Newsletter 5 2013

182 views
151 views

Published on

La newsletter numero 5 del 2013 del rugby senese parla di Italia Francia, di minirugby e di un weekend sui campi toscani!

Published in: Sports
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
182
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Newsletter 5 2013

  1. 1. Notiziario sportivo dell’Associazione Siena Rugby Club 2000 - Anno V n. 5/2013 sotto i baffi: «Philippe, oggi ci sono solo due france- si felici, io e te». «In realtà ho ricevuto tanti sms daIl cielo sopra Roma amici italo-francesi ed erano più contenti per gli azzurri che delusi per i Coqs» confessa il responsa- bile dei trequarti.Apertura d’obbligo con lo splendido successo dellaNazionale. Tra i numerosi articoli pubblicati dalla Il paradosso è che lItalia ha sconfitto la Francia gio-stampa, riprendiamo quello di Francesco Volpe del cando... da Francia. Con mentalità francese, secon-Corriere dello Sport. do canoni francesi. Perché da sempre, dai tempi di Julien Saby (anni ‘30 e ‘50), in assenza di una scuola tecnica indigena, sono i "cugini" a saperSì, lItalia è tornata francese trarre il meglio da noi. Con la loro filosofia e i loro metodi. Pierre Villepreux (1978-81), BertrandDa sempre i tecnici transalpini sanno Fourcade (1989-93), Georges Coste (1993-99),trarre il meglio da noi Brunel in poco più Pierre Berbizier (2005-2007) ed ora Jacques Bruneldun anno ha trasformatogli azzurri. Vi hanno firmato con non casuale puntualità i momen-spieghiamo come ti doro del rugby azzurro. Villepreux ci traghettò nella modernità; Fourcade e Coste costruirono la Nazionale che ci schiuse le porte del CinqueDomenica sera, in un raro momento di calma, Nazioni; Berbizier resta il solo ad averci fatto vince-Jacques Brunel e Philippe Berot si sono guardati in re due partite in unedizione del Torneo. Solo chefaccia e al e ct. azzurro è scappato un sorriso da ogni tanto ce ne dimentichiamo e andiamo appres-
  2. 2. so a chimere anglosassoni. mi, ideare strategie, ma poi quel che conta è ciò che fai nella realtà. Sul campo. A farci ripassare la lezio-In poco più dun anno, Brunel ha preso un gruppo ne è stato Philippe Berot, 48 anni appena compiuti,di ragazzi cui tremavano le mani ad ogni passaggio ex ala, campione di Francia con lAgen, che con ie ne ha fatto una squadra capace di imporre il pro- Bleus ha disputato e vinto tre Cinque Nazioni, ilprio gioco e segnare due mete da 80 metri alla primo con contorno di Grand Slam. «Per trasfor-Francia. Riportando lItalia al 9° posto mondiale. Ed mare il gioco italiano abbiamo lavorato su tre aspet-ora ha quasi paura di quello che è riuscito a realiz- ti: testa, organizzazione e qualità individuali spiegazare: «Saremo grandi quando sapremo ripeterci». Berot - Il concetto più importante da far assimilareIntanto Jonathan Davies, apertura-mito del Galles, era che nel rugby puoi pianificare quanto vuoi, malo elogia alla BBC: «Il cambio Orquera-Burton con- poi sul campo devi adattarti alla situazione. E nontro la Francia è stato un capolavorotattico». venitemi a dire che i trequarti italiani sono inferio-Vediamo come è maturata la rivoluzione-Brunel. ri ai francesi. Il francese può essere superiore indi- vidualmente, ma litaliano è più efficace nel colletti- vo. Capitolo a parte Orquera. Un n.10 azzurro uomo-partita nel Sei Nazioni: roba da Diego Dominguez! -Luciano ha curato precisione, qualitàLattacco. Lassistente Berot: «Cambiata la del passaggio e attitudine. E può ancora migliorare».testa» Posizione più alta, aggressiva. E soprattutto testa«Imporsi, non opporsi». Sono state le prime tre sgombra: «Prima non potevo sbagliare, ora sì» diceparole pronunciate da Jacques Brunel ai suoi azzur- il "cordobés", ribattezzato Pony dai compagni.ri. Storia di 14 mesi fa, o giù di lì. Messaggio ricevu-to. Le due mete alla Francia sono la fotografia dellametamorfosi dellItalia. Due mete nate da contrat-tacchi di 80 metri: il primo innescato da McLean,rifinito da Orquera e mandato a dama da Parisse; il La preparazione. Sedute più brevi ma piùsecondo innescato da Venditti, rifinito ancora da frequentiOrquera e concluso da Castrogiovanni. Roba chenon vedevamo da un altro Italia-Francia (Grenoble, Nella sera incipiente dellOlimpico ha stupito tutti1997), con Vaccari ad accendere la miccia e Croci la tenuta dellItalia. Una dote già mostrata contro i(una seconda linea!) a tuffarsi in meta 100 metri Wallabies, a novembre. Il preparatore è Alex Marco,dopo. Altri tempi, altro rugby. LItalia di Nick Mallett 35 anni. Arrivato con Nick Mallett, è stato confer-azioni così non le costruiva neppure alla playstation. mato da Brunel. E cambiato però il modello di alle-Questione di filosofia, non di uomini. Sono trentan- namento. Ovviamente in senso francese. Seduteni che i francesi ci insegnano il loro credo: «Giocare leggere, da 35-40 minuti, ripetute fino a tre voltele situazioni». Puoi studiare i video, provare gli sche- nellarco della mattinata. Si lavora per reparti, poiSIENA RUGBY! 2
  3. 3. collettivamente e infine in palestra (non sempre in Cicero, dopo sei settimane di stop per infortunio,questordine). Il pomeriggio è dedicato al recupero, appena 35 con il Racing; "Castro" viene impiegatoal riposo e alle riunioni. Prima si stava sul campo a mezzo servizio dal Leicester Anche per questo gli .anche per più di due ore. Molto anglosassone, ma azzurri sono sopravvissuti, placcando fino allultimo,anche sfibrante, fisicamente e mentalmente. Cè poi ad una partita il cui tempo effettivo di gioco è statoun altro elemento. Questanno alcuni veterani sono di 43 minuti: unenormità!arrivati più freschi al Torneo. Parisse nellultimomese ha giocato solo 23 con lo Stade Francais; Lo Immagini di Antonio Cinotti (copertina) e Andrea Castagnini SIENA RUGBY!3
  4. 4. Sette su setteAncora un week-end pieno di soddisfazioni per Serie C 3 - Terza vittoria consecutiva per Siena RC 2000il rugby senese Montecarlo Rugby - Siena Rugby 2000 7-19Con Banca Cras ferma per pausa di campionato le altre È stata una partita molto difficile, anche se si è con-compagini senesi hanno raccolto solo vittorie sui campi clusa con una vittoria, quella giocata dalla squadra didella Toscana. Domenica, poi, com’è noto, circa 150 Andrea “Nello” Guadagno domenica 3 febbraio sulsenesi hanno assistito allo Stadio Olimpico al magnifico campo di Lucca. E l’appellativo di squadra questasuccesso della Nazionale azzurra sull’équipe de France, volta ha un significato pieno soprattutto a livelloal termine di 80 minuti di gran gioco da entrambe le comportamentale, visto che la quantità di giocatori aparti. Un piccolo contingente di appassionati biancone- disposizione rispetto alla formazione ufficiale delri, una quindicina circa, assisterà sabato prossimo a venerdì si era drasticamente ridotta. Con soli treEdinburgo al match, che si preannuncia durissimo, con cambi, costituiti tra l’altro da due esordienti (Iannotoil XV del cardo. e Parigiani), e al cospetto di un arbitro che ha presoDomenica, invece, riprende il campionato di serie C alcune decisioni opinabili, il Siena Rugby Club 2000 èinterregionale. Banca Cras sarà impegnato sul campo di comunque riuscito lo stesso ad avere la meglio sugliCittà di Castello. La squadra umbra occupa l’ultimo avversari.posto in classifica ma giusto due settimane fa ha otte- Il primo vantaggio degli ospiti si concretizzava già alnuto il suo primo successo in campionato. Sarà quindi 6’ grazie ad una bella meta di Giorgi e, poi, al 15’, gra-necessario affrontarla con attenzione. zie alla meta di Mazza trasformata da Secchi, al rien- tro dopo un periodo di assenza forzata. Da quel momento in avanti i giocatori bianconeri non riusci-SIENA RUGBY! 4
  5. 5. vano però a concretizzare la mole di gioco creata, Under 8 – Tre vittorie al “Sabbione”arrivando a non completare alcune mete che sem-bravano già fatte. Si andava al riposo con Siena in van-taggio di 12-0.Il secondo tempo vedeva di nuovo il Siena RC 2000fare gioco e sbagliare in attacco, fino a quando ilMontecarlo Lucca non prendeva coraggio e al 17’riusciva a segnare l’unica meta dell’incontro. A quelpunto il coach dei senesi cercava e riusciva a sveglia-re i suoi ragazzi: così, al 31’ Giorgi realizzava la secon-da meta personale trovando anche la trasformazionedi Secchi. Il risultato poteva essere ancora più corpo-so se un’imperiosa penetrazione senese non fossestata bloccata da un bel placcaggio sulla linea di meta.Per fortuna questo non ha impedito a Siena di por-tare a casa un’altra vittoria, la terza dall’inizio del2013, e di recuperare punti preziosi in classificaapprofittando anche del fatto che nessuna delle tre Sabato 2 febbraio si è svolto al “Sabbione” un con-squadre davanti ha riportato una vittoria in questa centramento under 8 al quale hanno partecipato,prima domenica di febbraio. «Sono molto soddisfat- oltre al Cus Siena, Vasari Arezzo, Firenze 1931 eto della prestazione dei ragazzi» ha detto Guadagno Sesto Fiorentino. Il Cus Siena è uscito dal campo cona fine partita «non è stato facile avere la meglio su tre vittorie su tre partite, giocando e divertendosiLucca avendo a disposizione solo tre cambi, ma la con le altre compagini, presentatesi regolarmentesquadra ha risposto bene alle difficoltà che si sono con al seguito tantissimi genitori nonostante il catti-create in campo. Ora vogliamo continuare questa vo tempo. I piccoli di soli 7 anni hanno dimostratorincorsa e provare a vincere la prossima partita col coraggio e, tutti pieni di fango, si sono fatti ammirarebonus». L’auspicio è anche nostro. E siamo convinti per l’impegno e la dedizione anche da chi li stavache sia possibile visto che il ruolino delle ultime gior- guardando. Il terzo tempo, con pane e nutella ed unanate ha riportato il SRC2000 alla posizione che merenda-cena (con tanto di brace fumante) organiz-merita: dopo aver chiuso al terz’ultimo posto il 2012 zata dai genitori, è stata la ciliegina sulla torta dellaora ha solo 6 punti dalla terza. giornata. Da parte dei genitori dellunder 8 un senti- Alessandro Fabrizi to ringraziamento allo staff degli educatori del Cus Siena Rugby.Siena RC 2000: Bertino; Giorgi, Bardelli, Signorini,Mazza; Donati S., Donati D.; Spessot, Solfanelli, Giovanna BartaliniSecchi; Castiglione, Landi; Bruno, Lucibello, Palazzolo.All. Guadagno. A disposizione: D’Ambrosa, Iannoto,Parigiani. Under 12 – Tre vittorie a PratoProssimo impegno: domenica 17 febbraio in casa conArieti Arezzo. Sul campo di Iolo, abitualmente calcato dal XV dei Cavalieri Prato è scesa in campo sabato la Mc Donald’s Cus Siena Rugby Under 12. sabato dei,5
  6. 6. dove per i ragazzi (e non solo) è sempre emozionan-te entrarci da protagonisti. Nel concentramento c’e-rano oltre ai padroni di casa, anche Arezzo e BomboFirenze. Purtroppo il campo in pessime condizioni hapenalizzato il gioco e i ragazzi hanno faticato ancheper correre. In ogni caso, nonostante una formazio-ne rimaneggiata per le assenze provocate dall’in-fluenza che imperversa in questo periodo, i piccolirugbisti si sono fatti rispettare, combattendo in tuttele azioni e dando vita anche a belle azioni di ottimorugby.Ottimo anche il bilancio: i giovani hanno chiuso anco-ra una volta imbattuti, portando a casa tre vittorie!Faticose le vittorie con Bombo (3 a 2, con un bel-lissimo il primo tempo giocato a livelli veramentealti da tutte e due le squadre) e con Arezzo (6 a 5),e un successo contrastato solo nel primo tempodai Cavalieri (6 a 1 il finale). Dopo le partite docciacalda e terzo tempo fatto di ottimi dolci offertidalla squadra ospitante. Rientro a casa tutti stanchima contenti per le belle cose fatte vedere sulcampo. Settimana prossima riposo, si riparte sabato16 febbraio sul campo del Gispi Prato. Roberto BartolomucciSIENA RUGBY! 6
  7. 7. Gli appassionati senesi al Sei NazioniFoto sulla Gazzetta, immagini della BBC: ecco tra Murrayfield, Twickenham e Millennium Stadium le “prove”delle partecipazioni senesi al Sei Nazioni. di Paolo Galardi7

×