ,6 Cataluña (ES) 1.197 55.928 7,47 Bayern (DE) 264 54.696 12,58 Rheinland-Pfalz (DE) 96 54 252 4 08 Rheinland Pfalz (DE) 96 54.252 4,09 Vlaams Gewest (BE) 481 37.186 6,010 Rhône-Alpes (FR) 550 31.825 6,211 North West (UK) 626 30 745 6 811 North West (UK) 626 30.745 6,812 Region Centralny (PL) 850 30.451 7,713 West-Nederland (NL) 471 27.538 ..14 Mazowieckie (PL) 616 23 708 5 214 Mazowieckie (PL) 616 23.708 5,215 Zuid-Nederland (NL) 333 22.911 3,516 Région wallonne (BE) 252 21.356 3,417 L i (IT) 431 21 004 5 617 Lazio (IT) 431 21.004 5,618 Southern and Eastern (UK) 163 20.181 8,019 Östra Sverige (SE) 434 13.421 1,5Fonte: Elaborazioni Ares 2.0 su dati EUROSTAT20 Hovedstaden (DK) 167 12.349 1,7
  • 37. S i di il i i diStrategie di sviluppo e priorità dipolicy oltre la crisipolicy oltre la crisi37
  • 38. 38Alcuni elementidi iAumenta ilvincolo dellat ibilitàC lAumentano leopportunitàdi scenario sostenibilitàambientaleCresce lapopolazionemondialeI crescenti vincoli di bilanciodegli Stati, ed in modooppo u àtecnologicheL’allungamento della vita hadeterminato l’ampliamentodella quota di popolazioneanzianaparticolare dell’area dei paesiavanzati, rischiano dicondiziona l’impegno sullegrandi direttrici della ricerca,istruzione infrastruttureChimica efarmaceuticasono al centro diun contesto inl iAPersiste un fenomeno dii i l iistruzione, infrastruttureevoluzioneAumenta costodelle materieprimeasimmetrie regolative trapaesi avanzati e quelli dinuova industrializzazioneAumentano i casidi contraffazioneed abuso dellaproprietàLa geografia dei consumi edella produzione si spostaverso paesi di nuovaindustrializzazioneintellettualePersiste un fenomenoglobalizzazione asimmetricasbilanciata verso i paesi dinuova industrializzazioneindustrializzazionenuova industrializzazione
  • 39. Alcune direttrici su cui attivare una strategia di sviluppo dell’industria CHIMICO-FARMACEUTICACostruzioni Agro-alimentare Energia SaluteCostruzioni, Agro-alimentare, Energia, Salutee cura della persona, biotecnologie bianchesono importanti ambiti attivati dal vincolo dellasostenibilità, evoluzione della popolazione, edinnalzamento dei costi delle materie primepInnovazione, ricerca, e capitale umanorappresentano condizioni vincolanti per ilsuccesso competitivo di un settore che siSviluppo dimensione, Integrazione operativae cooperazione rappresenta un orientamentoi i i il i ipalimenta di nuova conoscenzaIl vincolo degli alti investimenti in un contestodi ridotte dimensioni delle imprese eorganizzativa per garantire il raggiungimentodi quella soglia dimensionale coerente conl’allargamento dei mercati e l’intensificazionedegli investimentidi ridotte dimensioni delle imprese emaggior debolezza della finanza pubblicaimpone un rinnovamento degli strumenti edelle forme di finanziamentoSinergia pubblico-privato per rafforzare gli assetsmateriale ed immateriale necessari all’operativitàdell’impresa (logistica-trasporti centri di ricerca-Efficienza energetica e delle risorse èdiventa un vincolo per attuare unastrategia di sostenibilità e percontrastare la costante crescita dei costidell impresa (logistica trasporti, centri di ricercauniversità), valorizzazione del dialogo sociale edinterventi di riduzione del rischio e di maggioresicurezza sul lavoro sono condizioni necessari perrimanere protagonisti all’interno dell’attuale processo contrastare la costante crescita dei costidelle materie primeSostenere l’intensificazione dell’attività diLo spostamento della geografia dei consumi e delladi allocazione geografica delle produzioniinnovazione e ricerca significa anche sviluppareun sistema di regole n grado di dare: maggiorecertezza nella fase di brevettazione, riduzionedei costi del brevetto e maggior protezioned ll i tà i t ll tt lp g gproduzione diventa una opportunità di sviluppo soloall’interno di una serrata strategia diinternazionalizzazione operativa e commercialenonché una strategia di superamento dellei t i l ti t iff i t iff i39della proprietà intellettualeasimmetrie regolative, tariffarie e non tariffarie
  • 40. Il documento è stato curato da Clemente Tartaglione con la collaborazione diMauro di Giacomo, Gianmarco Guazzo, Elio Montanari (Network Ares 2.0)40