• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Continuità educativaintervento
 

Continuità educativaintervento

on

  • 405 views

 

Statistics

Views

Total Views
405
Views on SlideShare
340
Embed Views
65

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

2 Embeds 65

http://icaredellalucia.jimdo.com 62
http://www32.jimdo.com 3

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Continuità educativaintervento Continuità educativaintervento Presentation Transcript

    • Intervento
      • Nel delicato momento del passaggio dalla scuola media alla scuola superiore gli insegnanti degli allievi certificati dei due ordini di scuola si accordano per alcune giornate d'incontro presso l'IPSSAR di Longarone.
    • _________________________
      • Gli alunni sperimentano il viaggio, l'arrivo, le modalità di accesso all'Istituto
      “ La possibilità di essere presenti in modo significativo nei normali contesti di vita, di scuola e di lavoro, permette sviluppi inattesi e non prevedibili, ma fondamentali per la conquista di nuove autonomie. “ POF 2006/07
    • _________________________
      • l'orario delle lezioni, l'ambiente della classe e dei laboratori, vivono la ricreazione con i loro compagni più grandi, prendono il pullman alla fine delle lezioni.
    • Giornata tipo
      • 8:15 - arrivo all'Istituto con il pullman degli studenti da Belluno. Accoglienza nella scuola .
      • 8:30 - visita all'Istituto: aule, laboratori, convitto, mensa, segreteria, conoscenza dei diversi operatori.
    • _________________________
      • 9:05 – partecipazione in aula ad una lezione di disciplina caratteristica dell'indirizzo di studi in classe 1^
      • 10:45 - intervallo insieme agli allievi della classe accogliente. E’ un momento di integrazione e conoscenza spontanea fra pari.
    • _________________________
      • 11:00 - svolgimento di attività in laboratorio durante un’esercitazione.
      • 12:35 - possibilità di pranzare nella mensa dell'Istituto. In questo caso il viaggio di rientro avverrà con i pullman del pomeriggio.
      • Accordo su eventuali altri incontri, soprattutto nel caso vi sia bisogno di attivare un progetto di autonomia per il viaggio.
    • Programma autonomia viaggi
      • Dopo un primo incontro d'accoglienza dell'alunno disabile, accompagnato dall'insegnante,
      • può presentarsi la necessità di progettare una serie di incontri in modo da rendere autonomo
      • l'alunno nel venire a scuola. Ciò accade quando egli non è ancora in grado di servirsi da solo
      • dei mezzi pubblici, non a causa di minorazioni fisiche, bensì per mancanza di autonomia in
      • questo ambito.
      • In questo caso il programma che generalmente si propone, in base anche alle possibilità di
      • trasporto degli alunni della scuola media, è il seguente:
      • Si stabiliscono: il numero di giorni di incontro all'Istituto, l'insegnante accompagnatore, l'orario di partenza del pullman e l'arrivo a Longarone, l'insegnante che riceve e orienta la permanenza nell'Istituto, le attività, l'orario di partenza per il ritorno e si pianifica il viaggio che prima sarà accompagnato, poi solo in parte, infine l'allievo viaggerà autonomamente.
      • Il viaggio e la presenza nell'Istituto sono finalizzati al raggiungimento dell'autonomia dell'allievo nel recarsi a scuola; inoltre, gli consentono, attraverso forme di integrazione nel nuovo ambiente, di percepirne le peculiarità, di cominciare a farne parte, il tutto in momenti preordinati.
      • Si è visto che tale modalità consente agli alunni in breve tempo, data la forte motivazione, di raggiungere un adeguato livello di autonomia negli spostamenti. A volte il percorso viene protratto anche durante l'estate con la collaborazione dei Servizi Sociali.
    • Dopo
      • Gruppo di Lavoro ( L. 104 /92 art. 15 comma 2) In ogni scuola è prevista l'istituzione di un Gruppo di Studio e di Lavoro
      • Questo gruppo, fra i vari compiti, deve curare le modalità di ingresso dei nuovi alunni disabili nella scuola, del loro passaggio da un grado all'altro di scuola, del passaggio alla formazione professionale e, per quanti conseguono il titolo legale finale degli studi, del passaggio all'università. (S. Nocera)
      • Il gruppo, si riunisce per definire una proposta di formazione delle classi prime, sulla base delle informazioni ricevute e dei bisogni emersi durante gli incontri. La conoscenza degli allievi consente di individuare misure di accoglienza e di programmare attività idonee fin dall’inizio delle lezioni.
    • _________________________
      • Si è osservato come, all'inizio dell'anno scolastico successivo, vi sia una significativa rapidità di adattamento ed integrazione nel nuovo ambiente da parte degli allievi che hanno seguito il percorso di accoglienza, rispetto agli allievi iscritti senza che sia stata curata la continuità.
    • Grazie per l’attenzione