Indice Eq

  • 231 views
Uploaded on

Equilibri Stability Index - MENA

Equilibri Stability Index - MENA

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
231
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
3
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Equilibri Stability IndexMiddle A New Perspective on Global AffairsEast andNorth Africa(MENA) EQ - DESK MEDIORENTE E MAGHREB Coordinamento: Stefano Torelli Autori: Umberto Profazio Luca Gambardella
  • 2. Indice A New Perspective on Global AffairsPremessaTurchia, Israele e Territori Palestinesi . ..................................................................................... 5I dati raccoltiaspetto economico . ............................................................................................... 6aspetto politico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8aspetto sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9Breve analisi dei singoli PaesiMarocco . ................................................................................................... .. 11Algeria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13Tunisia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15Libia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17Egitto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18Giordania . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21Libano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20Siria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22Iraq . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24Arabia Saudita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25Kuwait . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27Bahrein . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28Qatar . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29Emirati Arabi Uniti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31Oman . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32Yemen . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33Iran . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35Credits . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37Il presente report è frutto di un lavoro di ricerca terminato a fine marzo 2011
  • 3. A New Perspective on Global AffairsPremessa a cura di Stefano TorelliL’indice di rischio dei Paesi del Medio Oriente e Maghreb(Middle East and North Africa, MENA) di Equilibri è statopensato come un utile strumento per individuare quali sonogli Stati con la più alta instabilità nella zona MENA. L’idea èstata quella di elaborare i dati più importanti sotto l’aspettoeconomico, politico e sociale e da questi desumere i rischimaggiori o minori che dovrebbero affrontare nel breveperiodo i Paesi dell’area. Si tratta perciò di un indicebasato sui dati raccolti perlopiù nel presente ma con unosguardo proiettato verso il futuro prossimo, e può fornire utiliindicazioni sulle problematiche attinenti non solo i diversiPaesi, ma anche l’intera area in questione. Il risultato è unindice con valore minimo 1 (massimo rischio instabilità) emassimo 10 (stabilità assoluta). Come tutti gli indici, anchequesto non ha pretese di scientificità, ma si proponedi essere una chiave di lettura utile all’interpretazionedegli equilibri dell’area mediterranea e mediorientale.Una precisazione doverosa riguarda i fattori esterni chepossono concorrere a determinare possibili situazioni diinstabilità o, al contrario, mantenimento dello status quo:non essendo quantificabili, in questo indice non se netiene conto. Pertanto, l’indice rappresenta una condizionestrutturale dei diversi Paesi, su cui eventuali fattori esternipossono comunque agire da stabilizzatori o meno.
  • 4. A New Perspective on Global AffairsMedioriente e Maghreb Mappa realizzata da Pietro Longo
  • 5. 5 A New Perspective on Global AffairsTurchia, Israele e Territori PalestinesiPer ciò che riguarda i dati raccolti, una piccola premessa:la scelta di escludere Turchia, Israele e Territori palestinesiva brevemente spiegata. Per ciò che concerne la Turchiasono note le difficoltà e le discussioni riguardo il suoingresso in Europa e, d’altro canto, il suo ruolo attivo nellepolitiche mediorientali nell’era post-bipolare. Di sicuro puòessere considerata come un Paese mediorientale, ma haindici economici che in realtà prefigurerebbero modellie dati di chiara matrice occidentale. Stesso discorsopuò essere fatto per Israele, e l’inclusione di tali dueStati non avrebbe fatto altro che mostrare la differenzadi indicatori di sviluppo con gli altri Paesi invece presi inquestione. Per ciò che riguarda infine i Territori Palestinesi,non essendo uno Stato, o almeno non ancora, ladifficoltà di recuperare dati importanti era insormontabilee i pochi dati a disposizione non avrebbero permesso unsufficiente grado di comparazione con gli altri Paesi presiin considerazione.
  • 6. 6 A New Perspective on Global AffairsI datiraccoltiAbbiamo già accennato alla distinzione dei vari aspetti. Indichiamo perciò brevemente quali sono questi aspetti, qualii dati raccolti e quali le fonti di cui ci siamo serviti.aspetto economico. Prodotto interno lordo (Pil) pro capite: Il Pil pro capite,corretto in base alla purchasing power parity (parità del 2011: le previsioni di quest’anno hanno un’importanza maggiore dei dati passati, poiché è in questo momentopotere di acquisto) permette di avere un’idea immediata che la crisi economica si sta facendo maggiormentedella reale ricchezza di un Paese. Il dato è importante sentire nell’area in questione.per evidenziare le potenzialità di redistribuzione di talericchezza all’interno di un territorio e le condizioni strutturali .di base dell’economia di un dato Paese. Spesso, in MedioOriente e Maghreb, la forbice tra una ristretta élite al Bilancia commerciale: nonostante la differenza trapotere e la maggioranza della popolazione è enorme. esportazioni ed importazioni non abbia effetti diretti sullaLe proteste di queste settimnane ne sono la perfetta stabilità di un Paese, indirettamente tale dato può esporredimostrazione. uno Stato ad una posizione perennemente debitoria nei confronti dell’estero (o al contrario ad una posizione. Inflazione: il dato dell’inflazione è uno dei più importantiall’interno dell’area. In particolare non bisogna dimenticare di surplus). La presenza o meno di adeguate riserve monetarie può porre in difficoltà gli Stati ed influenzare scelte spesso vitali per l’economia dei Paesi. Moltoche il rincaro dei prezzi alimentari è stata la miccia che spesso, nell’area mediorientale nello specifico, si tratta diha scatenato la rivolta in Tunisia. La crescita dei prezzi Stati che esportano idrocarburi e che da tali ricchezzealimentari è stata in particolare consistente nell’area, ed naturali derivano gran parte delle proprie entrate. Il rialzoha messo in grossa difficoltà le parti più deboli e numerose dei prezzi del petrolio, in conseguenza prima della crisidella popolazione. Sull’aumento dei prezzi dei generi economica e poi dell’instabilità dell’area MENA, ha spessoalimentari hanno influito diverse crisi internazionali, spesso un duplice effetto: se da una parte potrebbe aumentareextra area, come siccità (problema che sta assumendo i profitti derivanti dalla vendita di tale importante fontedimensioni preoccupanti in Siria, per esempio), inondazioni energetica, dall’altra potrebbe diminuire la domanda e lee distruzione di raccolti. A pagarne le conseguenze sono entrate stesse. Sull’aumento o diminuzione dei petrodollaristati in particolare le classi povere dei Paesi MENA. Il dato si basano molti fondi sovrani, accorsi in Europa e negliconsiderato è la previsione dell’inflazione prevista per il Stati Uniti per approfittare della crisi e dare sostegno a
  • 7. A New Perspective on Global Affairsmolte aziende sull’orlo della bancarotta.. Disoccupazione giovanile: uno dei dati forse piùimportanti presi in considerazione durante le recentiproteste, o forse vero e proprio motore delle rivolte. Il mixtra inflazione e disoccupazione giovanile ha di certocontribuito ad infiammare l’area. Non bisogna dimenticareche Mohamed Bouazizi, il giovane che si è dato fuoco aSidi Bouazid, in Tunisia, e che ha scatenato le proteste chehanno infiammato il Maghreb, era un venditore ambulantea cui la polizia aveva sequestrato la merce poichè nonin possesso di regolari permessi. L’altissima disoccupazionegiovanile in molti Paesi dell’area è spesso accompagnatada un alto livello di istruzione da parte di giovani chehanno studiato all’estero o presso università locali, e chenon riescono ad entrare nel mercato del lavoro a causadi corruzione e scarsa trasparenza.
  • 8. 8 A New Perspective on Global Affairsaspetto politico. Indice di libertà: la libertà rientra fra le aspirazioni deipartecipanti alle proteste che stanno infuocando il Medio . Livello di corruzione: i regimi in questione sono spesso accusati, e non a torto, di corruzione e cattivo maneggioOriente. I dati sono tratti da Freedom House e si riferiscono di denaro pubblico. Esemplare il caso della famiglia Benal Civil Liberties Score (CLS), inserito nella Map of Freedom Ali in Tunisia: la moglie del dittatore, Leila Trabelsi, è stata2010. Abbiamo utilizzato il CLS poiché riteniamo che in accusata di aver trafugato addirittura ingenti quantità diapparenza, e, ribadiamo, solo in apparenza, il Political oro dalla banca centrale tunisina prima di fuggire assiemeRights Score (PRS) non sia decisivo al caso nostro. Il al marito ed al resto della famiglia in esilio a Gedda, inPRS del Freedom House è infatti desunto da dati come Arabia Saudita. Ma i misfatti della famiglia Ben Ali non sonoil funzionamento del sistema elettorale, il multipartitismo, certo un caso isolato nell’area. I livelli di corruzione sonola partecipazione alle elezioni ed il funzionamento del spesso endemici e sono l’effetto di lunghe permanenzegoverno del Paese. Molto più interessanti ci sembrano al potere da parte dei governatori, che favorisconoinvece i dati di cui si compone il CLS, come la libertà di un sistema clientelare e nepotistico e che preferisconoespressione e di credo, i diritti di associazione, la certezza circondarsi di persone fidate per mantenere il potere.del diritto ed i diritti dell’individuo. Sono questi i substrati sucui si reggono le normali democrazia, ed ove essi manchino .la struttura democratica non ha fondamenta solide. Rischio terrorismo: non è certo un segreto che buona parte di tali Paesi abbiano a che fare con il dilagare del. Livello di democrazia: un dato molto più “politico”è senza’altro quello sul livello di democrazia. I regimi terrorismo interno ed internazionale. E che tale fenomeno influisca sulla stabilità non solo del singolo Stato ma di tutta l’area è alquanto evidente. Esistono alcuni Paesiautocratici dell’area MENA stanno fronteggiando in cui l’attività dei gruppi terroristi non sembra essereproteste che reclamano una maggiore democraticità delle affrontata in modo adeguato, ed in cui cellule operativeistituzioni. Istituzioni che sono spesso non rappresentative, e dei gruppi fondamentalisti possono operare quasi senzache continuano a mantenere al potere gli stessi apparati, alcun disturbo e sfruttando la presenza di istituzioni moltogli stessi partiti e persino gli stessi uomini per un numero deboli, come nel caso dello Yemen o, in parte, dell’Iraq.considerevole di anni. Basta dare un’occhiata al numero La distribuzione regionale dei compiti ha comportato ladi anni al potere dei principali protagonisti di questi giorni nascita di Al Qaeda in Maghreb (AQIM), Al Qaeda nellae di qualche settimana fa per accorgersene: Ben Ali è Penisola Arabica (AQAP), quasi sul modello di un franchisingrimasto al potere per 23 anni, Mubarak per quasi 30, Ali del terrore che vede talvolta complici tra i diversi esponentiAbdullah Saleh, in Yemen, è Presidente da circa 32 anni, e di regimi che avrebbero in teoria il compito di contrastarela lista non si ferma di certo qui. I dati sono tratti dal Center il fenomeno. Analizzando il numero di attentati nel 2010for International Development and Conflict. nei singoli Paesi e gli sforzi che i vari governi hanno messo in campo per contrastare tale fenomeno, abbiamo creato un valore di rischio terrorismo per gli Stati oggetto della presente ricerca.
  • 9. 9 A New Perspective on Global Affairsaspetto sociale. Alfabetizzazione: tra le voci riguardanti l’aspetto socialel’alfabetizzazione occupa un posto importante. La nostra quali vedi oltre).tesi di partenza è che più è alfabetizzata una popolazione, .maggiore sarà la sua richiesta di partecipazione politica,e dunque maggiori le possibilità di scontro con un regime Incremento della popolazione in percentuale: i Paesiautocratico. Le analisi relative alla rivolta in Tunisia del MENA fronteggiano spesso incrementi cospicui dellasi sono tutte concentrate sull’alta disoccupazione e popolazione, grazie a tassi di natalità particolarmentesull’elevata educazione dei giovani, spesso laureati, con elevati. Il sovrappopolamento è un rischio per chi deveun titolo conseguito all’estero od in patria. Un alto livello distribuire in maniera efficiente le risorse all’interno di undi educazione universitario ha consentito una più facile Paese. E se le risorse sono spesso stazionarie, più aumentaconsapevolezza di diritti e doveri dei giovani, ed una la popolazione, minore redistribuzione delle risorsemaggiore richiesta di partecipazione politica. Studiare sarà disponibile per tutti. La congiuntura economicaall’estero inoltre mette a confronto con diverse realtà, di crisi internazionale ha costretto molti Stati a diminuirefacilitando un processo di apprendimento e scambio che drasticamente i propri bilanci, con tagli alle spese ed allaal ritorno in patria rischia di mettere a frutto insoddisfazione amministrazione della cose pubblica: gli effetti maggiorie volontà di cambiare le cose, come puntualmente sta sembrano aver interessato proprio l’area MENA, il cuisuccedendo in questi giorni. incremento della popolazione non accenna a diminuire.. Indice di sviluppo umano: abbiamo preso inconsiderazione lo Human Development Index dell’UNDP . Frammentazione clanica: spesso la frammentazione tribale dei vari Stati può comportare un grosso rischio perpoiché consente di comprendere nel concetto anche l’unità dei Paesi. Ciò si è reso evidente in Libia in questialcuni aspetti economici e sociali. Il dato si compone giorni, ma è un fenomeno diffuso in molti altri Stati delinfatti di aspettativa di vita, educazione ed indice di Gini Medio Oriente e del Maghreb. E’noto che i Paesi dell’areapro capite. si sono formati seguendo le antiche linee di demarcazione coloniale, spesso non rispettose delle affiliazioni claniche e della presenza di numerose tribù. La formazione degli. Età media: è difficile che le rivoluzioni siano fatte dapersone anziane, ed anche i fatti attuali dimostrano che Stati moderni in questi Paesi ha quindi dovuto affrontare un grosso problema, che continua ancora oggi a minare la stabilità dell’area. I dati raccolti si riferiscono all’Ethnici giovani sono il vero motore delle proteste. L’area MENA Group Diversity Index, fornito da Terra Lingua, una ONGpresenta in generale una popolazione relativamente specializzata in diversità bio-culturale.giovane, grazie a livelli di natalità particolarmente elevatise messi a paragone con il mondo occidentale. Sembraquasi di assistere ad uno scontro generazionale tra i“vecchi” al potere ed i giovani, aiutati da una maggioreeducazione ed un più facile utilizzo dei “new media” (sui
  • 10. A New Perspective on Global Affairs. Rifugiati: in una regione dove il ricorso alla guerra èfrequente, il problema dei rifugiati è comune a quasi tutti i del potere non arriva (o non vuole arrivare) internet sembra riuscirci. Senza dimenticare la straordinaria importanzaPaesi. Il rischio sulla stabilità di uno Stato può essere ben rivestita dai network che hanno fatto del web la loro forzamaggiore ove le possibilità di creare uno “Stato nello Stato” principale, come al-Jazeera, su cui si sono riversati fiumi disi facciano evidenti: l’esperienza palestinese in Giordania critiche, soprattutto dalle élite al potere minacciate dallee Libano nei decenni passati è esemplare. Attualmente la rivolte popolari.situazione di crisi nell’area nordafricana, in conseguenzadei sommovimenti, ed in particolare della guerra in Libia, ha .portato tale difficoltà sotto gli occhi di tutti. La massicciapresenza di profughi in Tunisia (non contabilizzata nei Percentuale della maggioranza religiosa al potere: innostri dati poiché questi non si riferiscono all’anno in corso un’area dove l’importanza del fattore religioso è elevata,ed a tale situazione in continuo movimento) costituisce un come nell’area MENA, non poteva non essere accennatopericolo non solo per l’Italia, ma anche per la stabilità un dato sulla diversità religiosa. La differenziazione tra sunnitiinterna della stessa Tunisia. e sciiti è spesso motivo di contrasto nell’area, e rischia di divenire esplosiva in condizioni critiche. Le rivolte in Bahrein ne sono un esempio, e le comunità sciite guardano spesso. all’Iran come ad una sorta di “protettore” a cui affidarsi, Accesso all’acqua: la scarsità di acqua è un problema alimentando il conflitto latente tra Teheran e i maggioririlevante dell’area MENA. Sulla base di tale carenza attori arabi delle regione del Golfo. Le difficoltà tra Iranstrutturale, diversi analisti prefigurano future guerre ed Arabia Saudita profilano uno scontro regionale, edell’acqua per controllare questo bene prioritario. Le sono fomentate dalla chiara differenziazione settaria eporzioni di territorio desertico sono una caratteristica religiosa.comune di tutti i Paesi del Maghreb e del Medio Oriente,e solo ove vi siano importanti bacini idrografici (Egitto, Iraq,etc..) il problema dell’accesso all’acqua non risulta cosìproblematico come negli altri Paesi. Per gli altri, invece, ciòè un freno per lo sviluppo delle attività umane ed incidenotevolmente sul benessere della popolazione.. Aumento accesso ad internet: le rivolte di questi giornihanno avuto uno straordinario impulso dallo sviluppo deinuovi mezzi di comunicazione nel mondo arabo. Facebook,Twitter ed altri social network hanno avuto un ruoloimportante nel garantire costanti flussi di comunicazionetra i manifestanti. Il ruolo dei blogger egiziani o siriani èstato spesso enfatizzato, ma ove l’informazione al servizioFonti utilizzate: Fondo Monetario Internazionale (FMI); UNDP; UNHCR; Banca Mondiale; Freedom House, Center for International Development and Conflict; Transparency Inter-national; Maplecroft; Terralingua; Internet World Stats
  • 11. 11 A New Perspective on Global AffairsBreve analisidei singoli PaesiMarocco (5,7)Il coefficiente di stabilità del 5,7 pone il Marocco in completamente statalizzata, si è passati ad una aperturauna fascia di medio-basso rischio, relativamente all’are del mercato all’estero e ad una privatizzazione diffusa.circostante. Nonostante la disoccupazione giovanile Tali processi, iniziati già dagli anni Ottanta, hanno trovatoammonti a circa il 34 %, l’inflazione, nel febbraio 2011, un forte impulso sotto il regno di Mohammad VI. Questesi e’ attestata al 2,5%, uno dei dati più bassi dell’area accelerate trasformazioni economiche hanno tuttaviaMENA (grafico n.1). Si tratta di valori molto positivi, in un inciso profondamente anche sulla società, mutandone gliarea, come quella del Maghreb, in cui la percentuale di equilibri. La privatizzazione di specifici settori dell’economiadisoccupazione giovanile supera facilmente il 60% (grafico marocchina, avviata in modo poco trasparente, han. 3) ed in cui l’inflazione è spesso schizzata oltre valori arricchito solo una parte ristretta della società. Infatti, laaccettabili. Il mix inflazione-disoccupazione giovanile che devoluzione del controllo economico statale si è basataha dato il via alla primavera araba ha perciò trovato prevalentemente su un sistema clientelare dove il re potevascarse condizioni per attecchire in Marocco. Ciò è merito scegliere arbitrariamente a chi cedere la fornitura di servizisenza dubbio delle riforme intraprese negli ultimi anni sotto pubblici.” […]il regno di Mohamed VI, riforme che hanno garantito unamodernizzazione del Paese che ha avuto molti effetti Le ultime parole ci riportano a considerare il valorebenefici, ma anche qualche aspetto negativo. Su un’analisi della corruzione abbastanza elevato (grafico n. 7), eddi Equilibri.net dello scorso febbraio (“Marocco: tra un livello di trasparenza del funzionamento della cosaOccidente ed islamismo”, di Luca Gambardella), possiamo pubblica non ancora degno di un Paese moderno. Talinotare questo importante passaggio verso un’economica considerazioni escono rafforzate da un breve sguardomoderna ed un maggiore sviluppo del Paese: all’alta diseguaglianza sociale marocchina: nonostante i forti aiuti economici provenienti dall’Europa, il Paese[…] “Con Mohammad VI la situazione è mutata: la risente fortemente di alcuni fattori determinanti, come adpromessa di aiuti economici, di strette collaborazioni esempio il basso PIL pro-capite e un forte deficit nellacommerciali e di pieno riconoscimento della legittimità bilancia commerciale.della monarchia alawita da parte di Stati Uniti ed Europahanno permesso al nuovo sovrano di aprire un periodo diliberalizzazione economica, di garantire maggiori diritti civilimentre veniva riconosciuto il ruolo dell’opposizione. Sottoil primo aspetto, quello economico, è lecito affermare cheil Marocco rappresenti un caso emblematico nell’areaMENA (Medio Oriente e Nord Africa). Da un’economia
  • 12. A New Perspective on Global Affairs Grafico 1. Tasso di inflazione (previsione 2011). Dati: FMISul fronte politico i dati sono in media con quelli degli altri derive islamiste di alcuni partiti e movimenti marocchino,Paesi dell’area. L’indice di libertà è valutato a 4, mentre come il Partito Giustizia e Sviluppo (PJD), principaleil livello di democrazia è classificato a 0 (esattamente a movimento di opposizione, ed il Partito Giustizia e Carità (JC)metà tra i due estremi di +10 e -10). Sul rischio di terrorismo , molto più marginale, ma non per questo meno veementeè invece necessario spendere qualche parola in più. La nelle sue polemiche contro le istituzioni. Dal punto di vistapresenza di diverse cellule afferenti alla nebulosa di al- sociale infine, il basso tasso di alfabetizzazione, il peggioreQaeda ha attirato l’attenzione di Stati Uniti ed Europa, tra i Paesi considerati (grafico n. 2) non sembra giocare ache hanno stretto legami profondi col regno di Mohamed favore di una presa di coscienza politica collettiva, taleVI al fine di contrastare la proliferazione del terrorismo. Ciò da sfociare in rivolte politiche organizzate, come nel casoha portato ad attribuire un valore medio-basso al rischio della Tunisia.terrorismo. Ancor meno preoccupanti sembrano essere le Grafico 2. Tasso di alfabetizzazione (2008). Dati: Banca Mondiale
  • 13. 13 A New Perspective on Global AffairsAlgeria (4,5)Con un coefficiente di stabilità tra i più bassi dell’area, […] “Già l’estate scorsa la FAO (Food and Agriculturalil Paese si pone perlopiù allo stesso livello di Paesi Organization) affermava che la crisi alimentare in arrivoquali Egitto e Libia, dove le rivolte sono già scoppiate appariva ancor più grave di quella che nel 2007/2008(tenendo presente, comunque, la disomogeneità di fondo portò a sommosse popolari in Medio Oriente e neltra questi Paesi). A ben considerare, nonostante ciò, i Maghreb, ma le condizioni climatiche avverse e la crisiricordi della guerra civile dell’ultimo decennio del secolo economica internazionale non possono spiegare unascorso sono ancora freschi, ed impediscono fin ad ora situazione così estrema. A questo proposito, se nell’estateuna presa di coscienza forte di quello che sta avvenendo 2009 il “Rapporto Levin-Coburn” di una sottocommissionenei Paesi vicini. Le proteste ci sono di certo state, e sono d’indagine del Senato americano dimostrò che il rialzostate innescate soprattutto da motivazioni economiche: dei prezzi alimentari non era dovuto a fattori naturali oa pesare negativamente sono indubbiamente il dato a problemi nella catena dei rifornimenti, ma a manovredell’inflazione (grafico n. 1) e, ancor più marcatamente, finanziarie speculative, un anno dopo, la rivista americanaquello della disoccupazione giovanile, il dato più elevato Harper’s, pubblicò un’approfondita inchiesta nella qualetra gli Stati considerati (grafico n. 3). venivano descritti fondi d’investimento speculativi nel Grafico 3. Disoccupazione giovanile (2009). Dati: UNDP Arab Human Development ReportIn particolare è l’inflazione dei generi alimentari e di prima campo agro-alimentare. Per quanto i prezzi dei cerealinecessità che ha scatenato le rivolte in Algeria, trovando siano aumentati di oltre il 32% tra giugno e dicembre 2010i questo Paese condizioni ideali per dispiegare tutti i suoi e i paesi dell’area mediterranea, come Algeria ed Egitto,effetti, come evidenziato in questo passaggio di un’analisi siano quelli che più di tutti soffrono per il loro aumento, idi Equilibri.net dello scorso gennaio (“Algeria: mille rivoli per rialzi improvvisi dei prezzi di alcuni generi di prima necessitàun’unica rivolta”, di Francesca La Bella): sono, anche a livello locale, dovuti più alla speculazione che agli aumenti improvvisi sul mercato internazionale. L’Algeria, a differenza di paesi come la Tunisia dove ogni rialzo a livello internazionale ha effetti diretti sul mercato locale, ha, infatti, un mercato degli alimenti fortemente regolato dallo Stato e poco soggetto a variabili esterne.” […]
  • 14. A New Perspective on Global AffairsTale passaggio ci riporta al ruolo dello Stato nellagestione della cosa pubblica. Il livello di percezione dellacorruzione sembra insoddisfacente (grafico n. 7), nonsolo nel settore alimentare, ma anche in tutti gli altri settoridove esista un mercato regolato. Ed in un Paese comel’Algeria che basa la sua economia sui piani quinquennaliciò sembra abbastanza evidente. Le ingenti renditepetrolifere (grafico n. 9) aiutano a rendere la situazionemeno esplosiva, nonostante appare costante la minacciaapportata alla sicurezza nazionale dalla presenza diorganizzazioni terroristiche ancora attive nel Paese, comeAQIM (al-Qaeda nel Maghreb). Fenomeno, quest’ultimo,del resto già preoccupante da tempo e costituenteuno dei veri rischi per la stabilità del Paese, come giàsottolineato in un‘analisi del febbraio 2010 (“Algeria:rischi e opportunità della pericolosa dipendenza dagliidrocarburi”, di Stefano Alberzoni):[…] Un’ulteriore minaccia alla stabilità è arrecato dalgruppo terroristico salafita AQIM (Al Qaeda in the IslamicMagreb) che dal 2007 continua a colpire il territorioalgerino tanto da far parlare di una guerriglia a bassaintensità. Le zone più colpite dal terrorismo sono quelledi Kabylia, l’entroterra orientale, Cherchell, Chlef, Aindefla,Mascara e Blidia Medea e gli obiettivi privilegiati dagliislamisti sono le istituzioni e le imprese governative, mentreper i cittadini stranieri l’unico rischio è quello di divenireoggetto di rapimento. […]
  • 15. 15 A New Perspective on Global AffairsTunisia (5,2)A ben guardare i dati socio-economici e politici del Paese, ad una minore capacità di attrazione della Tunisia peruna rivolta interna non sembrava tutto sommato essere gli investimenti esteri; infine l’indebitamento pubblico e lacosì impossibile. Chiaramente era difficile prevedere i tempi corruzione. Tali segnali sono preoccupanti per l’avvenirecon i quali la situazione politica interna sarebbe potuta di Tunisi, che intrecciandosi con la mancata libertà didegenerare, ma alcuni segnali erano evidenti. Equilibri.net, stampa e di espressione, potrebbe comportare unanelle conclusioni di un’analisi di più di un anno fa, datata situazione esplosiva nel medio e lungo termine. Specie in10 marzo 2010 (“Tunisia: per Ben Alì diminuiscono i voti considerazione del fatto che molto probabilmente questoed aumentano le sfide”, di Umberto Profazio), aveva già sarà l’ultimo mandato per Ben Ali, e che all’orizzonteindividuato con chiarezza e lungimiranza gli elementi che non si profila né un oppositore adeguato, né un delfinoavrebbero potuto portare ad una diffusa instabilità interna designato.in Tunisia: In materia di libertà di espressione, sia di stampa che su[…] Qualche segnale negativo per il futuro: una internet, il regime di Tunisi si rivelava il peggiore, precedutodisoccupazione elevata, dei giovani in particolar modo, soltanto alla Cina e addirittura più repressivo di Cuba econ una cifra tra il 30 ed il 35% dei giovani diplomati Iran (grafico n. 4).ancora in cerca di un primo lavoro; i bassi investimenti L’alto tasso di alfabetizzazione, almeno relativamenteesteri, dovuti ad una speculazione immobiliare che sottrae alla regione maghrebina, ha sicuramente contribuitorisorse ai settori produttivi come l’industria ed i servizi, oltre alla formazione di una coscienza politica che potesse Grafico 4. Libertà su internet (2010). Dati: Freedom House* *Indice espresso in valori da 0 a 100, dove 100 è il valore di massima repressione e 0 di massima libertà
  • 16. A New Perspective on Global Affairsguidare i cittadini, soprattutto i più giovani ed istruiti, versola rivendicazione di diritti civili e politici, al di là dellacongiuntura economica sfavorevole che sicuramenteha contribuito ad accendere la miccia della rivolta. Leincognite sono tutte verso il futuro: la caduta del regimedi Ben Ali dopo la cosiddetta rivolta dei gelsomini è statala prima scossa che ha dato il là alla “primavera araba”.Ma la situazione non è ancora del tutto normalizzata:dal punto di vista economico la Tunisia è sempre stataconsiderata una delle avanguardie del Maghreb, mai dati raccolti sembrano ridimensionare gli entusiasmi, equelli riguardanti l’inflazione, ma soprattutto quelli delladisoccupazione giovanile (grafico n. 3), sono stati il veromotore delle proteste. Il Paese è ancora alle prese conuna difficile fase di transizione del potere e della strutturaistituzionale stessa. Sicuramente, nel breve-medio periodo,tale percorso caratterizzerà la vita politica interna dellaTunisia e ne assorbirà tutti gli sforzi. Nonostante ciò, lasituazione resta ancora critica, seppur migliorata. Nellesettimane seguenti alla fuga di Ben Ali si sono verificatiancora scontri tra manifestanti e forze dell’ordine, conanche delle vittime; vi sono stati già tre diversi governiprovvisori e il Paese è in cerca di maggiore stabilitàpolitico-economica.
  • 17. 17 A New Perspective on Global AffairsLibia (4,6)In questo caso stiamo parlando di una situazione in “La controversia principale riguarda la presuntacontinua evoluzione. Mentre stiamo scrivendo infatti, normalizzazione interna ed internazionale della Libia. Lacontinua la battaglia tra gli insorti in Cirenaica e le truppe Grande Jamahiriyya Araba Popolare e Socialista è stata,lealiste di Gheddafi, in una continua altalena di scontri su come accennato prima, uno dei primi Stati-canaglia. Incui dall’alto sembra monitorare la NATO, con l’imposizione seguito alla presa del potere da parte del Colonnellodi una no-fly zone che strizza di sicuro l’occhio ai ribelli. Mu’ammar el-Gheddafi nel 1969, con un colpo diPassando ai dati raccolti, il coefficiente di 4,6 pone il Stato che mise fine alla monarchia senussita di re Idriss,Paese tra quelli più instabili della regione. Le rivolte ancora la Libia divenne una Jamahirriyya, un governo dellein atto, trovano origine da dati pesantemente negativi. masse, avvicinandosi al modello del socialismo reale. LaPrimo fra tutti quello riferito all’Ethnic Group Diversity Index, Jamahiriyya fu infatti strutturata in seguito alla riforma deltra i più alti registrati nell’area e che trova giustificazione 1977 come una democrazia diretta, vicina sia alla formanelle ben note vicende di questi giorni sull’elevato numero di Stato socialista. La struttura è infatti basata sui Congressidi tribù ed il loro alto grado di autonomia presente in popolari di base, organizzati a livello locale, regionale eLibia. La forte frammentazione clanica si accompagna ad nazionale secondo un modello piramidale. Al vertice dellaaltre variabili rilevanti: ad un’elevata corruzione (grafico piramide del potere si ha la Guida della Rivoluzione, valen. 7) si affianca la bassa età media della popolazione. a dire il Capo di Stato Gheddafi, che guida un ConsiglioSe la Libia non registra il dato di rischio più basso della di Comando rivoluzionario cui si accede solo per averregione MENA, lo si deve prevalentemente alla cospicua partecipato alla rivoluzione del 1969.”presenza di idrocarburi e al conseguente surplus nella La Jamahiriyya non si è rivelata la Repubblica delle masse,bilancia dei pagamenti (grafico n. 9). ma è diventato evidente che è divenuta solo una facciata,Anche tutti gli altri dati economici sembrano essere positivi: dietro la quale il colonnello Gheddafi ha continuato adun buon PIL pro capite, una inflazione non elevata ed una esercitare un potere quasi assoluto, fino a prefigurare unadisoccupazione giovanile che non raggiunge il 50% sono sua successione dinastica, sulla falsariga di quanto altrisicuramente da addebitare ai proventi della vendita del dittatori stavano provando a fare in Medio Oriente.gas e del petrolio. Tra i fattori sociali, molto basso risultail dato dell’accesso all’acqua potabile (104 metri cubi apersona).Ma il conflitto che attualmente si sta combattendo inLibia sembra avere motivazioni principalmente politiche.Come descritto in un’analisi di Equilibri.net dell’agosto2010, (“Libia: una presunta normalizzazione”, di UmbertoProfazio), è l’attuale forma di governo autoritaria a nonessere più corrispondente alla volontà popolare:
  • 18. 18 A New Perspective on Global AffairsEgitto (4,4)L’Egitto, per motivi di origine politica, culturale, demografica […] La situazione egiziana deve comunque esseree sociale, è sempre stato ritenuto il Paese di riferimento monitorizzata perchè, verosimilmente, può rappresentaredi tutto il mondo arabo-musulmano (almeno nella sua uno dei primi banchi di prova per i governi di quei Paesiaccezione sunnita). Più di una volta si è insistito sul fatto nei quali la crescita del prezzo dei beni alimentari fache dall’Egitto, così come accaduto in passato (basti maggiormente sentire le proprie ripercussioni. Il trendvedere la diffusione degli ideali panarabisti di Nasser o sembra quasi inarrestabile, a causa di determinatedi quelli dell’Islam politico incarnati dal movimento della scelte di politiche agricole a livello globale. Le zone piùFratellanza Musulmana, nata in Egitto nel 1928), avrebbe povere sono, e saranno, le prime colpite direttamentepotuto rappresentare il luogo fisico e ideologico di una dallandamento del mercato alimentare e, senza riformenuova ondata di pensieri e movimenti all’interno del Medio adeguate che contrastino questa tendenza, molte areeOriente. In effetti, dopo che le rivolte hanno interessato africane ed asiatiche potrebbero esplodere. […]anche l’Egitto e sono arrivate alla cacciata dal potere I segnali di una crisi politica e sociale erano del resto giàdell’ormai ex Presidente Mubarak, le proteste hanno preso evidenti, se nell’ottobre del 2008, un’analisi di Equilibri.netpiede con maggiore insistenza e vigore in tutta l’area. A (“Egitto: tra crisi politica e sociale”, di Lorenzo Fantone)differenza di altri contesti, l’Egitto era considerato già da sottolineava chetempo un Paese a rischio, nonostante la vicinanza politica […] Manifestazioni, oltre alle oramai famose rivolte delall’Occidente, gli aiuti militari ed economici dati dagli Stati pane, si sono svolte in seguito all’approvazione deiUniti e la conseguente garanzia di stabilità interna, che progetti di legge relativi alla privatizzazione del sistemaper 30 anni ha caratterizzato le dinamiche politiche del sanitario nazionale, in una chiave prettamente liberista,Paese. Il valore basso rilevato dal nostro indice spiega e al sistema d’incentivazione dei professori delle scuolein parte il perché delle rivolte di piazza Tahrir e dimostra pubbliche e delle università. Soprattutto il primo di questiche la rivolta egiziana fosse in realtà dietro l’angolo. Già progetti, bocciato dal Tribunale di giustizia amministrativain un’analisi di Equilibri.net del 6 maggio 2008 (“Egitto: le all’inizio di settembre, prevedeva una vera e propriaprospettive politiche dopo l’aumento dei beni alimentari”, ricollocazione privatistica del servizio sanitario nazionale,di Stefano Torelli), del resto, si mettevano in evidenza le con chiare ripercussioni sugli strati più svantaggiati dellaragioni alla base della possibile instabilità egiziana e popolazione che ancora lottano contro le conseguenzesi lanciavano dei moniti, legati in quel caso all’aumento della crisi alimentare. Infatti l’obiettivo era quello didel prezzo dei beni alimentari di prima necessità (grafico creare una holding che gestisse non solo il sisteman. 1), a conferma del fatto che gli eventi di inizio 2011 mutualistico nazionale ma anche l’intero complesso dellein Tunisia e Algeria e, successivamente anche in Egitto, strutture ospedaliere pubbliche, creando una struttura,descritti semplicisticamente come “rivolte del pane”, con formalmente pubblica, votata alla massimizzazione delcostituissero una novità per i più attenti osservatori della profitto economico.dinamiche economiche della regione mediorientale e Il governo con queste decisioni sta progressivamentemaghrebina: perdendo l’appoggio della popolazione che si sente vessata da un comportamento vessatorio e clientelare. Come si può leggere in molte blogsfere, si sta sviluppano una forte opposizione a un sistema in cui i giornalisti e gli oppositori vengono condannati per comportamenti
  • 19. A New Perspective on Global Affairslegittimi e dove invece gli uomini d’affari, come quelliimplicati nell’affondamento di un traghetto in cui morirono1300 persone nel 2006, vengono prosciolti. Le colpegovernative nel mancato monitoraggio della collina diMoqattam al Cairo, la cui frana il 7 settembre scorso haprovocato la morte di più di 500 persone nella baraccopolidi Dwiga stanno ancora surriscaldando maggiormente latensione sociale all’ombra delle Piramidi. […]Gli interrogativi sono tutti rivolti al futuro e a come riusciràil Consiglio Supremo di Difesa a traghettare il Paese inuna nuova era. L’importanza strategica e geopolitica delPaese potrebbe far sì che molte forze esterne collaborinoad una pacifica e graduale transizione.
  • 20. 20 A New Perspective on Global AffairsGiordania (4,4)Il valore preoccupante dell’indice di stabilità deriva da ha generato le proteste di funzionari statali, militari inun’alta inflazione (grafico n. 1), altissima disoccupazione pensione e insegnanti. A ciò si sommano le critiche dagiovanile (grafico n. 3), bassa età media, altissima parte dei giornalisti nei confronti della stretta autoritariapercentuale di rifugiati (grafico n. 5). del re Abdullah II, che si era inizialmente presentato come Grafico 5. Percentuale di rifugiati sul totale della popolazione (2010). Dati: elaborazione Equilibri.net su dati UNHCRNonostante la monarchia hascemita al potere abbia un riformatore.un forte seguito, sono prevalentemente motivi socio- Secondo alcuni commentatori la situazione politica ineconomici a preoccupare. L’indice di stabilità è in linea Giordania si sta muovendo in direzione di una maggiorecon quelli di Egitto e vicino a quelli di Libia e Algeria. Le instabilità […]. Lo IAF [Fronte di Azione Islamica], nonostanteproteste hanno d’altro canto contagiato il Paese nelle la sua scelta di boicottare le elezioni è un partito politicoultime settimane, inducendo il sovrano a sostituire il Primo che non presenta intenti sovversivi all’interno della societàMinistro e promettere riforme per il rilancio dell’economica, ed è sostanzialmente moderato. Intrattiene in effetti buonisperando così di allentare la tensione sociale. Come rapporti con Hamas e una buona parte della base delrilevava un’analisi di Equilibri.net lo scorso 4 novembre proprio consenso è costituita da palestinesi residenti2010 (“Giordania: verso le elezioni parlamentari del 9 sul territorio. Nello stesso tempo, però, la Giordania ènovembre”, di Irene Manera) in merito alla situazione sempre stato un Paese dove l’islamismo radicale non hapolitica interna al Paese e alle elezioni tenutesi nel Paese mai assunto dimensioni consistenti e si è registrato un solonel novembre scorso, oltre alla tendenza delle varie tribù caso di attentato di matrice islamica nel 2005. L’azione dia boicottare le elezioni, opposizione alla politica monarchica sembra configurarsi maggiormente in ambito politico. Lo IAF ha, infatti, proposto“ […] l’astensionismo potrebbe essere accentuato dal la creazione di una piattaforma politica di opposizione infatto che il consenso nei confronti del potere monarchico alleanza con il Partito Popolare di Unione Democraticaè in calo anche in altre componenti della società. Infatti, con l’obiettivo di spingere verso riforme in direzione di unala politica di privatizzazioni e tagli alla spesa pubblica maggiore democraticità del sistema politico.”
  • 21. 21 A New Perspective on Global AffairsLibano (5,8)Elementi di stabilità risultano essere lo sviluppo di istituzioni di Hariri, sono nettamente a favore di Nasrallah. […] lademocratiche, un’inflazione tenuta sotto controllo (grafico tensione interna é aumentata, costringendo il governon. 1) e un grado relativamente alto di rispetto dei diritti Hariri all’immobilità politica. Il destino del Paese apparecivili. La situazione politica interna frammentata costituisce legato inesorabilmente alle decisioni prese da attoricomunque un elemento di potenziale minaccia all’ordine, esterni: se, da una parte, un’eventuale intesa raggiunta dacome la caduta del governo Hariri, da cui sembra aver Paesi come Siria, Arabia Saudita e Turchia, rappresenti adtratto vantaggio Hezbollah, il quale ha sostenuto il nuovo oggi l’unica soluzione diplomatica disponibile nel brevePrimo ministro Najib Mikati. D’altro canto, il mantenimento termine, questa rischia di confermare nuovamente come ildi in proprio arsenale da parte di Hezbollah continua reale centro politico decisionale del Paese risieda al dia costituire una delle più grandi potenziali minacce alla fuori dei suoi confini”.stabilità interna. Le recenti rivolte in Siria, se dovesserointensificarsi nell’immediato futuro, potrebbero averecertamente conseguenze pesanti a Beirut. Occorretuttavia tener presente delle differenti cause di instabilitàesistenti tra Libano e Paesi e del Maghreb, come giàrilevato su Equilibri.net nel gennaio scorso (“Libano: lacaduta del governo Hariri e le sue possibili ripercussioni”,di Luca Gambardella):[…]“Il pericolo di sommosse popolari disordinate in Libanoesiste, come dimostrano i primi assembramenti di personeper le strade di Beirut verificatisi martedì scorso, maqualora dovessero verificarsi episodi di disordine, questinon sarebbero in alcun modo collegabili ai fatti tunisini.In Libano vi è una situazione di tensione permanente, cheesula dal Maghreb e ha radici del tutto interne. Inoltre, unareale volontà di porsi alla guida di agitazioni popolaricontro i sunniti, non sembrerebbe al momento una prioritàper il Partito di Dio. Diverse sono le considerazioni a favoredi tale ipotesi. Innanzitutto Hezbollah non vuole porsi comecatalizzatore di violenza agli occhi dei propri sostenitorisciiti. Ciò sarebbe controproducente per Nasrallah,dato che un’eventuale accusa avanzata dal TSL a suocarico, aumenterebbe il discredito del movimento sciitatra le fila della popolazione libanese. Un acuirsi delleviolenze non potrebbe che peggiorare la situazione. Aciò occorre aggiungere che i rapporti di forza presentioggi in Libano, anche e soprattutto dopo le dimissioni
  • 22. 22 A New Perspective on Global AffairsSiria (3,7)Tutti gli indicatori principali dipingono un Paese Damasco ed Equilibri.net (“Siria: successi, fallimenti edestremamente instabile, portando ad un coefficiente di incognite delle riforme economiche”, di Eugenio Dacrema)3,7. Il forte incremento dei new media ha permesso una sottolineava che:rapida diffusione delle informazioni (grafico n. 6). Grafico 6. Diffusione di internet: aumento percentuale 2000-2010. Dati: Internet World StatsLa vicinanza politica con Paesi come la Turchia e la sua […]“Tra i nodi fondamentali da dirimere ci sono certamentecentralità geopolitica fanno sì che, potenzialmente, fattori il problema dell’esaurimento delle risorse petrolifere,esterni possano comunque contribuire al mantenimento l’indipendenza energetica, la riforma del sistema deidello status quo. In particolare il ruolo di Iran e Turchia sussidi, e la crescente disoccupazione giovanile.saranno decisivi in qualità di grandi alleati di Damasco Gli osservatori però, fanno notare come il nodo piùnell’area. Fermo restando che la situazione interna al Paese importante, spesso taciuto o considerato marginalmenteè tutt’ora in fieri, è ancora da definire la posizione che per motivi di convenienza politica, sia un altro, e riguardiintenderanno assumere in seno alle rivolte i curdi, secondo la totale assenza di riforme politiche che accompagninogruppo etnico del Paese. A tal proposito vi è però da efficacemente quelle economiche. A prescindere da tuttesottolineare la apparente apertura del Presidente Assad le altre sfide che la Siria dovrà affrontare sul camminoalla comunità curda, tramite la promessa di concedere la della liberalizzazione, la buona riuscita finale dellecittadinanza siriana a tutti i cittadini curdi (prima privati di riforme dipende, nell’opinione della maggior parte deglitale diritto). L’effettiva messa in atto di tale politica è però osservatori internazionali, dalla capacità che il regimeancora da verificare e la Siria resta un paese con molte avrà di rinnovarsi politicamente. Molti suoi elementi strutturaliincognite da superare. (statalismo, assistenzialismo, economia pianificata), infatti,Già in un’analisi del giugno scorso, del resto, in un momento sono considerati semplicemente antitetici a una realeancora relativamente stabile per l’area mediorientale, economia di mercato.erano evidenti le contraddizioni interne al regime di Ciò apre l’incognita principale. Il regime ha dimostrato negli
  • 23. 23 A New Perspective on Global Affairsultimi 10 anni di non essersi mai sentito veramente sicurodella propria stabilità per poter intraprendere un veroprogramma di riforma politica. L’isolamento internazionaledopo l’invasione americana dell’Iraq e l’assassinio di Hariri,il pericolo jihadista sempre in agguato e il perpetuare dellostato di guerra con Israele, hanno costituito fino adessoelementi di insicurezza insuperabili per il regime degliAssad. Nonostante la fine dell’isolamento internazionalesancito dalla visita, pochi mesi fa, del segretario distato americano Hilary Clinton, rimane il pericolo chel’inasprimento della condizioni del tessuto sociale el’aumentare del malcontento costituiscano nuove barriereall’inizio delle riforme politiche, la cui necessità si fa semprepiù impellente.L’alto numero di rifugiati, soprattutto iracheni (graficon. 5), e il fatto che il Paese sia retto da un’oligarchia distampo clientelare e settario (gli alawiti, famiglia al potere,rappresentato la minoranza dei siriani) , continuano adessere due fattori importanti nella creazione di unasituazione non stabile e sempre pronta ad evolversi,nonostante molti interessi esterni fungano da stabilizzatoriper il regime siriano.
  • 24. 24 A New Perspective on Global AffairsIraq (3,6)La profonda fragilità del tessuto socio-politico del Paese (Osama al-Nujeifi). […] Questa tripartizione del poteresi rispecchia in un bassissimo coefficiente di stabilità. assicura naturalmente una certa continuità e garantisceL’impasse politico iracheno e i pericoli rappresentati dal la sopravvivenza del sistema iracheno. Ma alla lunga puòcontesto regionale sono fattori di profonda inquietudine risultare frustrante per chi, nonostante abbia ottenuto piùper le sorti del Paese. Le elezioni politiche del 7 marzo 2010 seggi, si trovi costretto a disporre della sola Presidenzahanno confermato un quadro estremamente composito del Consiglio dei Rappresentanti. E’ il caso di Iraqiya, chea livello etnico e confessionale, con una difficile intesa con il risultato elettorale puntava alla ben più importanteraggiunta dal Primo Ministro Nouri al-Maliki, il Presidente carica di Primo Ministro ed, a ben vedere, sembra esseredella regione autonoma del Kurdistan Massoud Barzani la formazione politica più frustata ed innervosita dallae l’ex Primo Ministro ed attuale leader di Al Iraqiya, Iyad (lenta) applicazione dell’accordo”.Allawi. Il 25 novembre scorso il Presidente Talabani hachiesto a Nouri al-Maliki di formare ufficialmente un nuovo Tra gli indicatori rilevati, quelli che rischiano di incideregoverno di coalizione nazionale. Come rilevato in un’analisi più negativamente nel Paese sono l’alto numero dipubblicata da Equilibri.net lo scorso 13 dicembre 2010, rifugiati (grafico n. 5), l’elevato numero di gruppi etnici,la situazione interna al Paese resta dominata da equilibri un’età media di soli 21 anni, e un’alta percezione dellapolitici interni complessi: corruzione (grafico n. 7). Il livello di rischio attentati terroristici è inoltre tra i più elevati dell’area, lasciando[…] Con l’accordo del 10 novembre è stato esplicitamente ombre preoccupanti sulle prospettive future, considerandostabilito (e riconfermato) che in Iraq il posto di Primo Ministro il prossimo completamento della exit strategy statunitense.vada ad un rappresentante sciita (Al-Maliki); il posto di In quest’ottica è alta la tensione tra Arabia Saudita e Iran,Presidente della Repubblica vada ad un rappresentante dai quali dipenderà in buona parte la stabilità regionaledella comunità curda (Talabani); ed il posto di Presidente ma anche interna all’Iraq.del Consiglio dei Rappresentanti vada ad un sunnita Grafico 7. Indice di corruzione percepita (2010). Dati: Transparency International* *Indice espresso in valori da 0 a 9, dove 0 è il valore di massima corruzione
  • 25. 25 A New Perspective on Global AffairsArabia Saudita (5,1)La relativa ricchezza della monarchia dei Saud è su queste due voci che si potrebbero registrare le piùsembrerebbe essere la principale garanzia della stabilità forti frizioni in futuro da parte degli eventuali oppositori aldel Paese. Gli indicatori economici sono tutti positivi, a regime. Inoltre la rilevante minoranza sciita costituisce unparte il dato sulla disoccupazione giovanile, che è un dato elemento di possibile instabilità sempre presente, che sinegativo che accomuna comunque tutta l’area. Il Paese aggiunge alle tensioni politiche e sociali che, comunque,detiene, a livello mondiale, le più grandi riserve petrolifere non sono inesistenti. Come si prevedeva già nel settembre(grafico n. 8) ed oltre ad essere di importanza strategica del 2009 in un’analisi di Equilibri.net (Arabia Saudita: laper la quantità di petrolio che quotidianamente produce Dinastia e l’Opposizione, di Antonio Buttitta):ed esporta, lo è ancor di più se si pensa al suo ruolo distabilizzatore del prezzo del barile all’interno del cartello […] L’Arabia Saudita ha attraversato dei periodi didell’OPEC. instabilità, ai quali resta ancora esposta, sebbene ilStoricamente è uno degli alleati più importanti del mondo governo si stia impegnando per ristrutturare l’economia,occidentale e degli Stati Uniti nella regione mediorientale migliorare il sistema educativo e risolvere alcuni importantie del Golfo, anche in virtù del suo potenziale ruolo di problemi socioeconomici. Il duplice problema delle riformecontrobilanciatore degli interessi iraniani nella regione. e dello sviluppo nella sfera socioeconomica non vaCome in parte nel caso della Siria, gli interessi di molti sottovalutato, e finché il regime non colmerà le differenzeattori esterni a mantenere la stabilità nel Paese sembrano tra cambiamenti sociali e sviluppo politico, è probabilescongiurare crisi immediate. A livello socio-politico, però, la che nel breve periodo si troverà costretto ad azionirigidità del regime wahabita non consente eccezioni ed repressive contro la popolazione. Grafico 8. Riserve accertate di petrolio dei primi 10 al mondo (2009). Dati: BP
  • 26. 26 A New Perspective on Global AffairsEsiste infatti una forte dicotomia tra il ritmo dei cambiamentieconomici e il lento sviluppo politico e sociale. Questoproblema è accentuato dal fatto che il 60% circa deisauditi ha meno di 21 anni. I più giovani, istruiti e disoccupati,oltre che influenzati dagli stimoli culturali occidentali,potrebbero in futuro sentirsi incoraggiati a chiedere deicambiamenti e una più effettiva partecipazione politica.Un fattore di cambiamento sociale, per esempio, è latelevisione satellitare, diffusa in tutto il paese, sebbeneproibita nel 1994. L’esperienza maturata dai giovanisi rafforza ulteriormente attraverso i viaggi studio e ilcontatto diretto con i paesi occidentali. Alcuni di questigiovani acquisiranno dei ruoli chiave nella societàSaudita, minacciando, in futuro, una forma di cambiamentodall’interno e sfidando i conservatori. Si tratta, spesso, disfide prima culturali e poi politiche da contestualizzarenell’ambito della globalizzazione e alle quali il regime nonè preparato.I dissensi più scomodi per il regime saudita provengonodalla minoranza sciita, che costituisce il 20% dellapopolazione totale e che è stata la causa di agitazioniin quanto soggetta a discriminazioni. Molti sciiti risiedononella parte orientale del paese, ricca di giacimentipetroliferi. Uno dei leader della comunità sciita, la SceiccoHassan Al Saffar, si è opposto alla discriminazione etnica,in quanto gli sciiti non possono servire nell’esercito, nellasicurezza e nella diplomazia. Non hanno diritto di assisterealle cerimonie religiose e sono marginalizzati.
  • 27. 27 A New Perspective on Global AffairsKuwait (6,3)Anche il Kuwait è uno Stato del Golfo e come tale può essendo il quinto produttore al mondo petrolio (dopoessere fatto rientrare nella media dei dati osservati per Arabia Saudita, Canada, Iran ed Iraq). Per questo, iquesti ultimi. Ottimi indicatori economici, con il miglior attivo governi hanno limitato le politiche di diversificazione nelladi una bilancia commerciale nell’area (38,7 miliardi di ricerca di altre fonti energetiche. In Kuwait, la spinta alladollari di surplus, vedi grafico n. 9). diversificazione nel settore del gas è stata dettata dallaDati derivanti naturalmente dalle vendite del petrolio scoperta di giacimenti di gas nel paese e ha contribuito(grafico n. 8), ma che rischiano di ancorare ogni attività alla sua apertura alle altre economie del Golfo (Qatareconomica del Paese a tale settore. Come osservato stesso) e ai paesi vicini, come Iran e Iraq. Rimane comunquenell’analisi di Equilibri.net dell’11 novembre 2010 (“Golfo: centrale il petrolio: la Kuwait Petroleum Corporationdiversificazione economica chiave di una crescita prevede, per il periodo 2006-2020, 65 miliardi di USDduratura”, di Daria Perrella): di investimenti per la realizzazione di progetti nel settore idrocarburi.” […][[…] “Diversamente da Arabia saudita e Oman, il Kuwaite il Qatar hanno indirizzato gli investimenti principalmente A differenza degli altri, però, la vicinanza all’Iraq aumentaa settori affini a quello petrolifero, attuando una potenzialmente il rischio di azioni terroristiche, mentre idifferenziazione economica piuttosto che un vera e dati sull’aspetto sociale non sono molto tranquillizzanti: ilpropria diversificazione. Entrambe i paesi dipendono numero dei rifugiati è abbastanza elevato, un 3,6% dellaeconomicamente dal settore degli idrocarburi. Il Qatar popolazione totale eredità sicuramente delle guerre indal gas, il Kuwait dal petrolio (87% delle entrate statali), Iraq, ed Il peggior dato sull’accesso all’acqua potabile. Grafico 9. Bilancia commerciale (2010). Dati: FMI
  • 28. 28 A New Perspective on Global AffairsBahrein (5,7)Il Paese non sembra presentare nessun problema per i dagli attentati del 11 settembre 2001 quando cioè ildati economici e quelli politici, in media con gli altri Stati Governo statunitense, con l’incrinarsi dei rapporti condel Golfo, quindi in genere positivi, a parte la bilancia l’Arabia Saudita, ha intensificato i legami con il re delcommerciale, non alimentata dalle esportazioni di petrolio Bahrein, ha installato nelle acque dell’arcipelago la Ve gas che contraddistinguono i Paesi vicini (grafico n. 9). flotta statunitense e, a partire dal 2004, ha siglato unMolto negativo è anche il dato sull’accesso all’acqua accordo bilaterale di libero scambio e l’accordo per lapotabile (145 metri cubi a persona), ma il problema a costruzione del “Ponte dell’Amicizia” (47 Km) tra Qatar eManama sembrerebbe essere di tipo politico-religioso. Bahrein, dal valore di 3 miliardi di dollari e che prevedeIl dato sulla maggioranza religiosa al potere è il più anche una linea ferroviaria per le merci ed una per icritico di tutta l’area MENA, con un 25% di sunniti che passeggeri, la cui realizzazione avverrà entro il 2015 e ilgoverna su un 75% di sciiti. Gli scontri di questi giorni tra cui contratto di costruzione è stato firmato dalla francesela popolazione a maggioranza sciita e la monarchia Vinci Construction Grands Projects.”sunnita degli al-Khalifa sembrerebbe mettere a rischioil regime, nonostante l’intervento dell’Arabia Saudita edelle sue truppe sembrerebbe essere stato risolutivo. Ilrischio di instabilità del Bahrein non sembrerebbe elevato,e più che altro rientrerebbe nel confronto regionale trala monarchia saudita e l’Iran. In un’analisi del 26 luglio2010 pubblicata su Equilibri.net (“Bahrein: un regno tradue mondi”, di Giancarlo Briguglia), che ci ricorda comele tensioni attuali non siano in alcun modo una novità, sinotava giustamente che[…] “In questo contesto va considerata attentamentela posizione della Repubblica Islamica dell’Iran: Ahmadi-Nejad, con l’obiettivo di assumere la leadership deimovimenti islamici del tavoliere mediorientale, compresiquelli del Golfo, e di implementare il proprio potered’influenza sugli Stati vicini, potrebbe approfittaredelle periodiche sommosse urbane -in particolare nelvicino Bahrein, come è già accaduto- per sensibilizzareun’ampia fetta dell’opinione pubblica a prender partenel conflitto israelo-palestinese appoggiando le posizionianti-statunitensi e anti-israeliane del Governo iraniano.Una manovra che rientra in una strategia di propagandamediatica, piuttosto che di un vero e proprio reclutamentodei 600.000 sciiti bahreiniti. In particolare l’attenzione diAhmadi-Nejad per la regione si è intensificata a partire
  • 29. 29 A New Perspective on Global AffairsQatar (6,9)Il Qatar si conferma l’oasi felice del Medio Oriente. Con Oriente, e un attore in evidente ascesa. Il più alto PIL prouna politica lungimirante basata su programmi di sviluppo capite dell’area considerata e di tutto il mondo (graficoeconomico, grazie alle immense risorse di gas naturale, n. 10), un’inflazione sotto controllo (grafico n. 1) e datie su un attivismo diplomatico sempre più importante, il molto positivi per la bilancia commerciale con 36 miliardipiccolo emirato risulta il più stabile della regione.Il Qatar di dollari di attivo.è considerato, da un lato, uno dei principali artefici della La sua ricchezza si basa sulle immense risorse di idrocarburi,cosiddetta primavera araba, per il ruolo svolto dalla sua oltre che sua una politica di investimenti lungimiranteemittente televisiva al-Jazeera nel trasmettere le immagini che ha puntato sull’espansione di settori ancora pocodelle proteste che hanno sconvolte l’area MENA. Doha sviluppati, come la tecnologia del gas naturale liquefattoha valori economici tali da renderlo sicuramente una delle (GNL, si veda il grafico n. 11).realtà più dinamiche, attive e interessanti di tutto il Medio Grafico 10. PIL pro capite a parità di potere d’acquisto (2010). Dati: FMI Grafico 11. Primi esportatori al mondo di GNL (2009). Dati: BP
  • 30. 30 A New Perspective on Global AffairsSul versante politico registriamo il più basso rischio terrorismo […] Il Qatar sta diventando sempre di più il nuovo puntodell’area ed il più basso livello di corruzione (grafico n. di riferimento per l’area del Golfo arabo. Il PIL che ogni7). Come osservato in un’analisi dell’11 ottobre 2010 di anno continua a crescere a ritmi elevatissimi è la provaEquilibri.net (“Golfo: diversificazione economica chiave di del periodo di sviluppo che sta vivendo il Paese. Al primouna crescita duratura”, di Daria Perrella): posto, per quanto riguarda le entrate, resta sempre il campo energetico, con gas naturale e petrolio presenti“Anche in Qatar, la priorità di spesa del 2010 è stata in grandi quantità, e disponibili per l’esportazione. E’e sarà il potenziamento del settore energetico, con molto interessante però anche la crescita che si stal’obiettivo di portare la produzione di gas naturale a 77 registrando nelle infrastrutture, nell’edilizia e nel settoremilioni di tonnellate entro il 2010 (Fonte ICE). Non rimane manifatturiero.L’Emiro Hamad al-Thani ha dimostrato che ilescluso il petrolchimico: il Ministro Al-Attiyah ha dichiarato tentativo di democratizzazione interna e, parallelamente,che l’obiettivo dei massicci investimenti in questo settore e’ di apertura verso i mercati esteri nel lungo periodo pagaquello di fare del Qatar il quarto produttore petrolchimico in termini di benefici. Il Paese vive infatti un periodo dial mondo entro il 2012. Nonostante la concentrazione grande prosperità e le aspettative per il futuro sembranodegli investimenti in fonti alternative di energia, per il Qatar anche essere migliori.il petrolio e per Kuwait il gas, entrambe i paesi hannocomunque intrapreso un processo di diversificazione nel Solo una precipitazione della situazione iranianasettore infrastrutturale. Il Kuwait con l’avvio di progetti (legata alla polemica sul nucleare), o un tentativo didi sviluppo stradale; il Qatar, che ha comunque fatto destabilizzazione tramite attentati come quello del 2005della diversificazione economica un obiettivo futuro, con nel teatro di Doha (con due morti più l’attentatore suicidainvestimenti nel settore siderurgico (alluminio) e del real egiziano), potrebbero compromettere la crescita delestate. Infine, fattore comune con gli altri GCC è stata Qatar, vista l’inevitabile coinvolgimento in cui cadrebbe inl’apertura al commercio estero: il Kuwait orientandosi per entrambi i casi. Altrimenti, senza particolari colpi di scena, ilesempio verso l’estremo oriente ed il sud-est asiatico, ed Paese potrebbe davvero diventare un importante esempioil Qatar aderendo dal 1995 al WTO e prevedendo un per tutta la zona limitrofa, e un ponte con l’Occidente.rapporto di libero scambio con l’Europa. Questi sono […]segni della volontà dei paesi di rendere libera l’economiadalla volatilità dei mercati.”Lo sviluppo del settore energetico, dunque, non distraele autorità da altre strade. La diversificazione economicaè un punto fondamentale che può consentire al Qataruno sviluppo non condizionato da un solo settoreeconomico, ma in grado di sfruttare adeguatamentetutte le opportunità che ad esso vengano fornite. Comesottolineato con lungimiranza già nel gennaio del 2007,(“Qatar: il nuovo esempio per tutto il golfo”, di StefanoTorelli):
  • 31. 31 A New Perspective on Global AffairsEmirati Arabi Uniti (6,3)Con un coefficiente di stabilità del 6,3, gli Emirati Arabi Uniti Dhabi. Come osservato nel settembre scorso su Equilibri.(EAU) si confermano tra i Paesi più tranquilli del Golfo Persico. net (“Emirati Arabi Uniti: Dubai dopo la crisi”, di EugenioL’elevato Pil pro-capite, un sistema creditizio e finanziario Dacrema):all’avanguardia e gli ottimi rapporti con l’Occidente nonpossono che incidere positivamente. Gli Emirati Arabi Uniti […]“Al momento molti analisti notano come effettivamentedispongono del primo fondo sovrano al mondo (grafico n. le banche di Abu Dhabi siano riuscite a dirottare su di12), grazie al quale possono garantire dei servizi gratuiti sé una grossa fetta di investitori. E’ però interessantealla popolazione e investire all’estero, creando le basi per sottolineare che se da una parte i fondi di investimentoulteriori guadagni. La recente disponibilità a collaborare “ordinari” di Abu Dhabi vengano generalmente consideraticon la “coalizione dei volenterosi” nei confronti della più sicuri, dall’altra la maggior parte degli analisti bancariLibia, testimonia come Dubai resti un punto fermo per la e degli investitori considera tuttora i fondi di investimentodiplomazia (e l’economia) europea e statunitense nell’area. “blindati” di Dubai come i migliori di tutta l’area. […]Da segnalare il crescente peso specifico della Francia, […]“a 9 mesi dalla peggiore crisi della sua storia, Dubaiin particolare, la quale ha recentemente “patrocinato” ha saputo recuperare molte posizioni, anche se sembral’apertura di una base militare nel Golfo, su territorio degli improbabile che riesca a ritornare pienamente nella suaEAU. precedente posizione di leader assoluto nel settoreTra i Paesi più ricchi (grafico n. 10) del Gulf Cooperation bancario regionale. Lo scenario più verosimile per ilCouncil (GCC), gli Emirati hanno superato le iniziali prossimo futuro è quello che lo vede in competizione perdifficoltà incontrate a causa della crisi economica tale leadership con l’emirato di Abu Dhabi, anche se nonmondiale e possono ora aspirare a ruolo di pivot sono impossibili scenari più sorprendenti legati a ben altrenel processo di integrazione economica regionale, dinamiche di politica internazionale e ad altri attori comenonostante permangano le storiche divergenze interne tra ad esempio l’Iran.”i due maggiori emirati, quello di Dubai e quello di Abu Grafico 12. Primi 10 fondi sovrani al mondo per capitale (2010). Dati: Sovereign Wealth Funds Institute
  • 32. 32 A New Perspective on Global AffairsOman (5,5)A parte i dati economici, quelli politici e sociali rivelano per privilegiare l’occupazione dei propri cittadini. Il rischiocontrasti e controversie che potrebbero risultare decisivi che si corre è che con una forte apertura del mercatoin futuro. In particolare, una successione su cui vi è totale del lavoro ai cittadini stranieri, le imprese, soprattuttoindecisione (il Sultano Qabus bin Said al Said, 71 enne, private, vengano tentate di assumere più facilmenteè al potere del 1970 e non ha eredi dichiarati) potrebbe quest’ultimi, magari più esperti e preparati, a discapitocausare, nel breve-medio periodo tensioni interne. L’Oman della popolazione locale.è stato testimone, al pari di molti altri Paesi dell’area, di L’altra incognita ancora aperta, anche se apparentementeproteste popolari che hanno causato delle vittime e più lontana nel tempo, è quella degli effetti derivantihanno spinto il Sultano a promettere alcune riforme in dall’imitazione da parte di altri paesi dell’areacampo politico, come quella di un più ampio potere da dell’innovativa legislazione sui visti. Se il governo delparte del governo. Le difficoltà del piccolo sultanato sultanato, infatti, non sarà capace di mantenere alta larisultano essere, in prospettiva, anche di tipo economico. propria competitività, esiste il rischio che altri vicini, dotatiL’alto tasso di immigrazione ha portato nel tempo i di maggior potere finanziario e di investimento, possanocittadini omaniti a competere con gli immigrati (impiegati essere in grado di sottrarre all’Oman numerose quote disoprattutto nel settore privato) nel mercato del lavoro e, mercato nel settore delle proprietà immobiliari sfruttandodi conseguenza, il Sultanato ha messo in atto una politica le sue stesse brillanti innovazioni.di “omanizzazione” volta a favorire l’impiego di cittadinidell’Oman nel settore pubblico. Tale situazione è resa piùdifficile dalle politiche volte a favorire una liberalizzazionenel campo dei visti, per cui i cittadini stranieri possonoentrare con più facilità nel Paese per lavorare soprattuttonei settori dell’immobiliare. Infine, l’Oman non possiede lericche risorse di idrocarburi della maggior parte degli altriattori del Golfo, e ciò pone delle sfide maggiori nel campodella diversificazione economica. Come si evinceva inun’analisi pubblicata su Equilibri.net il 21 giugno 2010(“Oman: luci e ombre del boom economico”, di EugenioDacrema):[…]Non mancano, comunque, alcune incognite aperte peril futuro che il sultanato dovrà saper affrontare nel modogiusto se vuole mantenere la sua invidiabile posizione.Prima fra tutte c’è la questione controversa della modificaal sistema dei visti riguardante la possibilità per i cittadinistranieri residenti di lavorare liberamente in Oman. Secondomolti esperti, infatti, tale norma rischierebbe concretamentedi mettere in seria crisi il mercato del lavoro interno, adoggi caratterizzato da forti spinte e incentivi governativi
  • 33. 33 A New Perspective on Global AffairsYemen (3,2)Il 7 gennaio del 2009 (“Yemen: sull’orlo del fallimento”, di gruppi organizzati di guerriglia, potrebbe essere la causaStefano Torelli), più di due anni fa e ben prima che il Paese scatenante di nuove ondate di violenza, alimentate dalvenisse alla ribalta internazionale per il mancato attentato malcontento sociale. A livello regionale, una tale situazionedel Natale 2009 sul volo di linea Amsterdam-Detroit potrebbe ripercuotersi negativamente sulla sicurezza del-quando si scoprì che l’attentatore era stato addestrato Golfo Arabo da un lato, e di quello di Aden dall’altro,in Yemen e che in questo Paese si celasse l’insidia di al- mettendo a repentaglio una delle arterie principali delQaeda nella Penisola Arabica (Al-Qaeda in the Arabian traffico marittimo dal Medio Oriente al Mediterraneo; inPeninsula, AQAP)-, su Equilibri.net scrivevamo: più il Paese andrebbe a costituire una importante zona di passaggio per i fondamentalisti islamici provenienti[…] La crisi istituzionale che colpisce lo Yemen sin dai dall’Africa. Proprio questi effetti sulla sicurezza regionaletempi dell’unificazione tra la parte settentrionale e potrebbero spingere gli Stati del Golfo e, indirettamente,quella meridionale del Paese nel 1990, sta rischiando di gli Stati Uniti, a prendere delle misure precauzionali persfociare in vero e proprio collasso delle istituzioni statali tentare di evitare una crisi che appare imminente. […]a causa della situazione economica sempre più difficile.Secondo le stesse fonti governative, entro pochi anni il Lo Yemen risulta agli ultimi posti di tutti gli indicatori presi inPaese potrebbe esaurire le riserve petrolifere, perdendo considerazione e il regime yemenita continua ad essere, ain questo modo la fonte principale di introiti per il governo nostro avviso, uno dei principali indiziati ad un rapido crollo.di Sana’a. La congiuntura di questi due fattori –uno Stato Lo Yemen è il Paese più povero di tutta l’area mediorientaledebole ed un’economia a rischio e non diversificata- e del Maghreb (grafico n. 10)e le sue carenze dal puntopone in essere uno scenario preoccupante. Le sacche di vista della tenuta istituzionale rischiano di trascinare ildi resistenza al regime autoritario del Presidente Saleh (in Paese nel caos. L’indice di sviluppo umano è il più bassocarica dal 1978) trovano, in questa cornice, motivazioni di tutta la regione (grafico n. 13), così come il livello disempre maggiori per ribellarsi all’autorità centrale e corruzione è uno dei più alti (grafico n. 7), determinandorivendicare maggiori diritti. una situazione in cui le istituzioni fanno fatica ad imporre la propria sovranità sul territorio nazionale.Proprio la presenza, sia nel Nord che nel Sud del Paese, di Grafico 13. Indice di sviluppo umano (2010). Dati: UNDP
  • 34. 34 A New Perspective on Global AffairsL’appoggio dell’Arabia Saudita e di Paesi alleati nellalotta mondiale al terrorismo, in primis gli Stati Uniti, potrebbegarantire stabilità nel brevissimo periodo, ma la situazionesembra essere la più critica di tutta l’area. Le rivolte diquesti giorni contro il Presidente Saleh si sono moltiplicatein numero ed in intensità ed il rischio di uno scontro internoè divenuto sempre più probabile. Tutti i dati raccoltisembrano concordare su questa ipotesi. Se non sarà ilprossimo regime a cadere, lo Yemen potrebbe candidarsiin alternativa ad essere uno dei prossimi “failed states”.
  • 35. 35 A New Perspective on Global AffairsIran (3,9)L’embargo commerciale cui è sottoposto il regime di beni e finanziamenti necessari per lo sviluppo nucleare edTeheran ha colpito duramente l’economia del Paese. La energetico. Pensare a ulteriori meccanismi di controllo èbilancia commerciale risulta nettamente al di sotto di altri molto difficile in quanto il mancato funzionamento attualepaesi esportatori di gas e petrolio nella regione, fattore di non è dovuto a carenza di mezzi, ma ad una scarsacriticità che rappresenta un caso unico tra i paesi ricchi di volontà dei soggetti coinvolti”.risorse di idrocarburi. Si pensi, infatti, che l’Iran è il secondoPaese al mondo per riserve di gas naturale (grafico n. Risulta importante la diffusione di nuove tecnologie14). telematiche, che ha portato a un drastico aumentoCome analizzato nel giugno del 2010, (“Iran: efficacia nell’uso di connessioni internet (grafico n. 6). L’Onda verdedelle sanzioni e sanction-busting”, di Francesca La Bella), del 2009, ripresentatasi all’attenzione mondiale alcunecomunque: settimane fa, ha dimostrato la voglia di cambiamento da parte della popolazione, ma il regime - isolato e[…]Ormai da molti anni le sanzioni limitano il commercio meno dipendente dalle forze occidentali – sembra poteriraniano, ma questo non ha impedito al governo di reprimere con più facilità le proteste, rispetto a ciò cheproseguire nei suoi programmi politici ed energetici. Questo è accaduto in Tunisia ed Egitto. Le difficoltà che stannoperché le sanzioni che hanno impoverito la popolazione colpendo recentemente la Siria, però, potrebbero privareiraniana limitandone l’accesso a beni e tecnologie Teheran del solo vero alleato nell’area mediorientale, seestere, hanno rafforzato il governo che, populisticamente, si esclude Hezbollah in Libano. In merito alle prospettivetrova consensi grazie alla paura dell’accerchiamento future del Paese, decisivo sarà il ruolo di diversi attoriinternazionale. Gli interessi economici, sia statali che privati, internazionali, come evidenziato in un’analisi del giugnodi soggetti internazionali particolarmente eterogenei 2010 (“Iran: la questione nucleare tra potenze in declinohanno, inoltre, permesso all’Iran di accedere comunque a e attori in ascesa”, di Giancarlo Briguglia): Grafico 14. Riserve di gas naturale. Primi 10 al mondo (2009). Dati: BP
  • 36. 36 A New Perspective on Global Affairs[[…] A lungo termine, […] si paleseranno i nuovi equilibrigeopolitici che vedranno competere, per una posizione diprimo piano, il blocco Ue-Usa e la nuova rete d’influenzadi Russia-Iran-Turchia-Siria […]. Un effettivo rallentamentodei piani bellici iraniani avverrà se le opposizioni interneriusciranno ad avanzare la propria agenda politica,imponendo tra i primi impegni del Paese la libertà di stampa,la liberazione della comunicazione e i diritti inalienabilidell’uomo non ancora acquisiti dalla cittadinanzaIl dato di stabilità per l’Iran, tra i più bassi dell’area, risentedi una crescita cospicua dell’inflazione (grafico n. 1), oltreche del grado di repressione dei diritti civili e politici daparte del regime di Teheran. Nonostante ciò, nel medio-lungo termine potrebbero crescere i dissensi interni, nonsolo tra le diverse aree politiche e della società civileiraniana, ma anche all’interno della stessa cerchia deiPasdaran. Questi ultimi, oggi al potere grazie ad una forterete di legami e contatti in campo economico, sociale,finanziario, militare e politico, non sembrano avere piùuna sola anima, e ciò potrebbe aprire la via di divisioniinterne.
  • 37. 37 A New Perspective on Global AffairsCreditsStefano Torelli - curatore e coordinatore della ricerca Luca Gambardella - autore della ricercaÈ Ph.D. candidate in Storia delle Relazioni Internazionali È un analista e ricercatore per il Desk Medio Oriente epresso l’Università La Sapienza di Roma. Laureato Maghreb di Equilibri.net. Ha conseguito la Laurea Magistralepresso la Facoltà di Studi Arabo-islamici dell’Istituto in Scienze Internazionali e Diplomatiche presso l’UniversitàUniversitario Orientale di Napoli e specializzato in Lingue, degli Studi di Trieste, con una tesi in Studi Strategici sulCulture e Cooperazione Internazionale alla Statale di Primo conflitto mondiale in Mesopotamia. Nel 2008 haMilano. Esperto di relazioni internazionali e geopolitica lavorato presso il Ministero Affari Esteri nella Direzione dimediorientale, è coordinatore scientifico di Equilibri.net e Cooperazione Politica Multilaterale. Nello stesso anno, inResponsabile di ricerca e analisi del Desk Medio Oriente qualità di Political Advisor in seno alla Brigata Julia, pressoe Maghreb. Attualmente è anche Research Assistant Gemona del Friuli (UD), ha partecipato alle esercitazionipresso l’Istituto per gli Studi di Politica Internazionale della Multinational Land Force in partenza per l’Afghanistan.(ISPI). E’ anche Coordinatore del Progetto Medio Oriente Nel 2010 si è dedicato allo studio della lingua arabadell’ICTS (Italian Center for Turkish Studies) e coordinatore con un soggiorno a Damasco di sette mesi.delle attività di ricerca sul Medio Oriente del CISIP (CentroItaliano di Studi sull’Islam Politico). Alcune sue pubblicazioni sono reperibili su Equilibri.net e ilsussidiario.net.Ha scritto diversi saggi e analisi sulle dinamiche politiche,storiche, strategiche ed economiche dei Paesi dell’areamediorientale per vari istituti di ricerca e riviste specializzate,tra cui Equilibri.net, ISPI, Limesonline, Italia Futura, Diritto eLibertà.Umberto Profazio - autore della ricerca A New Perspective on Global AffairsUmberto Profazio si è laureato in Scienze Politiche nel Equilibri S.r.l. - Sede legale:2004 presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università Via Vigevano 39, 20144 Milano“La Sapienza” di Roma, con una tesi in Organizzazioni Tel. +39 028360642 Fax. +39 0258109661 Email info@equilibri.netInternazionali dal titolo “Le iniziative del Segretario GeneraleKofi Annan sulla riforma dell’ONU”. Nel 2006 ha conseguitoil Diploma del Master in Relazioni Internazionali presso Desk Medio Oriente - Equilibri stability index MENA - Equilibri.netla Società Italiana per le Organizzazioni Internazionali Inserto online del quotidiano Equilibri.net(S.I.O.I.) di Roma, e nel 2007 ha conseguito, sempre presso Registrazione presso il Tribunale di Firenze del 19 Gennaio 2004 numero 5320la S.I.O.I., il Diploma del Master in Studi Diplomatici. Nel ISSN: 2038-999X2010 ha conseguito con profitto il Diploma del Master Tutti i diritti riservati: è permesso l’uso personale deiin Giornalismo Internazionale organizzato dall’Institute for contenuti pubblicati da Equilibri.net solo a fini nonGlobal Studies e dal Centro Studi Americani di Roma, con commerciali. L’utilizzo commerciale, la riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione può avvenire solola collaborazione dello Stato Maggiore della Difesa. previo accordo con Equilibri S.r.l.. SERVER LOCATION:Attualmente collabora con il Desk Medio Oriente e C/O Telnet S.r.l., Via Buozzi, 5 27100 PaviaMaghreb di Equilibri.net. Alcuni suoi scritti possono essere Equilibri S.r.l. è una società del gruppo Bridge That Gap. Bridge That Gap Group: Via Vigevano 39, 20144 Milanoreperiti su Affari Internazionali, sul Portal on Central Eastern Tel. +39 028360642 Fax. +39 0258109661and Balkan Europe (PECOB) e su Tesi Online.