Corso Organizzazione aziendale   lezione 5 - seiler
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Corso Organizzazione aziendale lezione 5 - seiler

on

  • 2,506 views

Slide per il corso di Organizzazione aziendale. Libro di Debora Tommasi (a cura di) Organizzazione d'azienda, G. Giappichelli Editore - Torino

Slide per il corso di Organizzazione aziendale. Libro di Debora Tommasi (a cura di) Organizzazione d'azienda, G. Giappichelli Editore - Torino

Statistics

Views

Total Views
2,506
Views on SlideShare
2,506
Embed Views
0

Actions

Likes
1
Downloads
74
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Corso Organizzazione aziendale   lezione 5 - seiler Corso Organizzazione aziendale lezione 5 - seiler Presentation Transcript

    • Lezione 5Il sistema socio-tecnico (Seiler) (Cap. 4: pp. 121-133 - Tomasi, 2006) Le variabili sociali (segue) (Cap. 5: pp. 135-177- Tomasi, 2006)Università degli studi di Trieste A.A. 2010/2011 Docente Antongiulio Bua mail: antongiulio(dot)bua(at)gmail(dot)com
    • Contenuti1. La Teoria dei Sistemi Aperti2. Il Modello di Seiler • Variabili Istituzionali • Variabili Tecnologiche • Variabili Individuali • Variabili Sociali • Variabili Organizzative
    • Premessa• I modelli di riferimento per l’analisi organizzativa si traggono dalle teorie organizzative• Ai fini della comprensione dell’analisi organizzativa è utile fare riferimento a un modello di tipo sistemico, caratterizzato da forte flessibilità e adattabilità di impiego
    • La visione sistemica Una visione sistemica dei fenomeni organizzativi implica un complesso unitario, formato da una pluralità di elementi interrelati, che assumono un significato autonomo, diverso e superiore rispetto alla somma delle parti• Un sistema è individuato attraverso i suoi confini, definendo gli elementi che ne fanno parte (la sua struttura) e ciò che non ne fa parte (l’ambiente esterno)• Orienta l’attenzione sull’effetto sinergico• Il sistema diventa un’unità che assume significato nuovo e autonomo rispetto agli elementi che lo costituiscono (unità nella molteplicità); le parti perdono la loro individualità nel sistema contribuendo alla sua esistenza e alla formazione dell’unità
    • Il modello di SeilerAMBIENTE SISTEMA ORGANIZZATIVO RISULTATI V. V. Istituzionali IndividualiMercato Variabili Organizzative Struttura Org.va Sistemi operativi Settore V. V. Tecnolog. Sociali
    • Variabili istituzionali I portatori di interessi Il soggetto di istituto I fini istituzionali I contributi Le strutture di governo Le ricompenseStrutturano i portatori di interessi nei confronti dell’istituto, deicontributi che tali soggetti forniscono all’azienda, delle ricompense edei benefici che ne ottengono, del soggetto d’istituto, dei finiistituzionali e delle strutture di governo che regolano in equilibriodinamico di lungo periodo le relazioni tra i portatori di interessi, icontributi e le ricompense
    • Variabili tecnologiche• Determinanti fondamentali delle scelte organizzative• Non devono imporre soluzioni organizzative: in particolare, l’impatto delle tecnologie evidenzia l’apertura di nuove opportunità, non prevedibili, da esplorare attraverso ricerca e progettazione congiunta, tecnologica e organizzativa• Le modalità organizzative non discendono direttamente dalle tecnologie; sono filtrate da un ambito decisionale specifico e dall’influenza delle altre variabili di contesto
    • Variabili individuali• Caratteristiche delle persone che agiscono nel sistema organizzativo: conoscenze, specializzazioni, esperienze, ma anche, bisogni ed esigenze, aspettative, valori, …• La variabile umana interagisce con le altre variabili di contesto: • Le persone inserite in un’azienda sono condizionate dall’assetto istituzionale, dalle tecnologie, dalle scelte organizzative • Contano il tipo di lavoro, le conoscenze tecniche richieste, le modalità di selezione adottate
    • Variabili sociali• Riguardano le relazioni interpersonali nell’ambito del sistema organizzativo• I gruppi, che si interpongono tra individui e organizzazione, determinano o influenzano i comportamenti: • Le persone non operano come individui isolati • Sono influenzate da idee, concezioni e norme delle relazioni sociali dei gruppi di appartenenza, che possono discostarsi da regole e obiettivi formali del sistema organizzativo • I gruppi sono identificabili da relazioni diverse: affinità di tipo professionale, attinenti al tempo libero, agli interessi culturali, all’impegno socio-politico, all’origine territoriale
    • Variabili organizzative• La struttura organizzativa 1. struttura organizzativa di base 2. struttura delle singole unità organizzative• I sistemi operativi 1. sistemi di pianificazione strategica 2. sistemi di programmazione e controllo 3. sistemi di gestione del personale 4. sistemi informativi
    • Variabili sociali Un approfondimento• Riguardano le relazioni interpersonali nell’ambito del sistema organizzativo• I gruppi, che si interpongono tra individui e organizzazione, determinano o influenzano i comportamenti: • Le persone non operano come individui isolati • Sono influenzate da idee, concezioni e norme delle relazioni sociali dei gruppi di appartenenza, che possono discostarsi da regole e obiettivi formali del sistema organizzativo • I gruppi sono identificabili da relazioni diverse: affinità di tipo professionale, attinenti al tempo libero, agli interessi culturali, all’impegno socio-politico, all’origine territoriale, …• La componente sociale presente nelle aziende crea un’organizzazione informale accanto all’organizzazione formale
    • Organizzazione formale e informale• L’organizzazione formale risulta dall’identificazione di aspetti come organi, unità, regole, posizioni organizzative, compiti e mansioni• L’organizzazione informale risulta da aspetti come: • Il ruolo, inteso in senso sociologico come modello di comportamento definito dalle esigenze e aspettative del gruppo di inserimento dell’individuo • Lo status, inteso come grado relativo di stima e prestigio di un individuo nell’ambito di un gruppo • L’influenza, intesa come capacità di un soggetto di modificare un comportamento altrui, in base alle capacità personali e l’abilità, attraverso l’autorità personale, la persuasione, l’emulazione, la manipolazione, anche utilizzando il potere formale
    • Perché gli individui si uniscono in gruppoPerché si formano i gruppi• Con le parole di Maslow – Bisogno di appartenenza• Con le parole di McClelland – Bisogno di affiliazioneCosa è un gruppo• Un soggetto sociale organizzato che esprime comportamenti e valori propri• Non una somma di componenti• Ma un insieme (formale o meno) di soggetti interdipendenti• Una totalità dinamica