Abbattere muri costruire ponti

  • 190 views
Uploaded on

Costruire ponti è un'attività didattica che prende spunto dal ponte come metafora. al ponte come metafora del rapporto tra le persone si contrappone un'altra metafora altrettanto eloquente, quella di …

Costruire ponti è un'attività didattica che prende spunto dal ponte come metafora. al ponte come metafora del rapporto tra le persone si contrappone un'altra metafora altrettanto eloquente, quella di muri.

More in: Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
190
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
1
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Costruire muri vuol dire .............................................. >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  • 2. Costruire ponti vuol dire .............................................. >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  • 3. Scrivi un sms raccontando quando ti è capitato di “costruire un muro” PS: 160 caratteri >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  • 4. Oggi ci vediamo in centro alle 16. Non dire nulla a ki sai bene tu. >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  • 5. Vesti ke fai skifo! Gira alla larga da noi!!!! >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  • 6. Scrivi un sms raccontando quando ti è capitato di “costruire un ponte” PS: 160 caratteri >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  • 7. Sabato è il mio compleanno. Ti invito alla mia festa. Oratorio ore 17. Ti aspetto :-) >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  • 8. Ciao scusa per quello ke ho detto mi dispiace. Spero ke la ns amicizia sia +forte della ns stupidità ;-) >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  • 9. La storia ci racconta >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  • 10. Berlino >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  • 11. Gorizia >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  • 12. Israele Palestina >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  • 13. Ceuta - Melilla >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  • 14. Abbattere muri >> Costruire ponti 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  • 15. Mostar 9 novembre 1993 Slobodan Praljak, il genearle che distrusse il ponte la mattina del 9 novembre 1993 è attualmente accusato di crimini di guerra in attesa di giudizio alla Corte dell'Aja. Praljak è ricordato molto bene per le arroganti dichiarazioni espresse al riguardo. Il generale aveva detto di non essere dispiaciuto che il ponte fosse stato distrutto: "Preferisco un dito della mano di un soldato croato a qualsiasi vecchio ponte", aveva affermato spiegando l'azione, cercando di giustificare l'atto vandalico con ragioni strategiche. Il ponte oggi dopo la ricostruzione >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  • 16. Mostar Il ponte oggi dopo la ricostruzione >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  • 17. Mostar Pedrag Matvejevic’ racconta che i ragazzi di Mostar, il ponte sul fiume Neretva che divideva in due il suo paese natale, lo chiamavano semplicemente “il vecchio”, come si fa con un 9 novembre 1993 compagno o con un padre. “Ci trovavamo sul vecchio, ci bagnavamo nel vecchio, i più temerari di noi si tuffavano dal vecchio. Eravamo ragazzi senza frontiere, cattolici croati, musulmani, bosniaci; abbiamo vissuto in una particolare convivenza. Lo stesso nome della città, Mostar, vuol dire vuol dire “guardiano del ponte” “colui che guarda il ponte”; lo guarda e dunque lo protegge. >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  • 18. Ponti come arcobaleno di pace 9 novembre 1993 >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  • 19. Il simbolo dell'arcobaleno lo troviamo nel libro della Genesi Gn 9,13 ad indicare la riconciliazione, la pace tra Dio e gli uomini 9 novembre 1993 13 Il mio arco pongo sulle nubi ed esso sarà il segno dell'alleanza tra me e la terra. >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  • 20. >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  • 21. Vukovar >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  • 22. Vukovar >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  • 23. Učka 1993 >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  • 24. Cercavamo la pace >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>