Comunità slide
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Comunità slide

on

  • 334 views

mission e programma

mission e programma

Statistics

Views

Total Views
334
Views on SlideShare
334
Embed Views
0

Actions

Likes
1
Downloads
2
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as OpenOffice

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Comunità slide  Comunità slide Presentation Transcript

  • COMUNITA' EDUCATIVA PER MINORI PIERLUIGI MATTEI
  • VILLA ALBA la mission: Promuovere e tutelare la dignità della persona;  Offrire l’opportunità, i luoghi, le occasioni per esprimere i propri bisogni e i propri problemi, ma anche per concretizzare le proprie abilità e le proprie risorse evolutive, potenzialmente intatte o residuali che siano, in progetto per la migliore autonomia possibile;  rispettare l’individualità di ogni persona, differenziando i percorsi educativi e terapeutici di ciascuno;  promuovere e sostenere la capacità delle persone di riconoscersi come autori/attori responsabili del proprio progetto di vita.
  • La metodologia che caratterizza i nostri percorsi educativi e terapeutici si fonda sui concetti di centralità e responsabilità della persona come essere sociale, sempre in relazione con altre personeche costituiscono il suo contesto di vita. Base teorica di riferimento, gli approcci psico-sociali (teorie umanistiche,cognitive, sistemiche) che, partendo da una prospettiva antropologica, attribuiscono un ruolo attivo alla persona, considerandola responsabile, portatrice di intenzioni e scopi, capace di attribuire significato al proprio e altrui agire e di monitorare l’interazione tra sé e gli altri nella definizione del proprio progetto esistenziale.
  • Nella comunità educativa per minori, don Pierluigi MATTEI, vogliamo dare risposta ai bisogni di tutti quei minori che necessitano di superare situazioni di disagio/disturbo sociale e psicologico attraverso l’impiego nella relazione di efficaci strumenti professionali. La Comunità pu accogliere fino ad un massimo di 10 minori, più ò due posti di pronta accoglienza, di entrambi i sessi e di età compresa tra i 10 ed i 18 anni
  • La comunita’ educativa per minori “Pierluigi MATTEI” .Ubicazione dei servizi I servizi educativi relativi all’area minori si svolgono all’interno della struttura sita in località Pitigliano (GR), strada statale Maremmana Ovest, La struttura è inserita in un ampio parco. E' dotata di due piscine (di cui una piccola per bambini). E' distribuita su due piani: • piano terra: portineria, uffici educatori, archivio, n. 6 bagni, di cui uno per persone diversamente abili, due camere da letto riservate a persone diversamente abili o ai casi di pronta accoglienza, dispensa alimentare, un ripostiglio per materiale pulizie, cucina, due sale da pranzo, lavanderia con stireria e guardaroba, ripostigli, zona ricreativa, biblioteca e sala studio per i ragazzi. E' presente una palestra. La Struttura dispone di due sale riservate agli incontri protetti. • primo piano: n. 10 camere da letto singole, completamente arredate, con relativi bagni completi e un balcone, uno studio attrezzato per i ragazzi con biblioteca, una camera relax; un ripostiglio per materiale pulizie e un guardaroba a muro. Sono presenti n.2 camere con bagno riservate agli educatori. La struttura rispetta i requisiti dettati dal Decreto del Presidente della Giunta Regionale 26 marzo 2008, n. 15/R (Toscana)
  • SERVIZI OFFERTI La comunità educativa per Minori Pierluigi MATTEI è una struttura che offre un servizio residenziale di protezione in favore di minori in stato di disagio familiare o che vivono in una situazione di mancanza di tutela nella propria famiglia tale per cui il servizio pubblico, il Tribunale e/o le forze dell’Ordine ravvedano la necessità di un allontanamento, con un’accoglienza basata su un progetto pedagogico/educativo personalizzato. La Comunità è un servizio per minori compresi in una fascia 10 - 18 anni, ma è comunque disponibile a valutare la possibilità d’accoglienza di bambini al di sotto dei 10 anni in base a specifiche richieste provenienti dai Servizi. Viene garantita l'attuazione dei due tipi di percorsi che caratterizzano l’ingresso dei ragazzi in Comunità: 1. Il percorso di natura penale, (provvedimento di collocamento in comunità in alternativa alla detenzione, MAP, Collocamento per affidamento in prova ai Servizi Sociali); 2. Il percorso di natura civile, che prevede l’allontanamento del minore dal contesto familiare originario, l’affidamento temporaneo ai Servizi Sociali e la prescrizione di un programma da
  • Il Progetto Educativo: principi e finalità generali Condizione imprescindibile di questo progetto educativo è il riconoscimento delle esigenze e dei bisogni dei minori I principi che orienteranno i nostri interventi sono pertanto: Accogliere Personalizzare Responsabilizzare Autonomizzare Sviluppare capacità di “empowerment ”
  • In particolare circa lo sviluppo delle capacità di “empowerment” Una delle finalità sarà quella di promuovere e incrementare, nei nostri giovani ospiti, il processo di“empowerment” tenendo conto che, questa dimensione è fortemente correlata con la possibilità delle persone di partecipare attivamente alla dimensione della comunità in cui sono inserite, percependosi in grado di gestire la propria vita e gli eventi che si verificano. Le tre componenti del processo di empowerment che ci proponiamo di sviluppare sono:  il senso di auto-efficacia percepita: incremento del senso di sé come capace di poter influenzare il proprio destino e realizzare i propri obiettivi;  le strategie di coping: formulazione e messa a punto di strategie per fronteggiare le difficoltà e per conseguire con successo i propri obiettivi, mettendo a frutto le risorse disponibili;  la comprensione dei contesti umani: comprensione critica e realistica dei fattori che influenzano la vita umana.
  • Gli obiettivi: Accogliere, osservare e valutare Costruire competenze, abilità, risorse Costruire processi di autonomia
  • Gli strumenti di lavoro La relazione educativa Rendere educativa la quotidianità O st rie pr udi nta la ep o, rsi vo ar al ro a r lo si al z rela La po r up g e di ion ion raz plo Es sè L’educatore di riferimento A ni ma del e z i on e ne d i azio one r e plo zazi s tur E riz i e cul valo ient b am e
  • Il personale educativo: ruoli e funzioni L’équipe della Comunità è composta da un numero di educatori tale da garantire, nei momenti di presenza dei minori presso la Comunità e durante le attività esterne, un rapporto numerico in linea con le normative regionali vigenti. Nelle ore di riposo notturno è garantita la presenza di almeno un educatore e di un ulteriore educatore reperibile. In ogni caso, la comunità s’impegna a una composizione qualitativa e quantitativa di verificabile efficacia comprendente la presenza di un responsabile nominalmente indicato. Il responsabile pu delegare al vice e ad altri operatori tutte quelle funzioni che ò permettano di raggiungere il miglior grado di condivisione all’interno dell’equipe, sulla base di un principio di attivazione che volutamente vuole coinvolgere tutto il personale nella conduzione materiale della vita quotidiana, nel costante monitoraggio degli avvenimenti e nella rivisitazione continua dei progetti per adeguarli all’evoluzione della persona e del gruppo.Nel rispetto dei ruoli e delle gerarchie, la Comunità molto punta sulla “sapienza ” e l’“esperienza umana” di tutti gli adulti competenti che vi lavorano e li chiama a metterla in gioco in ogni occasione, nella dialettica costante tra colleghi. Tutti gli educatori sono chiamati a collaborare perché ogni aspetto della vita quotidiana diventi occasione pedagogicamente fondata a disposizione dei ragazzi. Le competenze particolari, gli interessi, le reti personali di collegamento al territorio di ciascun educatore troveranno spazio attraverso l’assegnazione di compiti, progetti, attività che ne valorizzino l’espressione.La struttura usufruisce inoltre di tutti i servizi trasversali offerti ed attivati dal Territorio e/o erogati da Professionisti esterni e/o volontari:  Servizio di medicina di base e servizio infermieristico;  Servizi di mediazione culturale  Servizio di mediazione familiare  Servizi di supporto scolastico  Servizi di inclusione lavorativa  Servizi di counseling individuale o di gruppo
  • FUNZIONI SPECIFICHE: ns po es à Il R unit om c di e M ri to a L'E d di ile ab uca tor e li ra tu ul c Vol ont ari Supervisore Pedagogista Assistenza e supervisione legale Me dico bas di e
  • Il lavoro in comunità e il rapporto con i servizi invianti Diamo molta importanza e riserviamo un’attenzione particolare a ogni nuovo inserimento. La costruzione dell’inserimento, realizzata in stretta collaborazione con i servizi territoriali, e le modalità con cui vengono inseriti i ragazzi sono, a nostro parere, il primo fondamentale passo, per costruire con lui un rapporto basato sul rispetto,sulla fiducia e sul riconoscimento dei suoi bisogni essenziali. Le richieste di inserimento sono pertanto valutate con estrema attenzione non tanto con l’obiettivo di “escludere” chi appare come troppo difficile da “gestire” in comunità, ma per capire quale sia la strategia di inserimento più consona per ciascun ragazzo
  • La Comunità è impegnata a collaborare con i Servizi territoriali: • nell’armonizzare ogni intervento educativo con il Progetto quadro; • nel sostenere e tutelare i suoi ospiti nei rapporti con la famiglia d’origine; • nel concorrere alla valutazione dell’esperienza delle persone ospitate; • nel dirigere il proprio cammino educativo verso un ritorno nella famiglia d’origine o nell’accoglienza in una famiglia affidataria o adottiva, o quando queste soluzioni non siano opportune o praticabili, nel concorrere con i Servizi competenti alla realizzazione di un percorso di accompagnamento verso l’acquisizione degli indispensabili fondamenti per la realizzazione di una autonomia abitativa e familiare.
  • La permanenza in comunità La fase di accoglienza ha una durata media di 60 giorni dall’ingresso in Comunità. Il ragazzo viene accolto dall’équipe educativa. Questa fase è finalizzata a offrire, da un lato, al ragazzo l’opportunità di sperimentare concretamente le dinamiche della vita in comune e di inserirsi gradualmente all’interno del gruppo dei coetanei; dall’altro, a dare agli educatori la possibilità di conoscerlo, di individuare le sue risorse e le sue difficoltà per poter poi cocostruire con lui il P.E I. Durante questa fase l’équipe, valutando le caratteristiche, i problemi e le risorse di ogni singolo ragazzo,sceglie insieme al ragazzo l’operatore di riferimento, che ha il compito poi di seguirlo individualmente nel processo di crescita e di sviluppo, nonché di fornirgli una presenza stabile a cui rivolgersi per esprimere i vissuti personali rispetto a sé e al proprio percorso attuale e futuro. L’operatore di riferimento NON sostituisce in alcun modo la cura che Alcomunque deve poter ricevere indistintamente verifica con educatori e con i termine del periodo di accoglienza, si effettua una da tutti gli il ragazzo presenti. Servizi territorialiinvianti e si iniziano e delineare gli obiettivi del Progetto Educativo Individualizzato.
  • La stesura del Progetto Educativo Individualizzato vede come co-autori il minore e tutte le persone significative che lo circondano: vogliamo sottolineare, infatti, la dimensione di condivisione e di accordo che è sottintesa alla costruzione del percorso in comunità. Il progetto, firmato dal minore quando possibile, dall’educatore di riferimento e dal servizio inviante, è concepito come un contratto in cui le parti condividono obiettivi e percorsi, si assumono impegni, stabiliscono tempi e criteri per le verifiche. I servizi di riferimento vengono informati del progetto e, per quanto possibile, almeno in parte, collaborano alla sua stesura. La metodologia con cui viene elaborato il progetto è quello della mediazione, con cui si cerca di costruire un percorso educativo realistico e adatto alle caratteristiche del minore e alle sue risorse. Il lavoro è centrato sulla contrattazione e sulla co-costruzione del progetto che il ragazzo è chiamato a condividere e sottoscrivere ed, eventualmente, a rinegoziare attraverso l’assunzione di impegni responsabilizzanti idonei a orientare lo sviluppo delle sue capacità auto-regolative e a incrementare la sua percezione di autoefficacia. All’interno del progetto sono previsti interventi e attività finalizzate a valorizzare il più possibile le risorse e le competenze dei singoli ragazzi, potenziando la loro capacità di affrontare i problemi, di entrare in relazione con gli altri e di costruire percorsi funzionali alla crescita. All’interno del progetto vengono esplicitate anche le modalità di coinvolgimento del minore e di tutte le figure di riferimento coinvolte (comunità, servizi, familiari, etc.), al fine di attivare il piano delle risorse del minore sia a livello familiare che socio-ambientale. Ogni mese vengono effettuate delle verifiche, che sono un momento di riflessione in cui vengono discussi tutti i punti del progetto; come per ogni contratto, è possibile che vi siano state delle inadempienze, che non siano stati raggiunti degli obiettivi, o che gli strumenti concordati si dimostrino inadeguati: in tal caso il progetto, laddove necessario, viene modificato poiché è la trascrizione di un percorso che si trasforma, adeguandosi sempre alla realtà della persona con cui viene co-costruito.
  • Il PEI steso in forma di documento contiene i seguenti aspetti:  Risorse presenti o da consolidare  Obiettivi da raggiungere  Tempi previsti  Azioni e strumenti necessari  Criteri di valutazione del raggiungimento dei risultati  Problemi da affrontare  Impegni e responsabilità dell’équipe della comunità, del servizio inviante e del ragazzo
  • La formazione continua degli operatori e il funzionamento dell’equipe La Comunità considera la preparazione, lo studio e la formazione permanente requisiti irrinunciabili per chi, in generale, operi con e per bambini e adolescenti e per coloro che, in particolare, convivano con persone provenienti da situazioni familiari complesse che necessitano di una sensibilità relazionale assiduamente rinnovata e alimentata. La professionalità di ciascun adulto accogliente o educatore, composta e connotata da un “sapere” che deve condurre, produrre e tradursi in un quotidiano “sentire” e “agire” educativo, ha necessità di avere spazi e tempi stabili e continuativi per la sua crescita e la sua verifica, quindi l’organizzazione della vita familiare prevede tempi per la riflessione e la progettazione individuale e comune, spazi per la valutazione, lo studio e la stesura di appunti, note, osservazioni e memorie educative. Tutti gli educatori della Comunità assolvono agli obblighi di formazione permanente in misura non inferiore a quanto prescritto, in tale materia, dai contratti collettivi nazionali di lavoro. In questo ambito, L'Ente gestore Villa ALBA  Programma periodiche attività di formazione (anche in collaborazione con altri enti o associazioni) tali da garantire la realizzazione e la verifica degli orientamenti pedagogici generali e degli obiettivi educativi specifici;  Mette a disposizione degli educatori propri consulenti per particolari aspetti legali, sanitari, pedagogici, scolastici;  Garantisce il coordinamento e la verifica costante del lavoro educativo  Attua a tutti i suoi educatori una supervisione a frequenza variabile, volta a prevenire forme di burn out, anche attraverso professionisti specificatamente convenzionati
  • Il lavoro in comunità e il rapporto con i servizi invianti Diamo molta importanza e riserviamo un’attenzione particolare a ogni nuovo inserimento. La costruzione dell’inserimento, realizzata in stretta collaborazione con i servizi territoriali, e le modalità con cui vengono inseriti i ragazzi sono, a nostro parere, il primo fondamentale passo, per costruire con lui un rapporto basato sul rispetto,sulla fiducia e sul riconoscimento dei suoi bisogni essenziali. Le richieste di inserimento sono pertanto valutate con estrema attenzione non tanto con l’obiettivo di “escludere” chi appare come troppo difficile da “gestire” in comunità, ma per capire quale sia la strategia di inserimento più consona per ciascun ragazzo
  • Il lavoro in comunità e il rapporto con i servizi invianti Diamo molta importanza e riserviamo un’attenzione particolare a ogni nuovo inserimento. La costruzione dell’inserimento, realizzata in stretta collaborazione con i servizi territoriali, e le modalità con cui vengono inseriti i ragazzi sono, a nostro parere, il primo fondamentale passo, per costruire con lui un rapporto basato sul rispetto,sulla fiducia e sul riconoscimento dei suoi bisogni essenziali. Le richieste di inserimento sono pertanto valutate con estrema attenzione non tanto con l’obiettivo di “escludere” chi appare come troppo difficile da “gestire” in comunità, ma per capire quale sia la strategia di inserimento più consona per ciascun ragazzo
  • LA GIORNATA TIPO – La giornata in Comunità è sostanzialmente organizzata in modo funzionale alla vita quotidiana dei ragazzi. Nei giorni feriali la vita di Comunità è scandita come segue: Ore 7.00/8.00 sveglia-colazione. Ore 8.00/8.30 attività strutturate di formazione interne ed esterne e frequenza di laboratori interni condotti da formatori professionisti in specifiche aree (ristorazione, agricoltura biologica,giardinaggio) Ore 12.00/13.30 preparazione e pranzo Ore 13.30/15.00 sistemazione sala da pranzo e tempo libero Ore 15.00/16.00 organizzazione attività pomeridiane Ore 16.00/19.00 sport, volontariato, acquisti, compiti, ripresa attività di formazione Ore 19.00/21.00 igiene personale, cena e riordino sala da pranzo. Ore 21.00/23.00 attività di relax, giochi, TV Ore 23.00 riposo Il week end è dedicato ad attività comunitarie, in stretta interazione e collaborazione con le iniziative del Territorio. I ragazzi potranno inoltre uscire in autonomia, previo accordo con il servizio inviante, frequentando le proprie compagnie, ma sempre comunicando i luoghi e accordandosi per gli orari di rientro. Non verranno comunque autorizzati rientri in orari
  • INSERIMENTO SOCIO LAVORATIVO Il progetto con valenza sperimentale e nasce dall'impegno della nascente Comunità Pierluigi Mattei, dell'Impresa Sociale Villa Alba con sede a Pitigliano (GR) e dell'Associazione Nazionale ed Internazionale CAD Sociale (Centro di Ascolto e di Prevenzione del disagio). Ha come target di riferimento adolescenti e giovani in stato di disagio, con particolare attenzione ai minori in età adolescenziale, a tutti quei giovani che imperversano in condizioni di emarginazione e di marginalità, anche legata all'assenza di punti di riferimento. Si occupa di attuare azioni, finalizzate al recupero della dimensione psico socio pedagogica, anche in raccordo con i Servizi, attraverso una progettazione educativa individualizzata che valorizzi le risorse individuali nel contesto Sociale di riferimento
  • Il progetto si propone di: 1. sperimentare un modello di alternanza tra lavoro e formazione teso a favorire l’orientamento alla scelta professionale e la prima acquisizione di elementi di professionalità; 2. elaborare un progetto individuale rispondente alle potenzialità e all’orientamento di ciascun ragazzo/a; 3. sviluppare l’integrazione tra formazione professionale e accompagnamento educativo. 4. operare al fine di raccordare centri di formazione, strutture comunali, mondo delle imprese, associazioni no profit per potenziare l’efficacia delle azioni rivolte ad adolescenti in difficoltà personali ed ambientali. L’intervento si caratterizzerà per la sua valenza sperimentale e sarà un punto di raccordo tra le diverse competenze e tra gli specifici contributi messi in campo dai vari Soggetti coinvolti. Ciò consentirà l’attuazione di un percorso, ad un tempo educativo, di avviamento professionale e di concreta esperienza di lavoro nell’impresa. Per la tutela del percorso in cui ogni adolescente è impegnato fondamentale importanza assume la relazione educativa quale fattore di protezione e sostegno verso la realizzazione del proprio progetto.
  • Metodologia La metodologia adottata corrisponde ad un dispositivo di intervento personalizzato e flessibile che sia in grado di: 3. progettare percorsi formativi individualizzati differenziando gli obiettivi; 4. programmare uscite dal progetto in qualunque momento in base al raggiungimento degli obiettivi; 5. individualizzare metodiche formative ed educative secondo le esigenze di ciascuno; 6. estendere l’intervento di sostegno e di orientamento ad adolescenti anche nella fase successiva alla conclusione del percorso formalizzato; 7. prevedere la possibilità di accedere al percorso di tirocinio e avviamento al lavoro per consolidare e implementare le competenze professionali nella prospettiva di un inserimento lavorativo anche all'interno dell'Impresa
  • Tempi e fasi dell'intervento Il percorso si articola in due fasi: Orientamento Formazione Accoglienza Formazione in stage Bilancio di competenze La formazione interna Orientamento al ruolo professionale. In aula Nei laboratori