Abbattere muri costruire ponti

1,279 views

Published on

Costruire ponti è un'attività didattica che prende spunto dal ponte come metafora. al ponte come metafora del rapporto tra le persone si contrappone un'altra metafora altrettanto eloquente, quella di muri.

Published in: Education
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,279
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
295
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Abbattere muri costruire ponti

  1. 1. Costruire muri vuol dire .............................................. >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  2. 2. Costruire ponti vuol dire .............................................. >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  3. 3. Scrivi un sms raccontando quando ti è capitato di “costruire un muro” PS: 160 caratteri >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  4. 4. Oggi ci vediamo in centro alle 16. Non dire nulla a ki sai bene tu. >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  5. 5. Vesti ke fai skifo! Gira alla larga da noi!!!! >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  6. 6. Scrivi un sms raccontando quando ti è capitato di “costruire un ponte” PS: 160 caratteri >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  7. 7. Sabato è il mio compleanno. Ti invito alla mia festa. Oratorio ore 17. Ti aspetto :-) >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  8. 8. Ciao scusa per quello ke ho detto mi dispiace. Spero ke la ns amicizia sia +forte della ns stupidità ;-) >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  9. 9. La storia ci racconta >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  10. 10. Berlino >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  11. 11. Gorizia >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  12. 12. Israele Palestina >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  13. 13. Ceuta - Melilla >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  14. 14. Abbattere muri >> Costruire ponti 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  15. 15. Mostar 9 novembre 1993 Slobodan Praljak, il genearle che distrusse il ponte la mattina del 9 novembre 1993 è attualmente accusato di crimini di guerra in attesa di giudizio alla Corte dell'Aja. Praljak è ricordato molto bene per le arroganti dichiarazioni espresse al riguardo. Il generale aveva detto di non essere dispiaciuto che il ponte fosse stato distrutto: "Preferisco un dito della mano di un soldato croato a qualsiasi vecchio ponte", aveva affermato spiegando l'azione, cercando di giustificare l'atto vandalico con ragioni strategiche. Il ponte oggi dopo la ricostruzione >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  16. 16. Mostar Il ponte oggi dopo la ricostruzione >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  17. 17. Mostar Pedrag Matvejevic’ racconta che i ragazzi di Mostar, il ponte sul fiume Neretva che divideva in due il suo paese natale, lo chiamavano semplicemente “il vecchio”, come si fa con un 9 novembre 1993 compagno o con un padre. “Ci trovavamo sul vecchio, ci bagnavamo nel vecchio, i più temerari di noi si tuffavano dal vecchio. Eravamo ragazzi senza frontiere, cattolici croati, musulmani, bosniaci; abbiamo vissuto in una particolare convivenza. Lo stesso nome della città, Mostar, vuol dire vuol dire “guardiano del ponte” “colui che guarda il ponte”; lo guarda e dunque lo protegge. >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  18. 18. Ponti come arcobaleno di pace 9 novembre 1993 >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  19. 19. Il simbolo dell'arcobaleno lo troviamo nel libro della Genesi Gn 9,13 ad indicare la riconciliazione, la pace tra Dio e gli uomini 9 novembre 1993 13 Il mio arco pongo sulle nubi ed esso sarà il segno dell'alleanza tra me e la terra. >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  20. 20. >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  21. 21. Vukovar >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  22. 22. Vukovar >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  23. 23. Učka 1993 >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>
  24. 24. Cercavamo la pace >> 0 >> 1 >> 2 >> 3 >> 4 >>

×