Your SlideShare is downloading. ×
Le tecnologie per l'e-learning
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Saving this for later?

Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime - even offline.

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Le tecnologie per l'e-learning

2,642
views

Published on

Published in: Education

0 Comments
5 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
2,642
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
5
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Le tecnologie per l’e-learning Piattaforme, standard, ambienti virtuali di apprendimento Antonio Fini LTE – Laboratorio di Tecnologie dell’Educazione Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Firenze Roma 24/5/2006
  • 2. Modelli di e-learning
    • Erogative
      • Focus sul contenuto
        • Interazione con i materiali
    • Active o wrap around
      • Focus sul supporto
        • Interazione con docenti/tutor
    • Collaborative
      • Focus sulla dimensione sociale
        • Interazione tra i partecipanti
    • Una ulteriore declinazione “classica”:
    • Formal
    • Informal
  • 3. Il mercato attuale dell’e-learning
    • Ancora molto legato ai modelli erogative-active
    • Single learner, Web based, self-paced
    • Materiali strutturati e standardizzati
      • Learning Object
    • Standard orientati all’interoperabilità dei contenuti
      • Il mito della riusabilità…
      • IMS, AICC, SCORM
    • Modello pedagogico fondato sulla trasmissione della conoscenza
    • Ambienti virtuali di apprendimento (VLE) modellati secondo i canoni dell’istruzione formal
  • 4. Il paradigma dominante
    • Il corso è solitamente l’unità base dell’e-learning formal
    • I sistemi tecnologici si sono “adeguati” a questa visione
    • Da qui il concetto di piattaforma
    • Un sistema software che ricrea virtualmente un ambiente reale di apprendimento
      • Una “istituzione” (scuola, università, azienda,..)
      • Funzioni tipiche:
        • Iscrizione studenti
        • Gestione dei corsi
        • Verifiche
        • Tracciamento , controllo , …
  • 5. Le piattaforme M.C. Pettenati – Università di Firenze
  • 6. Prospettive a breve..
    • Nuovi standard
      • Spostare il focus dal contenuto al processo
      • Includere modelli di apprendimento collaborativo
      • Dai Learning Object alle Learning Activity (Unit of Learning)
    • I linguaggi EML – Educational Modelling Language
      • Modelli formali per la descrizione di esperienze di apprendimento/insegnamento
      • OUNL-EML / IMS Learning Design
    • Nuove piattaforme
      • Tendenza all’ apertura e all ’integrazione (Es.: Moodle, Sakai)
    • Sistemi basati sul Web per:
      • Produrre rapidamente materiali didattici (Es.: eXe)
      • Archiviare, gestire, usare e riusare UoL (Es.: LAMS)
    • Tratti comuni:
      • Web based
      • Open Source
      • Semplicità d’uso
      • Utenza ideale: DOCENTI (senza “intermediari”)
      • Maggiore integrazione
  • 7. eXe
    • Sviluppato in Nuova Zelanda dall’Università di Auckland
    • Un tool Open Source web-based (ma si lavora offline)
      • Non serve un server Web, si installa in locale
    • Si “appoggia” su Mozilla Firefox
    • Concetto di iDevice
      • Instructional Device
      • Template per diversi tipi di contenuti e attività
        • letture, test, link, ecc.
    • Compatibile con SCORM 1.2 e IMS
    • Link: www.exelearning.org
  • 8. LAMS
    • Learning Activity Management System
      • Un LMS con authoring system completo basato su Macromedia Flash
      • Open Source
      • Ispirato al learning design (minuscolo!)
      • Semplicità d’uso
      • Integrazione con LMS commerciali e Open Source
        • Moodle
        • Sakai
        • .LRN
        • Blackboard
      • Link: www.lamsfoundation.org
  • 9. Uno sguardo più in là..
    • Dal paradigma c ourse-centered a quello student-centered
      • Formal & Informal
    • L’influenza delle applicazioni del cosiddetto Web 2.0
      • Il web “scrivibile”, “riscrivibile”, “annotabile”
      • Blog, Wiki, podcasting
      • Social bookmarking, social application
      • N.B.: spesso sono utilizzate in modo spontaneo e collaterale da studenti online
    • Dalle comunità di pratica al social software
      • Personal Learning Environment (PLE)
      • Non più piattaforme ma Web Services
      • Learning Framework
      • E-learning 2.0?
    • Mobile Learning
    • Serviranno nuovi standard…
      • ePortfolio
      • Student Information
      • Enterprise (group, role, ecc.)
    Tim O’Reilly http://www.oreillynet.com/pub/a/oreilly/tim/news/2005/09/30/what-is-web-20.html
  • 10. Una visione d’insieme Scott Wilson – CETIS – 2005 http://www.cetis.ac.uk/members/scott
  • 11. Prototipi.. Dave Tosh - 2005 http://elgg.net/dtosh/weblog/398.html http://elgg.net
  • 12. PLE: passato, presente, futuro…
  • 13. Grazie per l’attenzione! [email_address] www.scform.unifi.it/lte