Secondo incontro - Ruolo orientamento
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Secondo incontro - Ruolo orientamento

on

  • 1,749 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,749
Views on SlideShare
1,747
Embed Views
2

Actions

Likes
0
Downloads
26
Comments
0

1 Embed 2

http://icaredellalucia.jimdo.com 2

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Secondo incontro - Ruolo orientamento Secondo incontro - Ruolo orientamento Document Transcript

  • Proget t o “ UNO SGUARDO OLTRE LA SCUOLA_I CARE 2007~2009” L'Orientamento scolastico–professionale verso l'integrazione lavorativa di persone con disabilità Dot t .ssa Crist ina Gazzi Dot t .ssa Michela Zannol Psicologo- Psicot erapeut a Psicologo Servizio per l'Et à Evolut iva Espert o in Orient ament o alle Scelt e ULSS 2 – Felt re – - novembre 2009 - STRUTTURAZIONE dell'incontro ● Spazio di confronto ● Riflessione su alcune tematiche emerse nel percorso ● Orientamento scolastico-professionale ● Discussione di un caso ● Sintesi e conclusioni 2 SPAZIO DI CONFRONTO 1. ORIENTAMENTO: quale significato ha per voi nelle situazioni di soggetti con disabilità? 2.a che età dovrebbe iniziare secondo voi l'orientamento? Perché? 3. quali agenzie sono coinvolte? 4. dalle vostre conoscenze come è gestito oggi l'orientamento per persone con disabilità? 3
  • Famiglia Scuola Comunità Persona Associazioni lavorativa Servizi Coetanei 4 DISABILITÀ INTEGRAZIONE PUNTI DI FORZA DEFICIT PROCESSO PROGETTUALITÀ COSTRUZIONE CONDIVISIONE RELAZIONE ORIENTAMENTO ASPETTATIVE 5 DISABILITÀ APPROCCIO MULTIDIMENSIONALE (antropologico, sociale, clinico...) Disabilità fisica Disturbi di Deficit personalità Soggetti con Cognitivo Diagnosi multiple
  • CARATTESTICHE DI SVILUPPO TIPICHE DELL'ETA' CHE COSA SUCCEDE “DENTRO” ALL'ADOLESCENTE NEL MOMENTO IN CUI AFFRONTA L'ESPERIENZA DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO COSA SUCCEDE “FUORI” “DENTRO” PUNTI DI FORZA DEFICIT PUNTI EMERGENTI CAMBIAMENTI CORPO AFFETTIVITÀ SESSUALITÀ DIMENSIONE COGNITIVA
  • POSSIBILI VISSUTI: CURIOSITA' PAURA DI PERDERE “IL CONTENITORE SCUOLA” COME FONTE DI SICUREZZA TIMORE DI NON CONDIVIDERE L'ESPERIENZA CON I COMPAGNI TIMORE DI PERDERE CONTENUTI DI TIPO SCOLASTICO E DI PERDERE ESPERIENZE PIACEVOLI SENSO DI INADEGUATEZZA POSSIBILI VISSUTI VERSO I PARI - TIMORE DEL CONFRONTO - SENTIMENTI DI ESCLUSIONE - AUTOSVALUTAZIONE COSA SUCCEDE “FUORI” AL RAGAZZO/A CHE FA ALTERNANZA FAMIGLIA - IPERPROTEZIONE - DELEGA / DISINTERESSE - AUTONOMIE / NON AUTONOMIE - ASPETTATIVE - PAURE - CAMBIAMENTI ANCHE NEI GENITORI (età, ruolo sociale, ...)
  • RUOLO DEI SERVIZI IN QUESTA FASE: ACCOMPAGNAMENTO TRASMISSIONE DI INFORMAZIONI AGGIORNAMENTO DATI LAVORO CON LA FAMIGLIA COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA RISCHIO DI CONSERVARE UNA FOTO VECCHIA DEL RAGAZZO RISCHI DI CRONICIZZARE “IL PROBLEMA”: es. è un soggetto con ritardo cognitivo lieve, ma cosa significa “ritardo cognitivo lieve” a 14-15 anni DENTRO E FUORI RELAZIONI RETE Intreccio Un po' di storia... Tradizionali modalità di concepire la disabilità Tendenza a definire il soggetto come “limitato” (mancanza) = “qualcosa che una persona ha” come “tratto negativo” La sua condizione non è modificabile
  • SVILUPPO PROFESSIONALE e SCELTE CIRCA IL FUTURO Tradizionali modalità di concepire la disabilita' CONCENTRAZIONE SUI LIMITI E SUI DEFICIT INDIVIDUALI PERSONA CON DISABILITÀ NON è IN GRADO DI BADARE A SE STESSA, DI PRODURRE, DI SCEGLIERE, DI DECIDERE Ultimo decennio Tematiche Nuove consapevolezze disabilità Significative ricadute per l'orientamento e l'inserimento professionale ASPETTATIVA DI VITA Inizi 1900: durata media di vita = 9 anni 2000: 62 anni (Calignano, 2003) Fattori: progressi medico-scientifici maggior conoscenza disabilità interventi riabilitativi precoci miglioramento condizioni generali di vita Conseguenze: popolazione adulta progettare percorsi di vita: acquisizione autonomie VQ e capacità di integrazione sociale e lavorativa 18
  • PROGETTO DI VITA “pensare adulto” il giovane con disabilità percorso longitudinale interventi educativi integrati: esperienze di integrazione (scolastica, lavorativa, sociale) strumento essenziale per sviluppo dell’identità e dell’autonomia 19 PROGETTO DI VITA SOGGETTI PROTAGONISTI: famiglia coetanei scuola servizi / enti associazioni volontariato 20 Nuova concezione della disabilità soggetto = individuo in divenire diritto di avere un futuro NO soggetto bisognoso di assistenza capace di acquisire abilità di autonomia personale e sociale con partecipazione scolastica e integrazione sociale 21
  • INTEGRAZIONE DETERMINA la Qualità di Vita dell’individuo 22 INTEGRAZIONE RUOLO DETERMINANTE NELLO SVILUPPO DELL’INDIVIDUO INTEGRARE UNA PERSONA = metterla nelle condizioni di diventare parte di un contesto sociale, di condividere esperienze relazionali, emotive e cognitive con il gruppo di cui fa parte 23 Ricerche nazionali ed internazionali (6° Congresso Nazionale Disabilità Trattamento Integrazione, 2006) 1/3 Le persone con disabilità intellettiva:  hanno meno successo scolastico  vanno a scuola meno anni  sviluppano poche competenze  fanno lavori considerati “bassi”, poco interessanti, poco qualificanti  hanno stipendi bassi  difficilmente fanno carriera 24  hanno pochi rapporti sociali
  • LE SCELTE Giovani con disabilità manifestano (Yanchak e coll., 2005): ● scelte fatte da altre persone (mancanza di iniziativa) ● credenze professionali inadeguate che possono comportare difficoltà di adattamento ● paura del fallimento ● tendenza ad aderire in modo acritico alle indicazioni di altri ● difficoltà nella formulazione di obiettivi per il proprio futuro I giovani con disabilità ● minor conoscenza delle possibili opzioni professionali ● scarse conoscenze dei processi decisionali ● gamma ristretta di abilità utili e necessarie per un produttivo inserimento professionale (Hitchings et al., 2001) CONCETTO DI LAVORO ● Ricerca (Ferrari, Nota, Soresi, 2007) confrontando persone con sviluppo tipico e con ritardo mentale di pari età cronologica e mentale CONCETTO DI LAVORO POVERO FALSATO DA ATTENZIONE AGLI ASPETTI POSITIVI IGNORANDO SENSO DI RESPONSABILITà, FATICA, IMPEGNO
  • Non considerano il lavoro ● possibile fonte di realizzazione e soddisfazione ● mezzo per favorire l'appartenenza sociale ● modalità per potenziare le proprie conoscenze e capacità ORIENTAMENTO Interventi programmati: ● mirano a potenziare e/o sviluppare nei soggetti tutte quelle capacità che permettono loro di scegliere ● attività per sostenere la persona nel processo di sviluppo del suo percorso formativo/professionale (Pombeni e coll. 1994), ● persona protagonista di un personale progetto di vita ● attuati da personale specializzato (esperti in orientamento) ● longitudinali (non sporadici) durante il percorso scolastico ORIENTAMENTO SCOLASTICO-PROFESSIONALE  Attività di consulenza e attività educativo- formative a supporto delle scelte scolastico- professionali Scelte e decisioni:  generalmente difficili, complesse ed impegnative  i ragazzi e le ragazze si sentono impreparati, inadeguati a gestire efficacemente scelte che riguardano il loro futuro 30
  • ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO  Persone con sviluppo  Persone con disabilità tipico  Eterogeneità  Fornire supporti  Aiuti specifici all'attivazione di nell'affrontare ostacoli e consapevoli processi barriere di natura personale decisionali e ambientale (Blustein et al., 1999)  Stessa metodologia ma strumenti diversi  Spazio individuale: serve un'attenzione particolare 31 METODOLOGIA (1/) Modello di Orient ament o del LA.R.I.O.S. (Universit à degli St udi di Padova) - cont ribut i di st udi, ricerca e prat ica a livello nazionale ed int ernazionale Presuppost i: “ … la capacit à del le persone di cambiare, mat urare ed aut oregolarsi” coniugando l a t eoria psicologica con suggeriment i che la psicopedagogia e le t eorie dell’ insegnament o indicano come f acil it ant i l’ apprendiment o e il ridimensionament o delle dif f icolt à che i sogget t i pot rebbero incont rare nel corso della loro 32 evol uzione INTERVENTI DI ORIENTAMENTO  Da realizzare molto precocemente Ingenuo intervenire in epoche di transizione, alla fine di percorsi formativi, o durante pressioni temporali a causa di precise scadenze legate a normative 33
  • ORIENTAMENTO ● Processo continuo nel tempo, accompagnamento, che si basa su un progetto attentamente programmato benessere psicologico PERSONA bisogni motivazioni aspettative FINALITÀ ● PREVENIRE esperienze individuali di INSUCCESSO e di DISAGIO (scelte affrettate, poco ragionate, poco consapevoli, superficiali) ● CONTRIBUIRE al miglioramento della QUALITÀ di VITA e il BENESSERE personale ORIENTAMENTO E PREVENZIONE No a determinare precocemente i lavori futuri della persona Sì a incremento di abilità: competenze decisionali capacità di introspezione e di autovalutazione capacità di analizzare la realtà
  • Essere orientato non equivale a fruire di consigli, di esortazioni o di atteggiamenti falsamente rassicuranti: individuo attivo nel processo di scelta 37 Orientamento scolastico- professionale ● Non esiste contrapposizione tra orientamento scolastico e professionale: sono un unico processo finalizzato alla realizzazione personale ● Le azioni di orientamento = sistema di supporto per la decisione MODELLI DI ORIENTAMENTO e applicazioni per la disabilità  DIVERSI, ognuno con proprie specificità e caratteristiche  Tra i maggiormente accreditati: modello educativo 39
  • IL MODELLO EDUCATIVO Intervenire sulle caratteristiche delle persone al fine di migliorare abilità e competenze implicate: a) nei processi di scelta; Obiettivo b) nella progettazione e realizzazione delle decisioni c)variabili: autoefficacia, coping, problem-solving decisionale, assertività, autoregolazione, autodeterminazione 40 IL MODELLO EDUCATIVO Insegnare abilità atte a sviluppare consapevoli e autonomi processi decisionali di tipo scolastico o lavorativo L'orientamento comporta Interdisciplinarità sistematica: collaborazione con esperti/Servizi ed agenzie esterne alla scuola Partecipazione attiva dell'alunno e della sua famiglia circa l'assunzione di decisioni 41 IL MODELLO EDUCATIVO: es. di variabili Abilità decisionali Approfondire conoscenza ed analisi di variabili che concorrono ad assumere decisioni vantaggiose per se stessi Coping Affrontare e risolvere situazioni difficili, nuove, frustanti e a negoziare laddove necessario Abilità sociali e Difendersi dall'ingerenza e dall'aggressività altrui; assertività avviare e gestire interazioni Autodeterminazio Incrementare le capacità di crearsi obiettivi e perseguire ne scopi Autoefficacia Incrementare le proprie credenze di efficacia (di scelta, perseveranza, controllo di situazioni emotive difficili) Conoscenza di sè Aumentare le proprie conoscenze, i punti di forza e di debolezza, i propri stili attributivi 42
  • Ricerche nazionali ed internazionali (6° Congresso Nazionale Disabilità Trattamento Integrazione, 2006) 3/3 BARRIERE Interazioni sociali (con capi, colleghi) – abilità sociali Aspettative stereotipiche delle persone nei confronti della disabilità (poco affidabili, ritardatari, assenteisti, scarsamente produttivi, non seguono regole, ecc.) Rischio di assunzione atteggiamento con basse aspettative Basse credenze di efficacia Scarsa autodeterminazione 43 AutoDeterminazione e Qualità della Vita L’autodeterminazione contribuisce alla QdV C’è un imperativo morale ed etico, per noi che lavoriamo con le persone con disabilità: PROMUOVERE ED INCREMENTARE L’AUTODETERMINAZIONE 44 AUTONOMIA personale e sociale  In questa cornice, ruolo centrale  sviluppo > consapevolezza in se stessi, nelle proprie capacità, limiti, nel proprio essere adulti, rinforzo dell’autostima APPRENDIMENTO DI ABILITA’ FUNZIONALI PREREQUISITO PER L’INTEGRAZIONE 45
  • a proposito del LORO FUTURO PROFESSIONALE anche LE PERSONE CON DISABILITÀ nutrono aspettative ed aspirazioni spesso si tratta di desideri vaghi e confusi, non chiaramente formulati SPETTA ALLA RETE TRA I SERVIZI facilitare la trasformazione in precisi obiettivi professionali a questi riguardi anche la collaborazione con i familiari è importante 46 IL RUOLO DEL CONSULENTE DI ORIENTAMENTO ● si integra in un processo già in atto e dinamico, su richiesta della scuola ● specifico protocollo basato su assessment multidimensionale (valutazione a più livelli) ● incontri con insegnanti ● colloqui con famiglia ● fase di conoscenza del soggetto ● presa visione documentazione storia del soggetto FASE DI CONOSCENZA DEL SOGGETTO Colloqui e uso di strumenti di analisi e di approfondimento (Soresi, 2007) su funzionamento: ● fisico, psicologico, educativo, professionale, aspirazioni, desideri, interessi, attitudini, aspetti di autovalutazione, credenze di autoefficacia, idee irrazionali su si sé e sulla realtà esterna, aspettative occupazionali, punti di forza, abilità pre-lavorative, abilità sociali, stili decisionali, autodeterminazione, autonomia, autoregolazione, concetto di lavoro, qualità della vita ...
  • PROTOCOLLO DI ORIENTAMENTO PER LE PERSONE CON DISABILITA' Strumenti di autovalutazione Strumenti di eterovalutazione Test Procedure di osservazione diretta Gli strumenti utilizzati sono standardizzati e scientificamente validi ed attendibili 49 IL RUOLO DEL CONSULENTE DI ORIENTAMENTO ● analisi, elaborazione e sintesi dei dati ● uso dei dati come strumento formativo per impostare e realizzare programmi educativi di sviluppo dell'identità personale e scolastico- professionale dell'alunno ● pubblicizzazione dei dati circa l'efficacia dell'intervento alla scuola, ai Servizi e alla famiglia, con indicazioni concrete ● monitoraggio in itinere Il CONSULENTE, ANCHE NEL CASO DELLA PERSONA CON DISABILITÀ, HA IL RUOLO DI CREARE LE CONDIZIONI PERCHE' SIA ESSA STESSA IL PIÚ POSSIBILE RESPONSABILE ATTIVA DELLA PROPRIA SCELTA 51
  • L'orientamento nell'ASL La transizione dalla scuola al mondo del lavoro è un passaggio critico e spesso l'allievo è privo di competenze specifiche L'intervento è auspicabile per creare le condizio- ni di facilitazione del passaggio (sviluppo di spe- cifiche abilità, incremento di conoscenze sulle varie professionalità... banco di prova) ES. DI PROGRAMMA DI ORIENTAMENTO “Stare con gli altri: no problem” (Soresi e Nota, 2001) Abilità sociali “di base”; Abilità sociali per l'avvio di relazioni sociali con i coetanei in un contesto scolastico; Abilità sociali per l'avvio di relazioni sociali con i coetanei in un contesto ricreativo e di attività di tempo libero; Abilità sociali per l'avvio di relazioni sociali con i superiori (insegnanti ed operatori sociosanitari) in un contesto scolastico e riabilitativo; Abilità sociali per l'avvio di relazioni sociali con i colleghi e datori di lavoro; Abilità sociali per l'avvio di relazioni sociali nel contesto familiare; Abilità sociali per l'avvio di relazioni sociali nel contesto 53 comunitario. Anna  anni 19  Segnalazione  Percorso  Scelta scuola superiore  Alternanza scuola-lavoro  Situazione attuale
  • Azioni di orientamento  Incontro in classe 2^ e 3^ media nel gruppo classe  Percorso individuale di orientamento  Fondamentale il lavoro in sinergia con in- segnante di sostegno, famiglia e servizio Azioni di orientamento  3^ media: individuazione del per- corso formativo  Visita alla scuola successiva: co- noscere la scuola e presentare il caso programmazione di Anna Azioni di orientamento  Lavoro sulle autonomie personali e sociali (uso mezzi pubblici, cura di sé e degli oggetti...), au- toregolazione
  • Azioni di orientamento  Programmazione: Visita alla scuo- la con famiglia e visita con in- segnante di sostegno (un giorno intero di laboratorio)  Iscrizione e frequenza alla scuola successiva andamento  Primo anno: programmazione semplificata su richiesta famiglia con sostegno  Secondo anno: differenziata, ma fermata  Secondo anno di ripetenza: azioni di orientamento per una rivalutazione e per scelta di partecipazione a vari laboratori: non puntare più solo su un'unica attività (sono emerse obiettive difficoltà)  viene inserita in un percorso personalizzato propo- sto con vari laboratori, tra cui sceglie: educazione alimentare, giardinaggio-erboristeria, informatica; lezioni teorico-pratiche in piccoli gruppi andamento  Terzo anno: viene coinvolto il SIL che partecipa a tutte le azioni per l'inizio dell'alternanza scuola-lavoro;  percorso in cucina di una scuola materna: “fallimento” per fretta, ambiente ampio e dispersivo, Anna attratta dai bambini, problema grosso tagliare frutti  rivalutazione a carico della scuola, SIL, consulente di orientamento e Servizi  Programmazione secondo percorso, in altra scuola ma- terna, ma con figura femminile, scuola piccola, man- sioni per cui portava qualche piatto ai bambini, tolta fretta e precisione
  • andamento  Ora l'alternanza scuola-lavoro si è trasformata in un tiro- cinio  Indubbiamente questo caso fa vedere bene le sinergie tra le varie agenzie che si occupano di orientamento  Insieme di fattori molto positivo: collaborazione scuola- famiglia-servizi- tante cose sommate CONCLUSIONI La sinergia degli interventi, l’integrazione e il lavoro in rete necessari per la buona riuscita Elemento fondante è il lavoro interdisciplinare, in cui ogni attore viene coinvolto attivamente e interagisce costruttivamente 62 CONCLUSIONI L’obiettivo principale non è solo l’inserimento lavorativo, è anche il benessere di ogni persona inserita, è l’aumento dell’autonomia, è ragionare nell’ottica di PERCORSO e PROGETTO DI VITA 63
  • ORIENTAMENTO AL FUTURO PRESENTE PASSATO 64 65