Newsletter 51 2012

262 views
195 views

Published on

La newsletter 51 del rugby senese

Published in: Sports
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
262
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
6
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Newsletter 51 2012

  1. 1. Notiziario sportivo dell’Associazione Siena Rugby Club 2000 - Anno IV n. 51/2012 Troppo forte. La capolista Parma 1931 passa al Sabbione imponendosi per 26-5Dopo 5’50” di gioco la partita è, se non proprio fini- difesa dei ducali. I tentativi di scavalcare dall’alto lata, mezza andata per i padroni di casa già sotto per trincea emiliana sono vanificati dalla pessima mira dei14-0. Dopo 1’55” l’ala Rancan ha infatti trovato un piedi dei senesi. Al 14’ si accende una piccola luce. Unintervallo nella difesa senese e l’ha bucata depositan- calcio di punizione potrebbe portare i senesi a gioca-do in meta e dopo 4’48” la possente terza linea Faraj re ben dentro la linea dei 22 ma Gembal non trovasi è involata, approfittando di un recupero di palla la touche. Ricacciata indietro Banca Cras rischia didifensivo, per sessanta metri schiacciando tra i pali e capitolare al 17’ quando una bella e rapida azionegettando sale sulle ferite senesi. Partire ad handicap libera l’ala Buso che viene bloccata quando la fettuc-fa sempre male, figuriamoci con la capolista. Il Parma cia del traguardo è ormai prossima da un bel recupe-1931 scende al Sabbione forte di sette vittorie in ro di Guideri. Sugli sviluppi dell’azione Parma cerca disette partite e, al di là della sua grande tradizione (tre entrar dentro prima di forza poi di eleganza mascudetti nella bacheca della bella club house), dispo- Banca Cras difende bene e chiude tutti i varchi. Saràne concretamente di una squadra ben equilibrata questo miglioramento difensivo, probabilmente, ilcapace di variare il gioco e di giocatori con mani edu- miglior aspetto della partita dei senesi, che infatticate al maneggio dell’infido ovale. Banca Cras con- non riescono, nonostante gli sforzi, a farsi pericolosi.trappone tanto entusiasmo e, per l’ennesima volta, Passano dieci minuti e il Parma trova la terza segna-una formazione molto rimaneggiata, con alcuni gioca- tura, con Ferrari liberato da un bell’off load di Buso.tori fuori dai loro ruoli. Il bel XV emiliano gioca un rugby saggio e razionale,Subita la botta Banca Cras cerca di recuperare ma, senza dissipare energie quando non è necessario.pur giocando qualche buona fase, non riesce a ren- Con la partita in pugno la squadra di Gutierrez devedersi pericolosa; le sue azioni sono regolarmente ottenere solo un altro obiettivo, quello di centrare labloccate all’altezza della linea mediana dalla bella quarta segnatura che vale il punto di bonus. E ci
  2. 2. rosso diretto a Gembal). C’è tempo solo per un contrattacco di Parma che va vicino all’ennesi- ma segnatura. G a b r i e l e Macciantiriesce al 6’ della ripresa (dopo un’altra apprezzabilefase difensiva dei senesi) con Paolo Larini che con-cretizza un’azione davvero armonica dei tre quarti CUS SIENA RUGBY – PARMA 1931 5-26 (0-5)che si passano l’un l’altro ovale e liberano l’ala lungo CUS SIENA: Gembal; Maestrini L., Saviano,l’out: due finte, per evitare gli avversari, e palla in Bernardoni, Gaggelli; Guideri, Ferrazzani; Dupré,meta (0-26). Applausi. A questo punto la partita cam- Faleri, Rocchigiani; Maestrini M., Marzi; Baleani,bia di segno, vuoi per la legittima soddisfazione degli Pirondi, Giambi. All. Mazzuoli, Barone.ospiti, vuoi per l’orgoglio di Banca Cras. Perso per PARMA 1931: Vaccari; Basso, Zanichelli, Rancan,perso i senesi si fanno avanti e si rendono pericolo- Larini P Ferrari F Barbati; Uriati, Ferrari D., Faraj; .; .,si, finalmente, al 18’, dopo quasi un’ora di gioco, con Mattucci, Ferrari J.; Marchica, Quagliotti, Castagneti.una serie di attacchi insistiti; replicati testardamente All. Gutierrezancora al 24’ e al 32’ senza però riuscire a sfondarela munita trincea emiliana che regge agevolata invo- ARBITRO: Muscio (Prato)lontariamente da qualche errore senese. Questi MARCATORI: 2’ m. Cancan (P) tr Vaccari; 4’ m. .attacchi, non certo lucidi ma sicuramente generosi, Faraj (P) tr Vaccari; 27’ m. Ferrari F (P) tr Vaccari. St. . . .sono infine premiati al 35’ quando Dupré riesce final- 6’ m. Larini P (P), . 35’ m. Dupré (S).mente di forza a varcare la sospirata linea bianca (5- NOTE: A disposizione per Cus Siena: 16 Pucci,26). Guideri, ahimé, fallisce la facile trasformazione. Pezzuoli, Redzic, Fineschi, Carmignani, Pieri, Sestini.Apprezzabile, e degno di essere rimarcato, il fatto Cartellino giallo per Loreti (P) al 18’ del st. e rossoche i senesi premono pur dovendo giocare l’ultimo per Gembal (S) al 25’.spicchio di match in inferiorità numerica (cartellinoSIENA RUGBY! 2
  3. 3. Immagini di Antonio CinottiUnder 20Nitidissimo successo dellaunder 20 ai danni di Cittàdi Castello. I giovani bianco-neri si sono imposti per 62-0 su un campo in pessimecondizioni, come dimostra-no le immagini del match,successivo, disputato dallacompagine seniores.Note dallo spogliatoioFacce scure. La delusione dei senesi è palpabile nel dopopartita, mentre i piatti di pasta rallegrano la fred-da serata. Non era certo questa la partita in cui la squadra bianconera poteva, ragionevolmente, pensaredi imporsi ma la speranza di tutti era quella di riuscire ad essere più competitivi. Nicola Bielli: “Diciamoche l’incontro con la capolista ha dimostrato un miglioramento nella difesa impegnata su più fasi. QuandoParma ci ha impegnati in plurifase abbiamo retto bene il confronto. Per il resto c’è poco da dire se nonche si è visto la differenza dei valori sul campo”. Andrea Bocci: “Complimenti al Parma e alla sua bellaorganizzazione di gioco. Sono bravi anche in difesa e placcano veramente bene”.Claudio Barone: “Partita a senso unico nel primo tempo. Purtroppo la nostra squadra è scesa in campotroppo rimaneggiata per competere. Meglio la ripresa, con qualche segnale interessante”. SIENA RUGBY!3
  4. 4. Risultati e classificaCampionato Serie C élite - Zona 3 Centro Classifica Classifica: Parma 38 *Risultati della nons giornata di andata Terni 32 *Altri risultati e classifica Forlì 1979 24Bologna 1928 - Cesena 1970 rinviata per neve Imola 24 * *Città di Castello -Terni rugby 0-84 Jesi 18 * *San Benedetto - Imola Rugby 26-27 Bologna 18 *Jesi 1970 - Firenze 1931 29 -10 San Benedetto 16 *Cus Siena Rugby - Parma 1931 5-26 Cus Siena 15Riposa: Forlì 1979 Cesena 15 * * Firenze 1931 5 * Città di Castello 1 * Una partita in menoSolo quattro partite disputate in questa giornata di campionato a causa del rinvio del derby emilianoromagnolo tra Bologna e Cesena; nelle altre quattro partite risultati prevedibili. Il match più interessantesi è disputato a San Benedetto dove l’Imola è passato a fatica; i marchigiani hanno dimostrato per l’enne-sima volta che sul loro campo possono competere con chiunque. Per il resto affonda il Città di Castellocon Terni, Jesi piega con facilità Firenze e Parma passa in modo complessivamente agevole a Siena.La classifica conferma la fuga a due di Parma e Terni, mentre per il terzo posto la situazione è ancora con-fusa a causa dei numerosi recuperi; tuttavia Imola sembra la più accreditata ad accedere alla terza piazza.SIENA RUGBY! 4
  5. 5. Veneto, Galles d’ItaliaL’Italia, com’è noto, nel suo complesso ha scoperto il Rizzo e Ghiraldini hanno cominciato direttamenterugby solo da pochi anni. Guardiamo un attimo al lavo- in una società di primo piano (anzi il club con mag-ro della regione dov’è più diffuso e conosciuto, il Veneto. giore tradizione giovanile in Italia, cioè il Petrarca) e Simone Favaro, a nove anni, è stato scippato al cal-Il grande pubblico del rugby ha scoperto i nomi cio e condotto al Benetton attraverso il recluta-nuovi di Alberto Sgarbi, autore di una meta agli All mento scolastico. I due Bergamasco su impulso delBlacks, e di Francesco Minto, capace — alla sua padre Arturo conobbero la palla ovale nelseconda presenza — di una prestazione da man of Selvazzano e Mauro, convocato nel novembre 2011,the match contro lAustralia. Mentre sono freschi di giocò nei Barbarians con i calzettoni biancoverdiesordio anche lennesimo figlio darte Iannone e il della sua primissima squadra. Minto è stato svezza-mestino delle Zebre Davide Giazzon, i numeri con- to a Mirano, De Marchi a San Dona, Sgarbi nelfermano che la regione quale principale serbatoio Villorba dove, ha raccontato, «gli allenatori del mini-di forze per la Nazionale azzurra: erano veneti 12 rugby "Dadi" Bazzichetto e "Nei" Tonon mi hannofra i 20 italiani di nascita convocati da Jacques insegnato il significato dello spirito di gruppo,Brunel per il trittico dei test match. Sulla filiera che essenza di questo sport».conduce allalto livello e sulle Accademie a gestione Iannone è cresciuto nellambiente della Tarvisium,Fir si discuterà allinfinito, ma intanto la rete dei pic- Giazzon e Benvenuti a Mogliano, dove gioca anchecoli club si dimostra ancora indispensabile sul piano il promettente fratello minore del bianco verde,della leva e dellavviamento alla palla ovale. Solo Giovanni. Prima di passare alla Monti Rovigo,5
  6. 6. Antonio Pavanello ha provato a sette anni nel società rimane lorgoglio. Ma il salto è difficilissimo,Stanghella. «Il Veneto ha tutte le potenzialità per bisogna lavorare duro come, ad esempio, ha fattoessere un autentico Galles dItalia», ha più volte sot- Sgarbi». Sempre allavanguardia nei metodi di allena-tolineato Vittorio Munari, plenipotenziario di una mento, la Tarvisium è un altro dei floridi vivai vene-realtà professionistica che sogna sempre di poter ti. «Consideriamo Iannone uno dei "prodotti"dotarsi di una dimensione regionale (le maglie aran- della nostra società e il suo esordio in Nazionalecionere saranno un modo per cominciare a smar- contro le Tonga ci ha riempito di soddisfazione —carsi?). Per il senso di appartenenza forse continua commenta il presidente Guido Feletti — una voltaa contare anche la pastasciutta dopo lallenamento, il reclutamento occupava molte risorse, dal 2002-quei piccoli gesti che rendono la «casetta» un ruolo 2003 il problema invece non sono i numeri ma leaccogliente per rugbisti di diverse generazioni. strutture per accogliere le richieste da parte di«Lavoriamo con ragazzi che vanno dallunder 6 famiglie e bambini. Abbiamo circa 160 tesserati daiallunder 20— spiegai! Responsabile del settore 5 ai 18 anni. Lattenzione è ora tutta rivolta alla qua-giovanile del Mogliano, Stefano Saviozzi, da giocato- lità del lavoro, in un percorso che è principalmentere un esempio per carattere e sacrificio — a livello cognitivo fino allunder 12 e che vogliamo vengadi minirugby il boom della Nazionale sta portando completato fino alla quinta superiore con il nostroi suoi benefici anche dove esiste già una tradizione, club».ma poi diventa difficile trattenere i ragazzi fra i 12 ei 14 anni, quando da gioco il rugby diventa uno Elvis Lucchese, Il Corriere della Sera – ed.sport che esige impegno e fatica. Quando esiste un Veneto, 29 novembre 2012talento è naturale che lo sbocco diventi il professio-nismo, nella fattispecie il Benetton, e alla primaSIENA RUGBY! 6

×