Corso oa lezione 9 - gallbraith

1,602
-1

Published on

Slide per il corso di Organizzazione aziendale. Libro di Debora Tommasi (a cura di) Organizzazione d'azienda, G. Giappichelli Editore - Torino

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,602
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
75
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Corso oa lezione 9 - gallbraith

  1. 1. Lezione 9Incertezza, complessità e organizzazione: il modello di Galbraith (Cap. 9: pp. 253-275 – Tomasi, 2006) Università degli studi di Trieste A.A. 2010/2011 Docente Antongiulio Bua mail: antongiulio(dot)bua(at)gmail(dot)com
  2. 2. Contenuti1. Il modello di Galbraith • Le ipotesi di partenza • Incertezza • L’origine dell’incertezza • Complessità informativa e sue determinanti • La gestione della complessità • La riduzione della complessità
  3. 3. Le ipotesi di partenza1. Struttura organizzativa  insieme di elementi che consentono di svolgere compiti con diverso grado di predicibilità (variabile indipendente)2. Grado di predicibilità dei compiti  legato al volume delle informazioni da raccogliere e da elaborare per svolgere efficientemente un determinata attività3. Dato un obiettivo di efficienza, la differenza tra le informazioni necessarie e le informazioni disponibili quando si COMINCIA l’attività (task) definisce il grado di incertezza del compito
  4. 4. Incertezza1. Incertezza cognitiva: turbolenza e complessità dell’ambiente che rendono difficile generare modelli interpretativi della realtà2. Incertezza sostanziale forte: difficoltà a identificare a priori gli scenari possibili e a valutare le loro probabilità di accadimento3. Incertezza sostanziale debole: anche quando si è in grado di identificare i possibili scenari, è problematico comprendere quali di questi si realizzerà1. Interna (dipende ad es. da tipologie di lavoratori , tipologie di lavorazioni, complessità dei prodotti, tipologia di processo adottato etc.)2. Esterna (dipende ad es. da numerosità clienti, prodotti, mercati, fornitori)
  5. 5. L’origine dell’incertezza P → In= f( Ir – Id)P : Predicibilità dei compitiIn :IncertezzaIr: Ampiezza delle informazioni richieste per un efficace svolgimento del compito e, più ingenerale, per un efficace funzionamento del sistema organizzativoId: Ampiezza delle informazioni già disponibili per un efficace svolgimento del compito e, più ingenerale, per un efficace funzionamento del sistema organizzativo
  6. 6. Complessità informativaP → In = f (Ir – Id)Ir = C
  7. 7. Complessità informativa e sue determinantiCOMPLESSITA’ A. Numerosità E. Pressione esterna B. Disomogeneità = C. Variabilità X F. Pressione interna D. Interdipendenza (degli elementi da gestire) (sui risultati) “Complessità potenziale”
  8. 8. Complessità informativaLivello di efficienza atteso Complessità informativa (Δ informazioni) (Numerosità e dinamismo degli elementi decisionali)
  9. 9. La gestione della Complessità (a)Complessità informativa Modalità di gestione della complessità informativa(variabile indipendente) (variabile dipendente) Nulla Regole, procedure e Azioni Bassa capiprogrammi (la gerarchia) semplici Media Delega su obiettivi Alta Riduzione Aumento delle Altissima della capacità complessità elaborative Azioni complesse
  10. 10. La gestione della Complessità (b) AREA DELLE AREA DELLE SOLUZIONI COMPLESSE SOLUZIONI SEMPLICI Gestire Aumento (4) Sistemi inform. verticali delle capacità (5) Relazioni laterali elaborative (6) Socializzazione (1) (2) (3) Regole, Gerarchia Delega (7) Unità autosufficienti procedure sue programmi Riduzione della (8) Risorse in eccesso obiettivi complessità (9) Gestione dell’ambiente Semplificare
  11. 11. Riduzione della complessità1. Unità autosufficienti: definire task “self-contained” ovvero task gestiti da gruppi dotati di risorse sufficienti per: a. eseguire l’intera operazione b. progettare l’organizzazione per processi (superamento della diversità di obiettivi da perseguire e riduzione di richieste da gruppi esterni)2. Risorse in eccesso: creare slack di risorse (inventory level o capacità di produzione aggiuntiva)3. Gestione dell’ambiente: ridurre la complessità ambientale (ridurre il numero di prodotti offerti, ridurre la pressione del fattore tempo o la necessità di previsione)

×