Effetto serra

2,380 views
2,011 views

Published on

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
2,380
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
33
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Effetto serra

  1. 1. <ul><li>La presenza dei &quot;gas serra&quot; , tra i quali il maggior responsabile è l’ anidride carbonica, determina il riscaldamento della terra perché impedisce durante la notte che il calore venga dissipato, non lasciando passare i raggi infrarossi che “trasportano” il calore. </li></ul><ul><li>Le concentrazioni dell’anidride carbonica (CO 2 ) hanno raggiunto i livelli più alti degli ultimi 650 mila anni con un incremento di oltre il 35% negli ultimi due secoli. Per fortuna sistemi naturali come oceani e foreste riescono ad assorbire la metà di queste emissioni, ma ora le loro capacità di smaltimento si stanno riducendo e potrebbe superare il limite di non ritorno. </li></ul>Effetto serra
  2. 2. I raggi infrarossi
  3. 3. contribuiscono all’aumento dell’anidride carbonica, il principale fra i gas riscaldanti : <ul><li>Combustioni </li></ul><ul><li>scarichi industriali e delle macchine </li></ul><ul><li>camini </li></ul><ul><li>termosifoni e riscaldamento </li></ul><ul><li>rifiuti </li></ul><ul><li>incendi </li></ul><ul><li>deforestazione perchè gli alberi tagliati non sottraggono più anidride carbonica all’ambiente. </li></ul>Le cause
  4. 4. <ul><li>Riscaldamento globale </li></ul><ul><li>cambiamento del clima (fenomeni violenti) </li></ul><ul><li>uragani, piogge, alluvioni, siccità </li></ul><ul><li>desertificazione </li></ul><ul><li>lo scioglimento dei ghiacciai e degli iceberg. </li></ul><ul><li>l’innalzamento del livello degli oceani, </li></ul><ul><li>Inondazione di zone costiere </li></ul><ul><li>la scomparsa di specie animali tipici del polo Nord, come gli orsi polari, e del polo Sud, come i pinguini. </li></ul><ul><li>effetti sanitari in quanto aumenterà l’incidenza e la diffusione di malattie tropicali </li></ul><ul><li>effetti sull’agricoltura </li></ul><ul><li>effetti economici </li></ul>Conseguenze dell’effetto serra
  5. 5. <ul><li>Fonti di energia alternative </li></ul><ul><li>Politiche di risparmio energetico, </li></ul><ul><li>Accordi internazionali per limitare l’emissione di gas serra </li></ul><ul><li>Minor consumo di energia a livello individuale </li></ul><ul><li>Rimboschimento </li></ul><ul><li>Lampadine a basso consumo </li></ul><ul><li>Elettrodomestici a basso impatto ambientale (classe A) </li></ul><ul><li>Veicoli meno inquinanti </li></ul><ul><li>Combustibili più ecologici </li></ul><ul><li>Dotare gli edifici di doppi vetri e isolanti termici </li></ul><ul><li>Uso di lavatrici e lavastoviglie a pieno carico </li></ul><ul><li>Evitare sprechi </li></ul><ul><li>Riciclare </li></ul>. . . e i rimedi?
  6. 6. Dalla 1° rivoluzione industriale... Dalla Prima rivoluzione industriale le risorse fossili sono sempre state più utilizzate dall’uomo soprattutto per le industrie, sia in tempo di pace che in guerra, per la costruzione di materiale bellico o utilitario.
  7. 7. ...ai giorni nostri Fin dai tempi antichi, quindi, le fonti energetiche sono state spesso causa di guerre, come dimostrano la prima e la seconda guerra mondiale e i conflitti che tutt’oggi tempestano il nostro pianeta. Anche questi sona causa dei nostri problemi ambientali.
  8. 8. La deforestazione provoca un incremento di anidride carbonica perchè gli alberi tagliati non la utilizzano più per effettuare la fotosintesi Le cause principali di deforestazione sono da attribuire alla ricerca di nuovi territori adatti all’allevamento del bestiame e all’espansione dell’agricoltura intensiva di soia e di monoculture foresta deforestazione Deforestazione ...e...desertificazione La deforestazione provoca una graduale desertificazione in quanto gli alberi tagliati non trattengono più l’acqua e non proteggono più il suolo.
  9. 9. In aggiunta ai cambiamenti del clima ed agli altri fattori ambientali, ci sono anche cause antropiche quali il crescente uso di pesticidi, di sostanze chimiche tossiche e di rifiuti pericolosi che aggravano ulteriormente la situazione sanitaria. salute e inquinamento Circa un quinto delle infezioni e delle malattie nei paesi in via di sviluppo sono causate da fattori ambientali compresi i cambiamenti climatici e l'inquinamento atmosferico ed idrico .
  10. 10. <ul><li>le variazioni di temperatura ed umidità in molte aree del pianeta hanno favorito la proliferazione di batteri e parassiti e, di pari passo, di malattie infettive tipiche della zona intertropicale, come la malaria. </li></ul>
  11. 11. <ul><li>La diminuzione delle precipitazioni in molte aree subtropicali ha prodotto una maggiore scarsità d'acqua che aumenta i fenomeni di inquinamento idrico e impedisce la creazione di adeguati servizi igienico sanitari. </li></ul><ul><li>Anche alle nostre latitudini la siccità sta facendo diminuire la quantità di acqua con conseguenze negative anche sull’agricoltura. </li></ul>
  12. 12. <ul><li>Secondo il rapporto della World Bank, nei paesi poveri, almeno 150.000 morti premature vanno attribuite direttamente ai cambiamenti climatici. Poi vanno considerati anche i fattori indiretti: </li></ul><ul><li>2 milioni di decessi l'anno attribuibili alla mancanza d'acqua o all'inquinamento idrico; </li></ul><ul><li>più di due milioni di morti per inquinamento atmosferico; </li></ul><ul><li>milioni di morti per l'uso di pesticidi e sostanze tossiche che colpiscono soprattutto i bambini, in particolare quelli sottoposti a sfruttamento nell'ambito del lavoro minorile. In conclusione, il quadro delineato prefigura un “omicidio” di proporzioni globali, che, secondo la legge della causa-effetto, può essere ragionevolmente attribuito ad un unico mandante: la follia del genere umano. </li></ul>
  13. 13. <ul><li>Il clima sta cambiando…a periodi di siccità si alternano momenti con eccesso di precipitazioni. </li></ul><ul><li>le conseguenti alluvioni ed inondazioni, causate dall'intensificazione dei cicloni tropicali ha creato situazioni catastrofiche che hanno penalizzato soprattuto le popolazioni più povere e le agricolture di sopravvivenza, aggravando le già precarie condizioni sanitarie. </li></ul>alluvioni
  14. 14. Distribuzione della popolazione e della ricchezza nel mondo
  15. 15. Come si nota dal grafico precedente, Paesi molto poveri hanno una elevata popolazione e un bassissimo reddito mentre i paesi industrializzati hanno una bassa percentuale di popolazione e un alto reddito pro-capite. Distribuzione della popolazione e della ricchezza nel mondo
  16. 16. Nel mondo non c’è una equa distribuzione della ricchezza. Anche per il consumo di energia abbiamo lo stesso andamento per cui i paesi ricchi inquinano molto di più dei paesi poveri. E' ora di riflettere !!!
  17. 17. Quale mondo vogliamo costruire?
  18. 18. Un mondo uguale e bello per tutti !!! La parola d’ordine è SVILUPPO SOSTENIBILE cioè una forma di sviluppo che permette di soddisfare le necessità attuali senza compromettere la qualità e la quantità delle riserve naturali per le generazioni future. L'obiettivo è mantenere uno sviluppo economico compatibile con l'equità sociale e gli ecosistemi.

×