Your SlideShare is downloading. ×
  • Like
48 2012
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Now you can save presentations on your phone or tablet

Available for both IPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

48 2012

  • 109 views
Published

La newsletter 48 del rugby senese, la vittoria contro Firenze 1931 e altre notizie del rugby senese!

La newsletter 48 del rugby senese, la vittoria contro Firenze 1931 e altre notizie del rugby senese!

Published in Sports
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
109
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
1
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Notiziario sportivo dell’Associazione Siena Rugby Club 2000 - Anno IV n. 48/2012 Il riscatto di Banca Cras I senesi si impongono nel derby con Firenze 1931 (22-5)I raggi del sole, quasi paralleli, al terreno di gioco, illu- pilone Paoletti. E da buon pilone, calcia malamente aminano di una luce morbida il “Sabbione” mitigando- lato da buona posizione. Le sacre tavole della legge dine la sincera bruttezza. Gli altoparlanti sparano una questo gioco così strutturato recitano che c’è chimusica rock che, piaccia a meno, trasmettono una deve suonare il pianoforte e chi lo deve spostare. Maivaga sensazione di allegria. Si è appena concluso il contraddirle. Per alcuni minuti gli ospiti giocano underby tra Banca Cras e Firenze 1931, bianconeri buon rugby. Il Firenze 1931, erede del Cus Firenze, hacontro biancorossi. I giocatori senesi, al centro del buona tradizione al gioco aperto: i suoi miglioricampo, intonano il coro della vittoria. Dopo due uomini giocano in serie A (la seconda in ordinesconfitte Banca Cras è infatti tornata a riassaporare importanza FIR). Siena esce dal guscio intorno al 15’il piacevole sapore della vittoria ed eccettuato il anche per merito della giovanissima aperturaprimo quarto d’ora, ha tenuto in mano le redini del Bartolomeo Trefoloni, in prestito dall’under 20, chegioco ottenendo un convincente successo che lo purtroppo fa le spese dei contatti certo più impegna-riporta in una posizione di classifica più confacente al tivi di quelli cui è abituato. Una botta lo costringe asuo (recente, ma pur sempre vero) blasone. uscire dal campo al 17’. Passa un minuto e Siena va a segno con Carmignani, sugli sviluppi di una mischia.Eppure l’inizio non era stato dei migliori: al 4’ Sestini trasforma (7-5). Preso il vantaggio Banca CrasTrefoloni mette a lato un calcio di punizione, al 6’ l’al- mantiene una pallida prevalenza senza fare nulla dita Goldemberg calcia in avanti e innesca un pericolo- eccezionale, contenuta da un coriaceo Firenze cheso contrattacco che la difesa senese blocca a fatica. difende invero aiutandosi con qualche fallo di troppo.Sulla touche seguente, i fiorentini aprono brillante- Il match si decide nell’ultimo quarto della prima fra-mente il gioco verso i trequarti: il centro Currini zione: al 31’Gembal innesca una splendida ed elegan-trova un intervallo e galoppa in meta (0-5). A tenta- te penetrazione che viene fermata dall’ultimo uomore la trasformazione, fatto davvero inconsueto, va il
  • 2. dell’ultima linea difensiva. Bella perché è solo cer-Siena porta il baricentro cando di attaccare che sidel gioco una ventina di ottengono i risultati. Lametri più avanti e preme, stessa filosofia chema ottiene il premio per Jacques Brunel sta inse-la sua supremazia solo gnando alla Nazionaleallo scadere, quando maggiore. Anche i senesiFerrazzani, buona anche la devono rifletterci: il terzosua prova, gioca in veloci- posto, infatti, sarebbe atà una punizione sulla soli quattro punti.linea mediana di campo a Gabriele Macciantiridosso dell’out sinistro,visto che l’invisibile corri-doio che lambisce la lineadi fondo campo è sguarnito dalle truppe avversarie.Corre così, vanamente inseguito, per 50 metri edeposita oltre la linea bianca (14-5). CUS SIENA RUGBY – FIRENZE 1931 22-7 (4-0)Nell’intervallo l’allenatore fiorentino Cerchi sprona isuoi, che appaiono un po’ affaticati e infatti bianco- CUS SIENA: Sestini; Maestrini L., Carmignani,rossi iniziano bene: al 2’, un sincronico movimento Buonazia, Gembal; Trefoloni, Ferrazzani; Palagi, Bocci,dei trequarti libera l’ala Goldenberg verso la linea Faleri; Marzi, Maestrini M.; Baleani, Perondi, Giambi.bianca di meta, ma il giocatore perde sciaguratamen- All. Camillote da solo il possesso dell’ovale. E’ forse ultimo guiz- FIRENZE 1931: Novelli; Goldemberg, Ambrosio,zo veramente pericoloso degli ospiti. I senesi, infatti, Currini, Peri; Favilli, Fanelli; Poli, Imprescia, Lozzi;tornano a gestire gran parte dei palloni, pur valida- Guariento, Goretti; Paoletti, Iandelli, Pracchi. All.mente contrastati da una difesa fallosa ma efficace Cerchi.che al 18’ respinge una serie di attacchi alternati tragiochi alla ‘dritto per dritto’ e aperture verso i tre- ARBITRO: Pivato (Impruneta)quarti. Per allargare il punteggio Siena deve infatti uti- MARCATORI: 8’ m. Currini (F); 18’ m. Carmignanilizzare il piede dell’estremo Sestini (calcio di punizio- (S) tr Sestini; 41’ Ferrazzani (S) tr Sestini; St. 21’ cp. . .ne, 21’). Infine, dopo una girandola di cambi, al 32’ il Sestini (S); 32’ m. Dupré (S).potente Dupré trova da par suo il varco che lo porta NOTE: Spettatori 80 circa. A disposizione per Cusa siglare la terza meta (22-5). Negli ultimi minuti Siena: Pucci, Rocchigiani, Dupré, Benigni, Guideri,Siena, invero senza troppa convinzione, cerca la quar- Pieri, Saviano (tutti entrati).ta meta. Bella l’ultima azione di Firenze, che gioca allamano una punizione ben dentro la sua metà campo,pur avendo il tempo per sfruttare il lancio in touche.SIENA RUGBY! 2
  • 3. In copertina: la meta di Ferrazzani, sopra quella di Carmignani (foto di Gianni Bonelli) SIENA RUGBY!3
  • 4. Risultati e classificaCampionato Serie C élite - Zona 3 Centro Classifica Classifica: Parma 33Risultati della settima giornata di andata Terni 23 *Imola - Bologna 1928 30-20 Imola 19 *Cesena RFC - Parma 1931 28-35 Jesi 18 *Cus Siena - Firenze 1931 22- 5 Forlì 18Terni - Jesi 1970 22- 9 Cus Siena 15Forlì 1979 -Unione S. Benedetto 41- 7 Bologna 14Turno di riposo per Città di Castello. San Benedetto 14 * Cesena 10 * Firenze 1931 5 * Città di Castello 0 * * Una partita in menoLa capolista Parma passa a Cesena, superando con fatica gli inesauribili padroni di casa, che sotto per 0-10 dopo pochi minuti e per 24-11 a metà ripresa riescono a riaprire il match portandosi a un sol punto,prima di subire il definitivo ko. Ancora una vittoria per Terni, che sconfiggono Jesi e restano da soli ad inse-guire la capolista Parma. Match equilibrato solo nel primo tempo (conclusosi 10-9), poi i rossoverdi pren-dono il largo realizzando tre mete senza subirne alcuna. Bel confronto anche a Bologna, dove i vicini dicasa di Imola vincono nel finale, sfruttando probabilmente la maggiore esperienza. Cade pesantemente,infine, il San Benedetto a Forlì. Parma e Terni a parte il torneo pare abbastanza equilibrato, con squadredal rendimento altalenante – specie in trasferta. La lotta per il terzo posto, quindi, appare ancora aperta.SIENA RUGBY! 4
  • 5. “Trovare la continuità” L’Under 10 è scesa in campo a Prato ospite dei Cavalieri rugby club. Nei tre incontri i giovani senesi hanno giocato con le formazioni del Prato Gispi e Livorno, faticando moltoBeppo Camillo: “Abbiamo faticato più del previsto per chiu- nel proporre il loro gioco visto il buon livello degli avversa-dere il match. Credo che potevamo fare di più; in certi ri. Non è infatti bastata la grinta profusa troppo individual-momenti, non tutti, è mancata la concentrazione per appli- mente: bisogna crescere nel gioco di squadra per potercare gli schemi che proviamo in allenamenti. In certi altri ho confermare quanto di buono fatto fino ad esso. Per ottene-visto qualche frenesia di troppo. Comunque i ragazzi hanno re questo obiettivo bisogna giocare frequentemente.giocato contro un avversario coriaceo, di rispetto e poten- Ottima quindi l’occasione di sabato prossimo, quando ite: e la difesa ha ben lavorato limitandone le potenzialità. Tigrotti scenderanno in campo in occasione di Golfo RugbyInoltre buona la prova nei punti d’incontro; e certe ripar- a Scarlino a una giornata di rugby dal doppio volto in quan-tenze sono state discrete. I ragazzi devono riflettere sulle to il torneo è organizzato in collaborazione con Telethon eloro potenzialità e trovare continuità”. Bnl per raccogliere fondi e finanziare la ricerca scientificaFrancesco Mazzuoli:“Ho visto buoni progressi nel gioco dei contro alcune rare malattie genetiche.trequarti e nel movimento in velocità. Da rimarcare le (Francesco Romei)prove dei giovani under 20, Trefoloni, davvero eccellenteprima dell’infortunio, Guideri, Palagi e anche del medianoFerrazzani.Ai complimenti all’universitario viterbese si asso-cia Antonio Cinotti, che segnala anche la combattività di Under 8un’altra new entry, lo studente beneventano MicheleSaviano, entrato nella ripresa con ottima determinazione. La categoria under 8 è stata invece ospite degli Amatori Prato, nuova compagine di minirugby della città laniera. I tigrotti hanno affrontato in un concentramento tiratissimo Under 10 Livorno, Bombo Firenze e i padroni di casa degli Amatori. I ragazzi hanno dato il massimo nonostante la giovane età, e, pur con molte le cose da migliorare, se tutti si impegneran-Domenica 25 novembre, sulle ali della bella prestazio- no potranno togliersi delle belle soddisfazioni. Anche gline dell’Italia contro la forte Australia, ancora una gior- under 8 saranno in campo sabato prossimo a Scarlino.nata di rugby per i piccoli tigrotti senesi. (Giovan Battista Zona) La premiazione di Antonio Cinotti in Palazzo VecchioIl Coni toscano ha insignito il Vice Presidente del Cus Siena del premio quale miglior dirigentedella FIR nella regione5
  • 6. Una nazionale in camminoAl termine del migliore mese di novembre dellastoria del rugby italiano (almeno quanto a presta-zioni fornite dal XV azzurro), è possibile stilare unbilancio sullo stato dellItalia in vista del prossimoSei Nazioni (febbraio-marzo 2013) che si preannun-cia gravido di dolci promesse di colore azzurro. Lavittoria con Tonga - che ha prodotto perfino qual-che naso storto per la qualità del gioco espresso -la prima ora contro gli All Blacks, il secondo tempocon lAustralia. Tre prestazioni contro i giganti delPacifico che proiettano Parisse e ì suoi uomini sem-pre più vicini ai migliori del mondo. Stavolta i para-metri per giudicare i miglioramenti degli azzurri(grazie al lavoro di Brunel e Berot) sono oggettivi,cominciare dal valore degli avversari. Sugli Ali blacksnon cè bisogno di dilungarsi, lAustralia è n. 3 delranking mondiale e la settimana prima aveva battu-to lInghilterra a Londra, Tonga ieri ha battuto adomicilio la Scozia, nostra eterna rivale. E poi, laqualità del gioco degli italiani, finalmente capaci discrollarsi di dosso la fastidiosa, inibente e meritata(a causa della gestione-Mallett) nomea di squadravotata alla rinuncia, alla difesa sparagna della scon-fitta col minimo scarto possibile. Ora i ragazzi diBrunel vanno in campo per vincere. Il popolo delrugby si infiamma a vederli giocare in attacco, final-mente propositivi, in avanzamento, strenui nellaricerca della meta.Abbiamo già parlato della meravigliosa sfrontatezzacui non eravamo più abituati, allentusiasmo suscita-to da quindici italiani che si sentono inferiori a nes-suno. A proposito dì popolo. A Brescia si è andativicini al sold out, allOlimpico 75.000 persone sonoimpazzite per il rugby, a Firenze il «Franchi» non eraesaurito ma ha superato le medie-spettatori di altrisport. LItalia ha fame di valori, il rugby la sazierà.Alessandro Fusco, Il Tempo, domenica 25 novembreSIENA RUGBY! 6